(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Almanacco Italiano"

\< 



Pk(olAjlii 



^X 



wmmmmt 

^1 






i\^ 



,1/ 



ice 



f 






J^ti^ 



»l«iÌMtfiflPJ 



FiRew; 



WMr-MMessHcmro'^i 



NIULTUl 



rScrT£^=£2"* 



E:ir:,ì^ii?' 



jL'nr=.-:;r=i.'K 






mMsW: 



r::i:'t"r.*rx.-5fa: 







VauTdl 17 LuqUo 1908 t !!■* - Domani t Snmm 












pi^rsrii";iiTsa 









* S» -5— sn/si.* 



LA MALATTIA DEL PAPA 







M^^S^ 



U JMM M Cr lll> I f 






Col 1904 il lbC66HQQCtO entra nel suo XXVI anno di vita. 

Per dimostrare la sorprendente vigoria di questo giornale, non vinco- 
lato uè a partiti. o uomini politici, né a banche o sindacati fìnan/iari, mi 
ohe vive nella pih completa indipendenza, incoraggiato e sostenuto esclusi- 
vamente dal favore del pubblico, ricorderemo che dalla fondazione a oggi i] 
ÌISC66àQQClO ha aumentato sette volte il formato e rinnovato completamente 
p«r quattro volte il macchinario tipografico; attualmente dispone di 4 inao 
chine rotative, ciascuna delle quali produce 22 mila copie all'ora. 

Il ItStBBAQQCXO ^ diffuso in tutta Italia, ma i suoi punti di diffusione pi 
intensa sono : Roma e Provincia — Marche — Umbria — Abruzzi. La pubblicìti 
del A€00ll00CtO ^ dunque da preferirsi da quegli industriali che voglion* 
far oonotoere i loro prodotti ed aumentare gli affari nell'Italia Centrale 
Le inaenioni si ricevono presso la Casa Haasrnstbix e Voglkr — Romi 
— Firents — Torino — Milano — Napoli — Genova. 

A richiesta si spedisce gratis e regolarmente il bollettino della tiratur 
^el /ISe00aO0erO che sì pubblica ogni 10 giorni. Si pagano vistosi premi i 
OQOtaiiti a chi dimostrerà che le cifre del dotto bollettino non corrispondono 
all'osatta verità. Chiunque può controllare la tiratura del giornale sia pr 
s«DEÌaodoU, sia esaminando tutti i libri di Amministrazione. 



PREZZI D'ASSOCIAZIONE 
Un Anno L. 12 - Semestre L. 6,50 — Trimestre L. 3.50 



1 



A richi—tm mi mpmdlmom il giorntilm OIULT18 per IO giorni 



Dna macchina fotografica fla L. 138 aSi!!) per 1. 12 al mese. 

L'IDÉAL BERNARD 

IL MIGLIORE, IL PIÙ SEMPLICE, IL PIÙ LEGGERO, IL MENO CARO 

DEGLI APPARECCHI DI FOTOGRAFIA, PERFEZIONATI, PRATICI E DI GRAN DURATA 

ISTANTANEA PERFEZIONATA 

9X12 per 12 lastre (o 24 pellicole) 

Munito di un Obbiettivo Rettilineo della Casa DEROGY 

RESO FRANCO, CON SACCO NERO, CUOIO FANTASIA, AL PREZZO DI L. 138. 



la scelk d'un buon appareccMo fotografico 

in un apparecchio fotografico due 
cose decidono della sua solidità e per- 
fezione : 

1° La cura con cui furono fab- 



Premi 

All'apparecchio sono uniti i seguenti 
accessorii che si spediscono gratuitOr- 
mente, quantunque di qualità superiori;: 

LANTERNA ROSSA, TORCHIETTO, SGOCCIO- 



bricati i pezzi ; — 2» La qualità del- latoio, 
L' obbiettivo. 

L' Obbiettivo 
deve essere di ci'i- 
vslallo puro, fuso, 
tagliato, lavorato e 
provato con arte e 
metodo. 



Rincrescendoci, 
e giustamente, di 
vedere il pubblico 
sì spesso ingannar- 
si nella scelta degli 
apparecchi foto- 
grafici, abbiamo 
fatto fabbricare 
in quantità con- 
siderevole, una 
macchina unica 
per precisione, ac- 
curatezza di fab- 
bricazione e quali- 
tà pratiche. 

Tale macchina 
fotografica viene spedita franca a sem- 
plice richiesta ed é pagabile in ragione 
di 12 lire al mese; soltanto la prima 
rata è di L. 18 che viene ridotta a sole 
L. 13 usufruendo del Buono di L. 5 
inserito nelle pagine preliminari del 
presente volume. — Vedi modello della 
lettera di comm.issione a tergo del 
Buono stesso. 



BACINELLA, 




ZINCO, Fascico- 
letto spiegati- 

vo, che permette 
a tutti di essere fo- 
tografi, 3 BACINEL- 
LE MINORI, 12 LA- 
STRE 9X12, BUSTA 
CON CARTA SENSI- 
BILE, FLACONI DI 
BAGNO PER FISSAG- 
GIO, FLACONI DI 
BAGNO PER SVILUP- 
PO E VIRAGGIO, 
ELEGANTE SACCO 
NERO IN CUOIO FAN- 
TASIA, FODERATO DI 
LANA ROSSA CON 
CINGHIE DI CUOIO. 



L'IDÉAL 

é un capolavoro di 
eleganza. 

li' Ideal é un 

vero apparecchio 
di fabbricazione francese ricoperto di 
un bel marocchino nero, esso si addice 
alle più eleganti toelette. 

Coudizioni <li vendita. — Iiidiriz- 
zare ordinazioni in ietterà affrancata (vedi 
I lettera di oommlssione) al sig. Jean Bernard, 
I Directeur de la Société de Vulgarisation de 
{l'optique et de la photographie. 4, rue Bacine, 
!Nìmes. — Se l'apparecchio non conviene può 



essere respinto entro 8 giorni. — Servendosi del Buono dell'Almanacco Italiano 1904, per 
il primo mese si verserà la somma minima di L. 13. 



CHININA-MIGONE 



PROFUMATA E INODORA 

li'ACQUA CHININO MIGONE preparata con sistema speciale e con 
materia di primissima qualità, possiede le migliori virtù terapeutiche, le quali 

soltanto sono un possente e tenace rige- 
neratore del sistema capillare. Essa è un 
liquido rinfrescante e limpido ed intera- 
mente composto di sostanze vegetali. Non 
cambia il colore dei capelli e ne impedisce 
la caduta prematura. Essa ha dato resul- 
tati immediati e soddisfacentissimi anche 
quando la caduta giornaliera dei capelli 
era fortissima. E voi, o madri di famiglia, 
usate dell' ACQUA CHININA MI- 
GO\E pei vostri figli durante l'adolescenza, fatene sempre continuare l'uso, 
e loro assicurerete un'abbondante capigliatura. 

L'ACQUA CHININA MIGONE tanto profumata che inodora, non si vende a peso, ma 
«ole in fiale da L. 1.50 e L. 2, e in bottiglie grandi per l'uso delle famiglie a L. 3,50, L. 5 e 
L. 84^0 la bottiplia da tutti i Farmacisti, Profumieri e Droghieri del Regno. Per la spedi- 
zione nel Regno delle fiale da L. 1,50 aggiungere cent. 25 e per le altre aggiungere cent. 80. 



^m 






ANTICANIZIE-MIGONE 

È un preparato speciale indicato per ridonare alla barba ed ai 
oftpalli bianchi ed indeboliti, colore, bellezza e vitalità della prima gio- 
Tlnexza senza macchiare né la biancheria né la pelle. Questa impa- 
reggiabile composizione pei capelli non è una tintura, ma un'acqua 
di soave profumo che non macchia né la biancheria né la pelle e che 
si adopera colla massima facilità e speditezza. Essa agisce sul bulbo 
del capelli e della barba fornendone U nutrimento necessario e cioè 
ridonando lore il colore primitivo, favorendone lo sviluppo e renden- 
doli flessibili, morbidi ed airestandone la caduta. Inoltre pulisce pron- 
tamente la cotenna e fa sparire la forfora. 

Una (oU botticlia basta per conseguirne un effetto sorprendente. — Costa 
L. 4 1» bottislia. Appiungere però cent. 80 per la spedizione per pacco postale 
Si ipMlix-ooo S bottiglie per L. 8 e 3 bottiglie per L. 11 franche di porto nel 




H.,-T,o. 



KOSMEODONT- MIGONE 



Preparato dentifricio di A. MIOONIG e 
MILANO, Via Torino, 12 



C. 




n KOSMEODONT-MIGONE preparato come Elixlr, come 
Pa.sta e come Polvere è composto di sostanze le più pure con spe- 
«ìali metodi, senza restrizione di spesa. Tali preparazioni di su- 
prema delicatezza, possiamo dunque raccomandare come le mi- 
k'Iiorl e preferibili per la conservazione dei denti e della bocca. — 
il KOSMEODONT'HIGONE pulisce i denU senza alterarne lo 
unalto, previene 11 tartaro e le carie, guarisce radicalmente le 
afte, combatte gli effetti prodotti da cachessie che si radicano nelle 
cavità della bocca; toglie gli odori sgradevoli causati dagli ali- 
meati, dai denti gnasU o dall'uso del fumare. — Quindi, per avere 
t denU bianchi, disinfettare la bocca, per togliere 11 tartaro, ar- 

reatare ed evitare la ouie, conservare l'alito paro e per dare alla bocca un soave profumo, 

a4op«nt« con skmrezta il K««aie«d«Bt*MiSome. 

tu vtade 4a taUi t Pamtarittl, Droghieri • Profoalert ai prorro A\ !.. 2 l Elixir. L. l la Polvere, 
L. 0,76 la Paeu. l'cr la apcdixioat nel R«gno agfiaBgcrt cent. 26 por ogni articolo. 

Dep. Oeaende da MIOONB & O, via Torino, la • MILANO 

^ Trovanjl da tutU 1 Farmacisti, Profumieri e Droghieri. J 



fi 



1, _ ^ 







PICCOLA ENCICLOPEDIA POPOLARE | 

DELLA VITA PRATICA - 



ANNUARIO DIPLOMATICO AMMINISTRATIVO E STATISTICO rH 

AGENDA PER TUTTI — AMMINISTRAZIONE — ARTE "M 

ASTRONOMIA — AUTOMOBILISMO — BIOGRAFIA — BORSA — CALENDARIO UNIVERSALE ^ 

CAVALLI E CORSE — CICLISMO — COGNIZIONI UTILI — CUCINA — ECONOMIA DOMESTICA W 

ECONOMIA PUBBLICA — ENCICLOPEDIA — ENIMMISTICA — ESERCITO NAZIONALE — FARMACIA Q 

FINANZE — GASTRONOMIA — GENEALOGIA — GEOGRAFIA — LAVORI FEMMINILI Q 

LEGISLAZIONE — LETTERATURA — MEDICINA — MODA — MUSICA — PESCA ^ 

PODISMO — POLITICA — QUESTIONI DEL GIORNO — RELIGIONE ^^ 

SPORT, GIUOCHI E PASSATEMPI — STATISTICA — STORIA CONTEMPORANEA ^ 

STORIA MILITARE — TEATRO — TRADIZIONI POPOLARI ^^ 

-..^.^^ «H 

Con la GUIDA ILLUSTRATA di FIRENZE lS 

e la Storia politica dell'anno raccontata dalla caricatura italiana. ^v 

Anno IX -1904 § 

Con 810 figure nel testo ,tì 

S4 tavole in nero e una cromolitografia fuori testo. ^^ 



FIRENZE ^'^^ -H 

R. BEMPORAD & FIGLIO, EDITORI S 

Via del Proconsolo, 7. 0/ 

MIL.ANO -Via Ag^nello, 6. P^ 

ROMA, Aristide Staderini. «H 

TORINO, S. Lattes & C. - NAPOLI, L. Pierro - Detken e RocholL 'O 

PALERMO, A. Reber - G. Pedone Lauriel. ^ 

1903 CS 

_ — .^_ ^ - . ■■ -^ - . . . ^^^^ H 

3Mf^ La proprietà artistica e letteraria di questo volume è riservata esclusivamente agli fj| 
editori R. BE31l>OKAU & FIOI^IO, ed è vietata a termini di legge la riproduzione anche 
parziale degli articoli in esso contenuti. 



FIRENZE 

TIPOGRAFIA DI VITTORIO SIENI 



Corso de' Tintori, a6. 



Carta della Cartiera B. KODAKI & C. di Lugo di Vicenza. 

stampato cod Inchiostri della Fabbrica BERGER & WIRTH • Lipsia -Firenze. 



in ceramica dello Stabilimcuto «. APPIANI, Treviso, eleganti, inconsuma- 
bili ed eminentemente igienici, sono i soli pavimenti italiani che ottennero alla 
Esiiosizionc Mondiale <li Parisi 1900, Medaglia d'Oro. 



AL LETTORE 



Esce per la nona volta l'Almanacco Italiano, 
cui si mantiene sempre costante il favore del pubblico 
italiano, non ostante i tentativi innocui di soppiantarlo 
con imitazioni delle quali i lettori fanno rapidamente 
giustizia. In verità, non saremo noi clie ci dorremo 
di questi conati: poiché ogni nuovo concorrente cbe 
appare sul mercato, vuol dire per noi delle migliaia di 
copie di cui bisogna aumentare la nostra tiratura; e per 
quanto essa aumenti ogni anno, tuttavia spesso accade, 
come l'anno passato, che essa sia insufficiente a far 
fronte alle crescenti richieste e che l'edizione si esau- 
risca rapidamente. 

Gli editori ed io ne siamo vivamente grati ai nostri 
fedeli vecchi amici ed ai nuovi che ogni anno si aggiun- 
gono ai vecchi e che ci auguriamo non meno fedeli dei 
primi. Essi possono toccare con mano che dal canto 
nostro facciamo il possibile per non demeritare la be- 
nevolenza loro. L'Almanacco di quest'anno è un vo- 
lume di oltre 800 pagine, illustrato da 787 figure nel 
testo, e da 25 tavole fuori testo: è redatto da un ma- 
nipolo di valenti collaboratori che ogni anno si miglio- 
rano; ofire ai lettori una serie di agevolezze, di concorsi 
a premio, di doni gratuiti e semigratuiti che di per so 
soli compensano il prezzo già così modesto del libro. 

In ogni edizione ci studiamo di introdurre nuove 
migliorìe. Quest'anno, per esempio, abbiamo condensato 
il Calendario settimanale nella metà delle pagine, asse- 
gnando una pagina sola ad Offui settimana; così sono 



— VI — 

52 pagine di più lasciate ad altri argomenti (e ciò non 
ostante il volume è cresciuto di ben 70 pagine), e si 
sono soppresse le riglie bianche che erano distribuite 
tanto inegualmente e in questo modo si è tolto a chic- 
chessia il pretesto di dire che vendevamo della carta 
hianca! Si è fatta larga parte all'illustrazione artistica, 
londendo sempre più elegante e attraente il volume, e 
oflrendo ai nostri lettori la fedele riproduzione dei capo- 
lavori della i)ittura italiana in 25 finissime fotoincisioni 
fuori testo. Si è tenuto conto del desiderio di molti let- 
tori, aggiungendo alcune deliziose x)agine di musica 
ai)positamente scritte per 1' Almanacco dal ^Maestro Ga- 
staldon, si è ripresa, intramezzandola alle pagine preli- 
minari della pubblicità, la Storia polUicAi deiranno narrata 
con le migliori caricature dei giornali umoristici italiani: 
la scelta di queste caricature fatta oggettivamente, e a 
solo titolo di documenti storici raccolti con piena impar- 
zialità, è stata tuttavia regolata in modo da non offen- 
dere menomamente la morale, ne i sentimenti religiosi, 
liichiamiamo l'attenzione pure sul nuovo concorso di 
Enimmistica (a pag. 549), sui nuovi licchi premi offerti 
ai nostri lettori (tra i quali uno di 1000 lire in contanti 
e uno di WOO lire in libri), e sui resultati del concorso 
a premi bandito l'anno scorso per i migliori suggeri- 
menti (nelle pagine preliminari del volume). Io confido 
che neanche quest'anno i nostri lettori saranno malcon- 
tenti di noi. L'Almanacco è ormai l'amico gradito e 
atteso in ogni famiglia ove entra ai)portatore di molte 
non lievi comodità, di lunghe ore di piacevole tratte- 
nimento, e degli augurii migliori per il nuovo anno che 
a lutti i lettori (IoH'Aiataxacco porgono gli editori e 
il sottoscritto 

G. FUMAGALLI. 

Milano, 20 novrmhrp 1903. 



Z'erme d'j^bano 

PROVINCIA DI PADOVT^ZÌÓIIE FERROVIABIA 

Diploma d* Onore all'Esposizione d'Igiene - Napoli 1900. 







flpcttafa 1** Giii^i^o. 



rdebri fangature ■ Bagni termali, a vapore, idroelettrici ■ Elettroterapia 

Massaggio • (Jiuuastica medica ■ Tremuloterapia 

Cura interna dell'acqua salso-jodo-bromica-litiosa della sorgente 

di 3IONTIRONE 



Direttore medico e consulente: 

Prof. Comm. A. DE GIOVANNI Senatore del Regno 

(11 prof. DE ClOVAXXl visita lo Stabilimento il (Jiovedì e la Domenifa di ogni settimana) 

Medico residente: Cav. Dott. Ulderlco Salvaplnl. 



ACQUA MINERALE NATURALE 

SALSO-JODO-BROMICA LITIOSA 



DI 



(ABANO H Prov. di PADOVA) 




ABfiwn 



cmifl 




Diploma d'Onore all'Esposizione d'Igiene, Napoli 1900. 



« L' esperienza che ho fatto dell' uso 
interno dell' Acqua Minerale Naturale di 
ABANO (sorgente del Montirone), sia 
nella Clinica medica da me diretta, sia presso 
la mia clientela privata, mi consente d'af- 
fermare con sicurezza che essa è veramente 
preziosa nella cura della Gotta - Renella 

- Artritismo - Catarri cronici dello sto- 
maco, intestino e vie urinarie - Obesità 

- Malattie del fegato - Glicosuria - 
Linfatismo - Infiammazioni a lenta 
risoluzione. » 

Prof. Achille De Giovanni 

Direttore della Clinica Medica Generale 

nella R. Università di Padova 

Senatore del Regno. 

Deposito G<'ììer<tJe presso Z' AlIlIDÌIlÌSlrazlon6 

della sorgente di Montirone, 

ABANO BAGNI (Prov. di Padova). 



FERNET-BRANCA - ^ei fratelli branca - milano 

I soli che ne posseggono il vero e genuino processo. 

Gran Diploma d'onore e Medaglia d'Oro alle principali Esposizioni Nazionali ed internazionali. 

AMARO TONICO. C0RR0B0R4STE, DIGESTIVO, Raccomandato da «lebrità mediche. 
Guardarsi dalle contrafiazioni • Esigere sull'etichetta la -firma trasversale Fratelli Branca e e. 



INDICE 



Il Calendario. 
Divisione del tempo — L'anno 
Ere 



.Paf 



Calendario degli Israeliti 

Riforma Giuliana 

Calendario Romano antico 

Riforma Gregoriana 

Computo Ecclesiastico 

Elementi del computo ecclesiastico . . . 

Feste Cristiane 

Calendario gregoriano cattolico 

Tavola delle feste mobili per gli an- 
ni 1904-1908 

Calendari del rito ambrosiano, delle con- 
fessioni protestanti, della chiesa greco- 
russa e delle altre chiese orientali . . . 

Calendario repubblicano francese. . . . 

Calendario civile itahano 

Calendario perpetuo per trovare in quale 
giorno della settimana cada un deter- 
minato giorno di un anno qualunque. 

L'anno 1904. 
Generalità 

Calendario del rito Ambrosiano ossia della 

Chiesa di Milano 

Calendario Greco-Russo 

Calendario Protestante 

Calendario Israelitico 

Calendario Maomettano 

Calendario Etiopico 

Effemeride astronomica. 

Innovazioni 

Avvertenze generali 

Elementi generali 

Le eclissi del 1904 

Effemeride per l'Eritrea 

Effemeride per il Benadir 

Sistemazione oraria mondiale 

L'ora deir-4t7« Maria 

Le Ore Italiane 

Illuminazione solare 

Illuminazione lunare 

La nostra stella 

Il nostro satellite 

La famiglia del Sole 

Il corso dei Pianeti 

Comete e stelle cadenti 

stelle straordinarie 

Magnetismo terrestre 

Dizionarietto-Indice 

11 cielo d'Italia 

L'orologio Sidei-ale 

La stella Polare 



10 

11 
12 
13 I 



14 ! 

15 I 

ì?! 

18 ! 

19 

20 

21 ; 

22 i 

23 1 

24 \ 
25 

26 ! 

27 I 



Tavole astronomiche mensili: Corso del 
Sole - Corso della Luna - Corso dei Pia- 
neti - Il Firmamento - Diario dell'os- 
servatore Pag. 28 

Gennaio „ 

Febbraio 30 

Marzo 32 

Aprile 34 

Maggio 36 

Giugno 38 

Luglio 40' 

Agosto 42 

Settembre 44 

Ottobre 46 

Novembre 48 

Dicembre 50 



Feste, Centenari ed Esposizioni del 1904. 52 



Il nostro Calendario settimanale - Diario 
sacro - Memorandum - L'Italia monu- 
mentale e pittoresca 55 e segg. 



Indice del Diario Sacro 108 

Gli Evangeli Domenicali per tutto l'anno. 114 



Esposizione di Brescia 116 



Notizie amministrative, statistiche, di- 
plomatiche, ec 118 

Serie dei Sommi Pontefici Romani . „ 
La Santa Chiesa Romana — Il Sommo 

Pontefice, I Cardinali 121 

Parte della Famiglia e Cappella Pon- 
tificia 122 

Sacre Congregazioni 123 

Serie cronologica dei Sovrani della 

Real Casa di Savoia 125 

Famiglia Reale d'Italia 127 

Casa di S. M. il Re 129 

Ministero della R. Casa „ 

Corti delle due Regine 130 

Case militari e civili e corti dei prin- 
cipi e delle principesse reali „ 

Parlamento italiano: Indicazione delle 
legislature, delle sessioni e del numero 
delle sedute pubbliche dal 1848 al 1903. 131 

Ministeri dal 1848 al 1903 132 

Senato del Regno 138 

Camera dei Deputati 143 

Elenco alfabetico dei Deputati . . _ 
Indice dei Collegi Elettorali ... 148 
Grandi ufficiali dello Stato 153 



Indice delle figure, ved. a pag. 666. - Rubriche principali dell'ALMANACCO ITALIANO 
pubblicate negli otto volumi e non rinetute in ouesto. ved. a nan. 670. 



— X — 



Ministri dt Stato Pag, 153 

,. nza del Consiglio dei Ministri. , 

o del Ministri 15é 

IO degli Affari Esteri . . . . , 
ino della Colonia Eritrea . . , 
IO di Agricoltura, Industria 

rcio « 

Ministero delle Finanze 156 

Ministero di Grazia e Glnstizia e dei 

Culti 158 

Fondo per il Culto 159 

Ministero della Guerra 160 

Ministero dell'Interno 161 

M :j;-:ero dell'Istruzione pubblica . 162 
M i.i-toro dei Lavori Pubblici ... 163 

.Ministero della Marina 164 

Mmistcro delle Poste e dei Telegrafi. 165 

Ministero del Tesoro 166 

( r.M;,'lio di Stato 167 

t !t. del Conti „ 

li' iMichla Cattolica — Arcivescovi e 
Vescovi delle Sedi Residenziali italiane. 168 

Culto evangelico 171 

Culto israelitico — Dati statistici su- 
gli Israeliti del mondo, e specialmente 

su quelli d'Italia 173 

Amministrazione provinciale — Pre- 
fetti delle Provincie 174 

Circoscrizioni militari — Comandanti 
dei Corpi d'armata e delle Divisioni 

del Regno 175 

Stanze dei Corpi all'ottobre 1903. . , 
Ordine giudiziario — Primi Presi- 
■ 1. ntie Procuratori Generali delle Corti 

di Cassazione e di Appello 179 

Agenti diplomatici di S. M. il Re d'Ita- 
lia presso i governi esteri 180 

Ambasciate e legazioni estere pres- 
so 8. M 181 

Consolati Italiani delle principali lo- 
calità straniere 182 

Ordine equestre al merito del Lavoro. 184 



1 principali SUtl del Mondo: ritratti del 
Sovrani, stemmi, notizie sUtlstiche . . 



Hotizle geografiche statistiche e demo- 

frraflobo sull' Italia 

' ?•' M geografici 

10 politica della Regione 
Ila ed arco delle singole 

! 1 di questa 

l'i'. 1- uno gco^jraflra del Regno 

■:■ Italia . . . . ^ 

Ir.".' ÌOU7.C massime in latltn- 



187 



215 



•n/.e maqMmo In lor)KÌfu- 



ì>.' . iMonl lineari 
' riti orografici. 

ulmlnahtl 

aH passi 

: ali etementi del con- 

to.uo marittimo 

Confini terrestri del re£uo 

d'IUlia 

Flamt 

t*gbl 

PrlnolpaU canali 

Principali bonifiche 

IL Principali elementi dlmatologìcL 



Osservatori! meteorologici ita- 
liani Pag. 

Temperature medie (centig.) 
delle stagioni ed annue per 
una serie d'anni d'osserva- 
zione 

Acqua caduta 

Umidità relativa 

III. Vulcanismo 

IV. Flora e Fauna 

V. Abitanti del regno d'Italia. . . 

VI. Fattori economici del regno 
d'Italia 

Agricoltura 

Industrie 

Acque minerali 

Prodotti delle ofiBcine metal- 
lurgiche e mineralurgiche 
nel 1901 

Commercio coli' estero . . . . 

Marina mercantile 

Viabilità 

Poste, telegrafi e telefoni. . . 

Finanze dello Stato 

Esercito . . 

Marina militare 

Possessi e protettorati in .\frica 

Farina lattea italiana 

La popolazione dell'Europa al principio 
del Secolo XX 



La Svizzera italiauii 

1. Val Divedrò 

2. Cantou Ticino 

3. Val Mesocco 

4. Val Bregaglia 

5. Val di Poschiavo 

6. Val di Monastero 

Guida compendiosissima di Firenze . . 

Capolavori dell'Arte nostra : Le venticin- 
que più belle pitture dei venticinque 
migliori pittori italiani 



231 

232 

233 
237 
238 

243 

244 
245 



246 



247 



248 



>49 



279 



La Quinta Esposizione Internazionale a 
Venezia (impressioni minime) .... 2S8 

L'Arte italiana all'estero 293 

Francesco Petrarca e il suo centenario. 300 



Novità della Scienza 304 

La telegrafia Marconi 

Aeronautica 305 

Radiazioni, Materia, ElettricitÀ ... 306 

Piccola cronaca 307 

Per la fabbricazione estemporanea di li- 
quori, rosolii, creme, sciroppi, ec. . . 308 
Per la fabbricazione estemporanea di 
acque da toeletta ed aceti, estratti tri- 
pli d'odore „ 

Per chi scrive e fa stampare .309 

I moderni processi fotomeccanici . . . 313 

Processi monocroml 314 

Fototlpografin 
Fotolitograflii 
Fotoxilograti.i 

Fotocollograti.i „ 

Fotocalcografia „ 

FotogUptia- Processo Bmrd . . . 317 
Processi al bitume. ... 
Prooenl policromi . . .318 
Fotooromolitografi.i , 



— XI 



Fotocromotipia Pag. 319 

Tricromia , 

FotocoUocromia 319 

Igiene della pelle 320 

Corriere femminile: 

Donne moderne e medichesse . . . 321 
La donna benetica - Saloni sociali - 

Società femminili Sii 

Istruzione moderna americana - 

Sport e agricoltura 327 

Le donne del paese del Sole Levante. 329 
Merletti e ricami - Arazzi - Fotogra- 
fìe - Pittura 331 

Le Industrie femminili italiane 336 

Economia domestica: 

Istruzioni e ricette per preparare in 
famiglia alcune note specialità gastro- 
nomiche 348 

Istruzioni pratiche inerenti a ciò che 
si usa servire durante i ricevimenti . 354 
L'arte di preparare e di servire il Thè. 360 
Geografiagastronomicaepotatoriad'Itàlia. 368 
Medicina domestica - Soccoi-si d'urgenza. 
Dizionarietto dei primi rimedi da ap- 
portarsi nei mali improvvisi fino all'ar- 
rivo del medico 380 

Dizionarietto dei farmaci e mezzi cu- 
rativi d' uso più comune 391 

Contro la malaria nel 19C2 397 

L'antisepsi e le pillole Brenti 401 

Per vivere almeno 100 anni 403 

La fabbrica modello 411 

L'Abbazia del Boschetto 413 

Una vera industria italiana : Paste aliment. 414 
La fabbrica di cioccolato Moriondo e Ga- 
nglio 416 

Il laboratorio chimico farmaceutico Pa- 
nerai di Livorno 418 

Lo stabilimento S. Venchi di Torino . . 419 
Lo stabilimento idroterapico di Andorno. 421 

Notizia dei principali valori italiani che 
si negoziano e si quotano nelle Borse 

d'Italia 422 

Municipalizzazione dei pubblici servigi. . 436 
Indice alfabetico annuale delle leggi: Prin- 
cipali disposizioni emanate con leggi, 
decreti, regolamenti, circolari, ec, dal 
lo luglio 1902 al 30 giugno 1903 . . . 
I teatri di battaglia in Italia e in Africa 
(Eritrea), considerati sotto l'aspetto sto- 
rico, tattico, strategico ed artistico . . . 
Distintivi dei reggimenti di cavalleria e 
delle brigate di fanteria fcon tavola a 

colori) 

Le nostre Scuole all'estero (brevi cenni 

storici) 464 

La Lega Navale Italiana 466 

La " Corda Fratres „ 467 

I buoni libri per la gioventù 4C9 

Kecoaro 471 

Usanze e costumi tradizionali del popolo 
Italiano : 

IL II Veneto 474 

IH. Terra d'Otranto 427 



II teatro drammatico italiano: 

Parte I. La produzione . . . .Pag, 500 
„ II. Artisti e compagnie . . . 503 

I teatri d' Italia 508 

Sport, giuochi e passatempi: 

I campioni dello sport in Italia. , . 518 

Automobilismo 523 

Cavalli e corse 524 

Ciclismo 528 

La F. I. A. T, e l'.Automobilismo in 

Italia 530 

Tricopion 532 

Meccanica e Sport 533 

II Podismo 534 

La Pesca sportiva 545 

Enimmistica 549 

Musica — S. Gastaldon 553 

Talmone — Il cioccolato delle P;ramid:. 554 



Avvenimenti più Importanti dell'anno 

(luglio 1902-settembro 1903) 557 

La Principessa Mafalda 578 

La strage di Belgrado 579 

Da Leone XIII a Pio X 581 

Leone XIII 586 

Giuseppe Sarto 588 

I cardinali del conclave di Pio X . 592 
I nuovi ministri del Regno d'Italia. . . 598 

Gli scioperi nel 1902 599 

Cronachetta di scienze, lettere, arti e 

sport (luglio 1902-settembre 1903). . . 600 
Le acque della salute di Livorno. . . . 624 

Dancing (musica) 626 

Necrologio (luglio 1902-settembve 1903). fe.'JO 
Tariffe vigenti in Italia per le corrispon- 
denze postali nell'interno del Regno e 
con l'estero 6C:> 



439 



442 



463 



Giornaletto per l'Anno 1904. In fine del 
volume con paginazione e copertina 
separata: 

Feste mobili 1 

Calendario per il 190i 2 

Albero genealogico della famiglia. . 3 
Appunti utilissimi per l'azienda do- 
mestica 4 

Agenda domestica 6 e segg. 

Bilancio dell'entrata e della spesa. . 30 
Svegliarino del debitore e del cre- 
ditore 31 

Taccuino del capitalista 32 

Taccuino del professionista 33 

Registro della corrispondenza ... 34 
Giorni di ricevimento delle famiglie 

amiche 36 

La toeletta della Signora 37 

Taccuino della libreria domestica. . 38 

Le mie malattie 39 

Taccuino della villeggiatura .... 40 
Taccuino dei bagni di mare e delle 

altre stazioni balnearie 41 

Taccuino del'.e escursioni 42 

Taccuino degli s;;ett£.coli 43 

Indirizzi da conservarsi . . . 44 e segg. 

Annotazioni 47 



NELLE PAGINE PRELIMINARI : 
Relazione dell'estrazione del Grande Premio di L. 1000 in oro fra gli acquirenti dell'Almanacco 

Italiano 1903, avvenuta il 30 Giugno 1903 a cura di un pubblico notaio. 
Relazione sui Premi conferiti ai migliori suggeri-nenti. 
La storia politica doli' anno narrata dalla caricatura. 



INDICE ALFABETICO DELLE MATERIE 



Abbas ir, kedive, 214. 
Abdul Uamid II, gran Sul- 
tano, 213. 
Abissiuia, 187. 

Acque minerali d'Italia, 245. 
Adigrat, teatro della battaglia, 

463. 
Adolfo, granduca, 204. 
Adua, teatro della battaglia, 

462. 
Aeronautica, 305. 
Africa - Possessi e protetto- 

raU italiani, 247. 
Africa, teatri di battaglia, 442. 
Agenti diplomatici di S. M. 
il Re presso 1 governi esteri, 
180. 
Agliè - Antico castello, 55. 
A^jricoltura (L') in Italia, 243. 
Agricoltura e sport, 327. 
Airolo - Imbocco della Gal- 
leria del GotUrdo, 253. 
Airolo-Ponte sulla Ferrovia 
■ ■ ■ lo, 250. 

ile, 596. 
> A'), 76. 
n Davide, 630. 
Ilo, 519. 

rato Carlo, prin- 
cii"'. 20,'. 
Alessandra, regina, 200. 
Al- uiln., re di Serbia, 579. 
^ 'iiperatrice, 209. 

: re. 211. 
rata della Grotta 
. 66. 
' delle posizioni 

1. cardinale, 631. 

:», 194. 

''nnl estere 
d'iuila, 



•ne provinciale, 
i rairo delle Muse, 



•tu Cario, CSI 
SSL 



Arcivescovi e Vescovi delle 
Sedi Eesidenziali italiane, 
168. 

Arezzo - Panorama, 300. 

Argentina, 188. 

Arista, 350. 

Arquà - Casa del Petrarca, 301. 

Arquà- Sepolcro del Petrarca, 
801. 

Arte italiana - Capolavori, 279. 

Arte italiana - AH' estero, 293. 

Artisti e compagnie dramma- 
tiche italiane, 505. 

Ascoli Piceno - Piazza del Po- 
polo, 58. 

Ascoli Piceno - Ponte, 90. 

Assia (Hessen), 194. 

Assisi - Chiesa di S. M. degli 
Angeli, 59. 

Asti - Casa dell'Alfieri, 620. 

.\storri Enrico - In agguato 
(bronzo), 299. 

.\ugusta Vittoria, imperatrice, 
193. 

Australia, 201. 

Austria-Ungheria, 188. 

Automobilismo, 523. 

Atto di nascita di Giuseppe 
Sarto, 689. 

Avigliana - Avanzi del vecchio 
Castello, 60. 

Avvenimenti più importanti 
dell'anno (luglio 1902 -set- 
tembre 1903), 557. 

.avvertenze per chi scrive e 
fa stampare, 309. 

Azzall Adolfo, 642. 

Baccelli Guido, 155. 

Bacon, corridore, 639. 

Badcn, 194. 

Balenzano Nicola, 16.3. 

Balestrieri Arturo, 541. 

Balzac (Monumento a), 604. 

Bandiera federale dell* Au- 
stralia, 201. 

Banfi Kmilio, 540. 

Barclay Arturo. 203. 

Batlle y Ordonoz Jose, 214. 

Battagin Tommaso, 486. 

Baviera, 196. 

Beato Angelico • L'Annunzia- 
rlone della Vergine, 279 e 
tav. IlL 

Belgio. 188. 

Bellini Giovanni - Trittico con 
la Madonna, San Nicola, 
San Benedetto • altri Santi, 
MI e Uv. VIL 

Bellinzona, 254. 

BelndsUn, 189. 

PILLOLE UNIVERSALI FATTORI 



5W, 



Annunzia- 
Ycriflne, 279 e 

rU della Catte- 



Belvedere di Custoza, 458. 
Besarel Valentino, 633. 
Bezzecca, teatro della batta- 
glia, 459. 
Bhutan, 189. 

Bibita alcoolica al limone, 358. 
Bicocca di Novara, teatro della 

battaglia, 448. 
Bigiarelli Luigi, 542,544. 
Bismantova - Particolari di un 

antico castello, 61. 
Blowltz (De), 634. 
Bocca di dama, 353. 
Bochara, 209. 
Bolivia, 189. 
Boggiani Guido, 604. 
Bologna - Avanzi del Castello 

di Galliera, 62. 
Bonacci-Bruuamonti Alinda, 

634. 
Borgo Vercelli - Monumento 

ai Brunetta d'Usseaux, 616. 
Boschi, cardinale, 595. 
Botticelli (Sandro) - Allegoria 

della Primavera, 282 e ta- 
vola XIII. 
Bottini Enrico, 034. 
Bovio Giovanni, 635. 
Bowles di frutta, 357. 
Branca Ascanio, 635. 
Brasile, 190. 

Breda Vincenzo Stefano, 635. 
Bregaglia Marina, 606. 
Brema, 196. 
Brigate (Distintivi delle) di 

fanteria 463. 
Brisighella - Torrione detto 

dell'Orologio, 63. 
Brune Edmondo, 612. 
Brunt'i, 189. 

Brunetta d'Usseaux (Monu- 
mento ai), 616. 
Brunswick, 195. 
Bulgaria, 213. 
Buonarroti .Michelaiigelo - La 

creazione della Donna, 2S4 

e tav. XVllI. 
Butti E. A., 609. 
Caffaro (Ponto sul 1 

la battaglia, 458. 
Cagliari - Politeama * Regina 

Margherita, .,517. 
Cairatl Girolamo - Paesaggio 

lombardo, 297. 
Cairati Girolamo • Ponte di 

Mezzo a Parma, 294. 
Cairati Girolamo - Tramonto 

in pineta, 295. 
CalaUflmi- Teati 

taglia, 464. 



(Vedi avviso speciale). 



Calendario anibi'osiano, 4, 6. 

Calendario civile italiano, i. 

Calendario etiopico, 9. 

Calendario (Generalità del), 0. 

Calendario greco-russo, 4, 7. 

Calendario gregoriano catto- 
lico, y. 

Calendario israelitico, 1, 8. 

Calendario maomettano, 9. 

Calendario orientale, 4. 

Calendario perpetuo, 4. 

Calendario protestante, 4, 7. 

Calendario repubblicano fran- 
cese, 4. 

Calendario romano antico, 2. 

Cambodge, 193, 

Camera dei Depiitati, 143. 

Campobasso -Castello di Mon- 
forte, 64. 

Canada, 201. 

Canossa - Ruderi dell' antico 
Castello, G5. 

Canton Ticino, 249. 

Cantù Cesare, 54. 

Canzio-GaribaldiTeresita,G44. 

Capecelatro, cardinale, 597. 

Capolavori dell' arte nostra, 
279 e segg. 

Carcano Paolo, 15G. 

Cardinali (I), 121. 

Cardinali (I) del Conclave di 
Pio X (36 ritratti), 592. 

Carlo I, re, 208. 

• Carlo Alberto „ (La), armata 
per le esperienze radiotele- 
grafiche, 600. 

Carmen Sylva, 208. 

Carpineto - Patria di Leone 
XIII, 582. 

Carpineto -Palazzo Pecci, 583. 

Carta magnetica dell'Italia, 24. 

Carta della Svizzera Ital. 257. 

Casa di S. M. il Re, 129. 

Casali Del Drago, cardinale, 
597. 

Case militari e civili e corti 
dei principi e delle princi- 
pesse reali, 130. 

Caserta - Cascata grande, C6. 

Cassanas y Pagès, cardin., 594. 

Cassetta, cardinale, 594. 

Costeggio, teatro della batta- 
glia, 450. 

Castel del Rio - Ponte degli 
Alidosi, 67. 

Castelfidardo, teatro della bat- 
taglia, 455. 

Catania - Tomba di Vincenzo 
BeUini, 68. 

Catanzaro - Teatro comunale, 
509. 

Cavaleri Lodovico - Silenzio 
mistico, 296. 

Cavalieri del Lavoro, 184. 

Cavalli e corse, 524. 

Cavicchioni, cardinale, 595. 

Ceccarelli Ezio - Etna (bron- 
zo), 298. 

Ceccarelli Ezio - Stanchezza 
(bronzo), 299. 

Centenari (Feste), ed Esposi- 
zioni del 1904, 52. 



— XIII — 

Centenario del Petrarca, 300. 

Charbonnel, 544. 

Chiesa (La Santa) romana, 121. 

Chili, 190. 

Chioggia - Ponte, 09. 

Chiva, 209. 

Ciclismo, 528. 

Cieli stellati mensili, 29. 

Cielo (II) d'Italia, 26. 

Cina, 190. 

Ciò che si usa scrivere du- 
rante 1 ricevimenti, 354. 

Circoscrizioni militari, 175. 

Ciseri - La Deposizione dalla 
Croce, 256. 

Claret cup (bevanda), 358. 

Cocco-Ortu Francesco, 158. 

Collegi elettorali, 148. 

Colombia, 191. 

Colombo A., 540. 

Colzl Francesco, 638. 

Comandanti dei Corpi d'ar- 
mata e delle Divisioni del 
Regno, 175. 

Come si servono le bibite e 
le altre bevande nei rice- 
vimenti, 359. 

Comete e stelle cadenti, 22. 

Como - La Torre del Bara- 
delio, 618. 

Compagnie drammatiche ita- 
liane, 505. 

Composte di frutta al vino, 
357. 

Computo ecclesiastico, 2. 

Congo, 189. 

Congregazioni (Sacre), 123. 

Consiglio dei Ministri, 154. 

Consiglio di Stato, 167. 

Consolati italiani delle prin- 
cipali località straniere, 182, 

" Corda (La) Fratres, „ 467. 

Corea, 191. 

Corpi (Stanze dei) d'Armata 
al settembre 1903, 175. 

Correggio - La Madonna di 
S. Girolamo, 286 e tav. XXII. 

Corriere femminile, 321. 

Corrispondenze postali - Ta- 
riffe, 665. 

Corso (II) dei pianeti, 21. 

Corte dei Conti, 167. 

Corti delle due Regine, 130. 

Cessa Alfonso, 639. 

Costa Giovanni, 639. 

Costa-Rica, 191. 

Crema - Chiesa di S. Maria 
Maggiore, 70. 

Creta, 213. 

Cretoni, cardinale, 594. 

Cremona Luigi, 639. 

Cremona - Il Torrazzo, 71. 

Cristiano IX, re, 192. 

Crivelli Carlo - La Madonna 
della Candeletta, 280 e ta- 
vola VIII. 

Cronaca (Piccola) scientifica, 
307. 

Cronachetta di scienze, let- 
tere, arti e sport (luglio 1902- 
settembre 1903), 600. 

Cuba, 191, 



Culto evangelico, 171. 

Culto israelitico, 171. 

Curzon (Lord), viceré dello 
Indie, 567. 

Custoza, teatro della batta- 
glia, 458. 

Danimarca, 192. 

Della Volpe, card., 586, 597. 

Deputati - Elenco alfabet., 1 43. 

De Romana Edoardo L., 2i>7. 

Diagramma dell' illuminazio- 
ne lunare, 17. 

Diagramma dell'illuminazio- 
ne solare, 16. 

Diario dell'osservatore, 28. 

Diaz Porfirio, 205. 

Di Broglio Ernesto, 166. 

Di Lorenzo Tina, 501. 

Dimensioni lineari dell' Ita- 
lia, 215. 

Di Pietro, cardmale, 593. 

Distintivi dei reggimenti di 
cavalleria e delle brigate di 
fanteria, 464. 

Divisione del tempo, 1. 

Dizionarietto dei farmaci e 
mezzi curativi d' uso più 
comune, 391. 

Dizionarietto-indice dell'Effe- 
meride astronomica, 25. 

Dizionarietto per soccorsi 
d'urgenza, 380. 

Donna (La) benefica, 324. 

Donne moderne e mediches- 
se, 321. 

Donne (Le) del Paese del Sole 
Levante, 329. 

Draga, regina di Serbia, 579. 

Duse Eleonora, 501. 

Dutuit Augusto, 641. 

Eclissi del 1904, 12. 

Economia domestica, 348. 

Edoardo VII, re, 200. 

Effemeride astronomica, 10. 

Effemeride Eritrea, 13. 

Effemeride per il Benadir, 13. 

Egitto, 214. 

Elementi (Principali) climato- 
logici, 230. 

Elementi del computo eccle- 
siastico, 2. 

Elena (Regina), 127. 

Elettricità (Radiazioni e ma- 
teria), 306. 

Elisabetta (Carmen Sylva), re- 
gina, 208. 

Emanupl Giovanni, 641. 

Enimmistica, 549. 

Enrico di Mecklenburg, 206. 

Equatore, 192. 

Ere, 1. 

Eritrea, teatri di battaglia, 442. 

Esercito (L') italiano, 247. 

Esposizione (La V) intcrriazio- 
nale di Venezia, 28S. 

Esposizioni del 19U4, 52. 

Esquilino, cavallo vincitore del 
Derby Reale, 613. 

Estrada Cabrerà Manuel, 202. 

Fabriano (Gentile Da) - L'Ado- 
razione dei Magi, 279 e 
tav. IL 



laido- Cascata della Piuma- 

sjiia. 253. 
r.iiiiVlia e Cappella pontifi- 

. I 122. 
i .1 -h.i (La) del Sole, 20. 
i ..i: !ia reale d'Italia, 127. 
r ; i <- flora italiana, 237. 
il. iolci dei morti, 353. 
1 : :,'o, re, 194. 
r ; iKindoI, principe, 213. 
J 1 r.ui, cardinale, 593. 
1 crraris Galileo (Monumento 

a), CI 6. 
l.rrero Annibale, 642. 

Trini Contardo, 642. 
! esle. Centenari ed Esposi- 
zioni del 1904, 62. 
' • sto cristiane, 3. 

' ste mobili, 3. 
i •- !o, 278. 

1 ! i schematica del sole, 18. 
1 liscia di), C07. 
1 iipfpi Alessandro- Allegoria 

«Iella Primavera, 282 e tav. 

xiri. 

^ E., 642. 

dello Stato, 247. 
ia, 209. 

- Guida compendio- 
a (con 30 figure), 258- 

- Porta maggiore del 
■ 0, 616. 

- Teatro della Pergo- 

cardinale, '596. 
fauna Itahnna, 237. 
Giovanni. 643. 
■ini F., 468. 

culto. 159. 

:i. 31(;. 

..i, 3H». 

1. 316. 

-'ralia, 318. 

.1. 318. 

17. 



i seppe, impera- 



fU) - I.A Vergine in 
«vi Bambino, 263 o 

iV. 

del), 78. 
> ' della battaglia, 

rtl Tancredi, 1C6. 

"> M<,.,,(fi, 644. 

•sua, «44 



•e. 



i gastronomica e po- 
.i d'Italia, 8«B. 
uta« d* Fabriano • LA do- 



— XIV — 

razione dei Magi, 279 e 
tav. IL 

Gerarchia cattolica, 168. 

Gerii Luigi, 519. 

Germania, 193. 

Giannini Ol'.-a, 502, 

Giappone, '200. 

Gibbons, cardinale, 593. 

Giolitti Giovanni, 598. 

Giorgio, re, 197. 

Giorgio I, re, 202. 

Giorgio, principe, 213. 

Giorgione da Castelfranco -La 
Madonna col figlio, 285 e 
tav. XX. 

Giotto - Sposalizio della Po- 
vertà, 279 e tav. I. 

Girgenti - Tempio di Giunone 
Lucina, 74. 

Goessens, cardinale, 693. 

Goito, teatro della battaglia, 
444. 

Gotti, cardinale, 594. 

Governo della Colonia Eri- 
trea, 154. 

Gramatica Emma, 502. 

Gran Bretagna, 200. 

Grasso Giovanni, 606. 

Grecia, 202. 

Gregorio Magno, 52. 

Guastalla colonn. Enrico, 646. 

Guatemala, 202. 

Gubbio - Palazzo dei Consoli, 
75. 

Guerrazzi Francesco Dome- 
nico, 53. 

Guglielmina, regina, 206. 

Guglielmo II, imperatore, 193. 

Guglielmo II, re, 200. 

Guida compendiosissima di 
Firenze, 258. 

Guidi Tommaso- Adamo ed 
Eva scacciati dal Paradiso 
Terrestre, 280 e tav. IV. 

Haiti, 203. 

Haruko, imperatrice del Giap- 
pone, Ili. 

Herrera, cardinale, 504. 

Honduras, 203. 

Hortégue, 638. 

Hurst Len, 688. 

Igglus Bianca, 603. 

Illuminazione solare, 16. 

Illuminazione lunare, 17. 

Imperatricevedova della Cina, 
190. 

India, 202. 

Indice alfabetico annuale delle 
leggi, 439. 

Industrie (Le) femminili ita- 
liane, 336. 

Industrie Italiane, 244. 

Irving nei ruolo di Dante, 614. 

iHola (L") di File, 007. 

Isra«.'lltl (Dati statistici sujrli) 
del mondo e specialmente 
su quelli d'Italia, 173. 

Istruzione moderna ameri- 
cana. 327. 

Italia (Regno d'), 203. 

Italia • AbitanU del Kegno, 
238. 



Italia - Acqiia caduta, 232. 

Italia - Canali principali, 227. 

Italia - Commercio coli' estero, 
246. 

Italia - Confini terrestri del 
Kegno, 225. 

Italia (L') e sue differenze 
massime in latitudine e in 
longitudine, 215. 

Italia (L') e sua divisione po- 
litica e geografica, 215. 

Italia (Fattori economici del 
Kegno d'), 243. 

Italia - Fiumi, 225. 

Italia - Laghi, 226. 

Italia monumentale e pitto- 
resca, 55. 

Italia - Orografia, 216. 

Italia - Principali bonifiche, 
228. 

Italia - Principali elementi del 
contorno marittimo, 220. 

Italia - Principali passi alpini, 
217. 

Italia - Umidità relativa, 232. 

Janvier, podista, 544. 

Jolanda (Principessina), 128. 

Julian (M.mo Beaurey Sorel), 
834. 

Kant Emanuele, 52. 

Karagiorgio, 581. 

Keepsake, vincitore del Pre- 
mio del Commercio, 615. 

Kirchhoffer (Maestro), 560. 

Krupp Federico, 647. 

Kuang-Hsu, imperatore, 190. 

Lanza Andi-ea, 486. 

Laura (La) del Petrarca, 301. 

Ledochowski, cardinale, 647. 

Lega (La) navale italiana, 466. 

Leggi, decreti, regolamenti, ec 
dal 1 luglio 1902 al 30 giu- 
gno 1903, 439. 

Legouvó Ernesto, 648. 

Leigheb Claudio, 503. 

Leonardo da Vinci - Il Cena- 
colo, 283 e tav. XV. 

Leopoldo II, Re del Belgio, 
188. 

Leopoldo, re, 195. 

Levico, teatro della battaglia, 
459. 

Leone (Da) XIII a Pio X, 581. 

Leone XIII, ritratto, 685. 

Leone XIII ed i nipoti, 686. 

Leone XIII: esposizione della 
di lui salma, 587. 

Liberia, 203. 

Liechtenstein, 204. 

Limonate e aranciate, fredde 
e calde, 857. 

Lingue di lepre, 853. 

Lippe, 196. 

Lippi (Fra Filippo) - La Ver- 
gine che adora 11 Divino 
Gesù, 280 e tav. V. 

Livorno - Monumento detto 
dei Quattro Mori, 78. 

Locamo - La Deposizione della 
Croce, del Ciserl, 256. 

Locamo - Santuario della Ma- 
donna del Sasso, 255. 



Logue, cai\Tinale, 593. 

Longevità, 403. 

Looping the Loop, 623. 

Lo Turco, 606. 

Loubet Emilio, 102. 

Lubecca, 196. 

Lugano • Cattedrale, 254. 

Lugano - La Crocifissione, di 
Bernardino Luini, 255. 

Lugano - Piazza Guglielmo 
Teli, 252. 

Lugano - San Salvatore, 255. 

Lugo - Rocca, 79. 

Luini Bernardino - La Croci- 
fissione, 255. 

Luini Bernardino - La salma 
di Santa Cateiina portata 
al Sepolcro dagli Angioli, 
284 e tav. XVIL 

Luisa, regina di Danimarca, 
192. 

Luisa Antonietta di Sassonia, 
565. 

Luna (La), 19. 

Luna (Corso della), 28. 

Lunjevitza Nicodemo, 579. 

Lussemburgo, 204. 

Macallè, teatro della batta- 
glia, 462. 

Macchi, cardinale, 596. 

Maddaloni, battaglia del Vol- 
turno, 456. 

Madre (La) di Pio X, 590. 

Mafalda (La Principessa), 128. 
578. 

Magenta, teatro della batta- 
glia, 453. 

Magnetismo terrestre, 24. 

Mandelli Giuseppe, 541. 

Mantegna Andrea - San Gior- 
gio, 281 e tav. IX. 

Marconi (La telegrafia), 304. 

Marengo, teatro della batta- 
glia, 442. 

Margherita di Savoia, 128. 

Maria Amelia, regina di Por- 
togallo, 208. 

Maria Enrichetta già regina 
del Belgio, 649. 

Maria Luisa di Portogallo, 213. 

Mariani Teresa, 504. 

Marina mercantile italiana, 
246. 

Marina militare italiana, 247. 

Mario Nicola, 544. 

Markovic, generale, 580. 

Marocco, 204. 

Martinelli, cai-dinale, 595. 

Masaccio - Adamo ed Eva scac- 
ciati dal Paradiso Terrestre, 

280 e tav. IV. 
Maschi)!, colonnello, 580. 
Maser - Villa Giacomelli, 80. 
Massari Galeazzo, 650. 
Mathieu, cardinale, 597. 
Mecklenburg-Schwerin e Stre- 

litz, 196. 
Medichesse, 321. 
Medicina domestica, 380. 
Melozzo da Forlì - Sisto IV 

che dà udienza al Platina, 

281 e tav. X. 



— XV — 

I.Ienelik, 187. 

Menotti Garibaldi, 644. 

Mentana, teatro della batta- 
glia, 460. 

Mérignac Luciano, 566. 

Merletti e ricami, 331. 

Merry Del Val (mons.), 586. 

Messico, 205. 

Messina - Cattedrale, 81. 

Milano - Porta Romana, teatro 
della battaglia del 4 agosto 
1848, 447. 

Milano - La sala della Palla 
al Castello Sforzesco, 617. 

Milano -La sala del Tesoro al 
Castello Sforzesco, 618. 

Milano - Teatro della Scala, 
511. 

Milano - Teatro Lirico Inter- 
nazionale, 512. 

Milano -L'Univei'Sità Bocconi, 
603. 

Milazzo, teatro della batta- 
glia, 455. 

Milena, principessa, 205. 

Mina Mario Luigi, 539. 

Ministeri dal 1848 al 1903, 132. 

Ministero della R. Casa, 129. 

Ministero di Agricoltura, in- 
dustria e commercio, 154. 

Ministero degli Aflari Esteri, 
154. 

Ministero delle Finanze, 156. 

Ministero di Grazia e Giusti- 
zia e dei Culti, 158. 

Ministero della Guerra, 160. 

Ministero dell'Interno, 161. 

Ministero dell'Istruzione Pub- 
blica, 162. 

Ministero dei Lavori Pubblici, 
163. 

Ministero della Marina, 164, 

Ministero delle Poste e dei 
Telegrafi, 165. 

Ministero del Tesoro, 166. 

Ministri di Stato, 153. 

Ministri (Nuovii, 598. 

Mocenni, cai-dinale, 592. 

Modena Gustavo, 609. 

Modica in Sicilia, 561. 

Monaco, 205. 

Monaco - Il Glas-Palast, 293. 

Monreale- Chiostro della Cat- 
tedrale, 82. 

Montanara, teatro della bat- 
taglia, 445. 

Montebello di Voghera, teatro 
della battaglia, 451. 

Montenegro, 205. 

Monte Pelago d'Ancona, tea- 
tro della battaglia, 456. 

Monti (I) Berici di Vicenza e 
teatro della battaglia, 445. 

Moran, cardinale, 592. 

Morazzone, teatro della bat- 
taglia, 447. 

Mordini Antonio, 651. 

Moresnet, 206. 

Morin Enrico Costantino, 164. 

Moroni (Conte), 586. 

Mortara, teatro della batta- 
glia, 448. 



Mostarda, 351. 

Muley-Abd-Ul-Aziz, sult., 204. 

Municipalizzazione dei pub- 
blici servigi, 436. 

Muntz Eugenio, 652. 

Musica, 553. 

Mutsu Hito, imperatore del 
Giappone, 200. 

Mnzaffer Ed Din, Scià di Per- 
sia, 207. 

Napoleone I - Spada dell'in- 
coronazione, 53. 

Napoli -Teatro San Carlo, 513. 

Nasi Nunzio, 162. 

Necrologio (luglio 1902 - set- 
tembre 1903), 630. 

Negri Gaetano, 652. 

Nepal, 206. 

Netto, cardinale, 592. 

Nicaragua, 206. 

Nicola I del Montenegro, 205. 

Nicola II, Tsar, 209. 

Nocella, cardinale, 595. 

Nord Alexis, 203. 

Norvegia, 212. 

Notizie amministrative, sta- 
tistiche, diplomatiche, ec, 
118. 

Notizie geografiche, statisti- 
che e demografiche sul- 
l'Italia, 215. 

Notizie statistiche sui princi- 
pali Stati del mondo, 187. 

Novara, la Bicocca e la bat- 
taglia del 23 marzo '49, 444. 

Novelli Ermete, 504. 

Novità della scienza, 304. 

Oderio Edoardo, 541. 

Officine metallurgiche e mi- 
neralurgiche d'Italia, 245. 

Olanda, 206. 

Oldenburg, 196. 

Olga, regina di Grecia, 202, 

Olgisio - Cortile e loggiato del- 
la Rocca dei Dal Verme, 83. 

Ora (L'J dell' " Ave Maria „, 15. 

Oi'ario mondiale, 14. 

Ordine equestre al merito del 
Lavoro, 184. 

Ordine giudiziario, 179. 

Ore (Le) Italiane, 15. 

Oreglia, cardinale, 592. 

Orologio (L') siderale, 27. 

Oscar II, re di Svezia, 212. 

Osservatorii meteorologici ita- 
liani, 230. 

Ottolenghi Giuseppe, 160. 

Padova - Abside della Chiesa 
degli Eremitani, 84. 

Padova - Interno del Palazzo 
della Ragione, 85. 

Paesi Bassi, 206. 

Pagliano Eleuterio, 653. 

Palermo-Teatro Massimo, 513. 

Palestro, teatro della batta- 
glia, 452. 

Palma Estrada Tomaso, 191. 

Pando José, 189. 

Panzacchi Enrico, 602. 

Paraguai, 207. 

Parigi - Monumento a Balzac, 
601. 



rarlgl - L'Académle Julian, 
335. 

Paris Gastone, 633. 

Parlamento italiano; legisla- 
ture, sessioni, numero delle 
sedute pubbliche dal 1848 
al 1903, 131. 

Parma - Ponte di Mezzo di 
G. Ciiirati, 294. 

l'.ii . «Ili, cardinale, 654. 

l•a^^.^-lla prof. Augusto, 617. 

l'asta Margherita, 352. 

i'ecci ai cardinale Gioacchi- 
no), i suf.i fratelli e i suoi 
nipoti, 584. 

Pfcci conte Camillo, 586. 

l'er chi scrive o fa stampare 
(Avvertenze), 309. 

Porgolesi G. B., 53. 

Persia, 207. 

Perù, 207. 

Perugino (II) - La Madonna 
con Gesù e i Santi, 282 e 
tav. XII. 

Pesca (La) sportiva, 645. 

Petrarca Francesco - Due ri- 
tratti, 300. 

Petrarca (Francesco) e il suo 
«"•"ntenario, 300. 

5 ::ìi • ti (Il corso dei), 21, 28. 

i ->ii. ti (Posizione dei), 20. 

Piero della Francesca - La 
Vergine col Figlio, circon- 
data da Angioli e Santi, 280 
'• tav. VL 

!■ -i fti, cardiale, 596. 

Ir r acqua (Monumento a 
I.'.-it, 602. 

1 • r , I. re di Serbia, 210,681. 

li Perugia, 353. 
Il)- Madonna col 
(■•"•>■. --4 e tav. XVI. 
1» X. 121. 
: isa - Battistero, 87. 
IH» - Campanile, 86. 
i IH» - Chiesa di S. Maria della 
Spfna. «^. 

' I no, 88. 

-■» pJn belle) del 
pilori pittori italiani, 



presso Ascoli 

-. Sommo), 121. 
(berle dei Sommi), 

"" 'fa) dell'Europa 
lelsecXX, 248. 

. 694. 

•^n». 2««. 

174. 

:ra- 

' di 

!i Vpl"l!M.179. 

1 Coni»ifUo dei 



— XVI — 

Processo Brard, 317. 

Processi (I moderni) fotomec- 
canici, 313. 

Processi fotomeccanici al bi- 
tume, 317. 

Processi fotomeccanici mono- 
cromi, 317. 

Processi policromi, 314. 

Prussia, 196. 

Punehs, 358. 

Raffaello Sanzio - La Scuole 
d'Atene. 285 e tav. XXI. 

Eaibolini Francesco - La Ver- 
gine in trono col Bambino, 
283 e tav. XIV. 

Rampolla, cardinale, 593. 

Ilavello - Porte della Catte- 
drale, 91. 

Ravenna - Mausoleo di Galla 
Placidia, 92. 

Eegalado Tomaso, 209. 

Reggimenti (Distintivi dei) di 
cavalleria, 464. 

Reggio Emilia - Teatro Muni- 
cipale, 514. 

Regina (La) Elena, 127. 

Regina (La) Madre, 128. 

Reiter Virginia, 505. 

Respighi, cardinale, 595. 

Reuss-Greiz, 197. 

Reuss-Schleiz-Gera, 197. 

Ricami e merleiti, 331. 

Ricevimenti (Ciò che si usa 
servire durante i), 354. 

Riesco German, 190. 

Riese, Casa dove nacque Pio X, 
590. 

Riese, veduta, 588. 

Rieti, teatro della battaglia, 
443. 

Riforma Giuliana, 1. 

Rifoi-ma Gregoriana, 2. 

Rigutinl Giuseppe, 657. 

Rionero sul Vulture, 560. 

Risotto alla milanese, 349. 

Roca Giulio, 188. 

Rodrlguez Alves F. P„ 190. 

Roma - Museo Capitolino : 
Gladiatore morente, 94. 

Roma - Museo Vaticano: Tor- 
so del Belvedere, 93. 

Roma - Porta Pia, teatro della 
battagll.i, 460. 

Roma - Porta San Pancrazio, 
teatro della battaglia del 
30 giugno 1849. 449. 

Roma - Teatro Drammatico 
Nazionale, 616. 

Roma - Villa Borghese : Tem- 
pio sul Lago, 621. 

Ronchetti Scipione, 161. 

Roosevelt. 211. 

Ro85rt Alessandro (Monumen- 
to ad). 602. 

Rossi Raffaello, atleU, 644. 

Ramenia, 208. 

Russia, 209. 

Sabel Virilio. 544. 

Sagastn ' -. 

Sala (I, ive, 588. 

Sallsbni. : Cedi, 658. 

Baioni »ociali, 02*. 



Salvador, 209. 

Salvini Gustavo, 5CC. 

Salvini Tommaso, 606. 

Samos, 214. 

San Domingo, 210. 

Sand Giorgio, 53. 

San Marino, 210. 

San Martino, teatro della bat 

taglia, 454. 
Sant'Eufemia dellaFonte, tea- 
tro della battaglia, 449. 
Santa Lucia del Tione, teatro 

della battaglia, 457. 
Santa Lucia di Verona, teatro 

della battaglia, 444. 
San Fermo, teatro della bat- 
taglia, 452. 
Sarafoff Boris, 575. 
Sarawak, 210. 
Saredo Giuseppe, 659. 
Sarto Giuseppe, 588. 
Sarto (Giuseppe) quando era 

cappellano, 590. 
Sarto (Giuseppe), vescovo di 

Mantova, 591. 
Sarto (Giuseppe), patriarca di 
Venezia: ritratto e auto- 
grafo, 591. 
Sassonia, 197. 
Sassonia-Altenburg, 197. 
Sassonia-Coburgo eGotha, 198. 
Sassonia-Meiningcn, 198. 
Sassonia-Weimar, 198. 
Sassovivo (Foligno) - Chiosco 

dell'Abbazia, 72. 
Satellite (Il nostro). 19. 
Satolli, cardinale, 597. 
Savoiardi, 352. 
ScalTaiolo (Lago), 77. 
Scandiano - Rocca, 95. 
Scarpariola Cencia, 4S6. 
Schio - Monumento ad Ales- 
sandro Rossi, 602. 
Schaumburg-Lippe, 199. 
Schwarzburg-Rudolstadt, 199. 
Schwarzburg-Sondershausen, 

199. 
Scienza (Novità della\ 304. 
Scioperi (Gli) nel 1902, 5it9. 
Scuole (Le nostre) all'estero, 

464. 
Scuri Enrico, atleta, 518. 
Segna, cardinale, 59»>. 
Selinunte - I PUierl del Gi- 
ganti, 96. 
Selvapiana, 302. 
Selvatico Luigi - Palazzo Ve- 
neziano. 296. 
Sei vatico Riccardo(Monumen- 

to a), 614. 
Senato del Regno, 138. 
Serbia, 210. 

Servigi pubblici e loro mu- 
nicipalizzazione, 436. 
Siam, 211. 

Slgnorelll Luca - Predicazio- 
ne e fatti dell'. \ntioristo, 
2S2 e tav. XI. 
Simoni Renato, 622. 
Sistemazione oraria mondia- 
le, 14. 
Soccorsi d'urgenza, 380. 



-ocletà femminili, 824. 

-afia, regina di Svezia e Nor- 
vegia, 212. 

Sole (Corso del), 28. 

Sole (La famiglia del), 20. 

Sole (Figura schematica del), 
18. 

Solferino, teatro della batta- 
glia, 453. 

Sommacampagna, teatro del- 
la battaglia, 446. 

Sorrento (Dintorni di) - Il De- 
serto, 97. 

Sovrani (Ritratti dei), 187. 

Sovrani della Real Casa di Sa- 
voia - Serie cronologica, 125. 

Spada dell' incoronazione di 
Napoleone I, 53. 

Spagna, 211. 

Specialità gastronomiche, 348. 

Spoleto (Dintorni dì) - Chiesa 
di San Ponziano, 98. 

Sport e agricoltura, 327. 

Sport, giuochi e passatempi, 
518. 

Sport (I campioni dello) in 
Italia, 518. 

Stanze dei Corpi d'Armata al 
settembre 1903, 175. 

Stati (I principali) del mondo : 
ritratti e stemmi, 187. 

Stati Uniti d'America, 211. 

Stella (La nostra), 18. 

Stella (La) polare, 27. 

Stella polare (Posizione della) 
111. 

Stelle cadenti, 22. 

Stelle straordinarie, 23. 

Stemmi, ritratti dei sovrani 
e notizie dei principali stati 
del mondo, 187. 

Stolz Teresa, 660. 

Strafforello Gustavo, 661. 

Strage (La) di Belgrado, 579. 

Svampa, cardinale, 597. 

Svezia e Norvegia, 212. 

Svizzera, 212. 

Svizzera (La) italiana, 249. 

Svizzera (Carta della) italiana, 
257. 

Taitù, regina, 187. 

Taliani, cardinale, 596. 

Tariffe per le corrispondenze 
postali, 665. 

Tarquini Antonio, 544. 

Tavola delle feste mobili per 
gli anni 1904-1908, 3. 

Tavole astronomiche men- 
sili, 28. 

Teatri (I) d'Italia, 508. 

Teatri (I) di battaglia in Ita- 
lia e In Africa, 442. 

Teatro (II) drammatico italia- 
no, 500. 

Telegrafi, telefoni e poste, 296. 

Telegrafia (La) Marconi, 304. 

Temperature medie d'Italia, 
231. 

Teramo - Cattedrale, 99. 

Terra d'Otranto - Costumi, 487. 



— XVII — 

Ten-acina — Cattedrale, 100. 
Thè (L'arte di preparare e di 

servire il), 360. 
Thomas Gustavo, 544. 
Tiepolo G. B. - La Vergine in 

gloria, 287 e tav. XXV. 
Tina di Lorerzo, 501. 
Tintoretto (II) - Il Miracolo di 

San Marco, 286 e tav. XXII. 
Tivoli - Avanzi del Teatro 

Greco, 102. 
Tivoli - Tempio della Sibilla, 

101. 
Tivoli- Villa d'Este, 103. 
Tiziano Vecellio - L'Amor sa- 
cro e l'Amor profano, 285 e 

tav. XIX. 
Todi - Duomo, 104. 
Todi - Foro Boario, 105. 
Tonga (Isole), 212. 
Torchiai-a - Cortile del Ca- 
stello, 106. 
Torino - Chiesa della Gran 

Madre di Dio, 107. 
Torino - Monumento a Galileo 

Ferraris, 616. 
Torino - Monumento al Pie- 

tracqua, 602. 
Torino - Ponte sul Po - 107. 
Torino - Teatro Alfieri, 515 e 

516. 
Torretta Gaspare, 521, 540. 
Torta di Savoia e savoiardi, 

352. 
Tortellini alla bolognese, 848. 
Tricromia, 318. 
Tripoli, 214. 

Trivulzio Gian Giacomo, 662. 
Tunisi, 193. 
Turchi ing. Carlo, 613 
Turchia, 213. 

Ubertis Corinna Teresa, 605. 
Ufficiali (Grandi) dello Stato. 

153. 
Ungheria, 188. 

Università Luigi Bocconi, 603. 
Urnguai, 214. 
Usanze e costumi tradizionali 

del popolo italiano, 474. 
Val Bregaglia, 256. 
Val Divedrò, 249, 
Val Mesocco, 256. 
Val di Monastero, 258. 
Val di Poschiavo, 266. 
Val Seriana - (Costume delle 

donne della), 342. 
Valchiusa, 302. 
Valeggio sul Mincio, teatro 

della battaglia, 442. 
Valori (Notizia dei principali) 

italiani, 422. 
Vaunucci Piero - La Madonna 

con Gesù e 1 Santi, 282 e 

tav. XII. 
Vannutelli Serafino, cardinale, 

592. 
Vannutelli Vincenzo, cardi- 
nale, 592. 
Varese, teatro della battaglia 

del 26 maggio 1859, 451. 



Vecellio (Tiziano) - L'Amor 
sacro e l'Amor profano, 285 
e tav. XIX. 

Vega Franco, 566. 

Vela Vincenzo, 252. 

Velleja (Avanzi dii, 108. 

Veneto (II) - Costumi, 474. 

Venezuela, 214. 

Venezia - La batteria del pon- 
te (1849), 450. 

Venezia - V Esposizione inter- 
nazionale di Belle Arti, 2SS. 

Venezia -Esposizione di Belle 
Arti: Sala Veneta, 289. 

Venezia - Esposizione di Belle 
Arti: Veranda Lombarda, 
290. 

Venezia- Esposizione di Belle 
Arti : Sala del Lazio, 290. 

Venezia -Salone internaziona- 
le dell'Esposizióne di Belle 
Arti, 289. 

Venezia - Il Palazzo dell'Espo- 
sizione di Belle Arti, 288. 

Venezia - Monumento a Bar- 
tolomeo Colleoni, 109. 

Venezia - Monumento a Ric- 
cardo Selvatico, 614. 

Venezia - La Società di sport 
" Franco Querini, „ 520. 

Venezia -Teatro della Fenice, 
51 ó. 

Verona - Basilica di Santo Ze- 
no Maggiore, 110. 

Verona - Chiesa di Santa Ma- 
ria in Organo, 112. 

Verona - Piazza delle Erbe, 
111. 

Verona - Ponte della Pietra, 
113. 

Veronese (II) - Il Convito di 
Gesù in casa di Levi, 287 e 
tav. XXIV. 

Vescovi e arcivescovi delle 
sedi residenz. italiane, 168. 

Viabilità (La) in Italia, 246. 

Vinci (Leonardo da) - Il Ce- 
nacolo, 283 e tav. XV. 

Vinca Francesco, 663. 

Vino brulé caldo, 358. 

Virchow Rodolfo, 603. 

Vitaliani Italia, 507. 

Vittorio Emanuele III, 127. 

Vivere (Per) almeno 100 anni, 
403. 

Volpati Giacinto, 521, 541. 

Volta Mantovana, teatro della 
battaglia, 446. 

Volturno, teatro della batta- 
glia, 456. 

Vulcanismo. 233. 

Waldeck, 199. 

Weysi Andrea, schermid. 522. 

Wurtemberg, 200. 

Zabaione, 359. 

Zabaione gelato, 359. 

Zacconi Ermete, 507. 

Zanardelli Giuseppe, 153. 

Zemp Giuseppe, 559. 

Zilia, 539. 



6r:$ ^ì -^ $-ì^^£-ì-$-$^^ ::^::^^-$-$-^-$-$:^=^:^=^^ 



INDICE DEI PRINCIPALI COLLABORATORI 



Accordi prof, don Pellegrino, Mantova — 

(Eiiimmistica). 
Ancona prof. Jng.Ugo, consigliere della Lega 

Navale Italiana, Milano — (Notizia sulla 

Lega Navale). 

Antelling signora Mara, Venezia — La 
V* Esposizione Internazionale d'Arte a Ve- 
nezia). 

Arpesani De Agostini signora Zina, Mi- 

l,(»o — (Corriere femminile). 

Baroni cap. Isidoro, direttore dell'" Astro- 
tìlo , Milano — (Parte astronomica). 

Belotti nvv. Bortolo, Milano — (Indice delle 

1o-ì:ì). 

Besana ing. Giuseppe, presidente della Se- 
zione Lariana della Società Lombarda per 
la Pesca e l'Acquicoltura, Cernobbio -^ (Pe- 
f?ca sportiva). 

Calamatta D. Marino, console segretario 
df.lla Sezione di Milano della " Corda Fra- 
tres „ e vicesegretario generale per l'Ita- 
lia — (Notizia sulla Corda Fratres). 

Cantù Giuseppe, Milano - (Campioni dello 
Sport in Italia). 

Cenni lav. Quinto, Milano — (Teatri di bat- 
t.ijclia in Italia). 

Clèmenzo ing. Fiorentino, KnpoJi — (I mo- 
derni processi foto-meccanici). 

Clerici dott. Alessandro, Milano - (Parte 
medica). 

Cougnet cav, dott. Alberto, Milano - (Po- 
dismo). 

Dall'Olio signorina Maria, y<M?o/a dell'Emi- 
li-I — (Cucina fd economia domestica). 

Del Lungo dott. Carlo, prof, al R. Liceo 
della Spetta - (Novità della scienza). 

Errerà dott. Carlo, prof, al R. Istituto Tec- 
nico di Torino — (La Svizzera Italiana). 

Garollo d^tt. vax. Gottardo, prof, al R. Isti- 
tuJf. Tecnico di Milano — (Notizie geografi- 
che, demografiche e statistiche nell'Italia). 

Gastaldon Mnr>stro S., Firenze — (Pagine 



Montemartini prof. Giovanni, direttore 
dell"* UfiBcio del Lavoro, lioma — (Mu- 
nicipalizzazione dei pubblici servizi). 

Passerini conte Giuseppe Landò, diret- 
tore del " Giornale Dantesco , Firenze — 
(Petrarca e il suo centenario). 

Restagno comm. prof. Carlo Felice, della 
R. Università di Modena — (Notizie sulle 
nostre Scuole all'estero). 

Ricci dott. cav. Corrado, direttore delle 
RR. Gallerie di Firenze — (I capolavori 
dell'arte nostra). 

Rispoli avv. Consiglio, direttore della " Ri- 
balta „, Xapoìi — (Teatro). 

Rosselli signora Amalia, Roma — (Le in- 
dustrie femminili italiane). 

Signorini prof. Giuseppe, Firenze — (Guida 
di Firenze). 

Tortori prof. dott. Alfredo, direttore del- 
l'Istituto Internazionale Maschile di Mo- 
naco di Baviera — (L'Arte italiana al- 
l'estero). 

Vercesi prof, don Ernesto, Milano — (Da 
Leone XIII a Pio X). 

Vianello prof. Luigi (Gigio de Muran), Mu- 
rano — (Usanze e costumi tradizionali del 
Veneto). 

Wittgens rag. Edoardo, agente di cambio. 
Milano^*) — (Notizie sui valori di borsa). 



LA DIREZIONE. - (Notizie generali sul 
Calendario — L'Italia monumentale e pit- 
toresca — Memorandum quotidiano — 
I principali Stati del Mondo — Per chi 
scrive e fa stampare — (Geografia gastro- 
nomica e potatoria d'Italia — Avveni- 
menti più importanti — Cronachetta di 
Scienze, Lettere, Arti e Sport — Necro- 
logio, ec). 



Ci! 



berte, ìtiìano — (Caralli e 



>t Alessandro, Milano 



(Dla- 



*^'!-l' —ppe, del R. Liceo di Po- 

e costumi tradizIoiiaU di 

Magnasco Tomaso Edoardo, Mìlatto — 
(.Automobilism<. e ciclismo). 



Molti altri collaboratori hnnno prestato 
in luoghi e misure diverse l'opera loro. .\1- 
cunl modestamente desiderano di non ve- 
dere pubblicati 1 loro nomi, fra 1 quali il 
nostro antico, valente e cortese cooper.Hfore, 
funzionario della Corte Pontificia. 



(*) DcTunto nfllo «oor«o ottolire. Ci ris. . .....^. 

di darn« un rcnno biocranco nel N<><-ro1o:jiu dt-I 
pr(n«itno anno : intanto inviamo sÌQC«r« condo- 
glianze alla famiglia. 



PILLOLE UNIVERSALI FATTORI. - ( Vedi 



piccola posta 



S'.ri. Gastone P. (Bellosguardo, presso Fi- 
renzeì. — Un Calendario del Giardiniere 
e dell'Orticoltore fu pubblicato nei vo- 
lumi del 1896 e del 1899. Del traforo del 
Sempione ci siamo riservati di parlare nel 
volume prossimo. 

Avv. Enrico B. (Bologna). — Com'Ella vede, 
ci siamo decisi a sopprimere affatto le ri- 
ghe bianche appunto perchè non era pos- 
sibile di lasciarle in ogni giorno e in uguale 
misura. Così non diranno che l'Almanacco 
vende della carta bianca! 

Ing. G. Morselli (Bologna). — Ottima idea, 
ma come realizzarla? 

Vrof. Venturino C. (Catania). — Le cartine 
astronomiche saranno rifatte per il pros- 
simo anno: comunicheremo il suo sugge- 
rimento all'egregio nostro collaboratore 
per la parte astronomica. 

Ing. prof. Francesco Rapisardi (Catania). 
— Grazie : se saranno fotografie di monu- 
menti, le pubblicheremo volentieri. 



Cav. avv. Antonio T. (Foggia). —Vorremmo 
poter accogliere il suo suggerimento, ma 
non è facile. H nsstro Almanacco è na- 
zionale, e le colture, i lavori agricoli, va- 
riano tanto da regione a regione! 

Prof. P. Fornari (Gattico). — Grazie della 
correzione.... che però non è una corre- 
zione. Le notizie sull'isola di San Giulio 
sono esattissime; e il compilatoi-e non si 
è sognato di confondere la vecchia basi- 
lica di San Giulio, di cui si parla nel luogo 
indicato, col santuario d'Orta. 

Sig. Giuseppe De G. (Gorizia). — Della Ve- 
nezia Giulia e del Trentino parlammo nel 
volume del 1901; con cai-te geografiche, 
vedute, ec. 

Sig. Angelo S- (Ingurtone Bau, presso An- 
guis). — Parlammo dell'occultismo nel- 
r Almanacco del 189S; ma diffondersi di 
più sull'argomento non ci pare consen- 
taneo all'indole della pubblicazione. 

Sig. Luigi B. (La Salle). — Scorra l'indice 
generale delle rubriche pubblicate nei di- 



Talloncino da staccarsi. 



ENIGMISTICA - Premi ai Solutori 



Ritagliare il jjresente talloncino e inviarlo al prof . Pel- 
legrino Accordi, Vìa Chiassi, 15 - MANTOVA, con V esatta 

Spiegazione dei giuochi. 



Leggere attentamente a pag. 550 e seguenti. 



XX — 



Tersi volumi dell'Almanacco e vedrà che 
quasi tutto ciò che Ella suggerisce, è già 
stato stampato e anche ripetutamente. 

SliJ. F. E. Franchini (Livorno). — L'edi- 
zione rilegata dell'Almanacco c'è, e costa 
3 lire. 

i<i,j. Mazzlnio P. (Livorno^ — Come vede, 
abbiamo migliorato la rubrica dei Prin- 
cipali Slati del Mondo: per la storia del 
giornalismo, consulti il volume del 1S97. 

Sìg. Giacomo S. (Noicattabo, prov. di Bari). 
— Dello stato delle famiglie già sovrane 
in Italia e spodestate parlammo nel I vo- 
lume; delle famiglie straniere ci riser- 
viamo di parlare in uno degli anni pros- 
simi. 

Doti. Giulio Mócs (Pkcs, Ungheria). — Del 
giornalismo italiano parlammo copiosa- 
mente nel volume del 1897. 

SIg. Francesco Morettini (Perugia). — Della 
storia del giornalismo parlammo nel vo- 
lume del 1897. Attendiamo le promesse fo- 
tografie della verde Umbria. 



Sìg. Gaetano Perotti (Piacenza). — Non ci 
sembrano adatti al nostro volume ne un 
articolo sulle chiese del Piacentino, né sui 
castelli del Piacentino; ma se Ella potrà 
favorirci fotografie di chiese, o castelli, o 
altri monumenti di codesta regione, con 
brevissimi cenni illusti'ativi, saremo lieti 
di pubblicarne qualcuna nella serie del- 
l'Italia monumentale e pittoresca. 

Sig. V. Capo (Eoma). — Della Consulta Aral- 
dica parlammo nel volume del 1901 : degli 
Ordini Cavallereschi in molti altri volumi. 
È stato accolto il suo suggerimento rela- 
tivo ai consolati italiani: gli altri non ci 
sembrano realizzabili. 

Don Mariano Galavotti-Leardini (Soglia- 
No AL Rubicone). — Grazie della cortese 
correzione relativa alla patria di Clemen- 
te XIV. Come vede, ne abbiamo fatto te- 
soro: ma questa è un'errata-corrige, non 
è un suggerimento che possa concorrere 
al Premio. 

Padre Gregorio da Soliera (Sogliano al 
Rubicone). — Rispondiamo anche a Lei co- 
me al M. E. D. Mariano Galavotti-Leardini. 



£:niivi:ivi:xstica 

qranpTpremi 

AI SOLUTORI 



(Vedi retro). 



}le30co)ifo 



dell'estrazione del grande premio di L. 1000 in oro fra 
gli acquirenti dell'Almanacco Italiano 1903, 

avvenuta il 30 Giugno 1903 a cura di un pubblico notaio. 



ULISSE SARTONl 



FIRENZE 



ESTEATTO AUTENTICO 

Certificasi ed attestasi da me infrascritto No- 
taio residente in Eirenze, Ulisse del fu Mariano 
Sartoni, che da atto pubblico, nelle forme di legge, 
rogato nel giorno 30 Giugno ultimo decorso e re- 
gistrato in Firenze nello stesso giorno al N° 4719, 
resulta che fu esattamente compiuta in presenza no- 
stra e contestuale dei due testimoni alle ore 11 V4 
{undici e V4) di detto indicato giorno, nello stabi- 
limento della Ditta corrente in Eirenze R. Bem.'- 
porad Se figlio Editori, la imborsazione dei nu- 
meri dal Xumero uno al numero ìsovemilacinque- 
centosessantanove, all' effetto di tirare a sorte un sol 
numero vincitore del premio di lire Mille in oro, 
dalla Spettabile Ditta suaccennata, promesso ai 
concorrenti ed acquirenti dell'Almanacco Italiano 
dell'anno Millenovecentotre. Procedutosi subito al- 
l'estrazione (li uno dei numeri imborsati venne 
astratto il numero Ottomiladiciotto (8.018) 
vincitore del premio stesso. K'el contempo fatto il 



— XXII — 

debito riscontro al registro matrice venne verifi- 
cato che il numero 8.018 era stato aquistato dal 
Sig. Paolo Fiocchi residente in Modena, N' 7 
Corso Cavour, divenuto vincitore del premio stesso, 
che gli verrà pagato a cura della prelodata Ditta 
commerciale R. Bemporad & figlio Editori 
con Stabilimento in Firenze nella Via del Procon- 
solo K^ 7. 

Estratto, spedito in conformità esatta delF origi- 
nale, e rilasciato nel giorno primo luglio Millenove- 
centotre, a richiesta, e per uso del Sig. Cav. En- 
rico Bemporad proprietario e rappresentante della 
più volte nominata Ditta. 

Ulisse del fu Mariano Sartoxi 

Hegio Notaio residente in Firenze, 

In seguito di che fu immediatamente versata la 
somma di Lire Mille in oro al fortunato vincitore del 
quale pubblichiamo la ricevuta. 

EICEVUTA 

Io sottoscritto Piwlo Fiocchi di 3Iodena, ahitante nel 
Corso Cavour iY.<> 7, ricevo dalla Spett.^^ Ditta E, Bempo- 
rad & FJ^ di Firenze, editrice delV Almanacco Italiano, la 
somniM di Lire Mille in oro, premio sarteggiato col N."^ 8018, 
fra % compratori delV Almanacco del 1903. Ringrazio la Ditta 
stessa per la premura colla quale mi significò la vincita 
fatta e per la prontezza colla quale ha voluto effettuarmi il 
pagamento della suddetta somma, non appena da nie pr esen- 
'•' ' ' ' ' portante il numero vincitore, 
' ^-fo L. 1000, 

Modena, 14 luglio 1903, 

PAOLO FIOCCHI 



Jlela^ione 

sui premi conferiti ai migliori suggerimenti. 



Lo scorso anno nell'intento di perfezionare sempre più le 
edizioni annuali del nostro ALMANACCO ITALIANO, invitammo i cor- 
tesi lettori a indicarci le aggiunte e le modificazioni che essi sug- 
gerivano, promettendo agli autori di suggerimenti, che venissero 
accolti, il dono di cinquanta lire di libri di nostra edizione a scelta. 

Il numero di coloro che ci favorirono con suggerimenti, con- 
sigli, osservazioni, fu grandissimo : e a tutti esprimiamo la nostra 
sincera gratitudine, anche a coloro dei quali i suggerimenti non 
poterono essere accolti, oppure furono riservati per altre edizioni. 
Intanto diamo qui pubblica notizia del modo col quale abbiamo 
assegnato i premi promessi. 

Non abbiamo potuto tener conto, naturalmente, dei suggeri- 
menti che non contengono un'idea veramente nuova ed originale, 
ma che si riferivano a progetti cosi ovvii che erano nel programma 
normale del libro od anche erano stati preannunziati. Cosi non era 
possibile prendere in considerazione per un premio il consiglio di 
un egregio signore che ci proponeva di pubblicare la Guida di 
Firenze, di cui inevitabilmente doveva venire il turno nella serie 
delle guide delle principali città italiane che da alcuni anni an- 
diamo pubblicando; o quello di alcuni altri che c'invitavano a 
pubblicare dei giuochi a premio, cosa tutt' altro che nuova tanto 
per noi quanto per infiniti altri giornali e almanacchi; o di altri 
lettori che volevano la ripetizione in quest'anno di articoli già 
pubblicati in vari volumi -precedenti dell' ALMANACCO (Soccorsi 
d' urgenza, Per chi stampa o fa stampare) o la ripresa della Scelta 
di caricature, già tentata da noi nel 1899. 

Ciò premesso, ecco i suggerimenti che abbiamo accolti, e che 
saranno premiati con 50 lire in libri: 

Sig. Riccardo Predelli (Venezia, R. Archivio di Stato) : Pro- 
dotti gastronomici delle diverse regioni e città italiane (ma il di- 
rettore dell'ALMANACCO tiene a far noto che il suo lavoro, per 
singolare coincidenza era già stato fatto e destinato al presento 
volume già prima che uscisse il volume del 1903). 

Ing. F. Clènienzo (Napoli, Vetriera a Chiaja, 9) : Moderni 
procedimenti fotomeccanici. 

Sig. Giulio Cesare Sesso (Milano, piazza P. Perrari, 3): 
Nuovi distintivi delle brigate di fanteria. 



— XXIV — 



Comm. prof. Carlo Felice Restagno (Modena, E. Univer- 
sità): Storia delle Scuole italiane all'estero. 

Sig. Vincenzo Capodanno (Elena, prov. di Caserta, via Um- 
berto I): Principali teatri italiani. 

Al sig. dott. Calogero Genco da Villarosa (prov. di Calta- 
nissetta), il quale ha suggerito di ampliare la rubrica dei Princi- 
pali Stati del Mondo, aggiungendovi l'indicazione della religione 
professata e della lingua parlata, assegnamo, poiché non si tratta 
che di un perfezionamento o modificazione a un' idea già effettuata, 
metà del premio, cioè L. 25 in libri. E lo stesso premio daremo 
al sig. Ettore Broggi, del Convitto Nazionale Maria Luigia di 
Parma, il quale ci ha dato, fra altri, tre consigli : di parlare della 
nuova principessa Mafalda (consiglio quasi superfluo poiché par- 
liamo di tutti gli avvenimenti notevoli, e anche alla principessa 
Jolanda avevamo dedicato un articolo), di tener conto del riordi- 
namento dell'arma d'artiglieria (come potevamo fare alt^'menti?) 
e di ristampare l'articolo Per chi scrive e fa stampare. Nessuno 
di questi suggerimenti potrebbe, isolatamente, aver diritto al pre- 
mio, tuttavia trovandosene tre insieme, accordiamo un premio d'in- 
coraggiamento. 

Il suggerimento di riprodurre i principali capolavori dell' arte 
antica italiana, ci è stato dato da tre persone : il prof. Casimiro 
Adami, del E. Liceo di Molfetta, il sig. Antonio Antonucci 
(Napoli, vico II. Montecalvario, 2), il sig. Francesco Marinig 
(Trieste, via Istituto, 9. e); Assegnamo loro L. 20 in libri a testa. 

Invece il suggerimento di aggiungere all'indicazione delle 
ambasciate italiane all'estero i principali consolati italiani, ci è 
stato dato da ben 5 persone: il sig. V. Capo (Eoma. via della 
Scrofa, 95), il dott. Decio Felici fSolarolo, in prov. di Eavenna"), 
il sig. Pio Franceschi (segret. del comune di Zocca, prov. di 
Modena), l'ing. Luigi Gonella (Sestri Ponente, via Ugo Foscolo,?), 
il sig. Agostino Virgilio (Genova, via Catfaro, 14-3). Assegnamo 
anche a ciascuno di loro un premio di L. 10 in libri. 

Sono tutte insieme Um 4XO in libri di nostra edi- 
zione che mettiamo a disposizione dei nostri cortesi coope- 
ratori. A ciascuno dei 15 premiati abbiamo fatto spe- 
dizione del nostro catalogo e attendiamo che fatta su 
di «sso la scelta, ci siano indicati i libri che dobbiamo 
>!»«'( liiv. 

R. Bemporad Se Figlio. 



S franili Premi 

deir^lnianacco Italiano t90ì 



Lire fff Lire 

le I IV 

in ORO I in LIBRI 

20,000 SPLENDIDI VOLUMI 

^ ^ <#> 

TUTTI I POSSESSORI dell'Almanacco Italiano 1904, inviando alla 
nostra Casa Editrice la seguente Scheda incollata su vaglia-car- 
tolina di soli Cent. 70, riceveranno franco di j^orto, uno dei retro 
notati splendidi volumi a loro scelta e concorreranno senz' altra 
spesa all'estrazione di un 

GRANDE PREMIO 

di 

r^ipe TéLTI^J^lEà in OR^O 

e di 100 Premi in libri di edizione Bemporad del valore di L. 10 cia- 
scuno, a scelta nel nostro catalogo. 

Indirizzo: R. BEMPOUAD & FIGLIO • Editori • FIRENZE 

21^^ NB. Tutti coloro che c'invieraniio la suddetta Scheda nel modo indicato riceve- 
ranno dalla nostra Ditta, insieme al volume, il N" d' ordine loro assegnato e che sarà 
imbussolato per l'Estrazione dol GRANDE PREMIO DI LIRE MILLE IN ORO e dei 
100 PREMI DI LIRE 10 DI LIBRI CIASCUNO, estrazione che sarà fatta a :ura di un pub- 
blico Xotarn il 30 Giugno 1904 irrfr,,n(J.ihNefite. 

La Scheda deve esserci inviata entro il 15 Giugno 1904. 



SCHEDA 

Il sottoscritto fichìede alla Casa Editrice Jìenti)ora(l - Firense, una copia del 

libro e unisce Ceni. 70, e dichiara 

di voler concorrere air estrazione dpi GRANDE PREMIO DI LIRE MILLE IN ORO e dei 

100 PREMI IN LIBRI, DI L. 10 CIASCUNO. 

Firma 

Indirizzo 

(Via, Città, Provincia). 

HTB. Incollare la presente su vaglia-cartolina di Cent. 70. 
(Gli acquirenti all'estero inrieranno vaylin postale intemazionale di l'i*. 1). 






««Mni^^MM^^^WMtfVM^tfa'iM'* 



ARTISTICO CALENDARIO » » •> 
.> .>».>» DA SALOTTO 

" I CAPOLAVORI DELL'ARTE ITALIANA „ 

su solido cartoncino (formato cm. 35 X N . elegante 

blocco e 12 splendide cartoline illustrate staccabili con- 
enenti ì 12 mesi — splendida creazione del pittore fio- 
rentino G, Anichini — eseguito appositamente per i lettori 
dell'Almanacco Italiano — fuori commercio — (proprietà 
artistica riservata) — (valore commerciale L. 3). 



nostri lettori indistintamente hanno diritto a questo 

meo regalo. — Inviare richiesta alla Casa Editrice Bemporad 

>ize su vaglia-cartolina di Cent. 50 (quale rimborso delle spese 

li e d'imhullaggio) incollandovi sopra il seguente talloncino. 

'oHiileranclone 2 copie basta un solo talloncino incollato su 

1. I lettori all'Estero invieranno vaglia po- 

f"r. I per ncrnì copia. — Non si spediscono 

^ara pronto per la spedizione il 20 dicembre 1903 

Tiratura 35,000 copfe. 



SCH£:i>A 



('asa FAlitricc licmporad - Fi- 
rio da salotto ** 1 capolavori 



Ithdirizzv 



■■<y\-i. ■"•j^-r- 



.1 ii|pDrtai|t!88 Ìii|0 frenilo 

Seiil^vgratuito 

offerto a tutti i compra tori deirM AMCCO m ilìM 1904. 

// 15 Dicembre 1903 mettiamo in vendita la seguente nuo- 
va pubblicazione destinata al più grande successo! 

flAllA NOSTRA! 

(L'ITALIA AL PRINCIPIO DEL SECOLO XX) 

CON 413 FIGURE 

Splendido volume di circa 500 pagine. - Copertina del pittore PLINIO NOMELLINI 
Prezzo L. 2,50 (franco di porto nel Regno. - Estero L. 3). 



Far conoscere agli italiani quale è V Italia al principio del Se- 
colo XX, in tutte le sue manifestazioni, farla amare ed apprezzare da 

tutti, ecco lo scopo nobilissimo del libro che lanciamo al pubblico 
con la fiducia di non fare impresa inutile. Vi si trovano partico- 
lareggiate notizie sulla storia, sulla geografia della patria nostra, 
sugli uomini e donne illustri viventi. Vi si tratta di Statistica, Legi- 
slazione, Istruzione, Igiene, Industria, Agricoltura, Commerci, Comuni- 
cazioni, Finanze, Opere pubbliche, Esercito, Marina, Scienze, Letteratura, 
Arte, Archeologia, Musica, Drammatica, Risparmio, Previdenza, Benefi- 
cenza, Religione, Emigrazione, Colonie, ec. 

Hanno collaborato a quest' opera illustri specialisti, portandovi 
una nota vibrante di patriottismo non disgiunto da rigorosa esat- 
tezza storica e scientifica. 

È UN LIBRO INDISPENSÀBILE AD OGNI BUON ITALIANO! 

m > Tutti i possessori dell' ALMANACCO ITALIANO 1904 
gfOdranno su questa nuova importantissima pubblicazione la ridu- 
zione del 40 »/o. 

Inviare la seguente scheda incollata su cartolina-vaglia di li. 1,50 alla 
Gasa Editrice Bemporad. - Firenze. — Spedizione franca di porto nel Regno. 
(Estero Cent. 50 in più. 

g ~ — . 

SCHEDA. 

n sottoscritto richiede alla Casa Editbice Bemporad una copia Italia Nostra I 
e unisce L, 1,60. 

Firma {ben leggibile) 

Indirizzo {Città, Via e N.<> dell' abitazione) 



Firenze (Italia) - R. Bemporad & Figlio - Editori. 

Succursale a MILANO • Via Agnello, 6. 

Per i dantopM 

DANTE E LA MUSICA 



MERITI DI D ANTE SU LLA MUSICA 

SCRITTI DI PIETRO GIORDANI rCBBLIfA'fl PER CURA DI JARRO 

SPLENDIDA EDIZIONE 

stampata su carta a mano, grave, di Fabriano, in-4° grande 

Soli cento esemplari numerati. 

Prezzo: L. 10 franco di porto nel Regno - (Estero: L. 11). 



Zvi'Z^ 



(a. Piccini) 



Viaggio Umoristico 

nei Veafri 



:AYALiKai : La atiista • La donna - La innamorala. — MEMonrE Di Lina Oava- 

A • RKI.I.A Otkko. „ Cr.tc, TiK Mkrode. - Al " Teatro dei Fantocci , — 

'i serpentina. — LlAKE de Pougy. Sada 

I. — Yvette Guilbebt — Caffè concer ri 



Splendido Yohinie - Prezzo: L. 3 franco eli porto nel Renrno 
Estero: Lire 2,50. 



i;ue momio ri»pi>n>s(>iit;Uivo con jionuflkitt' Ih-Ì'^^l' dì ar- 
■guKla che la pietà)... è evangelista giocoso, e glorioso 



ALMANACCO 

ITALIANO 



Poche centinaia di copie disponibili 

riserbate ai compratori dell'Almanacco Italiano 1904 

COME 

PrcHjlo SEMI-Gtaf Olf 

della splendida opera illustrata 

Carlo Palapini 

INTERVISTE 

GLADSTONE - CHAMBERLAIN - CECIL RHODES 

LORD DUFFERIN - EDWIN BOOTH - F. DOUGLASS 

JEFFERSON DAVIS e BOOKER T. WASHINGTON 

APE (CARLO PELLEGRINI) - SALISBURY 



> "lume di circa 500 pagine con 40 incisioni originali e arti- 
ca copertina disegnata da Vittorio Corcos. 

(Prezzo di vendita L. 5) 

Questo volume pubblicato ai primi del corrente anno 1903 ha 
vuto cosi grande successo che ben 23,000 copie ne sono state 
-itate in questo frattempo. E-imànendone ora soltanto poche cen- 
riaia di copie disponibili, crediamo far cosa grata ai nostri lettori, 
togliendole dal commercio e riserbandole esclusivamente ai compra- 
tori del presente Almanacco Italiano ai quali le offriamo al ridottissimo 
prezzo di L. 1,50 per copia franco di porto nel Regno, Estero L. 2. 

SM^ Inviare la seguente scheda alla Casa Editrice BBMPORAD - Fi- 
renze, incollata su vaf^lia-carlolina di L. i,SO. (Gli acquirenti all'Estero 
invieranno vaglia postale internazionale di L. 2). 



A L MAHACCQ ITALIAKQ BEMPQRAD • FIREN ZE 

// sottoscritto richiede alla Casa Editrice Bemporad ima 
copia del volume INTERVISTE. 

FiRxMA (ben leggibile) 

Indirizzo (Città, Via e V dell'abitazione) 



Firenze (Italia) - R. Bemporad & Figlio - Editori. 

Succursale a MILANO - Via Agnello, 6. 



Recente pubblicazione : 



J A RRO 

(G. Piccini) 



FIRENZE 

UMORISTICA 

MACCHIETTE - BIZZARRIE - ANEDDOTI - FANTASIE 



SECONDA EDIZIONE 

TUTTA RIFUSA E AUMENTATA DI VARI CAPITOLI 



Elegante volume di oltre 300 pagine, con copertina a colori 

L. S franco di porto nel Regno. 
Estero: I«. 2,50. 

" Jarro l'arguto critico, 11 brillante scrittore, quel bizzarrissimo ingegno che non esito 
chiamare il re degli umoristi, ha pubblicato una nuova ed elegantissima edizione della sua 

' ' '- '■•>•■••■-•-. tiitta rifusa ed aumentata di varii capitoli, ed i capitoli aggiunti: Per 

nule socialista ; Al teatro; Firenze di notte; Firenze di estate; Un fio- 

<t, eoe, sono ancor più geniali degli altri. 

il Luuo 11 libro vi sono pagine assolutamente bellissime, come ad esemplo: La 

iinutiia a Firenze; Una giornata tra i pazzi; Un veglione alia Pergola; Alla Polizia 

- .... ovunque e «sparso a pieni mezzi, con dovizia di gran signore, spirito di exfra- 

i: con pochi tratti — questo mago della p^nna — delinca 

ti, macchiette e fantasìe. 

ntaneo, trova sempre la parola efficace per ogni bizzarria, 
mi libri che si stampano in Italia, pochi hanno U pregio 
avidamente, e nel numero di quest'ultimi vanno, senza 
■ !'irro. 
l'tietize Umoristica — edita dal Bemporad — avrà certamente 
la prima, come del resto l'hanno tutti i libri di Jarro, perchè 
r., <.;,in,>s,t,i .1 un., «-11,.!;) «ho ad uu' altra, ha In mira soia- 
dei lettori, il quale stanco 
. naturalisti, finisce poi per 



i"" I' 



utile. 



1 brio, l'originalità; gli aneo le esser- 

profonde in tutto ciò che ) ute, sono 

smagliante sua tavolozza, daiia niii'iMiira originale del 
A. Rrs.so nel Secolo XIX di Genova, 15 novembre 19<)3). 



^ A/ììianacco 

Italiano -f^»- 



FIRENZE - R. BEMPORAD & FIOLIO ■ EDITORI 



Tutti i possessori dell'Almanacco Italiano del 
1904, inviando alla nostra Casa editrice LIRE DUE 
(Estero L. 2,50), riceveranno franco di porto le due 
annate sin qui uscite della 

iifrenna l^anfe^ca 

COMPILATA 

da ORAZIO BACCI e G. L. PASSERINI 



Sono due elegantissimi volumi (che si vendono al prezzo com- 
plessivo di L. 3,50), e che contengono scritti danteschi di Giosuè 
Carducci, Alessandro D'Ancona, Isidoro Del Lungo, Ga- 
briele D'Annunzio, Francesco D'Ovidio, Pio Hajna, Guido 
Mazzoni, Antonio Fogazzaro, Giuseppe Manni, Augusto Eran- 
C1IETTI, Giovanni Mestica, Antonio Zardo, ecc., e hanno molte 
illustrazioni elegantissime. La Strenna dantesca ebbe ampie 
lodi dalla stampa italiana e straniera. 



NB. - Chi desideri uno solo dei due volumi, potrà spedire una lira 
(Estero Live 1,25), cancellando nella scheda 1' annata non richiesta. 



SCHSDA 

(che può essere applicata sulla Cartolina-vag^lia). 



Il sottoscritto richiede alla Gasa Editrice Bemporad - Firenze la 
Strenna dantesca 1902 e 1903 ed unisce I^IRB DUB (o UNA 
LIRA). 



Fi/rma 
Indirizzo 



Firenze (Italia) - R. Beniporad & Figlio - Editori. 

Succursale a MILANO- Via Agnello, 6. 

Il miglior libro di cucina finora pubblicato! 
P. Artusi 

La Scienza in Cucina 

E LarTe pi mangiar bene 

MANUALE PRATICO PER LE FAMIGLIE 
Settima edizione corretta ed ampliata 

(18° Migliaio). 

Prezzo: L. 3 franco di porto nel Eegno. 
(Estero: L. 3,50). 

L'A., che trova suo prò in una cucina igienica, ha raccolto una 
quantità di ricette e vivande; prima, le ha da se stesso esperimen- 
tate e degustate, e quindi, trascritte e riunite in bella forma, le 
raccomanda alle famiglie. 

La fortuna incontrata da questo libro ha superato ogni legit- 
tima aspettativa; e ciò mostra che il lavoro dell' Artusi ha molto 
del buono in sé, e di questo si era accorto prima d' ogni altro un 
uomo di genio, il prof. Mantegazza. che in un suo Alnìanacco igie- 
nico lo segnalava all'attenzione delle massaie. Il libro s'inspira al 
triplice concetto dell'igiene, dell'economia e del buon gusto. 

I piatti che vi sono spiegati sono in generale molto semplici; 
descritti con precisione, vi sono sempre indicate esattamente le 
proporzioni, ricavate dalla cucina di tutte le parti d'It;il? • o,^ anche 
dalla straniera. Sono, in tutto, più di 722 ricette. 



:^^ yìlmanacco 

italiano @j>l 



•^l#éoW#Mé| ALMANACCO ITALIANO |#M^{Ééfelì)^ 



4? 



^ 



Novità per ragazzi 



Biblioteca Azzurra 



EUGENIO CHERUBINI 

pidocchio iq yìffrica 

Nuove avvcntui-e del celebre burattino, illustrate splendidamente 

da G. G. BRUNO. — Un volume di oltre 300 pag. 

Pbezzo: L. 3,50. 

Inviando il presento Buono alla Ditta R. Bemporad & Figlio {Fi- 
reuze, via del rroconsolo, 7, o a Milano, via Agnello, 6"), si gode lo sconto 
dei 20% sul prezzo suddetto, spedizione franca di porto. — Per l'Estero 
aggiungere Cent. 25. 



^*- 



» 






Vedere a tergo. 



Wddà,à 



wÉéàWàÉéé'^ 



ALMANACCO ITALIANO 



Uéààéèwém 



Novità per ragazzi 



Biblioteca Azzurra 



ALBERTO CIOGI 



Befanlno-Paolucclo-Asciuttlno 

Trilogia per 1 ragazzi. 

Volume di oltre 300 pag. con numerose vignette di C. CHIOSTRI. 
Prezzo: L. 2,50 — Legato in tela L. 3,50. 

Inviando !1 presente Buono alla Ditta R. Bemporad & Figlio [Fi- 
)-euze, via del Proconsolo, 7, o a Mi/ano, via Agnello, 6'), si gode lo CCOnto 
del 20% sul prezzo suddetto, spedizione franca di porto. — Per l'Estero 
aggiungere Cent. 25. 



Vedere a tergo. 



^ 






.)ì§ 



^é 



ALMANACCO ITALIANO 



èlÉÉMdé^tel^ 









Novità per ragazzi 



Biblioteca Azzurra 



ERMENGARDA CARAMELLI 

Eleg. volume di oltre 260 pag. con illustrazioni di Corrado SARRI. 
Prezzo: L. 2 in brochure. 

Inviando il presente Buono alla Ditta R. Bemporad & Figlio {Fi- 
reme, via del Proconsolo, 7, o a Milano, via Agnello, 6), si gode lo SCOntO 
del 20% sul pi-ezzo suddetto, spedizione franca di porto. — Per l'Estero 
aggiungere Cent. 25. 



>r0 «.gj^iuii^ijic vc-iii. ^o. 

Vedere a 



^^^ 

^ 






tergo. 



PER STRENNE DI NATALE E CAPO D'ANNO 

PER LETTURE IN CASA 

PER BIBLIOTECHE SCOLASTICHE 

Medaglia d'Oro del Ministero della Pubblica Istruzione. 

Scopo della biblioteca: Educare dilettando. 

Preg^ della biblioteca: Lingua prettamente italiana - Stile facile e 
t>|)i<,^lialo - Soggetti interessanti o umoristici - Nitidezza e correttezza 
della stampa - Numerose vignette dei migliori artisti italiani ripro- 
dotte e stampate con la massima cura - Le legature in tela, con fregi 
a colori e oro e placche speciali, sempre tVesclie e elegantissime. 

CATAI/OGO GRATIS A RICHIESTA 



PER STRENNE DI NATALE E CAPO D'ANNO 

PER LETTURE IN CASA 

PER BIBLIOTECHE SCOLASTICHE 

Medaglia d'Oro del Ministero delia Pubblica istruzione. 

Scopo della biblioteca: Educare dilettando. 

Pregi della biblioteca: Lingua prettamente italiana - Siile facile e 
spigliato - Soggetti interessanti o umoristici- Nitilezza e correttezza 
della stampa - Numerose vignette dei migliori artisti italiani ripro- 
dotte e stampate con la massima cura - Le legature in tela, con fregi 
a colori e oro e placche speciali, sempre fresche e elegantissime. 

CATALOGO GRATIS A RICHIESTA 



PER STRENNE DI NATALE E CAPO D'ANNO 

PER LETTURE IN CASA 

PER BIBLIOTECHE SCOLASTICHE 

"^MoUca auuieiea "^ewpoieaà 

Medaglia d'Oro del Ministero della Pubblica Istruzione. 



Scopo della biblioteca: Educare dilettando. 

Pregai della biblioteca: Lingua prettamente italiana - Stile facile e 
«•pigliato - Soggetti interessanti o umoristici - Nitidezza e correttezza 
della slampa - Numerose vignette dei migliori artisti italiani ripro- 
dotle e Rinmpale con la massima cura - Le legature in tela, con ti'egi 
a colori e oro e placche speciali, sempre fresche e elegantissime. 

CATAU>aO GRATIS A RICHIESTA 



•^t#Éyéé#l ALMANACCO ITALIANO IMÉÉÉIfettìi^ 






M 



" IL TESORO „ 

RIVISTA QUINDICTISrATj^ 

di Industrie, Commercio, Scienze e Varietà. 

Si pubblica il 1° e il 15 di ogni mese. 

AMMINISTRAZIONE E DIREZIONE: CATANIA 

ABBONAMENTI : 
Anno. Semestre. 

Italia L. 11 X Italia L. « 

Estero „ 15 T- Estero 8 

1000 lire in oro si sorteg geranno rgni 15 giorni tra gli abbonati. 

Inviando il presente BUONO si ha diritto allo Sconto del 15 O/o sui 
prezzi di abbonamento. 






^- 






^|4^|^^|$^Ì<^|^{<^^^. I ALMANACCO ITALIANO 



^ 









2t 



GASSOSE e POLVEUE • ANISETTA ■ POLVERI YICHY. 
^^ BUONO _^ 

per Un pacchetto 10 Folveri Vichy Evanf/ellsti . . . . L. 0,65 

„ 2 Bottiglie medie dell'eccellente .lMÌ«efffe Ev«wf7eM«ti. „ 4,50 
„ 10 Gassose in polvere da potersi preparare facilmente 

in casa, in campagna, in villeggiatura „ 1,00 

L. 6^Ì5 

Tnrinmio il presente tmjliando alhi FARMACIA EVANGELISTI In Satl- 
telpidlo (Marche) accompagnato (la sole I^. 5 si rirecet-à franco il pacco 

di rici fiijira. 



i: 









Vedere n tergo. 



Ì#^#ÉéÉ# I AL MANACCO ITALIANO |#^^4^^MÉÉ ^ 






SALSA DI POMIDORO DI PALERMO 



Il condimento migliore e piìi economico 
INDISPENSABILE IN OGNI FAMIGLIA 

Si spedisce in pacchi Agricoli di 80 scatole da 200 grammi. — 
Franco in tutte le stazioni del Regno al prezzo di L. 15 per ogni 80 scatole. 
Sconto ai possessori dell'Almanacco Italiano. 
Dingei-e le commissioni e le rimesse in Palermo ai sigg. 

-^ A. CAPRA & C. ^ 

Piazza Marina. 85. 

Qnanioliih non ra fiali ^ mezzo pacchi postali: ARANCI - 

òpeciauia per regali mandarini - limoni - datteri - uva 

di Pantelleria ed altri prodotti Siciliani a seconda della stagione 
ed a prezzi coiiveiiiontissiiiii. 



ite 



^- 






>s>c 



^ /lljnawacco 

Jfaliano ^^^ 



ESPERIMENTARE PRIMA DI ORDINARE. — Contro 
invio di cartolina vaglia di L. 0,65 alla FARMACIA EVANGE- 
LISTI in Sautelpidio (Marche), viene spedito un pacchetto 10 Pol- 
vere Vichy Kvanyelì.sti. 

IL PIÙ BEL DONO per onomastici, compleanni ed altre ri- 
correnze di feste è un pacco postale di Anisetta Evangelisti. L. 4 
una bottiglia grande, L. 4,50 lue bottiglie medie franche di porto 
e d'imballaggio contro cartolina-vaglia alla FARMACIA EVAN- 
GELISTI in Santelpidio (Marche). 

GASSOSE IN POLVERE. ~ Speciale preparazione per ot- 
tenere immediatamente un'eccellente gassosa. Comodissima per 
l'uso in casa, in campagna, in villeggiatura. Dosi per 10 bibite 
L. 1 (franche di porto con istruzione). Inviare cartolina-vaglia 
alla FARMACIA EVANGELISTI in Santelpidio (Marcile). — 
Sconto ai rivenditori. 



^ /tlynajiacco 

Jfaliano (i^ 



•^#!^l#É}éfel 



ALMANACCO ITALIANO 



féÈMééÉéM< 



stabilimento Agrario-Botanico ANGELO LONGONE 

Fondato nel 1760 - Premiato dal Ministero d'Agricoltura. 
MILANO ■ 39, Via Melchiorre Gioia, 39 • MILANO 

— ■^t^ 

-^ BUONO S- 

per N. 25 pacchetti assortiti di semi da orto 

di cui unisco l' importo in L. 4,25, per essere ricapitati 
franchi d'ogni spesa al mio domicilio. 

Firma: 

IndirUzo : 






(Fedi retro). 



É{??«teMal*5'#l ALMANACCO ITALIANO MMPÉMM^ 




Stabilimento Agrario-Botanico ANGELO LONGONE 

Fondato nel 1760 • Premiato dal Ministero d'Agricoltura. 
MILANO - 39, Via Melchiorre Gioia, 39 • MILANO 

-^ 

-^ BUONO ^ 

per N. 25 pacchetti assortiti di sementi di fiori 

di cui unisco l' importo in L, 2,90, per essere ricapitati 
ranchi d'ogni spesa al mio domicilio. 

Firma: - 

Indirizzo : 



(Fedi retro). 



i: 






^yÉÉÉlÉÉÉI ALMANACCO ITALIANO É^ÉffÉÉÉÉÉÉ^ 



m 



BUOl^O 



I possessori dell'Almanacco 1904 rimettendo 
alla Ditta R. BEMPORAD & FIGLIO di Firenze, 
il presente Buono col relativo iinporto, riceve- 
ranno una fotografia di 

S. S. PIO X 

simile a quella del testo a pag. 121 nel formato 
che sceglieranno fra quelli a tergo indicati e go- 
dranno dello sconto del lv5% sui relativi prezzi. 

-f^ Spedizione franca di porto - Estero Cent. 25 in più. \^ 



m- 



S^ 



(Vedi retro). 



Offriamo le seguenti collezioni di vegetali 

imballate e poste in stazione a Milano : 

N. 24 piante fruttifere, forti ad alto fusto, in 24 varietà, cioè : 2 Albi- 
cocchi, 6 Peri, 4 Meli, 4 Peschi, 4 Susini, 2 Ciliegi e 2 Cotogni per L. 19. 

N. 24 piante forti di Peschi in 12 varietà, dalle più precoci alle più tar- 
dive, per L. 10. 

N. 50 piante fruttifere in belli esemplari forti in 25 varietà, cioè la mafr- 

gior parte ad alto fusto, come segue : 2 Albicocchi, 3 Azzeruoli, 3 
iliegi. 1 Corniolo rosso, 2 Cotogni fruito grosso, 3 F'ichi, 3 Man- 
dorli, 4 Meli, 2 Melagrani, 2 Nespoli, 10 Peri, 6 Peschi, 5 Susini, 
2 Noci e 2 Nocciuoli, per L. 30. 
N. 250 Fragole di primo merito, in 5 varietà, compresa una riprodut- 
tiva, per L. 8. 
N. 12 varietà di Crijsanthemi giapponesi di ultima introduzione, a fiori 
grandissimi ed in colori distinti, per L. 6. 

NB. ((Desta scheda pnò essere incollata sopra Cartolina-Vaglia. 



Il PACCO conterrà 25 qualità di sementi di fiori dell' ultimo 
raccolto fra le più belle e di facile riuscita. Ogni pacchetto avrà il di- 
segno a colori del fiore che produrrà e la descrizione sul modo di 
coltivarlo. 



Si Offrono: 12 piante fruttifere ad alto fusto forti, imballate e 
poste in Stazione a Milano, in 12 varietà, cioè: 1 Albicocco, 2 Meli, 
3 Peri, 2 Peschi, 2 Susini e 2 Ciliege per L. 10. 

N. 12 Rose in 12 varietà distinte e rifiorenti per L. 7,50. 

N. 24 Rose in 24 varietà distinte è rifiorenti per L. 14,50 (a nostra 
scelta, franche di porto in tutti i Comuni del Regno. 

KB. Questa scheda pnò essere incollata sopra Cartolina-Vaglia. 



(ìr.'Ui.ìf* . roiit 



Kxt 



Carta 



4-> 
33 
33 
21 
21 
10 
10 



FORMATI 

00 circa, al carbone. 



X 60 
X 44 
X 44 

\^ 27 

X !•) 
X 15 



6 •/. X 9 '/« 



al platino . 
al carbone, 
al platino . 
al carbono 
al platino . 
al carbone, 
al platino . 
al platino . 



L. 15.00 ^ 

* 12.00 S 
» lO.Ol) i 

* 8.00 ] 
^ 5.00 

> a.cK) 

. 2.00 

» 1.50 

. 0.76 



aasrali 



L. 



KB. - I centimetri Indicano la grandezza della fotografia senza margine 
La racoomandulone postale è a carico del committente. 



hMàà 



Wc ALMANACCO ITALIANO W 



BUONO 



Chitmque Inviando il presente tagliando noti pia (ardi del 30 Mar- 
zo 1904 al Chimico Farmacista 

GrUS. BRENTI - Tredozio (Prov. di Firenze) 

applicato ad un vaglia cartolina di sole L. 3 (invece di L. 4,50) rice- 
verà franca di tutte le spese postali in qualsiasi Comune d'Italia una 
bottiglia da litro di Elixjr China il più squisito liquore fra gli amari 
tonici ricostituenti. 

Per maggiori schiarimenti vedasi a pag 336 &. 

Firma 



Indirizzo 



PPPPffP^gfP-fPI^^^^ 



i: 



m- 






Vedere a tergo. 



pm 




ALMANACCO ITALIANO 



BUGILO 

Chiunque inviando il presente tagliando al Chimico Far- 
macista 

GIUS. BRENTI • Tredozio {Prov. Firenze) 

applicato ad una cartolina-vaglia di sole L. 3,35 (invece di L. 5) 
riceverà franca di tutte le spese in qualsiasi comune d'Italia 
una bottiglia di NEOCOMIA preferita per ridonare ai ca- 
pelli ed alla barba il colore della prima giovinezza. 

Per maggiori schiarimenti vedasi a pag. 512a del presente voi. 

Firma 



Indirizzo 



Vedasi retro. 




mm 




àdd, 



ALMANACCO ITALIANO 



Wààài 




BUOITO 

Chiunque inviando il presente tagliando al Chimico Far- 
macista 

GIUS. BRENTI • Tredozio {Prov. Firenze) 

applicato ad una cartolina vaglia di sole L. 1,80 (invece di 
L. 3,30) riceverà franco di tutte le spese in qualsiasi Comune 
d'Italia una bottiglia di TRICOPION l'insuperabile rige- 
neratore del pelo per cavalli, bovi e cani. Per mag- 
giori schiarimenti vedasi a pag. 512& del presente volume. 

Firma 

Indirizzo 



#^#^PJ^|||P||f|f^ 



Vedasi retro. 



è il più squisito fra i liquori amarr, prefe- 
rito dagli stomachi deboli e delicati. 

Vedere qui retro le facilitazioni offerte 
ai possessori dell' 

ALMANACCO ITALIANO. 

LA j^£5qo]V[IA 

è il cosmetico da preferirsi per ridonare 
ai capelli e alla barba il primitivo colore. 

Medaglia d'oro e gran Croce al merito 
alla IV Esposizione Campionaria Internazionale - Roma 

Vedere qui ì^etro le facilita:; ioni offerte ai 
possessori deW A.iMkT^A.cco Italiano. 



Tutti gli allevatori, negozianti o proprie- 
tari di bestiame e specialmente di cavalli, do- 
vrebbero sempre esser provvisti del 

TRICOPION 

Rigeneratore del pelo por cavalli, bovi e cani, oflì- 
cacissiino per combattere anche le ragadi o 

crepacce della pastoia. 

Vedere qui retro le facilitazioni offerte ai 
possessori c/e// 'Almanacco Italiano. 




VMwmww 



ALMANACCO ITALIANO 



W^MàMMM 



Al portatore del presente tagliando sarà accordato lo 

Sconto del 5 % 

sul totale del conto e sui prezzi normali dell' albergo. 

Il presente tagliando deve essere presentato all' atto del 
pagamento, ed è valevole per tutto l'anno 1904. 



^- 



{Ved. avviso speciale). 



ALMANACCO ITALIANO 



è#écÉèfeÉ#c^ 



-^ 




*l $uono 



Applicando questo talloncino a una cartolina-va- 
glia di L. 1,50 (invece di X. 2,00) oppure di X. 4,00 
(invece di X. 5,00) e inviandola ?i,\Y Amministrazione 
(Iella 

Moda Universale Buiierick 
MILANO • Via Monte Napoleone, 49 
tutti i possessori à.e\\' Almarì acro Italiano potranno 
ottenere a prezzo ridotto l'abbonamento annuo al- 
l'edizione economica o all'edizione di lusso della Moda 
Butterick. 

Gli ahhonamenti decorrono da qualunque mese. 
Per maggiori dettagli vedasi a pag. 336a del pre- 
sente volume. 



ft: 






Vedere a tergo. 



%^^Éàà^àààM 









ALMANACCO ITALIANO 



iÉÉÉÉÉ^i^ 



Fabbriche di Cioccolato e Cacao Michele Talmone. 

TORINO - MILANO - ROMA - MAGADINO (Svizzera). 
Una riescitissima Fotografia dei nostri attuali Sovrani, montata in 
artistico " passepartout . = 40 X 50 cm, è data in re<,'alo a ehi manderà 
Lire DIECI, valore del seguente assortimento di Specialità Talmone: 

Una scatola »/,, arte nuova, di Cioccolatine-Talmone (Gianduja ec). 
Ina scatola 14 di Cacao Talmone. 
Un astuccio di Dessert de Beine. 
Un astuccio di Bouchée de Dame. 

Un quarto di kilo. Cioccolato delle Piramidi Tipo Lusso (Vainiglia). 
Un quarto di kilo, Lacteobroma. 
Una scatola, Caramelle Talmone. 
Dodici artistiche Carte- postali. 
Contro rimessa di altre Lire DUE, l'invio viene eseguito franco di 
trasporto in tutto il Regno. 

T.r rirhivste a .ir. Trilmoiir. TOJilNO - Via TìaJbis. 19. 






W 

^ 



>fK'rt^fTT't 



.^l^i^l^l^^Jì^l^J^^j;^'^^ 



/lf)i|anacco 

^faliar^o m 



Alls famiglie 



non si raccomanderà mni quanto merita la Moda 
Uniirersale Butterìck, ottima sotto ogni ri- 
guardo, poiché può entrare ovunque con tutta sicurezza non portando 
nelle sue colonne alcuna appendice di sorta che possa riuscire perniciosa. 

La Moda Universale Bntterick ^il^\i™tJleni:me,i.i;'ii: 

economico; il solo al mondo, che di ogni figurino abbia sempre pronto 
il modello in carta, al vero, garantito per ogni misura, sia per signore 
e signorine, come per ragazzette e bambini. 

I MODELLI BUTTERICK z:^:^i ;::.s,r"'""°' """""" 



l^ed. qui retro le facilitazioni offerte, per questo ottimo 
giornale, alle nostre gentili clienti. 



^3 



/llmanacco 

Jfaliaiio (^^ 



ALMANACCO ITALIANO 



Inviando il presente fìUOlfO al Premiato 
LABORATORIO CHIMICO OROSI 

MII/ANO - Via Felice Casati, I2 • MILANO 

si avrà un ribasso del 10% sull'importo degli articoli di sua 
produzione, a prezzi del Catalogo, e sulle specialità farma- 
ceutiche di qualunque Ditta Italiana o Estera, di cui il I^a» 
boratorio Chimico Orosi tiene largo deposito. 

Ogni commìssions dav' essere accompagnata dal relativo importo. 



iàmm^m^m. 



[Vedere a iergo ed avvisi speciali ). 



ALMANACCO ITALIANO 



lè!?#èl#ÉM^ 



REGALO Al lEltoRl 



Incollando il presente BUONO su Cartolina- 
Vaglia da Una Lira si riceve franco in Italia: 
GRATIS Cassetla-Cainpiouario, con 

facile Istruzione per fabbricare Due Litri di 
ottima Chartreuse gialla e Rhum Giamaica, con 
4 Etichette e Capsule, e Catalogo illustrato per 
fare 150 Liquori, Vini, ec. 85% D'ECONOMIA. 
Spedire Cartolina -Vaglia al Premiato 

LABORATORIO CHIMICO OROSI 

MILANO - Via Felice Casati, 




lUONO 
//CASSETTA 
lì CAMPIONI 



MILANO 









Pfp^^lflfp^ffipp 



l^^fel^Mé^felÉ^I" 



ALMANACCO ITALIANO 



feteteètel^tefeJ^ 



CONSULTI MEDICI GRATUITI 

DATI DA RINOMATI SPECIALISTI 

^- ^Jr -^ 

1^1 1 I Milli UTI coloro che soffrono malessere, capogiri, do- 
llLl ill'li'lALii 1 15 loi-i e non sanno spiegarsene la causa, se 
_ vogliono evitare serii danni alla propria sa- 

lute e se vogliono allontanare la morte, scri- 
vano una dettagliata relazione, indicando i mali che li affliggono e le 
cure fatte, al Direttore Medico del Premiato 

Laboratorio Chimico Orosi 

MILANO • Via Felice Casati, 12 - MILANO 
mandando il presente BUONO e riceveranno Gratis il consulto 
(aggiungere francobollo da cent. 20 per la risposta). 



^^^^>;.^^^^^^^^pifPI^^^ 



PREMIATO LABORATORIO CRIHICO OROSI 

MILANO • Via Felice Casati, la • MILANO 



ESTRATTI 
^r LI<iVORI 

DOSE 

per 12 Utrl L 3.50 
, 6 . ,2- 
. 3 , „ 1 10 



Sciroppi Depnrativì 
OROSI: 

A contro impurità del sangue. 

B contro scrofolosi, piaghe, 
fistole, ec. 

C contro anemia, clorosi, ec. 

D malattie del sistema ner- 
voso. 

E gotta, reumatismi, renella. 

F nevrastenia, esaurimenti, 
debolezza, ec. Ogni Sciroppo 
costa L. 5,50 la bottiglia grande. 
A§rgriuug:ere sempre le spese postali e d'imballa^g^io 
Sui pacchi o Cassette-Campionario il ribasso è del 5%. 



rBOFCMERU 
ISTIRTINEA 

Acque • Lozioni 
per 3 litri L. 6,50 

Estratti d'Odore 
per 2 litri L 7,00 



PILLOLE OROSI purgative. L. 0,80. 
APELON Depilatorio. L. 3,80. 
BALSAMO per Emorroidi. L. 2,50. 
ODONTINA pei denti. L. 1,00. 
CORNEON Callifugo. L. 0,80. 
OCULINA per gli occhi. L. 1,50. 

NEVRALGINA uso esterno per reu- 
matismi, sciatica, nevralgie, ec. 
L. 2,50. 

BALSAMO pel gozzo. L. 1,25. 



•^• 



VEBA NOTITll 

Tutti Profumieri! 

titolo di saggio s! spedisce una Casset 
Camoionaria del valore di L. 50 per solo L. 10 
por fare ì-n-vio-il.icaTisnte merco la 

PROFUMERIA ISTANTANEA: 
1 litro ACQUA CHININA 
1 » » COLONIA 

1 • » DENTIFRICLA 

1/2 litro ESTRATTO TRIPLO LILAS 
1 /2 . » >> VIOLETTA 

6^ qualità superiore se non uguale alle miglior 
ed accreditate marche, con economia del80<i' 
Ogni Cassetta porta una chiara • precisa istru-' 
zione e viene spedita per pacco postale franco ' 
"^yedire Cartolina-Vaglia di i. 10 (Efitrro 
rr. 12) al Premiato Laboratorio Chimico 
Oros!, Milano, i2, Via Felice Casati. 
Si spedisce il Catalooo lilustratoi 
per poaluraccomandato, contro Inviof 
di Cartolina-Vaglia dì 20 centesimi. 



-)il(é#èteMdél almanacco italiano IMééàéààéM 



"FARO,, 

CANDELIERE BREVETTATO " NON PLUS ULTRA „ 
Inventore ed unico fat)bricante 

Premiato con medaglia d'Oro e croce al merito 

all'Esposizione internazionale d'igiene in Roma. 

Franco di porto Cartolina-vaglia di L. 8. — Ai possessori del- 
l'Almanacco Italiano L. 7,50. 

FIRENZE - Via del Proconsolo, 1 ■ FIRENZE 



(Ved. retro). 

^{^!^#èl^Méè| ALMANACCO ITALIANO | ##MotÉÉtel| 



m. 
^ 

w 



i 



i 






Fabbrica di ceralacca EDUARDO DI MAURO 

UNICO DEPOSITO 
FIRENZE . Via delle Belle Donne, 9 - FIRENZE 

-^ BUOlfO ^^ 

K<,'. 1 Ceralacca a bastoni a 0,35 

„ 1 „ mezza fina 0,85 

^ 1 „ lina 1,25 

r, l r, per assicurate 2,30 

Cassetta 0,50 

Pacco Postalo 1,00 

L. 6,25 
Inviando Vaglia postale di sole L. 5,50 si riceverà franco di 
porto in tutta l'Italia il pacco contenente quanto sopra. 

Per l'Estero aggiungere alla detta somma Cent. 50 In più. 



i: 



s: 






Vedere a tergo. 
WM^¥É^Mà I ALMANACCO ITALIANO | ^^fMàM^àW^ 



i 

i 

II 



GRANDE CONCORSO FRA TUTTI I LETTORI 

REBUS A PREMIO 



Ti ELEO RO V ABILE 



Fra tutti i solutori che manderanno la giusta spiegazione scritta 
su Cartolina con risposta pagata alla Ditta Vincenzo Margherl, Via Lam- 
berti, Firenze, entro il 31 Marzo 1904 verrà sorti^ggiato un pi-emio con- 
sistente in lire 10 in oro. 

Ad ogni spiegazione deve essere unito il presente buono. — L'estra- 
zione avrà luogo pubblicamente il giorno 3 aprile 1904 nel banco del 
Sig. Vincenzo Margheri, a ore 10. 

NB. — Il lato della risposta deve essere lasciato completamente in bianco. 






P||P|f|f^f|jfgf^i||jjfe^^|fffff|pf|>}j^f» 



-«rp 



li/* 



n candeliere " FARO „ 

dà una luce viva e concentrata ed é perciò indispen- 
sabile a tulli coloro che leggono a letto, giacché per 
eliminare i pericoli possono leggere anche col lume 
a distanza. — La fiamma rimane sempre alla stessa 
altezza; la candela si consuma totalmente con una 
economia assoluta del 40%; si regola come una sve- 
glia, quindi si spegne automaticamente al tempo 
stabililo nonché quando la candela é terminala, evi- 
tando cosi puzzo e pericoli. — È fabbricato solida- 
mente in ottone placcato in argento. 

Franco di porto - Cartolina-vaglia di L. 8. 

N.B. - Questa Ditta non è da confondersi con altre, che promettono ciò che non 
possono mantenere! 




STABILIMENTO IMSTRIALE 

FABBRICA DI CERALACCA 

UNICO DEPOSITO - FIRENZE 

EI>XJiLRI>0 X>I IVEiLXJRO 

9, Via delle Belle Donne, 9 

Fornitore delle Direzioni ed Uffici Postali del Regno d'Italia 

NB. I diversi tipi di Ceralacca sono fabbricati con materie prime speciali di 
primissima qualità ed aderiscouo perfettamente alla Carta anche se levigata. 



DITTA 

Via Lamberti 



FIRENZE 



é^^^Ét4t^4t4ÈL^^\ 



ALKANACCO ITALIANO 



^^^^4àéé^»^^ 



Stabilimento Agrario Botanico Frat. Ingegnoll di Milano 

lì sottoscritto richiede alla Casa FRATELLI INGEGNOU una Casotto di 20 
qualità di Sementi di fiori ed unisce L 2,50 per avrla franca di tutte le spese. 

Firma „ 

Indirizzo 



l 



(Ted, r9tro). 



,| ALMANACCO ITALIANO \j(,4Ut»:M.4»4»Jf» ^JM» 



•» 



Stabilimento Agrario Botanico Frat. Ingegnoll di Milano 

Pfeir^lo seir)ÌH^i'attiito 

li sottoscritto richiede allm Casa FRATELLI INGEGNOLI una Cassetta di 25 
qualità di Sementi da orto ed unisce L. 4,50 per averla franca di tutte le spese. 

Firma _ 

Indirizzo . 






(Ved, retro). 



^lÉtét^it^^^é^^^ ALMANACCO ITALIANO |^^^^^é^^^JÉ# 



Stabilimento Agrario Botanico Frat. Ingegnoll di Milano 

Pfeir^lo seir?ÌM^tat(ilto 

Il sottoscritto richiede alla Casa FRATEIìIìI IWGEOJTOIìI: 
Una copia - Dove e come s'impianta un orto (300 pagine con 180 incisioni 

valore L. 2,50) e qui si unisce. L. 1 50 

Una copia - 600 modi di cucinare gli ortaggi (200 pagine valore L. 1,20) e qui 

6i unisce — 70 

Una copia - Manuale di Praticoltura (300 pagine con 160 incisioni valore L. 2.50) 

e qui si unisce 1 50 

Questi prezzi s' intendono franchi di tutte le spese postali. Chi desidera uno 
solo due di questi volumi non ha che a cancellare gli altri. 



Firma 



Indirizzo 



^^^^#^i^^^^^ip^****#*<P#^^^#¥^^^¥¥^^¥^*¥¥ 



ALMANACCO ITALIANO |^^^^^^^^^^^ 



Stabilimento Agrario Botanico Frat. Ingegnoll di Milano 

lPireiT)lo seipln^fatiilto 
Collezione M composta di 10 piante di ROSE. 

In questa collezione abbiamo riunite rose a colori 
ben distinti ed assortiti, cioè : rosa,, rosso, canarino, 
chamoix, giallo e bianco. 
Franche di tutte le spese di trasporto ed imballaggio e rese in qualsiasi 
comune d'Italia L. 8. 

Firma 



N. 6 Rose rifiorenti 
. 4 Rose Thea 



Indirizzo 



.«• 



^^^t 



NB. • Ciascuna scheda può essere incollata su cartoline-vaglia. 



CASSSrrTA 

contenente 20 qualità di sementi di fiori scelte fra le più belle 
per ornamento di giardini e per coltivazione in vaso. I 20 cartocci por- 
tano il disegno a colore del fiore che il seme produrrà, oltre alla descri- 
zione per la coltivazione. Le qualità dei fiori non si possono variare. 

Franca di tutte le spese in qualsiasi comune d' Italia per 
i possessori dell'Almanacco Italiano 1902. 

L. 2,SO invece che L. 3,50. 



CASSsrrrrjL 

contenente 25 cartocci delle migliori qualità di sementi da orto 

assortiti in maniera da produrre civaie e legumi durante tutta l'annata, 
e bastanti per una famiglia di 4 o 5 persone. Questi cartocci portano 
su una parte del sacchetto la figura a colori dell'ortaggio relativo al 
seme che contengono, e sull' altra le norme per la coltivazione del me- 
desimo. Una vera occasione favorevole ! 

Franca di tutte le spese in qualsiasi Comune d'Italia. 
L. 4,50 invece che L. 6. 



ERBARIO DELLE MIGLIORI PIANTE FORAGGIERE 

che si coltivano nelle praterie d'Italia. 

Venti tavole misuranti centimetri 32X47, ed ognuna portante una pianta na- 
turale In fioritura (essicata), come Lojetto, Erba altissima, Erba mazzolina, Erba 
bianca. Festuca, Volpino, Ventolana, Lupinella, Erba medica, Trifogli, ecc. ecc. 

Prezzo dell'Erbario completo L. 10. 

Dal giornale II Corriere della Sera: 

■ Crediamo ohe lo Stabilimento Ingegnoll abbia fatto opera molto utile e cre- 
diamo pure che non fallisca lo scopo, perchè gli esemplari delle erbe, sono ben 
presentati, al naturale, come crescono nei prati, perfettamente conservate, dispo- 
ste saldamente ciascuna su di un solido cartone, sicché è facile riconoscere la 
pianta, ed è difficile prendere abbaglio e scambiare una pianta ooll* altra. , 



-< VENTI delle migliori PERA >^ 

P.r comodo di chi desidera avere una piccola collezione di Peri 
acelti, otl riamo un accurato assortimento di ao varietjt, conipren- 
buone qualità, che si raccomandano per squisitezza di 
duttività, come pure per le diverse maturanze (innestati 



don 
Iru' 
lui 



20 P*^*« esemplari innestati T c^ 
^^^^ di anni uno ■^» «* 

Costo dell* imballag-g-io L. 1. 



ALMANACCO ITALIANO 



l##^é}#é^ 



^^ BUONO DI SCONTO _^ 

(Valevole a tutto il 31 dicembre 1904) 



Ogni possessore del presente BUONO invian- 
dolo alla premiata Ditta THE ELECTRICAL BATTERY 
Via Palestro, 3, MILANO avrà diritto di fruire 
dello sconto del 25 % sul prezzo delle Catene Elet- 
trogeniche WOOD (V. pag. 384Ò) e del 10 % sui Cinti 
Erniarii WOOD (V. pag. 384^). 



t 

(Vedi retro). 



t 
i: 



-^ 



-m 






-^ 



ALMANACCO ITALIANO 



HééM- 



Buono di sconto per L. S 

(Per Pesos «a/a 2 se spedito dalla Repubblica Argentina) 



Oo;ni possessore del presente BUONO inviandolo alla Ditta 
THE BLECTRICAI/ BATTERY, MILANO, Via Pale- 
stro, 3, godrà della riduzione di L. 5 sul prezzo dell' elettro- 
depilatorio Dr. WOOD'S EI/ECTROLYTIC BATTERY. 

Per coloro che danno ordinazioni dalia Repubblica Argentina, 
esso dà diritto alla riduzione di Pesos 2 ^/'^ se l' invio del 
danaro é fatto in carta monetata argentina, e di franchi 5 se 
invece é fatto con vaglia postale o bancario. 

ìSMf' Vedasi annunzio a pag. 384a -m^r 




w. 



i: 
t 



B-, 



(Vedi retro). 



ALMANACCO ITALIANO 




BUONO PER RICEVERE GRATIS 

franca di porto a domicilio 

Una Lampada " radium „ 



Ogni possessore del presente BUONO invian- 
dolo entro il 31 Dicembre 1904 alla Ditta THE 
ELECTRICAL BATTERY, Via Palestra, 3 MILANO, 
uuitamente all'ordinazione (accompagnata dal re- 
lativo ammontare esposto qui a tergo) di tre Lam- 
pade RADIUM, ne riceverà quattro, franche a 
domicilio, invece di tre. 






Ì^^#Ppj^P|fP^ 



(Vedi retro). 



MALATTIE NERVOSE, i:^.^ 

Malattie degli organi digerenti, ecc. anche ribelli ad 

altre cure, si guariscono in modo, pronto e si- 
curo col metodo WOOD (V' annunzio apag, 884b), 



6UARIQI01IE DELLE EBIIIE 

rargiche (V. annunzio a pag. 384<Ì). 



senza ope- 
razioni chi- 



COMPLETA, PERENNE SCOMPARSA DEI PELI 

sul viso, sulle braccia, spaUe, gambe, ecc. 

senza dolore, senza pericoli, con facilità e segretezza dovunque si trovi 
chi fa uso del premiato, insuperato elettrodepilatorio 

Dr. WOOD'S ELECTROLYTIC BATTERY 

adottato ormai dalle più distinte signore. 

g^ ' Franco di porto a domicilio in Italia L. 43 

^ ì > > in Europa, Egitto, Algeria e Tunisia . fr. 44 

ed I » > nella Repubblica Argentina . . Pesos ^/n 25 

^ ^ ' » in qualunque altro paese fr. SO 

Per comodità, coloro che risiedono nella Repubblica Argentina possono rimettere 
l'importo in Pesos argentini (carta) a mezzo di lettera assicurata. 



Spedire le ordinazioni alla premiata Ditta THE ELECTRICAL BATTERY, 

ria l'uletilro, 3 - ^lILAyo. 



Luce a meno di ^la Cent, air ora 

mediante la Lampada a luce istantanea permanente " RADIUM „ 

la quale 8l accende automaticamente, con la semplice pressione d'un bottone. 

Indispensabile in tntte le Famiglie rerJ:Tenr;.ril,''da";eS; 

sitcc.aluicatc cuu bambini, dovunque iusoninia occorra luce istantanea, permanente. 
Non si rnnfnTìfÌ3 a^Psta utHe, nuova, semplicissima, pratica e veramente 
t^MlX Ul bUUiUUUa economica Lampada con certe lampadine elettriche che 
''"""" •■' ^'' ■' '' ' ■' •'•riiK. .' stanno acceso per pochi minuti. Si vende accompa- 
^'"■'' per l'uso e con unitavi una carica sufficiente per 

■*'"" 1" più costa 75 cent. Ogni accensione può durare 

*"^ ' ^ di 2 a 3 minuti l'una dall'altra. 

PrP77Ì ^ "^'^"P'tlacon relativa carica costa: L. 7,30 franca di porto in Italia; 
A luitfu fr. S.^S nel resto d'Europa, in Algeria, Tunisia, Egitto; Pesos m/n 6 V- 
fraiioa noli' * • / /. 

"^"^'^ ^ * relativa carica costano: L. 21 franche In Italia; fr. 23 In 
huro pu. A!. i ed Egitto: Pesos m/p 15 franche nell'Argentina. 

e. enfSfi?. 'o'JVi'i^i' " '"®"' **8"" « 'etlera assicurata alla Premiata Ditta THE 
ELECTRICAL BATTERY, Via VaUstro, 3 - M,la»o. 



■^Mèt@teMol#cl 



ALMANACCO ITALIANO 



iètefefetetafelÉÉ^ 






Tagliando per avere lo sconto del 50 

sul sapone marca << II< I^EOPARDO „ 



I possessori dell'ALMANACCO Italiano avranno diritto di ricevere 
15 pacchi del sapone marca LEOPARDO con lo sconto del 50%, inviando 
L. 2,25 invece di L. 4,50 alla Ditta 

Fratelli DE-BERSARDI • LINGOTTO presso TORINO 

Per avere la merce franca di porto nel Regno aggiungere L. 1 per 
la spesa del pacco postale. 



^ 



- ^M 



'^i^l^^^^l^^^^ì^'^^^^/^i^w^^^^ffm 



(Vedi retro). 



^iééàéààMÌ almanacco italiano Iéééééééééé^^ 






Tagliando per scatola completa ABRÀDOR 

con lo sconto del 50% 

I possessori dellALMANAcco Italianq avranno diritto alla scatola 
completa contenente i sei tipi descritti del valore di L. 3, inviando solo 
L. 1,50 alla ditta fabbricante 

Fratelli DEBERMRDI • IIMOTTO presso TOROO 

Unitamente all'importo si deve inviare il presente tagliando. 

La spedizione si farà franca d'imballaggio con porto a pagare. Chi 
desidera averla franca di porto nel Regno deve unire L. 1 per le spese 
postali. 



^- 



(Fedi retro). 



-ÌWÉ¥ÉMàM\ ALMANACCO ITALIANO JÉÉÉÉÉÉÉÉÉÉ^ 



^^M 






> C8 <iS 

2 S^ 









t 



Tagliando per avere lo sconto del 50"|o 

sulla SAPONETTA Ali IìATTE 

per la toeletta. 

I possessori dell'Almanacco Italiano avranno diritto di ricevere 24 
pacchi della rinomata saponetta al latte della Latteria di Locate 
Triulzi, inviando solo L. 2,40 invece di L. 4,80. 

Per avere la merce franca di porto nel Regno aggiungere L. 1 
per le spese del pacco postale. — Indirizzare il Vaglia: 

Fratelli DE-BERNARDI - LINGOTTO presso TORINO 



m~ 



m- 



WMCOkoLV.iii 



(Vedi retro). 

NON SI SPEDISCONO PACCHI IN ASSEGNO 



Il IL LEOPARDO k 

I? Il più economico sapone per toeletta | 

[ g. Costa Cent. 30 il pacco del V4 di kilo S ~ 

l^<^' OGNI INVOLTO DÀ DIRITTO A REGALO ^^fl 

«< Trovasi in vendita dovunque 2.= 

il ■•- SCONTO DEL 50 «/o "«»« i» 

i^ ai possessori deU' ALMANACCO ITALIANO |Ì 

^ § (Vedi retro). " i 

o «^ o — 

s»- • z 

!i Ji. :b ir Ji. i> o ss. Il 

■"O ta B> 

^o l'avete provato? %^ 

« =-0 



o 0» 



Si confeziona in. G distinti tipi S 

s «»> 2» 

= 2 Tipo 1 pei- mani, stoviglie, marmi, ec. Cent. 20 il pezzo v • 

5o T. 2 profumato per toeletta in pacchi „ 40 il pacco cg§ 

*'**' ,3 per metalli e argenterie fine „ 40 „ » I 

0> „ 4 antisettico medicinale «40 „ g^-o 

^2 r. 5 smacchia tessuti con spazzola „ 80 la scatola gg 

fitì , 6 profumato in scatola metallo per viaggio „ 80 „ • § 

^ Scatola completa L. 3. =| 

I Stonto del 50"!. ai possessori dell' ALMAMCCO ITALIANO m 

fe (Vedi retro). ^i 

2 Is 

I SAPONETTA AL LATTE !| 

della Latteria di Locate Triulzi Sq 

S Eminentemente emolliente il 

^1^ Qupsla saponetta purissima confezionata con estratto di latte della»? 
g^ rinomata Latteria di Locate Triulzi (Milano) ammorbidisce e conserva 5 -■" 
fiala pelle. È consigliabile per l'uso dei bambini e delle signore. S.~ 

S^ • 3 

S^ OGNI PACCO CEJS'T. 20. S"» 

c'È. 

g Trovasi in tutti i migliori negozi dei Regno, ~» 

^Sconto del50'|,al possessori dell' ALMASÌACtO ITALIANO.?! 

■^ ( Vedi retro), o 

NON SI SPEDISCONO PACCHI IN ASSEGNO 




m 

M 
w 



ÌÉÉÉMI" 



ALMANACCO ITALIANO 



éééééMéé^ 



Chi incolla questo talloncino 
sopra una Cartolina Vaglia da L. 1,00, riceve: 

lo L' abbonamento per un anno al giornale Tai Iticchezza ; 
2o Due buoni di sconto da L. 0,50 ciascuno per rimborso della 
somma; 

3» Il Bollettino Generale, volume di circa 200 pagine; 

A" Il Campionario di stoffe e telerie; 

5» Un Almanacco per portafoglio, ed altri premi. 

Premi straordinari a chi procura 4, 6, 9, 13, 24 abbonali. 

Dirigere le richieste alia 

Premiata Prima Casa di Liquidazione Permanente 

MICHELE DE CLEMENTE • Foro Bonaparte, 74 -MILANO 






^- 



^(^|^"=^^^J)^>'j:^^j)^Ì^^J^^j^^j^^J4'^^Ì^^^^^^ 



^ÌÉÉÉÉÉÌ#I 



ALMANACCO ITALIANO 



^ÉÉ^tMÉi^' 



FABBRICATEVI I LIQUOHIL. 

Pacco di prova - Estratti per fabblicare i liquori. 

Tutti, con la massima facilità, possono industriarsi nella fabbrica- 
zione dei liquori, adoperando 1 nostri estratti. 18 litri liquori. Per solo 
L. 5,60, tutti ricevono: 

6 Flaconi esfratto per fabbricare: 3 litri Fernet. 
3 Litri Rhurn Giammaica - 3 Litri Ferro Chini - 3 Litri Centerba. 

3 Litri Cognac - 3 Litri Vainiglic. 
Dirigere le richieste, col relativo importo, alla Premiata Prima 
Casa di liìquidazione Permanente 

MICHELE DE CLEMENTE 

Foro Bonaparte, 74 - MILANO 



^PPPPPP^P^^PI^IP^PP^^^ 









m- 



iX 



WÉéMM^M 



ALMANACCO ITALIANO 



lÉÉMÉMÉÉÉi 



PACCO CAMPIONE N. 1 

Valore L. 50 per solo L. 10, 
'spedite alla sottoscritta ditta, tutti ricevono : 

1'» Un taglio cheviot lana m. 3 alto m. 1.40 sufficiente per un vestito 
da uomo {colori assortiti); 2» Un taglio di calzoni m. 1.20 per 1.40 in 
stoffa lana a righe; 3<> Una camicia di flanella per uomo; 4" Una era- 
catta di seta; 5° Sei fazzoletti orlati; 6" Un paio calze; 7" Due bottoni 
per polsi, oro Doublé ; 8« Un notes ricordo. 

Dirigere le richieste, col relativo importo, alla Premiata Prima 
Casa di Liquidazione Permanente 

MIOUEIE DE OLEMESTE • Foro Bonapart*, 74 • MllASO 



m- 



ffJI,^^fJÌ^^'00^'^^^^^;^^0,p^^^^^(^ 



# 



LA RICCHEZZA 

Rivista Universale Illustrata 

b il giornale della massima utilità in ogni famiglia. De- 
scrive in succinto tutti gli avvenimenti del mese di tutto 
il mondo. Tratta argomenti: Scentifici, Religiosi, Pro- 
fetici, Consigli pratici. Novelle, Racconti, Listino Com- 
merciale DEI prezzi dei principali Mercati d'Italia, 
Aneddoti, Storielle, oltre a parecchie Illustrazioni, ec. 

GRA TIS contro invio di sempUce biglietto da visita si spedisce un 
numero di saggio. 



Flaeonì Estratti per fabbricare 3 litri dei seguenti Liquori 

OGNI TRE LITRI L. 1,10. 

1. Absinthe ; 2. Acqua tutto cedro: 3. Acquavite; 4. Ai- 
kermes; 5. Amaro Felsina ; 6. Ananas; 7. Anesone 
Triduo ; 8. Anice forte ; 9. Anisette Bordeaux ; 10. Be- 
nedettino; 11. Bitter d' Olanda; 12. Chartreuse verde; 
13. China-China; 14. Creme diverse: 15. Curacao 
giallo; 16. Fernet; 17. Kirsch; 18. Kummel; Sciroppi 
diversi. 

A chi dirige le Richieste col relatìvo importo di nn pacco accompapato 
da questo talloncino, la somma viene rimborsata con tanti buoni di sconto. 



Stoffe di lana per Uomo, Stoffe per Signora, 
Telerie, Maglierie, Coperte, Tappeti. 

Chi dà un'ordinazione accompagnata da questo tal- 
loncino col relativo importo anticipato riceve oltre alla 
merce anche: 

1. Il Bollettino Generale delle liquidazioni, ricco 
volume illustrato, di pag. 200 circa; 

2. L. 10 in tanti buoni di sconto. 



^^MÉÉiÉÉÉÉ 



ALMANACCO ITALIANO 



-^ 



|^ké#É#ÉÉÉÌ 



TUTTI BARBIERIL 



Per solo L. IO tutti ricevono: 

1' Una macchina tosatrice colla quale ognuno può imparare in 
cinque minuti a tagliare i capelli; 2» Un rasoio Solingen Diamante, 
taglientissimo e di durata, che difficilmente ha bisogno di essere arro- 
tato; 3o Una forbice per barbiere; 4'' Uina coramella per affilare rasoi; 
5<» Una pietra di acoto; 6" Una pasta per coramella; 7" Un pennello per 
barbiere; 8° Un pezzo di sapone. 

Dirigere le richieste, col relativo importo, alla rveminta Prima Casa 
di Liquidazione Permanente 

MICHETTE r>E CLEMENTE 
Foro Bonaparte, 74 - MIIìAXO 






l^^^^^^^^^^^^^^^ 



^*|ttÉÌÉÉÌl ALMANACCO ITALIANO |4^^^ÉÉ#S 



TUTTI TIPOGRAFI L 

I !■ I ■ 1»^^ ■■■»■■■■ ,>!■■■■■■. !■, I I W III 

Con solo L. 1,75, più L. 0,25 per trasporto, 
tutti ricevono. 

1» Una scfitola tipografica con 100 caratteri; 2" Pinzetta; S» In- 
chiostro da stampa; 4° Caricatore ; B» Cuscinetto; 6° Un caricatore ad 
una riga. 

Desiderando più lettere o numeri per stampare, o più caricatori, 
il prezzo è di solo L. 1,00 in più per ogni cento lettere, e di L. 0,60 
ogni caricatore. 

Oratis a richiesta si spedisce il Bollettino Generale delle liquida- 
zioni della Premiata Prima Casa di Liquidazione Permanente 

MICHELE DE (XEMEME • Foro Bonaparte, 74 ■ MILANO 



g>'j:^^j\7^^?'J:^"/ì^^j^^^^js^J!^i'^^ 













WéééééééM 



ALMANACCO ITALIANO 



##:i^Ég 



TUTTI F0T06RAFI!. 

Per solo L. 9,00, franco di porto: 

1" Una macchina fotografica 6V2 X 9 per sei fotografie successive - 
Lente acromatica, ecc.; 2° Dodici lastre 6 Va X 9; 3" Dodici fogli di carta 
sensibile; 4o Dieci cartoline sensibili - 3 bagni per sviluppare le lastre • 
l'er fissarle • Per la carta • 12 cartoncini per incollarvi le fotografie • Un 
torchietto - 2 bacinelle - Una lampada - Uno sgocciolatoio - Un'Istituzione 
chiara colla quale tutti possono diventare fotografi. 

Dirigere le richieste, col relativo importo, alla Premiata Prima 
Casa di Liquidazione Permanente 

ZMICHELE DE CEEMEK^TE 
Foro Bonaparte, 74 - MILANO 



^ 



m- 



^f^^^^f^^^f^^^ 



Chi invia un'ordinazione del pacco retro de- 
scritto col relativo imi}orto e questo talloncino, 
riceve : 

1.^ Lire 10 di rimborso in tanti buoni di 
sconto ; 

2." Il Bollettino Generale delle liquidazioni; 

o.*" Una copia del giornale La Biccliezza. 



CASSETTE TIPOGRAFICHE 

Queste scatole o cassette tipografiche sono complete delle seguenti parti: 
1. Cassetta; 2. Caricatore; 3. Cuscinetti; 4. Flacone inchiostro; 5. Pinzetta per 
comporre; 0. Caratteri; 7. Fregi; 8. Spazi. 

Seat. N. 1 Contiene 105 pezzi carat., 1 compos. 

« „ 2 „ 130 „ 

T. 3 ^ 180 « „ 

Cass, „ 4 ^ 230 fl „ 

r> „ 5 ^ 280 „ 

T, r, 6 „ 380 „ 

r> ^ T V 450 „ 

T. « * T, «50 „ „ 

un compositoio ad una riga centim. 6 completa « 16 — 

Chi dà un'ordinazione ed unisce questo talloncino riceve tanti buoni di sconto 
q minto è l'importo spedito anticipatamente, più tanti premi che possono fruttare 
un oggetto del valore di L. IO quante sono le lire anticipate. 



]yf£i.cclii]:ie Fotog^]:>£i.ficlie 

por 12 J'otografle successive 9X12 con madrevite per treppiede L. 14,50. Corredo 
■mpleto e suppletivo 9X12 L. 6,80. - Lastre, Carta sensibile. Cartoline sensi- 
ili. — Vedere descrizione sul Ihìlettino generale delle liquidazioni, volume di pa- 
^'ine 160 riccamente illustrato che si spedisce gratis a chi dà una sola ordinazione 
di merce. 

Dirigere le richieste col relativo importo alla 

Premiata prima Casa di liiquidazione Permanente 

MICHELE DE CLEMENTE 
Foro Bona parte, 74 

10 in tanti buoni di sconto si rimborsano a chi invia questo talloncino coll'or- 
i^i/.ioiie di mcrcf. 



jompos. a 1 


riga lun 


go cent. 7 ec. 


L. 1,70 


a 2 


righe 


„ „ 


„ 2,25 


a 3 


„ 


n n 


r, 3,50 


n ai 


„ 


„ , 


„ 4,50 


a 3 


„ 


„ „ 


„ 6- 


bronzo a 3 


„ 


„ n 


« 8- 


a 4 


„ 


fl 


r 12 - 


a 6 


„ 


ed 





i^feiÉ^yÉ^iìi#r 



ALMANACCO ITALIANO 




'«« GRAms 




CARTOLINE POSTALI ILLUSTRATE 
« BUONO -► 

I possessori dell'Almanacco Italiano 1903 inviando il presente Buono 
alla Ditta G. FATTORI e C, Via Monforte 16 Milano, con sole L. 1 
riceveranno franche di porto 100 bellissime Cartoline Postali Illustrate, 
di variati disegni. — Chiunque poi manda l'importo d'una scatola di 
Pillole Universali Fattori di Cascara Sagrada, contro il gastricismo e sti- 
tichezza veramente efficaci (vedi sotto), riceverà unitamente, GRATIS, 25 
bellissime • variate 

CARTOLINE POSTALI ILLUSTRATE 



Vedere a tergo. 



G. FATTORI E C. 

MILANO - Via Monforte, 16 - MILANO 

I possessori dell'Almanacco Italiano 1903, inviando il pre- 
sente BUONO alla Ditta G. FATTORI e C. godranno di uno sconto 
del 20 per cento sulle commissioni di una o più scatole delle rinomate 




ttÉÉI^I ALMANACCO ITALIANO h^j^lÉÉlÉiÉ : 



PILLOLE UMVERSALl FATTORI 

contro la STITICHEZZA, il GASTRICISMO 
r EMICRANIA. 

Di 25 Pillole L. 1. — 

> 60 > » 8. — 



PfffPf|fp,^fff.p^i 




g? 

^ 



Vedfi-e a tergo. 



ALMANACCO ITALIANO 



G. FATTORI E C. 

MILANO - Via Monforte, 16 - MILANO 

I possessori dell' Almanacco Italiano 1903, inviando il pre- 
sente BUONO alla Ditta G. FATTORI e C. godranno di uno seonto 
del 20 per cento sulle commissioni di una o più boccette del rinomato 

ELIXIR ANTIGOTTOSO FATTORI 

contro la GOTTA, l'ÀRTRITE, i REUMATISMI e la RENELLA. 

Ogni Boccetta Wre 3. 

<«>. OPUSCOLO GRATrs A RICHIESTA -^ 



Vedere a (ergo. 




* La Cascava Sagrada nelle forame gastroenteriche. — L'uso e la 
prescrizione dei preparati a base di Gascara Sagrada vanno diffonden- 
dosi man mano che viene confermandosi la speciale efficacia di tale so- 
stanza sulla funzione digestiva. 

« Si spiega e si giustifica adunque la fiducia che medico e pubblico 
hanno nelle Pillole Universali Fattori che sono appunto a base 
di Gascara Sagrada e si impiegano razionalmente ne' vari disturbi del- 
l' apparato digerente. 

« Di facile e comodissima somministrazione, di effetto pronto esse di- 
vennero in breve il rimedio preferito da quanti soffrono dispepsie e 
catarri. > 

Dal Corriere Sanitario diretto dal 

Gay. Dott. VINCENTI. 



PILLOLE UHIVERSALI FATTORI 

Contro la Stitichezza 
Gastricismo, Emicrania. 



-w,fC-£s&e:ir^>5>-^ 



Effetto pronto e sicuro - Guarigione perfetta, 

G. FATrrORI e e. - JVfilskxio. 

Via ]y:oiiforte, IG. 



Elixir Antigottoso Fattori 

È il piti efficace di tutti i rimedi conosciuti per com- 
battere e guarire 

la GOHA, IIRTRITE, i REDMATISHI e la RENELLA 



{Venti anni di successo mondiale). 
G. FATTORI © C. - lyiilano. 

Via ^loiiforte, IO. 



^ ###é^#| ALMANACCO ITALIANO [MÉÉtt^ÉÉ ^ 

>syJ 

^^^^ 

» 
t 









Sapone Banfi all' amido - Amido Borace Banfi. 

BUONO 

Per N." 2 Pezzi grandi Sapone Amido Banfi L. 1 — 

„ fl 2 Scatole Cipria Velutin Saponina Bauli .... 1,50 

, „ 1 Vasetto Cròme Amido Banfi 1,25 

Spesa imballaggio e pacco postale 0,85 

L. 4;60 

Inviando il presente tagliando alla Ditta ACHILLE BANFI - Milano 
accompagnato da sole L. 3,50 si riceverà franco domicilio il pacco di 
cui sopra. 



^PPPPffPM^PIfP^^^^^^ 



^- 



^ÉÉÉÉÉÉÉÉÉl 



ALMANACCO ITALIANO 






i 

M 



MéÉééÉàiéM 



Sapone Banfi all'amido - Amido Borace Banfi. 

BUONO 

Per N.o 2 Pezzi grandi Sapone Amido Banfi 1 — 

„ „ 2 Scatole Cipria Velutin Saponina Banfi .... 1,50 

„ „ 4 Scatole V4 Amido Borace Banfi 1,25 

Spese di posta imballaggio 0,85 

L. 4;60 

Inviando il presente tagliando alla Ditta ACHILLE BANFI • Milano 
accompagnato da sole L. 3,50 si riceverà frun.o domicilio il pacco di 
cui Sopra. 



W^^^^^^f^%f^^^^^f\%ff. 



i: 



SI 

m 



'Bàtààààééà 



ALMANACCO ITALIANO 



ttÉÉÉÉÉÉÉ^ 



BUONO 

Pireit^iata FabbHca di JPai^foirti 
V. SA^ORIj^ Siena 

Tutti i possessori dell'Almanacco Italiano 190i inviando il 
presente Buono alla Ditta V. SAPORI, Siena godranno 
del prezzo riservalo ai soli grossisti secondo il listino retro 
indicato. 

Ogni commissione deve essere acompagnata dal relativo 
importo. Spedizione franco domicilio. 

Il buono è valevole per tutto il 1904, e sarà ritornato colla 
spedizione ordinata. 






1 



^^#^##^###^|#{i|p#f^p^fPf{^ 



^' ^Iynay[acco 

^{aliano • 






Premiata Fabbrica di Panforti ■ V. SAPORI • Siena 

Panforti guarniti con eleganti lavori in zucchero. 











FORMA 


ROTONDA 






N.« 


1 


L. 


4,00 ciascuno 


1 S.o 


6 L 


12,00 ciascuno 


„ 


2 


„ 


5,00 


^ 


V 


7 , 


14.00 


^ 


^ 


3 


^ 


6,00 


. 


^ 


S . 


1<'>.00 


„ 


^ 


4 


11 


8,00 




, 


'.t - 


IM.Ol) 


„ 


, 


5 


« 


10,00 




! 


10 , 


24,00 


„ 



FORMA OTTAGONA 

N." 1 L. 12,00 cias'ouno | K.» 3 L. 2J.u.. iiit>. mio 

, 2 , 16,00 „ I , 4 , 27.00 

Sitatola compresa 

SCATOLE complete <lì dolci (Panforte - Torroni - Cavallucci - Ricciarelli 
L\ i aU') N.» 1 L. 5, N.» 2 L. », N.» 3 L. 10. 




ALMANACCO ITALIANO \\ 



BUONO 



PREMIATA E PRIVILEGIATA FABBRICA 
d* Istrunienti musicali e Corde armoniche 

CARLO LOVERI E FIfiLIO 

NAPOLI - Via Monteoliveto, N. 50. - NAPOLI 



Unica produzione dei rinomati Mandolini " Svelta „ 
{Sistema Loveri), brevettati con R. Decreto 26 dicembre 189(5. 

Grande Esportazione all' esiero - Cataloghi a richiesta. 



a: 



(Vedi retro). 



WàééééBWàì almanacco italiano W^MàMé MM 



AMARETTI VOGLINO 

^v@ ACQUI _^^ 
Vedete a tci^go 

il listit)o dei pte:s,xì 

II presente inviato coli' ordinazione godrà dello sconto del 5"/o. 



m 



m- 






e Vedi retro). 



^iéÉé¥àM 



ALMANACCO ITALIANO 



MMÉÈMàà 



'm\ 



BUONO 

Spedendo il presente Buono con unito Cent. 80 si riceverà 

franca una scheda del linoinato 

^CEROTTO MAZZA ^- 

rimedio sovrano per chi soffre di reuiiialismi, dolori di vita, 
debolezze alle reni, lombaggini, slreppe, ec. 

ANGELO MAZZA 

MILANO - Corso Genova, 19 • iMILANO 



(Vedi retro). 






UONO 



Tulli i possessori dell'ALMANACCO Italiano 1901 inviando il pre- 
sente BUONO alla Ditta Carlo I<overi e Figlio, Via Monteoliveto, 
N. 50 - Napoli, riceveranno franco a domicilio per l'Italia (all'estero 
na aggiungersi le spese postali), per sole Ij. 13 uno dei rinomati man- 
dolini " Svelta ,, brevettati e premiati in diverse Esposizioni nazionali 
ed estere, con certificati dei migliori Maestri e mandolinisti italiani e 
francesi i quali attestano questi mandolini come i più riusciti fin' ora 
per dolcezza di voce, intonazione perfetta e leggerezza. 

Ogni Commissione dev'essere accompapata dal relativo importo. 

Il Buono sarà ritornato con la spedizione. 



NB. — Assieme al mandolino saranno spediti gratis 2 armaggi 
corde e 6 penne in tartaruga scelte. 



VOGLINO CARLO, CONFETTIERE - ACQUI 

^9 , Amaretti Vogrlino ^.«L- 




NxjM. d'ordine 


Contenuto 
netto 


In eassftte li'po 
per spediiinai 


iu pHtto ristale 
Rfl Bt^ll 


iasfaUlf tir- 
ttneiBi fiallrè 






Cassetta N. 1 

« 2 

fl 1 3 

r, 4 

„ ■ ,,5 
« 6 

PACO 

N. 3 cassette ( 
. 6 
-, 2 

- 3 „ 
, 2 


Cg. 0,500 
„ 1,000 
„ 1,300 
„ 2,000 
, 2,400 
„ 3,300 

Sciolti al C 
HI POS 

ìel N. 1 a m 
„ 1 
„ 2 
„ 2 
, 3 


L. 2,00 
« 3,60 
« 4.70 
„ 6,90 
„ 8,20 

hilogrammo L 
PALI ce 

3ZZ0 posta L 


L. 2,60 
^ 4,20 
„ 5,30 
. 7,50 
„ 8,80 
„ 12,10 

3 

UVIPOST 

6,60 ■ 
13,00 

7,80 } nel 
11,80 
1(»,40 


L. 1,75 
, 3,40 

I 

Regno 




lml)allo in conto, merce resa alla stazione di Acqui o Ufficio Postale. - Le scatole 
cartone gauffri possunsi spedire in cassette in conto. 



^s^ 






m CEROTTO MAZZA 

MILANO • Corso Genova, 19 • HUAHO 

v,cxÌA/ 

PpT chi soffre di 
Reumatismi, dolori di vita, 

debolezza alle reni, lombaggini. 



Si vende in tutte le furmacie a L. 1 la SCHEDA. 



' ^ÉÉìfeJÉÉÉI 



ALMANACCO ITALIANO 



^^ BUONO ^^ 

per un finissimo 

1GR4KDIMEMT0 FOTOGRAFICO IMLTERABILE 

Incorniciato in elegante passepartout 

e ricavato accuratamente da qualsiasi fotografia anche piccolissima. 

t^^i^^» 

-^^ IL PIÙ BEL REGALO m- 

in occasione di onomastico, compleanno, ec. 

Lavoro perfetto ed artistico di assoluta rassomiglianza, da non con- 
fondersi cogli usuali Ingrandimenti dozzinali. 



pO|9g^0ig|J^^| 



(Fedi retro). 



WéààMà^ìM 



ALMANACCO ITALIANO 



^àMMài^M 



per ricevere franco di porto a domicilio 

INA ELEGANTISSIMA 
PENNA AUTOMATICA TASCABILE 

in metallo nichelato. 

munita del SerbatoiO-inchiostro sufficiente per scrivere oltre un riiese, 

senza bisogno del calamaio. 

È l'unica penna-automatica con pennino usuale da cambiarsi, co- 
sicché ognuno può adattarvi il pennino preferito. 

Utilissima a tutti ed indispensabile ai Viaggiatori, Escursionisti, 
Medici, Ingegneri, Giudici, Pretori, Militari, Parroci e Studenti. 



(Vedi retro). 



Méd^àM 



ALMANACCO ITALIANO 



m 



^ 




I PIÙ GRANDI MAGAZZINI D'ITALIA 

per Articoli casalinghi. 

CsLia^. G. IMEar^zocclxi 

BOLOGNA • Via Farini, 24 e Via Castiglione, la • BOLOGNA 
9> 12 VETRINE • MG. 2400 Di AREA <« 

Utensili da cucina, da tavola e da credenza, Cristallerie, Terraglie 

Ferro smaltato, metalli argentati e nichelati, Alpacca 

Oggetti per regali, ec, ec. 

APPARECCHI E MACCHINE D'OGNI SPECIE 

Le commissioni accompagnate dal presente godono lo sconto del 5 % 
Catalofflii a ricbieslu. 



^- 



^- 



-\4'.yvAU\^3':i'^Aj/.:Ì 



;-^^^|^V^^;^^^^^ 



'l^^?5^)Ì^?|^^^j4^^|^Ì^^^5'j;^?'J^vi^^j;é|^?^^^^ 



PREZZO DI VENDITA DELL'INGRANDIMENTO 

Chi manderà questo Buono, attaccato sopra una car- 
toline vaglia di sole L. 8,50, ed una fotografia qualsiasi, 
al Rappresentante generale R. GABRIELLI, Via Mag- 
gio, n. 27, Firenze, riceverà franco di porto a domicilio 
l'Ingrandimento richiesto, col ritorno della fatografia 
intatta. 

Scrivere ben chiaro V indirizzo. 



Prezzo di vendita in Italia L. 5. 

I possessori dell'Almanacco Italiano 1904 clie 
invieranno questo Buoi:!©, attaccato sopra una 

cartolina-vaglia di sole lire 2^oO al Concessionario 
esclusivo per l' Italia : R. Gabrielli - Via Maggio, 
N. 27, Firenze, - riceveranno subito franca e racco- 
mandata la Penna automatica tascahile qui a tergo 
descritta. 

Scrivere l)eQ chiaro Tlndirizzo. 



Cav. G. MARZOCCHI 

BOLOGNA, 

MACCHINE ED APPARECCHI 

PER USO INDUSTRIALE 

E PER ESERCENTI 

La CELEBRE MACCHINA 

])<'r faro la 

CONSERVA DI POMIDORO 

Nessnn'altra Macchina fra 
qnante trovansene in commercio 
l>ii() CDtnixterc c><n qne«fii p 
sua enorme, rapida e partetta prò 
dazione. 




-fiL PREZZO: TAve 14 



>| ÉÉÉÉÉ ÉÉÉÉÉI ALMANACCO IT ALIANO lÉÉÉ É ÉÉlÉl 



W 






1 



FRATELLI RAMAZZOTTI - MILANO 

Casa fondata nel 1815. 
GRANDE DISTILLERIA A VAPORE 

Grandiosi Magazzini per l'invecchiamento del Cognac 

sotto la sorveglianza dell'Autorità Finanziaria. 

P TI n U n ^^^ dovrà inviarsi alla Ditta Fratelli Ramazzotti di WJ- 
iJ U U n U '*"**' nnitamente a Vaglia postale di L. 20,50 per avere 
una cassetta da Caraffe 6 da litro circa. 

Amaro Felsina Ramazzotti a L. 22,80 

e godere lo sconto speciale 10% „ 2,30 

Franco in ogni stazione ferroviaria del Begno. . L. 20,50 






Mi 



(Vedi retro). 



m 



x^ 












f^ttìÉÉ^^É^I ALMANACCO ITALIANO 



ÉÉéÉ#É# 



m. 



FRATELLI RAMAZZOTTI - MILANO 

Casa fondata nel 1815. 
GRANDE DISTILLERIA A VAPORE 

Grandiosi Magazzini per l'invecchiamento del Cognac 

sotto la sorveglianza dell'Autorità Finanziaria. 

PUni^in *^^® dovrà inviarsi alla Ditta Fratelli Ramazzotti di Mi- 
IJ U U n U lano. unitamente a Vaglia postale di L. 20,50 per avere 
una cassa di Bottiglie G da litro circa. 

Cognac fine ctiampagne " LA VICTOIRE „ a L. 3,80 . . L. 22,80 
e godere lo sconto speciale 10% « 2,30 

Franco in ogni stazione ferroviaria del Regno . . . L. 20,50 




1: 






^- 



^^P4^^gpfi^p#^«p)iW|spipj^|)^. 



(Vedi vetro). 






ALMANACCO ITALIANO | ^:'>;^^^^4^^^ 

i: 



FRATELLI RAMAZZOTTI ■ MILAM 

Casa fondata nel 1815. 

Grandiosi Magazzin i per l'invecchi amento del Copac 

Grand Cogruac " 1.A VICTOIRE ,. 

produzione del 1890 che si raccomanda per la sua perfetta tonicità agli 
stomachi delicati a chi deve fare uso di Cognac per prescrizione me- 
dica. - Inviare ii Buono unitamente a Vaglia postale di L. 5,40 per 
avei-e Una Bottiglia Grand Cognac " La Victoìre „ 1890 da L. 6 e godere 
lo sconto del 10 "/q - o vaglia postale di L. 29,70 per avere 

Bottiglie 6 Grand Cognac " La Victoìre,. 1890 - da . . L 33 — 

e godere dello sconto speciale 10% „ 3,30 

Franco in ogni stazione ferroviaria del Regno . . . L. 29,70 
Questa marca non si" vende eie in bottiglia. 



m. 



*- 
«- 



(Vedi retro). 



GRAND G06NAC LA VICTOIBE,, 

Produzione del 1890. 

Fratelli RAMAZZOTTI 

m — >- Casa fondata nel 1815. < — « 



Fratelli RAMAZZOTTI - Milano 

Casa fondata nel 1815. 



AMARO FELSINA RAMAZZOTTI 
COONAG FINE CHAMPAGNE "LA VICTOIRE,, 

Fratelli RAMAZZOTTI - Milano 

Casa fondata nel 1815. 

GRANDE DISTILLERIA A VAPORE 

secondo i più recenti sistemi. 

Fabbrica di Yermopts, Liquori, Siroppi 

Deposito Acquavite, Rliunis, Vini di lusso. 




ALMANACCO ITALIANO 






del valore di S franchi 

da dedursi dalla somma di 18 franchi importo 
della prima rata mensile per l'acquisto del- 
l' apparecchio fotografico 

IPEAL BERNARP 1904 



(Ved, retro). 



mi 






ALMANACCO ITALIANO 



WééÉÉÉééè 



BUONO ^ 



w 

{Vedi a tergo ed avviso speciale). 



[nviando il presenta BUONO al 

PRIMARIO STABILIMENTO INDUSTRIALE 
VERMOUTH . LIQUORI - SCIROPPI 

Ditta P. P. ABBEMST — ATENE (GRECIA) 

si avrà un ribasso del 5 % sull'importo dei liquori di sua produzione 
a prezzi del Listino Generale intercalato nel testo pag. 376-377 del 
presente 

ALMANACCO ITALIANO 1904 



Ogni Commissione dev'essere accompagnata dal relativo importo. 






I^^É^ÉÉ^* 



ALMANACCO ITALIANO 



l#É#*ÉèM^ 



-m 



M 
m 



M 

# 




BlOJiOREOALO L. S. 

Eimettendo il presente buono 
accompagnato da L. 3,75 (per 
l'estero Fr. 4,50) in cartolina-va- 
glia o francobolli, si riceverà lo 
splendido Pacco-Strenna conte- 
nente 

100 Cartoline differenti 

colorate e nere, uso platino : reali, 

CELEBEITÀ, ABTISTI, QUADHI, FIORI, 
FANTASIA, PAESAGGI, VEDUTE, CA- 
LENDARIO p>RPETUo, ecc., del va- 
lore reale di L. 8,50. Scrivere : 
SOCIETÀ EDITRICE CARTOLINE - 
12, Via Cavour, TORINO. 

CATALOGHI ORATIS 
INGROSSO - DETTAGLIO 






^^ 



wmmmmmm 



Vedere a ten 



MODELLO DELLA LETTERA DI COMMISSIONE 



-<'C~ìx3e,tf'">»- 



lo sottoscritto domiciliato in 

di professione dichiaro di 

acquistare dal signor Jean Bernard - 4 Rue Racine, Nimes (Francia) - 
l'apparecchio fotografico Ideal Bernard con accessori, e mi obbligo, 
dopo ricevuto l'apparecchio, a versare, ogni mese, la somma di 12 fran- 
chi fino al completo pagamento della somma totale di 138 franchi. Come 
prima rata spedisco il presente buono dell'Almanacco Italiano, e 
un vaglia postale di 13 franchi; la seconda rata sarà da me versata ap- 
pena ricevuto l' apparecchio. 

Data e firma ben leggibile. 



Primario Stabilimento Indnstriale Yermoath • Liquori - Sciroppi 

Ditta P. P. ABBEN ANT - ATENE (GRECIA) 

Famiglie, Liquoristi, Albergatori, Trattori, 

Dolcieri, Caffettieri ! 

AL PREZZO DI LIRE SEDICI 

DODICI BOTTIGLIE CONTENENTI UN LITRO 

DI 

LIQUORI SOPRAFFINI 

g-araiititi puri ed iii.ii.ocu.i sotto analisi cliiimca. 

CALENDARIO J^ERl^ETUO gratis agli acquirenti 
con offerta di ntEMIO STJ{A01iI)I\AJiI0 

LEGGASI AVVISO SPECIALE A PAG. 376-377. 



U SOCIETÀ EDITRICE CARTOLINE 

Torino - Via Cavour, N. 12 - Torino 

È specialista nella fabbricazione di Cartoline Vedute e 
ne fa esportazione su larga scala. 

Rimettendole cartolina con risposta pagata, spedisce cam- 
pioni e tariflfa per eseguire Cartoline Vedute che può ri- 
produrre da buone fotografie che le vengono rimesse. 

1 signori Negoziaiti Rivenditori possono chiedere i Cata- 
loghi d' ingrosso che vengono spediti gratis. 



*-'■ IL TESORO '- 



RIVISTA QUINDICINALE 

DI INDUSTRIE, COMMERCIO, SCIENZE E VARIETÀ 
Sì pnbblica il T e il 15 d'ogni mese. 



Amministrazione e Direzione: CATANIA. « 

B 



co 

-^ ABBONAMENTI 4^ g 

co 

Anno Semestre ^ 

Italia L. 11 Italia L. 6 .^ 

Estero , 15 Estero ,8 g 

OS 

24,000 lire da sorteggiarsi fra gli abbonati. S. 

1000 lire in oro ogni quindici giorni. '5 

Pubblica : o- 

LO 

Elenco dei fallimenti e dei protesti cambiari di tntta Italia - Se-^ 
greti e processi industriali di gran valore • Resoconto quindicinale «S 
degli avvenimenti più importanti - Racconti, Novelle, Bozzetti - Articoli ^ 
di scienze pratiche • Articoli commerciali ed industriali - Articoli in- o 
torno la conservazione e la falsificazione degli alimenti • Articoli vari '^ 
scelti dalle Riviste più diffuse d' Europa - Piccole industrie domestiche cd 
• Nuove ricette culinarie prese dalle primarie Riviste del genere - Con- ^ 
sigli e concorsi vari — Articoli di varietà. S 



Od 

Ogni abbonato, oltre ad usufruire i diversi ed importanti'^ 

sconti accordati su giornali e libri italiani, ha diritto a fare al-'§ 
l' Amministrazione qualunque domanda su quistioni giuridiche, su S 
quesiti d' enologia o di chimica, su procedimenti industriali, e su .— 
quant' altro lo possa interessare. 



L' abbonamento può incominciare da qualunque mese. — Per 
abbonarsi inviare Cartolina-Vaglia all'Amministrazione o all'Am- 
ministratore, Catania. 



i 



AN^M^O 54 



Istituto I^flVfl 



COLLEGIO CONVITTO INTERNAZIONALE 

PREMIATO CON MEDAGLIA D'ARGENTO 

^ 

YEI^EZ^ip H Palazzo Sagredo (Sui Canal Grande) 




iil:.^P^^:f^f^; ^"^»" ^ 





Comprende il Corso Elementare, la Scuola Tecnica e il Ginnasio. 



UN CORSO PREPARATORIO 
ATT. A R. SCUOLA SUPERIORE DI COMMERCIO (due anni). 



In corso preparat*ri« alla R. Scnola degli Allievi nacchinisti e ai Collegi militari. 

GINNASTICA - SCHERMA - BALLO - VOGA - BAGNI DI MARE 
S'insegnano teoricamente e praticamente le Lingue Francese. Tedesca e Inglese. 

•««> PROGRAMMI GRATIS -^- 



INDICE DEGLI ANNUNZI 



Abbenant P. P. Liquore. Atene (Grecia), 
376-377. 

Acqua di Vichy (Francia), 3926. 

Alberti G. Liquore Strega. Benevento, 464a. 

Annuario Fontanella. Guida completa della 
Costa Bleu San Remo, 29. 

Annuario italiano delle arti grafiche. Fi- 
renze, 15. 

Ansorge H , Hub E. e C. Graphische Union. 
Vienna, 2726. 

Arène. Specialità di Profumerie. Napoli, 54 
e passim 

Bagni di Cossilla presso Biella, 117 e passim. 

Barbanti- Erodano A. Medico dentista. Bo- 
logna, 54 e passim. 

Basso A. Specialità farmaceutiche. Na- 
poli, 39. 

Bellentani G. Salumeria. Modena, 352o. 

Bellet Sénès et Courmes successori d'Arè- 
ne. Profumieri. Napoli, 4806, 480c. 

Bemporad R. e figlio, editori Firenze-Mi- 
lano, 21 e passim. 

Bernard J. Apparecchi fotografici. Milano, 
I e 4486. 

Bertelli A. e C. Profumerie igieniche e spe 
cialità farmaceutiche. Milano, 196a e 1066. 

Berti G. Deposito di chincaglie. Firenze, 15. 

Bezzi A. Alla città di Venezia; articoli per 
decorazione B'irenze, 13. 

Biblioteca romantica Speirani, Torino, 47. 

Boncinelli S. e C. Spedizionieri. Firenze, 
3526. 

Bouty. Specialità farmaceutiche. Parigi, 
36^a-368d 

Brenti G. Specialità farmaceutiche. Tredo- 
zio, 25, 3366 480a. 

Brogi G. Fotografia. Firenze, 19. 

Calzone E Stabilimento di riproduzione fo- 
tomeccanica. Roma, 288a. 

Cini Giovanni e Cosimo. Fabbricanti di 
carta Firenze, 17. 

Compagnia Anonima di Assicurazione. To- 
rino, 45. 

Compagnia di Assicurazione di Milano, 
4960-4966. 

Gonfalone A. Penne d'acciaio. Napoli, 39. 

Crème Simon Parigi, 3446 e 344<;. 



D'Amico P. Magnetismo. Bologna, 5, 

Della Chiesa (Ditta). Fabbrica di Biliardi. 
Milano, 33. 

Ebanisteria Casalini (Società Cooperativa). 
Faenza, 51. 

Electrical (The) Battery. Milano, 384a-384d. 

Fabbri^^a (Prima) italiana di fiammiferi igie- 
nici. Perugia, 208a. 

Fattori E. e C. Pillole di Cascara sagrada. 
Milano, 72, e passim. 

Finetti E. e C. Indirizzi per pubblicità. Mi- 
lano, 35. 

Fondiaria (La). Compagnia italiana di as- 
sicurazione. Firenze, 192a. 

Fonte di Petanz. Acqua purgativa. Udi- 
ne, 61. 

Gambi Angiolo (Ditta). Premiato stabili- 
mento tipo-Jitografìco. Firenze, 48c. 

Galleria Sangiorgi. Roma, 41. 

Gianinazzi D. Stabilimento d'incisioni. Ge- 
nova, 64a. 

Giornale (II) di Venezia Giornale quoti- 
diano. Venezia. 51. 

Giornata (La). Giornale quotidiano. Fi- 
renze, 13. 

Grabinski S. eC, Carni conservate, ecc. Bo- 
logna, 5. 

Grand Hotel Cavour. Firenze, 1926. 

Grand Hotel des Bains al Lido. Venezia, 57. 

Grand Hotel Lido. Venezia, 57. 

Gutteridge e C. Tessuti per uomo e per 
signora. Napoli, 30. 

Istituto (R ) di Scienze Sociali « Cesare Al- 
fieri ». Firenze, SSle-SSif. 

Istituto internazionale. Monaco di Bavie- 
ra, 61. 

Istituto Ravà. Collegio convitto interna- 
zionale. Venezia, ma. 

Istituto Umberto 1 per la cura dei bambini 
tardivi o nervosi Firenze, 272a 

Lariana. Società di navigazione a vapore 
sul Lago di Como, 80a e 806. 

Libreria Larousse. Parigi, 392c-392d. 

Lido (II). Grande stabilimento di Bagni di 
Mare. Venezia, 57. 

Longega A. Tintura egiziana, petrolina, 



ricciolina. Venezia 



: T 



Magnolfi E. e C. Loden Prato (Toscana), 
3i4a. 

Malesci. Iperbiotina. Firenze, 23, 

Manetti e Gori succ. Colombini. Gioiel- 
leria, ecc. Firenze, 19. 

Manifattura di Signa. Firenze, 344d 

Manifattura « L'arte della ceramica ». Fi- 
renze, 448a. 

Mantovani G. Specialità farmaceutiche. 
Venezia, 55. 

Maschinenfabrik Augsburg (Vereinigte). 
Macchine tipografiche. Succursale di Fi- 
renze, 8-9. 

Menotti Bassaui e C. Arti grafiche, ecc. 
Milano, 33. 

Migone Specialità di profurai. Milano, ii, 
lOò e passim. 

Moda Universale BuUerick. Milano, 336a. 

Morandi Fratelli. Decorazioni e addobbi 
di appartamenti. Firenze, 23. 

Nebiolo e C. Fonderia di caratteri e fabbri- 
ca di macchine tipografiche. Torino, 49. 

Nuova Antologia. Rivista di scienze, lettere 
e arti. Roma, 2886. 

Olii di Oliva della Casa Sasso. Oneglia, 
108 e passim. 

Orosi. Laboratorio chimico. Milano, 31 e 
passim. 

Ottavi Fratelli. Casa agricola. Casale Mon- 
ferrato, 4006. 

Paganini, Villani e C. Farina Lattea ita- 
liana, 3526. 

Pallotti. Gioielleria di Venezia. Venezia e 
Firenze, 21, 

Paterna (La) Compagnia di Assicurazione 
contro l'incendio. Milano, 37. 

Pineider Giuseppe. Cartoleria. Firenze, 15. 

Ponsot A, (Ditta). Carta d'Armenia, Carta 
d'Oriente, ecc , per disinfezioni Parigi, 65. 

Prussiana (La). Compagnia di Assicura- 
zione. Milano-Berlino, 480rt. 



Racca G. Piani melodici. Bologna, 464a. 

Resto {II) del Carlino. Bologna, 11. 

Riunione Adriatica di Sicurtà. Milano-Ve- 
nezia, 35. 

Rocher. Specialità farmaceutiche. Parigi, 
392o. 

Rossi F. Cartiera. Perale (Vicenza), 53. 

Sanalorium Casanuova. Firenze, 21. 

Sapori V. Fabbrica di panforti, ecc. Sie- 
na, 23 

Sinigaglia S. e C. Studio tecnico industriale. 
Torino, 45. 

Società anonima « Fornaci alle Sieci ». Sieci 
(Firenze), 2086. 

Società dei Bagni di Lido Venezia, 57. 

Società delle ferrovie francesi dell'Est, 64d. 

Società editrice di cartoline illustrate. To- 
rino, 4646. 

Società italiana delle acque minerali delle 
Ferrarelle. Roma, 4646. 

Società riunite del Nord-Bologna. Inchio- 
stri. Bologna, 5. 

Stabilimento farmaceutico Linneo. S. Mas- 
simo (Molise), 400 e 400». 

Stabilimento idro-elettrico-terapico e cli- 
matico di Castiglione dei Popoli, 61. 

Stabilimento idroterapico e stazione clima- 
matica di Cossilla, 29. 

Stearineria italiana. Rivarolo Ligure, 27. 

Terme di San Pellegrino 646 e 64c. 

Tesoro {II). Rivista quindicinale. Catania, 
iii6. 

Ulrich D Erboristeria, droghe ed essenze 
Torino, 45. 

Vaccari A. Liquori. Livorno, 27. 

Valvassori Franco V. Cartiera. Torino- 
Firenze, 486. 

Vianini L. e C. Stabilimento per la lavo- 
razione dei cementi. Roma, 41. 

Zannone Fratelli. Fabbrica di Ombrelli. 
Firenze, 13. 



STORIA POLITICA DELL'ANNO 

NARRATA DALLA CARICATURA ITALIANA 



COSE MINISTERIALI E PARLAMENTARI. 




1. 



. . . . E rispettato 
all' estero. 



— Guarda un po'! L'America e l'Au- 
stralia hanno deliberato di respingere 
tutti gli emigranti analfabeti, in odio al- 
l' Italia! 

— Niente paura ! Aumenteremo i bi- 
lanci della guerra, per imporre con le 
armi un po' di rispetto verso.... l'anal- 
fabetismo nazionale! 

(L'Asino, 4 gennaio). 



I discorsi del giorno. 




^^s^^ 



— Quanta virilità e quale resistenza nei deputati austriaci ! Star rinchiusi in Ca- 
mera per 30 ore di seguito a far dell'ostruzionismo!!! 

— Mentre i nostri carissimi n?:orevoli dopo due orette di agitazione fittizia, o ca- 
scano dal sonno o vengono "' ^otti al punto d'esser portati all'ospedale ! Neppure a 
chiacchiere, non servono più a nulla!!! (Il Fischietto, 20 gennaio). 

— 3 — 



8. — La Camera non è in numero! 




— Ehi, ©hi ! si tratta di votare 
su questioni importanti... 

— Ma che! Siamo o non siamo 
in tempi di libertà? E io preferisco 
passeggiare all'aria libera di Roma 
al chiudermi nella vostra aula! 

(Il Fischietto, 31 gennaio). 



4. — Né a destra, né a sinistra, ma sempre dritto. 



Le lusinghe ed i dolci canti che' ven- 
gono da una parte e dall'altra non var- 
ranno certo a farla arrestare. Altrimenti 
il suo disastro sarebbe inevitabile. 

(L'Asino, P febbraio). 




- 4 



S. GRABINSKI Se C. 

BOLOGNA 



piw^i^ 



mmm 



CARNI CONSERVATE - CONSERVE ALIMENTARI 
ESTRATT I DI CA RNE, ecc. 

MEDAGLIE D'ORO: 
Como 1899 -Napoli 1900- Lione 1901 -Parigi 1901 - IVIilano 1902 
- Roma 1902 - Diploma d'onore e Medaglia del Ministero 
degli Esteri - TorinoJ902. 

BOULES dT brodo GRABINSKI 

(Privativa industriale) 

Purissimo - Igienico • Nutriente • Squisito - Istantaneo 
Inalterabile per qualsiasi tempo ed in ogni clima 

<^- Iiidispciisiabile a tutti. •^4=" 
SUPERIORE PER GUSTO E PER SOSTANZA A TUTTI I BRODI IN COMMERCIO 

i;<!iiliiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!iiiii!iiiiiiwiiiiliiiiiliiiiiliiiiiiiiiiiiiiiiilii!iiriiiiiiiiiiiiiiiiiiiii;!iiii!;iiiiiiiiiiii!iiiiiiiiii^ 






AVVISO INTERESSANTE PER CONSULTI DI AFFARI E DOMANDE DI CDRIOSITÀ 

La veggente Sonnambula Anna d'Amico è celebre in Italia ed all'estero. 

La sua fama mondiale è confermata da numerosi e splendidi successi ottenuti mediante 
le rivelazioni che essa dà nel prodigioso suo sonno naagnetico. 

Essa, sotto la direzione del suo consorte prof. Pietro d'Amico, sia per consulti di 
presenza, sia per col-rispondenza da qualunque città e paese vicino o lontano, vede e co- 
nosce colla sua chiaroveggenza i più reconditi misteri e segreti privati. 

Per consultare la Sonnambula, se si tratta di affari privati, curiosità, ec, occorre scrivere 
le domande opportune, le Iniziali della persona a cui il consulto si riferisce, e la Sonnambula 
darà gli schiarimenti e 1 consigli necessari onde la persona interessata sappia regolarsi. 

Tutte le lettere e corrispondenze saranno tenute colla massima segretezza. 

Per qualunque consulto conviene spedire dall'Italia L. 5, dall'estero L, 6 in lettera rac- 
comandata o cartolina-vaglia, diretta al prof. PIETRO D'AMICO, Via Roma, N. 2, Bologna. 

"""mtàrmit^^ 



Incfiiostri 



perfetti 



Sistema Esteri è Nazionale 

SPECJALITA ESCLUSIVA ; 

Estratto liquido concentrato 

pbr Inchiostro nonssiino al Campeyyto 
«ielle 

|SOCIETA RIUNITE del NORD 
' BOL.OGNA 

dielro carta da visita si soetlisce listino 



Fornitrice dei Ministeri, Strade 
Ferrate Meridionali e Mediterra- 
nee. • Stabilimento Chimico, Indu- 
striale per la fabbricazione d'In- 
chiostri, Ceralacche, Gomme 
liquide, ec. 




Iniiando una carta da visita viene spedito il listino. - Direttore : O. VEROJTESE 

— 5 — 




5. — Mascherata ministeriale. 



I due più bei mascherotti del giorno 
ed anche di tutto Tanuo. 

(L'Uomo di Pibtra, 28 febbraio). 



6. — Fasti parlamentari. 




L'Ambcuciatore austriaco dalla tribuna diplomatica. — Ed ora sarei curioso di sa- 
pere come iDtende il Governo Italiano di far rispettare a Zara. ... ciò che non riesce 
a far rispettare nemmeno in casa sua 1 — (Il Fischibtto, 28 febbraio). 



7. — L'appetito del drago. 




La parola d'argento dell'Estre- 
ma sinistra, è stata vinta dal silenzio 
d'oro della maggioranza, e la bestia 
vorace «.... dopo il pasto ha più 
fame che pria! » 

(L'Asino, i^ marzo). 



8. — La riforma giudiziaria, ovverosia il ritorno della giustizia. 



— Cari miei, non siete i primi a ten- 
tare l'impresa. 

— Ma bilancia e spada hanno perduto 
presto il giusto peso e il filo. — 

(Il Pasquino, 1° marzo). 




Vereinigte Mascliinen 
Masctiinenbaugesellscl 

SuccuissaU - ^ViCCWlC 



s^>»^S^y 




— 8 



Mi Augsburg und 
J^Niirnberg, A.G. 



Specialità: ,■ 



MACCHINE TIPOGRAFICHE 

OGNI COSTRUZIONE E GRANDEZZA 



MACCHINE IN BIANCA con 2 e 4 rulli inchiostratori. 
MACCHINE IN BIANCA per lavori commerciali. 
MACCHINE CROMOTIPOGRAPICHB. 
MACCHINE DOPPIE IN BIANCA con 2 cilindri. 
MACCHINE A DUE GIRI DEL CILINDRO (Zweitouren- 

maschine), con due e quattro rulli inchiostratori. 
MACCHINE per due colori. 
MACCHINE ROTATIVE per giornali con uno, due, tre o 

quattro rotoli di carta. 
MACCHINE ROTATIVE per illustrazioni. 
MACCHINE ROTATIVE per formati variabili. 
MACCHINE ROTATIVE per due fino a otto colori. 
MACCHINE ROTATIVE per bighetti da tramways. 
APPARECCHI per Stereotipia piana e curva. 
PRESSE per satinare. 
TRASMISSIONI. 



9. — Altro che Benadir ! 




La schiavitìl ce l'abbiamo anche in casa nostra e lo provano i poveri elettori di Bra 
tratti al voto dai sicofanti del sultano di Drenerò. — La tratta africana nulla dun- 
que ha a che invidiare al.... trattamento dei nostri corpi elettorali. 

(Il Fischietto, 7 marzo). 



10. 



L'indennità ai superstiti di Mentana. 



L'usciere. — Eccovi finalmente la 
prima rota della vostra pensione.... 

L'ultimo superstite. — Grazie! 
{muore). 

(Il Pasqiino, 5 aprile). 




10 — 



IL 

La Patria 

Giornale politico quotidiano 
di BOLOGNA 

di formato massimo. 



~rr'iri_rriir.r~irr~ia wfmm ■ iri~ 



^^wj^^rw^^-T^^ir^wBi^^*» 



lA*Mi4^4M(^tfM>*^* 



DIFFUSIONE ESTESISSIMA IN TUTTA ITALIA 

ABBONAMENTI: 

ITALIA: Anno L. 17 — Semestre L. 9 — Trimestre L. 5. 

ESTERO: Paesi dell'Unione Postale: i medesimi prezzi, purché 
gli Abbonamenti siano trasmessi dai rispettivi Uffici Postali. 



Direzione, Aìiimìuistrazione e Ufficio pubblicità 

BOLOGNA. Via Calderini, 6 - BOLOGNA 



— 11 — 



11. - La libertà del Governo Giolitti-Zanar dalli. 




Oiolilti. — Che asino ! Ti ho dato 
la libertà eppoi ti lagni! 

(L'Asino, 19 aprile). 



12. — La ritirata del sòr Prinetti. 




— Colla febbre scarlattina, sòr Prinetti a passeggiar'.! 

— Presto a letto! Presto a letto l Presto a letto! Pre»to » letto I F^re^^to a 
j^ttoj (Il Pasquino, 86 aprile). 

— 12 — 



lA Giornata 

NUOTO GIORNALE POLITICO QUOTIDIANO DI FIRENZE 

Direttori G. Z /RONDA e Avv. R. Gì AND E RI NI 
DIREZIONE ed AMMINISTRAZIONE, Via delle Ruote 19.21 

CONDIZIONI D'ABBONAMENTO: 

Anno L 18 - Semestre L. 3 - Trimestre L. 5 

99" lt)^zpti pfeirpl a^li abtooiiati pet il 1904-. "^Uf^ 



iim liiii iim UHI iiiii Hill Hill Hill imi imi imi iiiii uni inii imi imi uni imi imi imi imi iiiii uni imi imi imi iim imi imi imi uhi iii:i hih 

Alla Città di Venezia 

-^ A. BEZZI m- 

Successore dell'antica Ditta AKORBIN^I 
FIRENZE - Via de' Panzani, 15 - FIRENZE 

ARTICOLI PER DECORAZIONE DELL'ALBERO DI NATALE 
Pagliette - Lamette • Brillantine - Novità e Fantasie ■ Ornamenti. 

Spedalità iu Perle, Pietre, Contcrie, Strass ed allro in Gè, per confezioni diverse e ricamo. 
Corone funebri di Perle, montate in ottone indistruttibile. 

^ (3 SI PRENDONO ORDINAZIONI C) ^ 



Antica e Premiata Fabbrica di Ombrelli 

ALL'INGROSSO ED AL MINUTO 

dei 

\ Fratelli ZANNONE 

Ó FIRENZE • Via Calzaioli 17, angolo Via dei Tosinghi (Sotto la Terrazza) - FIRENZE 

fc -»<.>^<-- 

i GRANDE ASSORTIMENTO ^J^^^^^^i^,^f^Sss^ 

da paKSC^-iU-io usuali ed artistici - .Piazze Animate- Ventagli comuni e ricchissimi 
in Penna, Trina, Pergamena- A$»tiiceJ completi per regali da Corredo - Valigie ed ar- 
ticoli da viaggio - Néces»>aires - Bauli di legno curvato, leggerissimi - Portafogli - 
Borse - Cinture. 

CASA RINOMATA PER LA ROMA DEGLI ARTICOLI DI SUA PRODUZIONE E LA MITEZZA DEI PREZZI 
-Si conservano Jfelliccie nella Stagione estiva. 

— 13 — 



— Il ritorno di Dettolo alla marina. 




Bettola. — Ho fatto più cammino io colla mia nave a sei alberi, che non altri coi 
piroscafi transatlantici! (Il Succksso, di Genova, 26 aprile). 



14. — Quel povero Tony testa di ferro! — Circo di Montecitorio. 




Credeva che fosse vetro come l'altro... e invece era purissimo acciaio! 

(Il Pasquino, 24 maggio). 



— 14 — 



AINTIN TO III - 1Q04: 

JVxvmauo Mlaxvo àelU M^ Sieatvck 

VI COLLABORANO I MIGLIORI TECNICI D'ITALIA 

CONTIENE: Indirizzi di tutti i Tipografi, Litografi, Legatori, Editori, 
Incisori, Stereotipi Zincografi, Fonditori di -caratteri. Costruttori di macchine. 
Fabbricanti d' Inchiostri, di Carta, di Caratteri e attrezzi in legno, Elenco delle 
Associazioni, dei Periodici, ec, — Leggi e Regolamenti — Avvenimenti più 
importanti dell'anno — Articoli tecnici — Notizie storiche, biografiche e stati- 
stiche — Norme pratiche ed utili — Pubblicazioni — Illustrazioni, ec. — Annunzi . 

E un libro indispensabile non solo ai Pioprietari, Direttori, Proti ed Operai 
tipografi, ma anche agli Editori, agli industriali ed ai Viaggiatori di quelle Ditte 
che hanno rapporti ed attinenza coli' industria e col commercio delle Arti Grafiche. 

L' Annuario Italiano delle Arti Grafiche, per il suo massimo buon mercato, che 
gli ha procacciato una grande diffusione in Italia ed all'Estero, si raccomanda molto per V indiscu- 
tibile efficacia della sua reclame ai signori Industriali e Commercianti. 



PREZZO: Italia L. 1,60 ■ Estero L. 2. (Franco di porto). 

Indirizzarsi esclusivamente alla Società Tipoorafica Fiorentina, 
Via San Gallo, 33 — FIRENZE. 



GIUSEPPE PINEIDER 

Via Tornabuoni, 20 - FIRENZE 

CaRToLEKIA 

GRAOE ASSORTIMENTO DI FOTOGRAFIE E LAVORI IN PERGAMENA 
Carta inglese e di fantasia. 

Cifre • Monogrammi • Stemmi. 

Specialità in carte da visita. 

Partecipazioni di nozze e di decesso. 

RICORDI DI FIRENZE - GUIDE PER VIAGGIATORI, EC. 

Deposito di chincaglie 

VENDITA ALL' INGROSSO 



GABBRIELLO BERTI 

Successori a BENI & BALLETTI 



FIRENZE ■ Via Calzaioli (Piazza degli Adimari) - FIRENZE 

(nell'antico locale della PICCOLA BORSA). 



lo — 



16, — La questione delle questioni. 




Se la grandezza degli uomini 
fosse sempre adeguata a quella delle 
questioni che devono affrontare! 
(Il Fischietto, 2 giugno). 



16. 



Il ritorno del vecchio camerata Giovanni. 



— Oh, finalmente!... Era un 
pezzo che ti si aspettava I . . . — 

[A proposito delle repressioni vio- 
lente delie dimostrazioni antiau- 
Btriache]. 

(Il Pasquino, 7 giupno). 





«-ì_ n.«n.rv<i.ì 


3l-V-^^« 


iit-Y-^r: 







— 16 — 



Giovanni • 

* E COSIMO QNl 



pABBRlCANlT^ 
PI CARTA ^ ^ 

67,2 V,y^ GHIBELLINA 

FIRENZE - 



CON CARTIERA ALIA UMA 

s. marcello pistoiese 

Fornitori pelia piTta epiTRice 

R. BEMPORAP § RGLIO 



♦. .♦. .♦. .♦. .♦. 
♦ ♦ ♦ ♦ ♦ 



17 — 



17. — La crisi. 

■pp,eSIDtN2/^ Bit/ 



18. — Soluzione della crisi. 



>'(AMfK/i 




— Per adesso ne ha perso due strada 
Vista l'uva troppo acerba, Giolitti ritorna facendo; ma prima di arrivare a casa, 

a Drenerò.... perderà anche l'asino. 

(L'Uomo di Piktea, 20 giugno). (L'Uomo di Pietra, 27 giugno). 



19. — Dopo la sentenza di Roma. 




Povera marina italiana! Vale dav- 
vero la pena di cingerla in mare di tanto 
acciaio, per abbandonarla, indifesa, in 
terra, al ludibrio piazzaiuolo ! 

(Il Pasquino, 6 settembre). 



— 18 



GIflCOlVIO BHOGI 

FOTOGRAFO DELLA CORTE D'ITALIA, DELLA REGINA D'INGHILTERRA, 
DELLA PRINCIPESSA LUISA DI PRUSSIA, DEI PRINCIPI REALI DI ROMANIA ECa 



SPECIALITÀ DI RITRATTI 

AL CARBONE, AL PLATINO, ECC. 

FIRENZE- Lungarno delle Grazie, lett. B. 

studio in Viareggio (Giugno-Ottobre) Viale Ugo Foscolo, 7. 

CASA EDITRICE 

Corso dei Tintori, 43. 

Fotografie artìstiche; Quadri antichi e moderni, Mosaici, Affreschi, Disegni, 
Vedute, Scuiture. 



Via Tornabuoni, i. 



Piazza dei Martiri, 61-62. 



qioieufria- orologeria 
arqeNtlria 

ManeTti ^ GORI 



SUCCESSORI 



GlUSLPPE COIOMBIN! 

FIRENZE 

Via Por Santa Maria, 12. 



— 10 



20. — " L'enfant gate. " [Ferri] 

oV: 




Perchè più non avesse a strillare gli hanno abbandonato fra le mani il tanto deside- 
rato giocattolo. - Ma domani, quando ne sarà stanco, e quando vorrà a tutti i costi qualche 
cosa d'altro, che si concederà ancora dal paterno Governo al terrrrnbile enfonl gatef.f 

(Il Fischietto, 8 settembre). 



21. — Orco pietoso. 




Poverini ! Se la dormono cosi pla- 
cidamente sognando forse bellissime 

cose Perchè si vuole che me ne 

sbarazzi"? 

(Il Fischietto, 2n settembre). 



— 20 — 



SANATORM 






Ville i^a^anuova 

COLLINE FIESOLANE PRESSO FIRENZE 



Via Faentina • Viiizzo Capponi, y. 4, 6, 27. 

Direttore 
Dott. Cav. GIUNIO CASANUOVA 

CONSULENTI 

^ ^ Prof.ì Comm/ GROCCO e TAMBURINI ?^ 1 1 | 



* § 

2 « 2 

2 <«^ * 



Y5ffi[^ # PALLOTTI # K5iys5 
jOiLi]:riL.E:Ri£: 

Maison de premier ordre foiadée dans le 1850. 
FABRIQDE PRIVILEGIENTE Lm^ED^ EH CR DE DDCAT 

SPÉCIALITÉ POUR LES MONNAIES 
de la Bépiibllque de Venise originales et émaillées. 

BRKVET ROYAIi 



Meme Maison à FLORENCE, 3-5 - Bue Rondine/li 
COllFCTIOS D' ANTIMI ITÉS -^-^ BEAUX-ARTS 

iniiiWiii!iiiiiiwiiniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!niii:ii!iiiHiii!niiiii!i!iii!iii!in!in'!ii:;i!:a;i!iinnini;ih[inii:Biiii!iii!:ii!ii!iii:!ii 

La Gasa Editrice R. Bemporad & Figlio - Firenze, Via del Procon- 
solo, 7, per corrispondere degnamente alle esigenze del pubblico che ogni giorno 
più l'onora della più grande fiducia, ha aperto una 

SUCCURSALE A MILANO 

Via Agnello, 6 

ì& quale è in grado di evadere ogni commissione con esattezza e sollecitudine e fornisce 
gratuitamente ogni schiarimento in merito alle proprie edizioni. Un ufficio speciale addetto 
alla succursale stessa è adibito esclusivamente al nostro Almanacco italiano 
Sono stabiliti inoltre i seguenti 

DEPOSITI GENERALI DI TUTTE LE EDIZIONI BEMPORAD 

in TORINO # in ROMA 

presso S. LATTES e C. ||| presso 

Via Garibaldi. ^ ARISTIDE STADERINI 



— 21 



22. — Pallone socialista e fiasco ministeriale. 



Morin meravigliato e come al solito 
indeciso. — Ma come ! A ine che non vole- 
vo entrarci per nulla, fare un simile pre- 
sente'? Ed ora che decidere? Prendere le 
dimissioni che il paese mi tiene preparate 
raccogliere quella lanterna?... fra il si 
ed il no sto per la lanterna, ma credo 

f»erò che essa dopo aver fatto a tutti la 
uce servirà ad attaccar fuoco a quel pal- 
lone, che si ò già troppo gonfiato, se 
pure non scoppierà presto da solo. 

(La Rana, 11-12 settembre). 




II. 
ORONACHETTA INTERNA. 




Di qua e di là . . . 



Ije donne illustri. 

Madame Humbert. — Eh I la Francii 
n'ha avute poche.... 

(Il Fischietto, 20 gennaio). 



I 



— 22 



L a grande scoperta del Secolo 

IperbioITNa Maiesci 

la sola ottenuta col metodo BROWN SÉQUARD di Parigi. 

RINVIGORISCE, PROLUNGA LA VITA 

DÀ FORZA E SALUTE 

Premiata con gran medaglia d'oro Esposiz. mondiale Roma 1900 
CONSULTI ED OPUSCOLI GRATIS 

DIFFIDARE DALLE DANNOSE IMITAZIONI 

Stabilimento Chimico Dott. MALESCI - Firenze 

J^I VENDE NELrlfE PI\IMAI^IE BA1\MACIE 

FRATELLI IVIORANDI 

Piazza Vittorio Emanuele, 5 ■ FIRENZE 

Decorazioni, addobbi, ammobiliamenti completi con Fab- 
briche proprie di Mobili, Passamanterie, Arazzi 

^' Studio d'Arte Decorativa -^ 

IMPORTANT"E : La Ditta dichiara che per la vendita non ha altri magazzini 
che quelli situati in Piazza Vittorio Emanuele 5, Firetize. 

Hill Hill UHI Hill Hill Hill Hill Hill Hill Hill Hill Hill Hill UHI Hill illll illll Hill Hill Hill IHII Hill Hill UHI Hill Hill Hill Hill Hill Hill Hill Hill lliij 

?re)T|lafa fabbrica di panforti 

V. Sapori SMINA 

Panforte- Torrone - Cavallucci -Ricciarelli -Copate. 

o- — ■ ■ . ■ o 

LAVORI ARTISTICI IN ZUCCHERO 

(Vedi TAGLIANDO). 



Nel regno dei cieli. 




— Qua il bicchiere, caro Fieramosca, la commemorazione deila Disfida di Barletta 
fu degna di noi 

— Ne convengo, Messer Baiardo ; ma sorge pur troppo a guastarcela il ciarlata- 
nesco ricordo della recente Distida di.... Burletta. (Il Fischietto, 17 febbraio). 



25. — Dall' epopea di allora alla prosa di adesso. 




Il Tecebio militare: 

(Cantarellando). — Io non ti lascio sola : 

Ti lascio un figlio ancor 
Parapan pan pan ! 
{Meditando). — Corpo !. . . In quel tempo 
sì, che nessuno ci avrebbe chiamati impro- 
duttivi ! . . . 

(Il Pasquino, i2 febbraio). 



24 



SniCIDIO INVOLONTARIO!!! 



Il suicidio, considera- 
to sotto il suo rapporto 
etico-sociale, è soggetto 
di ano studio profondo 
della statistica; ma c'è 
una forma di suicidio, 
che pur facendo vittime 
incalcolabili, sfugge alle 
indagini della saitistica 
stessa. Questo è il suici- 
dio involontario. Quanti 
sono coloro, che pur es- 
sendo attaccati alla vita 
da affetti e da interessi, 
per ignoranza o per non- 
curanza si suicidano in- 
volontariamente ! ! ! Ma 
come? Ecco: è provato 
dalla scienza fisio-chimi- 
ca-patologica che il no- 
stro organismo , anche 
allo stato sano, è un la- 
boratorio di veleni che 
si originano in maggior 
copia nel tubo gastro-en- 
terico e più specialmente 
neir intestino, i quali se 
non vengono eliminati o 
neutralizzati, possono produrre le più gravi forme morbose e in 
breve condurre alla morte. 

Esiste oggi un farmaco, che corrispondendo a questo doppio con- 
cetto scientifico, possa eliminare o neutralizzare le autointossicazioni 
che si producono nell'apparato gastro-enterico e difendere in tal 
modo numerosi individui da gravi disturbi e da morte immatura?... 
Le Pillole Brenti, essendo dotate di un'azione depurativa 
e disinfettante intestinale, hanno appunto la benefica proprietà di 
liberare il tubo gastro-enterico da tali autointossicazioni, e sono 
perciò raccomandabili a coloro che vogliono evitare e combattere 
tutti i disturbi dello stomaco e dell' intestino con tutte le loro più 
gravi complicazioni. 

Prezzo L. 1,75 la scatola, più Cent. 25 se per Posta. 
Rivolgersi al Chimico-Farmacista 

GIUSEPPE BRENTI - Tredozio (Prov. di 




— 25 



20. — Le commemorazioni 
storiche.... elastiche. 



27. — A Roma. 

(Congresso storico - Sciopero generale) 




— Non si potrebbe, per esempio, 
trasportare il XX Settembre al 4 o al 
5 maggio? In quell'epoca abbiamo la 
vendemmia. ... e mi secca venire a 
Roma. (Il Pasquino, S marzo). 



I poveri signori Congressisti han, do- 
vuto ricordare per forza che al mondo 
esiste anche una storia contemporanea. 
(Il Pasquino, 12 aprile). 



28» — Seguono gì' inconvenienti della celebrità. 




Firenze, Pisa, Napoli, Bologna, 
Milano a opni città che si rispetta 
Manda speciali inviti all'Inventore, 
Che cosi mangia a spese dell'Italia 



Mangia, dico, ma solo per vergogna 
Di dispiacere ei tutto sempre accetta; 

Che poi (se non ne fece senza) in cuore 

Certo dee maledir anche la balia. 
(Il Travaso dbllb Idbb, 17 maggio) 



— 26 



*J.^ 



SUa\!w«U Miaxva m 



Società Anonima per azioni • Sedente in Cienova 

Capitale L. 1,800,000 interamente versato 

STABILIMENTO IN RIVAROLO LIGURE 

Fabbrica di Candele Steariche 

Stearina - Oleina - Glicerina 

Saponi - Acido solforico. 

PREMIATA CON DIPLOMA D'ONORE 
alle Esposizioni di Palermo (1891), Genova (1892), Torino (1898). 





[ Ancona 


NapoU 




Bologna 


Parma 


DEPOSITI; 


Brescia 


Torino 




Firenze 


Verona 




Milano 


Vicenza 



ArrLirLinistrazione : - Oexiova - Piazza Nutiziata, n. S4-1. 



DOMANDATE! 



liSwMo 




Trassi me j^j^j.^Oj^ 
-^^^^^ Onorificenze 

MìéilmYmWi 



La Casa Editrice R. BEMPORAD & FIGLIO - 
Firenze, Via Proconsolo, 7, per corrispondere 
degnamente alle esigenze del pubblico ohe 
ogni giorno più l' onora della più grande fidu- 
cia, ha aperto una 

SUCCURSALE A MILANO 

VIA AGNELLO, 6 



la quale è in grado di evadere ogni com- 
missione con esattezza e sollecitudine e for- 
nisce gratuitamente ogni schiarimento in me- 
rito alle pi-oprie edizioni. 

Un ufficio speciale addetto alla succursale 
stessa è adibito esclusivamente al nostro jÌ.L- 
MANACCO ITALIANO. 



Sono stabiliti inoltre 1 seguenti 

Depositi Generali di tutte 
le EDIZIONI BEMPORAD: 

In TORINO 

presso S. LATTES e C, Via Garibaldi. 

In ROMA 

presso ARISTIDE STADERINL 



— 27 



29. — Il Governo della libertà..,, di pensiero. (Nei reclusori! politici). 




— Ecco un uomo che può pensare . . . 
liberamente ! 

(L'Asino, 24 maggio). 



30. — Mosè-Nasi sul monte Sinai-Minerva compila le tavole della legg 
per i maestri elementari. 



/ maestri. — Tenga presente che a 
noi basterebbe una tavola sola: quella 
da pranzo. 

(Il Pasquino, 5 luglio). 





81. 



Aure clericali. 



— Quei cardinali! Sono malcoatei.i 

di tutto delle celle, del cuoco, de] 

Camerlengo... . 

— Mah! Una volta si diceva che il 
malcontento era generale, ora, invece, 
è.... cardinale! 

(II. Pasquino, 2 agosto). 



28 — 



r 



AiWQ IH 
1904 



AMUARIO FONTANELLA 

GUIDA COMPLETA 



AMO HI 
1904 



della " COSTA BLEUE „ (Riviera ttaliana) 

Amministrativa, Commerciale, Illustrata 
di S£t.lX JR.^1CÌCÌl€> e dintorni. 

I Aiassio, Oueglia, Porto Maurizio, Ospedaletti, Bordighera e Veiitimiglia. 

I Prezzo L. 3 - Estero L. 4,50. " 

I Peri serzioni dirigersi al Proprietario-Direttore F. FONTANELLA, 15 Via Roma, SAN REIVIO. 



La Casa Editrice R. Bemporad & Figlio - Firenze, 

Via del Proconsolo^ 7 , per corrispondere degnamente alle 
esigenze del pubblico che ogni giorno più l'onora della più 
grande fiducia, ha aperto una 

SUCCURSALE A MILANO 

Via Ag-uello, 6 

la quale è in grado di evadere ogni commissione con esattezza e 
sollecitudine e fornisce gratuitamente ogni schiarimento in merito 
alle proprie edizioni. Un uiBcio speciale addetto alla succursale 
stessa è adibito esclusivamente al nostro Almanacco Italiano. 

Sono stabiliti inoltre i seguenti 

Depositi generali di tutte le edizioni Bemporad 

in TORINO ^, In ROMA 

presso S. LATTES e C. % presso ARISTIDE STADERINI 

Via Garibaldi ^ 




Stabilimento Idroterapico 
e Stazione Climatica 

eossiLA 



■p a Va ora da BIEL.I.A (Piemonte). 



Posizione eccezionalmente salu- 
bre, comoda e fresca a 600 m. circa 
sul mare. Cure Idroterapiche, elettri- 
che. Massaggio, Ginnastica medica, 
Pneumatoterapia. Cure speciali, per- 
sonali, e scientificamente moderne 
per malattie nervose, spinali, di sto- 
maco. Statistiche e risultati ottinal. 

CJiiedere programmi e schiari- 
menti al Medico Direttore 

Dott. L. C. BURGONZIO. 



29 — 



82. — Lo scisma socialista. 




Il maestro. — Via, lei! È troppo inteliip'ente 



(Il Pasquino^* agosto). 



— Voci tendenziose. 




Si parla di scissure nel partito so- 
cialista. — A noi sembra che pih unito 
di cosi non potrebbe essere. 

(Il, FiscHiKTTo, 4 agosto). 



— J^O 



MIGLIORAMENTO DEI VINI 

Prodotti garantiti igienici adoperati dai principali Stabilimenti Enologici 
d'Italia ed Estero 

PnnoiQnìnU solida, innocua ed approvata dai Laboratori per colorire vini di deficiente 
JjiiU blCllllilCl colore. Essa è il vero e naturale color del vino. Non è un preparato ar- 
tificiale: è cstratta puramente dal prodotto della vite. Per colorire da bianco in nero 2 Et- 
tolitri di vino basta una scatola, costa L. 4,25 

PnlVPrP rnn^PrUJìfrirP ^^^ ^^"°' ■^^®"'*'® ^^^ 5*^^ solublU indicati dai codice Sani- 
La Polvere conservatrice si vende in scatole di 300 grammi sufficienti per oltre 10 Et- 
tolitri di vino. Scatola con istruzione L. 3,50 

PhlQPÌfiPQTlto rtol irilin ^^^^ * rendere limpidissimo qualsiasi vino torbido in 
UUiaimbaillC UCl VIUU meno di tre giorni senza alterarlo. 

Scatola bastevole per 10 Ettolitri L. 4,50 

TÌÌ^3PÌrtÌfÌP/intP °**'*™° P®^ distruggere l'acidità di qualunque vino, per far preci- 
i/lOaUiUliibCllllu pitare e separare il lievito non decomposto. Scatola sufficiente per 6 
a 10 Ettolitri L. 5. — 

PtPrP PTlUTltiPn P^^ ^^^^ corpo al vino, conservarlo, invecchiarlo subito e dargli il 
UluiC UildliUuU profumo dei più rinomati vini vecclii naturali. Flac. bastevole per 
600 litri L. 5. - 

^lìlimSntinSI ^^^ dare la spuma a qualunque vino liquore, amaro, ec. — Sostanza in- 

upUmailllilCl nocua. Dose per 100 litri con istruzione L. 1,25 

lÌPPnlnrUTltO P®^ ridurre il vino o aceto nero in rosso o rosso in bianco. Scatola con 
UUliUiUiaUlU istruzione bastevole per 2 Ettolitri L. 5. - 

Rigeneratore del Vino ì^:\'er!ìo"1Srl^!\'':\'°!^:.°!'"':"r!Tt- 

NB. Non si vendono quantità minori di una scatola, o una dose o una bottiglia. — Aggiungere ai 
prezzi qui sopra L. 0.70 per la spedizione ir It;.lia. 

Spedire vaglia al Premiato Laboratorio Chimico OROSI, 12, via Felice Casati - MILANO. 

La Casa Editrice R. Bemporad & Figlio - Firenze, 

Via del Proconsolo, 1 , per corrispondere degnamente alle 
esigenze del pubblico che ogni giorno più l' onora della più 
grande fiducia, ha aperto una 

SUCCURSALE A MILANO 

Vìa Agrnello, 6 

la quale è in grado di evadere ogni commissione con esattezza e 
sollecitudine e fornisce gratuitamente ogni schiarimento in merito 
alle proprie edizioni. Un ufficio speciale addetto alla succursale 
stessa è adibito esclusivamente al nostro Almanacco Italiano. 

Sono stabiliti inoltre i seguenti 

/ epositi generali di tutte le edizioni Bemporad 

in TORINO & In ROMA 

presso S. LATTES e C. Jj presso ARISTIDE STADERINI 

Via Garibaldi V 



J4. - I due " GUGLIELMI ** 
la campagna contro Marconi. 



35. — Arte industriale. 




— CoU'aiuto dello « scranno ».. . 
forse ! . . . 

(Il FisruiETTo, 18 agosto). 



— Portate al tenente Modug-no 

Juesta prova della mia imperiale sod- 
isfazione. 

— Maestà! E per Musolino e Var- 
salona niente? 

(L'Uomo di Pietra, 12 settembre). 




Vorrei andarmene in montagna, ma 

sono all'asciutto — , . 

— Perchè non fai il busto del ministro 
Nasi? (Il Pasquino, 23 agosto). 



30, — L'Aquila Rossa. 




STABILIMENTI RIUNITI V. TURATI -M. BASSANI 
Via Castelfldardo, n. 7 - MILANO - Via Castelfidardo, n. 7 



TELEFONO 1235. 



Ai^ucAziONE Fotografica 

ALLE 

ARTI QRAFKìlE 

CON 

qALVANOlTPIA 

Fratelli DELLA CHIESA 

FABBRICA BIGLIARDI 

ITALIANI - FRANCESI - RUSSI 

MILIiNO - yia S. Vito al Carrobbio, 21 - MILANO 

nm- CATALOGHI GRATIS A RICHIESTA ^IHI 

Deposito di biglie d' avorio • beuzoline • panni - stecche - gesso, ecc. 



liiiiiliiiiiliiiiiliMiiiiiHii!i!iiin!i'Bii:iiBi!!iìMiiiiw;iiiil!n!ili!iiìgin!!aiiiiiWiiìi«n!iiiiin'i!iiiigniiìi:^':«'niii!!i;iiii'iii';!iiiiiiiiiiiii!iiiin 

La Gasa Editrice R. Bemporad & Figlio - Firenze, Via del Procon- 
solo, 7 , per corrispondere degnamente alle esigenze del pubblico che ogni giorno 
più l'onora della più grande fiducia, ha aperto una 

SUCCURSALE A MILANO 

Via Agnello, 6 

la quale è in grado di evadere ogni commissione con esattezza e sollecitudine e fornisce 
gratuitamente ogni schiarimento in merito alle proprie edizioni. Un ufficio speciale addetto 
alla succursale stessa è adibito esclusivamente al nostro Almanacco Italiano. 
Sono stabiliti inoltre i seguenti 

DEPOSITI GENERALI DI TUTTE LE EDIZIONI BEMPORAD 

in TORINO 4» i n R O M A 

presso S. LATTBS e C. |[[ presso 

Via Garibaldi $ ARISTIDE STADERINI 

— 33 — 



III. 

POLITICA ESTERA. 



37. — Proprietà improvvisate. 




— Fate pure il vostro comodo, signori, ma ricordatevi dell'ordine 

Siete quasi in casa mia! (Il Fischietto, 3 gennaio). 



34 



RIBMONE ADRIATICA DI SICURTÀ 



i^^ 



COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI A PREMIO FISSO 

ISTITUITA NELL'ANNO 1838 



— ^>_j»^9 Jr^^ikK^à^^^ G>(o^' j^<^ 



Società Anonima ..^^gJ ^HBig ' ' Capitale versato 
per Azioni ! J^^f^^^ì J ^ 3,360,000 1 
^/l^ kiv9<§ ^^^^^^^^^^ èo^ ■ \x9(J 

SEDI IN ROMA - MILANO - VENEZIA 



ASSICURAZIONI CONTRO I DANNI DEGLI INCEND.^ 

ASSICURAZIONI DI TRASPORTI TERRESTRI E MARITTIMI 
ASSICURAZIONI CONTRO I FURTI CON SCASSO 



Capitale sociale e fondi di garanzia al 31 dicembre 1902 L. 94,594,740. 
Risarcimenti pagati dal 1838 al 31 dicembre 1902 L. 523,865,000. 

Ag^enzie Principali in og^ni capolnogro di Provincia o di Circondario. 
Ag^enzic Mandamentali in og^ni capolnog^o di Mandamento. 

Industriali e Comìnercianti! 



Ohi ha bisogno di attendibili, esatti indirizzi per 
diramare qualsiasi specializzata pubblicità in Italia ed 
all'Estero, si rivolga alla Ditta 

E. FINETTI & C Milano 

Passaggio Galleria De-Cristoforis, 2 



O^SJ^ :F03sriD^T.A. ISTEH. 1880 

Premiata con 5 Medaglie d' Oro 

RIPARTO SPE3CIAIL.E 

m MMEROSO PERSONALE PER LA COPEZIONE DEGLI STAMPATI 

N. 55 Commesse interne — N. 100 Amanuensi esterni che lavo 
rano costantemente per la Ditta. 

PREZZI MODICISSIMI 

— 35 — 



Guglielmo II figurinaio di Lucca. 




Vuol regalare monumenti a tutti, anche a quelli che non li vogliono. L' abbonato 
del Travaso è già fuori pericolo. (Il Travaso delle Idkb, 8 febbraio). 



39. — La rivincita delle nazioni civili. 




Oermania. — Quella maledetta zanzara mi ha punto il naso. 

Inghilterra. — E a me ha pnnto un' orecchia. 
A dna — Vendichiamoci'. (La Rana, 13-14 febbraio). 



— 36 — 



UOVA OGNI GIORNO! 

Si possono ottenei-e dando alle gal- 
line la POLVERE TURCA per aumentare 
la produzione delle uova, tanto in 
estate che in inverno, 2300 tiova 
circa con IO (falline in un anno. 

Pacco di Kg. 1 — . L. 2 50 \ Iraneo di porto 
^ „ „ 3 - . „ 5 - / in Italia 

Un cucchiaio di POLVERE TURCA si mischia, nel pasto 
giornaliero delle galline, le fortifica, le ingrassa, e le pre- 
serva dalle malattie. 




Immenso successo in iuW ì paesi 



Spedire Vaglia al Premiato Laboratorio Chimico OROSI, 
12, Via Felice Casati, Milano. 



CORNEON 

Callifugo 
insuperabile 

contro calli, durioni, occhi di 
pernice, ec. Pronta e sicura 
guarigione. Non confondere il 
CORiyiEON con altri prodotti 
senza effetto e dannosi alla 
salute. Un flacone con pen- 
nello, in astuccio L. 0,80 (fran- 
co di porto L. 1). Tre flaconi 
L. 2,60 franchi di porto. Diri- 
gersi al Premiato 
LABORATORIO CHIMICO OROSI 
12, Via Felice Casati,M\LANO. 



PABBRICATEVI I LIfinORI S 

^ Lire 



3,25 

6 litri 

FERNET 

CHARTB'^.USE 

ANISETTE 

ALKERMES 

RHUM 
FAMBROS 



CASA 

% D'ECONOMIA! 



Tutti possono fabbricare, senza bisogno di nozioni tecniche, 
ottimi liquori e sciroppi pari a quelli delle migliori marche e 
ciò con gli Entrata concentrati a vapore appositamente prepa- 
rati e confezionati con dettagliata e pratica istruzione per l' uso. 

A titolo di saggio si spedisce franca di porto in Italia una 
CASSETTA-CAMPIONAKIO con 6 flaconi di estratti per fare 
un litro di ognuno dei seguenti liquori: All<ermes - Anisette 
dì Bordeaux - Rhum Giamaica - Fernet - Cliartreuse gialla e Fam- 
bros con 6 Etichette e 6 Capsule. Ai committenti gratis il Ma- 
nuale-Istruzione per fabbricare i liquori. Si garantisce il 
perfetto risultato. 

Spedire Cartolina- Vaglia di L. 3,25 (Estero Fr. 4,50) al 






ca ««.^ 



Premiato L.ABORAT0RIO CHIMICO OROSI 

MILANO - Via Felice Casati N. la. 



Compagnia di Assicurazioni contro T INCENDIO 

Capitale sociale L. 6,000,000 — Garauzie L. 70,464,000. 



CSLSSSt. 



ai t;4B j:*n 



Compagnia dì Assicurazioni sulla VITA 
Capitale sociale L. 5,000,000 Garanzie L. 60,646,000. 

Società Generale per le Assìcura/loiii Agricole ed Industriali 

Compagnia di Assicurazioni contro gli INFORTUNI 

Capitale sociale L. 6,000,000 — Garanzia L. 9,900,000. 

Direttore per l'Italia Ing. CaY. A. VISETTI PaiazffDuS^^viroS, 24. 

n^ MILANO (^ 



37 



40. — Edoardo - i . r - a Roma. 



u 


\ 


t / 




-^ 


» ^ 




KJ^^tt'^^H 




^^^ .^ ^ 


^^ 


BSRhH 




n 


P 


I3hBhe^^9^^^^kHI^H 




^^^^^^1 


1^-^ 


■HHHl^^r ' " 




HE- 




w^H^ .f-i^?^ 




i-^^^KLyjCal 


wà 


j^. -^^^^^ 




i:22?'^™'^^„ i^ 


pR 




s ~£^^^^^^d^^&~^'^^£13^ ~* 


' ■ ^^^^^^^^^^^^^^^^Ss>j, . 


^^T- 


3?^=^ 


^-=^ 


r^ ^=&f^^^f^^^:^-'^p3:^^jr^ 




^fr^ 



1 padroni del mondo. 



(Il Pasquino, 3 maggio). 



41. — I fermenti in Croazia, ovvero "Dio non paga il sabato 
o *« Chi la fa l'aspetti ". 




a) Nel 1848. 



6) Nel 1903. 

(Il FiscHiETro, 30 maggio). 



— 38 — 



Dolori di Testa, di Denti, ec; 

dio istantaneo assolutamente inocuo. 

l'Antlnevralglco Universale 



solo ed Unico Vera- 
^ mente efficace, rime- 



riconosciuto da 
distinte Autorità 



Mediche e Privati. 



-^ Antonio Basso 4^^ 

NAPOLI • Strada S. Liborio, n. i - NAPOLI 
Un flaeon con istruzione L.. 3. 

Presso G. BARTOLUCCI 

PBOFTJMERrE KSTEBE E KAZIONAXI E SPECIALITÀ FARBlACEtrTICHE 

ALFONSO GONFALONE 

Via S. Gregorio Armeno, 41 - NAPOLI 



Proprietario ed inventore 
delle brevettate penne 




CMATIDN "SaXf 




CAVALLOTTI E PROMESSI SPOSI 

MARCHE DEPOSITATE 



Gutteridge e C 



I^APOLI 

Salita Museo 

Via Roma 



s;- 



Tessuti per Uomo e per Signora 

delle primarie Fabbriche 

Estere e Nazionali. 

89^ Tutti i nostri articoli sono comprati per Cantanti ed essendo venduti 
a Pronta Cassa, possiamo sfidare qualsiasi concorrenza per qualità e prezzo. 



— 39 



42. 



Passata la festa. 




Iah solita niusl4*a. 



— Se parlassimo un po' dei trattati di commercio? 

— Perchè guastare questi brevi momenti d'intimità deliziosa con delle volgari que- 
stioni d'interesse! Io vi trovo adorabile. (Il Pasquino, 10 maggio). 



40 — 



i2. ■tfianini à i2.« ^ 

ROIVEìIl - Via della Ferratella, N. io. 

presso S. GIOVASM IN LATEUANO 



s;~ 



.-:£) 



PREMIATO Stabilimento 

PER LA LAVORAZIONE DEI GEMENTI 

— *<ì8Cxè:— 

SPECIALITÀ : 

Marmette di mosaico alla Veneziana per pavimenti 

[compresse a 360 atmosfere). 

Pietrini per marciapiedi e androni carrozzabili. 
Decorazioni per fabbricati. 

^- PREZZI E CATALOGO SU RICHIESTA -^ 

tiiniiiMiiiiiiiiiiiiiHiiniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!tiiiiiii!iiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!iiiiiiiiin 

galleria Sangiorgh 

vv(Si ROMA • Palazzo Borghese 

^ 

IL PIÙ GRANDE STABILIMENTO 
DI OGGETTI D'ARTE IN EUROPA 

g^T" Acquista collezioni d' antichità e numismatiche, 
ammobigliamenti artistici, biblioteche, ecc. 

W'/z-z^y'/jm-///////^-',:: -Jr j^ ':' jsr ,0^ ■ .ji;^- ;; ^ '::■:■' ,£r. .^ : : ■^O'. /JO' />:::jm:'//9//jm///////^/. 

La Gasa Editrice R. Bemporad & Figlio - Firenze, Via del Procon- 
solo, 7, per corrispondere degnamente alle esigenze del pubblico che ogni giorno 
più l'onora della più grande fiducia, ha aperto una 

SUCCURSALE A MILANO 

Via Agnello, 6 

la quale è in grado di evadere ogni commissione con esattezza e sollecitudine e fornisce 
gratuitamente ogni schiarimento in merito alle proprie edizioni. Un ufficio speciale addetto 
alla succursale stessa è adibito esclusivamente al nostro AMANACCO ITALIANO 
Sono stabiliti inoltre i seguenti 

DEPOSITI GENERALI DI TUTTE LE EDIZIONI BEMPORAD 

in TORINO # in ROMA 

presso S. LATTES e C. ITI presso 

Via Garibaldi. % ARISTIDE STADERINI 

— 41 — 



43. — Fratellanza. 




a) Mentre l'Italia apre cosi facilmente le porte alla produzioneloestiale francese. 




b) .... perchè la Francia dimostra un protezionismo intransigente 1 Eppure anche in 
questo campo non dovrebbe temere concorrenza. (Il Pasquino, 5 luglio). 



42 — 



Curatevi in tempo 

contro le malattie che affliggono perennemente! 

Gli illustrissimi Professori Baccelli, Cardarelli, De Renzi, Capozzi, D'Antona, 
De Amicis, Morisani, ec. ec, per la esperienza delle loro cliniche illuminate, prescrivono 
speciali cure nelle diverse Slalattìe che affliggono l'umanità. 

Il sangue impuro è la causa di tutte le malattie. — Coi vari Sciroppi Oro-si a' è cer- 
cato di eliminare la causa principale, per ottenere una vera, efficace e reale guarigione. — Se- 
condo la malattia scegliere la qualità dello Sciroppo: 

iMPURITa dfil SÀNGUE sciroppo Orosi a. - Bottiglia grande L. 4,50. 

SCROFOLOSI, IXDl RIMENTI OI.ANl>UI..\RI, I>cpo»iiti di latte, nmlat- 

tie cutanee, fistole, piaghe, ec. Sciroppo Orosi B. — Bott. grande L. 5,50. 

ANEMIA, CLOROSI, AMESrORREA, ec. usare lo Sciroppo Orosi C. - Botti- 
glia grande L. 5,50. 

NbVKUuI e tutte le malattie del sistema nervoso sono guarite colla cura dello Sciroppo 
Orosi X>. - Bottiglia grande L. 5,50. 

GOTTA, REUMATISMI, artrite, REXEL1.A, ec. usare io Sciroppo Orosi E. 

— Bottiglia grande L. 5,50. 

ESAURIMENTI, debolezza organica, rachitismo, maeatttee 

OEI.LE OSSA, XEVRASTE:^IA, ec. Usare lo Sciroppo Orosi F. - Botti- 
glia grande L. 5,50. 

Spedizione verso anticipato pagamento o contro assegno. Spese postali e porto a carico del 
committente in ragione di cent. 80 per 1 bottiglia Sciroppo, L. I per 2 bottiglie e L. 1,50 per 
più di 3 bctliglie. — Sj»C4lire Cartolina Tagrlia al Premiato 

mf- LABORATORIO CHIMICO OROSI - Via Felice Casati, L 12 • MILANO ^Mt 

Chiedere opuscolo spie gativo con la dia gnosi delle varie malattie. 

~rrT»^^r«ri^Tirrr^r~iiì~r>[ii~»~i'^rTnfini<^rrr>riir~iiniTt*~^rrT^^~inrair~'~'M'ìi — ■~ii"b~> itiiii~i- ~w~ 

La Casa Editrice R. Bemporad & Figlio - Firenze, 

Via del Proconsolo^ 7 y per corrispondere degnamente alle 
esigenze del pubblico che ogni giorno più l' onora della più 
grande fiducia, ha aperto una 

SUCCURSALE A MILANO 

Via Ag-nello, 6 

la quale è in grado di evadere ogni commissione con esattezza e 
sollecitudine e fornisce gratuitamente ogni schiarimento in merito 
alle proprie edizioni. Un ufficio speciale addetto alla succursale 
stessa è adibito esclusivamente al nostro Almanacco Italiano. 

Sono stabiliti inoltre i seguenti 

Depositi generali di tutte le edizioni Bemporad 

in TORINO & In ROMA 

presso S. LATTES e C. % presso ARISTIDE STADERINI 

Via Garibaldi V 

— 43 — 



44. — L'Espulsione dei Certosini. 




La Vicina è accusata d'agire con soverchia ener^ria.... ma forse essa pensa di 

poter debellare in una volta sola due nemici: il clericalismo e V alcoolismo 

[A proposito dell'espulsione dei Certosini, fabbricanti del noto liquore]. 



46. — Il momento delle elezioni. 




a) Conviene cambiar sistema; perchò b) non serviranno piti domani. 

metodi di ieri.... (Il Pasquino, 5 luglio). 



— 44 



71» Anno di ^HB^^ esercizio 71o 





Compagnia Anonima ^^^^EL di Assicurazione 

a premio fisso contro i danni degli incendi e rìsclii accessori 

SOCIETÀ ANONIMA PER AZIONI 

Capitale versato L. 1,125,000 
Fondata nel 1833 avente sede in Torino, Via Maria Vittoria, 18 • Palazzo della Compagnia 
Presidente del Consiglio d' Amministrazione ' Direttore 

Pollone Comm. Eng'eiiio Broccliì Cav. Aiig'iisto 

Procuratori del Direttore: Oli veri Felice - Oinsta Anselmo. 

StaMlimento a vapore fondato nel 1854 

DOMENlCOlLRICH 

Premiato con 2 Medaglie d'Oro all'Esposizione Generale Italiana - Torino 1884. 

20 Medaglie e diplomi - Esposizioni di Londra, Lione, iVIelbourne, ec. 

Diploma di Gran Premio e Medaglia d'Oro Esposizione Centro-Americana di Guatemala 1897. 

MAGAZZINO. Via S. Secondo, 7 - TORINOj- LABORATORIO, Via Ilarione Petitti. 

'Srbon^feria Qeìjeraìe 

Gran commercio di esportazione 
premiato con Medaglia d'Oro dal Ministero di Agricoltura. Industria e Commercio. 

DROGHE ED ESSENZE 

Specialità assolute della Casa: 
Polvere aromatica 

per fare il vero Vermouth di Torino. 

Estratti per fabbricare ogni sorta di Liquori e Sciroppi. 

ELISIR FERNET-ULRICH conosciuto ed apprezzatissimo sotto 
la denominazione di ELISIR DEL PRETE. 

X}M[V Articoli Speciali per Farmacisti, Liquoristi e Confettieri. 



0*^i^^0mmt^ n»0» 



s. siNiaAaiiA & v^ 

STUDIO TEClSriCO INDUSTRIALE 
TORINO - Via Andrea Doria, 8 - TORINO 



-;*><s<o-<<- 



SI»ECI A1L.it A 



FERROVIE PORTATILI T TUBI FLESSIBILI IN METALLO 

per stabilimenti industriali, /\ resistenti alle più alte pressioni. 

Lavori Pubblici, S / per vapore, aria compressa. 

Aziende Agricole. ^ oli grassi e minerali, gaz, acqua. 

Focolare brevettato " WILTON „ per Caldaie a vapore 

Economia 50% sull'esercizio. 



— 45 — 



46. — La bandiera universale della pace disegnata 
da Guglielmo Toccatutto. 




Non basta dipingerla in bianco per farla diventare una colomoa. 

(Il Pasquino, 30 agosto). 



47. — Momento opportuno. 




— L'attenzione dell'Europa è volta altrove. 
Chi è farbo ne approtitta. 

— 46 - 



(Il FiscHiBTTO, 25 luglio). 



Biblioteca romantica Speirani 

Premiata con medaglia all' ESPOSIZIONE GENERALE ITALIANA di Torino 1898 
Eleganti volumi di circa 300 pagine, con splendide copertine illustrate 

il Volume UNA LIRA il Volume 



Maria di Gardo — La via dolorosa. !»■ ed. 1 4'" 

- Ines. 5» ediz. | 

— Il romanzo d'un bandito. 5» ediz. 
Sebastiano Rumor — Vittorie tristi. 3" ed. 
E. Salgari — 11 re della naontagna. 9» ed. 
Esaurito. 
Amalia Rossi. — Sicut viola, scene della 

vita. 3» ediz. 

P. Jolanda — Superba e bella. 4» ediz, 

Annina Biagiotti — Lotta d'anime. 3» ed. 

Autori diversi — Sulla veranda. 

Rflarqherita — Senza sole. 3» ediz. 

L. IVIatteucci — Le avventure di un natu- 
ralista. 2* ediz. 

Edvige Sandrinelli Benotti — Luci dell'ani- 
ma. 2» ediz. 

Margherita — Anime risorte. 2» ediz. 

Delia Sala Spada — L'organista di Ponte- 
delce. 4» ediz. 

Amalia Rossi — In casa d'altri. 3^^ ediz. 

Emilio Salgari — I naufraghi dell' Orega. 

Maria Savy Lopez — Silvia Aliberti. 2» ed. 

Clelia André — Anima fiera. 3* ediz. 

G. Giovannini — Il voto della morta. 2» ed. 

Carlotta Ristori — Fiori d'arancio. 3» ed. 

Lina Castino — Cuori infranti. 3» ediz. 

Grazia Deledda — La via del male. 3» ed. 

Vincenzina Ghirardi-Fabiani — A vita nuo- 
va. 2» ediz. 

Anna Vertua Gentile - Natale fortunato. 
3" ediz. 

Ugo Simonini — Nulla per sé. 2» ediz. 

Flaminio Mezzalama — Anime buone. 2» ed. 

Maria di Gardo — Amore ed arte. 3» ed. 

E. Silvestri — Battaglie del cuore. 2» ed. 

Clelia André — Ventagli chinesi. 2» ediz. 

Giulio Erpianis — Fior d'alpe e fior di pia- 
no. 2-» ediz. 

G. Giovannini — L'ultima rosa. 2» ediz. 

Grazia Deledda - Il tesoro. 2" ediz. 

Luisa Alberti — Il cieco artista. 2» ediz. 

Guglielmo Gasparuttl - Spasimi di cuore. 
2» ediz. 

Lina Castino — Nemici ! 2» ediz. 

Edvige Salvi — Alga e Felce. 2» ediz. 

Amelia Osta — Mignon Sartori. 2» ediz. 

Margherita — Le spose delle Corviere. 

Ugo Mioni — Miss EUen. 2» ediz. 

Vincenzina Ghirardi — Camir, scene in- 
diane. 2'* ediz. 

Maria di Gardo — Caccia al marito. 2» ed. 



Lina Barucchi-Manassero — Le figlie del 
colonnello. 2» ediz. 
Esaia-ito. 

G. C. Molìneri — Nella sventura. 2"- ediz. 
Ugo Mioni — Nel regno dell'Elefante 
bianco. 3» ediz. 

G. Giovannini — Dopo un verdetto. 2'<- ed. 
Clemente Barbieri — I morituri. 2» ediz. 
M. D' Aragona — Piccolo mondo rusticano. 
2» ediz. 

Maria Zoja-Orombeii! - I fili della Prov- 
videnza. '2<^ ediz. 

Ugo Mioni — La figlia del Pascià. 3* ediz. 
53. — La carovana della morte. 3» ediz. 

E. Monzini — Il calvario di Mignon. 2» ed. 
Amelia Osta — Senza macchia. 2» ediz. 
V. Fornari — Ch'io ti vegga! 2» ediz. 

F. Vanzi Mussini — Illusioni estreme. 2» ed. 
Leo d'Acanti — La perla nascosta. 2» ed. 
A. G. Corrieri — Il trionfo. 2» ediz. 
Maria di Cardo — Brutta! 2» ediz. 
Gemma Giovannini — Predestinata! 2^» ed. 
Grazia Deledda — La giustizia. 3^^ odiz. 
Luigi Matteucci — Gli amanti dell'oro. 2^ ed. 
Guglielmo Gianelli — Piccolo romanzo. 
Lina Castino — Soavi affetti. 2* ediz. 
Luigi Capra — L'Orfana. 2» ediz. 

Sofia — La rosa e la viola. 
Amelia Osta — L'istitutriee del Baronetto 
inglese. 2» ediz. 
Antonio Vismara — Lilian. 
Luisa Beltramolli — Anime vaganti. 
Lina Barucchi - Il re Sàr. 
Giovanni Arrighi — Poveri bimbi! 
Tommaso Rosi — Lotte!... 2» ediz. 
Cesarina Lupati — Idea. 
Vera Silly — Per il sogno. 
Rina Del Prado — Irresponsabilità. 
Ugo Mioni — AU' ombra della Bandiera 
verde. 

Niccolò Grillo — Martino il Negriero. 
Athos Gastone Bantl — Nella Terra del 
Sole. 

G. Stocco — Gli avventurieri delle Pampas. 
L. Motta — Il raggio naufragatore. 

— Il Rajah di Koringa. 

— Terra fatale. 

— La vittoria del Samarang. 

P. Cornaglia — I misteri del Sahara, 
G. Stocco — L'eroe del Capo. 



47 -. 



48. — Il partito socialista contro 
la visita dello Czar in Italia. 




— Poverino! Spaventarmi di voi'?! Sono 
abituato a ben peggio in casa mia! 

(Il Fischietto, 25 agosto). 



49. - 


Roma -Parigi e viceversa. 


.judÉ^ At 


"^►(r iSiSiicj^^ ^3? ^K^ ''' T^^^^Hv 


fx^à^i^^m 




K 


'^ 1 


'«Ai 


'|fia^ 


f* j» 




B^^n^i^^^ 


Bs-^:- i ^ - ..- 


r-^m^rmr^^m 


'•'^.^^ ^^mitwm' 


.-£:. ^ J 



L' « entente » continua ! 

(Il Pasquino, 6 settembre). 
[La Francia e l'Italia si presentano le loro 
eroine, Mad. Hurabert e la Cont. Ubaldelli]. 



50. — Preparativi pel viaggio dello Czar in Italia. 




Poliziotti russi che studiano 1* italiano... 



e poliziotti italiani che sanno già il 

russo a menadito. 

(L'Uomo di Pibtea, 12 settembre). 



48 



Esposizione Universale = Parigi 1900 = Medaglia d'Oro 

Ditta JNebioIo 
& Corpp. ì|^ 

Società in accomandita per Azioni - Capitiiie L. 2.000.000 

Fonderia di Caratteri 
Fabbrica di Macchine 

Galvaiìotipia ^^ rìletteria 

Fonderia Succursale M. v/l.Vl.ilV-f Fonderia Succursale 

MILaNO Corso Regio Parco, 9 GENOYH 

Via Monforte- Vicolo S. Carlo, 8 Via S. Donato, 4, int. 2 

Filiali: 

Roma, Firenze, Napoli, Parigi, Buenos Aires 



earatteri da ©pera e Fantasia, Fregi 
Iniziali, Ornamenti e Vignette 

FULGUR IDEAL 

Macchina tipografica a rotazione Macchina a pedale perfezionata 

continua del cilindro a macinazione cilindrica 



Cataloghi e preventivi a semplice richiesta 

^ % Studio d'Incisioni Fotomeccaniche # A 

J^Sg^ Incisioni in legno ^é^^ 

\j t»> ■giiiig i ijiKi ■ tf i umw ii ^u i I l I ,, gi>i ^n i ^ Mg^g m <| J ^/ 



61. — I preparativi per la venuta dello Czar. 




Garibaldi, Cavour, Vittorio Emanuele, Minghetti, Giordano Bruno e soci, chiusi 
provvisoriamente nei magazzini municipali. (L'Asino. 27 settembre). 



52. — I primi passi. 




{/Italia ufficiale all'. .. altra: — Su via, piccina! Sii gentile col signore! 

(L'ASINO, 27 settembre). 



50 



(Società Cooperativa) 

FAEJfZélL 

n più importante, il più rinomato e il più vasto stabilimento della 
egione emiliana. Le massime onorificenze a tutte le Esposizioni. 
Diploma d'onore a Bologna 188S (unico della Sezione) 
„ „ Torino 1902 Arte decorativa moderna. 

(Sezione Aemilia Ars). 

ARTE MODERNA, MOBILI ARTISTICI, MOBILI DI LUSSO E COMUNI, 
INFISSI E PARQUET8. 

-^ Sede Sociale: FAENZA ^- 

Grandiosi magazzini di vendita nello stabile proprio 

Corso Garibaldi - Via Micheline, n. 7. 

SUCCURSALI: 

BOLOGNA FERRARA 

Via Indipendenza, 30 B. Piazza della Pace (Casa Taddel). 

■ W M a»^— — ■^■^■^M^M^^— ^ii^^^'^ii^i^^— »i^»^w^«^>^— ^—^^■^■■ii m iia m i ■ ■ ^«^i^— ^ 

a|B^ CATALOGO ILLUSTRATO edito a Bergamo dall'Istituto d'Arti Grafiche. 



Direttore: LUCIANO zOCCOLI s-^^^H"^*— — -^ 

Redattore-capo: MARIO MORASSO 

COLLABORATORI: 

E. A. Butti - A. Cervesato - Enrico Corradini - G. Chiggiato - 
V. De Cesare - G- De Frenzi - U. Grifoni - Jolanda - A. I^umbroso - 
rullio Martello - Domenico Oliva - Carlo Paladini - R. Fantini - 
Jgo Pesci - G. B. Prunai - Valentino Rizzo - R. Serpieri - Sfinge, ec. 

Il Giornale di Venezia, oltre alla ricchezza di telegrammi e d'inforraa- 
ioni veramente insolita, può vantare uno spirito di modernità e una cura ec- 
ezionale per tutto quanto rifletta il movimento politico, letterario e scientifico 
aliano ed estero. 

Fondato per opporsi al dilagar d' idee contrarie a ogni retto criterio di 
ita sociale, il Giornale di Venezia, ha conquistato in breve tempo un' auto- 
ita indiscussa ed è oggi il più diffuso periodico della Regione Veneta; ma 
lire tutelar gli interessi regionali, ha saputo assumere con una scelta colla- 
orazione un carattere eminentemente intellettuale, che ne raccomanda la let- 
ura anche a chi non risiede nel Veneto. 

Abbonamenti : 
Italia Estkro 

Anno L. 16 — Anno L. 34 

Semestre „ 9 — Semestre « 18 

Trimestre „ 4,50 Trimestre „ 9 

' Giornale di Venezia dà in dono a tutti i suoi abbonati l'Almanacco Italiano Bemporad. 



IV. 
TURCHIA E MACEDONIA. 



Nei regni del sangue. 




— A voi, colleghi. Chi non ha peccato scagli la prima pietra! (Il Fischietto, 3 febbraio] 




64. — Nel Paese del palo. 



La sola riforma che la Turchia a 
catterebbe di buon grado dalle poten. 
d'Europa. 

(L'Uomo di Pietra, 28 febbraio). 



Cartiera Francesco Rossi - Ferale. 




D libri scolastici 



della Casa 'Sdifrice 



K. REMPORAP ^ Figlio 

S0170 starppati six cai^ta 

della Cp^TlEiRP 



f rance^co /lo^^i 



i 



di FERALE 



VICENZA 



53 — 



66, — La risposta della Turchia alla Nota austro*russa. 




o) La Porta accetta di riformare le leggi in Macedonia .... 

b) di mantenere l'ispettore generale al suo posto per diversi anni. . . 

e) di obbligare i valy a conformarsi alle istruzioni del governo .... 

d) di ricorrere per la polizia a specialisti esteri .... 

e) di accordare l'amnistìa ai condannati politici.... 
/) e di pagare i propri debiti ai vilayets. 

g) Le Potenze soddisfatte se ne stanno in panciolle. (Il Fischietto, 28 febbraio) 




56. — In Oriente. 



Il Gran Turco si affretta ad app 
care le riforme impostegli dalle gran 
potenze. 

(L'Uomo di Pietra, 7 marzo). 



— 54 




NUOVA SCOPERTA 



TINTURA EOIZIAXA ISTANTANEA 

Garantita senza sostanze venefiche ne corrosive; l'unica priva 
di nitrato d'argento, rame, piombo, ec, la sola che ridona il primi- 
tivo e naturale colore ai capelli ed alla barba istantaneamente senza 
lasciarne la menoma traccia. Per tali prerogative l' uso di questa tin- 
tura è divenuto ormai generale, e tutti hanno già abbandonato le 
altre tinture istantanee, la maggior parte preparate a base di nitrato. 
Prezzo della scatola L. 4, piccola L. '2.50. — Presso ANTON LON- 
GEGA, Venezia. 

La specialità del giorno è la 

PETROLINA LONGEGA 

a base di petrolio inodoro, soavemente profumato, per far crescere i 
capelli e an-estarne la caduta. L'unica che possa assicurare a chiunque 
una folta e rigogliosa capigliatura. La sola che abbia azione diretta sul 
bulbo capillare. È raccomandato l'uso a tutte le età e sessi, specie alle 
signore, che con questo prodotto avranno la chioma folta e lucente; 
alle madri di famiglia per pulire la testa, rinforzando e sviluppando la 
capigliatura dei bambini. È efficace alle persone che colpite da malattie 
qualsiasi hanno sventuratamente perduti i capelli. — Un flacone con 
istruzione, L. 2. Ditta proprietaria e fabbricante A. LONGEGA, Venezia. 





Sign< 



lore! 

I vostri ricci non si scioglieranno più, neanche coi forti calori 
dell'estate, se farete uso costante della 



RICCIOLINA 



n tutto 

Salvatore, 



vera arricciatrice insuperabile dei capelli 

preparata dai F.lli RIZZI di Firenze. 

Per aderire alle continue richieste avute da ogni parte per la 
piccola bottiglia della tanto rinomata Ricciolina, venne ora po- 
sto in commercio il piccolo flacone, pure confezionato in elegante 
astuccio, con annesso 11 relativo arricciatore nuovo sistema. L'im- 
menso successo ottenuto è una garanzia del suo effetto. — L. 1.50. Bot- 
tiglia grande L. 2,50. — Deposito generale per tutta Italia. Pre- 
miato profumiere Antonio Longeva, S. Salvatore, 4825, Venezia, 
si spedisce franco di porto a chi manderà vaglia alla Ditta Antonio Longega 
4825, Venezia. — Si accordano larghi sconti ai rivenditori. 



DIQESTIONE PERFETTA 

MEDIANTE L' USO DELLA 

TINTURA AC(|10SA DI ASSENZIO 

di GIROLAMO MANTOVANI - VENEZIA 

Rinomata bibita tonico -stomatica racco- 
mandata nelle debolezze e bruciori dello 
stomaco, inappetenze e difficili digestio- 
ni; viene pure usata quale preservativo contro le 
febbri palustri. 

Si prende schietta o all' acqua di Seltz, 

FESDESI in ogni Farmacia e presso tatti i liquoristi. 
*^- Qu.ard.arsi dalle imitazioni. "^ 




— 55 - 



67. ~ La Nota europea e le Riforme turche. 




VBBl^l 


^VHI 


AÉHÉtt^ ^^^K 


^1 


^T0S^K ' -" '' ^^1 


B 1 


"wmÉ'ìM 


^k- ^ 


^M^k 


^^M 


^|P 


^r 


.^J 


1^1 







Il Sultano. — Delle riforme? I miei 
sudditi non le vogliono : applicarle pa- 
cificamente è impossibile. Tuttavia, se 
le Potenze insistono .... 



perchè le riforme siano applicate 

ad ogni costo, io mi porrò all'opera 
con entusiasmo. 

(Il Pasquino, 15 marzo). 



Il trattato greco-turco. 




Libertà mal costume non sposa, 

Per sozzure non mette mai pie. (Berchet). 



Leonida — Per Giove! Oramai mi ci tro- 
verei adisagio.... (Il Fiscuiktto,21 marzo) 



STAZIONE CLIMATICA E DI BAGNI DI MARE 

da VENEZIA, a LIDO 

Tragitto incantevole sulla Laguna- 12 minuti con batteilo a Vapore sulla più bella spiaggia cf Italia 

GRANDE STABILIMENTO BAGNI DI MARE CON 500 CABINE 

e nuovo ISTITUTO KINESITERAPICO 

per Idroelettroterapia • Massaggio • Doccia • Radiografia e cure speciali 

Caffè Restaurant dì 1° ordine - Salone e terrazza coperta sul Mare 

FREQUENTATISSIMO RITROVO DELLA PIÙ" ELETTA SOCIETÀ 

Da Aprile a Ottobre tutti i giorni Concerto 

6RASDI HOTELS con Dépendances e Chalets, 300 Camere e Saloni 

Parchi, Giardini, Viali e Passeggiate ombreggiate lungo mare 

CAPANNE IN RIVA AL MARE INDICATE PER L'ARIA MARINA E PER I BAGNI DI SABBIA 

Servizio medico permanente - Farmacia 

PosT^, Telegrafo e Telefo:no nello Stabilimento - Teatro e divertimenti variati 

Soggiorno delizioso kaccomandatissimo dai medici - Non vi sono zanzare 

Tutto l'anno servizio continuo di Vapori tra Venezia e Lido 

Temperatura inedia in estate dell'aria 23 cent. - dell' acqua 20 - Media Barometrica 761 
Media umidità dell'aria 68.30 - Brezze dominanti NE 50 - Salinità dei bagni 35 a 39 gr. per lit. 

GRAND HÓTEIu I>JBS BAIM^S 

ALBERGO DI PRIMO ORDINE 

Posizione incomparabile sul mare con Dépendance e Chalets 

200 Camere e Saloni - Illuminazione elettrica da per tutto 

Ascensori, Caloriferi, Sale da bagno in ogni piano, Acqttkdotto 
e Disposizioni sanitarie le più perfette 

GRANDI GIARDINI E VASTO PARCO CON PINETE E PIANTE RESINOSE - VIALI OMBROSI 

Orchestra di primo ordine al servizio speciale dello Stabilimento 

9V Ogni confort moderno - LAWN TENNIS "^HB 

Cucina francese ■ Cantina sceltissima 
Servizio espresso fra la stazione ferroviaria e l'Albergo. 



GRAND HOTEL LIDO 

cor» ©éper;dat7C© e Villa Svizzefa " IBLISflBiBTTfl ^ 

c--^ lOO Camere e Saloni ~~o 

Albergo da preferirsi per famiglia - Posizione splendida sul porto di Lido 

con incantevole vista del Panorama di Venezia e sue Isole 

Illuminazione elettrica, acquedotto e disposizioni sanitarie le più perfette 

Grande Giardino e Terrazza sulla Laguna 

SALONE PER CONCERTI E FESTEGGIAMENTI - CAFFÈ - BAR - BIGLIARDO 

Servizio espresso fra la Stazione ferroviaria e l'Albergo 

Pensione di vitto completo, per giorno e per persona L. 5,50 

Stanze a un letto da L. 3 in più - a 2 letti da L. 4 In più, compreso servizio, illuminazioni 
elettrica, diritto di entrata nel Grande Stabilimento e Salone dei Bagni 

Per informazioni, scrivere : " Soeìetà dei Bagni di Lido „ 
— 57 — 



59. 



Barbarie ?. . 




— Fa' con garbo! Il nostro Signore 
che le vuole tanto bene, per paura che 
gliela prendano tutta, vuole almeno con- 
servarne i capelli per memoria 

(Ir. Fischietto, 24 marzo). 



fio. — Da galeotto a marinaio. 61. — Galleria artistica: gli Attori. 




Nicola. — E cosi, vecchio mio, ti decidi 
ad attuare le riforme? 

Abdul-Amido. — E tu, amico caro"? 
(Il Pasquino, 3 maggio). 



« . . . . come artista comico non temo con- 
fronti ; ma come attore tragico Abdul- 

Hamid mi è alquanto superiore » 

Ermete Novelli. 

Costantinopoli, ai tanti del mese. 

(Il Pasquino, 10 maggio). 



— 58 



Pro Macedonia. 




Diplomazia Europea (al Gran Turco). — Scuotiti una buona volta e deciditi a dare 
un po' di tranquillità e di pace aj quelle provincie. Se non intervieni tu, interverrò io. 

Turco (fumando la pipa, cioè impipandosene). — Calmati, mia dolce amica, io penso 
per tutti e specialmente per me; i fratelli uccideranno i fratelli rivoluzionari ed io ap- 
plicherò le riforme quando tutti godranno la pace .... eterna. 

(La Rana, 15 16 maggio). 




— Il "Reporter" 
nel Bai-Canile. 



— Che mi raccontavano di soldati 
turchi laceri e scalzi ! Avete, invece, degli 
splendidi stivali! 

— Vera pelle di bulgaro, Effendi! 

(Il Pasquino, 17 maggio). 



— 59 — 



64. — Nel teatro dei Balcani. 




Al fosco dramma non mancherà il buon esito.... ed alla vecchia ed astuta impre- 
saria il compenso adeguato! (Fischietto, 19 maggio). 



66. — Macedonia o Mace-llonia? 




Le bande macedoni sono comandate da ufficiali bulgari 

E con questo 1 sono ufficiali capi-musica. (Il Pasquino, 24 maggio). 

— 60 — 



T 




1 STABILIMENTO 

IDRO-ELETTRO-TERAPICO E CLIMATICO 
di CASTIGLIONE DEI PEPOLI 

a 700 metri sul livello del mare (APPENNINO BOLOGNESE) 

Stabilimento di cura di Prim' Ordine 

Sfarzosamente illuminato a luce elettrica. 

Cure Idroterapiche d'ogni genere.- Cure elettriche complete. 

- Massaggi. - Pneumoterapia. - Inalazioni. - Cura del Sangue. - 
Cura climatica. - Law-Tennis. 

La Direzione Sanitaria è afiBdata ad alte autorità scientifiche 
e spécialiste. 

Annesso allo Stabilimento trovasi il 

GRANDE HOTEL PENSION 
completamente dotato di tutto il confort moderno, con oltre 
100 camere illuminate a luce elettrica e che può comodamente 
ospitai-e oltre 150 persone. 

Condizioni e prezzi assai convenienti. - Servizi speciali di 
vetture dalle stazioni del Sasso (Bologna) e di Prato (Firenze). 

- Servizio speciale d'Automobili. — Rivolgersi per informazioni 
alla Direzione dello Stabilimento a Castiglione dei Pepoli (Bolo- 
gna) ed a Bologna, Via Fusari, 11, terreno. 



Fonte di PETANZ 

la più alcalina, litica, gazosa, naturale, di tutto il mondo. 
12 Medaglie d'oro; 2 Diplomi d'onore; 200 Certificati pura- 
mente Italiani, fra i quali UNO del comm. Carlo Saglione, 
medico di S. M. Umberto I; UNO del comm. Giuseppe 
Quirico, medico di S. M. Vittorio Emanuele III; UNO 
del comm, Giuseppe Lapponi, medico di S. S. Leone XIII 
e Pio X; UNO del pro(. comm. Guido Baccelli, direttore 
della Clinica Generale di Roma, ex ministro della Pubblica 
istruzione. 

Concessionario per l' Italia : A. V. RADDO • Udine. 



(M 1-1 •* -3 > 

<X> CX3 ^ -^.^ 



CO CO i?J CI __ 

d ò t~ oó A 



o 5^ 



§■3 

a« 

Z^ <a 

(D 

a> 

§§« 
■^ M 

« 9 « 

O :0 

85-2 

Sa. 

08 S 09 



imi iiiii imi H ill i!in Hill lini imi r i ii liiii imi imi imi imi iiiii uni imi imi uni imi mi imi iim imi imi imi imi uhi uhi uhi imi imi imn . 

in MONACO DI BAVIERA 

Lingue moderne. — Preparazione rapida e sicura al Politecnico, 
Scuola superiore di commercio, Università, Liceo, ec. — Materie 
commerciali insegnate in ogni lingua. — Numero limitato d' allievi. 
— Vita di famiglia. — Vitto all' italiana. — Primarie referenze in 
Italia e Germania. 

Per programmi rivolgersi ai Direttori: 

Prof. Dott. A. TORTORI e G. FEDELI 

1H05AC0 DI BAVIERA - Koniginstrassc, 22. 



— 61 



— Proverbi balcanici. 




(A Byron, Santarosa, Fratti 
ed a tutti i martiri inutili). 

L' alleanza greco- turca. — Timeo 
Danaos et (Mace) donia ferentes! 

(Pasquino, 23 agosto). 



67, — A due passi dal conflitto. 




Ed ora, signori, tranquillizxiamocil La pace è piti che mai assicurata 

(Il Fischibtto, 12 settembre). 



— 62 — 




, — La Conferenza interpar- 
lamentare per la pace a 
Vienna. 



Jl Macedone (interrompendo la pace 
dell'Accademia). — É permesso?.. . 

(Il Pasquino, 13 settembre). 



V. 
I GASI DI SERBIA. 



La cucina reale. 




e **« cucina reale in Serbia. 

— Servitevi ! cara moglie 

— Che dite mai"?!... dopo di voi, Maestà! 

T, ^ ^ . , Il cuoco del re. 

— II chef SI è suicidato ! 

— Che! è rimasto vittima della sua gola. Ha voluto assaggiai-? lo zabajone della regina. 
[-V proposito di un mancato tentativo di avvelenamento della Regina Draga di Serbia]. 

(Il Pasquino, 7 giugno). 
R^ 



70. — Spegassi balcanici - L'esercito Serbo. 




a) Duraute la guerra contro i bui- 6) All'assalto del Konak, davanti alla 

gari, davanti ad Alessandro Battemberg. Regina Draga in camìsa. 

(SiOR ToNiN BoNAGUAZiA, 20 giugno). 



71. — Scene monarchiche. 




Sacra Maestà! Il fedelissimo esercito di cui siete capo, è qui per sbudellarvi!! 
Che idea balorda! Ma perchè uccidere il vostro re"? 
Per il piacere di farne un altro, fors' anche peggiore! 

(L'Uomo di Pibtra, 20 giugno). 



— 64 — 




MSIMFEZIOI SLXH-'^A""' 

PRESERVAZIONE DALLE EPIDEMIE 

E DALLE MALATTIE CONTAGIOSE: 

Vaiolo, Difterite, Colèra, Febbre tifoide, 
Scarlattina, Rosolia, ec. 



'^^ j^Tcmewva 



CARTA D'ARMENIA (^ 

CAMPIONE GRATUITO 

MSOT 

JJSktl^ PREZZI: 

uLbusT V2 scatola (6 quadernetti) L. 1,75 

(2 quadernetti) L. 0,75. 1 » (12 » ) » 3 — 

-— - — - IN VENDITA DAPPERTUTTO 

Farmacie, Bazars, Librerie, Cartolerie, 

Profumerie, Mercerie, Parrucchieri, ec. 

All'ingrosso: Ditta A. PONSOT - 26 Rue St. Claude - PARIGI 



La Carta d'Oriente possiede le medesime proprietà an- 
tisettiche della Carta d'Armenia; ne differisce unicamente 
per la superiorità e la soavità del suo profumo. 
Si vende in scatole di 12 e di 6 quadernetti, 
o in scatole di 100 quadernetti. 



(^^yA^ ^llVSWrtW^rt ^^^^^g^^orio al creosoto di 
W^W va dUy V(4\lvV<4 faggio contro tutte le af- 
fezioni ai bronchi. 

PREZZO: La scatola per 100 volte e bruela-profumì L. 2. 




t^i^Z, So\9)?^M 



contro l' asma, catarro, bronchite, 
tosse canina, tossi nervose, in- 
sonnia, ec. 
PREZZO: la scatola per 200 volte e bracia-profomi L. 2,50. 



— 65 — 



72. — Pilato I, re di Serbia. 




Karageorgevitch afferma di non saperne nulla e se «« l^^J ^«^^^"l ?i?./nof°"'' 
jo'di pulizia non fa male a nessuno. (Il Pasquino, ai giugno). 



un pò di pu 



73. — Le prime notti del nuovo re. 




Credono di spaventarlo, ma ci vuol 

altro per chi ebbe la corona dalla 

l grazia di Dio ! 

(L'Uomo di Tiktra, 27 giugno). 



'^:-^.-r. '- 



6(5 — 



74. 



Lealtà da 



massacratori. 




È vuota la cassa. . . . 

Certamente, Sire! Ogni cosa che potesse ricordare il tiranno doveva scomparire 

(Il Fischietto, 14 luglio). 



Debiti di riconoscenza. 




~ Ohe ragazzi, se incominciassimo un po' di li a restituire all'Europa almeno un 
po' di quelle civili lezioni che finora è venuta ad impartirci con tanta faccia franca? 



(Il Fischietto, 16 giugno). 



67 




70. — Kara, padre, 
al caro figlio. 



— Guarda, ragazzo mio; a Belgrado 
ora io rimango un po' mio malgrado per- 
chè la situazione 'e piena di pericoli.... 
ma il punto più debole è questo! 

(Il Fischietto, 22 agosto). 



VI. 
COSE AFFRICANE. 



77. — I *• Krumiri " del Marocco. 




— Goddam ! 

— Hombre!! 

— Sapri sii!!! 

(Il Pasquino, 4 gennaio). 



GR — 



78. — Questioni di fuoco. 



^^\i!irx 



-m^mi2. 




— Avanti adunque chi ha meno paura di scottarsi! .. (Il Fischietto, 13 gennaio). 



70. — Incertezze. 




Si dice che il Sultano del Marocco abbia il sopravvento sul pretendente ma 

sembra altresì che questi la vinca sol primo. (Il Fischietto, 3 febbraio) 



CO — 



80. — L' Idillio Anglo-Abissino. 



— Kruger a Menelik. — Ah, gli Inglesi! A noi lianno dato i campi di concentra- 
zione, a voi.... delle ferrovie. Ciò sembra piò gentile.... ma in fondo è la stessa cosa! 

(Il Pasquino, 8 marzo). 

81. — Cortesie internazionali. 




In ricambio delia gentilezza ricevuta dall'Italia l'Inghilterra sembra intenzit 

nata di offrirle nn prezioso regalo. 

(Il Fischietto, 10 marzo). 

- 70 — 



8i\ — JNcl Somaliland. 




John Bull sempre facile ad entusiasmarsi credeva di non aver a smorzare che un 
oeriuo. ... ma la bomba che vi trovò al posto non mancherà di fargli sprecar fiato!. .. 

(Il Fischietto, 24 marzo). 



83. — Il gelato africano. 




Mangia, amico Italo, mangia 

Mio buon'John Bull, ti ringrazio... . ma ho male ai denti 



(Il Fischietto, 5 maggio). 



— 71 - 



/pillole ^ 

FATTORI 

DI CASCARA SAGRADA 

radicali e pronte nel 

GASTRICISMO 
STITICHEZZA 

Le PILLOLE FATTORI furono encomiate 
da più di mille Medici. 

Le PILLOLE FATTORI non producono 
dolori di ventre e non indeboliscono. 

Si vendono solamente in scatole di metallo 
da 1 e 2 lire in tutte le Farmacie e dai 
Ohimici 

G. FATTORI e C. 

Via Manforte, N. 16, Milano. 

I rivenditori devono rivolgersi esclusiva- 
mente a 

TRANQUILLO RAVASIO 

MILANO 

Depositario di tutte le Acque Minerali, o al- 
l' Italia Termale, Via Dante, 6) Milano 



H.B. • Vedere U BUONO GRATIS FATTORI 



-j 



2 — 




IL CALENDARIO'*' 

Divisione del tempo. — L'anno. Era della Creazione del Mondo, se- 
Presso quasi tutti i popoli la misura del ^ «'«"^.^ *l,f.«™P"!" degl'Israeliti. 3761 av.O. 
tempo riposa sopra divisioni naturali, ossia ^^* ?«^^ Olimpiadi 776 , 
dedotte dall'osservazione dei fenomeni cele- ^^"* della fondazione di Roma (se- 

sti. Le divisioni più semplici sono il giorno ^ ^^"^^ Varrone) 7.,3 „ 

e l'anno f tr e ^^^ di Nabonassarre 747 „ 

La vera durata di una rivoluzione della Era di Alessandro il Grande, o dei 

Terra nell'eclittica è di 365 giorni, 5 ore, 48', „ /.a\' 'J- ' ' ' 'e' ' ' ' " 

46": questa sarebbe la durata dell'anno tro- ^^"^ f' Seleucidi, o era Siro-ma- 

7»»Vo, il quale non può servire per anno <ri>j7e, „ ^^^.^V ' ' ^-,' ^\r ' \'r^ ' " 

che per ragioni chiare ad intendersi, deve ^^* di Tolomeo Filadelfo, o di Dio- 

esser composto di un numero intero di giorni. „ ""f.' •. ^^2 " 

L'anno è diviso in mesi: ed il mese nella ^^^ ^^ ^^^^ ^'^-^ " 

sua origine corrispondeva ad una lunazione, Era cristiana o volgare, o dell' incarnazione 
cioè al periodo dopo il quale si ripetono le di Cristo di cui è creduto inventore Dio- 

medesime fasi lunari. Ma la durata precisa nigi il piccolo, monaco di origine scita, 

di una lunazione è di giorni 29, ore 12, 44', 3"; abate in Roma nel secolo VI. 

e quindi non è parte aliquota dell'anno tro- Era di Diocleziano, o dei Martiri, an. 284 d. C. 

pico. Siccome il numero delle lunazioni in- Era degli Armeni, ossia dello sci- 
tiere che si osservano in un anno è di do- sma della Chiesa Armena ... 552 „ 

dici, COSI, di solito, l'anno è stato sempre Era dell'Egira, ossia della fuga di 
diviso in dodici mesi, i quali però non corri- Maometto dalla Mecca .... 622 

spondevano più ad una lunazione, ma ad una Era della Repubblica francese . . 1792 „ 
dodicesima parte dell'apparente cammino del 

!{^'!.n"KV'^'*''T' ^ ^^''^°'"^ * questo cammino Calendario degli Israeliti. 

gli antichi astronomi facevano corrispondere 

la fascia dello Zodiaco, composta di 12 co- L'anno degli Israeliti è anno lunisolare. 

stellazioni, così il mese presso i popoli più Brevi notizie sul calendario da essi adottato 

avanzati in civiltà corrispondeva alla appa- si troveranno a pag. 8. 

lente dimora del Sole in uno dei 12 segni 

dello Zodiaco. Riforma giuliana. 

Ere. Giulio Cesare, avendo trovato che il com- 

Vr>r, Tri oo-^vi ^ 1 • , Pito dell'anno stabilito da Numa Pompilio e 

rrìP?.,?nnÌ Tv *'1^''"*''°?'* senza la nu- seguito fino allora dai Romani, aveva prò- 

^!vn H^n/^?' *""'•• °,?"' Il maggior nu- dotto grandissimo disordine, si accinse alla 

?.1K nltft.Tp .'''^•'' ''''"**"? .^'^ *"'" "formi del calendario con il consiglio del- 

eto^ìn^nò^. .u"^ "' "* «°°°. «t^te in USO rastronomo alessandrino Sosigene: e l'anno 

le eTnT^^nnrirnr"'^'^^'''"'^ ^ "''■ ^'^^^ ^a lui riformato nel 45 av. C. fu stabilito di 

^ P " importanti: 3^5 giorni, divisi in 12 mesi, alternativamente 

Era della Creazione del Mondo, se- di 31 e di 30 giorni, salvo febbraio che ne 

condo il computo di Costantino- aveva 29 e 30 nei bisestili. Fu pure stabilito, 

poli, risale all'anno .5508ay.C. nella persuasione che l'anno tropico fosse 

t.ra della Creazione del Mondo, precisamente di 365 giorni e V4. che ogni quat- 

secondo il computo degli Ales- tro anni si aggiungesse un giorno al mese di 

^*°drini 5502 , febbraio, e precisamente fra il 24 e il 25; e 

(*) Chi desiderasse ma^siori raprcuaili su questa introduzione cronologica e cosmourafica all'AL- 
MANAcco Italiano, consulti le annate 18!T6-98 dove essa era assai più diffusa. L'aumentare della materia 
CI ha obbligati a ridurla in più breve spazio. 

1 



9 



siccome nel calendario romano il 24 febbraio 
si chiamava sexto Kalendas Martii, il giorno 
intercalato fu detto bis sexto leni. Martii, e 
l'anno che aveva tale intercalazione, fu chia- 
mato bisestile. L'anno doveva cominciare al 
lo gennaio, e l'equinozio di primavera fu fis- 
sato al 25 marzo. La divisione giuliana in 
mesi, e l'intercalazione quadriennale sono se- 
guite anche oggi da tutte le nazioni cristiane. 



Calendario Romano antico. 

Gli antichi romani non contavano i giorni 
dell' anno secondo il loro numero ordinativo 
nel mese, ma rispetto alle calende, alle none, 
agli idi dì ogni mese. Le calende (Kalendae, 
acc. Kaìendas, abl. Kaìendis) cadevano 11 pri- 
mo giorno del mese: le none (Nonne; acc. No- 
nas; abl. Nonis) al settimo giorno del mesi di 
marzo, maggio, luglio e ottobre, al quinto di 
tutti gli altri; gli idi (nom. e acc. Idns, abla- 
tivo Idibus) otto giorni più tardi delle none, 
cioè al 15 in marzo, maggio, luglio e ottobre, 
al 13 nel resto dell' anno. Per indicare gli al- 
tri giorni, dicevano l'ordine che questi ave- 
vano avanti alle calende, alle none, agii idi; 
per cui i giorni che precedevano immedia- 
tamente i tre di ora accennati, erano pridie 
Kaìendas, pridie Nonas, pridie Idus; i giorni 
ancora precedenti erano tertio Kaìendas, ec. 



Riforma Gregoriana. 

L'anno civile introdotto da Giulio Cesare 
era di 365 giorni e un quarto; e poiché 
l'anno tropico era veramente di 365 giorni, 
5^, 48', 46", così quella differenza lieve in 
principio, accumulandosi con l'andare degli 
anni, turbò l' accordo fra i mesi e le stagioni, 
indispensabile a tutti gli usi civili del calen- 
dario. Il pontefice Gregorio XIII stabilì di 
porre rimedio all'inconveniente, e udito il pa- 
rere di molti astronomi, su proposta di Anto- 
nio Lilio, decise nel 1582: !<> che per rimettere 
al primitivo posto l'equinozio di primavera 
che con tutto il calendario avanzava allora di 
10 giorni, si sottraessero dall'anno che cor- 
reva, 1 dieci giorni di anticipazione, passando 
dal 4 ottobre al 15 del mese istesso (fu scelto 
quel periodo perchè non vi cadevano feste so- 
lenni); 2» che per prevenire ogni futura alte- 
razione poiché il calendario giuliano portava 
ogni quattx-ocento anni un'anticipazione di 
circa 3 giorni, si stabilisse che gli anni cente- 
nari, ovvero gli ultimi di ogni secolo, fossero 
comuni invece che bisestili, ad eccezione del 
quarto centenario (ossia degli anni divisibili 
per 400) che restavano bisestili. Quindi gli 
anni 1600 e 2000 sono bisestili; 1700, 1800, 
1900 furono comuni. Questa riforma lascia 
tuttavia una lieve differenza, che peraltro non 
arriva a formare un giorno intiero se non 
dopo 4000 anni. 

11 calendario gregoriano, pubblicato con 
bolla pontificia del 24 febbraio 1582. fu adot- 
tato subito in Italia, in Spagna e in Porto- 
gallo, nell'anno medesimo In Francia e nel 
Paesi Bassi, più tardi in Ungheria, in Polonia, 
in Germania, in Svizzera, In Inghilterra; ed 
ora non restano che la Russia, la Grecia, 



l'Armenia e qualche altra nazione cristiana 
d'Oriente, che seguano tuttora il calendario 
giuliano. 

Computo ecclesiastico. 

SI dà questo nome al calcoli che servono 
a fissare il calendario ecclesiastico, e agli ele- 
menti sui quali i calcoli stessi riposano. Il 
calendario ecclesiastico è regolato tutto sulla 
Pasqua di Resurrezione, che è la maggior 
festa della cristianità e che secondo le deci- 
sioni della Chiesa (•) deve essere celebrata 
la prima domenica dopo il primo plenilunio 
di pi-imavera, ossia dopo il plenilunio che 
cade il 21 marzo o immediatamente appresso: 
quindi non può venire prima del 22 marzo 
(perchè se il plenilunio cade in domenica, la 
solennità è rimandata alla domenica appresso), 
né più tardi del 25 aprile. 



Elementi del computo ecclesiastico. 

Il ciclo solare è un periodo di anni 28, che 
riconduce a corrispondere nello stesso modo 
i giorni della settimana con i giorni del mese. 
Non si sa da chi sia stato inventato né quando : 
al primo anno dell'era volgare si assegna il 
numero 9 in questo ciclo. 

Il ciclo lunare è un periodo di anni 19, il 
quale, secondo l'astronomo greco Metone, cor- 
risponde esattamente a 235 lunazioni: di guisa 
che allo spirare del ciclo, le fasi della Luna 
ricominciavano precisamente agli stessi giorni 
dell'anno. Il numero che ogni anno ha nel 
ciclo, si chiama numero d'oro. Il primo anno 
avanti l'era volgare porta il numero uno 
come numero d'oro. 

1,' epatta, immaginata da Luigi Lillo nel 
1582, non è altro che l'età della Luna al 
primo gennaio, cioè il numero del giorni 
passati della lunazione In corso; e siccome 
la lunazione, nel computo ecclesiastico, si 
considera di 30 giorni (29 giorni e una fra- 
zione del 30») così l' epatta può essere un 
numero qualunque compreso fra 1' 1 e il 29, 
più un asterisco * che sta in luogo dello zero 

del 30. L' epatta si segna in numeri romani. 
Siccome ogni anno, compiute 12 lunazioni, 
avanzano 11 giorni, così 1" epatta di un anno 
equivale a quella dell'anno precedente più 
11 giorni, salve alcune correzioni delle quali 
non è il caso di discorrere. 

La indizione è un periodo cronologico di 
15 anni che non ha alcun rapporto col corso 
degli astri. I cronologisti assegnano all'anno 

1 dell'era volgare la Indizione 4. 

La lettera domenicale è quella che indica 
nel calendario perpetuo gregoriano le dome- 
niche. In questo calendario tutti i giorni del- 
l'anno dal 1» gennaio in poi sono distinti 
con una lettera dell'alfabeto, dall'A alla G 
per ordine e ricominciando sempre da capo: 
in tal modo se la lettera domenicale di un 
anno è B, vuol dire che tutti l giorni segnaU 



(1) È ro<!a dotta e ripetuta in c<«nto libri che la 
rosola della l'asqua fu d«»rreiata dal Concilio di 
Nicea tenuto nell'anno 3?5, ma tale afTennazioue 
non è esatta. 



con B sono domeniche, in altri termini che 
essendo domenica il secondo giorno dell'anno, 
l'anno comincia di sabato. II ciclo solare è 
il periodo dopo il quale le lettere domeni- 
cali si ripetono con lo stesso ordine. Gli anni 
bisestili hanno due lettere domenicali, una 
per Gennaio e Febbraio, l'altra per gli altri 
dieci mesi. Ogni anno la lettera domenicale 
è la lettera precedente a quella dell'anno 
passato: salvo per gli anni dopo ai bisestili, 
nei quali si salta una lettera. 

La lettera del martirologio è un elemento 



puramente ecclesiastico. Nel Martirologio, 
prima delle vite dei santi di ogni giorno, è 
iscritta una serie di 30 lettere, fra le quali 
ve n'è una che corrisponde all'anno in corso: 
essa serve per tutto l'anno ad annunziare, 
avanti la lettura in coro del Martirologio, 
qual è il giorno corrente della Luna, e ciò 
per mezzo di numeri scritti sotto alle lettere, 
e che variano secondo i giorni e perciò in 
un giorno qualunque l'età della Luna è in- 
dicata dal numero che sta sotto alla lettera 
dell'anno in corso. 



Peste Cristiane. 



Calendario gregoriano cattolico. vento (rito romano). Vi sono poi tre feste 

„ , , , , minori pure In dipendenza della Pasqua: 

Il calendario religioso si completa segnan- -, ^ , . j. ,, . ^^ , ,. , 

do al posto loro le diverse feste cristiane. Di , ^ ^ J^"!"" f ' J^^^"* ^S. nel venerdì dopo 

queste, alcune, sono iìsse, cioè cadono sempre '* domenica di Passione (che e la seconda 

nel medesimo giorno dell'anno: tali sono la domenica avanti Pasqua); 
Circoncisione di Gesù (1» gennaio), l'Epifania " Patrocinio di S. Giuseppe, nella terza 

(6 gennaio), la Purificazione di Maria (2 feb- domenica dopo Pasqua; 

braio), VAnnumiazione di Maria (25 marzo). Il Cuore di Gesù, nel venerdì dopo l'ot- 

VAssumione di Maria (15 agosto), la Natività tava del Corpus Domini. 
della Madonna(Ssettemhie), l'Esaltazione della t r i. -u-i. v. ^- ^ ^ . . 

Cro« (14 settembre), 0^«m«n«t (10 novembre), ^ ,?^« ^ff*« °^o^'" ^^« dipendono dai giorni 

la Commemorazione dei Fedeli Defunti (2 no- fella settimana, sono in primo luogo l'Avven- 

vembre), la Presentazione di Maria (11 no- ^^' che, secondo il rito romano, e di quattro 

vembre), V Immacolata Concezione (8 dicem- domeniche la prima delle quali e la più pros- 

bre), il Natale (25 dicembre), oltre alle feste ^'"^^ ^^^^ ^^^** ^i S. Andi-ea apostolo (30 no- 

dei santi; altre sono mohili, cioè possono ca- J^mbre) e quindi cade nella domenica che si 

dere in date diverse, perchè dipendono o trova fra il 27 novembre e il 3 dicembre; m 

dalla Pasqua o dai giorni della settimana. Le secondo luogo altre feste minori, cioè: 
feste mobili che dipendono dalla Pasqua, n ss. Nome di Gesù, nella seconda do- 

^''°°- menica dopo l'Epifania; 

. Prima della Pasqua La festa di S. Giovacchino, la prima do- 

La domenica di settuage- menica dopo il 15 agosto; 

sima G3 giorni -^ Il SS. Nome di Maria, la prima dome- 

Le Ceneri 46 i^ ''^^^^ dopo 1*8 settembre; 

" r^ 5j I Sette Dolori di Maria, la domenica che 

Dopo la Pasqua ; o a segue quella testé detta; 

Le Ilogazioni (durano 3 g.') 36-38 „ ' « S ^^ Madonna del Rosario, la prima do- 

L'Ascensione 39 , ì'c^ menica d'ottobre; 

La Pentecoste ... 4*) \ § 5 La Maternità di Maria SS., la seconda 

La SS. Trinità \ '. \ '. '. '. 56 l \ § domenica d'ottobre; 

11 Corpus Domini 60 U ^* Tuvitk di Maria, la terza domenica 

" ' d'ottobre; 
Inoltre le vigilie delle Quattro Tempora, n Patrocinio di Maria, la seconda do- 

ossia delle quattro stagioni, che avvengono menica dopo il 1» novembre, 
il mercoledì, il venerdì e il sabato dopo i se- 
guenti giorni: Prima domenica di Quaresima, Diamo qui appresso la tavola delle date 

Pentecoste, 14 settembre (Festa dell'Esalta- delle principali feste mobili per i prossimi 

zione della Croce) e terza domenica dell'Av- cinque anni del sec. XX. 

Tavola dkllk feste mobili per gli aitni 1904-1908. 



inni 


II 


SfltiageslM 


Mercoledì 


Prima 
Domenica di 


Pasqua 


„ X X L n . . M* domenica 
Pentecoste , C«rpns Domini j dell'Avvento 




■2 J 






<|naresima 






1 (romano) 


iyo4 


CB 


31 genn. 


17 febbr. 


21 febbr. 


3 aprile 


22 maggio 


2 giugno 


27 novembre 


1905 


A 


19 febbr. 


8 marzo 


12 marzo 


23 aprile 


11 giugno 


22 giugno 


3 dicembre 


1906 


G 


11 febbr. 


28 febbr. 


4 marzo 


15 aprile 


3 giugno 


14 giugno 


2 dicembre 


1907 


F 


27 genn. 


13 febbr. 


17 febbr. 


31 marzo 


19 maggio 30 maggio 


1 dicembre 


1908 


ED 


16 febbr. 


4 marzo 


8 marzo 


19 aprile 


7 giugno 18 giugno 


29 novembre 



— 4 

Calendari del rito ambrosiano, delle confes- 
sioni protestanti, della Chiesa greco-russa 
e delle altre Chiese orientali. 

Brevi notizie su questi calendari si tro- 
veranno a pag. 6 e seguenti, quando si darà 
la concordanza fra 1 calendari medesimi e il 
calendario gregoriano per l'anno corrente. 

Calendario repubblicano francese. 

Con decreto della Convenzione Nazionale 
del 24 novembre 1793, la Francia introdusse 
durante la rivoluzione un nuovo calendario, 
cambiando l'era cristiana in era della repub- 
blica, e adottando per principio di quest'era 
la mezzanotte del giorno che succedeva al- 
l'equinozio vero di autunno del 1792, il quale 
fu il 22 settembre; in tal giorno cadeva pure 
l'anniversario della proclamazione della re- 
pubblica. 

Questo calendario fu messo in vigore il 
26 novembre 1793, e fa abolito con decreto 
di Napoleone I col 31 dicembre 1805, alla 
qual data tornò in vigore il calendario grego- 
riano. Quindi durò anni 12, un mese e 6 giorni. 

L'anno restava diviso ancora in 12 mesi 
di 40 giorni ciascuno. Ogni mese fu diviso in 
tre decadi e ai giorni che componevano ogni 
decade fu dato il nome di primidì, dtiodì, tritìi, 
qiuirtidì ec; il decadì era destinato al riposo. 

Il giorno fu diviso in 10 ore, l'ora in 100 
minuti, il minuto in 100 secondi. 

Per completare la durata dell'anno tro- 
pico, dopo il dodicesimo mese si aggiunge- 
vano 5 (e 6 negli anni bisestili) giorni com- 
plementari, detti sanscHÌottides. 

Ecco i nomi dei dodici mesi: 

Vendemmiale (Vendémiaire) 
Autunno ^ Brumale (Brumaire) 
Glaciale (Frimaire) 
Nevoso (Nivóse) 
Inverno { Piovoso (Pluvióse) 
Ventoso (Ventóse) 



( (rcrmile (Germinai) 
Primavera] Fiorile (Floréal) 
( Pratile (Prairial) 
C Messidoro (Messidor) 
Estate | Termidoro (Thermidor) 
\ Fruttidoro (Fructidor) 
Cosi il 15 glaciale dell'anno VII fu il 5 di- 
cembre 1798; il 5 termidoro dell'anno XI, il 
24 lugUo 1803. 

Calendario civile italiano. 

Le feste civili legali, cioè quelle che tutti 
gli ufi&ci dello Stato devono riconoscere, fu- 
rono stabilite dalle leggi 17 ottobre 18C0, 
n. 5342; 23 giugno 1874, n. 1968 (serie 2^^}; 
19 luglio 1895, n. 401 ; e sono le seguenti : 

Il primo giorno dell'anno; l'Epifania; 
l'Ascensione; la Concezione; la Natività; l'As- 
sunzione; il Corpus Domini; il giorno dei 
SS. Pietro e Paolo; il XX settembre; Ognis- 
santi; Natale; la festa del celeste patrono 
della diocesi, terra o città; le domeniche tutte. 

In questi giorni sono chiusi gli uffici gover- 
nativi, provinciali e comunali, le corti di giu- 
stizia, le banche e le scuole. Non si possono 
fare atti di esecuzione né protestare cambiali. 



La prima domenica di giugno (quesf .anno 
1904, cade al 5), per la legge 4 maggio 1861, 
n. 7, è Festa Nazionale per celebrare l'Unità 
d'Italia e lo Statuto del Regno. 

Si festeggiano civilmente anche altre date, 
benché non legali in tutti gli uffici, cioè gli 
onomastici e i natalizi delle Loro Maestà (ono- 
mastico di S. M. Vittorio Emanuele III, 1° set- 
tembre; natalizio di S. M. Vittorio Emanue- 
le III, 11 nov.; onomastico di S". M. Elena, 
18 agosto ; natalizio di S. M. Elena, 8 gennaio) ; 
l'anniversario della morte di S. M. Vittorio 
Emanuele II (9 gennaio) e di quella di S. M. 
Umberto I (29 luglio, ma uflScialraente tra- 
sportata al 14 marzo, genetliaco del compianto 
Re); e altri anniversari patriottici locali. 



Calendario Perpetuo 

per trovare in quale giorno della settimana cada nn determinato giorno di un anno qnalnnqne.C) 



USO DELLA TAVOLA 
(ved. la pag. seguente). 

Per trovare in quale giorno della setti- 
mana cada un determinato giorno di un anno 
qualunque, sia del calendario Giuliano tanto 
prima della Riforma quanto dopo la Riforma 
per le nazioni che non l'hanno accettata, sia 
del calendario Gregoriano, si comincia dal 
cercare nei due quadri in basso della tavola 
11 coefficiente di aumento corrispondente al 
secolo cui appartiene l'anno in questione; 
tale coefficiente deve essere sommato agli anni 
del secolo, e il numero ottenuto va cercato 
nel quadro centralo verso sinistra, che è ap- 
punto intitolato Anni del secolo con i loro 
aumenti. Quindi nel quadro centrale verso 
destra bisogna cercare il coefficiente corri- 



spondente al mese di cui si ragiona, e si deve 
sommarlo alla data del giorno, per cercare il 
numero cosi ottenuto nel quadro In alto a de- 
stra intitolato Giorni del mese con i loro aie 
menti. Sull'incontro delle due colonne si trova 
il giorno della settimana corrispondente al 
giorno indicato. 

Questa tavola vale per il Calendario Giu- 
liano dall'anno 3500 av. C. all'anno 3500 d. C, 
e per il Gregoriano fino all'anno 4000. Per il 
Giuliano può easere facilmente aumentato con 
l'aggiunta di nuove colonne; per l'estensione 
al Gregoriano, vi è un'incognita che risolverà 
solamente un tardo avvenire, quella cioè di 
sapere In quale anno sarà soppresso il bise- 
stile che dovrà probabilmente togliersi per 
compensare la differenza tutt'ora e^i^^t.^t.to tVa 
l'anno civile e l'anno solare. 



(1) Oìmpilato corcc^cmontc comunicalo dall' Ing. GUIDO JACOBACCI di Buenos-Aires. 



- 5 



GIORNI DI SETTIMANA 


GIORNI DEL MESE 
con i loro aumenti. 


Ma 


Me 


G 


V 


S E 


L 


1 


8 


15 


22 29 


36 


Me 


G 


V 


s 


D L 


Ma 


2 


9 


16 


23 30 


37 


G 


V 


S 


D 


L M 


a Me 


3 


10 


17 


24 31 




V 


8 


D 


I. 


Ma M 


e-G 


4 


11 


18 


25 32 




S 


D 


L 


Ma 


Me C 


r V 


5 


12 


19 


26 33 




1) 


L 


Ma 


Me 


G \ 


' S 


6 


13 


20 


27 34 




L 


Ma 


Me 


G 


V P 


D 


7 


14 


21 


28 35 




ANNI DEL SECOLO 
con i loro aumenti. 


Aumenti ai giorni 
del mese. 


1 


2 


3 


4 


5 


6 




si aanfnU 


7 


8 




9 


10 1 


1 12 


Nel mese 


Inno 


\Dno 




13 


14 


15 


16 


17 


di 




bists. 


18 
24 
l9 


19 
"30 


20 
25 

In" 


"26" 
"3^ 


21 2 

27 2 

3 


2 23 

8 

1 34 










Gennaio . . 




















Febbraio. . 


3 


3 




36 
41 

47 


"42" 

48 


37 
43 


38 3 
44 
"49" 5 


J 40 

45 

51 








Marzo 


3 


4 



















Aprile. . . . 


6 





52 
57 
«3 


fi4 


53 
59 


54 

60 
fio 


55 5 

6 

"66" 6 


6 

1 "62" 

7 "68 






Maggio . . . 


1 


2 





















Giugno . . . 


4 


5 


80 


69 
75 


70 
76 
81 


71 

"8^ 


72 

77 7 
83 8 


73 
8 79 
4 


6 





Luglio . . . 





















Agosto . . . 


V, 


3 


86 
«Jl 


86 
92 
97 


_87_ 
98 


88 
"93" 
99 


8 
"9! "9 
100 


9 90 
5 96 
~ TÒT 




5 


6 


Se 


ttembre . 

















Ottobre. . .1 





1 


102 
108 
113 


103 

m 


104 
109 
115 


no 

116 


105 IC 

111 11 

11 


6 107 



"7TT8 








Novembre . 


3 


4 
















Dicembre . 


5 


6 


uy 


120 




121 


122 15 


3 124 








Aumenti agli anni del Cale 


$ndario Gregoriano 


si 


NEI SECOI 


-I 


aun. 
16 


10 


50 


9fl 


13^ 


170 


210 


250 


290 


330 


370 


20 


60 


10^ 
lic 


14^ 


18" 


220 
230 


260 

270 


300 
310 


340 
350 


380 
390 


20 
24 


190 
























4« 


80 


rn 


16^ 


200 


240 


280 


320 


360 


400 





Aumenti agli anni nel 


Calendario Giuliano. 


Secoli avanti Cristt 


j i 


Secoli dopo Cristo 


-3 


5 -28 - 


-21 


-14 - 


-7 20 


10 


80 


1 150 


220 


290 


-3 


4 -27 - 


-20 


-13 - 


-6 8 


20 


90 


IfiO 


230 


300 






















-3 


ì -26 - 


-19 


— 12 - 


-5 24 


30 


100 


170 


240 


310 


-3 


2 -25 - 


-18 


-11 - 


-4 12 


40 


no 


180 


250 


32" 


-3 


1 -24 - 


-17 


-10 - 


-3 


50 


120 


190 


260 


330 


-3 


-23 - 


-16 


-9 - 


-2 k; 


60 


130 


200 


270 


340 


-2 


1 -22 - 


-15 


-S - 


-1 -1 


■".o 


no 


2)0 


280 


350 



Esempi: 

21 Gennaio 1793: Morte di Luigi X VI. 

— Secolo 18", anno 93, aumento 20; 
Gennaio, anno comune, aumento ; 
93 + 20 = 113 ; 21 + = 21 ; Lunedì. 

15 Ottobre 1582: Inizio Calend. Gregor. 

— Secolo 16», anno 82; aumento 0; 
Ottobre, anno comune, aumento 0; 
82 + = 82; 15 + = 15; Venerdì. 

4 Ottobre 1582: Fine Calend. Giuliano. 

— Secolo I60, anno 82, aumento 8: 
Ottobre, anno comune, aumento 0; 
82 + 8 = 90; 4 + = 4; Giovedì. 

Infatti si passò dal 4 al 15 O'.tobre 

senza giorni intermedi. 

30 Marzo 1282: Vespri Siciliani. — 

Secolo 13", anno 82, aumento 16: 

Marzo, anno comune, aumento 3 ; 

82 + 16 = 98; 30 + 3 = 33; Lunedì. 

Infatti era il Lunedi dopo Pasqua. 

25 Dicembre 799: Coronaz. Carlo Magno. 

— 99 + 20 = 119; 25 + 5 = 30; Mer- 
coledì. 

Se fosse stato in vigore il Grego- 
riano si sarebbe avuto: 

99 + = 99; 25 + 5 = 30; Saba- 
to; cioè una differenza di 4 giorni 
che è la posticipazione che il Calen- 
dario aveva in quel secolo. Il Mer- 
coledì avrebbe dovuto avere la data 
29 Dicembre. 
15 Marzo 44 av. C: Morte di Giulio 
Cesare. Che giorno di settimana sa- 
rebbe stato, se fossero state in uso 
le attuali denominazioni? Secolo (-1); 
Anno 44 corrispondente a 57, aumen- 
to 4; Marzo, anno comune, aumen- 
to 3; 57 + 4 = 6L 15 + 3 = 18; ri- 
sulta un Mercoledì. Però in realtà 
avrebbe corrisposto a un Giovedì, 
perchè Giulio Cesare aveva stabilito 
mesi alternati di 31 e 30, e Febbraio 
aveva 29 o 30 giorni. Sotto Augusto 
(a. 26 av. C.) fu portato a 31 il mese 
di Agosto, togliendo il giorno cor- 
rispondente a Febbraio, e così pure 
si modificarono i 4 ultimi mesi ridu- 
ceudoli allo stato attuale. 

Per gli anni avanti Cristo bisogna 
fare attenzione se essi son dati col 
sistema cronologico od astronomico. 
Nel primo caso (il più comune), i secoli 
si contano come dopo Cristo, cioè da 
1 a 100, lo Secolo; da 101 a 200, 2° Se- 
colo, ec; e per gli anni si assume un 
complemento, cioè la diGFerenzada 101; 
ad esempio: 101 — 44 = 57. Nel se- 
condo caso i secoli si contano da a 99, 
1° secolo; da 100 a 199. 2o secolo, ec, e 
per gli anni si assume il complemento 
da 100. Così l'anno 44 cronologico 
corrisponderebbe al 43 astronomico: 
100 — 43 = 57, e il risultato sarà 
identico. L'anno sarà bisesistile, se 
è divisibile per 4 il complemento. 
Esempio: Anno 754, cronologico. — 
Fondazione di Roma: Secolo (-8); An- 
no (101 — 64) = 47 ; Astronomico sa- 
rebbe 753. 



— G — 
L*anno 1904 corrisponde all'anno 

6617 del periodo giuliano. 1904 del calendario giuliano greco-russo; 

5908 dalla Creazione del Mondo, secondo comincia 13 giorni più tardi, il giovedì 

il computo dell' Usserio. 14 gennaio. Questa differenza di 13 giorni 

5904 della Vera Luce, ossia dalla crea- è diventata tale dopo il 28 febbraio 1900, 

zione del mondo secondo la cronologia e tale resterà sino al 28 febbraio 2100. 

massonica: l'anno massonico comincia 1331 dell'Egira, calendario turco, comin- 

col lo marzo. ciato il lunedì '30 marzo 1903; e l'anno 

5664 dell' era degli Ebrei, cominciato il 1322 comincia il venerdì 18 marzo 1904, 

martedì 22 settembre 1903; e l'anno 5665 e finisce il martedì 7 marzo 1905, se- 

comincia il sabato 10 settembre 1904. condo l'uso di Costantinopoli. 

3680 delle Olimpiadi, ossia al IV anno della 41 del 16° ciclo del calendario cinese, che 
670» Olimpiade, che comincia nel luglio comincia il martedì 16 febbraio 1904. 
1903 (e precisamente al plenilunio con- 387 dalla riforma di Lutero, 
secutivo al solstizio d'estate), fissando 37S dalla Confessione di Ausburgo. 
l'era delle Olimpiadi a 775 Vg anni av. C, 113 del calendario repubblicano francese. 
ossia verso il 1» luglio dell'anno 3938 del 44 dalla istituzione del nuovo regno d' Ita- 
periodo giuliano. lia; avendo Vittorio Emanuele II assunto 

3657 dalla fondazione di Roma, secondo il titolo di Ee d'Italia il 17 marzo 1861. 

Varrone, che comincia il 21 aprile. 35 dalla liberazione di Roma, occupata dalle 

3651 dell'ex'a di Nabonassar, fissata al mer- armi italiane il 20 settembre 1870. 

coledì 26 febb. dell'anno 3967 del periodo 37 del pontificato di Leone XIII, esaltato 

giuliano, ossia 747 anni av. C. secondo i al trono il 20 febbraio 1878. 

cronologi, e 746 secondo gli astronomi. Quinto del regno di Vittorio Emanuele III 

1904 del calendario gregoriano istituito nel- re d'Italia, salito al trono il 29 lu- 

r ottobre 1582, ossia 322 anni fa; comin- glio 1900. 

eia il venerdì l» gennaio. Quarto del secolo XX. 

L'ANNO 1904 

ò bisestile, cioè ha 366 giorni (7 mesi di 31 giorni, 5 di 30 e uno, il febbraio, di 29). 

Computo ecclesiastico. il Patrocinio di S. Giuseppe, 24 aprile. 

Numero d'oro 5 ^^ Sacro Cuore di Gesù, 10 giugno. 

Epatta . . 13 ^^^ Giovacchino, 21 agosto. 

(Melo solare ..'..'. 9 ^^ Nome SS. di Maria, 11 settembre. 

Indizione 2 ^ Sette Dolori di Maria SS., J8 settembre. 

Lettera domenicale '.'.'.'.'.'. CB La Festa del SS. Rosario 2 ottobre. 

Lettera del Martirologio . . . . n ^^ ^^t^,':"^^* ,^i ^I*"^ «^ ^ttobre. 

" La Purità di Maria SS., 16 ottobre. 

Feste mobili II Patrocinio di Maria SS., 13 novembre. 
(secondo il rito romano) 

Settuagesima . . 81 gennaio. Quattro Tempora. 

Ceneri 17 febbraio. 

Pasqua 3 aprile. (Reminiscere) . . Febbraio 24, 26 e 27. 

Rogazioni .... 9, 10 e 11 maggio. (Trìnilatis) . . . Maggio 25, 27 e 28. 

Ascensione ... 12 maggio. {CriKus) Settembre 21, 23 e 24. 

Pentecoste ... 22 maggio. {Luclae) Dicembre 14, 16 e 17. 

Trinità 29 maggio. 

Corpus Domini . 2 giugno. , -, 

Prima domenica '-® "^O^^®* 

dell'Avvento. • 27 novembre. _ , , ^ , .^. • ,• i 

La celebrazione dei riti nuziali è permessa 

ALTRE FESTE MOBILI MINORI. |n quest'auno Soltanto dal 7 gennaio al 16 

Il Nome SS. di Gesù, 17 gennaio. febbraio, e dall' 11 aprilo al 27 novembre. (De- 

I Dolori di Maria, 25 marzo. creto del Concilio Tridentino, sess. 24, e. 10). 

Calendario del rito Ambrosiano ossia della Chiesa di Milano. 

La Chiesa cattolica di Milano ha una forma giorni susseguenti al giorno delle Ceneri se- 
particolare di rito, che si scosta alquanto da condo il rito romano, cioè 18, 19 e 20 febbraio, 
quello romano, e prende nome da S. Ambro- 2° Le rogazioni dette litanie ambrosiane 
glo, vescovo e patrono di Milano, benché sia cadono nei giorni di lunedì, martedì e mer- 
inoerto se sia veramente istituito da lui o gli coledì, che seguono immediatamente la prima 
sia anteriore, come sembra più probabile. domenica dopo l'Ascensione, quindi il 16, 17 

Le principali diversità col rito romano in e 18 maggio. Nel primo di questi tre giorni si 

quanto concerne 11 calendario sono le se- danno le Ceneri, che nel rito Romano si danno 

guenti: il primo mercoledì di quaresima. 

lo II primo giorno di quaresima cade 3» L'avvento invece di quattro ha sei 
nella prima domenica di quaresima (21 febbr.) domeniche: e la prima è la immediatamente 
anziché nel precedente mercoledì. Il cosid- successiva all' 11 novembre, festa di S. Mar- 
detto cdinei-ulone ambrosiano si fa nei tre tino. Quest'anno cade 11 13 novembre. 



Calendario Greco-Russo. 



Alcune nazioni orientali seguono ancora 
il calendario giuliano, vale a dire non hanno 
accettata la riforma gregoriana, e perciò sono 
in ritardo sul calendario gregoriano di 13 
giorni, che sono i 10 soppressi per le nazioni 
occidentali nel 1582, più i tre perduti negli 
ainii 1700, 1800 e 1900, bisestili per loro e non 
per noi. Seguono il calendario giuliano i Greci, 
i Russi, gli Armeni, i Giorgiani, i Siriani non 
uniti, i Cofti, i Serbi, i Montenegrini, i Bul- 



gari, i Rumeni. Per le feste ecclesiastiche, 1 
digiuni ec, i Russi, i Giorgiani cattolici e non 
uniti, 1 Serbi, i Montenegrini, i Eulgari e 1 
Rumeni osservano completamente il calen- 
dario greco, detto della Chiesa greca ortodossa. 
Gli Armeni ed i Cofti hanno rispettivamente 
un calendario proprio per le feste, ed anche 
nomi speciali per i mesi: ma non ci occupe- 
remo di questo. Invece ecco le feste principali 
del calendario greco-russo per l'anno l'JOi. 





DATA 




DATA 




1>KL 


CALENDARIO 


DEL 


CALENDARIO 




GREGOBIAKO 




SIULL4.N0 




(Nuovo Stile) 


( Vecchio stile) 






1904 




1903 




lo 


gennaio 


19 


dicembre 




7 


" 


25 


1904 


Natale. 


14 


^ 


1" 


gennaio 


Circoncisione. Capo d'anno. 


19 


^ 


6 


^ 


Teofania (Epifania). 


31 


^ 


18 


„ 


Domenica del l'ubhlicano e del Fariseo, 


7 


febbraio 


25 


„ 


Domenica del Figliuol Prodigo. 


H 


" 


1" 


febbraio 


Domenica del Giudizio Universale (in Russia); della 
Carne (in Grecia). 


15 


„ 


2 


„ 


Purificazione. 


21 


„ 


8 


„ 


Domenica di Carnevale; o del Formaggio (in Grecia). 


22 


^ 


9 


^ 


Comincia la Grande Quaresima.* 


22 


marzo 


9 


marzo 


Quaranta Martiri di Sebaste. 


3 


aprile 


21 


r, 


Domenica delle Palme. 


7 


« 


25 


" 


Annunciazione di Maria. — Festa della indipendenza 
della Grecia.** 


8 


^ 


26 


^ 


Venerdì Santo. 


10 


„ 


28 


n 


Pasqua. 


6 


maggio 


23 


aprile 


San Giorgio. — Onomastico del Re di Grecia.** 


19 


^ 


6 


maggio 


Ascensione. 


22 


^ 


9 




San Nicola. 


27 


^ 


14 


^ 


Anniversario della incoronazione dello czar Nic- 


29 


fl 


16 


^ 


Pentecoste. [colò I.* 


30 


„ 


17 


^ 


Lunedì dello Spirito Santo. 


6 


giugno 


23 


„ 


Ognissanti. 


12 


luglio 


29 


^ 


SS. Pietro e Paolo. 


14 


agosto 


1" 


agosto 


Principia il digiuno della Madonna. 


19 


„ 


6 


„ 


Trasfigurazione di Cristo. 


28 


„ 


15 


•^ 


Assunzione della Madonna, 


12 


settembre 


30 


^ 


Sant'Alessandro Nevski.* 


21 


„ 


8 


settembre 


Natività di Maria. 


27 


„ 


14 


^ 


Esaltazione della Croce. 


2 


novembre 


20 


ottobre 


Assunzione al trono dello czar Niccolò I.* 


8 


„ 


26 


^ 


San Demetrio.** 


28 


„ 


15 


novembre 


Principia il digiuno di Natale. 


4 


dicembre 


21 


^ 


Presentazione di Maria. 


19 


„ 


6 


dicembre 


San Nicola di Bari, protettore della Russia. 


22 


„ 


9 


„ 


Concezione della Vergine. 


25 


" 


12 


- 


San Spiridione.** 



Le feste mobili sono scritte in corsivo. Quelle segnate con un * sono peculiari alla 
Russia; quelle segnate con due ** sono peculiari alla Grecia. 



Calendario Protestante. 

Le diverse confessioni protestanti (coni- principali feste mobili, delle quali però chi 

presa l'episcopale anglicana) seguono il ca- esclude l'una, chi esclude l'altra; ma tutti poi, 

lendario gregoriano in tutte le sue particola- siccome non venerano né la Vergine nò i Santi, 

rità, anche per il computo della Pasqua e delle escludono tutte le solennità della Madonna e 



Ognissanti. Quasi tutti invece festeggiano sin- 
golarmente la Domenica di Passione (20 mar- 
zo), la Domenica delle Palme (27 marzo) e il Ve- 
nerdì santo (1" aprile). La Chiesa protestante 
tedesca ha inoltxe le seguenti feste mobili: 
Buss und Bettag {Giorno di penitetiza e pre- 
ghiera), il mercoledì dopo la prima dome- 
nica di quaresima, se il detto mercoledì 
cade in febbraio, ovvero il martedì dopo la 
domenica stessa, se questo martedì viene 
in marzo; quindi quest'anno il 24 febbraio. 



8 — 

Erntefest (Festa delle nu'ssi), la domenica im- 
mediatamente dopo al 30 settembre, o il 
giorno stesso se di domenica; e quest'anno 
il 2 ottobre. 

La festa della Riforma, la domenica immedia- 
tamente dopo al 30 ott., o il giorno stesso 
se di domenica; come succede quest'anno. 

La Commemorazione dei Morti, la domenica 
immediatamente dopo al 20 novembre, o 
il giorno stesso se di domenica ; ciò che pure 
succede quest'anno. 



Calendario Israelitico. 



Gli ebrei si servono di un anno lunisolare, 
cioè composto di 12 mesi lunari, che si ac- 
corda con r anno solare mediante l' aggiunta 
(7 volte in un ciclo di 19 anni) di un mese 
embolismico, il mese di Veadar. Ma le norme 
che regolano questa intercalazione, la varia- 
bile lunghezza dei diversi mesi che possono 
essere di 29 o di 30 giorni, e il principio del- 
l'anno, non potrebbero ti'ovar luogo qui. Ba- 
sterà dire che è stabilito, che il px-incipio 
dell'anno cada sempre nel giorno della nuova 
luna più prossima all'equinozio di autunno; 



e che la Pasqua, che è fissata al 15 del mese 
di Nisan, preceda costantemente il primo del- 
l' anno di 163 giorni: ma anche queste regole 
hanno le loro eccezioni. 

L'anno 1904 corrisponde all'anno 56G4 (co- 
mune, di giorni 354), cominciato il 22 settem- 
bre 1903, e all'anno 5665 (embolismico, di gior- 
ni 385), che cominciato il 10 settembre 1904, 
finirà il 29 settembre 1905. 

Ecco la concordanza dei mesi e l'indica- 
zione delle principali feste giudaiche, non con- 
tando naturalmente i Sabati. 



1904 




5664 




lo gennaio 


13 


Tebet 




18 


lo 


Scevat 




17 febbraio 


lo 


Adar 




27 


11 




Digiuno di Ester. 


10-2 marzo 


14-15 ^ 


Festa di Furitn (Festa delle Sorti). 


17 


lo 


Nissan 


Principio dell'anno religioso, secondo l'antico ca- 
lendario rabbinico. 


31 marzo -7 aprile 


15-22 „ 


Pesach, Pasqua, o Festa delle Azzime. Sono in spe- 








cial modo festeggiati i due primi e i due ultimi 








giorni. 


16 aprile 


lo 


Jiar 




29 


14 


^ 


Pesach Scetù, Seconda Pasqua (per chi non ha po- 


15 maggio 


lo 


Sivan 


tuto celebrare la prima). 


20-21 , 


6-7 


^ 


Sciaviiot, Pentecoste, o Festa delle Settimane. 


14 giugno 


lo 


Tamuz 




30 


17 


« 


Digiuno di Tamtiz, in memoria della caduta di Ge- 
rusalemme. 


13 luglio 


lo 


Ab 




21 


9 


" 


Digiuno di Tisgà heah, in memoria della prima di- 
struzione del Tempio. 


12 agosto 


lo 


Ellul 
6665 


Mese di espiazione. Cominciano le preghiere dette 
Selicot. 


10 settembre 


lo 


Tisri 


Sosc-Ascianà, ossia Capo d'anno. 


12-13 „ 


3-4 


„ 


Digiuno di Ghedaglià. 


19 


10 


„ 


Chipm; giorno dell'espiazione. 


24-25 , 


15-16 „ 


Snccot, o Festa delle Capanne. 


30 


21 


^ 


Oiiciaanà-Babbà, giorno di penitenza. 


1' ottobre 


22 


^ 


Sceminì Azèred, ottava di consacrazione. 


2 


23 


, 


Sitìuad Torà, o Festa della legge. 


10 


lo 


Hesvan 




y novembre 


lo 


Chislev 




3 dicembre 


25 


" 


Hanucà, commemorazione della purificazione del 
tempio. 


9 


1» 


Tebet 




31 


23 


11 





Il giorno comincia per gli israeliti al tramonto: e particolarmente 11 Sabato comincia 
un'ora prima di notte, e termina la sera dopo un'ora e 15 minuti di notte: così, ad esem- 
pio, se incomincia il Sabato a ore 18 del Venerdì sera, terminerà a ore 19.15 del Sabato. 



— 9 — 
Calendario Maomettano. 



I mussulmani, per espressa disposizione 
del Corano, seguono soltanto l'anno lunare 
di 354 o 355 giorni, diviso in 12 mesi alter- 
nativamente di 30 e 29 giorni. L'ultimo, Zul- 
heyyì; invece di 29 giorni ne ha 30 per 11 vol- 
te nel corso di un ciclo di 30 anni. L'anno 



1904 corrisponde, per la prima metà, all'anno 
dell'Egira 1321 (di giorni 354), cominciato il 30 
marzo 1903, e del 18 marzo in poi all'anno 1322 
(di giorni 355). Ecco la concordanza dei mesi 
e l'indicazione delle principali feste maomet- 
tane, oltre a tutti 1 Venerdì {.Digiuno). 





1904 


1321 




\o 


gennaio 


12 Sciaual 




19 


^ 


1« Zulcadè 




18 


febbraio 


1° Zulheggè 




27 


T> 


10 „ 

1322 


Giorno del sacrificio, o piccolo Beiram. 


18 


marzo 


lo aioarcm 


Capo d'anno. 


17 


aprile 


lo Safar 




Hi 


maggio 


lo Eebi-el-avel 




27 


„ 


12 


Multid-el-Nehi, ossia nascita del Profeta. 


15 


giugno 


lo Rebi-el-accher 




14 


luglio 


lo Giumada-el-avel 




2 


agosto 


20 


Anniversario della presa di Costantinopoli per mano 


13 


„ 


lo Giumada-el-accher 


[dei Turchi. 


11 


settembre 


lo Regeb 




25 


^ 


15 


Leilah-el-GaibaJi, ossia concezione del Profeta. 


7 


ottobre 


27 


LeilaJi-el-Miradj, ascensione del Profeta. 


11 


„ 


lo Sciaaban 




9 novembre 


lo Ramadan 


Comincia un rigoroso digiuno per tutto il mese: è 








permesso di mangiare soltanto durante la notte. 


6 


dicembre 


27 


Leilah-el-C(u1r, notte della potenza, in cui discese 
dal cielo il Corano. 


8 


„ 


30 


Ultimo giorno di digiuno. 


ii- 


11 « 


1-3 Sciaual 


Grande Beiram. 


31 


„ 


23 





I mussulmani conteggiano le notti, polche il giorno, come il mese, comincia per loro 
la sera. Il 13, il 14 e il 15 di ogni mese sono per loro giorni fausti, ma nel mese di Sciaahun 
soltanto il 13 e il 14. 



Calendario Etiopico. 



Gli abissini presero dal cofti l'anno giu- 
liano di 365 giorni, diviso in 12 mesi di 30 
giorni, più 5 giorni supplementari o epago- 
meni (sei nei bisestili), e lo cominciano rispet- 
tivamente all' 11 o 12 settembre del calenda- 
rio gregoriano : dai cofti pure tolsero il com- 
puto degli anni secondo il calcolo di Giulio 
Africano, il quale pone la nascita di Cristo 



sette anni dopo il computo volgare. Anche 
gli abissini hanno l'anno bisestile: tale fu per 
loro il 1895, corrispondente al 1902-1903 gre- 
goriano. 

Nel ciclo dei quattro anni, ciascun anno 
prende il nome di un Evangelista, dicendosi 
Anno di S. Marco, di S. Giovanni, di S. Mat- 
teo, di S. Luca, che è il bisestile. 



1904 


1896 




1" gennaio 


22 Tahsàs 




8 „ 


20 


Natala. 


10 


lo Ter 




9 febbraio 


lo Jekatit 




10 marzo 


lo Maggabit 




9 aprile 


lo Miazià 




li 


6 


Pasqua, 


9 maggio 


lo Ghenbot 




8 giugno 


lo Sanie 




8 luglio 


lo Hamliè 




7 agosto 


lo Nahasiè 




22 


16 


Assunzione. 


6-10 settembre 


1-5. Pagumiè 
1897 

lo Mascarem 


(Epagomeni). 


11 


Capo d'anno. Festa di 






S. Giovanni. 


27 


17 


Masqal, o Festa della 


11 ottobre 


1" Teqemt 


[Croce. 


10 novembre 


lo Hedàr 




10 dicembre 


lo Tahsas 




31 


22 





Gli abissini hanno un gran nu- 
mero di feste, oltre le poche che 
abbiamo segnato. Molte altre so- 
lennità si ripetono a giorno fisso, 
rinnovandosene tutti 1 mesi la 
commemorazione: e fra queste 
le più importanti sono il giorno 
di San Micael, che si festeggia il 
12 di ogni mese e la Kidano 
Mehrat (Patrocinio di Maria) che 
cade il 16. I giorni della setti- 
mana presso gli abissini presen- 
temente coincidono con quelli 
del nostro calendario, cioè quan- 
do è domenica per noi, è do- 
menica anche in Etiopia. I nomi 
sono: Sagnò, Maksagnò, Ruob 
(o Rebù). Amus, Arb, Qedamie, 
Ehud. 



Innovazioni. 

Il radicale rinnovamento apportato al- 
l' Effemeride astronomica del 1903 e le buone 
ragioni colle quali lo abbiamo giustificato, 
hanno un tale carattere di stabilità, che 1 no- 
stri lettori non possono né attendersi né de- 
siderare così presto delle nuove " rifusioni ^, 
anche perchè molti di essi ci hanno manife- 
stata la loro soddisfazione per il piano ora 
adottato. 

Quindi, oltre alla sostituzione di tutti i 
dati numerici e grafici variabili da un anno 
all'altro, ed oltre ai ritocchi fatti quasi ad 
ogni pagina del testo, non molto si troverà 
di veramente nuovo; tuttavia le poche cose 
che vi abbiamo aggiunte non sono prive d'in- 
teresse, e meritano un cenno. A pag. 13 riu- 
nimmo alcuni dati utili per chi si trova al 
Benadir; a pag. 15, riassunti i cenni storici 
sull'Ave Maria, vi aggiungemmo il ragguaglio 
delle antiche ore italiane ancora in uso nelle 
Provincie meridionali ; avvertimmo, a pag. 23, 
che per i minimi di Algol abbiamo adottate 
le nuove formole del sig. Enzo Mora, esposte 
nel n. 13 del nostro periodico L' Astrofilo (l); 
a pag. 27 offriamo, come utile curiosità, il 
nostro orologio siderale, o metodo semplice 
per trovare le ore notturne mediante l'os- 
servazione del Gran Carro ; infine, nella me- 
desima pagina, diamo, di 10 in 10 giorni, i 
passaggi superiori della Stella polare, e quindi 
il modo di poter conoscere la sua posizione, 
rispetto al Polo, in un istante qualunque. 

Notiamo ancora, fra i ritocchi, l'aggiunta 
delle posizioni e degli aspetti della Luna sul 
diagramma del corso dei pianeti (pag. 21), 
diagramma che sarà, in seguito, ancora più 
accurato ; un cenno sulla cometa resasi visi- 
bile anche ad occhio nudo nel luglio 1903 
(pag. 22); portate da 18 a 36 le località ita- 
liane per le quali si danno le declinazioni 
magnetiche (pag. 24) ; ec. 

Per l'anno venturo stiamo preparando 
altre interessanti novità, principalissima fra 
le quali sarà la sostituzione delle attuali 12 
cartine celesti con 24 nuove cartine semicir- 
colari, contenenti, oltre alle stelle, parecchie 
utilissime indicazioni astronomiche. 

Saremo poi riconoscenti a tutti coloro 1 
quali, interessandosi alle osservazioni, ci co- 
municheranno nuovi risultati, o proposte o 
consigli che possano giovare alla precisione 
ed alio sviluppo dell' Effemeride. 
Milano, agosto 1903. 

Cap. Isidoro Baroni. 



(1) Il noitro «Astrorìlo» è la prima ed uni<a 
riTista italiana rirramente illustrata di Astrono- 
mia. Associazione fino al 20» fasricolo, compresi pli 
anetr.iti. Lire 10.— Direzione in Milano, Via Ne- 
rino. N. 3. 



Avvertenze generali. 

Tutte le indicazioni orarie, salvo contrario 
avviso, sono date in tempo medio civile del- 
l' Europa Centrale, contato ininterrottamente 
da una mezzanotte all'altra, cioè da a 24 ore. 
Vedansi i ragguagli a pag. 14. 

Le tavole mensili non richiedono lunghe 
spiegazioni. La declinazione del Sole e l'equa- 
zione del tempo (v. pag. 18), nonché il corso 
della Luna e dei pianeti sono sempre rife- 
riti all'orizzonte di Roma, e vennero da noi 
calcolati sul Berliner Astronomisches Jahrhwh , 
usando, per la Luna, delle tavole di riduzione 
del chiar. prof. Abetti, direttore dell'Osser- 
vatorio di Arcetri. Quanto al Sole, le levate 
ed i tramonti per Milano e per Koma si ri- 
cavarono dalle rispettive pubblicazioni ufift- 
ciali e per Palermo dal Calendario astronomico 
del prof. Agnello. 

Per avere l'ora approssimativa della levata 
e tramonto dei pianeti basterà togliere od 
aggiungere 6 ore al tempo del loro passaggio 
al meridiano. Tale appi-ossimazione è suffi- 
ciente inquantoché non si fanno quasi mai 
osservazioni planetarie presso all'orizzonte. 

Quanto all' aspetto mensile del firmamen- 
to v. pag. 26, e riguardo al Diario dell' o<- 
servatore aggiungeremo che sui minitnums di 
Algol si parla a pag. 23, e che nel colonnino 
dei Fenomeni diversi s'introdussero talvolta 
le seguenti abbreviazioni : cong. congiimzione 

— opp. opposizione — mass, massime o mas- 
simo o massima — inf. inferiore — sup. supe- 
riore. Incontrando delle voci ignorate, vedere 
il Dizionarietto a pag. 25. 

Riservandoci di fornire, a cominciare dal- 
l' anno venturo, anche le istruzioni più es- 
senziali per fare le osservazioni astronomiche, 
e quindi per utilizzare tutti i dati di questa 
Effemeride, ricorderemo intanto come si fac- 
ciano le itUerpolazioui mediante le parti pro- 
porzionali, ossia mediante le variazioni, sup- 
poste proporzionali, dei movimenti o dei tempi. 

Per esempio, dalla tavola pag. 28 noi sap- 
piamo che la declinazione del Sole al mez- 
zodì m;dio di Roma è, al 1» gennaio, di 23» 6' 
Sud ed al 2 gennaio di 23» 1', 3 S, quindi la 
differenza diurna è di — 4', 7, e la differenza 
oraria di - 0',2. Quale sarà dunque la decli- 
nazione del Sole quattro ore più tardi, cioè 
alle 16^ 10«n t. m. E. d del 1» gennaio? Sarà: 
23° 6' - (0,2 X 4) = 23° 5', 2 S. Presso gli equi- 
nozi le variazioni sonò assai più rilevanti. 

Giove, al 1» luglio, pasja al meridiano di 
Roma a 7h 14» ed al 16 a 6' 22"; a che ora 
vi passerà il 7 luglio? Differenza diurna = 

- 52"» : 15 = 3™, 47, quindi sarà, per il 7 lu- 
glio: 7^ 14"" - (S", 47 X 6) ^ 6h 53". Per date 
posteriori al 16 si farà la differenza col 1" ago- 
sto (16 giorni), e per altri meridi^ini tener 
conto delle differenze di longitudine. 



— 11 — 

ELEMENTI GENERALI 



L'anno 1904. 

L'anno 1904, quarto del XX» secolo, è bi- 
sestile, cioè conta 366 giorni, perchè febbraio 
no ha 29. 

Comincia In venerdì come giù il 1897, il 
1892, il 1886, ec. e come i venturi 1909, 1915, 
1926, ec. 

La Pasqua cade il 3 aprile come già nel 
1836, 1831, 1825, ec. e come cadrà nel 1983, 
1988, 1994, ec. 

Ora, considerando che la ricorrenza dei 
medesimi giorni settimanali e delle medesime 
feste mobili alle medesime date non si può 
avere se non in quegli anni che sieno egual- 
mente o comuni o bisestili, che comincino 
nel medesimo giorno settimanale ed in cui la 
Pasqua cada alla stessa data, si conclude che, 
sotto questo riguardo, il calendario del 1904 
mentre è una ripetizione di quello del 1836, 
potrà servire, in tutto il XX» secolo, per il solo 
anno 1988, nel quale si accorderanno, presso 
a poco, anche le fasi lunari. Ma se volessimo 
la corrispondenza precisa delle lunazioni, in- 
sieme a quella delle echssi, delle stagioni e di 
altri fenomeni celesti, saremmo trascinati a 
periodi lunghissimi, secolari e millenari, anzi, 
a tutto rigore, una ripetizione assolutamente 
esatta dei fenomeni astronomici di un anno 
non si ebbe né mai si avrà in alcun altro 
tempo. 

Stagioni astronomiche 1904. 

Emisf.Nord Eminf.Siil Principio 

Piimavera Autunno 21 marzo l'> 59"» 

Estate Inverno 21 giugno 21 51 

Autunno Primavera 23 settem. 12 40 

Inverno Estate 22 dicem. 7 14 

Durata delle stagioni. 

La durata delle stagioni, come il loro 
^ principio, è variabile di anno in anno, però 
in ristretti limiti. Ecco i dati relativi al 1904, 
avvertendo che la durata del nostro inverno 
venne computata dal 23 dicembre 1903, ore 
1.21: 

Emisf.Nord Eniisf.Sud Durata 

Inverno Estate 89 giorni O"! 38'" 

Primavera Autunno 92 „ 19 ó2 
Estate Inverno 93 !, 14 49 

Autunno Primavera 89 „ 18 34 

La somma di queste durate costituisce 
Vanno tropico, o ciclo delle stagioni; che è, 
precisamente, di 365 giorni, 5^, 48"», 46", nel 
quale periodo il Sole sta per 186 giorni Uh 
al nord dell'Equatore e soltanto 178 giorni 
19^ al sud (differenza 7 giorni 16''), circostanza 
che concorre a rendere l'emisfero australe 
più freddo del boreale a parità di latitudini. 

Ma anche questa diversa permanenza del 
Sole nei due emisferi varia lentamente, si 
che dopo ch'ebbe raggiunto un minimo (per 
l'emisfero australe) verso il 1251, orava ri- 
stabilendosi l'equilibrio tra il sud ed il nord 
(anno 6500), ma poi la durata delia primavera 
diverrà eguale a quella dell'estate e la mag- 
gior permanenza del Sole, verso 1' 11750, sarà 
sull'emisfero australe. 



Stagioni meteorologiche. 

I meteorologisti convennero di fissare il 
principio delle stagioni al 1° marzo, !<> giu- 
gno, 1° settem re e 1° dicembre, anticipan- 
dole, cioè, di tre settimane sulle astronomi- 
che, per meglio adattarle alle effettive vicende 
clinaatologiche. 

Giorni solstiziaii. 

Si chiamano cosi quei giorni nei quali il 
Sole raggiunge le sue massime declinazioni, 
o distanze angolari dell'equatore, ed in cai 
si hanno, quindi, le giornate più lunghe o 
più brevi e le massime o minime altezze del 
Sole sull'orizzonte. A tali elementi aggiun- 
giamo, qui appresso, anche le lunghezze delle 
ombre meridiane (cioè proiettate a mezzodì) 
di un bastone verticale alto un metro: 

21 giugno luce alt. Sole ombra 
Milano 15h 38'" 67" 59' 0»», 40 
Roma 15 10 71 33 , 33 
Palermo 14 49 75 20 , 26 
Massaua 13 3 82 10 , 14 

22 dicem. 

Milano 8h 39™ 21'> 5' 2"', 59 

Roma 9 4 24 39 2 , 21 

Palermo 9 30 28 26 1 , 85 

Massa\>a 11 9 50 56 , 81 

Avvertasi ohe per Massaua l' altezza mas- 
sima del Sole non si ha nel giorno del Sol- 
stizio estivo, ma verso il 3 maggio e 7 agosto 
nei quali giorni il Sole, a mezzodì, culmina 
allo Zenit, cioè a 90' d'altezza, sì che i corpi 
non mandano che ombre verticali, mentre 
tra* quelle due date le ombre meridiane sono 
rivolte al sud. 

Sole di mezzanotte. 

' È noto che nelle zone glaciali, cioè al di 
là dei circoli polari (66" 33' di lat.l, nella sta- 
gione estiva dei rispettivi emisferi il Sole ri- 
mane costantemente sull'orizzonte per un 
periodo più o meno lungo secondo le latitu- 
dini, ed è quindi visibile anche quando per 
gli altri paesi è mezzanotte. Dal diagramma 
fotoscopico pubblicato nel nostro Astrofilo 
(n. 5 pag. 76), deduciamo i dati seguenti, re- 
lativi all'emisfero boreale ed interessanti 
specialmente gli esploratori artici ed i touri- 
stes, che vanno al Capo Nord: 

Luogo lat. N. Sole di mezzan., dal 

Bodó 67" 15' 10 gia|. ai 2 lo?. 

Tromsò 69 35 19 miJlT. , 22 „ 



Hammerfest 70 40 



15 



26 „ 



Capo Nord 71 10 12 , „ 29 , 

Spitzberg 77o-80^ 20-15 aprii. „ 25-31 a». 

Terra Fr. Gius. 800-82- 15-10 „ „ 1-5 Sflt. 

Punto Cagni 860 33' 1 „ ^ 15 „ 

Polo Nord 900 21 IDsr. « 23 

•Queste date possono anticipare ritardare 
di un giorno per la variazione annua delle 
declinazioni del Sole e per efletto della rifra- 
zione della luce. L'altezza massima del Sole 
di mezzanotte per ciascuna località, al 21-22 
giugno, si ottiene sottraendo 60' 33' dalle ri- 
spettive latitudini suesposte. 



— 12 - 
LB ECLISSI DEI/ 1904 



Due soltanto saranno le eclissi del 190i, 
enti-ambe di Sole ed entrambe invisibili in 
Europa. Eccone gli elementi in tempo medio 
dell'Europa centrale. 

h - Anulare di Sole - 17 marzo. 

Sarà visibile nell'Africa orientale, Oceano 
Indiano, Asia meridionale ed orientale, Arci- 
pelaghi della Sonda e Pacitìco occidentale. 

Il primo contatto del disco lunare con 
quello solare sarà visibile presso l'estrema 
punta boreale dell'isola di Madagascar alle 
ore 3,36, e l'ultimo contatto, o fine dell'eclisse 
generale, potrà osservarsi presso l'arcipelago 
delle Marianue Ladroni alle ore 9.45, quindi 
la durata complessiva del fenomeno sarà 
di 6".9n>. 

Per essere In quel giorno la Luna presso 
una delle sue massime distanze dalla Terra, 
e precisamente a tre soli giorni dall'apogeo 
(14 marzo ore 7), il diametro apparente del 
disco lunare (29 '.39") sarà alquanto minore 
del solare (32'.8"), e quindi l'eclisse non potrà 
essere totale, ma solo anulare lungo la zona 




segnata nell'unita figura, mentre fuori di 
quella zona e fino ai limiti segnati con curve 
tratteggiate l'eclisse sarà semplicemente par- 
ziale e tanto minore quanto più la località 
considerata sarà lontana dalla linea centrale. 

Per esempio, nell'Eritrea e nel Benadir 
11 Sole si leverà il 17 marzo già eclissato per 
circa una terza parte; nel Transvaal, Orango 
e Colonia del Capo il Sole si leverà quando 
l'eclisse sta per finire. La regione più favo- 
revole per l'osservazione di questa eclisse 
sarà l'isola di Sumatra, la penisola di Ma- 
lacca, il Siam, l'Aunam e l'isola di Luzon 
(Filippine). 

La massima durata della fase anulare sarà 
di 8 minuti all'estrema punta boreale di Su- 
matra, e discende a 5 '/z verso gli estremi 
della linea centrale. 

Il» • To'.ale di Sole - 9 .settembre. 

Sarà una eclisse interamente.,., oceanica, 
•he la sua liaea centrale (che è quasi una 



continuazione di quella dell'eclisse prece- 
dente) attraverserà l'immenso Oceano Paci- 
fico dall'arcipelago delle Caroline al Chili. 

Una eclisse solare totale è molto più inte- 
ressante, anche scientificamente, di una anu- 
lare, per le ricerche fotografiche e spettrosco- 
piche che si compiono, nel breve intervallo 
della totalità, specialmente sulla corona solare 
e sul leggendario pianeta intramercuriale. 

Il principio dell'eclisse generale, o primo 
contatto dei due d'sfhi. s-irà visibile presso 




le isole Radak alle ore 19,8, e la fine, od ul- 
timo contatto, presso le isole San Felice e 
Sant'Ambrogio alle ore 0.21 del 10 settembre; 
durata complessiva del fenomeno S-MS"», du- 
rata massima della fase totale 6™.24» nel cen- 
tro del Pacifico, presso le isole Marchesi. 

La totalità di questa eclisso è dovuta a 
circostanze perfettamente opposte a quelle 
del 17 marzo, vale a dire che qui abbiamo 
la Luna alla minima distanza (perigea il 9 ad 
ore 20) e quindi col massimo diametro appa- 
rente (33'.28") mentre quello del Sole misu- 
i-erà solamente 31 '.46", il che spiega anche la 
lunga durata nnassima della fase totale, che 
da 3 minuti egli estremi della linea centrale, 
sale ad oltre 6 verso il mezzo della medesima. 

Per la regione occidentale dell'America 
meridionale (v. la fig.) il Sole tramonterà eclis- 
sato, e sarà molto interessante l'assistere ad 
un tramonto oscuro, senza crepuscolo, almeno 
immediato. Ma quel che più importa di osser- 
vare ò sempre la totalità dove ha nniggior 
durata ed è quindi in qualche isolotto della 
Polinesia che gli astronomi cercheranno le 
loro stazioni. 

il Saros caldaico. 

Le eclissi hanno un ciclo di 18 anni, 11 
giorni e 7 od 8 ore (223 lunazioni), che i Cal- 
dei chiamavano Saros, doi)o il quale ripren- 
dono presso a poco il medesimo ordine. — Per 
esempio, l'eclisse del 17 marzo di quest'anno 
si ripeterà nel pomeriggio del 28 marzo 1922 
e sarà ancora visibile come parziale nell'Eri- 
trea, e quella del 9 .settembre si ripeterà il 
21 settembre 1922 sull'Oceano Indiano e sul- 
l'Australia. 



EFFEMERIDE PER L'ERITREA 



A complemento del Calemlufio etiopico 
(pag. 9) abbiamo creduto opportuno di cal- 
colare una breve effemeride riferita all' oriz- 
zonte di Massaua, e precisamente all'ango- 
lo S. E. del Palazzo del Comando, la cui 
posizione geografica è la seguente: 

Latitudine 15o 36' 41" Nord 
Longitudine 39» 28' 9" Est Greenwich. 

I dati che offriamo sono espressi in tempo 
medio locale di Massaua, 11 quale anticipa l'"38"> 
su quello dell'Europa Centrale usato in Italia. 

Riguardo al corso del Sole la nostra tavo- 
letta dà la durata dei crepuscoli, il crescere 
e ealare dei giorni, la levata ed 11 tramonto 
al 1°, 11 e 21 d'ogni mese. La lunghezza dei 
giorni varia da 11 a 13 ore, ed il Sole passa 
allo zenit (cioè verticalmente sopra Massaua) 
il 3 maggio e 7 agosto. 



Quanto alla Luna, l' ora del suo passaggio 
al meridiano di Massaua si otterrà (in t. ra. 
Massaua) sottraendo 14 minuti dall'ora da 
noi calcolata per Roma (tavole mensili), men- 
tre per la levata ed il tramonto occorrerà ap- 
plicare alle ore date per Roma le correzioni 
indicate nella seguente tavoletta di fronte al 
numero delle ore che la Luna, nei giorni vo- 
luti, sta sopra l' orizzonte di Roma, ossia alla 
ditferenza tra le ore della levata e del tra- 
monto indicate nelle nostre tavole mensili. 

Delle due eclissi solari del 1904, entrambe 
Invisibili in Europa, soltanto la prima sarà 
parzialmente visibile nell'Eritrea, dove al 
mattino del 17 marzo (8 Magavlt 1896, data 
etiopica) il Sole si leverà eclissato per un 
quarto, raggiungendo poscia la fase massima 
di circa un terzo del diametro tre quarti d'ora 
dopo la levata. 



TAVOLA SOLARE PER MASSAUA 



Mesi 



Gennaio. . 
Febbraio . 
Marzo . . . 
Aprile. . . 
Maggio . . 
Giugno . . 
Luglio. . . 
Agosto . . 
Settembre 
Ottobre. . 
Novembre 
Dicembre. 



Crepusc. Giorno 
civ. »8lr. cala ere. 



h m 
1.1.^ 
1.16 
1.13 
1.14 
1.17 
1.21 
1.22 
1.19 
1.15 
1.13 
1.14 
1.17 



1 I 11 I 2i 

leva tram, leva tram, leva tram. 



hm 

6.28 
6.32 
6.21 
5.59 
5.38 
5.29 
5.33 
5.44 
5.48 
5.50 
5.58 
6.11 



h mj hm 
17.39 1 6.31 
17.57 6.29 



18. 5 
18.11 
18.17 
18.27 
18.34 
18.28 
18.12 
17.50 
17.29 
17.26 



6.14 
5.51 
5.34 
5.29 
5.36 
5.45 
5.49 
5.50 
6. 1 
6.18 



hm 
17.44 
18. 1 
18. 8 
18.13 
18.19 
18.30 
18.33 
18.24 
18. 4 
17.43 
17.26 
17.28 



hm 
6.32 
6.24 
6. 7 
5.44 
5.31 
5.30 
5.40 
5.47 
5.49 
5.52 
6. 6 
6.23 



h m 
17.51 
18. 4 
18. 9 
18.14 
18.22 
18.33 
18.32 
18.18 
17.57 
17.36 
17.25 
17.32 



LUNA 



Correzione 
levata tram. 



hm 
-1.41 
-1.26 

— 1.10 

— 0.54 
-0.38 
-0.23 
-0. 7 
+ 0. 8 
4-0.23 
-f 0.40 
+ 0.54 
+ 1.10 



hm 
+ 1.13 
+ 0.58 
+ 0.42 
+ 0.26 
+ 0.10 
-0. 5 
-0.21 
-0.36 
-0.51 
- 1. 8 
-1.22 
-1.38 



EFFEMERIDE PER TL, BENADIR 

La regione del Benadir — ossia quella Corso del Sole. — Il crepuscolo civile ha 

parte della Somalia litoranea, già dipendente la durata di 22-24 minuti e 1' astronomico 

dal sultanato di Zanzibar, passata nel 1891 oscilla tra ih IO»" e 1^ 15m. — La lunghezza 

sotto il protettorato italiano ed amministrata del giorni è quasi costante (12'^), poiché il 

da una Società commerciale costituitasi nel Sole si leva sempre verso le 6 e tramonta 

1896 in Milano — comprende circa 200 km verso le 18, con pochi minuti di differenza 

della costa orientale africana, bagnata dal- tra 1 giorni solstiziali estivi ed invernali. — 

r Oceano Indiano, estendendosi in direzione II Sole passa allo zenit nei giorni 24-27 marzo 

da S-O a N-E dal l» al 3° grado di latitudine e 17-20 settembre. 

boreale e da 43 a 47 gradi di longitudine Est Corso della Luna. — Per ottenere i pas- 

Greenwich. saggi della Luna al meridiano medio del Be- 

Su questo litorale si trovano, da Sud a nadir basterà sottrarre 15"» ai passaggi di 

Nord, alcuni centri importanti, come : Brava, Roma. Per ottenere poi le ore del levare e 

Torre, Merca, Mogadiscio, Darsceik, Itala, ec. tramontare della Luna basterà togliere od 

di cui, nei riguardi dell'effemeride, possiamo aggiungere 6 ore a quella ottenuta per il pas- 

assumere la posizione media: saggio. 

Latitudine 2" Nord P/Wf. - Si procede come per la lama, 

Longitudine 33» Est Roma sottraendo pero, ai ptissaggi soltanto lOm 

idim 45V2EstGreen. , ^^'Z.-^s.. - Anche al Benadir, come nell'Eri- 

"■ trea, sarà visibile 1 eclisse solare del 17 mar- 

e riferire ad essa le correzioni da applicarsi zo. Il Sole si leverà già eclissato per circa 

ai dati qui calcolati per Roma per ottenere un terzo e Ih dopo raggiungerà la fase mas- 

i corrispondenti pel Benadir. sima di quasi due terzi del diametro. 

Differenza oraria. — Ji tempo locale del Calendario. — Nel Benadir (come ci scri- 

Benadir anticipa di 2-*^ 2»» sul tempo dell'Eu- veva 11 compianto cap. A. Cecchi, da Pesaro, 

ropa Centrale, di 2^ 12» su quello di Roma il 3 gennaio 1896) gli europei usano il calen- 

e soltanto di 24 minuti su quello della Co- darlo gregoriano, gl'indigeni il musulmano 

Ionia Eritrea (Massaua). o maomettano (ved. pag. 9). 



— 14 — 
SISTEMAZIONE ORARIA MONDIALE 



Che cosa s'intenda persistjmazione 
oraria, per fusi orari e per ora univer- 
sale fu già da altri spiegato in questo 
Stesso Almanacco (anni 1896, 1897, 1898) 
e noi qui aggiungeremo solo di avere 
scoperto (v. il n. 11 deìl' Astrofilo) che 
Il concetto dei fusi orari risale per lo 
meno al 1732, trovandosi già applicato 
nel primo Almanack di Beniamino 
Franklin: Poor Bichard, 1733. 

Le annotazioni seguenti illustrano 
a sufficienza l' unito prospetto orario. 

(1) Meridiano normale del I fuso ora- 
rio, regolatore del tempo AeW l'-uropn Ocd- 
U^titale (E. Occ). — (2) L'ora di Parigi 
rìtarifntii di 5 minuti (per comodo dei viafi- 
piatori ritardatari, i quali, sapendo la co«a, 
perdono egual monte le corse) è piada molto 
tempo adottata dalle Ferrovie francesi. Ne 
risulta che il tempo ffrrovù'rin fran<-ese ri- 
tarda di quasi 56 minuti (oòrnSf») su quello 
dell'Europa Centrale, ma negli orari uf- 
ficiali la cifra è arrot ndata in 55". — 
(3) Meridiano normale del II fuso, o del- 
l'Kuropa Centrale (E. C). — (4) In Germa- 
nia la riforma oraria venne prima intro- 
dotta nel servizio ferroviario intorno (I. VI. 
1891 al Nord e 1. X. 1891 al ?>ud) e poi nel 
servizio pubblico (I. VI. 18 2 al .Sud e 
1. IV. 18P3 al Nord) sostituendo il tempo 
dell'Europa Centrale a quelli di Franco- 
fone sul Meno, Berlino e Dresda al Nord, 
di Strasbur:ro, Carlsrube, Stutt-rard e Mo- 
naco di Baviera al Sud. — (5) In Italia, 
dopo i tempi lo^-ali, si ebbero, dal li>39 
al 18(36, parecchi tenipi ferroviari regolati 
sui meridiani di Napoli, Milano, Torino, 
"N'erona, Firenze, Roma, Napoli e Palermo, 
ma dal 12 dicembre 1866 tutto il servizio 
ferrov ario della Penisola venne regolato 
sul tempo di Roma ; in Sardegna il tempo 
della capitale venne introdotto nel 1872 e 
la Sicilia si tenne sempre quello di Pa- 
lermo fino all'adozione del tempo dell'E. C. 
in tutto il Regno, il l» novembre 1893. — 
(6) Meridiano normale del III fuso, o del- 
l'Europa orientale (E. Or.). — {',) L'Africa 
meridionale, 1 Australia nieiidiunale e la 
Nuova Zelanda offrono tre notevoli ecce- 
tioni al sistema fusolare ventiquattrora- 
rio, elle i tempi colà adottati suppongono 
la Terra divisa non in 24 ma in 48 fusi, 
cioè in fusi di mezz'ora (7° 30') anziché di 
un'ora (l."'"). — (8) .Mentre altii vantano il 
trionfo del sistema fusolare noi osserviamo 
che non solianto e«so non è ancora riuscito 
ad estendersi comple'amente neppure /tu di 
UH snlii fuKo, ncin soltanto e compromesso 
dalla quarantotiiflcazione oraria accen- 
nala nella nota precedente, ma è anche e 
di molto, contrastato dall'immensa csten- 
Bione dell'ora di Pietroburgo su ben otto 
ff»', da Ale^androvo (Polonia) a Vladivo- 
stok ( Mancinria). vale a diro sopra un'estesa 
di ll3o di longitudine, pari a 71i32>". E 
questa grande diffu-^ione di un-i m>-dri>iinn 
oro, eie impera su mo'za Europa o su 
metà dell Asia, che regola il tempo sulla 
più prandi ferrovia del mondo, costituisce 
un trionfo del concetto dell •'<« uMp-rsnie 
ben magsiore di quello finora consoruito 
dal sistema fusolare. — (f) L'ora di Ma- 
dras, regola'rico dello fenovio ilcll'lmpero 
Infilano, ritarda di 33 minuti su quella di 
Calcutta ed anti -ipa di :10 minuti su quella 
di Bomlav. — (Hi) Mciidiano normale del 
IX fuso. — (11) Del X fuso. — (I?) Deirxi 
fuso.— (13) Del XVU fuso. — (U) Del XVIII 
fuso. — (15) Del XIX fuso. — (IG) Del XX 
fuso, già usato nell'Almanacco loor Bi- 
churU del 1733. - (17) Uol XXI fuw. 



Stato o regione 



EUROPA 

Portogallo 

Irlanda 

Inghilterra 

Belgio, Olanda. • . 

Spagna 

Francia 

Norvegia 

Svezia 

Danimarca 

Germania (4) . . . . 
Lussemburgo . . . 

Svizzera 

Austria-Ungheria. . 

Italia (5) 

Bosnia, Erzegovina. 

Serbia 

Turchia Oceident. . 
„ Orientale . 

Bulgaria 

Romania 

Grecia 

Finlandia 

Russia 



AFRICA 

Algeria 

Tunisia 

Congo 

Capo di B. Speranza 
Orange ...... 

Transvaal 

Natal 

Egitto 

Eritrea 



ASIA 

Anatolia 

Siberia (8) 

Georgia ...... 

Turkestan 

India inglese. . . , 

Cina 

Giappone 

OCEANIA 

Australia Occidont, 

„ Meridion.|142<> % Est G (7) 

„ Orient.. .'l50<> Est G. (12) 

Tasmania I « 

Nuova Zelanda 



MEKiuiANo I DilIfrPliH 

BEGOLATOnE lljl t.Dl. E.C. 



Lisbona 

Dublino 

Greenwich (1) 



Parigi (2) 
15» Est G. (3) 



30o Est G. (G) 



Atene 
Helsingfors 
Pietroburgo 

Parigi 

15° Est G. (3) 
220 ^.'2 Est G. (7) 



)o Est G. (6) 

ti 
Massaua 



SO" Est G. (6) 

Pietroburgo 

Tiflis 

Askabad 

Madras (9) 

Pechino 

1350 Est G. (11) 

120oEstG. (10) 



1107» ^'o Est G. (7) 



h m 

- 1 37 

- 1 25 
-10 
-10 
-10 
-0 51 



o 

P,c8 



+ 1 
+ 1 
+ 1 

4-0 35 
-f 40 

+ 1 1 

- 51 
-0 51 

+ 30 
+ 30 
+ 30 
+ 1 
+ 1 
+ 1 38 

+ 1 
+ 1 1 

+ 1 59 
+ 2 43 
+ 4 21 
+ 6 46 
+ 80 

+ 70 
+ 8 30 
+ 90 
+ 90 
+ 9 30 



DATA DI 
ADOZIONE 



1. L 1848 

1. V. 1892 
1. I. 1901 
15. IIL 1891 
1. I. 1895 
1. L 1879 
1. VL 1894 
1891-1893 
1. IV e V. 1892 
1. VL 1894 
1. X. 1891 
1. XI. 1893 
1. L1892 
1. V, 1892 

idem 

idem 

idem 
1. X. 1891 



15. IIL 1891 

25. IV. 1891 

1. V. 1897 

1892 



1. IX. 1895 

1. X. 1900 

locale 



1. V. 



locale 
1. L 1888 

1. IL 1895 
1. V. 1899 
1. IL 1895 



AMERICA SETTENTRIONALE (Stati Uniti e Canada). 
120» Ov. G. (13) - 9 L XL 1883 
105» „ (14) — 8 Idem 
90» „ (15) - 7 Idem 
75» , (16) — 6 Idem 

60» „ (17) — 5 idem 

AMERICA MERIDIONALE (Tempi delle capitali). 

locale 



Pacific lime . . . 
Mountain tinie . . 
Central lime . . . 
Eastern tinte . . . 
Intercoloniul lime. 



Equatore 
Perù . . 

I Colombia 

I Cile . . . 

I Bolivia . 

1 Venezuela 
Argentina 
Paraguay 
Uraguay . 
Brasile . 



Qulto 

Lima 

Bogota 

Santiago 

La Paz 

Caracas 

Buenos Aires 

Asuncion 

Montevideo 

Rio Janeiro 



6 15 
-68 
5 57 

- 5 43 

- 5 33 
-6 28 
-4 63 
-4 61 

- 4 45 

- 3 53 



— 15 



V ORA DELL' " AVE MARIA „ 

li'Ace Maria, come preghiera, costituisce 
la Salutazione angelica e risale al VI secolo. 

Quanto all'uso mattutino e vespertino delle 
campane gli storici della Chiesa non sono 
d'accordo, ma, dal riassunto critico della que- 
stione, da noi fatto neirAlmanacco del 1903 
pag. 19, appare assai probabile che il suono 
delle campane respere et mane risalga almeno 
all'undecimo secolo. 

Riguardo all'epitaffio che leggevasi sul se- 
polcro di fra Bonvicino da Ripa (o Bonvesin 
de la Riva), milanese, morto nel 1313 — Qui 
primo fecit pulsare campanas ad Ave Maria 
Medioìani et in Comitatu — è dallo storico Giu- 
lini riferito sotto l'anno 1291, ed il prof. Gen- 
tile Pagani c'informa che il detto sepolcro 
trovavasi nell'antica chiesa di San Francesco 
Grande, esistente un tempo presso Sant'Am- 
brogio, in Milano, 

In alcuni luoghi vigeva anche l'uso del- 
l' vi ve Maria dei morti ad un'ora di notte. 

La seguente tabella indica, per cinque 
diocesi italiane, le ore e quarti àéìVAve Maria 
colle date in cui si cambia l'orario. 

Devesi però avvertire che questi orari del- 
YAve Maria, come quelli delle ore canoniche 
datano da tempo.... immemorabile e sono an- 
cora basati sui rispettivi tempi locali, noncu- 
rando le avvenute riforme orarie. 



~zz — 














s 


MILANO 


FIRENZE 


ROMA 


NAPOLI 


CATANIA 


^ 


1 


17.1 


1 


17.0 




17.1 


1 17.1 


1 


17.1 




13 


17.2 


20 


17.1 


14 


17.2 




15 


17.2 


S 


25 


17.3 






27 


17.3 








5 


6 


18.0 


2 


17.2 


9 


18.0 


6 17.3 


1 


17.3 


-S 


18 


18.1 


13 


17.3 


22 


18.1 


17 18.0 


15 


18.0 








23 


18.0 














^ 


1 


18.2 


5 


18.1 


7 


18.2 






1 


18.1 


« 


11 


18.3 


15 


18.2 


20 


18.3 


21 


18.1 


13 


18.2 




21 


19.0 


25 


18.3 










25 


18.3 




1 


19.1 


4 


19.0 


2 


19.0 






7 


19.0 


s 


11 


19.2 


14 


19.1 


15 


19,1 


20 


19.0 


19 


19.1 




21 


19.3 


25 


19.2 


28 


19.2 










^ 


1 


20.0 


6 


19.3 


11 


19.3 






1 


19.2 


^ 


13 


20.1 


21 


20.0 


24 


20.0 


19 


20.0 


19 


19.3 


s 


25 


20.2 


















• 






















S 


6 


20.3 






11 


20.1 


18 


20.2 



































li 


20.2 


22 


19.3 


15 


20.0 


11 


20.0 


24 


19.2 




23 


20.1 




















4 


20.0 


5 


19.2 


1 


19.3 










■^ 


14 


19.3 


18 


19.1 


11 


19.2 






10 


19.1 


-= 


25 


19.2 


28 


19.0 


21 
31 


19.1 
19.0 


21 


19.3 


25 


19.0 
























•- 


1 


19.1 


7 


18.3 


8 


18.3 






7 


18.3 


f 


9 


19.0 


18 


18.2 


16 


18.2 






20 


18.2 


TS 


17 


18.3 


28 


18.1 


24 


18.1 


94 


19,0 








25 


18.2 








































? 


3 


18.1 


8 


18.0 


4 


18.0 






2 


18.1 


S 


13 


18.0 


18 


17.3 


13 17.3 






15 


18.0 




23 


17.3 


28 


17.2 


22 17.2 


25 18.1 


28 


17.3 




















a 


1 


17.2 


8 


17.1 


4 17.1 








S 


13 


17.1 


22 


17.0 


20 17.0 


21 


17.3 


12 


17.2 




25 


17.0 






i 






1 




















a ' 1 





28 17.1 


23 


17.1 


1 17.1 



LE "ORE ITALIANE 



Nel corso dei secoli e negli usi dei popoli 
l'origine del giorno e delle ore offre tutte'e 
quattro le possibili varietà. 

Le 24 ore babiloniche si contavano dal sor- 
gere del Sole; le arabiche dal mezzodì; le 
giudaiche dal tramonto e le e./iziane dalla mez- 
zanotte. L'uso babilonese vigeva ancora a 
Norimberga nel XVHI secolo, e tuttodì alle 
Baleari e presso alcuni Greci; l'arabico, se- 
guito anche dagli Umbri, venne adottato da- 
gli astronomi, primi fra 1 quali Tolomeo e 
Copernico; il giudaico era pur seguito dai 
Galli, dagli Ateniesi antichi e dai Germani, 
ma dove si mantenne più lungamente fu in 
Italia, onde si disse anche italiano, ed altresì 
canonico perchè adottato dalla Chiesa; l'uso 
egiziano, pur seguito da Ipparco e dai Ro- 
mani, divenne, e quindi anche si chiamò, euro- 
peo o civile. 

La tavoletta segtiente dà il tempo locale 
all'italiana (in ore e quarti) del mezzodì (md) 
e della mezzanotte (mn) secondo l'uso cano- 
nico e colle date dei salti d'un quarto d'ora, 
mentre per l'uso civile (ancora seguito nelle 
Provincie meridionali e Sicilia) diamo, pel 1» 
e IC d'ogni mese, il principio del giorno ita- 
liano (pr) in t.m. E. C. per mezz'ora dopo il 
tramonto del Sole (presso a poco l'ora del- 
l'are Maria) in una latitudine intermedia tra 
Roma e Palermo, facendolo seguire dall'ora 
italiana corrispondente alla mezzanotte (mn), 
cui aggiungendo 12^ si ottiene l' ora italiana 
del mezzodì successivo. 

A proposito delle " ore italiane „ vogliamo 
notare che come si è passati da un sistema 
così diverso dall' attuale.... all' attuale, era ed 
è assolutamente puerile l'opporre una con- 
simile difficoltà all'adozione di un'ora uni- 
versale, di cui sempre più si sente il bi- 
sogno. 



USO 


CANONICO 


USO CIVILE 


DATA 


md 


mu 
7.0 


DATA 


pr 


mn 


Genn. 


1 


19.0 


Genn. 1 


17.22 


6.38 




13 


18.3 


6.3 


16 


17.37 


6.23 


Febbr. 


1 


18.2 


6.2 


Febbr. 1 


17.56 


6. 4 




16 


18.1 


6.1 


16 


18.14 


5.46 




25 


18.0 


6.0 


Marzo 1 


18.29 


5.31 


Marzo 


6 


17.3 


5.3 


16 


18.44 


5,16 




16 


17.2 


5.2 


Aprile 1 


19. 1 


4.59 




27 


17.1 


5.1 


16 


19.15 


4.45 


Aprile 


11 


17.0 


5.0 


Maggio 1 


19.31 


4.29 




21 


16.3 


4.3 


16 


19.46 


4.14 


Maggio 


1 


16.2 


4.2 


Giugno 1 


19.59 


4. 1 




16 


16.1 


4.1 


16 


20. 8 


3.52 


Giugno 


1 


16.0 


4.0 


Luglio 1 


20.10 


3.50 


Luglio 


13 


16.1 


4.1 


16 


20. 5 


3.55 


Agosto 


1 


16.2 


4.2 


Agosto 1 


19.52 


4. 8 




16 


16.3 


4.3 


16 


19.34 


4.26 




26 


17.0 


5.0 


Settem. 1 


19.11 


4.49 


Settem. 


6 


17.1 


5.1 


16 


18.46 


5.14 




17 


17.2 


5.2 


Ottob. 1 


18.21 


5.39 




28 


17.3 


5.3 


IC 


17.58 


6. 2 


Ottobr. 


11 


18.0 


6.0 


Novem. 1 


17.36 


6.24 




21 


18.1 


6.1 


16 


17.21 


6.39 


Novem. 


1 


18.1 


6.2 


Dicem. 1 


17.13 


6.47 




16 


18.3 


6.3 


IG 


17.13 


6.47 


Diccm. 


1 


19.0 


7.0 


31 


17.21 


6.39 



IG 



ILLUMINAZIONE SOLARE 



Il fascio di raggi solari che investe il no- 
stro pianeta, divide la superticie di questo in 
due emisferi: l'anteriore illuminato ed il po- 
steriore oscuro; il circolo massimo che li se- 
para, ossia il confine tra la luce e le tenebre, 
si chiama circolo d' illuminazione, e si sposta 
continuamente sia in conseguenza della ro- 
tazione che della rivoluzione e del pai-alleli- 
smo dell'asse terrestre. 

Il Sole sorge o tramonta per un dato paese 
quando questo entra od esce dall'emisfero 
illuminato, e siccome il centro di questo si 
muove perpetuamente da Nord a Sud, e vi- 
ceversa, tra i due tropici, ne viene che uno 
stesso paese descrive sul circolo d'illumina- 



dezza, che comincia o finisce quando il Sole 
raggiunge i iì" sotto l'orizzonte. Per la du- 
rata del crepuscolo astronomico, che comincia 
o finisce colla prima od ultima percezione lu- 
minosa, con cielo limpido e col Sole a 18" sotto 
l'orizzonte, vedansi le tavole mensili, in te- 
sta, per Milano, Eoma e Palermo e per la 
metà d'ogni mese. 

Sommando le durate dell'illuminazione 
solare di tutti i 365 giorni dell'anno, si ottiene 
l'insolazione annua, che risulta, per le nostre 
regioni, di circa 4400 ore (sulle 8760 dell'anno 
comune), ma queste sono ore teoriche; l'inso- 
lazione effettiva, cioè la presenza reale del 
Sole si riduce ad Vg od % della teorica, es- 



- . 9i O 1 2 3 il 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 1 9 20 21 2225 24. 
Gennaio J^ 




Settembre 



Ottobre 

Novembre' 

Dlce/nbre 



zione delle corde (per modo di dire, poiché 
trattasi, in realtà, di archi circolari), sempre 
variabili, dalla cui ampiezza dipende la du- 
rata del giorno e della notte. 

Tutti i luoghi situati ad una stessa latitu- 
dine N. o 8. descrivono, alle medesime date, 
delle cordo sensibilmente eguali; la riunione 
delle quali, tracciate per i 3C.5 giorni dell'anno, 
dà origine ai diagrammi dell'illuminazione 
solare, com'è il qui unito, descritto .per la 
latitudine di Roma (41° 54 ). 

È superfluo avvertire che le curve interne 
congiungono le ore della levata (sinistrai e 
del tramonto (destra) del Sole, che i quadra- 
tini bianchi designano le ore di giorno e quelli 
fittamente tratteggiati le ore di notte. La ri- 
stretta zona a tratti orizzontali rappresenta 
la durata dei crepuscoli ciriti, cioè della chiara 
Visibilità degli oggetti e degli astri di 1« grau- 



sendo il nostro maggior luminare, nel rim.i- 
nente del suo percorso diurno, coperto dallo 
nubi. La durata dell'insolazione affettiva si 
ottiene automaticamente con uno strumento 
a registrazione fotografica detto eliofatiografo, 
od eliofutometro. 

Considerando, infine, che la Terra, vista 
dal centro del Sole, presenterebbe un super- 
ficie di COOOOIO, e che una sfera ha la super- 
ficie di 41253», ne deriva che il nostro pianeta 
non intercetta che la 2200 milionesima parto 
dell'energia solare (luce e calore) disseminata 
in tutti i sensi ad eguale distanza. 

La luce del Sole è, secondo il Bond, 
470000 volte più intensa di quella della Luna 
piena, ma queste luci, per effetto dell'assor- 
bimento atmosferico (28 centesimi), variano 
talmente, che quando l'astro è allo zenit, spleu* 
de 1360 volte più che all'orizzonte. 



— 17 — 
ILLUMINAZIONE LUNARE 



n conoscere in quali notti e per quanto 
tempo risplenda la Luna è spesso utilissima 
cosa, e sempre una delle principali indica- 
zioni che l'Almanacco deve fornire. Ma, men- 
tre per un verso occorrono indicazioni orarie 
precise, come, per Roma, sono date nelle 
nostre tavole mensili, dall'altro si desiderano 
indicazioni più spiccie, più generali e più mne- 
moniche. Ed a tale scopo serve ottimamente 
l'unito diagramma, dal quale si rileva e si 
abbraccia Immediatamente l'andamento delle 
fasi lunari e della illuminazione per tutto 
l' anno. 

Infatti, chiunque, a colpo d'occhio, scorge, 
e facilmente potrà ricordare, che nel 1904 i 



ore, si farà in parti della notte. Per esempio, 
al 10 gennaio sarà oscura la prima metà della 
notte e rischiarata la seconda; al 23 giugno la 
notte sarà rischiarata nei primi 'Z,, ec, indi- 
cazione che il più delle volte basta, che vo- 
lendone di più precise si ricorre alle tavole 
mensili, senza bisogno di complicare e mol- 
tiplicare i diagrammi. 

Aggiungiamo questa regola mnemonica di 
Antonio Cagnoli: Nel primo quarto la Luna 
rischiara la prima metà della notte, quand' è 
tutta pieiìa. tutta Idi notte e nell'ultimo quarto 
l'ultima parte o seconda metà della notte. 

Ricordando, infine, che la Luna ritarda 
giornalmente la sua levata, il suo passaggio 




pleniluni, e quindi le notti più rischiarate, 
cadono, nel primo semestre, in principio ed 
in fine di ciascun mese, e nel secondo seme- 
stre nella seconda metà dei mesi, mentre 1 
noviluni, e quindi le notti oscure v^nno re- 
trogradando dalla metà al principio dei suc- 
cessivi mesi. Chi faccia consimili osservazioni 
anche per le altre fasi potrà ritenere a me- 
moria il corso della Luna per tutto l'anno. 
La larghezza di ciascuna finca mensile del 
diagramma rappresenta la durata della notte, 
cioè l'intervallo variabile fra il tramonto e 
la levata del sole (9 a 13 ore), e quindi la 
stima visuale dell'illuminazione, anziché ad 



^==\ 131 



al meridiano ed il suo tramonto di circa 
50 minuti e che nel giorno del novilunio il 
suo corso si confonde con quello del Sole, 
sarà facile rilevare che, il giorno dopo, la Luna 
sarà in ritardo rispetto al Sole di 1^» meno 10™; 
2 giorni dopo di 2^ meno 20™: 3 giorni dopo 
di 3'' meno 30", ecc., e che, quindi, in gene- 
rale, essendo nota l'età della Luna, il suo 
corso rispetto al Sole sarà ritardato di tante 
ore quanti sono i giorni dell'età stessa, meno 
altrettante volte 10 minuti, regola anch'essa 
abbastanza mnemonica e più approssimata 
della precedente. Quanto all'eftettiva quan- 
tità di luce fornitaci dalla Luna, v. pag. 19. 

2 



— 18 — 
LA NOSTRA STELLA 



Il Sole non è " ministro maggior de la 
natura « — come disse Dante — se non rela- 
tivamente a noi, perchè è la stella più vicina, 
la nostra stella. 

La parallasse solare, od angolo sotto il 
quale dal centro del Sole si vedrebbe il rag- 
gio della Terra, è oggi valutata 8"80, e dal 
valore di essa si passa immediatamente alla 
distanza assoluta del Sole, che è risultata, in 
media, di 149.501.000 km., ma che, stante F ec- 
centricità dell'orbita terrestre (0.01677) può 
variare da 147 (perielio, 3 gennaio) a 152 (afe- 
lio, 5 luglio) milioni di km. 

Il diametro del Sole è di 1.394.260 km. 
(109 volte Vs quello della Terra) e quindi il 
suo volume è 1.310.162 volte maggiore di 
quello del nostro mondo ; tuttavia la sua 
massa, o quantità di materia, non è che 
324.439 volte più grande, stante la sua poca 
densità (un quarto della terrestre, cioè ap- 
pena % più dell'acqua). 

Stante l'inclinazione ed il parallelismo del- 
l' asse terrestre il Sole sembra oscillare in- 
torno all' equatore fino a 23» 27' sopra e sotto 
il piano di quest' ultimo. Il valore di questo 
angolo, che si chiama di declinazione, varia 
più o meno rapidamente ad ogni istante, ed 
è dato nelle nostre tavole mensili per ogni 
mezzodì medio di Eoma (12h IO"" 4«.45 del t. 
m. E. C). Il variare della declinazione solare 
determina le corrispondenti variazioni dei 
giorni, delle stagioni e dell'altezza meridiana 
del Sole (pag. 11), non solo, ma anche la va- 
riazione AeW ampliUidine, cioè della distanza 
angolare dei punti dell'orizzonte in cui quo- 
tidianamente il Sole si leva o tramonta dai 
veri punti di Est ed Ovest. Se gli angoli, an- 
ziché daUa linea Est-Ovest, si contano dalla 
meridiana Nord-Sud, prendono il nome di 
azimut od angoli azimutali, e servono special- 
mente per la rettificazione delle bussole. 



LUOGO 



Pietroburgo 

Berlino 

Londra 

Parigi 

Milano 

Firenze 

Roma 

Napoli , 

Cagliari , 

Palermo 

Cairo , 

Massaua 



latit. 



59o57' 
'52 30 
51 30 
48 50 
45 28 
43 45 
41 54 
40 52 
39 13 
38 7 
30 2 
15 37 



10.0 
8.2 
8.0 
7.6 
7.1 
6.9 
6.7 
6.6 
6.6 
6.4 
5.8 
6.2 



20.3 
16.6 
16.2 
15.3 
14.3 
13.9 
13.5 
13.6 
12.9 
12.8 
11.6 
10.4 



160 20° 23' 



31.2 43.2 
25.2 34.2 
24.6' 33.3 



21.7 
21.0 
20.4 
20.0 
19.6 
19.2 
17.4 
15.6 



29.2 
28.3 
27.4 
26.9 
26.1 
25.8 
23.3 
20.8 



52.S 
40.8 
39.8 
37.3 
34.6 
33.5 
32.4 
31.8 
30.9 
30.4 
27.4 
24.4 



Nell'unita tabella, da noi compilata sulle 
ostese Tables astronorniques del prof. V. Bagay 
(Parigi, 1829), sono date, per 12 luoghi le am- 
plitudini (in gradi e decimi) corrispondenti 
alle declinazioni di 6, 10, 15, 20 e 23 '/j gradi. 
Per località di diversa latitudine e per decli- 
nazioni diverse si faranno interpolazioni pro- 
porzionali. Avvertasi ohe alla declinazione 0«> 
(omessa) corrispondono gli equinozi, nei quali 
non v'ha amplitudine perchè quando il Sole 
e all'equatore nasce e tramonta dovunque 



precisamente ad Est ed Ovest; se le declina- 
zioni sono australi (S) l'amplitudine è pure 
australe (cioè da Est od Ovest verso il Sud), 
se boreali (N) il Sole nasce e tramonta a nord 
dei punti veri di Est ed Ovest; le massime 
amplitudini corrispondono alle massime de- 
clinazioni (23° 27') e quindi ai giorni solstiziali. 
In conseguenza dell'eccentricità dell'eclit- 
tica, il nostro pianeta percorre la sua orbita 
con velocità diverse rendendo irregolare an- 
che il moto diurno apparente del Sole. Quindi, 
tra il tempo medio, regolato da un Sole fittizio 
— — — ..di moto unifor- 
me, ed il tempo 

i 



ilj 



d _ Ji'j'lii'i'j 

200.0<JO KM. 



'C- é 






'.-^ 



icisa 




rerosegnato dal- 
le meridiane, vi 
hanno delle dif- 
ferenze, dette 
equazioni del 
tempo, che oscil- 
lano tra -f- 14"> 
25« (12 febbraio) 
e — I6'n21' (3 no- 
vembre) e che 
si riducono a 
zero quattro 
volte all'anno 
(16 aprile, 15 
giugno, 1» set- 
tembre e S5 di- 
cembre). 

Nelle nostre 
tavole mensili 
l'equazione è + 
o — secondochè 
il mezzodì me- 
dio di Roma 
(Collegio Roma- 
iio| precede o se- 
gue il mezzodì 
vero, e stante le 
piccole varia- 
zioni diurne 
quelle cifre pos- 
sono servire al 
ragguaglio dei 
duf tempi ed al 
calcolo del jias- 
saggio del Sole 
Idgni altro luogo d'Italia, 
mostra, inferiormente, le 



al nuTi(i 

L'unita tigli 
zone di frequenza e la direzione del moto 
delle macchie solari (ora in aumento), e su- 
periormente una sezione del globo solare e 
della sua atmosfera, coi relativi nomi. 

L'opinione oggi più accreditata circa la 
natura del Sole, e quella di una massa incan- 
descente, liquida o gazosa, alla temperatura 
di circa 6600 gradi, secondo le ultime e quasi 
concordi conclusioni di 0. E. Guillaume, di 
W. E. Wilson e del di Ini collaboratore Gray. 
La superficie solare che noi osserviamo si 
chiama fotosfera, granulata e talvolta cospar- 
sa di macchie nere e di facole lucidissime ; la 
fotosfera è avviluppata In una cromosfera pur- 
purea, di non oltre 10,0(K) km d'altezza, che 
proietta talvolta, delle fiamme o protuberanze 
ad enormi distanze; viene, infine, l'argentea 
corona, col relativi pennacchi che si rende 
solo visibile nelle eclissi totali. 



— 10 — 



IL NOSTRO SATELLITE 



La Luna è il corpo celeste a noi più vicino, 
potendo giungere tino alla distanza minima 
di 360,000 km. Essa è 49 volte più piccola della 
Terra, e siccome questa è 1,310,162 volte più 
piccola del Sole, questo risulta oltre 64 milioni 
(li Volte maggiore del nostro satellite. Pure 
i due dischi ci appaiono quasi eguali perchè 
la Luna ha bensì un diametro 400 volte mi- 
nore di quello del Sole, ma è anche 389 volte 
più vicina, 

La durata media di una lunazione, ossia 
rivoluzione lunare sinodica (intervallo fra due 
consecutivi noviluni) è di 29 gior. 12'' 44ra2-',9, 
e quindi ciascuna fase risulta, sempre in me- 
dia, di 7 giorni 9*i 11">; in realtà, però, queste 
durate variano molto sensibilmente. Nel 1904, 
per esempio, la prima lunazione (cominciata 
alle 16.47 del 17 gennaio) conta 29 giorni 
lOtuiSm, le successive scemano gradatamente 
lino in agosto (29 giorni 7'' Si™) e poi ri- 
salgono, coU'ultinia, a 29 giorni 14^. Dopo 
19 anni (235 lunazioni complete) le fasi lunari 
ritornano presso a poco alle medesime date, 
posticipando, in media, di circa 2 ore. 

Si chiama età della Luna il numero dei 
LTiorni trascorsi dall'ultimo novilunio, con- 
tando 1 il giorno stesso della L. N. se questa, 
come suol dirsi, si è fatta prima di mezzodì, 
se dopo, l'età 1 spetta al giorno successivo, 
ed è per questo che talvolta si giunge al- 
l'età 29 e talvolta a 30, oltre che per la diversa 
durata delle lunazioni vere. 

Volendo l'età della Luna, e quindi la fase 
'Pprossimata, per un dato giorno di un anno 
1 verso dal 1904, basterà prendere in questo 
Almanacco (tavole mensili) qiaella che precede 
o segue tante volte 11 giorni la data pro- 
posta, quanti sono gli anni trascorsi o da 
trascorrere. Per esempio: l'età al 15 mag- 
-•io 1898 si trova, retrocedendo fino al 10 mar- 
zo 1904, che fu 23; l'età al 4 febbraio 1907 
>arà quella dell'S marzo 1904, vale a dire 21. 

Ed ora eccoci alla liquidazione di una 
leggenda. Il Sole, si dice, ci dà il giorno, e 
la Luna ci rischiara le notti; ma la cosa è 
vera soltanto relativamente, anzi, molto rela- 
tivamente. Noi abbiamo voluto sottoporre al 
calcolo qiiesta asserzione e dedurre con qual- 
che precisione il rapporto tra l'illuminazione 
solare e lunare, ed eccone i risultati, otte- 
nuti da una formola, che sarà esposta e di- 
mostrata nel nostro Astrofilo. Tenuto conto 
della porzione successivamente illuminata del 
disco lunare e del tempo in cui la Luna ci 
rischiara in assenza del Sole, ci è risultato 
che l'illuminazione utile, durante un'intera 
lunazione, si riduce a 10 notti plenilunari, 
vale a dire che la Luna compie appena per 
la terza parte il suo preteso ufficio di lumi- 
nare notturno. Ora, siccome l'intensità della 
luce plenilunare è (secondo le ricerche di 
Bond, che diedero un risultato intermedio 
tra quelli di Bouguer, 300,000, di Zòllner 
600,000 e di Wollaston, 801,072) la 470 mille- 
sima parte di quella del Sole, ne viene che 
la Luna, in ogni sua rivoluzione, ci riflette 
tanta luce quanta ce ne dà il Sole in meno 
di un minuto sec.ndo (secondi 0,92), di guisachè 
la funzione fotometrica dei due astri sta, ri- 



spetto alla Terra, nel medio rapporto di 1 a 
470,076. Come vedesi, c'è una grande spro- 
porzione, eppure si vaneggia ancora, da ta- 
luni, sulla preponderanza degl'influssi lunari 
nelle vicende atmosferiche! 

La cartina che qui offriamo è sufficiente 
a far riconoscere le principali particolarità 
topogi-afìche della Luna, per chi la osservi 




con piccoli o mediocri cannocchiali. Il polo 
nord è in alto, il sud in basso, l'est a sini- 
stra, l'ovest a destra. Quanto alla natura della 
superficie lunare diremo solo che è intera- 
mente rocciosa, bucherellata .da innumere- 
voli crateri di vulcani spenti (aspetto essen- 
zialmente plutonico, direbbe Paolo Gorini), 
senza alcuna traccia, almeno apprezzabile, di 
atmosfera e quindi nemmeno di acqua. Date 
le dimensioni della Luna, le sue montagne 
sono altissime, specialmente verso il Polo 
sud (M. Leibnitz, 8230 metri); e i bassipiani 
grigiastri, detti mari, sono probabilmente co- 
stituiti da vasti depositi di lave antiche. 

Nella seguente tavoletta sono indicate le 
date in cui, nel 1904, la Luna passerà l'equa- 
tore celeste o raggiungerà le sue declina- 
zioni massime nord o sud (circa 18° V2) e le 
sue minime (perigee) e massime (apogee) di- 
stanze, varianti da circa 357 a 407 mila km. 



1904 



Gennaio . 
Febbraio . 
Marzo. . . 
Aprile. . . 
Maggio . . 
Giugno . . 
Luglio . . 
Agosto . . 
Settembre 
Ottobre. . 
Novembre 
Dicembre 



.Ysrd 


Eqnatore 


Sad 


Perigeo 


2-29 


8-23 


15 


4 


26 


4-19 


11 


2 


24 


3-17-30 


10 


1-29 


21 


13-27 


6 


26 


18 


11-24 


4-31 


22 


14 


7-20 


27 


17 


12 


5-18 


24 


15 


8 


1-14-28 


21 


12 


4 


10-24 


17 


9 


2-29 


8-22 


14 


8 


25 


4-18 


11 


5 


23 


2-15-29 


8 


3.2, 



19 
16 
14 
10 
8 
5 
3-30 
27 
23 
20 
17 
15 



— SO- 
LA FAMIGLIA DEL SOLE 



È una famiglia molto numerosa e molto 
vasta. Si compone, infatti, secondo gli ultimi.... 
censimenti celesti, di: 

8 pianeti principali; 

600 (circa) pianetini od asteroidi; 

22 satelliti; 

360 (circa) comete periodiche; 

65 (circa) sciami meteorici; 
oltre ai quali corpi molti altri, certamente, 
se ne scopriranno : asteroidi, comete, correnti 
meteoriche, satelliti e fors'anche pianeti prin- 
cipali intramercuriali, cioè tra il Sole e Mercu- 
rio, ed ultranettuniani, cioè al di là di Nettuno. 
L'impero del Sole non si estende, adunque, 
soltanto fino a Nettuno, l'ultimo dei pianeti 
conosciuti, rotante a 4.500 nailioni di km. di 
distanza, ma immensamente più oltre (più di 
mille volte), poiché la cometa II» del 1864, cal- 
colata del periodo di 2.800.000 anni, avrebbe 
il suo "afelio a più che sei milioni di milioni 
di km. dal Sole I Del resto, rigorosamente par- 
lando, la forza d'attrazione di un corpo non 
ha limiti e la sua influenza non può cessare 
se non relativamente, rispetto a corpi remo- 
tissimi costituenti altri centri d' attrazione, o 
da questi dominati. Ora, siccome, per quanto 
finora si sa, il Sole più vicino al nostro (a Cen- 
tauro) è distante é3 trilioni di km. (7 volte 
più che l'afelio della cometa surricordata), 
pure accordando alle due stelle che lo costi- 
tuiscono (a Centauro è stella doppia) una 
massa assai maggiore di quella del nostro 
Sole, la sfera d' attrazione di questo deve 
estendersi, anche da quella parte, molto più 
lungi di quanto abbiamo fin qui accennato. 
Gli elementi generali del sistema solare 
sono raccolti nella tabella qui in calce, che 
richiede qualche schiarimento. 

Anzitutto notiamo che mentre alcuni com- 
prendono tra gli asteroidi l'importante piane- 
tino Eros (scoperto a Berlino il 13 agosto 1898 
dal dilettante sig. G. Witt) noi lo abbiamo elen- 
cato separatamente perchè l'orbita sua, intrec- 
ciata con quella di Marte, si avvicina tanto 
alla Terra (nel punto perielio 22.244.600 km., 
secondo i calcoli del nostro illustre Millose- 
vich) da offrire ottime osservazioni, d'onde 
ricaveransi preziosi risultati, e specialmente 
quello della paralasse solare, per la determina- 
zione precisa delle distanze assolute del Sole. 
Le distanze planetarie (medie) sono espres- 
se (nella tavola) prendendo per unità quella 
media della Terra dal Sole (149.501.000 km.); 
le rivoluzioni siderali sono date in anni giu- 



liani (giorni 365,25) e giorni medii; le rota- 
zioni in ore e minuti di tempo medio ; i dia- 
metri ed i volumi facendo = 1 quelli della 
Terra (diametro medio 12.742 km. — volume 
1.033.260 milioni di km. cubi) e le densità 
rispetto all'acqua. 

La penultima finca contiene le longitu- 
dini eliocentriche (cioè riferite al centro del 
Sole) di ciascun pianeta al mezzodì del 1° gen- 
naio 1904, e r ultima (Arco annuo) indica 
quanti gradi e minuti della propria orbita 
percorre ciascun pianeta in 365 giorni, av- 
vertendo che per Mercurio e Venere devonsi 
aggiungere rispettivamente 4 ed 1 circonfe- 




POSIZIONE DEI PIANETI AL 1» GENNAIO 

e loro spostamento durante V anno. 

renze intere. Con questi dati abbiamo, inoltre, 
descritto la precedente figura, restringendo, 
però, le proporzioni delle distanze. 

Sul contorno della figura la serie dei mesi 
serve ad indicare le successive posizioni della 
Terra sia sulla propria orbita, sia rispetto ai 
segni zodiacali, scritti più esternamente e se- 
guiti dall'enumerazione dei gradi A\. longitu- 
dine eliocentrica. Avvertasi che al segno d'Arie- 
te corrisponde la costellazione dei Pesci, al 
Toro l'Ariete e così via. 

Le abbreviazioni della tavoletta vanno così 
interpretate: m media, picc. piccolo, Pignola 
od incerta. 



Pianeti 



Mercurio 
Venere . 
Terra . . 
■Eros . . . 
Marte . . 
Asteroidi 
Giove , . 
Saturno . 
Urano . . 
Nettuno. 



DUtinzs 



0,39 
0,72 
1,00 
1,46 
1,52 
3 m 
6,20 
9,64 
19,18 
80,06 



Bir«laiitne 


Rotllion'' 


Dianetrt 


88 


? 


0,37 


226 


? 


1,00 


1 - 


23 56 


1,00 


1 278 


? 


picc. 


1 322 


24 87 


0,63 


6 m 


? 


picc. 


11 316 


9 66 


11,06 


29 167 


10 14 


9,30 


84 7 


? 


4,23 


164 280 


? 


3,80 



Tolone 



0,05 

0,98 

1,00 

picc. 

0,16 

picc. 

279, 41 

718,88 

69,24 

54,96 



DfnsJU 


Linf. el. 


6,45 


140 0' 


4,44 


162 20 


5,50 


99 38 


? 


330 


8,91 

? 
1,33 


339 55 


358 22 


0,70 


310 44 


1,07 


265 58 


1,65 


94 34 



Irti iBii» 

(4) 53052' 

(1) 224 17 

359 45 

204 39 

191 16 

30 20 
12 13 
4 17 
2 11 



— 21 — 
IL CORSO DEI PIANETI 



DATE 


SER^ 


NOTTE 


ALBA 


e$t 


JW o»> 


est 


Ji^ 0«, 


cu J«* 0^ 


1 


:P 


'\ 


NO 


V 


tt 


m 


N 


uvC? 


*; 


s 


N 


uv 


1* 

§11 


o" 


GM^ 


On 


vu 

O 


N 


GM 


N 


m 


N 


2) 

Mg 


u 


N 


m 


C5 
N 

ì" 

2] 


O Mg 


u 


O 

N 


O 


Mg 


u 


N 


SV <i u 


N D 
Mg 


U N 


vs U 


2t 


O 


^ M 


o 

u 


vs u ^ 


•^ M 
m 


u 











ì 

§■' 


N 


u^ 


vCi^ «a 


^ M 


-; 


vo'-^^ u 




u 


m 


1 


K 


5 


Ou 


G - U 

Vm O 


u 


N 


S 


u 


(b G S 


u 




N 


S 


u 
o 


G S 

vm u 



DATE 


ÒERA 


NOTTE 


ALBA 


ut Sud Om 


Cit Jtd <7«^ 


est Sua Orti 


21 


u 


S 


G S 


u \l 




G, ^ ^ 

kw 


O 

U V 


O 






■^ 


O s u 

e 


MN G(75 


u -V 


o ^ " 


MN G ^ 


s ^" \ 


^"- 


MN G 


r 


s " ^, 


0° = u 


Og 

MN 


S m 


<= ^u 


M K' O 


? " V 




M^ 

.G 




s u V 


Q ° = 


m G 


s US 




M N 

m C 


^ ' ''v 


G^ 
N S 


l. N 


1" 


G 


rf '= s 


.mOn 




M = 


M N 


0^ 


N^^ 


M N 


i" 


^ ^^^ 


H G 


\ N 


G SV ,, 
mU 


N G 


M ^ 


G SV ,, 


nO g 

M 


M 

N 



Il sistema grafico da noi immaginato per pre l'Ovest a destra e l'Est a sinistra. I pia- 

rappresentare 11 corso dei pianeti, offre a col- neti sono designati con le iniziali dei loro 

pò d'occhio le posizioni ed i raggruppamenti nomi, distinguendo con m Mercurio e con 

loro per tutto l'anno. M Marte. La Luna vi è rappresentata colle 

L uso della Tavola è evidente. Le indica- sue fasi reali, e nelle successive posizioni 

zioni sono date di 10 in 10 giorni e per il rispetto ai pianeti. 

principio, il mezzo e la fine della notte. Ogni Come vedesi, 1 migliori raggruppamenti 
rettangoletto rappresenta la plaga meridio- planetari del 11)04 saranno osservabili nel se- 
naie del Cielo, per cui l'osservatore ha sem- condo semestre. 



— 22 — 
COMETE E STELLE CADENTI 



Su quasi ottocento comete passate in vi- 
sta della nostra Terra e registrate negli an- 
nali dell'Astronomia, solo 360, circa, risulta- 
rono percorrenti orbite ellittiche, e quindi 
con ritorno periodico ; sennonché, sia per la 
lunghezza del periodo, sia per le perturba- 
zioni sofferte, o per l'insufficiente precisione 
di molte osservazioni, soltanto 18 di esse fu- 
lono vedute e rivedute, e sono quelle indi- 
cate nella seguente tabellina, dove il loro 
periodo è espresso in anni e giorni, e le di- 
stanze del peHelio (punto più vicino al Sole) 
e delV afelio (punto più lontano) in unità e 
millesimi della media distanza Terra-Sole, 
base delle grandi dimensioni cosmiche. Nel- 
r ultima colonna indicammo le date dei pros- 
simi probabili ritorni di ciascuna cometa, da 
cui vedesi che dovrebbero ricomparire nel- 
l'ordine seguente: N. 14, 13, 9, 5, 1, 7, 12, 11, ec, 
tutte però piccolissime o telescopiche, non 
essendovi, tra le seguenti, che una sola gran- 
de cometa, quella di Halley, la quale, secondo 
i calcoli di Pontécoulant, dovrebbe ripassare 
al perielio il 16 maggio 1910, a 22^, 48™, t. m. 
civile di Parigi. 



Nome 


rerioilo 


PefiflìO 


Afelio 


Bitorn* 


l.Encke 


3 111 


0.342 


4.095 


die. 1904 


2. Tempel .... 


5 103 


1.389 


4.676 


ott. 1904 


'Ó.Brorsen... 


5 167 


0.588 


5.610 


lugl. 1906 


4. Tempel-S. 


5 200 


1.090 


5.177 


giug. 1902 


5. Winneche 


5 304 


0.924 


5.555 


genn. 1904 


6. De Vico-S. 


6 146 


1.670 


5.225 


lugl. 1907 


7. Tempel..,. 


6 196 


2.091 


4.902 


apr. 1905 


S.Finlaij 


6 203 


0.969 


6.036 


ag. 1906 


d. D'Arresi. 


6 247 


1.321 


5.769 


die. 1903 


IO. Biela 


6 253 


0.879 


6.223 


dispersa 


11. Holmes.... 


6 288 


2.128 


5.102 


genn. 1906 


12. Wolf. 


6 309 


1.603 


5.607 


apr. 1905 


13. Brouks 


7 35 


1.959 


5.427 


die. 1903 


14. i''o»/e 


7 207 


1.738 


5.970 


sett. 1903 


15. Tuìtle 


13 244 


1.019 


10.413 


die. 1912 


16. POMS- /?.... 


71 205 


0.776 


33.698 


ag. 1955 


17. Olhers 


72 237 


1.199 


33.623 magg. 1960 


\S. Halley 


76 29J 0.687 


35.224 magg. 1910 



Ed ecco gli anni in cui vennero scoperte 
e riosscrvate le 18 comete del prospetto: 

N. 1 - 1786, 1795, 1805, 1819 e nelle altre 
25 apparizioni successive sempre accelerando 
il suo eorso, fenomeno che si volle attribuire 
alla resistenza dell'etere cosmico ed alla con- 
seguente restrizione dell'orbita. 

N. 2- 1873, 1878, 1894 e 1899. 

N. 3-1846, 1857, 1868, 1873 e 1879. Il 27 mag- 
gio 1842 passò vicinissima al pianeta Giove. 

N. 4-(Tempel-L. Swift) 1869, 1880 e 1891. 

N. 5-1819, 1858, 1869, 1875, 1886, 1892 e 1898. 

N. 6 -(De Vico-E. Swift) 1678 ad occhio nudo; 
1844 telescopica ma brillante; 1894 debole. 

N. 7-1n;7, 1873 e 1879. 

N. 8-1886 e 1893. 

N. 9-1851, 1857, 1870. 1877. 1890 e 1897. 

N. 10-1772, 1805, 1826, 1832 e 1846 divisa 
in due frammenti, 1852 coi frammenti più di- 
stanziati, poi disciolti nelle grandi piogge me- 
teoriche del 27 novembre 1872 e 1885. 



N. 11-1892 e 1899. 

N. 12-1884, 1891 e 1898. Nel giugno 1875 
passata vicinissima al pianeta Giove. 

N. 13-1889 con 4 frammenti minori, e 1896. 
Il 19 luglio 1886 passò attraverso i satelliti di 
Giove, sfiorando la superficie di questo. 

N. 14-1843, 1851, 1858, 1865, 1873, 80. 88 e 95. 

N. 15-1790, 1858, 1871, 1885 e 1899. 

N. 16-(Pons-Brooks) 1812 e 1883. 

N. 17 - 1815 e 1887. 

N. 18 -È la prima cometa di cui, nel 1682, 
Halley abbia predetto il ritorno. Venne rico- 
nosciuta per la medesima, vista, sempre ad 
occhio nudo, negli anni 12, 66, 141, 218, 295, 
373, 451, 530, 608, 684, 760, 837, 939, 1066, 1145, 
1301, 1378, 1456, 1531, 1607, 1682, 1759 e 1835. 

Tra le altre maggiori apparizioni come- 
tarie, notiamo quelle degli anni 480, 431, 410, 
373, 348, 118, 86 e 44 av. Cristo, e del 69, 400, 
875, 1402, 1472, 1577, 1585, 1618 e 1619 dopo 
Cristo. 

Nel sec. XIX le più famose furono quelle 
del 1807, 1811, 1835, 1843, 1858, 1861, 1862, 
1874, 1880, 1881, 1882 grandissima, e 1887, 
quest'ultima australe, come quella di Hall, 
la prima del XX secolo (aprile-maggio 1901). 

Il lo settembre 1902 venne scoperta da 
Ferrine, all' Osservatorio di Liek (California), 
una cometa nella costellazione di Perseo (tra 
le Plejadi ed Algol, vedi cartina a pag. 23) che 
divenne visibile ad occhio nudo in ottobre, 
raggiungendo la 5» grandezza; passò al pe- 
rielio il 23 novembre. 

Più interessante di questa fu la cometa 
scoperta dal Borrellj', a Marsiglia, il 21 giu- 
gno 1903 nell'Acquario, che divenne presto 
ben visibile ad occhio nudo per tutto il luglio 
(gr.a 3 V? il 17, perigeo) attraverso le costel- 
lazioni circumpolai-i, dal Cigno all' Orsa Mag- 
giore ; nucleo lucente, coda sottile lunghissi- 
ma, perielio il 27 agosto. 

Le eomefe sono tenuissimi corpi, compo- 
sti d'idrogeno, idrocarburi e pulviscolo fer- 
ruginoso, che eolla loro dissoluzione danno 
poi origine alle correnti meteoriche, le quali, 
penetrando nella nostra atmosfera, danno 
luogo, per r aiToventamento dei corpuscoli 
prodotto dall'attrito, alle stelle radenti. 

Il prospettino che segue contiene le date 
di apparizione delle otto principali correnti 
meteoriche, le posizioni (ascensione retta e 
declinazione, in gradi) dei loro radianti o 
punti di apparente emanazione, ed il nomo 
della stella più prossima a ciascuno di ossi. 



CORBENTI 


Data 


AR 


D 


Stella 


l.Quadrantidi... 

2. Lividi 

3 Pesceidi 


2-4 genu. 
19-30 apr. 
25-30 lugl. 

9-14 ag. 
18-22 ott. 
13-15 nov. 
23-28 nov. 

9-12 die. 


232 

271 

342 

44 

90 

149 

25 

107 


+ 49 
-f-33 
-34 
+ 56 
+ 15 
+23 
+ 43 
+ 33 


3 Mite 

104 Erttle 
'i Prsrf i 


4 Perseidi 


T) PfrsM 






i Lriie 


7, Andromedeidi 

8. Geminidi 


V Uiria. 
a Griflli 



I punti P e B della cartina pag. 23 sono 
i radianti delle Perseidi e delle Bielidi od 
Andromedeidi (v. cometa N. 10). 



— 23 — 
STELLE STRAORDINARIE 



Sotto questa unica denominazione di 
straordinarie noi comprendiamo tanto le co- 
sidette stelle nuove o temporarie quanto le 
variabili, poiché e le une e le altre offrono 
realmente qualche cosa di non ordinario. 

Le stelle nuove fin qui osservate ammon- 
tano ad una quarantina, di cui, però, una 
dozzina soltanto di veramente notevoli e tutte 
nei pressi della Via Lattea. La prima nova 
(come si usa dire latinamente) di cui si fa 
menzione, fu quella apparsa nello Scorpione 
nel luglio del 134 av. C. e che suggerì ad Ip- 
l»arco r ottima idea di catalogare le stelle. 
Famosa e splendidissima fu quella comparsa 
111 novembre 1572 in Cassiopea (v. unita fi- 
gura), studiata da Tycho Brahe, detta la Fel- 
lef/rina o la Stella dei Mar/i e durata 17 mesi. 
Dopo questa non si ebbero importanti appa- 
rizioni che nel 1578, 1584, 1604 e 1609. Quella 
apparsa il 12 maggio 1866 nella Corona Bo- 
reale raggiunse solo la 2» grandezza, ma fu 
la prima alla quale si applicarono le indagini 
spettroscopiche. Tra le ultime noteremo la 
Xova Atirigae scoperta il 23 gennaio 1892 di 
3a-4» grandezza (v. figura), e la Nova Fersel, 
scoperta, come la precedente, dal rev. T. D. 
Anderson, astrofilo di Edimburgo, il 22 feb- 
braio 1901, che rifulse splendidissima dal 23 
al 25 e divenne telescopica verso il 7 aprile. 

Quanto alle variabili (circa 750, general- 
mente rossastre), le più famose sono: Mira 
Ceti od omicron Balena, ed Algol o beta Persei, 
entrambe indicate nell'unita figura ed alli- 
neate con Dubhe od alfa Orsa maggiore (Carro). 

La variabilità di Mira Ceti venne scoperta 
da Davide Fabricius di Esens il 13 agosto 1596, 
e ricevette il nome di Mira (ammirabile, me- 
ravigliosa; Ceti è il nome latino della Bale- 
na) da Giovanni Evelio di Danzica, che la os- 
servò dal 1648 al 1662. Essa varia dalla 3» alla 
9» grandezza (precisamente da 3,3 ad 8,8), 
cioè dalla perfetta visibilità allo stato tele- 
scopico, e viceversa, impiegando 112 giorni 
per salire dal minimo al massimo e 219 per 
ritornare al minimo (periodo totale 331 giorni 
8h 4m) e rimanendo visibile ad occhio nudo 
per 6 mesi (3 prima e 3 dopo il massimo) ed 
invisibile per cinque. Nel 1904 Mira Ceti rag- 
giungerà il massimo al 29 marzo ed il minimo 
al 3 novembi-e. Sarà, quindi, visibile ad oc- 
chio nudo dal 29 dicembre 1903 fin verso il 
29 giugno 1904, poi scomparirà per ricom- 
parire vei-so il 7 dicembre. 

Algol è invece, ordinariamente, una stella 
di 2» grandezza, ma, ogni 2 giorni 20*1 48m 549 
discende quasi alla 4» (2,3 a 3,5), in modo che 
la diminuzione ed il successivo aumento di 
luce non divengono sensibili che 2 ore prima 
e dopo del minimo, il quale non dura che 6 
minuti. La variabilità di Algol (nome arabo 
che significa mostro o demonio) venne sco- 
perta dal nostro Montanari, a Bologna, nel 
1669. Gl'istanti dei minimi di Algol osserva- 
bili di sera o di notte sui nostri orizzonti 
nel 1904 noi li abbiamo calcolati (in t. m. E. 
C.) in base alle nuove formole del sig. Gian 
Vincenzo Mora (Ved. Astrofilo, n. 13). I ri- 
sultati ottenuti sono esposti nel Diario del- 
l'osservatore, e qualunque dilettante o cu- 
rioso, che abbia imparato (mediante l'unita 



cartina) a conoscere Algol, può verificarli. E, 
anzi, una osservazione Interessante ed im- 
pressionante che raccomandiamo ai nostri 
lettori, per opportuno riscontro. 





160« 




\ ^e n*^'^""^ 




Y"" ^ <^;.^..r.,.,^r 










e*" .' ■' \ 




^f^*éf .' V 




M*- \ \f;-V pò 




'.'■^ \ ° \ \ 




\ ~^, \ Ì<ii-"I^^ 








\ ^■■. ^ i ?^^ 




i^V'^ 




1 .'' ^^SA-ZùfiJar* 




.' "X t'-E" 




^ '-/'l?:- 




^, ^ .'' >■ 




\ '•< 




y \ ^ ^ 




y ■ ... .-%•"■' 


■é 




1192 , 


; •••' L J.'i-ri^ >!,oFi'- « 


.?„.: ,<:>.?«;;:■- - 


:;f. 


' ..#P^;°>«S, 


N 


-■■J'^/ \ -f 


^ À>;-" '^.'^fs»oi- -^ 


.^r "■-■' 


,■ ""-*, 


^» 


'•''■>, \ 


\ 


■'.X/ "--'!i 


% 


^V •—---. 


^ 


i ~ 




. N--"'.-*' 


^ 


-!'»« 




^. «..,.- ^y » .«resc,.^ 




-~^~^-h-—'- 




^^^ bAfir^ 




<&. 



Quanto alla natura delle stelle straordi- 
narie, le molte ipotesi enunciate stanno a 
provare che, finora, poco sappiamo di sicuro. 
Esclusa l'opinione di Huggins (1866) che le 
stelle nuove siano determinate da grandi com- 
bustioni d'idrogeno in una sola stella, pare 
più probabile che si tratti di due astri (prima 
oscuri o poco luminosi) venuti in grande vi- 
cinanza o addirittura a contatto l'uno del- 
l'altro, determinando immani conflagrazioni. 
Il Seeliger però ritiene che l'uno dei due 
corpi sia una nebulosa; il Moncke opina che 
l'uno sia una nebulosa e l'altro uno sciame 
meteorico, infine il Lockyer sostiene trat- 
tarsi dell'interpenetrazione di due sciami o 
correnti di meteox-e cosmiche. Le variabili 
si spiegano invece o mediante eclissi prodotte 
da invisibili ed oscuri pianeti, o colla perio- 
dica comparsa di macchie, od attribuendo 
diverso splendore alle parti successivamente 
a noi rivolte nelle rotazioni stellari. 



— 24 — 
MAGNETISMO TERRESTRE 



H nostro globo ha due poli magnetici verso 
1 quali si volge l'ago calamitato, ed una linea 
neutra, o zona di minima forza, detta equa- 
tore magnetico, inclinato di circa 14» suH' equa- 
tore geografico. I poli magnetici non coinci- 
dono coi geogi-afici, ed hanno un lento moto 
ancora imprecisato. La posizione del polo ma- 
gnetico boreale venne direttamente rilevata, 
nel giugno 1831, dall'esploratore artico James 
Clark Ross nella penisola Boothia Felix, e quel- 
la dell'australe venne determinata nel 1900 
dalla spedizione inglese di Borchgrevink nella 
Terra Victoria; ecco le loro coordinate: 

P.N. 4- 70» 5' 17" e 96° 46' 45" ovest Greenwich 
P.S. - 730 20' e 1490 est „ 

Per questa, e per altre circostanze, gene* 
rali e locali, l'ago magnetico non si dispone 
che assai raramente, ed in determinati tempi 
nel piano del nneridiano astronomico, cioè 
precisamente nella linea Nord-Sud. L'angolo 
che fa la direzione dell'ago con questa linea, 
o meglio la differenza angolare tra il Koi-(J 
vero ed il Nord magnetico, si chiama declina- 
zione o variazione magnetica o della bussola. 
Essa varia da luogo a luogo e di tempo in 
tempo: nel 1580, a Londra era di 11» 15' est, 
ed a Parigi 16» 31' est; si ridusse a 0» a Lon- 
dra nel 1663, ed a Parigi nel 1666, poi divenne 
occidentale raggiungendo il massimo di 17° 3' 
a Roma nel 1811, di 22» 34' a Parigi nel 1814 
e di 24» 43' a Londra nel 1818; ora le decli- 
nazioni vanno scemando, finche, ridotte nuo- 
vamente a 0», ritorneranno orientali. 

La cognizione delle declinazioni è essen- 
ziale per chi deve usare la bussola in terra 
od in mare, ed è utile anche a chi voglia sem- 
plicemente orientarsi con qualche precisione. 

Abbiamo perciò calcolato, per il 1» gen- 
naio 1904 e per 36 località italiane, i seguenti 
valori angolari, tutti occidentali, avvertendo 
che diminuiscono di 0',5 al mese. 

Maddalena . . 10» 44' 
Messina .... 8 12 

Milano 11 10 

Napoli 8 47 

Novara 11 13 

Oneglia .... 11 21 
Palermo. ... 8 59 

Pisa 10 24 

Potenza .... 8 12 
Reggio Cai. . . 8 12 

Roma 9 35 

Sassari 10 15 

Spezia 10 47 

Taranto .... 7 38 

Torino 11 6 

Udine 9 26 

Venezia .... 9 43 
Verona 10 10 

In base a questi dati, anzi a quelli di 
tutte le 175 stazioni italiane, ed a qualche 
altro ancora, noi tracciammo, tanto per dare 
un'idea delle carte magnetiche, l'unito ab- 
bozzo delle isogoniche italiane, cioè di quelle 
linee che passano per tutti i punti terrestri 
di eguale declinazione. Certamente non ba- 
stano 175 stazioni a fornire una buona carta 



Alessandria. . 


11»14 


Ancona . . . . 


9 3 


Bari 


7 45 


Bergamo . . 


10 55 


Bologna . . . 


10 6 


Brindisi . . . . 


7 25 


Cagliari . . . 


10 39 


Caprera . . . 


10 52 


Catania . . . . 


8 26 


Catanzaro. . 


7 50 


Civitavecchia 


9 49 


Cosenza . . . 


8 2 


Domodossola 


11 32 


Firenze . . . 


10 5 


Foggia. . . . 


8 16 


Genova . . . 


11 54 


Girgenti. . . 


8 52 


Livorno . . . 


10 25 



magnetica per un'estensione come quella del- 
l' Italia (la Francia ne ha 617), ad ogni modo 
le curve qui tracciate di grado in grado po- 
tranno subire altre inflessioni — specialmente 
sul basso Veneto, sulla Valtellina occidentale, 
in Piemonte, Liguria e Sardegna — ma non 
radicalmente mutare di forma e posizione, 
benché il loro valore numerico vada sempre 
variando, non soltanto per le variazioni se- 
colari, ma bensì per quelle annue (piccole 
deviazioni orientali in primavera, occidentali 
nel resto dell'anno) e quelle diurne (lievi de- 
viazioni orientali al mattino, occidentali nel 
pomeriggio). 





i\ ; 




i2' ii\ 




CARTA MAfijrmCA 
I TALIA 


«,-«».«"/g ^^É 


^ 




^?'"''" A.«.r ■•% 


m. 


12' '"W^ 




"^X/Os^,,! 




:"2^, 


' W"'"*" s 




^3 ^ ^^^ 


ir 


10* 1 


^ 


•cu rv»> 


n^^ 


T i 




-C_^-i^ 





Una sbarra magnetica sospesa per il suo 
centro di figura in modo da potersi muovere 
in ogni senso, presenterebbe un altro interes- 
sante fenomeno, quello dell' ««cZ»naiion«, cioè 
dell'abbassamento di una dello estremità 
vei'so il polo magnetico prevalente, abbassa- 
mento tanto ma;,'giore quanto più ci si avvi- 
cina al polo stesso. 11 valore dell'inclinazione, 
in Italia, aumenta da 52 (Sicilia) a 63 gradi 
(Alpi); a Roma il 1» gennaio 1904, è di 57» 47', 
cifra che diminuiace di circa 2' all'anno. 

L'ago magnetico si considera, perciò, come 
sollecitato da due distinto forze, una (compo- 
nente orizzontale), che agisce come foi-za di- 
rettiva, cioè che dà all'ago la direzione, l'al- 
tra {componente verticale) che lo abbassa verso 
il polo, dandogli l'inclinazione. La risultante 
od intensità totale, si ottiene dividendo la com- 
petente orizzontale (determinata mediante il 
numero delle oscillazioni deil'ago per ripren- 
dere l'equilibrio dopo un'apposita deviazio- 
ne) per il coseno dell'inclinazione. Ne risul- 
tano dei valori compresi tra quello minimo 
All'equatore dinamico (poco diverso dall'equa- 
tore magnetico o zona senza inclinazione) e 
quello massimo dei poli magnetici, valori che 
stanno fra loro presso a poco come 1 a 2,5. 



— 25 — 
DIZIONARIETTO-INDICE 



Nota-bene. — Questo piccolo repertorio 
alfabetico è un complemento all' Eflfemeride 
per quelle voci che non avemmo occasione di 
spiegare; le altre sono seguite da un riferi- 
mento: numero di pagina, lettera T (Tavole 
mensili) o lettera D (Diario dell'osservatore). 

Aeroliti. — Pietre provenienti dal Cielo. 

Afelio. — Massima distanza dal Sole, 18, 22. 

Albedo. — Grado di riflessibilità delle su- 
peraci planetarie rispetto alla luce solare. 

Aldebarau. — Alfa del Toro, rossastra, la 
cui grandezza fotometrica (1,0) fu presa per 
base di tutte le altre. È la stella-tipo. 

Aìfu. — La stella più splendente di una 
costellazione, beta la 2=», gamma la 3», ecc. 

Algol. — Variabile di Perseo, 23, D. 

Amplitudine. — Distanza dall'Est odOv.,18. 

Andromedeidi. — Meteore di novemb., 22, D. 

Apice. — Punto verso il quale si dirige il 
Sole, nella sua traslazione, colla velocità di 
almeno 16 km. al secondo. Le ultime ricer- 
che di Campbell e Kapteyn lo collocano a 
circa 10'> al Sud di Vega, presso la Via Lat- 
tea, sulla linea Stella Polare -Vega, prolun- 
gata d'un quinto, D. 

Apogeo. — Mass. distanza dalla Terra, 19. 

Appulso. — Contatto apparente. 

Astrofilo. — Amante degli astri. Titolo della 
prima ed unica rivista italiana di astron., 10. 

Astrofisica. — Studio diretto o spettrosco- 
pico delle condizioni fisiche degli astri. 

Azimut. — Distanza dal Nord o Sud, 18. 

Bielidi. — Ved. Andromedeidi, 22. 

Bòlidi. — Meteore o stelle cadenti più 
grosse delle altre, che talvolta si risolvono 
in pioggia di aeroliti, D. 

Carro. — Gran Carro o Carro di Boote, il 
più notevole gruppo stellare del nostro Cielo, 
al quale, di solito, si riferiscono, mediante al- 
lineamen'i, le posizioni delle altre stelle, per 
viconoscei-le. Il suo timone forma la coda del- 
l' Orsa maggiore, 23. 

Circumpolari. — Stelle comprese nella ca- 
lotta celeste che ha per centro il Polo e per 
raggio la latitudine del luogo, e che quindi 
mai tramontano. 

Comete. — Ultime apparizioni, 22. 

Congiunzione. — Avvicinamento apparente 
di due astri. Dicesi superiore (per Mercurio e 
Venere) se al di là del Sole, inferiore se al 
di qua, tra noi ed 11 Sole, D. 

Costante solare. — Numero ancora incerto 
(tra 2 e 4) di piccole calorìe ricevute in un 
minuto da un cent. q. di superficie terrestre 
normalmente esposta al Sole e facendo astra- 
zione dell'atmosfera nostra che assorbe 0,29 
(Rossetti) o 0,41 (Langley) dell'energia solare. 

Culminazione. — Massima altezza di un 
astro nel suo passaggio al meridiano. 

Declinazione. — Solare 18, lunare 19, ma- 
gnetica 24. 

Eclittica. — Orbita della Terra. 

Elinfanografo. — Misura l'insolazione. 

Elongazio>ie. — Allontanamento apparente 
di due astri. Per le massime elongazioni di 
Mercurio e Venere dal Sole ved. D. 

Equazione del tempo. — Pag. 18 e T. 

Eros. — Pianetino importante, 20 e 21. 

Gegenschein. — Luce opposta al Sole (già 
detta antl-crepuscolare) osservabile special- 
mente da novembre a febbraio. 



Geodinamica. — Scienza che studia le ma- 
nifestazioni delle forze endogene, ossia in- 
terne, del nostro pianeta, come: eruzioni, 
terremoti, bradisismi (moti lenti) ec. 

Grato geotermico. — Valore di circa 30 me- 
tri, secondo cui sale di l» C. la temperatura 
media della crosta terrestre superficiale. 

Insolazione. — Illuminazione effettiva, 16. 

Leonidi. — Meteore di novembre, 22, D. 

Luce cinerea. — Pallida tinta che rende vi- 
sibile la parte oscura della Luna, presso ai 
novilunii, per forte illuminazione terrestre. 

Luce zodiacale. — Chiarore piramidale, 
sempre inclinato verso il Sud, visibile talvolta 
a ponente (gennaio-aprile), talora a levante 
(luglio-ottobre), dopo il tramonto o prima 
della levata del Sole. 

Massimo splendore. — Mercurio e special- 
mente Venere, presso le loro elongazioni mas- 
sime dal Sole, raggiungono il più intenso 
splendore. Vedi le nuove formule del signor 
Mora nel N. 12 deW Astrofilo. 

Mira Ceti. — Variabile della Balena, 23. 

Mislpoeffers. — Voce belga che significa 
" rutti del mare , e designa certi cupi ru- 
mori, come di sotterranee esplosioni, che 
odonsi anche entro terra: causa incerta. 

Nodi. — Punti nei quali l'orbita di un 
astro attraversa il piano dell'eclittica. 

Nodo. — Miglio marino = 1852 metri. 

Occultazione. — Passaggio di un astro die- 
tro un altro, come: stelle e pianeti dietro la 
Luna, i satelliti di Giove dietro il disco di 
quel pianeta, ecc. 

Opposizione. — In punti opposti del Cielo. 

Orologio siderale. — Metodo Baroni per 
trovare l'ora colle stelle, 27. 

Parallasse. — Angolo sotto il quale da un 
astro si vedrebbe il raggio terrestre. 

Passaggi. — Mercurio è passato, come un 
punto nero, davanti al Sole, il 10 novem- 
bre 1894 e vi ripasserà il 12 novembre 1907; 
Venere passò, l'ultima volta, il 6 dicembre 
1882 e vi ripasserà l'8 giugno 2004. 

Perielio. — Minima distanza dal Sole, 18, 22. 

Perigeo. — Minima distanza dalla Terra, 19. 

Perseidi. — Meteore d'agosto, 22, D. 

Quadratura. — Due astri a 90o di distanza. 

Radiante. — Punto di emanazione, 22. 

Eaggio vettore. — Linea che congiunge il 
centro di un astro a quello di un altro che 
gli gira intorno. 

Saros. — Periodo delle eclissi, 12. 

Sirio. — Alfa del Cane maggiore, o Cani- 
cola, la più fulgida stella del Cielo, gr. 2,4. 

Sizigie. — Nome promiscuo delle congiun- 
zioni e delle opposizioni della Luna. 

Sole. — Sole di mezzanotte, 11 - Dimen- 
sioni e natura, 18. 

S'ella Polare. — Sue posizioni, 27. 

Terminatore. — Arco di confine tra la parte 
oscura e quella illuminata del disco lunare. 

Verticali. — Circoli e piani perpendicolai'i 
all'orizzonte. Dicesi \° verticale quello di Est. 

Wetterschiessen. — Nome originale dato 
dallo Stiger (di Windisch Feistritz, Stiria) agli 
spari grandinifughi, di dubbia efficacia. 

Zenit. — Punto del Cielo verticalmente si- 
tuato sopra il nostro capo ; Nadir, l' opposto. 

Zodiaco. — Zona celeste nella quale si 
muovono il Sole, la Luna ed i pianeti. 



— 20 



IL CIELO D'ITALIA 



Il maestoso rivolgimento della vòlta cele- 
ste da oriente ad occidente non è, come si 
sa, che un'apparenza dovuta alla rotazione 
della Terra in senso contrario, rotazione che 
si compie in 23^ 56™ 4^,09 di tempo medio. Ne 
viene che ciascuna stella ritorna quotidiana- 
mente in una data posizione circa 4 minuti 
prima dell' ora precedentemente osservata, 
ossia, guardando il cielo sempre alla mede- 
sima ora, si nota un quotidiano spostamento 
di tutte le stelle verso occidente. 



del firmamento. Il totale (diminuito di 12 o 
di 24 se risultasse maggiore) darà il numero 
della cartina voluta, e se vi sarà anche la fra- 
zione V's vorrà dire che V aspetto del Cielo, 
neir ora data, sarà intermedio fra due cartine 
successive. 

Supponiamo, per es., che ci occorra di co- 
noscere l'aspetto del Firmamento alla metà 
di aprile verso mezzanotte, al principio di 
luglio verso le 4 del mattino e verso le ore 21 
dell' 8 ottobre. 



1 




Nella qui unita cartina è abbozzato l'in- 
sieme del firmamento visi ile dall'alta Italia 
nel corso dell'anno, mentre le 12 cartine se- 
guenti danno l'aspetto mensile del Cielo alle 
oro 21-20-19, avvertendo che queste tre cifre 
si riferiscono rispettivamente al principio, 
alla metà ed alla fine di ciascun mese. 

Volendo l'aspetto del firmamento per qua- 
lunque ora notturna o diurna (coi cannoc- 
chiali si osservano lo stelle anche di giorno) 
servirà la formula seguente: 

m + V? h -f 2 % 
in cui m è il numero dei mesi trascorsi ed 7» 
e l'ora data per la quale si vuole l'aspetto 



Nel primo caso si avrà, m 3 ' '... h =- 24 
o quindi 3 ' 2 + 12 -^ 2 ' o = 18 -- 6, il che 
significa che l'aspetto del cielo in quel mo- 
mento sarà dato dalla Cartina VI, a pag. 39. e 
descritto nel colonnino di sinistra della pa- 
gina stessa, dove i nomi in carattere comune 
sono quelli delle costellazioni, mentre quelli 
in corsivo sono nomi particolari di stelle ap- 
partenenti ai gruppi preindicati. 

Nel secondo caso, si otterrà 6 + 2 -f 2 ' o 
= 10 Vji cioè Rsp«.>tto iut4?rmedio tra quelli 
delle cartine X e XI ; nel terzo caso 9 -|- 10 ' 1. 
+ 2 V2 dà 10, quindi: cartina X. come è anche 
indicato in testa alla figura stessa. 

Vedasi V Oroloffio siderale, pag. seguente. 



27 — 



L'OROLOGIO SIDERALE 



Prima dell'invasione e dol successivo rin- 
vilimento delle '* uova di Norimberga, „ anzi 
prima ancora dei quadranti solari e delle 
clepsidre, esisteva, per tutti, un solo ed im- 
menso orologio: il Cielo. 

L'India, la Cina, l'Egitto, l'Assiria, la Ba- 
bilonia, la Grecia e Roma si regolavano di 
giorno col Sole e di notte colla Luna e le 
stelle. Euripide (V sec. av. C.) designa l'ora 
in talune sue tragedie, indicando la posizione 
delle Plejadi, dell'Aquila, ec; nell'antico Ca- 
lendario romano era segnato, a tal uopo, il 
corso delle costellazioni : Palladio Rutilio 
Tauro Emiliano (IV sec. di C.) insegna, nella 
di lui Agricoltura, a conoscere le ore dalla 
lunghezza delle ombre solari, e cosi via. Sif- 




fatto orologio, veramente, esiste ancora, ma 
il.... progresso distolse gli sguardi umani dalle 
- cose belle „ che mostra il Cielo, passate in 
letaggio ai marinai, ai contadini, ai pastori 
od a pochi astrofili. 

Comunque, il saper trovare l'ora appros- 
simata della notte mediante le stelle, non è 
soltanto una dilettevole curiosità, e può an- 
che servire a risolvere il problema inverso, 
cioè a conoscere quale sia l'aspetto dol fii*- 
mamento in un istante qualunque. 

Secondo il metodo da noi concepito nel 
1S90, s'immagini una lancetta Ideale imper- 
niata sulla Stella polare e passante per le due 
ultime stelle del Gran Carro, (a e "i Orsa 
maggiore); l'ora da questa segnata sopra un 
quadrante fisso (pure ideale, diviso in 24 parti 
in senso inverso all'ordinario, e collo zero 
verticalmente in alto), la chiameremo fittizio 
e. con un po' d' esercizio, la si potrà stimare 
iibbastanza bene. 

All' ora fittizia si aggiunga il numero fisso 
'28, 27 o 26 secondochè si sia al principio, a 
metà od alla fine del mese in corso, poi si 
sottragga il doppio numero dei mesi trascorsi 
dell'anno, ed il resto (diminuito ancora di 24, 
se risultasse maggiore) sarà l'ora approssi- 
simata che si cerca. Esempio: all'ora fittizia 
23 del 6 aprile corrispenderà l'ora appros- 
simata 23 -f 28 — 6 — 24 = 21 = 9 pom. Alla 
medesima ora fittizia del 27 novembre cor- 
risponderebbero, invece, le 5 ant. 



LA STELLA POLARE 



La Stella polare (a dell'Orsa minore^, seb- 
bene della grandezza di 2,2 e dello splendore 
di 0,33, è facilmente osservabile ed identifi- 
cabile perchè la più notevole della plaga in 
cui risplende, e deve il suo nome e la sua 
fama al fatto di trovarsi vicina al Polo N. 

Tuttavia, quando si voglia sei-virsene per 
calcoli di qualche precisione (come determi- 
nazioni di latitudini, o di azimuts per retti- 
ficare le bussole, o per tracciamento di me- 
ridiane), la differenza tra essa ed il Polo non 
è trascurabile. Infatti al 1° gennaio 1904 la 
sua distanza angolare dal Polo Nord è di 
10 12', 3, ed il cerchietto descritto intorno al 
Polo con tale raggio dà luogo — nelle mas- 
sime elongazioni orientali (M. E. Or.) ed occi- 




dentali (M. E. Occ.) — a delle differenze an- 
golari orizzontali (azimuts) di lo31', 6 per 
Palermo, di 1° 37,' 2 per Roma e di !« 43,'o per 
Milano (1904). 

La tavoletta seguente dà modo di cono- 
scere quando la Polare si trova nella precisa 
direzione del Nord e quando più ne è di- 
scosta. Infatti, dati, per Roma, i passaggi su- 
periori di 10 in 10 giorni (gli altri si possono 
interpolare) sarà facile, colle cifre segnate 
sulla figura, ottenere le altre posizioni della 
Stella rispetto al Polo Nord. Le linee ZO, ZN, 
ZE della figura sono segmenti di circoli ver- 
ticali od azimutali, tutti convergenti allo zenit. 



1904 


P. S. 


1904 


P. S. 


1904 


P. S. 




h. m. 




h. ni. 




h. m. 


Gran, l 


18 55,2 


flsffglt 10 


10 23,3 


Se». 17 


154,0 


11 


1815,7 


20 


9 44.1 


27 


114,8 


21 


17 36,2 


30 


9 5,0 


U'.th. 7 


35,5 


31 


16 56,7 


6ÌDV. 9 


8 25,8 


17 


23 56,2 


Febk. 10 


16 17,3 


19 


7 46,6 


26 


23 16,8 


20 


15 37,8 


29 


7 7.5 


Vir. 5 


22 37,4 


1irz« 1 


14 58,4 


LD(rlie 9 


6 28,3 


15 


21 58,0 


11 


14 19.0 


19 


5 49,2 


25 


21 18.6 


21 


13 39,6 


29 


5 10,0 


Die. 5 


20 39,2 


31 


13 0,3 


A£OS(< 8 


4 30,9 


15 


19 59.7 


Aprile 10 


12 21,0 


18 


3 51,7 


25 


19 20,2 


20 


1141,8 


28 


3 12,5 


1905 




30 


11 2,5 


SeU. 7 


2 33,3 


6enn. 4 


18 40,7 



— 28 — 

1904 - GENNAIO 



CORSO dexj sole 


LUNA 


ACQUARIO 21 


111' 58"» 


MILANO 


ROMA 


PALERMO 




h m 
















8 L. Piena 6 47 

9 U. Quarto 22 10 


Cresce 


il giorno. 




Oh 55m 


Oh 


48'» 


Oh 41ra 


Crepuscolo civile 




38 





33 


31 


17 L. Nuova 16 47 


idem astronomico. . 


1 47 


1 


40 


1 37 


2 


) P. Quarto 21 41 


Data 


Declinaz. 


Equazione 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


LlI 


Leva 


Merid. 


Tram. 






m s 


h m 


h m 


h m 


h m 


h m 


h m 


d 


h m 


h m 


h m 


V 1 


S 230 6',0 


+ 3 10,0 


8 5 


16 49 


7 40 


16 47 


7 24 


16 57 


14 


15 31 


22 55 


5 17 


S 2 


23 1,3 


^ 3 38,5 


8 5 


16 50 


7 40 


16 48 


7 24 


16 58 


15 


16 30 


23 55 


6 20 


]> 3 


22 56,2 


4 6,6 


8 5 


16 51 


7 40 


16 49 


7 24 


16 58 


f?) 


17 35 





7 19 


L 4 


22 50,6 


4 34,4 


8 5 


16 52 


7 40 


16 50 


7 24 


16 59 


17 


18 45 


57 


8 13 


M 5 


22 44,6 


5 1,9 


8 5 


16 53 


7 40 


16 51 


7 24 


17 


18 


19 57 


1 57 


9 


M 6 


22 38,1 


5 28,9 


8 5 


16 54 


7 40 


16 52 


7 24 


17 1 


19 


21 9 


2 65 


9 42 


G 7 


22 31,2 


5 55,5 


8 5 


16 55 


7 40 


16 53 


7 24 


17 2 


20 


22 20 


3 50 


10 21 


V 8 


22 23,8 


6 21,7 


8 5 


16 56 


7 40 


16 54 


7 24 


17 3 


21 


23 29 


4 43 


10 56 


S 9 


22 16,0 


6 47,4 


8 4 


16 57 


7 39 


16 55 


7 24 


17 4 


€ 


- 


5 34 


11 30 


I>10 


22 7,8 


7 12,6 


8 4 


16 58 


7 39 


16 56 


7 23 


17 5 


23 


36 


6 24 


12 5 


L 11 


21 59,1 


7 37,2 


8 4 


16 59 


7 39 


16 57 


7 23 


17 6 


24 


1 41 


7 13 


12 40 


M 12 


21 50,0 


8 1,4 


8 3 


17 


7 39 


16 58 


7 23 


17 7 


25 


2 44 


8 3 


13 17 


M 13 


21 40,4 


8 24,9 


8 3 


17 2 


7 38 


16 59 


7 23 


17 8 


26 


3 43 


8 52 


13 58 


G U 


21 30,5 


8 47,9 


8 2 


17 3 


7 38 


17 


7 23 


17 9 


27 


4 40 


9 42 


14 42 


V 15 


21 20,1 


9 10,2 


8 2 


17 5 


7 38 


17 1 


7 22 


17 10 


28 


5 32 


10 31 


15 30 


S 16 


21 9,3 


9 31,9 


8 1 


17 6 


7 37 


17 3 


7 22 


17 11 


29 


6 20 


11 20 


16 21 


D17 


20 58,1 


9 52,9 


8 


17 7 


7 37 


17 4 


7 22 


17 12 


Q 


7 4 


12 8 


17 14 


L 18 


20 46,5 


10 13,3 


8 


17 9 


7 36 


17 5 


7 21 


17 13 


1 


7 43 


12 54 


18 9 


M 19 


20 34,5 


lo 32,9 


7 59 


17 10 


7 36 


17 6 


7 21 


17 14 


2 


8 18 


13 39 


19 5 


M 20 


20 22,2 


10 51,8 


7 58 


17 11 


7 35 


17 7 


7 20 


17 15 


3 


8 50 


14 23 


20 2 


G 21 


20 9,4 


11 9,9 


7 57 


17 12 


7.35 


17 9 


7 20 


17 16 


4 


9 20 


15 6 


20 58 


V 22 


19 56,3 


Il 27,3 


7 57 


17 14 


7 34 


17 10 


7 19 


17 17 


5 


9 49 


15 48 


21 56 


8 23 


19 42,8 


11 43,9 


7 56 


17 15 


7 33 


17 11 


7 19 


17 18 


6 


10 17 


10 31 


22 53 


I> 24 


19 28,9 


11 59,7 


7 55 


17 16 


7 32 


17 12 


7 18 


17 19 


7 


10 47 


17 15 


23 52 


L 25 


19 14,7 


12 14.7 


7 54 


17 18 


7 32 


17 14 


7 17 


17 21 


0) 


11 18 


18 1 


— 


M 26 


19 0,1 


12 28,9 


7 53 


17 19 


7 31 


17 15 


7 17 


17 22 


9 


11 53 


18 49 


52 


M 27 


18 45,2 


12 42,3 


7 52 


17 21 


7 30 


17 16 


7 16 


17 23 


10 


12 32 


19 41 


1 54 


G 28 


18 29,9 


12 54,9 


7 51 


17 22 


7 29 


17 17 


7 15 


17 24 


11 


13 17 


20 36 


2 56 


V 29 


18 14,3 


13 6,6 


7 50 


17 24 


7 28 


17 19 


7 15 


17 25 


12 


14 11 


21 34 


3 58 


S 30 


17 58,4 


13 17,5 


7 49 


17 25 


7 27 


17 20 


7 14 


17 26 


13 


15 11 


22 35 


4 69 


1> 31 


S 17 42.1 


+ 13 27,5 


7 48 


17 26 


7 26 


17 21 


7 13 


17 27 


14 


16 17 


23 36 


6 56 



CORSO DEI PIANETI 



Nome 


A 


VISIBILITÀ 


Me- 
rid.o 


Plaga 


Nome 

E DATA 


VISIBILITÀ 


Me- 
rid.o 


Plaga 


E DAT 


sera 


notte 


matt. 


sera 


notte 


matt. 




Mercurio 


1 
11 

21 


ovest 
ovest 


— 


est 


13 37 
13 8 
11 41 


Sa- 
gitt. 


Giove 


1 
16 


S-0 
SO 


- 


16 48 
15 58 


Acq. 




Saturno 


1 
16 


ovest 
ovest 


- 


- 


14 14 
13 21 

11 17 
10 21 


Ca- 




1 
11 
21 





- 


S-E 
S-E 
SE 


9 7 
9 16 
9 26 


Bilan. 
Scorp. 


prlc 


Venere 


Urano 


1 
16 


- 





est 
est 


Ofluco 


Marte 


1 
16 


OSO 
OSO 


- 


- 


14 45 
14 32 


Ca- 
pric. 


Nettuno 


1 
16 


est 
ESE 


sud 
SSO 


ovest 

- 


23 48 
22 47 


Gem. 



— 29 — 

GENNAIO - 1904 

IL FIRMAMENTO — Cartina T» - Ore 21 20 19. 
N 




DIARIO DELL' OSSERVATORE 



Costellazioni visibili. 

{Vedasi l'istruzione a pag. 26). 

NORD — Dragone - Orsa minore colla Polare. 

jj-E — Orsa maggiore col Carro di Boote. 

EST — Leone con Regolo - Cancro. 

g-E — Cane maggiore con Sirio - Cane minore 
con Procione - Orione con Betelgeuse, Ri- 
gel e Bellatrix - Gemelli con Castore e 
Polluce. 

SUD — Eridano - Toro colle Jadi fra cui Al- 
deharan (occhio del Toro) e colle Plejadi 

S-0 — Balena colla variabile Mira - Ariete 
con Hamal - Pesci. 

OVEST — Acquario - Pegaso. 

N-0 — Lira con Vega - Cigno con Denéb • Ce- 
feo - Cassiopea - Andromeda. 

ZENIT — Perseo colla variabile Algol • Au- 
i-iga o Cocchiere colla Capra o Capella. 

VIA LATTEA — Da NO a SE per lo Zenit. 

MisiMUMS DI Algol 
osservàbili dalle nostre regioni: 

il 12 ad ore 22 minuti 41.7 - il 15 ad ore 19 
minuti 31.0. 



Fenomeni diversi. 

1 — ore 10, Mei-curio in massima elongazione 
orientale (19<* 28' Est Sole). 

1 — Mira Ceti (o Balena) si rende visibile ad 

occhio nudo, di prima notte a Sud-Ovest. 

2 a 4 — Osservare le Quadrantidi, o stelle 

cadenti irradianti da \i Boote. 

3 — ore 6, Terra in perigeo od alla minima 

distanza dal Sole. 

13 — ore 22, Venere cong. Luna. 

14 — Capodanno in Russia, Grecia e Stati 

balcanici. 

17 — ore 13, Mercurio in cong. inferiore (tra 

la Terra ed il Sole). 

18 — ore 23, Saturno con/. Luna. 
20 — ore 18, Marte cong. Luna. 
22 — ore 11, Giove cong. Luna. 
28 — ore 21, Venere cong. Urano. 

Nettuno 

Il pianeta che si trova nelle migliori con- 
dizioni di osservazione telescopica è Nettuno, 
scoperto col calcolo da Adams e Leverrier e 
col telescopio da Galle, a Berlino, il 23 set- 
tembre 1846, ed il 10 ottobre Lassel ne sco- 
priva il satellite. 



— 30 - 

1904 - FEBBRAIO 



CORSO DEL SOLE 




LUNA 


PESCI 20 2h 25"' 


MILANO 


ROMA 


PALERMO 




h m 




















1 L. Piena 17 33 


Cresce 


il eriorno. 




T> 


21»» 


Ih 


llm 


Ih 2"' 




8 U. Quarto 10 56 


Crepuscolo civile 







35 





31 


29 


16 L, JNUOva 12 5 


idem astronomico. . 


1 


41 


1 


35 


1 33 


24 P. Quarto 12 9 


Data 


Declinaz. 


Equazione 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


ti 

UJ 


Leva 


Merid. 


Tram. 






m s 


h m 


h m 


h m 


h m 


h m 


h m 


d 


h m 


h m 


h m 


L 1 


S 17o25'6 


+ 13 36,8 


7 47 


17 28 


7 25 


17 22 


7 12 


17 29 


m 


17 30 


— 


6 47 


M 2 


17 8,7 


13 45,2 


7 45 


17 29 


7 24 


17 24 


7 11 


17 30 


16 


18 45 


36 


7 33 


M 3 


16 51,5 


13 52.8 


7 44 


17 31 


7 23 


17 25 


7 10 


17 31 


17 


19 58 


1 35 


8 15 


G 4 


16 34,0 


13 59,6 


7 43 


17 32 


7 22 


17 26 


7 9 


17 32 


18 


21 11 


2 31 


8 53 


V 5 


16 16,3 


14 5,6 


7 42 


17 34 


7 21 


17 28 


7 8 


17 33 


19 


22 22 


3 25 


9 29 


S 6 


15 58,2 


14 10,8 


7 40 


17 35 


7 20 


17 29 


7 8 


17 34 


20 


23 29 


4 17 


10 5 


» 7 


15 39,9 


14 15,2 


7 39 


17 37 


7 19 


17 30 


7 7 


17 35 


21 


_ 


5 9 


10 41 


L 8 


15 21,3 


14 18,8 


7 38 


17 38 


7 18 


17 31 


7 6 


17 36 


(C 


35 


5 59 


11 18 


M 9 


15 2,5 


14 21,6 


7 36 


17 39 


7 17 


17 33 


7 4 


17 38 


23 


1 37 


6 49 


11 58 


M 10 


14 43,4 


14 23,7 


7 35 


17 41 


7 15 


17 34 


7 3 


17 39 


24 


2 35 


7 39 


12 41 


G 11 


14 24,1 


14 24,9 


7 33 


17 42 


7 14 


17 35 


7 2 


17 40 


25 


3 29 


8 28 


13 2S 


V 12 


14 4,5 


14 25,5 


7 32 


17 44 


7 13 


17 37 


7 1 


17 41 


26 


4 18 


9 17 


14 17 


S 13 


13 44,6 


14 25,2 


7 30 


17 45 


7 12 


17 38 


7 


17 42 


27 


5 2 


10 «5 


15 9 


» 14 


13 24,6 


14 24,2 


7 29 


17 47 


7 10 


17 39 


6 59 


17 43 


28 


5 43 


10 51 


16 3 


L 15 


13 4,3 


14 22,5 


7 27 


17 48 


7 9 


17 40 


6 58 


17 44 


29 


6 19 


11 37 


16 59 


M 16 


12 43,8 


14 20,0 


7 26 


17 50 


7 8 


17 42 


6 56 


17 45 


^ 


6 52 


12 21 


17 55 


M 17 


12 23,2 


14 16,8 


7 24 


17 51 


7 6 


17 43 


6 55 


17 46 


1 


7 23 


13 4 


18 52 


a 18 


12 2,3 


14 12,9 


7 23 


17 53 


7 5 


17 44 


6 54 


17 47 


2 


7 53 


13 47 


19 49 


V 19 


11 41.2 


14 8,3 


7 21 


17 54 


7 3 


17 45 


6 53 


17 48 


3 


8 21 


14 30 


20 46 


S 20 


11 19,9 


14 3,0 


7 20 


17 56 


7 2 


17 47 


6 52 


17 50 


4 


8 50 


15 14 


21 44 


I> 21 


10 58,5 


13 57,0 


7 18 


17 57 


7 1 


17 48 


6 50 


17 51 


5 


9 21 


15 58 


22 43 


L 22 


10 36,9 


13 50,3 


7 16 


17 58 


6 59 


17 49 


6 49 


17 52 


6 


9 53 


16 45 


23 43 


M 23 


10 15,1 


13 42,9 


7 15 


18 


6 58 


17 50 


6 48 


17 53 


7 


10 30 


17 34 


— 


M 24 


9 53,2 


13 34,9 


7 13 


18 1 


6 56 


17 52 


6 46 


17 54 


0) 


11 11 


18 25 


44 


G 25 


9 31,1 


13 26,3 


7 12 


18 2 


6 55 


17 53 


6 45 


17 55 


9 


11 59 


19 20 


1 44 


V 26 


9 8,9 


13 17,0 


7 10 


18 4 


6 53 


17 54 


6 44 


17 56 


10 


12 53 


20 17 


2 43 


S 27 


8 46,6 


13 7,1 


7 9 


18 5 


6 51 


17 55 


6 42 


17 57 


11 


13 55 


21 16 


3 39 


I> 28 


8 24,1 


12 56,7 


7 7 


18 6 


6 50 


17 56 


6 41 


17 58 


12 


15 3 


22 15 


4 32 


L 29 


S 8 1,5 


+12 45,7 


7 6 


18 8 


6 49 


17 57 


6 40 


17 59 


13 


16 15 23 14 ' 5 20 



CORSO LEI r^IAlSTETI 



Nome 

K DATA 





1 


Mercurio 


11 




21 




1 


Venere 


11 




21 



Marte 



VISIBILITÀ 



sera notte matt. 



OSO 
OSO 



est 
est 



ESE 
ESE 

ESE 



Me- 
rid.o 

10 45 
10 39 
10 52 



9 40 
9 52 
10 6 



14 17 
14 1 



Plaga 



Sagitt, 
Capr. 



Sagitt. 



Acq. 



Nome 

E DATA 



Giove 



Nettuno 



Saturno jg 



I Urano jg 



16 



VISIBILITÀ. 


Me- 
rid." 


sera 


notte 


matt. 


S-0 
ovest 


"" 


— 


15 7 
14 20 


ovest 


— 


est 


12 26 
11 34 


ESE 

S-E 


_ 


ESE 
S-E 


9 22 

8 26 

21 43 
20 43 


sso 
s-o 


- 



;i — 



FEBBRAIO - 1904 



IL FIRMAMENTO - Caktina II» - Ore 21 20 19. 

N 



/ Dragone 




Cassiopea 



OrsaM.rj.''* / f' 

Potare •' /-^^^^ "^^aa- 



Andromeda Vt^^/f!i 




DIARIO DELL' OSSERVATORE 



Costellazioni visibili. 

(VeAdf^i V istruzione a pag. 26). 

NORD — Dragone - Orsa minore colla Polare. 

NE — Boote con Arturo - Orsa maggiore. 

P"ST — Vergine colla Spica - Leone con Re- 
golo. 

S-E — Idra - Cane minore con Procione - Can- 
cro - Gemelli con Castore e Polluce. 

SUD — Cane maggiore con Sirio - Orione con 
Betelgeuse, Jìigel e Bellntrix. 

SO — Eridano - Toro colle Jadi fra cui Al- 
deharan e colle Plejadi - Balena colla va- 
riabile Mira - Ariete con Hamal. 

OVEST — Pesci - Pegaso. 

N-0 — Cigno con Deneh - Cefeo - Cassiopea - 
Pei-seo con Algol - Andromeda. 

ZENIT — Auriga o Cocchiere colla Capra. 

VIA LATTEA - Da NNO a SSE per lo zenit. 

MiNiMUMs DI Algol 
osservabili dalle nostre regioni: 

il 2 ad ore minuti 26.4 - il 4 ad ore 21 mi- 
nuti 15.8 - il 7 ad ore 18 minuti 5.1 - il 24 
ad ore 23 minuti 0.8 - il 27 ad ore 19 mi- 
nuti 50.1. 



Fenomeni diversi. 

2 — ore 1, Saturno coiig. Sole, cioè passa, 
rispetto a noi, al di là del Sole. 

7 — Frequenza di bolidi. 
10 — ore 12, Mercui-io nella massima elon- 
gazione occidentale (25o 51' Ovest Sole). 

13 — ore 5, Venere coug. Luna. 

14 — ore 6, Mercurio cong. Luna. 

15 — ore 12, Saturno cong. Luna. 

18 — ore 20, Marte cong. Luna (Marte sarà 

a lo 8' al sud della Luna). 

19 — ore 4, Giove cong. Luna (Giove sarà a 

lo 11' al sud della Luna). 

26 — ore 6, Marte cong. Giove (Marte sarà a 
solo mezzo grado al nord di Giove) e 
Mercurio cong. Saturno (quello a soli 49' 
al sud di questo). Interessantissima ad 
osservarsi, nel crepuscolo serotino, è la 
prima congiunzione : Marte e Giove di- 
steranno di un diametro lunare. L'altra 
è visibile nel crepuscolo mattutino. 

29 — Giorno intercalai-e. Era dal 1896 cho 
non si avevano bisestili. 



— 32 — 

1904 - MARZO 



CORSO r>EL SOLE 


LUNA 


ARIETE 21 


Ih 59m 


MILANO 


ROMA 


PALERMO 




h m 




















2 L. Piena 3 48 


















Cresce 


il giorno. 




Ih 


39m 


Ih 27'n 


Ih 


16™ 


1 


9 U. Quarto 2 1 








Crepuscolo civile 







33 


30 





28 


24 P. Quarto 22 37 
31 L. Piena 13 44 


idem astronomico. . 


1 


40 


1 36 


1 


34 


Data 


Declinaz. 


Equazione 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


LjJ 


Leva 


Keriff. 


Tram. 






m s 


h m 


h m 


h m 


h m 


h m 


h m 


d 


h m 


h m 


h m 


M 1 


S 7o38',8 


+12 34,2 


7 4 


18 8 


6 48 


17 58 


6 39 


17 59 


14 


17 29 


_ 


6 4 


M 2 


7 16,0 


12 22,1 


7 2 


18 9 


6 47 


17 59 


6 38 


18 


m 


18 44 


12 


6 44 


G 3 


6 53,1 


12 9,6 


7 1 


18 11 


6 45 


18 


6 37 


18 1 


16 


19 57 


1 8 


7 22 


V 4 


6 30,1 


11 56,6 


6 59 


18 12 


6 44 


18 1 


6 35 


18 2 


17 


21 9 


2 3 


7 59 


S 5 


6 6,9 


11 43,1 


6 57 


18 14 


6 42 


18 2 


6 34 


18 3 


18 


22 18 


2 57 


8 36 


]> 6 


5 43,7 


11 29,2 


6 55 


18 15 


6 40 


18 4 


6 32 


18 4 


19 


23 23 


3 50 


9 14 


L 7 


5 20,5 


11 14,9 


6 53 


18 16 


6 39 


18 .5 


6 31 


18 5 


20 


_ 


4 42 


9 54 


M 8 


4 57,1 


11 0,3 


6 52 


18 18 


6 37 


18 6 


6 29 


18 6 


21 


25 


5 33 


10 37 


M 9 


4 33,7 


10 45,2 


6 50 


18 19 


6 35 


18 7 


6 28 


18 7 


(T 


1 22 


6 24 


11 24 


G 10 


4 10,2 


10 29.9 


6 48 


18 20 


6 34 


18 8 


6 27 


18 8 


23 


2 13 


7 13 


12 13 


V 11 


3 46,7 


10 14,2 


6 46 


18 22 


6 32 


18 9 


6 25 


18 9 


24 


3 


8 2 


13 5 


S 12 


3 23,1 


9 58^ 


6 44 


18 23 


6 30 


18 11 


6 23 


18 10 


25 


3 42 


8 49 


13 58 


» 13 


2 59,5 


9 41,9 


6 42 


18 24 


6 29 


18 12 


6 22 


18 11 


26 


4 20 


9 34 


14 53 


L 14 


2 35,9 


9 25,4 


6 40 


18 26 


6 27 


18 13 


6 21 


18 12 


27 


4 54 


10 19 


15 49 


M 15 


2 12,2 


9 8,6 


6 38 


18 27 


6 25 


18 14 


6 19 


18 13 


28 


5 25 


11 2 


16 46 


M 16 


1 48,5 


8 51,5 


6 36 


18 28 


6 24 


18 15 


6 17 


18 14 


29 


5 55 


11 46 


17 42 


G 17 


1 24,8 


8 34,3 


6 35 


18 30 


6 22 


18 16 


6 16 


18 15 


^ 


6 24 


12 29 


18 40 


V 18 


1 1,1 


8 16,8 


6 33 


18 31 


6 20 


18 17 


6 14 


18 16 


2 


6 53 


13 12 


19 38 


S 19 


37,4 


7 59,2 


6 31 


18 32 


6 19 


18 19 


6 13 


18 16 


3 


7 24 


13 57 


20 38 


» 20 


S 13,6 


7 41,4 


6 29 


18 34 


6 17 


18 20 


6 11 


18 17 


4 


7 56 


14 43 


21 38 


L 21 


N 10,0 


7 23,5 


6 27 


18 35 


6 15 


18 21 


6 10 


18 18 


5 


8 31 


15 31 


22 37 


M 22 


33,7 


7 5,4 


6 25 


18 36 


6 13 


18 22 


6 8 


18 19 


6 


9 10 


16 21 


23 37 


M 23 


57,4 


6 47,2 


6 23 


18 38 


6 12 


18 23 


6 7 


18 20 


7 


9 55 


17 14 


— 


G 24 


1 21,0 


6 29,0 


6 21 


18 39 


6 10 


18 24 


6 6 


18 21 


0) 


10 45 


18 8 


3,-. 


V 25 


1 44,6 


6 10.6 


6 19 


18 40 


6 8 


18 25 


6 4 


18 22 


9 


11 43 


19 5 


1 32 


S 26 


2 8,2 


5 52,2 


6 17 


18 41 


6 7 


18 26 


6 2 


18 23 


10 


12 45 


20 2 


2 23 


» 27 


2 31.7 


5 33,8 


6 16 


18 43 


6 5 


18 27 


6 


18 24 


11 


13 53 


20 58 


3 11 


L 28 


2 55,2 


5 15,4 


6 14 


18 44 


6 3 


18 29 


5 59 


18 25 


12 


15 4 


21 55 


3 55 


M 29 


3 18,6 


4 56,9 


6 12 


18 45 


6 1 


18 30 


5 57 


18 26 


13 


16 17 


22 51 


4 36 


M 30 


3 41,9 


4 38,5 


6 10 


18 47 


6 


18 31 


5 56 


18 27 


14 


17 30 


23 46 


5 14 


G 31 


N 4 5,2 


-f 4 20,2 


6 8 


18 48 


5 58 


18 32 


5 54 


18 28 


® 


18 43 


— 


5 51 



CORSO IDEI PIANETI 



NOMK 


A 


VISIBILITÀ 


Me- 
rid.o 


Plaga 


Nome 

E DATA 


VISIBILITÀ 


Me- 

rid.o 


Plaga 


E DAT 


sera 


notte 


matt. 


sera 


notte 


matt. 




Mercurio 


1 
11 

21 








est 
est 


11 10 
il 33 

12 1 


Acq. 


Giove 


1 
16 


ovest 
ovest 


_ 


_ 


13 36 
12 61 


Pesci 




Saturno 


1 
16 


- 


- 


est 
est 


10 46 
9 53 

7 33 
6 35 






1 
11 
21 


— 


- 


ESE 
ESE 
ESE 


10 15 
10 25 
10 84 


Capr. 
Acq. 


Acq. 


Venere 


Urano 


1 
16 


- 


est 
est 


sud 
sud 


8a- 
gitt. 


Marte 


1 
16 


OSO 
OSO 


- 


- 


13 4& 

13 28 


Pesci 


Nettuno 


1 
16 


SSE 
sud 


OSO 
ovest 


~ 


19 47 
18 48 


Gem. 



- 88 - 

MARZO - 1904 

IL FIRMAMI NTO - Cartina IH» - Ore 21 20 19. 




DIARIO DELL' OSSERVATORE 



Costellazioni visibili. 

[Vedasi istruzione a pag. 26). 

NORD — Cigno con Deneh - Cefeo - Orsa min 
N-E — Ercole coll'Apice solare - Dragone 

Orsa maggiore. 1 

EST — Corona boreale colla Pe^la o Gemma 

- Boote con Arturo - Vergine colla Spica. 
S-E — Idra - Leone con Regolo. 
SUD — Cane maggiore con Sirio — Cane mi- i 

nore con Procione - Cancro - Gemelli con 

Castore e Polluce. 
S-0 — Orione con Betelgeuse, Rigel e Bella- 

tri.v - Toro colle Jadi e le Pla^jadi. 
OVEST — Balena con Mira - Pesci - Ariete 

con Hamal. 
N-0 — Andromeda - Cassiopea - Perseo con 

Ahfol - Auriga colla Capra. 
ZENIT - Lince. 
VIA LATTEA - Da N a S inclinata ad Ovest. 



MrsiMTTMs DI Algol 
osservabili dalle nostre regioni: 

18 ad ore 21 minuti 34,8. 



Fenomeni diversi. 

1 — Comincia la primavera meteorologica. 

3 — Frequenza di bolidi. 

8 — ore 5, Venere in vicinissima cong. con 
Saturno (distacco 20'), visib. al mattino. 
14 — ore 1, Saturno cong. Luna. 
14 — ore 16, Venere cong. Luna. 

16 — ore 12, Mercurio cong. Luna. 

17 — Eclisse solare (v. pag. 12). 

17 — ore 23, Giove cong. Luna, vicinissima 

(31') visibile nel crepuscolo serotino. 

18 — Comincia l'anno turco 1322. 

18 — ore 21, Marte cong. Luna, vicina. 

20 — ore 23, Urano in quadratura occiden- 

tale col Sole (90° ovest Sole). 

21 — ore 1 minuti 59, Sole in Ariete, equi- 

nozio di primavera. 
24 — ore 7, Nettuno in quadratura orientale 
col Sole (90O est Sole). 

26 — ore 22, Mercurio cong. sup. Sole. 

27 — ore 3, Mercurio cong. Giove (0» 5'). 
27 — ore 11, Giove cong. Sole. 

29 — Massimo di Mira Ceti (crep. serotino). 

3 



1904 



34 — 

APRILE 



CORSO 3DEIj sole 




LUNA 


TOKO 20 13h 42ra 


MILANO 


ROMA 


PALERMO 




h m 














7 U. Quarto 18. 53 


Crésce il giorno. 




1^ 31m 


Ih 20ra 


Ih lOm 


1 


5 L. Nuova 22 53 


Crepuscolo civile 




36 


31 


29 


23 P. Quarto 5 55 


idem astronomico. . 


1 50 


1 43 


1 39 


29 L. Piena 23 36 


Data 


Declinaz. 


Equazione 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


ti 

UJ 


Leva 


Merid. 


Tram. 






m s 


h m 


h m 


h m 


h m 


h m 


h m 


d 


h m 


h m 


h m 


V 1 


N 4o28',4 


+ 4 2,0 


6 6 


18 49 


5 56 


18 33 


5 53 


18 29 


16 


19 55 


40 


6 28 


S 2 


4 51,5 


3 43,8 


6 4 


18 50 


5 55 


18 34 


5 51 


18 29 


17 


21 3 


1 34 


7 7 


» 3 


5 14,5 


3 25,8 


6 2 


18 52 


5 53 


18 35 


5 50 


18 30 


18 


22 9 


2 28 


7 47 


L 4 


5 37,4 


3 8,0 


6 


18 53 


5 51 


18 36 


5 48 


18 31 


19 


23 10 


3 21 


8 30 


M 5 


6 0,3 


2 50,3 


5 58 


18 54 


5 49 


18 37 


5 47 


18 32 


20 


_ 


4 14 


9 16 


M 6 


6 23,0 


2 32,8 


5 57 


18 56 


5 48 


18 38 


5 45 


18 33 


21 


6 


5 5 


10 5 


G 7 


6 45,6 


2 15,5 


5 55 


18 57 


5 46 


18 40 


5 44 


18 34 


(C 


55 


5 55 


10 57 


V 8 


7 8,1 


1 58,5 


5 53 


18 68 


5 44 


18 41 


5 42 


18 35 


23 


1 39 


6 44 


11 50 


S 9 


7 30,5 


1 41,7 


5 51 


18 59 


5 43 


18 42 


5 41 


18 36 


24 


2 19 


7 30 


12 45 


D 10 


7 52,8 


1 25,2 


5 50 


19 1 


5 41 


18 43 


5 39 


18 37 


25 


2 56 


8 15 


13 41 


L 11 


8 14,9 


1 9,0 


5 48 


19 2 


5 39 


18 44 


5 88 


18 38 


26 


3 27 


8 59 


14 37 


M 12 


8 36,9 


53,0 


5 46 


19 3 


5 38 


18 45 


5 36 


18 39 


27 


3 57 


9 42 


15 34 


M 13 


8 58,8 


37,4 


5 44 


19 5 


5 36 


18 46 


5 35 


18 40 


28 


4 27 


10 25 


16 31 


G 14 


9 20,5 


22,1 


5 42 


19 6 


5 35 


18 47 


5 33 


18 41 


29 


4 66 


11 9 


17 30 


V 15 


9 42,0 


+ 7,2 


5 40 


19 7 


5 33 


18 48 


5 32 


18 41 


Q 


5 25 


11 53 


18 30 


S 16 


10 3,4 


- 7,4 


5 39 


19 9 


5 31 


18 49 


5 30 


18 42 


1 


5 57 


12 39 


19 30 


D17 


10 24,6 


21,7 


5 37 


19 10 


5 30 


18 50 


5 29 


18 43 


2 


6 31 


13 28 


20 31 


L 18 


10 45,7 


35,6 


5 35 


19 11 


5 28 


18 52 


6 28 


18 44 


3 


7 9 


14 18 


21 32 


M 19 


11 6,6 


49,0 


5 33 


19 12 


5 27 


18 53 


5 26 


18 45 


4 


7 53 


15 10 


22 31 


M 20 


11 27,3 


1 2,1 


5 32 


19 14 


5 25 


18 64 


5 25 


18 46 


5 


8 42 


16 4 


23 28 


G 21 


11 47,8 


1 14,8 


5 30 


19 15 


5 24 1 18 65 


5 24 


18 47 


6 


9 36 


17 


— 


V 22 


12 8,1 


1 27,1 


5 28 


19 16 


5 22 ! 18 56 


5 22 


18 48 


7 


10 37 


17 66 


20 


S 23 


12 28,2 


1 38,9 


5 26 


19 17 


5 21 , 18 57 


5 21 


18 49 


3 


11 41 


18 51 


1 9 


I> 24 


12 48,1 


1 50,3 


5 25 


19 19 


5 19 ' 18 58 


5 20 


18 60 


9 


12 49 


19 46 


1 53 


L 25 


13 7,8 


2 1,3 


5 23 


19 20 


5 18 18 59 


5 18 


18 51 


10 


14 


20 40 


2 33 


M 26 


13 27,2 


2 11,8 


5 22 


19 21 


5 16 19 


5 17 


18 52 


11 


15 10 


21 33 


3 11 


M 27 


13 46,5 


2 21,8 


5 20 


19 22 


5 15 19 1 


5 16 


18 53 


12 


16 21 


22 26 


3 47 


G 28 


14 5,5 


2 31,3 


5 19 


19 24 


5 13 19 2 


5 15 


18 54 


13 


17 31 


23 20 


4 23 


V 29 


14 24,3 


2 40,3 


5 17 


19 25 


5 12 19 4 


5 13 


18 66 


(i-) 


18 42 


— 


4 59 


S 30 


N14 42,9 


- 2 48,8 


5 15 


19 26 


5 11 19 5 


5 12 


18 55 


15 


19 60 


13 


6 .-ii» 



CORSO DEI PIANETI 



Nome 


VISIBILITÀ. 


Me- 

rid.o 


Plaga 


Nome 

E DATA 


VISIBILITÀ 


Me- 

rid.o 


Plaga 


E DATA 


sera 


notte 


matt. 


sera 


notte 


matt. 
est 




1 

Mercurio li 

21 


ovest 
ovest 
ovest 


- 


— 


12 37 

13 9 
13 24 


Pesci 
Ariete 


Giove 


1 
16 


- 


- 


12 12 
11 16 


Pesci 


Saturno 


1 
16 


_ 


- 


ESE 
ESE 


8 56 
8 2 




1 


_ 


— 


ESE 
ESE 
ESE 


10 42 
10 48 
10 54 


Pesci 


Acq. 


Venere il 
21 


Urano 


1 
16 


— 


ESE 
ESE 


SSO 
SSO 


5 33 
4 34 


Sa- 
Ritt. 


Marte ,1 


ovest 
ovest 


- 


- 


13 9 
12 53 


Ariete 


Nelluno 


1 
16 


SSO 

SSO 


- 


- 


17 45 
16 47 


Gem. 



— 35 — 

APRILE - 1904 

IL FIKMAMENTO - Cartina IV» - Ore 21 20 IP. 

N 




DIARIO DBLV OSSERVATORE 



Costellazioni visibili. 

{Vedasi V istruzione a pag. 26). 

NORD — Cefeo - Orsa minore. 

NN£ — Cigno - Drago - Orsa Maggiore. 

N-E — Lira con Vega - Ercole coIl'Apice so- 
lare - Corona boreale - Boote con Arturo. 

EST — Serpente. 

S-E — Bilancia - Vergine colla Spica - Chioma 
di Berenice. 

SUD — Idra - Leone con Segolo. 

S-0 — Cane maggiore con Sirio. — Cane mi- 
nore con Procione - Gemelli - Cancro. 

OVEST - Orione - Toro colle Jadi e Plejadi 

- Ariete con Hamal. 

N-0 — Andromeda - Perseo con Algol • Au- 
riga colla Capra - Cassiopea. 

ZENIT — Orsa Maggiore col carro di Boote. 

VIA LATTEA - Da NNE a SSO inclinata ad 
Ovest. 

MrNiMTJMS DI Algol 
osservabili dalle nostre regioni: 

il 7 ad ore 23 m. 19,1 - il 10 ad ore 20 m. 8,3 

- il 30 ad ore 21 m. 51,8. 



Fenomeni diversi. 

8 — ore 21, Mercurio in cong. con Marte 
(Mercurio a 1' 16' al Nord di Marte), cre- 
puscolo serotino. 

10 — ore 13, Saturno cong. Luna. 

12 — Frequenza di bolidi. 

13 — ore 24, Venere cong. Luna. 

li — ore 18, Giove in vicinissima cong. Luna 
(7'), presso il Sole. 

16 — ore 20, Marte cong. Luna. 

17 — ore 11, Mercurio cong. Luna. 

19 al 30 Osservare le Liridi o stelle cadenti 
emananti dai pressi della stella 104 Er- 
cole. 

21 — ore 20, Mercurio nella massima elon- 
gazione orientale dal Sole (20° 0' est Sole). 

23 — ore 11, Venere in vicina cong. con Giove 
(Venere 30' al sud) osservabile nel cre- 
puscolo mattutino. 

Gruppo Planetario. 

Alla fine di aprile, e per tutto maggio e 
giugno, il cielo orientale mattutino oflfre la no- 
tevole vicinanza di Venere, Giove e Saturno. 



— 36 — - 

1904 - MAGGIO 





CORSO 


DEL SOLE 


LUNA 


GEMELLI 21 13^ 29™ 


MILANO 


R0M4 


PALERMO 




h m 
















7 U. Quarto 12 51 


Cresce il giorno. 






Ih lOra 


Ih Im 


O'^ 53"» 


15 L. Nuova 11 58 


Crepuscolo civile 






40 


34 


31 


22 P. Quarto 11 19 


Idem astronomico. . 




2 13 


2 


1 51 


29 L. Piena 9 55 


Data 


Declinaz. 


Equazione 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


•^ 
^ 


Leva 


Merid. 


Tram. 






m s 


h 


m 


h m 


h m 


h m 


h m 


h m 


d 


h m 


h m 


h m 


1> 1 


N150 l',2 


- 2 56,8 


5 


14 


19 27 


5 9 


19 6 


5 11 


18 56 


16 


20 54 


1 7 


6 19 


L 2 


15 19,2 


3 4,2 


5 


13 


19 29 


5 8 


19 7 


5 10 


18 57 


17 


21 52 


2 1 


7 5 


M 3 


15 37,1 


3 11.1 


5 


11 


19 30 


5 7 


19 8 


5 9 


18 58 


18 


22 46 


2 54 


7 .^3 


M 4 


15 54,6 


3 17,4 


5 


9 


19 31 


5 5 


19 9 


5 7 


18 59 


19 


23 34 


3 46 


8 45 


G 5 


16 11,9 


3 23,2 


5 


8 


19 33 


5 4 


19 10 


5 6 


19 


20 


— 


4 36 


9 39 


V 6 


16 28,9 


3 28,3 


5 


6 


19 34 


5 3 


19 11 


5 5 


19 1 


21 


16 


5 24 


10 34 


S 7 


16 45,7 


3 32,9 


5 


5 


19 35 


5 1 


19 12 


5 4 


19 2 


€ 


53 


6 10 


11 30 


D 8 


17 2,2 


3 36,9 


5 


4 


19 36 


5 


19 13 


5 3 


19 3 


23 


1 27 


6 54 


12 27 


L 9 


17 18,4 


3 40,3 


5 


2 


19 37 


4 59 


19 14 


5 2 


19 4 


24 


1 58 


7 38 


13 23 


M 10 


17 34,3 


3 43,2 


5 


1 


19 39 


4 58 


19 15 


5 1 


19 5 


25 


2 28 


8 21 


14 21 


M 11 


17 49,9 


3 45,4 


5 





19 40 


4 57 


19 16 


5 


19 5 


26 


2 56 


9 4 


15 18 


G 12 


18 5,2 


3 47,0 




58 


19 41 


4 56 


19 18 


4 59 


19 6 


27 


3 26 


9 48 


16 18 


V 13 


18 20,2 


3 48,1 




57 


19 42 


4 55 


19 19 


4 58 


19 7 


28 


3 57 


10 33 


17 18 


S 14 


18 34,9 


3 48,6 




56 


19 43 


4 53 


19 20 


4 57 


19 8 


29 


4 30 


11 21 


18 19 


1>15 


18 49,3 


3 48,5 




55 


19 44 


4 52 


19 21 


4 56 


19 9 


^ 


5 7 


12 11 


19 22 


L 16 


19 3,4 


3 47,8 




54 


19 46 


4 51 


19 22 


4 56 


19 10 


2 


5 49 


13 4 


20 23 


M 17 


19 17,1 


3 46,6 




53 


19 47 


4 50 


19 23 


4 55 


19 11 


3 


6 37 


13 59 


21 22 


M 18 


19 30,6 


3 44,8 




52 


19 48 


4 50 


19 24 


4 54 


19 12 


4 


7 31 


14 55 


22 18 


G 29 


19 43,7 


3 42,5 




50 


19 49 


4 49 


19 25 


4 53 


19 13 


5 


8 3U 


15 51 


23 8 


V 20 


19 56,4 


3 39,6 




49 


19 50 


4 48 


19 26 


4 52 


19 13 


6 


9 34 


16 48 


28 54 


S 21 


20 8,6 


3 36,2 




48 


19 51 


4 47 


19 27 


4 52 


19 14 


7 


10 41 


17 42 




I>22 


20 20,9 


3 32,4 




47 


19 52 


4 46 


19 27 


4 51 


19 15 


H) 


11 49 


18 36 


35 


L 23 


20 32,6 


3 28,0 




47 


19 53 


4 45 


19 28 


4 50 


19 16 


9 


12 58 


19 28 


1 12 


M 24 


20 44,0 


3 23,0 




46 


19 54 


4 44 


19 29 


4 50 


19 17 


10 


14 7 


20 20 


1 48 


M 25 


20 55,0 


3 17,6 




45 


19 55 


4 44 


19 30 


4 49 


19 17 


11 


15 17 


21 11 


2 23 


G 26 


21 5,7 


3 11,8 




44 


19 56 


4 43 


19 31 


4 48 


19 18 


12 


16 25 


22 3 


2 58 


V 27 


21 16,0 


3 5,4 




43 


19 57 


4 42 


19 32 


4 48 


19 19 


13 


17 33 


22 56 


3 34 


S 28 


21 25,9 


2 58,6 


4 42 


19 58 


4 42 


19 33 


4 47 


19 20 


14 


18 38 


28 49 


4 14 


D 29 


21 35,6 


2 51,3 




42 


19 59 


4 41 


19 84 


4 47 


19 20 


9> 


19 39 


_ 


4 56 


L 30 


21 44,6 


2 43,6 




41 


20 


4 40 


19 34 


4 46 


19 21 


16 


20 33 


42 


5 43 


M 31 


N21 53,4 


- 2 35,5 




40 


20 1 


4 40 


19 35 


4 46 


19 22 


17 


21 26 


1 85 


6 33 



CORSO I3EI PIANETI 



Nome 

K DATA 



Mercurio li 
21 



Venere 



Marte 



VISIBILITÀ 



sera notte matt 



ovest 
ovest 



1 ovest 

16 [ ovest 



est 



est 
est 
est 



Me- 
rid.o 



13 8 
12 19 
11 21 



11 
11 6 
11 15 



12 37 
— 12 21 



Plaga 



Toro 



Ariete 



Toro 



Nome 

K DATA 



Giove 


1 
16 


Saturno 


16 


Urano 


1 
16 



Nettuno 



• VISIBILITÀ 


Me- 
rid.» 


sera : notte 


matt. 


- 


- 


ESE 
ESE 


10 80 
9 43 


-— 


- 


SE 

S-E 

SO 
8-0 


7 7 
6 10 


S-E 
8-E 


8 34 
2 83 


SO 

so 


15 50 
14 53 



Plaga 



Pesci 



Acq. 



gitt. 



Gem. 



— 37 — 

MAGGIO - 1904 

IL FIRMAMENTO - Cartina V» - Oro 21 20 19. 

N 




DIARIO DELI.» OSSERVATORE 



Costellazioni visibili. 
(Vedasi l'istruzione a pay. 26)- 

NORD — Cassiopea - Cefeo - Le due Orse. 
N-E — Cigno con Deneb — Lira colla Veija • 

Dragone - Ercole coll'Apice solare. 
EST — Serpente - Ofiuco - Corona B. 
S-E — Scorpione con Antares Bilancia - Boote 

o Bifolco con Arturo. 
SSE — Vergine colla Spica - Chionaa Ber. 
SSO — Leone con Eegolo. 
S-O — Idra - Cancro. 
OVEST — Orione - Cane minore con Porcione 

- Gemelli con Castore e Polluce. 
X-0 — Perseo con Algol - Auriga colla Capra 

o Capella. 
ZENIT - Carro di Boote. 
VIA LATTEA - Da ENE ad OSO bassa a 

Nord. 

MiNiMUMS DI Algol 

Nessuno è osservabile trovandosi la co- 
stellazione di Perseo presso il Sole. 



Fenomeni diversi. 

7 — ore 24, Giove cong. Luna. 
9 — ore 24, Mercurio in vicina cong. Marte 
(21'), crepuscolo serotino. 

11 — ore 21, Saturno in quadratura occiden- 

tale col Sole (90» ovest, Sole). 

12 — ore 14, Giove in vicina cong. Luna (44'), 

al mattino. 

13 — ore 13, Mercurio in cong. inferiore, col 

Sole, cioè tra noi ed il Sole. 

14 — ore 5, Venere cong. Luna. 

15 — ore 5, Mercurio cong. Luna. 
15 — ore 18, Marte cong. Luna. 

22 — ore 16, Mercurio cong. Venere. 
30 — ore 18, Marte cong. Sole, cioè passa al 
di là del Sole. 

Urano 

Per tre mesi il pianeta in migliori circo- 
stanze di osservazione telescopica è Urano, 
scoperto da Guglielmo Herschel il 13 mar- 
zo 1781, accompagnato da quattro satelliti 
scoperti nel 1787 e 1851. 



- 38 — 

1904 - GIUGNO 



CORSO DEL SOLE 


LUNA 


CANCRO 21 21h SI"» 


MILANO 


ROMA 


PALERMO 




h m 


Cresce 


il dì fino al 20-22 


Oh 17m 


Oh 15ra 


Oh 13ni 


6 U, Quarto 6 53 
13 L. Nuova 22 10 


pò 
Crepus 


cala • . . 




3 


2 


2 




) P. Quarto 16 11 
1 L. Piena 21 23 


colo civile 





4» 


36 


33 


2' 


idem astronomico. . 


2 38 


2 17 


2 3 






Data 


Declinaz. 


Equazione 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


♦2 
Cu 


Leva 


Merid. 


Tram. 






m s 


h m 


h m 


h m 


h m 


h m 


h m 


d 


h m 


h m 


h m 


M 1 


N220 l',9 


- 2 26,9 


4 40 


20 2 


4 39 


19 36 


4 46 


19 23 


18 


22 12 


2 26 


7 27 


G 2 


22 9,9 


2 17,8 


4 39 


20 3 


4 39 


19 37 


4 45 


19 23 


19 


22 52 


3 16 


8 22 


V 8 


22 17,(5 


2 8.4 


4 39 


20 4 


4 38 


19 38 


4 45 


19 24 


20 


23 27 


4 3 


9 20 


S 4 


22 24,8 


1 58,6 


4 38 


20 4 


4 38 


19 38 


4 45 


19 25 


21 


23 59 


4 49 


10 15 


I> 5 


22 31,7 


1 48,5 


4 38 


20 5 


4 38 


19 39 


4 44 


19 25 


22 





5 33 


11 12 


L 6 


22 38,2 


1 37,9 


4 37 


20 6 


4 37 


19 40 


4 44 


19 26 


(C 


29 


6 16 


12 9 


M 7 


22 44,3 


1 27.1 


4 37 


20 7 


4 37 


19 40 


4 44 


19 26 


24 


58 


6 59 


13 6 


M 8 


22 49,9 


1 15,9 


4 37 


20 7 


4 37 


19 41 


4 43 


19 27 


25 


1 27 


7 42 


14 5 


G 9 


22 55,2 


1 4,4 


4 36 


20 8 


4 36 


19 42 


4 43 


19 27 


26 


1 56 


8 26 


15 4 


V 10 


23 0,1 


52,7 


4 36 


20 9 


4 36 


19 42 


4 43 


19 28 


27 


2 28 


9 12 


16 5 


S 11 


23 4,6 


40,7 


4 36 


20 9 


4 36 


19 43 


4 43 


19 28 


28 


3 2 


10 1 


17 7 


D 12 


23 8,7 


28,5 


4 36 


20 10 


4 36 


19 43 


4 43 


19 29 


29 


3 42 


10 53 


18 9 


L 13 


23 12,4 


16,1 


4 35 


20 10 


4 36 


19 44 


4 43 


19 29 


^ 


4 28 


11 48 


19 11 


M 14 


23 15,6 


- 3,6 


4 35 


20 11 


4 36 


19 44 


4 43 


19 30 


1 


5 20 


12 45 


20 9 


M 15 


23 18,5 


+ 9,1 


4 35 


20 11 


4 36 


19 45 


4 43 


19 30 


2 


6 19 


13 43 


21 3 


G 16 


23 20,9 


22,0 


4 35 


20 12 


4 36 


19 45 


4 43 


19 31 


3 


7 22 


14 41 


21 52 


V 17 


23 22,9 


34,9 


4 35 


20 12 


4 36 


19 45 


4 43 


19 31 


4 


8 30 


15 37 


22 36 


S 18 


23 24,5 


47,9 


4 35 


20 12 


4 36 


19 46 


4 43 


19 31 


5 


9 40 


16 32 


23 16 


D 19 


23 25,7 


1 0,9 


4 36 


20 13 


4 36 


19 46 


4 43 


19 32 


6 


10 50 


17 26 


23 51 


L 20 


23 26,5 


1 13,9 


4 36 


20 13 


4 36 


19 46 


4 44 


19 32 


0) 


11 59 


18 17 


— 


M 21 


23 26,9 


1 26,9 


4 36 


20 13 


4 36 


19 47 


4 44 


19 32 


« 


13 8 


19 8 


26 


M 22 


23 26,9 


1 39,8 


4 36 


20 14 


4 36 


19 47 


4 44 


19 32 


9 


14 16 


19 59 


1 1 


G 23 


23 26,4 


1 52,7 


4 36 


20 14 


4 37 


19 47 


4 44 


19 33 


10 


15 22 


20 50 


1 36 


V 24 


23 25,6 


2 5,6 


4 37 


20 14 


4 37 


19 47 


4 44 


19 33 


11 


16 27 


21 42 


2 13 


S 25 


23 24,3 


2 18,3 


4 37 


20 14 


4 37 


19 47 


4 45 


19 33 


12 


17 29 


22 84 


2 52 


I> 26 


23 22,6 


2 30,8 


4 37 


20 14 


4 37 


19 47 


4 45 


19 33 


13 


18 27 


23 26 


3 37 


L 27 


23 20,5 


2 43,3 


4 38 


20 14 


4 38 


19 47 


4 45 


19 33 


^') 


19 55 


- 


4 2.-> 


M 28 


23 18,0 


2 55,6 


4 38 


20 14 


4 38 


19 47 


4 46 


19 33 


15 


20 7 


18 


5 17 


M 29 


23 15,1 


3 7,7 


4 38 


20 14 


4 39 


19 47 


4 46 


19 33 


16 


20 49 


1 8 


« 12 


G 30 


N23 11,7 


+ 3 19,6 


4 39 


20 14 


4 39 


19 47 


4 46 


19 33 


17 


21 27 


1 57 


7 7 



CORSO r>EI PIANETI 



Nome 


VISIBILITÀ 


Me- 
rid.o 


Plaga 


Nome 

E DATA 


VISIBILITÀ 


Me- 
rid.» 

8 63 
8 4 


Plaga 


E U ATA 


sera 


notte 


matt. 

est 
est 
est 


sera 


notte 


matt. 

s-?: 

SE 




1 

Mercurio 11 
21 


— 


10 42 
10 33 
10 49 


Toro 


Giove ,J 


- 


- 


V 

Ariet.' 


Saturno jj 


est 
est 


est 
est 


sud 
sud 


6 8 
4 8 

1 28 
26 

13 62 
12 65 




1 


~ 


est 
est 
est 


11 26 
11 38 
11 53 

11 61 


Toro 


Acq. 


Venere 11 
21 


Urano jj 


sud 
sud 


ovest 
ovest 


Sa- 
gitt. 


Marte ^J 


- 


Toro 


Nettuno iq 


OSO 
ovest 


- 


Gem. 



— 89 — 

GIUGNO - 1904 

IL FIRMAMENTO - Cartina VI» - Ore 21 20 19. 




DIARIO DELV OSSERVATORE 



Costellazioni visibili. 

{Vedasi V istt-uzione a pag. 26). 

NORD — Perseo con Algol - Cassiopea - Orsa 
minore - Dragone. 

N-E — Cefeo -Cigno con Deweft-Lira con Vega. 

EST — Aquila con Altair - Ofiuco. 

S-E — Scorpione con Antares - Serpente - Er- 
cole coU'Apice solare — Corona boreale 
colla Feria. 

SUD — Bilancia - Vergine colla Spica - Boote 
con Arturo. 

8-0 — Idra - Leone con Segolo. 

OVEST — Gemelli con Castore e Polluce - 
Cancro. 

N-0 — Auriga colla Capra - Orsa maggiore. 

ZENIT — Coda dell'Orsa maggiore. 

VIA LATTEA — Da NO a SE inclinata ad Est 

MiNiMUMS DI Algol 

Nessuno è osservabile trovandosi la co- 
stellazione di Perseo presso il Sole. 



Fenomeni diversi. 

1 — Comincia l'estate meteorologica. 
4 — ore 9, Saturno cong. Luna. 
7 — Frequenza di bolidi. 
9 — ore 3, Mercurio nella massima elonga- 
zione occidentale (23o 31' ovest Sole). 
9 — ore 9, Giove cong. Luna. 

12 — ore 2, Mercurio cong. Luna. 

13 — ore 9, Venere cong. Luna. 
13 — ore 15, Marte cong. Luna. 

19 — ore 7, Venere in vicina cong. con Marte, 
questo sarà 35' a nord di quello, presso 
al Sole. 

19 — ore 19, Urano in opposizione al Sole, 
cioè la Terra passa tra il Sole ed Urano. 

21 — ore 21 minuti 51, Sole in Cancro, sol- 
stizio d' estate. 

27 _ ore 20, Nettuno cong. Sole, cioè passa 
al di là del Sole. 

29 — Scompare Mira Ceti (mattino) alla vi- 

sione naturale. 

30 — ore 6, Venere cong. Nettuno (Venere 

1" 24' al Nord di Nettuno). 



— 40 — 

1904 - LUGLIO 



CORSO DEL SOLE 


LUNA 


LEONE 23 


3h 50m 


MILANO 


ROMA 


PALERMO 


h m 














5 U. Quarto 23 54 
13 L. Nuova 6 27 


Cala il 


gioi'no . . 




0^ 50>a 


Oh 42™ 


Oh 37n> 


Crepus 


colo civile 




42 


35 


32 


19 P. Quarto 21 49 


idem astronomico. . 


2 26 


2 9 


1 56 


27 L. Piena 10 42 


Data 


Declinaz. 


Lquazione 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


UJ 


Leva 


Merid. 


Tram. 






m s 


h m 


h m 


h m 


h m 


h m 


h m 


d 


h m 


h m 


h m 


V 1 


N 230 8',o 


+ 3 31,3 


4 39 


20 13 


4 39 


19 47 


4 47 


19 33 


18 


22 


2 43 


8 4 


S 2 


23 3,9 


3 42,7 


4 40 


20 13 


4 40 


19 47 


4 47 


19 33 


19 


22 31 


3 28 


9 l 


» 3 


22 59,3 


3 53.9 


4 41 


20 13 


4 40 


19 47 


4 48 


19 33 


20 


23 


4 12 


9 59 


L 4 


22 54,4 


4 4,8 


i 41 


20 13 


4 41 


19 47 


4 48 


19 33 


21 


23 29 


4 54 


10 56 


M 5 


22 49,1 


4 15,5 


4 42 


20 13 


4 42 


19 47 


4 49 


19 33 


(C 


23 57 


5 27 


11 52 


M 6 


22 43,3 


4 25,8 


4 42 


20 12 


4 42 


19 46 


4 49 


19 32 


23 


— 


6 20 


12 50 


G 7 


22 37,2 


4 35.8 


4 43 


20 12 


4 43 


19 46 


4 50 


19 32 


24 


28 


7 4 


13 50 


V 8 


22 30,6 


4 45,4 


4 44 


20 12 


4 43 


19 46 


4 51 


19 32 


25 


1 


7 51 


.14 50 


S 9 


22 23,7 


4 54,7 


4 45 


20 11 


4 44 


19 45 


4 51 


19 32 


26 


1 35 


8 41 


15 51 


D 10 


22 16,4 


5 3,6 


4 45 


20 10' 


4 45 


19 45 


4 52 


19 31 


27 


2 18 


9 33 


16 53 


L 11 


22 8,7 


5 12,0 


4 46 


20 10 


4 45 


19 44 


4 52 


19 31 


28 


3 7 


10 29 


17 54 


M 12 


22 0,7 


5 20,1 


4 47 


20 9 


4 46 


19 44 


4 53 


19 31 


29 


4 2 


11 28 


18 51 


M 13 


21 52,2 


5 27,7 


4 48 


20 9 


4 47 


19 44 


4 54 


19 30 


^ 


5 5 


12 27 


19 44 


G H 


21 43,4 


5 34,8 


4 49 


20 8 


4 48 


19 43 


4 54 


19 30 


2 


6 13 


13 26 


20 31 


V 15 


21 34,2 


5 41,4 


4 50 


20 7 


4 48 


19 42 


4 55 


19 29 


3 


7 24 


14 24 


21 13 


S 16 


21 24,7 


5 47,5 


4 51 


20 7 


4 49 


19 42 


4 56 


19 29 


4 


8 36 


15 19 


21 52 


D17 


21 14,8 


5 53,1 


4 52 


20 6 


4 50 


19 41 


4 57 


19 28 


6 


9 48 


16 13 


22 29 


L 18 


21 4,5 


5 58,2 


4 53 


20 5 


4 51 


19 40 


4 57 


19 28 


6 


10 58 


17 5 


23 4 


M 19 


20 53,8 


G 2,7 


4 54 


20 4 


4 52 


19 40 


4 58 


19 27 


0) 


12 7 


17 57 


23 33 


M 20 


20 42,9 


6 6,6 


4 55 


20 3 


4 53 


19 39 


4 59 


19 26 


8 


13 14 


18 48 


— 


G 21 


20 31,5 


6 10,0 


4 56 


20 2 


4 54 


19 38 


5 


19 26 


9 


14 19 


19 39 


14 


V 22 


20 19,9 


6 12,8 


4 57 


20 1 


4 54 


19 37 


5 


19 25 


10 


15 22 


20 30 


53 


S 23 


20 7,8 


6 15,0 


4 58 


20 


4 55 


19 37 


5 1 


19 24 


11 


16 20 


21 22 


1 35 


I> 24 


19 55,5 


6 16,6 


4 59 


19 59 


4 56 


19 36 


5 2 


19 24 


12 


17 14 


22 13 


2 21 


L 25 


19 42,8 


6 17,6 


5 


19 58 


4 57 


19 35 


5 3 


19 23 


13 


18 3 


23 3 


3 11 


M 2(5 


19 29,8 


6 18,0 


5 1 


19 57 


4 58 


19 34 


5 3 


19 22 


14 


18 47 


23 52 


4 4 


M 27 


19 16,4 


6 17,8 


5 2 


19 56 


4 59 


19 33 


5 4 


19 21 


e^) 


19 26 


— 


4 59 


G 28 


19 2,8 


C 17,1 


5 3 


19 55 


5 


19 32 


5 5 


19 20 


16 


20 1 


39 


5 55 


V 29 


18 48,8 


6 15.7 


5 4 


19 54 


5 1 


19 31 


5 6 


19 20 


17 


20 33 


1 25 


6 53 


S 30 


18 34,5 


6 13,7 


5 5 


19 53 


5 2 


19 30 


5 7 


19 19 


18 


21 3 


2 9 


7 60 


D31 


N18 19,9 


+ 6 11,2 


5 7 


19 52 


5 3 


19 29 


5 8 


19 18 


19 


21 31 


2 61 


8 46 



CORSO DEI PIANETI 



Nome 


VISIBILIT.V 


Me- 
rid.» 


Plaga 


Nome 

K DATA 


VISIBILITÀ 


Me- 
rid.o 


Plaga 


E DATA 


sera 


notte 


matt 


sera 


notte 


matt. 




1 

Mercurio il 

21 


ovest 
ovest 


- 


- 


11 30 

12 24 

13 10 


Gem. 
Cane. 


Giove 


1 
16 


— 


- 


SSE 
SSE 


7 14 
6 22 


Ariete 


Saturno 


16 


- 


8-E 
SE 


S-O 
S-O 


8 7 
2 6 


Acq. 


1 


ovest 
ovest 


— 


— 


12 5 
12 19 
12 32 


Gem. 
Cane. 


Venere il 
21 


Urano 


1 
16 


est 
ESE 


sud 
SSO 


_ 


23 21 
22 19 

11 59 
10 58 


8a- 
gitt 


Marte jj 


- 


- 


est 
ESE 


11 36 
11 21 


Gem. 
Cane. 


Nettuno 


1 
16 


- 


- 


est 


Gem. 



41 



LUGLIO - 1904 



IL FIRMAMENTO - Cautina VII» - Ore 21 20 19. 




DIARIO DELL' OSSERVATORE 



Costellazioni visibili. 

( Vedasi l' istruzione a pag. 26). 

NORD — Perseo con Algol - Orsa minore - 

Dragone. 
N-E — Andromeda - Cassiopea • Cefeo - Cigno 

con Deneh. 
EST — Pegaso - Aquila con Altair. 
S-E — Sagittario - Otìuco - Lira colla Vega. 
SUD — Scorpione con Antaves - Serpente - 

Ercole coU'Apice solare. 
SSO — Bilancia - Boote con Arturo. 
S-O — Vergine colla Spica - Chioma Berenice. 
OVEST — Cancro - Leone con Regolo. 
N-O — Auriga colla Capra - Orsa maggiore. 
ZENIT — Corona boreale colla Perla. 
VIA LATTEA - Da Nord a Sud inclinata 

ad Est. 

Mtnimums di Algol 
osservabili dalle nostre regioni: 

il 23 ad ore 1 min. 26,0 - il 25 ad ore 22 
min. 14,5. 



Fenomeni diversi. 

1 — ore 15, Saturno cong. Luna. 

2 — ore 14, Mercurio in vicinissima cong. 

con Marte (16'), presso al Sole. 

4 — ore 17, Mercurio cong. Nettuno. 

5 — ore 2, Terra in afelio, od alla massima 

distanza del Sole. 

7 — ore 2, Giove cong. Luna. 

8 — ore 10, Venere in cong. superiore, ossia 

al di là dal Sole. 

9 — ore 15, Marte cong. Nettuno. 

10 — ore 1, Mercurio cong. sup. Sole. 
10 — ore 10, Mercurio cong. Venere. 
10 — Comincia il flusso delle Perseidi, il cui 
radiante iniziale è presso o Cassiopea. 

12 — ove 11, Marte cong. Luna. 

13 — ore 11, Venere cong. Luna. 
13 — ore 16, Mercurio cong. Luna. 

22 — ore 4, Giove in quadratura occidentale 
(90° ovest Sole). 

25 a 30 — Stelle cadenti dal Pesce australe. 

26 a 29 — Flusso notevole delle Perseidi, o 

meteore irradianti da 8 Perseo. 
28 — ore 19, Saturno cong. Luna. 



— 42 — 

1904 - AGOSTO 



CORSO DEL SOLE 


LUNA 


VERGINE 23 15h 37m 


MILANO 


ROMA. 


PALERMO 


va h 
















é U. Quarto 15 3 


Cala 11 






Ih 27>n 
37 


Ih 15m 
32 




Ih 5m 
30 


11 L. Nuova 13 58 


Crepuscolo civile 




18 P. Quarto 5 27 


idem astronomico . 


1 57 


1 49 




1 43 


26 L. Piena 2 2 


Data 


Declinaz. 


Equazione 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 




Leva 


Merid. 


Tram. 






m s 


h m 


h m 


h m 


h m 


h 


m 


h m 


d 


h m 


h m 


h m 


L 1 


N180 5',1 


+ 6 8,0 


5 8 


19 50 


5 4 


19 28 


5 


9 


19 17 


20 


21 59 


3 34 


9 43 


M 2 


17 49,9 


6 4,3 


5 9 


19 49 


5 5 


19 27 


5 


9 


19 16 


21 


22 29 


4 16 


10 41 


M 3 


17 34,4 


6 0,0 


5 10 


19 48 


5 6 


19 26 


5 


10 


19 15 


22 


22 59 


4 59 


11 38 


(t 4 


17 18,6 


5 55,0 


5 11 


19 46 


5 7 


19 24 


5 


11 


19 14 


•r. 


23 33 


5 44 


12 36 


V 5 


17 2,6 


5 49,5 


5 12 


19 45 


5 8 


19 23 


5 


12 


19 13 


24 


_ 


6 31 


13 36 


S 6 


16 46,3 


5 43,5 


5 13 


19 43 


5 9 


19 22 


5 


13 


19 12 


25 


11 


7 21 


14 37 


I> 7 


16 29,7 


5 36,8 


5 15 


19 42 


5 10 


19 21 


5 


14 


19 11 


26 


56 


8 14 


15 36 


L 8 


16 12,8 


5 29,6 


5 16 


19 41 


5 11 


19 20 


5 


15 


19 9 


27 


1 47 


9 10 


16 34 


M 9 


15 55,7 


5 21,8 


5 17 


19 39 


5 12 


19 18 


5 


16 


19 8 


28 


2 45 


10 9 


17 29 


M 10 


15 38,3 


5 13,4 


5 18 


19 38 


5 13 


19 17 


5 


16 


19 7 


29 


3 50 


11 8 


18 20 


G 11 


15 20.7 


5 4,5 


5 19 


19 36 


5 14 


19 16 


5 


17 


19 6 


fi) 


5 


12 7 


19 6 


V 12 


15 2,8 


4 55,0 


5 21 


19 35 


5 15 


19 14 


5 


18 


19 6 


1 


6 14 


13 5 


19 47 


S 13 


14 44,7 


4 44,9 


5 22 


19 33 


5 16 


19 13 


5 


19 


19 4 


2 


7 28 


14 2 


20 25 


D14 


14 26,4 


4 34,3 


5 23 


19 32 


5 17 


19 12 


5 


20 


19 2 


3 


8 42 


14 57 


21 2 


L 15 


14 7,8 


4 23,1 


5 24 


19 30 


5 18 


19 10 


5 


21 


19 1 


4 


9 54 


15 50 


21 39 


M 16 


13 49,0 


4 11,4 


5 25 


19 28 


5 19 


19 9 


5 


22 


19 


5 


11 3 


16 43 


22 15 


M 17 


13 29,9 


3 59,1 


5 27 


19 27 


5 20 


19 7 


5 


22 


18 59 


6 


12 10 


17 35 


22 54 


G 18 


13 10,7 


3 46,4 


5 28 


19 25 


5 21 


19 6 


5 


23 


18 57 


n) 


13 15 


18 27 


23 35 


V 19 


12 51,3 


3 33,0 


5 29 


19 23 


5 22 


19 4 


5 


24 


18 56 


8 


14 15 


19 19 


— 


S 20 " 


12 31,6 


3 19,2 


5 31 


19 22 


5 23 


19 3 


5 


25 


18 55 


9 


15 10 


20 10 


20 


D 21 


12 11,8 


3 4,9 


5 32 


19 20 


5 24 


19 1 


5 


26 


18 53 


10 


16 


21 


1 9 


L 22 


11 51,7 


2 50,1 


5 33 


19 18 


5 25 


19 


5 


27 


18 62 


11 


16 45 


21 49 


2 


M 23 


11 31,5 


2 34,8 


5 34 


19 17 


5 26 


18 58 


5 


28 


18 50 


12 


17 26 


22 36 


2 54 


M 24 


11 11,1 


2 19,1 


5 35 


19 15 


5 28 


18 57 


5 


29 


18 49 


13 


18 2 


23 22 


3 50 


G 25 


10 50,5 


2 3,0 


5 36 


19 13 


5 29 


18 55 


5 


29 


18 48 


14 


18 35 


— 


4 46 


V 26 


10 29,8 


1 46,4 


5 38 


19 12 


5 30 


18 54 


5 


30 


18 47 


fi) 


19 6 


6 


5 43 


S 27 


10 8,9 


1 29,5 


5 39 


19 10 


5 31 


18 52 


5 


31 


18 45 


16 


19 35 


60 


6 40 


I>28 


9 47,8 


1 12.2 


5 40 


19 8 


5 32 


18 60 


5 


32 


18 44 


17 


20 3 


1-32 


7 37 


L 29 


9 26,5 


54,6 


5 41 


19 6 


5 33 


18 49 


5 


33 


18 42 


18 


20 31 


2 14 


8 34 


M 30 


9 5,1 


36,5 


5 43 


19 4 


5 34 


18 47 


5 


34 


18 41 


19 


21 1 


2 57 


9 30 


M 31 


N 8 43,6 


•+ 18,2 


5 44 


19 2 


5 85 


18 45 


5 


85 


18 39 


20 


21 34 


S 41 


10 28 



CORSO DEI PIANETI 



Nome 


VISIBILITÀ 


Me- 
rid.o 


Plaga 


Nome 

E DATA 


VISIBILITÀ 


Me- 

rid.o 


Plaga 


E IJ A T A 


sera 


notte 


matt. 


sera 


notte 


matt. 

sud 
SSO 




1 

Mercurio li 
21 


ovest 
ovest 
ovest 





- 


13 41 
13 63 
13 61 

12 45 

12 64 

13 1 

11 3 
10 46 


Leone 


Giove 


1 
10 


- 


est 
ESE 


5 25 
4 OS 


Arlet. 


Saturno 


1 

16 


- 


SSE 
sud 


OSO 
ovest 


68 
28 50 




1 


ovest 
ovest 
ovest 





Leone 


Acq. 


Venere li 
21 


Urano 


1 
16 


S-E 
S-E 


8-0 
SO 


- 


21 14 
20 14 


Sa- 
gitt. 


Marte ^J 




- 


ESE 
ESE 


Cane. 


Nettuno 


1 
16 


- 


ESE 

S-E 


9 68 
9 4 


Gem. 



43 



AGOSTO - 1904 

IL FIRMAMENTO - Cabtina Vili» - Ore 21 20 19. 

N 





Polare 

'Min. 



'leone * < ^ ita^iòpea ^^^ 



w 



Dragone /' :;■••• •'.•^•Vf/ 

Ila ..•.'.•.••..-. • . y>i 




DIARIO DSLL' OSSERVATORE 



Costellazioni visibili. 

{Vedasi V istruzione a pag. 26). 

NORD — Auriga colla Capra - Orsa minore - 
Dragone. 

N-E — Perseo con Algol - Andromeda - Cas- 
siopea - Cefeo. 

EST — Pesci - Pegaso - Cigno con Deneb. 

S-E — Aquario - Capricorno - Aquila con Al- 
tair • Delfino. 

SUD — Sagittario - Ofiuco - Lira con Vega. 

S-0 — Scorpione con Antares - Serpente - Co- 
rona boreale colla Per/a - Ercole coli' Apice 
solai-e. 

OVEST — Vergine colla Spica - Leone con Re- 
golo - Boote con Arturo. 

N-O — Orsa maggiore. 

ZENIT — Capo del Dragone. 

VIA LATTEA - Da NNE a SSO inclinata 
ad Est. 

MiKiMUMS DI Algol 
osservabili dalle nostre regioni: 



il U ad ore 23 min. 
min. 42,9. 



54.4 - il 17 ad ore 20 



Fenomeni diversi. 

3 — ore 14, Giove cong. Lu.ia. 
9 a 14 — Flusso massimo delle Perseidi, o 
meteore irradianti da t) Perseo, dette 
anche Laurenziane o lagrime di San Lo- 
renzo (v. pag. 22). 
10 — ore 5, Marte cong. Luna. 
10 — ore 20, Saturno in opposizione, cioè 
dalla parte opposta al Sole. 

12 — ore 8, Venere cong. Luna. 

13 — ore 11, Mercurio congiunz. Luna. 

20 — Termina il flusso delle Perseidi coU'ul- 
timo radiante nella Girafla. 

20 — ore 6, Mercurio nella massima elonga- 
zione, orientale (270 20' est Sofe). 

24 — ore 21, Saturno cong. Luna. 

30 — ore 21, Giove cong. Luna. 



Saturno 

È questo il pianeta ora in migliori condi- 
zioni di osservazione. Attualmente ci presenta 
l'emisfero Nord e la faccia boreale dell'anello, 
ancora abbastanza aperto per potersi o.-iser- 
vare nettamente con piccoli strumenti. 



— 44 - 

1904 - SETTEMBRE 



CORSO DEL SOLE 


LUNA 


LIBRA 23 12h 40™ 


MILANO 


ROMA 


PALERMO 


h m 














3 U. Quarto 3 59 






Ih 34m 
34 


Ih 23ra 
30 


Ih 13m 

28 


9 L. Nuova 21 43 


Crepuscolo civile 




16 P. Quarto 16 13 


idem astronomico. . 


1 43 


1 38 


1 33 


24 L. Pieua 18 50 


Data 


Declinaz. 


Equazione 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


:2 

Ui 


Leva 


Merid. 


Tram. 






m s 


h m 


h m 


h in 


h m 


h m 


h m 


d 


h m 


h m 


h m 


G 1 


N 8o21',9 


- 0,4 


5 45 


19 


5 36 


18 44 


5 36 


18 38 


21 


22 9 


4 26 


11 27 


V 2 


8 0,1 


19,4 


5 46 


18 58 


5 37 


18 42 


5 36 


18 36 


22 


22 50 


5 14 


12 25 


S 3 


7 38,2 


38,6 


5 48 


18 57 


5 38 


18 40 


5 37 


18 35 


£ 


23 36 


6 4 


13 24 


» 4 


7 16,1 


58,0 


5 49 


18 55 


5 39 


18 39 


5 38 


18 33 


24 


_ 


6 57 


14 21 


L 5 


6 53,9 


1 17,7 


5 50 


18 53 


5 40 


18 37 


5 39 


18 31 


25 


29 


7 53 


15 15 


M 6 


6 31,6 


1 37,6 


5 51 


18 51 


5 41 


18 35 


5 40 


18 30 


26 


1 29 


8 50 


16 7 


M 7 


6 9,2 


1 57,6 


5 52 


18 49 


5 42 


18 34 


5 41 


18 28 


27 


2 36 


9 49 


16 54 


G 8 


5 46,7 


2 17,9 


5 54 


18 48 


5 43 


18 32 


5 42 


18 27 


28 


3 46 


10 47 


17 37 


V 9 


5 24,1 


2 38,3 


5 55 


18 46 


5 44 


18 30 


5 43 


18 25 


@ 


5 1 


11 44 


18 18 


S 10 


5 1,4 


2 58,9 


5 56 


18 44 


5 45 


18 29 


5 43 


18 24 


1 


6 15 


12 41 


18 56 


I>11 


4 38.6 


3 19,6 


5 57 


18 42 


5 46 


18 27 


5 44 


18 22 


2 


7 30 


13 36 


19 33 


L 12 


4 15,7 


3 40,5 


5 59 


18 40 


5 47 


18 25 


5 45 


18 21 


3 


8 43 


14 31 


20 11 


M 13 


3 52,7 


4 1,4 


6 


18 38 


5 48 


18 23 


5 46 


18 19 


4 


9 55 


15 26 


20 50 


M 11 


3 29,7 


4 22,5 


6 1 


18 36 


5 49 


18 22 


5 47 


18 18 


5 


11 2 


16 20 


21 32 


G 15 


3 6,7 


4 43,6 


6 2 


18 34 


5 50 


18 20 


5 48 


18 16 


6 


12 6 


17 13 


22 17 


V 16 


2 43,5 


5 4,8 


6 3 


18 32 


5 51 


18 18 


5 49 


18 15 


0) 


13 4 


18 5 


23 5 


S 17 


2 20,4 


5 26,0 


6 5 


18 30 


5 52 


18 16 


5 49 


18 13 


8 


13 57 


18 56 


23 56 


1>18 


1 57,1 


6 47,3 


6 6 


18 28 


5 53 


18 15 


5 50 


18 11 


9 


14 44 


19 46 





L 19 


1 33,9 


6 8,5 


6 7 


18 26 


5 54 


18 13 


5 51 


18 10 


10 


15 27 


20 34 


49 


M 20 


1 10,6 


6 29,7 


6 8 


18 24 


5 55 


18 11 


5 52 


18 8 


11 


16 3 


21 20 


1 44 


M 21 


47,2 


6 50,9 


6 9 


18 22 


5 56 


18 9 


5 53 


18 7 


12 


16 37 


22 5 


2 40 


G 22 


23,9 


7 12,0 


6 11 


18 21 


5 58 


18 8 


5 54 


18 6 


13 


17 8 


22 48 


3 37 


V 23 


N 0,5 


7 33,0 


6 12 


18 19 


5 69 


18 6 


5 55 


18 4 


14 


17 38 


23 31 


4 33 


S 24 


S 22,8 


7 53,9 


6 13 


18 17 


6 


18 4 


5 56 


18 2 


© 


18 tì 


- 


5 30 


I> 25 


46,3 


8 14,7 


6 14 


18 15 


6 1 


18 2 


5 57 


18 1 


16 


18 34 


13 


6 28 


L 2(J 


1 9,6 


8 35,2 


6 16 


18 13 


6 2 


18 1 


5 57 


17 59 


17 


19 4 


56 


7 25 


M 27 


1 33,1 


8 55,6 


6 17 


18 11 


6 3 


17 59 


5 58 


17 57 


18 


19 35 


1 39 


8 23 


M 28 


1 56.4 


9 15,8 


6 18 


18 9 


6 4 


17 57 


5 59 


17 56 


19 


20 10 


2 24 


9 21 


G 29 


2 19,8 


9 35,8 


6 19 


18 7 


6 5 


17 56 


6 


17 54 


20 


20 48 


3 11 


10 19 


V 30 


S 2 43,2 


- 9 55,5 


6 21 


18 5 


6 6 


17 54 


6 1 


17 53 


21 


21 31 


4 


11 16 



CORSO DEI PIAN E 'PI 



Nome 


VISIBILITÀ 


Me 

rid.o 


Plaga 


Nome 

E DATA 


VISIBILITÀ 


Me- 
rid.o 

3 24 
2 22 


Plaga 


E DATA 


sera 


notte matt. 


sera 


notte 


matt. 




1 

Mercurio 11 
21 


ovest 
ovest 





est 


13 27 
12 34 
11 24 


Ver- 
gine 


Giove 


1 
16 





8-E 
SSE 


SO 
OSO 


Ariete 


Saturno 


1 
16 


est 
ESE 

SSE 
sud 


sud 
SSO 


- ,22 43 


Ca- 


1 


OSO 
OSO 
OSO 


- 


— 


13 »\ v... i 




21 41 

19 10 
13 12 


pric. 


Venere 11 
21 


13 14 
13 19 


gine 


Urano 


1 
16 


OSO 
ovest 


Sa- 
gitt. 


lyiarte jj 


- 


S-E 
8-E 


lo 25 
10 4 


Leone 


Nettuno 


1 
16 


- 


S-E 
SSE 


8 3 
7 5 


Gem. 



— 45 - 

SETTEMBRE - 1904 

IL FIRMAMENTO - Cartina IX» - Ore 21 20 19. 

N 



iDrsa Maqq. y r 



• Boofe 



w 



*:'-^..v' Dragone;;,-,» ^ Càs-siópl^a | \ * ^ ^ 

^ ♦Ercole ^T^ ;-:^#^ •r'-'^ 

•f * M^^ Pegaso ;, 

Sernente .. • Ofiuco ^..,<V: ji-^'^'^^*' * \_,--'' 

\ i^}}^ /:-* Aquila ^ , 





Sagittario 



DIARIO DELL» OSSERVATORE 



Costellazioni visibili. 

{Vedasi l'istruzione a pag. 26). 

NORD — Orsa minore - Cefeo. 

N-E — Auriga colla Capra - Perseo con Algol 
- Cassiopea - Andromeda. 

EST ~ Ariete - Pesci - Pegaso. 

S-E — Pesce australe con FomalJiattt - A.cqn&TÌo. 

SUD — Capricorno - Aquila con Altair - Del- 
fino. 

S-0 — Sagittario - Scorpione con Antares - 
Ofiuco - Ercole coll'Apice solare. 

OVEST — Bilancia - Serpente - Boote con 
AHuro. 

N-0 — Orsa maggiore - Dragone. 

ZENIT — Cigno con Deneh - Lira con Vega. 

VIA LATTEA — Da NE a SO passando per 
lo Zenit. 

MiNiMtTMs DI Algol 
osservabili dalle nostre regioni: 

il 6 ad ore 22 m. 22.7 - il 9 ad ore 19 m. 11.2 
• il 27 ad ore m. 2.8 - il 29 ad ore 20 m. 51,4. 



Fenomeni diversi. 

1 — Comincia l'autunno meteorologico. 

5 — ore 12, Mercurio cong. Venere. 

7 — ore 22, Marte cong. Luna. 

9 — Eclisse totale di Sole invisibile in Eu- 
ropa (ved. pag. 12). 

10 — Comincia l'anno 5665 dell'era israelitica. 

10 — ore 12, Mercurio cong. Luna. 

11 — Comincia l'anno 1897 dell'era etiopica 

od abissina. 
11 — ore 3, Venere cong. Luna. 

19 — ore 12, Urano in quadratura orientale 

(90O est Sole). 

20 — ore 2-t, Saturno cong. Luna. 

23 — ore 12 m. 40, Sole in Libra, equinozio 

di autunno. 
26 — ore 23, Giove cong. Luna. 

Venere. 

Venere brilla sempi-e più a lungo nel cre- 
puscolo serotino. 



46 







1904 - 


OTTOBRE 










CORSO DEL SOLE 


LUNA 


SCORPIONE 23 21h 19» 


MILANO 


ROMA 


PALERMO 


h m 












2 U. Quarto 14 52 


Cala il 


orirvTTir» 


Ih 35'n 
35 


Ih 24™ 
30 


Ih 13n. 
28 


9 L. Nuova 6 25 


Crepuscolo civile 


16 P. Quarto 6 54 


idem astronomico . 


1 41 


1 34 


1 32 


24 L. Piena 11 56 


Data 


Declinaz. 


Equazione 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


<3 


Leva 


Merid. 


Tram. 






m s 


h m 


h m 


h m 


h m 


h m 


h m 


d 


h m 


h m 


h m 


S 1 


S 3" 6',5 


-10 14,9 


6 22 


18 3 


6 7 


17 52 


6 2 


17 51 


22 


22 20 


4 51 


12 15 


D 2 


3 29,8 


10 34,0 


6 23 


18 1 


6 8 


17 50 


6 3 


17 50 


€ 


23 16 


5 44 


13 8 


L 3 


3 53,0 


10 52,8 


6 24 


17 59 


6 9 


17 49 


6 4 


17 48 


24 


— 


6 39 


13 58 


M 4 


4 16,3 


11 11,2 


6 26 


17 58 


6 10 


17 47 


6 4 


17 46 


25 


18 


7 35 


14 45 


M 5 


4 39,4 


11 29,3 


6 27 


17 56 


6 11 


17 45 


6 5 


17 45 


26 


1 24 


8 31 


15 29 


G 6 


5 2,5 


11 47,0 


6 28 


17 54 


6 13 


17 44 


6 6 


17 44 


27 


2 35 


9 27 


16 9 


V 7 


5 25,6 


12 4,2 


6 30 


17 52 


6 14 


17 42 


6 7 


17 42 


28 


3 48 


10 23 


16 48 


S 8 


5 48,5 


12 21,1 


6 31 


17 50 


6 15 


17 40 


6 8 


17 40 


29 


5 2 


11 19 


17 25 


I> 9 


6 11,4 


12 37.6 


6 32 


17 48 


6 16 


17 39 


6 9 


17 39 


# 


6 17 


12 14 


18 3 


L 10 


6 34,3 


12 53,6 


6 33 


17 46 


6.17 


17 37 


6 10 


17 37 


2 


7 30 


13 10 


18 42 


M 11 


•6 57,0 


13 9,1 


6 35 


17 45 


6 18 


17 35 


6 11 


17 36 


3 


8 42 


14 6 


19 24 


M 12 


7 19,6 


13 24,2 


6 36 


17 43 


6 19 


17 34 


6 12 


17 35 


4 


9 50 


15 1 


20 8 


G 13 


7 42,2 


13 38,8 


6 37 


17 41 


6 20 


17 32 


6 13 


17 33 


5 


10 52 


15 56 


20 57 


V 14 


8 4,6 


13 52,9 


6 39 


17 39 


6 21 


17 30 


6 14 


17 32 


6 


11 49 


16 49 


21 48 


S 15 


8 26,9 


14 6,4 


6 40 


17 37 


6 23 


17 29 


6 15 


17 30 


7 


12 40 


17 40 


22 42 


I> 16 


8 49,1 


14 19,4 


6 42 


17 36 


6 24 


17 27 


6 16 


17 29 


3 


13 25 


18 29 


23 37 


L 17 


9 11,2 


14 31,9 


6 43 


17 34 


6 25 


17 26 


6 17 


17 28 


9 


14 4 


19 17 


_ 


M 18 


9 33,1 


14 43,8 


6 44 


17 32 


6 26 


17 24 


6 18 


17 26 


10 


14 39 


20 2 


33 


M 19 


9 54,9 


14 55,1 


6 45 


17 30 


6 27 


17 23 


6 19 


17 25 


11 


15 11 


20 46 


1 30 


G 20 


10 16,6 


15 5,8 


6 47 


17 29 


6 28 


17 21 


6 20 


17 23 


12 


15 40 


21 29 


2 27 


V 21 


10 38,1 


15 15,9 


6 48 


17 27 


6 30 


17 20 


6 21 


17 22 


13 


16 9 


22 11 


3 23 


S 22 


10 59,4 


15 25,3 


6 49 


17 25 


6 31 


17 18 


6 22 


17 21 


14 


16 37 


22 54 


4 20 


» 23 


11 20,6 


15 34,0 


6 61 


17 24 


6 32 


17 17 


6 23 


17 19 


15 


17 6 


23 37 


6 17 


L 24 


11 41,6 


15 42,1 


6 62 


17 22 


6 33 


17 15 


6 24 


17 18 


(?) 


17 88 


— 


6 16 


M 25 


12 2,4 


16 49,4 


6 54 


17 21 


6 34 


17 14 


6 25 


17 17 


17 


18 11 


22 


7 14 


M 26 


12 23,0 


15 56,1 


6 55 


17 19 


6 36 


17 12 


6 26 


17 16 


18 


18 48 


1 9 


8 13 


G 27 


12 43,5 


16 2,0 


6 56 


17 17 


6 37 


17 11 


6 27 


17 14 


19 


19 29 


1 57 


9 12 


V 28 


13 3,7 


16 7,1 


6 58 


17 16 


6 38 


17 9 


6 28 


17 13 


20 


20 17 


2 48 


10 9 


S 29 


13 23,8 


16 11,5 


6 59 


17 14 


6 39 


17 8 


6 29 


17 12 


21 


21 10 


8 40 


11 4 


I>30 


13 43,6 


16 15,1 


7 1 


17 13 


6 40 


17 7 


6 80 


17 11 


22 


22 9 


4 34 


11 55 


L 31 


S 14 3,2 


-16 17,9 


7 2 


17 11 


6 42 


17 5 


6 31 


17 10| 


23 


23 12 


6 28 


12 43 



CORSO LEI PIANETI 



Nome 


VISIBILITÀ 


Me- 
rid.o 


Plaga 


Nome 

E DATA 


VISIBILITÀ 


Me- 
rid.» 


Plaga 


E DATA 


sera 


notte 


matt. 


sera 


notte 


matt. 
ovest 




1 

Mercurio 11 
21 


- 


— 


est 
est 
est 


10 56 

11 9 
11 32 


Ver- 
gine 


1 

Giove 

1 


1 
16 


est 


sud 
SSO 


1 17 


Ariete 


Saturno 

j 


1 

16 


SE 

SSE 


S-O 
OSO 


— 


20 39 
19 89 


Ca- 


1 


OSO 

oso 

OSO 








13 26 
13 34 
13 44 


Verg. 
Bilan. 


pria 


Venere 11 
21 


Urano 


1 
16 


8S0 
8-0 


- 


— 


17 14 
16 17 


Sa- 
gltt. 


Marte jj 


- 


SSE 
SSE 


9 41 

9 17 


Leone 


Nettuno 


1 
16 


est 
est 


sud 
sud 


6 7 


Gem. 



— 47 — 

OTTOBRE - 1904 

IL FIRMAMENTO - Cartina X» - Ore 21 20 19. 

N 




DIARIO DELL'OSSERVATORE 



Costellazioni visibìli. 

{Vedasi V istruzione a pag. 26). 

NORD - Testa dell'Orsa maggiore - Orsa mi- 
nore - Cefeo. ■ 

N-E - Auriga colla Capra - Perseo con Algo- 
- Cassiopea. 

EST - Toro colle Jadi, fra cui Jldebaran, e 
le Plejadi - Andromeda. 

S-E - Balena con Mira - Pesci - Pegaso. 

SUD — Pesce australe - Acquario. 

S-0 — Capricorno - Sagittario - Aquila con 
AUair. 

OVEST — Serpente - Ofiuco - Boote con A r- 
turo - Corona boreale colla Perla - Ercole 
coir Apice solare - Lira colla Vega. 

N-O — Orsa maggiore - Dragone. 

ZENIT — Cigno con Deneb - Cefeo. 

VIA LATTEA - Da NNE a SSO passando 
per lo Zenit. 

MlNUnJMS DI ALGOIì 
osservabili dalle nostre regioni: 

il 19 ad ore 22 m. 32.1 - U 22 ad ore 19 m. 20,8. 



Fenomeni diversi. 

] — ore 19, Mercurio nella massima elon- 
gazione occidentale (170 52' ovest Sole). 

1 — ore 20, Nettuno in quadratura occiden- 
tale '(go» ovest Sole). 

6 — ore 12, Marte cong. Luna. 

8 - Comincia il flusso delle Orionidi, mas- 
simo al 20, fino al 24. 

8 — ore 4, Mercurio cong. Luna. 
10 — ore 24, Venere cong. Luna. 

18 — ore 5, Saturno cong. Luna. 

19 — ore 1, Giove in opposizione, ossia nella 

plaga opposta al Sole. 

20 — Flusso massimo da v orione. 
23 — ore 23, Giove cong. Luna. 

31 — ore 12, Mercurio in congiunzione su- 
periore, al di là del Sole. 

Giove 

Il pianeta in circostanze più favorevoli è 
Giove, il gigante del Sistema solare, 1279 volte 
maggiore della nostra Terra. Hj importante 
studiarne le fascie equatoriali e le macchie 
variabili che su di esse si producono. 



— 48 — 

1904 - NOVEMBRE 



CORSO DEL SOLE 


LUNA 


SAGITTARIO 22 


18h 16™ 


MILANO 


ROMA 


PALERMO 


h m 
1 U. Quarto 13 
7 L. Nuova 16 37 
















Cala il 






Ih llm 


Ih 


3m 


0^ 54ra 


15 P. Quarto 1 3'; 
23 L. Piena 4 12 


Crepuscolo civile 




36 





32 


30 


idem astronomico. . 


1 44 


1 


38 


1 36 . 


30 U. Quarto 8 38 


Data 


Declinaz. 


Equazione 


Leva, 


jTram. 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


UJ 


Leva 


Merid. 


Tram. 






m s 


h m 


h m 


h m 


h m 


h m 


h m 


d 


h m 


h m 


h m 


M 1 


S 14'>22',6 


-16 19,9 


7 4 


17 10 


6 43 


17 4 


6 32 


17 9 


(C 


— 


6 23 


13 26 


M 2 


14 41,8 


16 21,1 


7 5 


17 8 


6 44 


17 3 


6 33 


17 8 


24 


18 


7 17 


14 6 


G 3 


15 0,7 


16 21,4 


7 6 


17 7 


6 45 


17 2 


6 34 


17 6 


25 


1 28 


8 11 


14 43 


V 4 


15 19,4 


16 20,9 


7 8 


17 6 


6 46 


17 


6 35 


17 5 


26 


2 39 


9 4 


15 20 


S 5 


15 37,9 


16 19,6 


7 9 


17 4 


6 48 


16 59 


6 36 


17 4 


27 


3 52 


9 58 


15 56 


» 6 


15 56,1 


16 17.5 


7 11 


17 3 


6 49 


16 58 


6 37 


17 3 


28 


5 4 


10 53 


16 34 


L 7 


16 13,9 


16 14,5 


7 12 


17 2 


6 50 


16 57 


6 38 


17 2 


^ 


6 17 


11 48 


17 13 


M 8 


16 31,6 


16 10.6 


7 13 


17 


6 51 


16 56 


6 39 


17 1 


1 


7 27 


12 44 


17 56 


M 19 


16 48,9 


16 6,0 


7 15 


16 59 


6 53 


16 55 


6 41 


17 


2 


8 34 


13 40 


18 -14 


G 10 


17 6,0 


16 0,5 


7 16 


16 58 


6 54 


16 54 


6 42 


16 59 


3 


9 36 


14 36 


19 34 


V 11 


17 22,8 


15 54,1 


7 18 


16 57 


6 55 


16 52 


6 43 


16 58 


4 


10 31 


15 29 


20 29 


S 12 


17 39,3 


15 46,9 


7 19 


16 55 


6 66 


16 51 


6 44 


16 58 





11 20 


16 21 


21 25 


D 13 


17 55,4 


15 38.9 


7 20 


16 54 


6 58 


16 51 


6 45 


16 57 


6 


12 2 


17 10 


22 22 


L 14 


18 11,3 


15 30,1 


7 22 


16 53 


6 59 


16 50 


6 46 


16 56 


7 


12 39 


17 57 


23 19 


M 15 


18 26,9 


15 20,4 


7 23 


16 52 


7 


16 49 


6 47 


16 55 


0) 


13 12 


18 42 


_ 


M 16 


18 42,1 


15 9,9 


7 25 


16 51 


7 1 


16 48 


6 48 


16 54 


9 


13 42 


19 25 


16 


G 17 


18 57,0 


14 58,6 


7 26 


16 50 


7 3 


16 47 


6 49 


16 54 


10 


14 11 


20 7 


1 13 


V 18 


19 11,5 


14 46,5 


7 27 


16 49 


7 4 


16 46 


6 50 


16 53 


11 


14 39 


20 50 


2 11 


S 29 


19 25,8 


14 33,5 


7 29 


16 48 


7 5 


16 45 


6 51 


16 52 


12 


15 8 


21 33 


3 8 


D 20 


19 39,6 


14 19,7 


7 30 


16 47 


7 6 


16 45 


6 53 


16 52 


13 


15 37 


22 17 


4 5 


L 21 


19 54,1 


14 5.2 


7 31 


16 46 


7 7 


16 44 


6 54 


16 51 


14 


16 10 


23 3 


5 4 


M 22 


20 6,2 


13 49.8 


7 33 


16 46 


7 9 


16 43 


6 55 


16 51 


15 


16 46 


23 52 


6 4 


M 23 


20 19,0 


13 33,6 


7 34 


16 45 


7 10 


16 42 


6 56 


16 50 


f^ 


17 2" 


_ 


7 4 


G 24 


20 31,4 


13 16,7 


7 35 


16 44 


7 11 


16 42 


6 57 


16 50 


17 


18 13 


43 


8 3 


V 25 


20 43,4 


12 59,0 


7 37 


16 44 


7 12 


16 41 


6 58 


16 49 


18 


19 5 


1 36 


9 


S 26 


20 55,0 


12 40,5 


7 38 


16 43 


7 13 


16 41 


6 59 


16 48 


19 


20 8 


2 30 


9 53 


I>27 


21 6,3 


12 21,3 


7 39 


16 42 


7 14 


16 40 


7 


16 48 


20 


21 5 


3 25 


10 4.T 


L 28 


21 17,1 


12 1,3 


7 40 


16 42 


7 16 


16 40 


7 1 


16 48 


21 


22 10 


4 20 


11 2S 


M 29 


21 27,5 


li 40,6 


7 41 


16 41 


7 17 


16 39 


7 2 


16 48 


22 


23 18 


5 13 


12 S 


M 30 


S 21 37,5 


-11 19,2 


7 48 


16 41 


7 18 


16 39 


7 3 


16 48 


€ 


— 


6 6 


12 46 



CORSO DEI PIAISTETI 



Nome 


A 


VISIBILITÀ 


Me- 


Plaga 


NOMK 
E DATA 


VISIBILITÀ 


Me- 
rid.» 


Plaga 


E DAT 


sera 

ovest 
ovest 


notte 


matt. 

SSE 
SSE 


rid.» 


sera 

E8E 
ESE 


nott« 

SSO 
SSO 


matt. 




Mercurio 


1 
11 
21 


11 57 

12 20 

IO Ati 


Bllan. 


Giove 


1 
16 


_ 


22 55 
21 50 


Ariel. 






Saturno 


1 
16 


sud 
SSO 


ovest 


_ 


18 37 
17 40 

15 16 
14 21 


Ca- 




1 
11 
21 


SO 
8-0 
S-O 


— 


13 57 Bilan. 

14 11 Scorp. 
14 26 Ofiuco 


prlc. 


Venere 


Urano 


1 
16 


OSO 
OSO 


ESE 
SE 


- 


Sa- 
gitt 


Marte 


1 
16 


- 


- 


8 50 
8 24 


Ver- 
gine 


Nettuno 


16 


- 


SSO 
S-O 


4 5 
3 5 


Gem. 



48« — 



PBEmiTO STABILinEHTO 

-^ Tipo-Litografico 



>-^^8^-* 

Piazza del Duomo, 22 

Via de* Servi, 2 



REGISTRI DI OGNI GENERE 

COPIA LETTERE fc^^Tj 

RILEGATORIA ^ ^^^ 




SI ESEGUISCE 



DI LIBRI 

*"^ ^ QUALUNQUE LAVORO 



<3j* 



'^V AMMnnSTRAZIOHI PDBBUCHE E PRIVATE 

?^^ Specialità 

in CARTELLI RECLAME 

e CARTOLINE ILLUSTRATE 



CARTA DA LETTERE A LITTO. EC, CON MOSOGRAIMA. 

MENO PER PRANZI, SONETTI, 8C. 



Gabtx topoobafichs e geoqrai-iche, Tavole d' illustb azioni scientifiche, Campio- 

NAKII DI PRODOTTI AQBICOLI, AXIMENTABI, INDUSTBIALI E COMMEBCIALX. CaBTE-VaLOBI, MA- 
NIFESTI D'OCCASIONE. Disegni peb giobnali e pebiodici. Stemmi e Monogbammi peb 

BOMBONNTÈBES, SPECIALITÀ IN BIGLIETTI DA VISITA E PaBTECIPAZIONI. 



P]?ezzi eccezioncill. 



A8b 







V. Valvassori Franco 

5epe in Torino 



< 



VIA CAVOUR, 15 



PEPOSITo in FIRENZE 



VIA DE'GINORI, ó 

TELEFONO 1373. 



RAPPRESENTANTE 






49 



NOVEMBRE - 1904 



IL FIRMAMENTO - Caiitina XI» - Ore 21 20 19. 




DIARIO DELL' OSSERVATORE 



Costellazioni visibili. 
{Vedasi l'istruzione a pag. 26). 

NORD — Le due Orse - Cassiopea. 

N-E - Gemelli con Castore e FoJlnce - Auriga 

colla t'apra - Perseo con Ah/ol. 
EST - Orione con Beteìyeuse, Rigel, B^ìla- 

trix, ec. - Toro colle Jadi, fra cui Aide- 

baran, e le Plejadi. 
H-E — Eridano - Balena con Mira - Ariete - 

Pesci. 
SUD — Pesce australe - Pegaso. 
SO — Acquario - Capricorno. 
OVEST — Aquila con Altair - Ofiuco - Cigno 

con Deneb. 
N-0 — Ercole coll'Apice solare - Lira con Vega 

- Dragone - Cefeo. 
ZENIT - Andromeda. 
VIA LATTEA - Da Est a Ovest per lo Zenit. 

MlNIMUMS DI ALOOIi 
osservabili dalle nostre regioni: 

11 9 ad ore m. 13.6 - l'il ad ore 21 m. 2.5 
• il 14 ad ore 17 m. 51.4. 



Fenomeni diversi. 

3 — Minimo di Mira Ceti, osserv.abile col 

canocchiale di notte a sud. 

4 — ore 1, Mai'te cong. Luna. 

7 — ore 13, Saturno in quadratura orien- 
tale (90o est Sole). 
7 — ore 22, Mercurio cong. Luna. 
10 — Comincia il flusso delle Leonidi, os??er- 
vabile nella seconda metà della notte, 
massimo il 14. 
10 — ore 2, Venere cong. Luna. 
14 — ore 13, Saturno cong. Luna. 
14 — Flusso massimo delle Leonidi, irradianti 

da ^ Leone, fino al 18. 
17 — ore 4, Venere cong. Urano. 
19 — ore 24, Giove cong. Luna. 
23 — Flusso delle Andromedeidi o Bididi, ir- 
radianti da y Andromeda ; dura sino al 27. 
vedi pag. 22. 

Dalla fine di novembre, e per tutto dicem- 
bre, osservare, di prima sera, a levante Giovo 
ed a ponente Saturno e Venere, vicini. 

4 



- 50 — 

1904 - DICEMBRE 



CORSO DEL SOLE 


LUNA 


CAPEICORNO 22 


7hl4m 


MILANO 


ROMA 


PALERMO 


h m 

7 L. Nuova 4 47 


















Cala il giorno fino 


al 21-23. 


0^ 19m 


Oh 17m 




Oh 15m 


14 P. Quarto 23 7 


poi 


cresce . . 




4 





3 




3 


22 L. Piena 19 1 


Crepuscolo civile 




39 





33 




31 


29 U. Quarto 16 46 


idem astronomico. . 


1 50 


1 


43 




1 39 




Data 


Declinaz. 


Equazione 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


Leva 


Tram. 


<8 
UJ 


Leva 


Merid. 


Tram. 






m s 


h m 


h m 


h m 


h m 


h 


m 


h m 


d 


h m 


h m 


h m 


G 1 


S 21o47'l, 


-10 57,1 


7 44 


16 40 


7 19 


16 39 




4 


16 47 


24 


27 


6 58 


13 21 


V 2 


21 56,3 


10 34,3 


7 45 


16 40 


7 20 


16 38 




5 


16 47 


25 


1 36 


7 50 


13 56 


S 3 


22 5,1 


10 10,9 


7 46 


16 39 


7 21 


16 38 




6 


16 47 


26 


2 46 


8 43 


14 31 


I> 4 


22 13,5 


9 46,9 


7 47 


16 39 


7 22 


16 38 




7 


16 47 


27 


3 56 


9 36 


15 7 


L 5 


22 21,4 


9 2-2,3 


7 48 


16 39 


7 23 


16 38 




8 


16 47 


28 


5 6 


10 30 


15 47 


M 6 


22 28,9 


8 57,1 


7 50 


16 39 


7 24 


16 37 




9 


16 46 


29 


6 14 


11 25 


16 31 


M 7 


22 35,9 


8 31,3 


7 51 


16 39 


7 2ó 


16 37 




9 


16 46 


® 


7 19 


12 21 


17 20 


G 8 


22 42,5 


8 5,1 


7 52 


16 38 


7 26 


16 37 




10 


16 46 


2 


8 18 


13 16 


18 13 


V 9 


22 48,7 


7 38,4 


7 53 


16 38 


7 27 


16 37 




11 


16 46 


3 


9 10 14 9 


19 10 


S 10 


22 54,4 


7 11,3 


7 54 


16 38 


7 28 


16 37 




12 


16 46 


4 


9 56 


15 1 


20 7 


I> 11 


22 59,6 


6 43,8 


7 55 


16 38 


7 29 


16 37 




13 


16 47 


5 


10 37 


15 49 


21 6 


L 12 


23 4,4 


6 15,9 


7 55 


16 38 


7 30 


16 37 




13 


16 47 


6 


11 12 


16 36 


22 4 


M 13 


23 8,8 


5 47,7 


7 56 


16 38 


7 30 


16 37 




14 


16 47 


7 


11 44 


17 20 


23 1 


M 14 


23 12,7 


5 19,1 


7 57 


16 38 


7 31 


16 38 




15 


16 47 


H) 


12 13 


18 3 


23 59 


G 15 


23 16,1 


4 50,3 


7 58 


16 39 


7 32 


16 38 




16 


16 47 


9 


12 41 


18 45 


— 


V 16 


23 19.1 


4 21,3 


7 59 


16 39 


7 33 


16 38 




16 


16 48 


10 


13 9 


19 27 


55 


S 17 


23 21,5 


3 52,0 


7 59 


16 39 


7 33 


16 38 




17 


16 48 


11 


13 38 


20 11 


1 53 


I> 18 


23 23,6 


3 22,5 


8 


16 39 


7 34 


16 39 




18 


16 49 


12 


14 9 


20 56 


2 51 


L 19 


23 25,1 


2 52,9 


8 1 


16 40 


7 35 


16 39 


7 18 


16 49 


13 


14 43 


21 43 


3 50 


M 20 


23 26,2 


2 23,2 


8 1 


16 40 


7 35 


16 39 




19 


16 49 


14 


15 21 


22 33 


4 50 


M 21 


23 26,8 


1 53,5 


8 2 


16 41 


7 36 


16 40 




19 


16 50 


15 


16 5 


23 26 


5 50 


G 22 


23 27,0 


1 23,6 


8 2 


16 41 


7 36 


16 40 




20 


16 50 


m 


16 55 


— 


6 49 


V 23 


23 26,6 


53,8 


8 3 


16 42 


7 37 


16 41 




20 


16 51 


17 


17 52 


21 


7 46 


S 24 


23 25,8 


- 23,9 


8 3 


16 42 


7 37 


16 41 




21 


16 51 


18 


18 54 


1 17 


8 38 


I> 25 


23 24,5 


+ 5,8 


8 4 


16 43 


7 38 


16 42 




21 


16 52 


19 


20 


2 13 


9 26 


L 26 


23 22,8 


35,6 


8 4 


16 44 


7 38 


16 43 




22 


16 52 


20 


21 9 


3 9 


10 9 


M 27 


23 20,6 


1 5,3 


8 4 


16 44 


7 38 


16 43 




22 


16 53 


21 


22 18 


4 3 


10 48 


M 28 


23 17,9 


1 34,8 


8 5 


16 45 


7 39 


16 44 




22 


16 54 


22 


23 28 


4 56 


11 24 


G 29 


23 14,7 


2 4,1 


8 5 


16 46 


7 39 


16 45 




23 


16 54 


(C 


— 


5 48 


11 .^8 


V 30 


23 11,1 


2 33,3 


8 5 


16 47 


7 39 


16 45 




23 


16 65 


24 


37 


6 39 


12 33 


S 31 


S 23 7,0 


+ 3 2,3 


8 5 


16 48 


7 39 


16 46 


7 23 


16 56 


— 


1 46 


7 31 


13 8 









CORSO 


DEI I>IANETI 








NOMK 


A 


VISIBILITÀ. 


Me- 
rid.o 


Plaga 


NOMR 
E DATA 


VISIBILITÀ 


Me- 
rid.o 


Plaga 


E DAT 


sera 


notte 


matt 


sera 

S-E 
S-E 


notte 


matt 




Mercurio 


1 
11 

21 


ovest 
ovest 
ovest 





_ 


13 11 
13 32 
13 26 


Ofiuco 
Sagitt. 


Gio„ ,J 


S-0 
S-O 


— 


20 47 
19 47 


Pesci 




Saturno jj 


S-0 
S-0 


- 


— 


16 45 
15 50 


Ca- 




1 
11 
21 


SO 
S-0 
8-0 







14 39 
14 52 
16 3 


Sagltt. 
Capr. 


pric. 


Venere 


Urano ,] 


ovest 
ovest 


- 


- 


13 26 
12 30 

2 6 
1 4 


Sa- 
gitt. 


Marte 


1 
16 


- 


est 


SSE 
sud 


7 57 
7 29 


Verg. 


Nettuno ^J 


— 


SSE 
sud 


OSO 
ovest 


Gem. 



— 51 — 

DICEMBRE - 1904 

IL FIEMAMENTO — Cartina XII» - Ore 21 20 19. 

N 




DIARIO DELL' OSSERVATORE 



Costellazioni visibili. 
{Vedasi V istruzione a pag. 26). 

NORD — Coda dell' Orsa maggiore - Orsa mi- 
nore. 

N-E. — Orsa maggiore - Auriga colla Capra. 

EST — Cancro - Gemelli con Castore e Fol- 
luce - Cane minore con Procione. 

S-E — Cane maggiore con Sirio - Orione con 
Belel^euse, Rigel, Bellatrix, ec. - Toro colle 
Jadi, fra cui Aldebaran, e le Plejadi - Eri- 
dano. 

SUD — Balena con ifira • Ariete. 

S-0 — Pesce australe - Acquario - Pesci - Pe- 
gaso. 

OVEST — Aquila con AUair • Cigno con 
Deneb. 

N-0 — Ercole coll'Apice solare - Lira con 
Vega • Dragone - Cefeo. 

ZENIT — Andromeda - Perseo con Algol - 
Cassiopea. 

VIA LATTEA — Da ONO ad ESE per lo Zenit. 

MnniiuMS di Algol 
osservabili dalle nostre regioni: 

V 1 ad ore 22 m. 45.1 - il 4 ad ore 19 m. 34.1 
- il 22 ad ore m. 28.5 - il 24 ad ore 21 
IO. 17.7 - U 27 ad ore 18 m. 6.9. 



Fenomeni diversi. 

1 — Comincia l'inverno meteorologico. 

2 — ore 10, Marte in vicinissima cong. Luna 

(22' al Sud), visibile al mattino. 

3 — ore 23, Mercurio cong. Urano. 

7 — Mira Ceti si rende visibile ad occhio 

nudo, di prima notte al sud. 

8 — ore 19, Mercurio cong. Luna. 
10 — ore 10, Venere cong. Luna. 

10 a 12 — Flusso delle Geminidi, irradianti 
dai pressi di Castore. 

12 — ore 1, Saturno cong. Luna. 

14 — ore 13, Mercurio nella massima elon- 
gazione orientale (20<>25' est Sole). 

17 — ore 5, Giove cong. Luna. 

22 — ore 7 m. 14 Sole in Capricorno, solsti- 
zio d'inverno. 

22 — ore 10, Urano cong. Sole. 

28 — ore 10, Venere cong. Saturno, questo 
48' al nord di quello. Coppia planetaria 
interessante ad osservarsi nel crepuscolo 
serotino. 

30 — ore 18, Marte cong. Luna. 

31 — ore 17, Mercurio in cong. inferiore, os* 

sia tra noi e il Sole. 



— 52 



FESTE, CENTENARI ED ESPOSIZIONI DEL 1904 



L'anno 1904 sarà ricco di importanti com- 
memorazioni e feste centenarie. Avremo an- 
zitutto il 20 luglio il VI centenario della na- 




(Da un' incisione del Sec. X V). 

scita del Fetrarca, per il quale rimandiamo 
air articolo speciale di un nostro valente col- 
laboratore; poi quello della morte di San Gre- 
gorio Magno, uno dei padri della Chiesa (nato 
il 550, eletto papa il 590, morto il 604); la sua 
festa è il 12 marzo. A questo santo pontefice 
furono già fatte solenni feste centenai-ie nel 
1890, per il XIII anno secolare dalla sua elo- 
zione al papato. 

In Germania, e specialmente a Kunigsberg, 
si preparano grandi feste al sommo filosofo 
Emanuele Kant, il fondatore del ciMticismo, 
nato in quella città il 1724, morto il 12 feb- 
braio 1804 ; come in Italia, a Milano, uno spe- 
ciale comitato già lavora per commemorare 
degnamente il primo centenario della nascita 
di Cesare Cantù, l'illustre storico e letterato, 
poligrafo operosissimo, nato a Brivio, in quel 
di Lecco, il 5 dicembre 1804, morto a Milano 
ril marzo 1895. 

Molti altri centenari di personaggi minori 
potranno ricordai-si: come quelli della nascita 
di G. B. Pergolesi, celebre compositore di mu- 
sica (nato a Jesi il 4 gennaio 1704, t 1730), di 
Giorgio Sand, nome letterario della famosa 
scrittrice di romanzi. Aurora Dudevant (nata 
a Parigi il 5 luglio 1804, t 187tì); nonché di 
molti personaggi del nostro Risorgimento che 
il secolo scorso vide tutti nascere e operare: 
infatti il 4 aprile del 1804 nasceva a Modena il 
generale Ifirola Fabrizi (morto 11 1885), il 13 
maggio a Venezia Daniele Manin, dittatore 
durante la gloriosa Repubblica Veneziana 
(morto il 1857), 11 25 luglio a Torino il conte 



C<(rlo Bonrompagnì di Momhello, giureconsulto 
e uomo di Stato (morto il 1880), il 10 agosto 
a Livorno Francesco Domenico Guerrazzi, fa- 
moso agitatore politico, romanziere popolaris- 
simo (morto a Cecina il 23 settembre 1873), il 
17 novembre a Torino il generale Alfonso Fer- 
rerò della Mar mora, che tanta parte ebbe nelle 
guerre dell'indipendenza d'Italia (morto a 
Firenze il 5 gennaio 1878). 

E pure nel 1904 avremo i centenari delle 
morti di Isabella Andreini, comica e poetessa, 
nata a Padova il 1562, morta a Lione il 1(> 
giugno 1604; di Bossuet, il più grande prosa- 
tore francese del sec. XVII, nato a Dijon il 
1627, morto a Parigi il 12 aprile 1704; di 7^- 
nedetto Memi ni, letterato e poeta satirico, nato 
a Firenze il 1646, morto ivi il 7 settembre 
1704; di Giovanni Locke, celebre filosofo in- 
glese, rinnovatore del sensismo, nato il 1632, 
morto il 28 ottobre 1704; dell' ab. Angelo Fu- 
magalli, storico, ed archeologo milanese, nato 
il 1728, morto il 12 marzo 1804. 

Vi sono poi altre ricorrenze storiche. In 
aprile sarà celebrato il IX centenario della 
fondazione della stox-ica Badia di Grotta fer- 
rata, dei monaci greci basiliani; al vetusto 
edificio che è anche monumento nazionale, 
si stanno compiendo importanti restauri, e 
per quell'occasione si preparano grandi fe- 
steggiamenti e forse si inaugurerà il tranvai 
elettrico dei Castelli Romani. Compiono pure 
300 anni che Michele Cervantes pubblicò la 
prima parte del siio immortale romanzo Dan 
Chisciotte della Mancia; e cento dalla fonda- 




Emanuele Kant 
(Dal quadro di Stobbe). 

zlone dell' mj/j«ro napoleonico, e dell' impero 
ereditario austriaco. Infatti il 18 maggio 1804 
Napoleone Bonaparte primo console fu pro- 



Srtnnnfittd di L^ttS Mnentemente Emolliente. Sconto del 50% ai possesiori dell'Almanacco 



Italiano. — ( vedi istruitone nella pagina di Tagliandi). 



- 53 - 




Giov. Battista Pkkgolksi 
(da un'incisione del Moiyan). 








Isabella Andueini 
[Da un' incisiviie di Udffuello Sadaler] 



xMÀ.\M 



;x^:è;- 






Giorgio Sand 
{Incisione dì Culaimtlta) 




Fr. Domenico Gueubazzi 
(da una fotografia). 




Spada dell'incoronazione di Napoleone I 
col famoso diamante il " Keggente „, 



claiUìito Imperatore, e il 2 dicembre fu in- 
coronato da Pio VII a Nostra Signora di Pa- 
rigi; l'I 1 agosto dello stesso anno Francesco II 
imperatore romano e germanico erigeva i 




Cesare Cantù. 

possessi austriaci in impero ereditario, assu- 
mendo il titolo di Francesco I imperatore 
d'Austria. 

Compiono 50 anni dall' apertura della fer- 
rovia del Semmering (15 luglio 1854), la prima 
ohe attraversasse le Alpi, e che unisce Vienna 
a Trieste per la via di Graz e a Venezia per 
la Pontebba e Udine ; ne compiono 25 dalla 
scoperta delle prime lampade, a incandescenza 
fatta da Edison (giugno 1879). 

Dal maggio al settembre del 1904 sarà te- 
nuta in Brescia nel Castello Cidneo una Espo- 
sizione regionale di prodotti industriali ed 
agricoli, estesa tuttavia ad ogni altra parte 
d'Italia pei prodotti della bachicoltura, del- 
l'apicoltura, del caseificio, delle macchine ed 



54 — 

attrezzi viticoli o vinicoli e per l'imballaggio 
e la spedizione dei vini, nonché delle mac- 
chine ed attrezzi per l' oleificio e dei prodotti 
dell'acquicoltura cogli attrezzi per la loro col- 
tura artificiale, per la pesca, ec. Una sezione 
speciale e nazionale sarà altresì riservata alla 
caccia, alla scherma e al tiro a segno. L'Espo- 
sizione bresciana è posta sotto l'alto patronato 
del Re. 

Per il 1904 era stata promessa anche l'inau- 
gurazione del nuovo Valico ferroviario attra- 
verso il Sempione, e sarebbe stato bello che 
quest' opera grandiosa si compiesse a mezzo 
secolo preciso di distanza dalla già ricordata 
inaugurazione del Semmering. Per festeg- 
giare questa nuova vittoria dell'ingegneria, 
Milano preparava una grande Esposizione 
(Mostra Internazionale dei Trasporti di Terra 
e di Mare, Mostra Nazionale di Belle Arti, 
Mostra Internazionale di Arte applicata al- 
l'Industria, Mostra Nazionale della Previ- 
denza) ; ma il traforo della gigantesca galleria 
ha presentato difficoltà imprevedute, cosic- 
ché inaugurazione e mostre sono state ri- 
mandate al 1905 insieme ai molti congressi 
che erano stati indetti per quella occasione. 

Invece avremo nel 1904 la grande Espo- 
sizione Internazionale a Saint-Louis nel Mis- 
souri (Stati Uniti di America) che per gran- 
diosità e originalità promette di superare 
Chicago e Parigi. Essa è stata indetta per 
commemorare il centenario della cessione 
della Luisiana venduta nel 1803 dalla Fran- 
cia agli Stati Uniti ; e quindi la Mostra ha il 
nome ufSciale di Louisiana Furchase Exhibi- 
iion. Il centenario si compieva veramente il 
30 aprile 1903, ed in quel giorno fu fatta la 
solenne inaugurazione.... degli edifici e del- 
l'area dove doveva sorgere la Esposizione, 
la quale fu rinviata all'anno successivo; e 
quindi la inaugurazione effettiva avrà luogo 
il 30 aprile 1904. 




Cav. Aug.» Barbantl-Bròdano 

EDICO DENTISTA 

BOLOGNA, Via Venezia. S 




Creta Canforata Arène franca per posta L. 1, 

( Ved. yayina con linff nella). 



6 scatole L. 7,50. 



GENNAIO 1904 



- 55 ~ 



(la Settimana) 



IL NOSTRO CALENDARIO 
SETTIMANALE 

L'abbondanza sempre crescen- 
te di materia nel nostro Almanacco 
ci ha consigliato di ristringere il 
Calendario settimanale, destinando 
ad ogni settimana una pagina in* 
vece che due. Questo si è ottenuto 
col sacritìclo delle E/femeriili, e 
delle righe bianche per annota- 
zioni, righe che a molti erano gra- 
dite, ad altri no, ma che in ogni 
modo pensammo di sopprimere, 
dal momento che non era possi- 
bile di assegnarne ad ogni giorno 
Uii numero sufficiente, e spesso 
già accadeva di dovere rinunciare 
per mancanza di spazio. 

Cosi il nostro Calendario setti- 
manale contiene ora soltanto due 
parti principali, aggruppate gior- 
no per giorno: il Diario sacro, 
esso pure contenuto, per ragione 
di spazio, in forma più succinta 
dei primi anni ; e il Memorandum, 
sempre arricchito di nuove indi- 
cazioni. 



In testa ad ogni settimana abbiamo con- 
tinuata la serie di figure, che tanto piacque 
ai nostri lettori degli scorsi anni, e che illu- 
strano V Italia monumentale e pittoresca. Il titolo 
spiega il concetto che ci muove, come lo spie- 
gano di per sé le figure stesse: sono le ri- 
produzioni, con succinte didascalie, di monu- 
menti antichi e moderai, di paesaggi, di luoghi 
che la natura o l'arte resero insigni e forse 
più noti agli stranieri che a noi medesimi. 
Quest'anno i lettori troveranno una ricca 
scelta di vedute di monumenti e di luoghi 
dell'Italia centrale e meridionale, regioni che 
celano tanti tesori d'arte e di naturali bel- 
lezze, così poco conosciute anche dagli stessi 
cittadini. 

Negli anni decorsi chiedemmo l'aiuto dei 
lettori per completare e correggere le due 
rubriche annunciate, il DiaHo e il Memoran- 
dum, né la preghiera nostra cadde indarno; 
quindi la ripetiamo ancora, desiderando che 
esse offrano sempre più lo specchio fedele 
della vita civile e religiosa, del costume del 
popolo italiano; esimile preghiera rinnoviamo 
per la serie dell'Italia monumentale e pitto- 
resca. Più che i monumenti delle grandi città, 
vorremmo che in questa galleria comparis- 
sero i monumenti pressoché ignorati, ma glo- 
riosi, delle piccole e remote città italiane, o 
anche le splendide vedute delle nostre Alpi, 
dei nostri Appennini, dei nostri laghi, non 
tutte note ai comuni touristes. 

Questa preghiera é dunque specialmente 
diretta ai dilettanti fotografi, ai ciclisti, a tutti 
coloro che amano i tesori d'arte e di bel- 
lezza seminascosti nei loro paesi, che invi- 
tiamo a volerci mandare delle fotografie, che 
noi riprodurremo volentieri, quando ciò sia 
possibile, pubblicando anche i nomi dei cor- , 
tesi donatori. 



I. — AGLIÈ (nel Canavese): Antico Castello, tra- 
sformato in dimora principesca nel 1776 dal duca 
del Chiablese. Ora dei Duchi di Genova. 




(Fotogr. Alinari). 



1 Venerdì 

1-366 



Circoncisione di NS. GC. 



Cerimonia religiosa 
e civile degli ebrei, alla 
quale era soggetto ogni figlio maschio nel- 
l'ottavo giorno dopo la sua nascita. In tale 
circostanza davasi pure un nome al neonato. 

— S. Concordio, prete, martire a Spoleto, circa 
r a. 175. — S. Telemaco, mart. a Roma, l'a. 403. 

{Memorandum. — Capodanno. Festa civile 
legale. Sono chiuse anche le Biblioteche, i 
Musei e le Gallerie del Regno. — I sindaci 
dei comuni pubblicano i manifesti per l'iscri- 
zione nella lista elettorale commerciale e nelle 
liste di leva. Nelle liste di leva devono iscri- 
versi tutti i giovani che nell'anno incomin- 
ciato compiono 11 diciottesimo della loro età. 

— Oggi maturano le cedole annuali o seme- 
strali del maggior numero dei valori bancari 
e industriali. — Estrazione prestito a premi 
Città di Milano 1861 (rimborso il 1» luglio); 
Prestito Città di Roma e Prov. di Torino; 
Obbligazioni Tunisine 1889. 



2 Sabato 

2-365 



S. Isidoro, vescovo. 

Di Ermopoli piccola 
(Demenhur) in Egitto, 
sulla fine del sec. IV, e si venera a Nitria 
(Basso Egitto), — S. Martiniano, vescovo di 
Milano dal 423 al 435 circa. — S. Macario, ro- 
mano, conf., ricordato a Piacenza. — Ss. Al- 
verio e comp., soldati tebei, martiri circa gli 
anni 284-305, patroni di Tossano (prov. di Cu- 
neo), ove furono traslati l'a. 1427. — S. Defen- 



dente, mart., 
Torino). 



onorato a Chivasso (prov. di 



Memorandum. — Oggi cominciano 1 paga- 
menti del lo semestre della rendita consoli- 
data 5 % nominativa e del 1" trimestre della 
rendita consolidata 4,50 % netto. — Estraz, 
Prestito prov. di Ferrara 1879. 



GENNAIO 1904 



5G - 



(2^ Settimana) 



2. — ALGHERO : Entrata della Grotta di Nettuno, presso 
Capo Caccia, una delle più belle grotte del mondo : non ha 
accesso che dal mare e nei soli mesi di luglio e agosto. 




{Fotogr. del aiy. L. V. Bertarelli). 



6 Merci 

6-361 



E/)ìfanìa 
di N. S.G.C. 



Dal greco e significa ma- 
nifestazione. Essa ricorda la 
visita dei Magi, il battesi- 
mo del Salvatore, il mira- 
colo delle nozze di Caiia, 
e la moltiplicazione dei 
pani. — S. Basilissa, verg., 
mart., patrona di Parenzo 
(Trieste). — Ss. Baldassar- 
re, Gaspare, Melchiorre 
(Magi). 

Memorandum. — Festa 
civile legale. Sono chiu^ji 
anche i Musei e le Gallo- 
rie del Regno. — Comincia 
l'ottavario dell'Epifania 
nella chiesa di S. Andrea 
della Valle a Roma per 
cura dei Sacerdoti delle 
Missioni (Pallottini). Dura 
fino al 13. Ogni giorno pre- 
dica italiana alle ore 6, 
messa in rito latino alle 
8 V21 messa in uno dei varii 
riti orientali alle 'J V2. pi'e- 
dica in lingua estera alle 11, 
e altre sacre fuuzioui. 



3 Domenica S- intero, papa, martire. 



3-364 



Greco d'origine, suc- 
cesse l'a. 235 a s. Pon- 
ziano, e fu martirizzato sotto Massimino I 
l'anno 23G. — S. Daniele, levita, martii-e tra 
gli anni 161-169. — S. Genoveffa, verg., mart., 
jjatrona di Parigi. 

Memorandum. — ® L. P. a ore QAl'». 



4 Lunedì 

4-363 



S. Gregorio, vescovo. 
Resse la diocesi di 
Langres (Francia) dal 
507 al 539. — B. Angela da Foligno (prov. di 
Perugia), francescana del terz' ordine, vedo- 
va, morta l'a. 1588. 

Memorandum. — Centenario della nascita 
del musicista G. B. Pergolese. — Oggi a Na- 
poli e in molte altre città dell'Italia meri- 
dionale bisogna riconfermare gli aflltti annui 
dello case o dare licenza. 



5 Martedì 

5-363 



S. Simeone Stilila. 
Nativo di Sisan, pae- 
se tra la Cilicia e la 
Siria: datosi a straordinarie penitenze, si con- 
dannò a vivere la più gran parte della sua 
vita sopra un'alta colonna. Visse dall' a. 391 
al 460. — S. Telesforo, papa dal 127 al 138. - 
S. Emiliana, verg., zia paterna di s. Gregorio 
Magno, onorata a Roma. — S.Rusticiano, vesc. 
di Brescia circa l'a. 694. 

Memorandum. — Stanotte a Roma tradi- 
zionale baldoria, e fiera in Piazza Navona. — 
Pagamento delle pensioni governative di pri- 
ma categoria (uou oltre le 500 lue annue). 



7 Giovedì 1 ^' Luciano, prete, mart. 

7-360 I Nativo di Samosata 
in Siria. Subì il mar- 
tirio per ordine di Massimino, circa l'a. 310. 

— S. Crispino I, vesc. di Pavia, circa l'a. 451. 

— S. Senatore, vescovo di Verona, circa gli 
anni 284-305. — S. Valentino II, vesc. di Terni, 
sul principio del sec. VI. 

Memorandum. — Da oggi è permessa la 
celebrazione delle solennità nuziali, secondo 
i decreti del Concilio Tridentino. — Nel ca- 
lendario Giuliano oggi è Natale. 



8 Venerdì 

8-359 



S. Severino. 

Apostolo de' Norifi 
(Austria), morì l'a. 482. 
— S.Lorenzo Giustiniani, primo patriarca di 
Venezia, dal 1451 al 1456. — S.GuduIa, verg., 
protettrice di Bruxelles (650?-712), morta ad 
Ham, presso Villevorde. 

Memorandum. — Genetliaco di S. M. la Re- 
gina Elcna (1873). Oggi sono chiuse le Scuole, 
le Biblioteche governative, le Gallerie e i 
Musei. — Natale abissino. 



9 Sabato 

9-358 



S. Fortunato, martire. 

Ricordato a Smir- 
ne. — S. Marcellino, ve- 
scovo di Ancona, circa gli anni 650-569. — 

Memorandum. — (C U. Q. a ore 22,10™. — An- 
niversario della morte del re Vittorio Ema- 
nuele lì (1878). Sono chiuse le Scuole e le 
Biblioteche governative. Cerimonia funebre 
al l'autbcou di Roma. 



GENNAIO 1904 



~ 57 - 



(3* Settimana) 



lODom. 

10-357 



S. Guglielmo, 
vescovo. 



Diresse la chiesa di Burges 
(Trancia) dal l'iOO al 1209. — 
8. Giovanni Bono, vescovo di 
Milano (645-660). - Ss. Tecla 
e Giustina, vergini, onorate 
a Lentini (Siracusa). — S. Pie- 
tro Urseolo, do?e di Venezia, 
poi monaco benedett., morto 
l'a. 907. — B.Benincasa, abate 
benedettino di Cava, morto 
l'a. 1194. — Ad Acqui (Pie- 
monte) patronale di S. Guido. 

Memorandum. — A Roma 
nel collegio di Pi-opaganda si 
tiene una famosa Accademia 
poliglotta in onore dei Re 
Magi. — Scadenza cedole se- 
mestrali Azioni Acquedotto 
Nicolay di Genova. 



11 Lun. 

11-356 



S. Igino, papa. 

Successe nel 
-^ papato a s. Te- 
lesforo l'a. 138. — S. Paolino, 
vescovo di Aquileia, morto 
l'a. 790. - S.Anastasio, abate, 
notaio della chiesa romana. 



12 Mart. 

12-355 



ANGLONA (Basilicata): Poeta della Cattedrale, 
boi monumento di architettura nonnanna. 



c 



-:>^ 



S:^'^^^'^'^^' 



S. Modesto, m. 

Soflfrìilmar- 
tirio a Carta- 
gine. — S. Taziana, martire 
a Roma sotto Alessandro Se- 
vero (223-235). — 8. Probo, vescovo di Ve- 
rona circa il principio del sec. VI. — S. Ono- 
rata, vergine pavese (sec. V). — 8. luvenzio 
o Evenzio II, vesc. di Pavia, morto l'a. 403. 

Memorandum. — Si commemora a Palermo 
il pi-incipio della Rivoluzione siciliana del 1848. 
— Pagamento delle pensioni governative di 
t€rza categoria (superiori a L. 2000 annue). 




13 Mercoledì 1 S. Leonzio, vescovo. 
13-354 Fiorì sul principio 

■ del sec. IV a Cesarea 

di Cappadocia. — 8. Potilo, patrono di Ca- 
gliari, dove ha luogo la sua festa il 14 feb- 
braio. Fu martire circa l'a. 168. — B. Vero- 
nica da Rinasco (Milano), vergine agostiniana, 
morta l'a. 1497. 

Memorandum. — Genetliaco del Principe 
Emanuele Filiberto, Duca d'Aosta (1869). 



14 Giovedì I ^' 'Jaz'O, vescovo. 
14-353 Di Milano dal 530 

'al 552. — B. Oderico 

Mattiussl da Pc.rdenone (Udine), minorità 
(sec. XIV). — S. Andrea Corsini, carmelitano, 
vesc. di Fiesole dal 1362 al 1373. — S. Bianca, 
badessa. — A Parma, patronale di 8. Ilario. 

Memorandum. — Primo giorno dell'anno 
S'jcoudo il calendario Grcco-llusso, 



15 Venerdì 

15-352 



S. Mauro, monaco. 

Benedettino, mori 

' più che settuagenario 

l'a. 565. — 8. Efisio, da Antiochia, ricordato a 
Cagliari (sec. III-IV). — S. Maurizio, venerato 
ad Alba (Cuneo) e patrono di Lucerna (Sviz- 
zera). 

Memorandum. — Per la ricorrenza di 8. Mau- 
rizio si conferiscono le decorazioni dell' or- 
dine dei 8S. Maurizio e Lazzaro. — Ultimo 
giorno per la presentazione delle domande di 
ammissione alla Scuola di Guerra in Torino. 
— Chiusura della caccia alla lepre nella prov. 
di Teramo; e di quella con le reti, col vi- 
schio ec, nella prov. di Verona. 



16 Sabato 

16-351 



S. Marcello, papa. 

Eletto l'a. 304, morì 
l'a. 310 sotto Massen- 
zio. — 8. Tiziano, vescovo di Oderzo (Treviso), 
morto circa l'a. 640. — S. Felice, vescovo afri- 
cano, martire a Nola (circa gli anni 284-305). 

— S. Valerio, vesc. di Sorrento, circa l' a. 453. 

— 8. Priscilla, matrona romana (sec. I). — 
Bb. Giovanna da Bagnorea e Agnese da Sar- 
sina, vergini camaldolesi. — 8. Liberata, verg., 
ricordata a Pavia. 

Memorandum. — Fiera a Vittorio (Treviso). 
Dura 8 giorni. — Da oggi sono permessi la 
pesca e il commercio dei carpioni, delle trot^ 
e delle bottatrici. 



GENNAIO 1904 



- 58 - 



(4» Settimana) 



4. — ASCOLI PICENO: Piazza del Popolo, col 
palazzo del comune e l' abside della chiesa di S. Fran- 
cesco. 




17 Domenica 

17-350 



Il Ss. Nome di Gesù. 

Solennità istituita fin 

'dal 1500 e fissata per 

tutta la chiesa alla seconda domenica dopo 
l'Epifania. — S.Antonio abate, celebre ana- 
coreta della Tebaide, morì a centocinque 
anni, l'a. 356. 

Memorandum. — ® L. N. a ore 16.47™. — 
Per la festa di S. Antonio, in quasi tutta Italia 
si pratica la cerimonia della benedizione degli 
animali, e specialmente dei cavalli, degli asini 
e dei muli. 



18 Lunedi 

18-349 



La Catledra di S. Pietro 
in Roma. 



Ossia la venuta di questo apostolo nella 
città eterna. — S. Prisca, vergine romana. 

Memorandum. — Anniversario della morte 
del principe Amedeo, duca d'Aosta (1890). Ce- 
rimonia funebre alla basilica di Superga. 



19 Martedì 

19-348 



B. Beatrice d'Este. 
Fondò e diresse un 
' monastero di benedet- 
tine a Ferrara, e morì l'anno 1262. — S. Pon- 
ziano, martire di Spoleto, l'a. 145, — S. Bas- 
Biauo, vescovo di Lodi dal 378 al 413 dove è 



festa patronale della diocesi. — 
S. Leucio, martire di Todi. — S. Ca- 
tello, vescovo e protettore di Ca- 
stellammare di S tabi a (sec. VII). 

Memorandum. — Fiera di S. An- 
tonio a Terni. — Neil' Umbria, e 
particolarmente a Foligno, si ri- 
corda con funzioni sacre l'anniver- 
sario del terribile terremoto del 
1831. 



20 Mercol. 

20-347 



S. Fabiano, papa, 
martire. 

Eesse la Chiesa dal 236 al 250. 
— S. Sebastiano, oriundo di Mila- 
no, martire in Roma l'a. 288. — 
A Firenze, patronale del sodalizio 
dell'Arciconfrateruita della Miseri- 
cordia. 

Memorandum. — Per la festa di 
S. Sebastiano, corsa dei nudi a Me- 
nili in Sicilia (prov. di Siracusa). — 
Pagamento delle pensioni governa- 
tive di seconda categoria (supe- 
riori a L. 500, ma non a L. 2000 
annue). 



21 Giovedì S. Agnese, v. m 



21-346 



Eomana: subì 
il martirio circa 



r anno 304. — S. Epifanio, vescovo 
di Pavia dal 466 al 4%. 

Memorandum. — Entra 11 Sole 
in Aquario. — A Roma, nella chiesa 
di S. Agnese extra muros ha luogo 
la benedizione del due agnelli can- 
didissimi che vengono offerti al 
Papa, e dalla cui lana vien tessuto il Sacro 
Pallio. La catacomba di S. Agnese è aperta 
al pubblico. — Anniversario della morte di 
Luigi XVI (1793) commemorato dai legitti- 
misti in Francia. 



22 Venerdì 

22-345 



S. Vincenzo, martire. 

Festa patronale di 
Vicenza. Subì il marti- 
rio In Ispagna l'a, 290. — S. Gaudenzio, ve- 
scovo e patrono di Novara dal 397 al 417, — 
nezla. — S. Irene, matrona romana (sec. III-IV). 
— S. Raimondo di Pennafort, 1175-1275, dei 
PP. predicatori domenicani, fu Incaricato da 
Gregorio IX della collezione dei decretali. 
Venne canonizzato da papa Clemente VIII 
nel 1601. 

Memorandum. — Festa patronale di S.Vin- 
cenzo, protettore di Vicenza. 



23 Sabato 

23-344 



Sposalizio di Maria verg. 

Festa introdotta da 
Paolo III (1534-1549). - 
S. Emerenziana, martire a Roma l'a, 304. — 
S. Amasio, vescovo di Teano, dal 646 al 656. 
Memorandum. — Anniversario della batta- 
glia di Digione (1871) vinta dai Garibaldini 
sui Tedeschi. È festeggiato In Italia dal par- 
tito radicale, e dalla Lega franco-italiana, la 
Francia. 



GENNAIO 1904 



- 59 



(5a Settimana) 



24 Domen.l S. Eugenio, m. 
24-343 Morì per la 
fede a Neoce- 
sarea. — S. Timoteo, da Listri, 
in Llcaouia, vesc. d'Efeso, mar- 
tire (sec. I). — S. Feliciano, vesc. 
li Foligno, martire sotto Decio 
2:>0-251), patrono della città. — 
s. Zama, primo vescovo di Bo- 
logna, dal 270 al 320. - B. Mar- 
colino, da Forlì, domenicano, 
morto l'a. 1397. — S.Teodoro, 
vescovo di Mira (Licia) l' a. 787, 
venerato a Venezia. — Ss. Ba- 
bila, vescovo, da Antiochia, e 
comp., mart. in Sicilia. — S. Ma- 
cedonio anacoreta in Siria. Morì 
nonagenario. 

Memorandum. — Estrazione 
pel rimborso delle Obbligazioni 
della Società dell'Acqua Pia (an- 
tica Marcia) di Roma. 



5. — ASSISI: Chiesa di S. M. degli Angeli, uno dei 
maggiori templi d' Italia, costruita nel 1569 per rinchiu- 
dere la cel a di S. Francesco (Porziuncola>, distrutta nel 
1832 da un terremoto e riedificata più tardi. 



25 Lunedi' 9T®^sione 

Pfc 04.0 idi S. Paolo, 
^^-^^^ I apostolo. 

Prima fiero persecutore de' Cristiani, sotto 
il nome di Saulo, poi Apostolo delle genti. 
— B. Angelo, da Gualdo Tadino (diocesi di 
Nocera), eremita di Camaldoli. — Ss. Giuven- 
tino e Massimiuo martiri, soldati nelle milizie 
di Giuliano l'Apostata, sotto il quale subirono 
il martirio in Antiochia (363). 

Memorandum. — 3 P. Q. a ore 21.41ra, — 
A Roma, nella basilica di S. Paolo extra muros, 
-L espongono al pubblico le catene dell'Apo- 
>tolo. 




{Fotografia Alinari). 



26 Martedì 

26-341 



B. Alberigo. 

Abate dell' oi'dina ci- 
'sterciense, morì l'an- 
no 1109. — S. Atanasio, vescovo di Sorrento, 
-il principio del sec VI. — S. Teofanie, da 
» ontocelle (sec. VI). 



27 Mercoledì'^- Giovanni Crisostomo. 
2*7-340 Detto Crisostomo da 

' due voci greche signi- 
ficanti bocca d'oro, per la sua straordinaria 
eloquenza. Promosse utilissime riforme e ten- 
tò correggere i costumi. Molti perciò lo pre- 
sero a odiare e riuscirono a farlo esiliare. 
Morì, dopo molte persecuzioni solìerte, l'anno 
4117. — B. Manfredo Settàla, milanese, ere- 
mita. — S. Devota, vergine córsa, martire 
nella persecuzione di Diocleziano (284-305). 

— S. Flaviano, romano, martire a Montefia- 
scone (sec. IV). — S. Emiliano, vescovo di 
Trevi, l'anno 298, martire. — S. Mario o 
Maio (555) monaco, venerato a Forcalquier. 

— A Catanzaro festa patronale di S. Vitaliano. 

Memorandum. - Natalizio di S. M. Gugliel- 
mo II imperatore di Germania (1859). — Oggi 
pagamento degli stipendi agli impiegati go- 
vernativi. 



28 Giovedì 

28-339 



I S. Cirillo, vescovo. 

Oriundo d'Alessan- 

dria d'Egitto, dove è 

celebrata la sua patronale il 9 febbraio. Mori 
l'a. 444. — B. Bartolomeo da Pisa, monaco 
camaldolese, morto l'a. 1224. — S. P.iolino, 
patrono di Aquileia, oriundo del Friuli, dove 
è festeggiato (726-804). 



29 Venerdì 

29-338 



S. Francesco di Sales. 
Vescovo di Ginevra, 
morì l'a. 1622. Protet- 
tore dei Seminari delle missioni estere. — 
S. Aquilino, prete, martirizzato dagli ariani 
a Milano, patrono dei facchini (sec. VI}. — 
B. Villana Botti, matrona, da Firenze, del 
terz' ordine domenicano, rnoi-ta l'anno 1370. 
— Ss. Severa, ec. — S. Bacolo, vescovo di 
Sorrento (sec. VII). — S. Potamio, vescovo 
(sec. VI). — A Perugia festa patronale di 
S. Costanzo. 

Memorandum. — Oggi, domani e doman 
l'altro, ultimi giorni di gennaio, a Milano e 
in altri luoghi della Lombardia, sono detti i 
tre giorni della Merla e si crede che siano 
giorni freddissimi. 



30 Sabato 
30-337 



S. Ippolito, prete, mart. 

D' Antiochia, coro- 
- nato di martirio nella 
persecuzione di Decio (250-251). — S. Alde- 
gonda, vergine, abbadessa, morta l'a. 680. — 
S. Felice III, papa dal 483 al 492. — S. Ar- 
mentario, vescovo di Pavia (sec. VIII). — S.Sa- 
vina, matrona, da Lodi (sec. IV). — S. Gio- 
vanni patriarca di Alessandria (6i>8-619). Ebbe 
il soprannome di elemosini're jier le sue ge- 
nerose elargizioni ai poveri. 



GBNN.-FEBBR. 1904 



- 60 - 



(6^ Settimana) 



6. — AVIGLIANA (nel ciré, di Susa) : Avanzi df.i. 
VECCHIO Castello smantellato da Catinat, nel 1690. 




{Fotografia Aìinarì). 



31 Doiiien. 

31-336 



Settuagesima. 

Ossia settanta giorni 
avanti la Pasqua. — 
S. Giulio, prete (330-400) onorato nell' isoletta 
omonima nel lago d'Orta (Novara), ove riposa 
il suo corpo. — S. Marcella, vedova romana 
(sec. V). — S. Ciro e Giovanni, martiri, ono- 
rati a Vico Equense (Napoli). — S. Geminiauo, 
vescovo di Modena. Festa patronale a Mo- 
dena ed a Pontremoli. 

Memorandum. — A Modena fiera di S. Gè 
miniano. — Chiusura della caccia in genere 
nelle province di Bergamo, Brescia, Catan- 
zaro (ai soli volatili), Firenze, Girgenti, Mes- 
sina, Porto Maurizio, Siena, Siracusa (col fu- 
cile), Sondrio, Trapani; della caccia ai tordacei 
(col fucile), nella provincia di Como; alle lepri 
e pernici, in quella di Genova; alle sole lepri, 
in quella di Massa; alle sole pernici in quella 
di Verona. 



1 Lunedi 

32-335 



S. Severo, vescovo. 
Di Ravenna, dal 283 
al 348. — B. Antonio Pe- 
regrino, della famiglia Manzia, morto l'a, 1267, 
onorato a Padova. — B. Andrea, da Segni 
(Koma), minorità ad Anagni, a' tempi di Bo- 
nifacio Vili. Festa patronale di S. Verdiana 
a Castelfìorentino. 

Memorandum. — © L. P. a ore 17.33. — 
Agli albi municipali si pubblicano per 15 giorni 
le liste elettorali commerciali e le liste di leva. 
— Cessa nella prov. di Cagliari il permesso di 
caccia minuta. — Per questo mese e per 
tutto marzo sono vietati la pesca e il com- 
mercio dei temoli e dei latterini : e sino a 
tutto maggio la pesca delle ariguste. — Estra- 
zione a premi della Croce Rossa Italiana e 
del Prestito Unificato fiorentino 1880. — Sca- 
denze cuponi Prestito a premi e frutt. della 
Città di NapoU (1871). 



2 Mart. | Purificazione di Maria. 
33-334 Cerimonia speciale 

presso gli ebrei prescrit- 
ta alle madri ed adempita anche da 
Maria. — S. Sergio I papa la riordinò, 
circa l'a. 689, aggiungendovi la proces- 
sione delle candele. — Ss. Lorenzo e 
Ippolito, martiri, venerati a Fossoni- 
brone. — S. Rodippo, vescovo di Len- 
tino (Siracusa); sec. IV. — S. Lorenzo, 
1 enedettino italiano, vescovo di Can- 
terbury, morto l'anno 619. Patronale 
della diocesi di Cuneo. 

3 Mere. 1 S. Biagio. 
34-333 Nativo di Sebaste (Pa- 

lestina), medico e vesco- 
vo della stessa città, martirizzato circa 
l'a. 316. — S. Lorenzo, vesc. di Spole- 
to dal 552 al 503. — S. Gilberto, mart. 

Memorandum. — A Modena com- 
memorazione patriottica del tentativo 
insurrezionale di Ciro Menotti (1831). 
— Oggi in Livorno comincia il Carne- 
vale, per speciale costumanza della 
città in seguito ad un voto fatto nel 



1742 dopo nove fortissimi terremoti. 



4 Giovedì 

35-333 



S. Gelasio, martire. 

Morto per la fede 



Fossombrone coi santi 
Aquilino, Gemino, Magno e Donato. — S. Ve- 
ronica: colei che, secondo la pia tradizione, 
avrebbe asciugato a Gesù condotto a morte 
il volto madido di sudore e sangue (sec. I). 

Memorandum. — Festa di S. Agata a Ca- 
tania, col giro del Santo Corpo. Passeggiata 
delle 'ntuppateiìde (ora presso che in disuso). 
— Genetliaco della Principessa Maria Elisa- 
betta, Duchessa di Genova, madre della Re- 
gina (1830). 



5 Venerdi 1 ^- *93ta, vergine, mart. 
36-331 Siciliana : sub) il mar- 

tirio per la fede l'anno 

251, sotto l'imperatore Decio. È la patrona 
di Catania. — S. Alice, vergine. Vuoisi questo 
vocabolo"Sia il femminile di Alessio. (Diziun. 
dei nomi di pensona, del Fumagalli. Genova, 
Donathj. 

Memorandum. — La repubblica di San Ma- 
rino festeggia l'anniversario della sua libera- 
zione dal cardinale Alberonl (1740); le cam- 
pane della città e dei castelli suonano a festa 
già da tre giorni. — Festa e fiera di S. Agata 
al Bisagno (Genova). — Pagamento delle pen- 
sioni governative di prima categoria (non ol- 
tre le 500 lire annuo), 



6 Sabato 

37-330 



S. Dorotea, verg., mart. 
Di Cesarea di Cappa- 
docia, martire l'a. 3im;. 
- 8. Giacinta Marescotti, istitutrice dell' ar- 
ciconfratcrnita dei i^acroni morta nel 16i0, 
venerata a Viterbo (Roma). 

Memorandum. — Njiscita del Principe Tom- 
ma'io, Duca di Genova (1854). 



FEBBRAIO 1904 



- 61 - 



(7» settimana) 



7 Doni. I Sessagesima. 
38-329 Ossia sessanta 
giorni prima di Pa- 
squa. — S. Romualdo abate nati- 
vo di Ravenna, fondatore del- 
l'ordine de' Camaldolesi, con la 
ret?ola benedettina: 956-1027. — 
s. Riccardo, re d'Inghilterra, m. 
i Lucca, recandosi in pellegri- 
nagfrio a Roma, l' a. 771. — S. Teo- 
iluro, soldato, martire sotto l'im- 
jieratore Licinio (314-323), ricor- 
'liito a Venezia. 

Memorandum. — Anniversario 
(l.Mla morte di Pio IX (1878): fu- 
nebre commemorazione a Roma 
nella basilica di S. Lorenzo extra 
iHiiros ove riposa il suo corpo. 



8 Liiii. 

39-328 



S. Giovanni Mata 
e S. Felice di Vaiois. 



Fondarono l'ordine dei Tri- 
nitarii, per il riscatto degli schia- 
vi: 1169-1213. - S. luvenzio o 
Evenzio, vesc. di Pavia (sec. II). 

— S. Onorato Castiglioni, vesc. 
di Milano circa gli anni 568-580. 

— 8. Paolo, vescovo di Verdun. Morì nel 634. 

Memorandum. — (C U. Q. ^re 10.56. 



7. - BISMANTOVA, ncir.\ppcnnino Reggiano. Parete 
di mezzodì della rupe altissima, su cui sorgeva uno 
dei più forti ed antichi castelli dell'Emilia, ora presso 
che scomparso. 




(Fotogr. del cav. Alessandro Cassarini - Bologna). 



9 Martedì i S. Apollonia, verg.,mart. 
40-327 D'Alessandria d'Egit- 

'te. Soifri l'a. 249, fra 

le altre pene del martirio, la rottura dei denti, 
e i fedeli perciò si raccomandano alla sua 
intercessione appunto nel mal di denti. Festa 
patronale ad Asso (prov. di Como). — S. Rai- 
naldo, vescovo di Nocera dal 1222 al 1225, e 
protettore della stessa città. — B. Erizzo dei 
Caponsacchi, genei-ale della congregazione 
«li Vallombrosa, morto l'anno 1094, ricordato 
nella diocesi di Fiesole. 

Memorandum. — Annivei-sarlo della pro- 
clamazione della Repubblica Romana (1849). 



10 Mercoledì 1 S. scolastica, vergine. 
41-326 I>i Norcia (Spoleto). 

~ sorella di s. Benedetto, 

morta l'anno 543. — S. Solere, vergine ro- 
mana, martire l'a. 304. — S.Guglielmo, ere- 
mita, morto l'a. 1157, nella solitudine detta 
Slabitlum Rhodis (Radicofani). — B. Leonardo 
da Foligno, minorità, nato l'a. 1204, morto 
nel 1290. — B. Guglielmo Zucchio, onorato 
ad Alessandria, vissuto circa l'anno 1377. — 
S. Pascasio, ab. benedettino, fondatore della 
congregazione di Valle di g. Croce, morto a 
Lesina (Foggia). 

Memorandum. — Scade la prima rata bi- 
mestrale delle imposte dirette erariali e so- 
vrimposte comunali e provinciali. Non pa- 
gando entro gli otto giorni successivi alla 
scadenza, il contribuente Incorre nella multa 
del i %. 



Il Giovedì 

42-325 



Beati sette fondatori 

dell' Ordine de' Serviti 
o Serici di Maria: tutti 
fiorentini (sec. XIII). — S. Castrense, o Ca- 
strese, vescovo, patrono di Marano di Na- 
poli (428-477). — Ss. Ruffino, e compagni, mar- 
tiri, onorati a Pistola. — B. Nicola da Giovi- 
nazzo (Bari delle Puglie), domenicano, morto 
l'anno 1265. 

Memorandum. — Giovedì grasso. (Berlingac- 
cio). Le biblioteche governative sono chiuse. 
Sono pure chiuse le scuole e non si riaprono 
di solito che dopo le Ceneri. — Pellegrinag- 
gio al Monte Senario presso Firenze. 



12 Venerdì 

43-324 



S. Gaudenzio, vescovo. 

Diresse la chiosa di 
Verona (secolo V). — 
S. Benedetto Revelli, vesc. d'Albenga (sec. IX), 
patrono di Taggia (Porto Maurizio). 

Memorandum. — Venerdì grasso. — Ve- 
nerdì del Gnocco, o Gnoccolare, antichissima 
festa popolare a Verona. — Fiera a Taggia 
(prov. di Porto Maurizio). Dura tre giorni. — 
Centenario della morte del filosofo Emanuele 
Kant. 



13 Sabato 

44-323 



S. Giuliano, martire. 

Subì il martirio a Lio- 
ne. — Ss. Fosca, verg., 
e Maura, martiri a Ravenna, circa l'anno 250. 
— S. Caterina de' Ricci, da Firenze, domeni- 
cana, nata nel 1522, morta nel 1589 (Migne), 
venerata a Prato (Firenze). — Patronale di 
S. Flaviano a Gerace Calabro (Rcjggio Calabria). 

Memorandum. — Sabato grasso. — Anni- 
versario della resa di Gaeta. Festa dell'anna 
del Genio. 



FEBBRAIO 1904 



-- 62 - 



(8* Settimana) 



. — BOLOGNA: Avanzi del Castello di Galltera, 
edificato la prima volta dal cardinale Bertrando dal 
Poggetto nel 1337, dove oggi sorge la Montagnola, 
cinque volte distrutto a furia di popolo, altrettante 
riedificato. La Montagnola fu formata coi suoi rot- 
tami. 




[Fotogr. del cav. Alessandro Cassat-ini - Bologna). 



14 Domenica 

45-323 



Quinquagesima. 

Ossia cinquanta gior- 
"~ ' ni prima de la Pasqua. 

— S. Valentino prete e martire a Roma (269). 

— Ss. Modestino, Fiorenzo, e Flaviano, pa- 
troni di Avellino (305). — S. Eleucadro, ve- 
scovo di Ravenna (sec. II). — S. Antonino, ab. 
cassinese, protettore di Sorrento (Napoli), 
morto l'a. 625. — S. Ausenzio, eremita nella 
Bitinia (470). È ricordato da Sozomeno ed il 
monte Siope, sul quale passò gli ultimi suoi 
giorni, porta il suo nome. 

Memorandum. — Ultima domenica di car- 
nevale (Quinquagesima). — In Inghilterra e 
nelle colonie festa di S. Valentino: scambio 
di doni, spesso umoristici, fra i fidanzati e 
altre coppie legate d'affetto. 



15 Lunedi 1 Ss. Faustino e Giovila. 
•46-321 Martiri della terza 

'persecuzione, sotto 

l'imperatore Adriano, l'anno 134. — S. De- 
coroso, vescovo di Capua (Caserta), morto 
l'a. 093. — S. Fausto, benedettino (sec. VI), 
ricordato a Roma. — S, Valfrido, abate a Mon- 
teverde (Avellino), morto l'anno 764. A Bre- 
scia ed a Cagliari festa di precetto. 

Memorandum. — Ultimo lunedi di carne- 
vale. Le biblioteche governative sono chiuse. 
Affissione all'albo pretorio di ogni singolo co- 
mune delle liste elettorali politiche e ammi- 
nistrative, sino alla fine di febbraio. — Chiu- 
sura della caccia nelle provinole di Aquila, 
Caltanissetta, Catania; della caccia al soli 
quadrupedi nelle prov. di Napoli e di Berna. 



16 Mart. 1 S. Samuele, profeta. 
47-320 Fu giudice, o 

capo supremo degli 
Israeliti, e visse dal 2849 al 2947 dol 
mondo (Migne). — S. Onesimo, ve- 
scovo di Efeso (sec. II). — Ss. Pro- 
colo, Efebo, e Apollonio, martiri 
ricordati a Terni. — B. Gregorio X, 
papa dal 1271 al 1276, morto ad 
Arezzo. 

Memorandum. — ® L. N. a ore 
12.05. — Ultimo giorno di carne- 
vale (martedì grasso). Le bibliote- 
che governative sono chiuse. — 
Capodanno cinese. Primo giorno 
della prima luna dell'anno Kia-cen 
(Anno 41 del 76» ciclo). 



17 Mere. | f^elle ceneri. 

48-319 I Da questo gior- 
no comincia la qua- 
resima pei cattolici di rito romano 
e per antichissimo uso sono nelle 
chiese distribuite le ceneri. — 
S. Canuto re di Danimarca, (1080- 
1086), — S. Benedetto, benedettino, 
vescovo in Sardegna, venerato a 
Cagliari (sec. XII?). — B. Luca Bei- 
ludo, minorità, morto l'a. 1269, ono- 
rato a Padova. 

Memorandum. — Mercoledì delle Ceneri: 
primo giorno di Quaresima. Le biblioteche 
governative sono chiuse. — Da oggi sono proi- 
bite le solennità nuziali sino al lunedì dopo 
la Domenica in Albis. 



18 Giovedi 

49-318 



S. Simeone, vescovo. 

Vescovo di Goru^a- 

lemme, martirizzato 

sotto Traiano l'a. 106. — B. Bentivoglio, mi- 
norità, onorato a S. Severino Marche (Mace- 
rata). 

Memorandum. — Primo giorno del Carne- 
valone ambrosiano (diocesi di Milano). 



19 Venerdì 

50-317 



S. Corrado, eremita. 
Si crede app.irte- 
' nesse alle famiglie pia- 
centine de' Gonfalonieri e de' Laudi (sec. IV). 
— S. Elisabetta Picenardi vergina servita 
(1428-1468), ricordata a Cremona ed a Man- 
tova. 

Memorandum. — Secondo giorno del Car- 
nevalone am' rosiano. 



20 Sabato 

51-316 



S. Elejterio, patr. m. 
Patriarca di Costan- 
tinopoli dal 484 al 491 
circa. — S. Leone II, vescovo di Catania, detto 
il taumaturgo: sec. Vili. 

Memorandum. — Entra il Sole In Pesci. — 
Ultimo giorno del Carnevalone ambrosiano. 
— Anniversario della esaltazione al Pontifi- 
cato di S. 8. Leone XIII (1878). - Estrazione 
prestito a premi città di Bari (1870). 



FEBBRAIO 1904 



-es- 



co» Settimana) 



21 Dom. I Quaresima. 
53-315 Ossia quaranta 

• — ' giorni prima di 

Pas(iua. — S. Massimiliano ve- 
scovo di Ravenna dal 546 al 556. 
— 8. Antimo, vescovo di Spoleto 
(sec. II). — S. Patcrio, vescovo di 
Brescia circa Ta. 604. — S. Ger- 
mano, abbate di Granfel, oriun- 
do di Treverl. Venne assalito pro- 
ditoriamente dai soldati di Boni- 
facio, perchè gli aveva rimprovi - 
rato i mali trattamenti usati ver- 
:> gli abitanti (666). 
Memorandum. — Prima dome- 
nica di Quaresima. In molti luo- 
ghi la tr.idizionale cerimonia del- 
la pentoìaccia. — Pellegrinaggio 
alla abbazia di Monte Cassino. 



22 Lun. 

53-314 



g. — BRISIGHELLA fprov. di Ravenna): Torrione 
DETTO dell'Orologio, veduto da ponente. Costruito 
da Maghinardo di Susinana nel 1290. 



Cattedra 

di S. Pietro 

in Antiochia. 

Rammenta il tempo del pon- 
tificato di s. Pietro, apostolo in 
quella città, dal 35 al 42 (Mazzo- 
ni). Antiochia era una delle prin- 
cipali città orientali, sia pel numero degli 
abitanti, sia pel commercio ; S. Pietro dopo 
aver predicato in Gerusalemme, prese la via 
di quella metropoli. — S. Margherita da Corto- 
na, terziaria francescana e celebre penitente, 
morta l'a. 1297. — Ss. Talassio e Limneo, so- 
litarii, contemporanei di Teodoreto. 

Memorandum. — Comincia la Grande 
Quaresima nel calendario Greco-Russo. — An- 
niversario della nascita di Washington (1732), 
festeggiato agli Stati Uniti di America. 




[Fctogr. del cav. Alessandro Cassarmi, Bologna). 



23 Martedì 

54-313 



S. Pier Damiano, card. 

Nativo di Ravenna 
(988); morto l'a. 1072; 
aimoverato tra i dottori della Chiesa latina. 
— S. Romana, vergine, venerata a Todi (Pe- 
rugia) : a. 335 (Baronio). — S. Milone, vesc. di 
Benevento, morto l'a. 1076. — B. Nicolao, 
benedettino, m. l'a. 1456, onorato a Genova. 



24 Mercoledì 1 S- Mattia, apostolo. 

55-313 Era di Betlemme 
'nella Palestina, fu di- 
scepolo di G. C. e poi ebbe la ventura di es- 
sere scelto come apostolo in sostituzione del 
traditore Giuda; morì l'a. 42 circa. — S. Pri- 
mitiva, martire, ricordata a Roma. — Ss. Mon- 
tano e compagni discepoli di s. Cipriano (259) 
martirizzati durante la persecuzione di Vale- 
riane. — S. Pretestato, vescovo di Rouen. Fu 
ingiustamente accusato di aver preso parte ad 
una congiura di stato, e quindi esiliato. Di 
ritomo alla diocesi, venne aggredito ed ucciso 
a tradimento da un satellite della famigerata 
regina Fredegonda (588). Primo giorno delle 
tempora di Primavera. 

Memorandum, - 3 P. Q. a ore 12,9=. 



25 Giovedì 

56-311 



S. Cesario, medico. 
Autore di quatti-o 
dialoghi teologici in di- 
fesa del cattolicismo ; morto l'a. 369. — S. Fe- 
lice IV, papa dal 526 al 530. — S, Avertano, 
e b. Romeo, ambedue carmelitani, morti a 
Lucca l'anno 1366 circa. — A Girgenti, pa- 
tronale di S. Gerlando. 

Memorandum. — Comincia la fiera di S. Mat- 
tia a Vercelli: finisce il 2 mai-zo. — Festa 
nazionale del Brasile (Anniversario della pro- 
mulgazione della Costituzione repubblicana). 



26 Venerdì 1 ^- Servolo, vescovo. 
57_310 Resse la chiesa di 

Verona (secolo VI). — 

S. Andrea, vesc. di Firenze (sec. V). — S. Fau- 
stiniano, o Faustino, vesc. di Bologna (sec. VI). 
— S. Alessandro, patriarca di Alessandria 
dal 313 al 326. — S. Porfirio, vescovo di Gaza 
dal 353 al 420. Secondo giorno delle tempora 
di Primavera. 

Memorandum. — Cominciano gli esami 
scritti alla Scuola di guerra in Torino e du- 
rano 4 giorni. 



27 Sabato 

58-309 



Ss. Alessandro, 
Abbondio. Antigono 
e Fortunato, martiri. 

Morirono per la fede durante la grande 
persecuzione degli imperatori Massimiano e 
Diocleziano (284-305). — S. Leandro, vesc. di 
Siviglia, morto nel 596 (Butler). — S. Nestore, 
vesc. di Sida e martire nella Panfilia militare. 
Perì nella persecuzione di Decio (250). Terzo 
giorno delle tempora di Primavera. 

Memorandum. — Oggi pagamento degli stl* 
penti agli impiegati governativi. 



PEBBR.-MARZO 



— G4 - 



(10^ Settimana) 



IO. — CAMPOBASSO: Castello dei Monfoute, edifi- 
oato nel 1459 dal conte Nicola II Monforte. Era di forma 
quadrata, con cortine e baluardi rotondi ai quattro 
angoli. 




(Fotogr. A. Tronihetta e ]■'.). 



28 Donienical Seconda di Quaresima. 
59-308 S. Flaviano vescovo 

di Como circa gli anni 

542-560. — Ss. Macario, ec, martiri a Roma, 
circa gli anni 2»4-305. — B. Antonia, da Fi- 
renze, vedova, minorità, morta l'a. 1472. 

Memorandum. — Estrazione pel rimborso 
delle Obbligazioni della Società di Navigaz. 
Generale Italiana (1878) e del Prestito Co- 
munale di Torino 1879, 



29 Lunedì 

60-307 



S. Giusto, martire. 

S. Osvaldo monaco. 



Memorandum. — Anniversario della nascita 
di Gioachino Rossini (1792) festeggiato a Pe- 
saro nel Liceo da lui fondato. — Ultimo ter- 
mine per la presentazione alle Commissioni 
elettorali comunali dei reclami contro la iscri- 
zione o la omissione nelle liste elettorali poli- 
tiche e amministrative. — Chiusura della cac- 
cia nelle prov. di Ascoli, Belluuo, Benevento, 
Campobasso, Chieti, Ferrara, Genova, Gros- 
seto, Livorno, Lucca, Palermo, Perugia, Pisa, 
Reggio Calabria, Rovigo, Teramo, Verona. — 
Nella prov. di Cagliari e di Sassari cessa la 
caccia al cinghiale ; in quella di Massa, la cac- 
cia alle starne e pernici. 



1 Martedì 

61-306 



S. Ermete. 
Martire a Marsiglia. 
— S. Ercolano II, ve- 
scovo di Perugia, martire sotto Totila. — 
S. Leone Luca, abate, festeggiato a Corleone 
(Palermo). — S. Bei'trando, venerato a Citta- 
della (Padova). 

Memorandum. — Comincia la stagione di 
Primavera, secondo l'uso meteorologico. — 
Calendimarzo, festa in molte campagne del- 
l'Italia superiore, e specialmente nella valle 
dell'Adige. — Principio dell'anno massonico. 
— Per gli Israeliti primo giorno delle feste 
di Purim, delle Sorti. — Aixniversario della 



infausta giornata di Abba Ga- 
rima (1896). - Principia il se- 
condo semeslre universitario.— 
Oggi ordinariamente comincia- 
no nelle Scuole elementari del 
Regno gli esami semestrali di 
ripetizione delle materie inse- 
gnate. — In molte provinole si 
apre oggi per un termine più o 
meno lungo la caccia agli uccelli 
di passo. — Da oggi sino a tutto 
aprile è vietata la raccolta dei 
mitili (cozze nere, peoci, mu- 
scoli). Comincia invece la sta- 
gione della pesca del corallo. — 
Scad. delle cedole semestrali del 
Prestito provinciale e comunale 
di Reggio-Calabria 1870. — A Fi- 
renze oggi si devono riconferma- 
re o disdire gli affitti e pagare 
le pigioni del secondo semestre. 



2 Mere. 

62-305 



S. Simplicio, pp. 

Resse la chiesa 
dal 468 al 483. — 
S. Luca Casalio, da Nicosia (Catania), Abate 
in Agira (Catania). — S. Prospero, vescovo di 
Como, dal 560 al 565 circa. 

Memorandum. — © L. P. a ore 3.48m. _ An- 
niversario della nascita del papa Leone XIII, 
e della sua incoronazione a Pontefice nel 1878. 
— Nascita della Principessa Maria Clotilde, 
zia del Re (1843). — Secondo giorno delie fe- 
ste di Purim, o delle Sorti. 



3 Giovedì 

63-304 



S. Cunegonda, regina. 
Di Polonia. Morto il 
consorte, prese il velo 
di s. Chiara, nel secondo ordine di s. Fran- 
cesco; morì l'a. 1292. — S. Tiziano, vescovo 
di Brescia (sec. Vi). — S. Anselmo, abate di 
Nonantola (Modena): sec. VIII. 



4 Venerdì 

64-303 



S. Casimiro, re. 
D' Ungheria, patro- 
no della Polonia: visse 
dal 1458 al 1483. - S. Caio, soldato palatino, 
gettato in mare por la fede, con ventisei com- 
pagni, sotto Valeriano, circa gli anni 257-260. 
— S. Paolino, vescovo di Brescia (sec. VI). — 
S. Appiano, vescovo, onorato a Pavia. — S. Pie- 
tro Pappacarbone, vesc. di Policastro, morto 
l'a. 1123. 



5 Sabato 

65-302 



S. Lucio, papa, martire. 

Occupò la cattedra 

romana dal 252 al 254. 

— S. Eusebio, cremonese, discepolo e amico 
di s. Gerolamo, morto l'a. 422. — S. Ruggero, 
minorità, celebrato a Todi (Umbria): sec. XIII. 

— S. Clemente, abate, ricordato a Siracusa. — 
S. Virgilio, vescovo di Arles (614, o 624), tu- 
mulato nella chiesa di Nostra Donna delle 
Grazie, poco lungi dalla sua sede episcopale. 

Memorandum. — Pagamento delle pensioni 
governative di prima categoria (non oltre le 
500 lire annue). 



s 



G4« 



p. qiaNiNa^ei 

GENOVA - Salita Provvidenza, 2 - GENOVA 

ZINCOGRAFIA FOTOINCISIONI 
E FOTOLITOGRAFIA 



li'i. . ^^ 



(m/ 



CLICHÉS D' OGNI GENERE 

SCONTO 20 PER 100 
satitti ;li altri itabiliinduti. 




Gran Diploma di Medaglia d'Oro, Genova ISOL 



64^' — 



Teme di S. PELLEGRINO 

Stazione balnearia e climatica di primo ordine 

(Altezza m. 425 sul mare) 

da Maggio ad Ottobre 

SERVIZIO MEDICO PERMANENTE 

CONSULENZA 
Prof. Dott. LUIGI CANTÙ 

docente di Patologia Medica nella R. Università di Pavia. 

GRANDIOSI SALONI PER BIBITA 

NUOVO STABILIMENTO BALNEARE 

XOO Camerini per bagni, di Insso, di P e II' elasse; 

Sale per doceie, Semicupi, Inalazioni; 

Bagni a vapore, di luce, all'acido carbonico (primi in Italia', 
idroelettrici ; 

Tremoloterapia, applicazioni elettriche, massaggi, ginnastica me- 
dica, ec 



Nelle sale degli stabilimenti appositi avvisi rendono edotti i 
signori balneanti dell' orario giornaliero delle consultazioni e delle 
vàrie cure. 



Sogg-iorno deliziosissimo, vasto parco, viali, portici per 
passeggio, splendide escursioni nei dintorni e nel- 
l'Alta Valle, spettacoli, concerti, divertimenti. 

Numerosi alberghi di ogni ordine e oltre 1600 camere 
ammobiliate in case private. 



— G4<- — 

SOCIETÀ ANONIMA 

PEILE TiRME PI S. PEUFGRlNO 

Capitale L. 1,000,000 interamente versato 

L'acqna minerale natole alcalina di S. Pellegrino 

battericamente pura, è di antichissima rinomanza, e dalle primarie 
Autorità mediche fu sempre riconosciuta insuperabile per com- 
battere : 

Ifl rlÌìltPQÌ nnVjl * ^^ gotta, la renella, i calcoli renali, vesci- 

i catarri Yescicali, gastrici, intestinali; 

gli ingorghi ed ingrandiienti epatici, ì^^^Zr^J^ 

malaria ed all'alcoolismo, 

il diabete, la nefrite, la polisarcia. 



È bibita eccellente, 



temperante, aperitiva, 



ottima ancbe per tavola. 



9^r^ Si vende presso tutti i depositi d'acque minerali e le principali farmacie de! Regno. 

Si spedisce anche a domicilio direttamente dalla Società Ano- 
nima delle Terme di San Pellegrino, proprietaria delle fonti. 

Cassa da 50 bottiglie L. 26 ( branco 

< stazione 
» 5» 2* „ „ 1* f Bergamo 

Vetri e imballaggio compresi. Non si ricevono vetri o casse di ritorno. 



Dietro richiesta, la Società Anonima delle Terme di S. Pellegrino 

ia S. Pellegrino (Valle Brembana), spedisce gratis la Guida illu- 
strata. 



— 64'? — 

SOCISTiL 

DELLE 



Ferrovie Francesi dell'Est 



COHDinCAZIOIil DIRETTE FRA L'ITALIA E LA FRANCIA 

(per la via del Grottardo). 
ITIIfERARIO IL PIÙ CORTO E PIÙ PITTORESCO 

da Venezia e da Milano a Parigi (Est). 



Treni. — I viaggiatori dall'Italia che vanno in Francia per la linea del 
Gottardo hanno a loro disposizione treni direttissimi di giorno e di notte. 

Il treno che parte da Milano verso mezzogiorno e mezzo ha una vettura di- 
retta di 1» Glasse tra Milano e Parigi (Est) ed un vagone- ristorante tra Milano 
e Basilea. Il treno di notte partendo da Milano verso le ore 23 porta uno slee- 
ping-car della Compagnia Internazionale dei wagons-lits tra Milano e Basilea. 

A Basilea la coincidenza diretta per Parigi è assicurata da due treni diretti 
composti di vetture di 1' e 2» Glasse comunicanti con lavahos e water-closet. 

Il treno di giorno di Milano partendo da Basilea verso le ore 23 segue l'iti- 
nerario Delle-Belfort. Porta uno sleeping-car e la vettura diretta indicata Mi- 
lano-Parigi. 

11 treno di notte di Milano partendo da Basilea verso le 10% di mattina 
segue la linea di Mulhouse-Petit-Groix-Belfort e comprende un vagone-ristorante 
nel percorso Basilea-Parigi (Est). 

La distanza Milano-Parigi (Est) si percorre in 17 ore circa e da Basilea a 
Parigi (Est) la durata del viaggio é di 8 ore circa. 

Biglietti diretti. — Tutto l'anno si distribuiscono per Parigi (Est) bi- 
glietti diretti semplici alle stazioni di Roma, Firenze e Verona e biglietti di- 
retti semplici e d' andata e ritorno alle stazioni di Venezia, Milano, Luino e 
Ghiasso. 

Viaggi circolari o di andata e ritomo a prezzi ridotti, a iti* 
nerari tracciati dal viaggiatore. — Si rilasciano, in Italia, tutto l' anno, 
dei libretti internazionali dell' Unione delle Ferrovie Europee, a coupons com- 
binabili a prezzo ridotto, i quali permettono ai viaggiatori di comporre, a loro 
piacere, un viaggio circolare o di andata e ritorno tanto all'estero come sulle 
reti francesi de l'Est, de l'Etat, du Midi, du Nord, d'Orléans, de l'Ouest et de 
P ari s-Ly on-Méditerranée . 

Minimo del percorso; 6oo chilometri 

(senza franchigia per i bagagli). 



( 45 giorni fino a 2000 chilometri inclusi; 
60 giorni da 2001 a 3000 chilometri ine 
90 giorni al disopra di 3000 chilometri. 



Dnrata della validità <^ 60 giorni da 2001 a 3000 chilometri inclusi; 



Nota. — Per qualunque altro schiarimento consultare la tariffa intemazionale presso 
tutte le stazioni ferroviarie. 



MARZO 1904 



— 65 - 



(11* Settimana) 



6 Domenica 

66-301 

Terza di Quaresima. 

S. Basilio vescovo di Bo- 
logna (sec. IV). - a. Clau- 
diano venerato a Trento. 
- B. Sollecito, monaco cro- 
llerò, onorato a Matelica 
:MaceraU). — S. Coletta 
Boilet, riformatrice dell'or- 
dine di S. Chiara, origina- 
ria della Piccardia (1380- 
1447). Mori a Gaiid e fu ca- 
nonizzata da Pio VII nel 
1807 (Butler). 

Memorandum. — Festa 

^ fiera di S. Marziano, prl- 

:;io vescovo di Tortona, ce- 

brata in tutta la diocesi. 



7 Lunedi 

67-300 



IT. — CANOSSA, nel comune di Ciano, prov. di Reggio Emi- 
lia. Ruderi (veduti dalla canonica) dell'antico castello, fon- 
dato verso il 940 da Azzo Adalberto da Lucca, e famoso per 
rincontro di Gregorio VII con Arrigo IV nel 1077. 



S. Tomaso d'Aquino. 

Fu dell'ordine dome- 
nicano; Leone XIII lo pro- 
clamò patrono degli studi; 
mori l'a. 1274 a Fossanuo- 
va In quel di Terracina 
nell'abbazia dei Cisterciensi, mentre per or- 
dine di papa Gregorio X recavasi in Francia. 
Lo sue ceneri, dopo varie vicende, furono tra- 
sportate in principio di questo secolo in una 
cappella della chiesa di S. Saturnino, dove si 
hanno in somma venerazione. — S. Gaudioso, 
vescovo di Brescia (sec. V). — S. Equizio, ab., 
onorato ad Aquila degli Abruzzi (590-604). 




(Fotografia del eav. Alessandro Cassarini - Bologna). 



8 Martedì 

68-299 



S. Giovanni di Dio. 

Portoghese, datosi a 
Dio dopo una vita dis- 
-ipata, a quarant'anni. fondò l'ordine dei 
Fiite-bene-fratelli; la sua morte segui sui cin- 
quantacinque anni, l'a. 1550. — S. Litifredo, 
vescovo di Pavia (sec. X). — Patronale di 8. Ca- 
taldo a Taranto. 



9 Mercoledì 

69-298 



S. Metodio, vescovo. 

Fu con s. Cirillo, suo 
fratello, apostolo de.^li 
slavi, mori sulla fine del sec. IX. — S. Cate- 
rina, bolognese, verg. minorità, morta l'a. 1463. 
— S. Francesca, romana, vedova, morta 
l'a. 1440, fondatrice delle oblate, canonizzata 
da papa Paolo V. È ricordata a Roma ed a 
Milano. — S. Vitale, da Castronuovo di Sicilia 
(Palermo), abate, onorato a RapoUa e Armento 
(Basilicata), morto l'a. 1494. 

Memorandum. — (^ U. Q. a ore 2.01"». — 
Da oggi al 12 fiera a Manduria (Lecce) per 
la festa di S. Gregorio Magno, che cade il 12. 



10 Giovedì 

70-297 



Armenia, l' a. 320. 



S. Leonzio, soldato, m. 

Con altri trentanove 

compagni, a Sebaste, in 

B. Andrea, abate vallom- 



brosano (sec. XI), onorato nella diocesi di 
Fiesole (Firenze). 

Memorandum. — Mezza Quaresima, festeg- 
giata in più luoghi con tradizionali costu- 
manze, con burle, con balli, ec. A Firenze 11 
giuoco fanciullesco delle scale: a Reggio Emi- 
lia fanno le vecchie. — Per l'anniversario della 
morte di Giuseppe Mazzini (1872), commemo- 
razione patriottica alla tomba di lui a Sta- 
gliene, presso Genova. 



11 Venerdì 

71-296 



S. Eulogio, prete, mart 

Spagnuolo, di Cor- 
dova, peri vittima della 
persecuzione de' Mori: 800-859. — S. Bene- 
detto, vescovo di Milano dal 681 al 725. — 
S. Pietro, anacoreta, onorato a Banco (Roma). 

Memorandum. — Commemorazione a To- 
rino dei martiri del 1821. — Si apre la gran 
fiera di Francoforte sul Meno, che dura 14 
giorni. 



12 Sabato 

72-295 



S. Gregorio Magno, papa. 
Dal 590 al 604. — 

S. Mamiliano, martire, a 
Roma, sotto Alessandro Severo (imp. dal 222 
al 235. — S. Fina, vergine, morta l'a. 1253, 
onorata a San Gimignano (Siena). — B. Ru- 
stico, generale della congregazione vallom- 
brosana (sec. XI), ricordato nella diocesi di 
Fiesole (Firenze). 

Memorandum. — Feste per il XIII cente- 
nario della morte di S. Gregorio Magno Papa. 
— Pagamento delle pensioni governative di 
terza categoria (superiori a L. 2000 annue). 

5 



MARZO 1904 



GG 



(12» Settimana) 



12. — CASERTA: Cascata grandf: nel parco del Pa- 
lazzo Reale. L'acqua proviene dall'acquedotto ripro- 
dotto nell'Almanacco del 1902, a pag. 112. 




-.1 Ifci fiilìii^ il- iif tltf Hill 




{Fotogr. Somnier). 



Memorandum. — Nella prov. di 
Lucca cessa oggi il permesso di 
caccia col fucile. — Da oggi sino 
al 15 giugno è vietata la pesca 
fluviale e lacuale (salvo certe 
eccezioni ricordate a suo luogo). 
La pesca con la lenza fatta da 
terra è sempre permessa. 

16 Merc.j^' ^'''''®'"*0' ^®s^- 

76-S91 Di Colonia: 

morì l'a. 1022. — 

Ss. Ilario, vescovo, ec, martiri 
ad Aquileia: sec. III. — S. Aga- 
pito, vescovo di Ravenna dal 206 
al 232. — B. Torello da Poppi 
(Arezzo), monaco vallombrosa- 
no morto l'a. 12«2. — Ss. Valen- 
tino, da Terracina (Roma), ve- 
scovo, e Damiano, diacono, ono- 
rati a S. Valentino nell'Abruzzo 
Citeriore (Chieti): sec. IV. 

Memorandum. — Fiera a Cit- 
tadella. Dura 7 giorni. — Estra- 
zione del Prestito a premi della 
Città di Milano 18G6 (rimborso 
il 15 giugno). 



13 Domenica 

73-294 



Quarta di Quaresima. 

S. Cristina, vergine, 
martire in Persia. — 
S. Ansovino, vesc. di Camerino (Macerata): 
sec. IX. — S. Eldrado, o Aldrado, abate di 
Novalesa (Susa). — B. Enrico, terziario fran- 
cescano, onorato a Perugia. 

Memorandum. — A Roma, al Vaticano, cap- 
pella papale: sull'altare è esposta la Jiosa 
d'oro, benedetta dal papa in sacrestia prima 
della Messa, e da lui destinata a un principe 
cattolico, o ad una chiesa insigne, ec. — A 
Milano e ad Ai-ona festa del iredicino. — A 
S. Ilario d'Enza nel Reggiano fiera detta dei 
Uovi i/rassi, — Scadenza delle cedole seme- 
strali della Rendita Turca. 



17 Giovedì 

"77-290 



S. Patrizio, vescovo. 

Di Nola (Caserta): 
(sec. Ili o IV). Apostolo 
d'Irlanda, oriundo della Bretagna verso la 
fine del V secolo. 

Memorandum. — Q L. N. a ore C.39m, _ 
Oggi per gli Ebrei principia l'anno religioso, 
secondo l'antico calendario rabbinico. 



18 Venerdì S. Gabriele, arcangelo. 



78-389 



14 Lunedi 

74-293 



S. Afrodisio, martire. 

Soft'ri il martirio sot- 
to 1 Vandali, verso l'a, 
484. — S. Matilde, imperatrice di Germania, 
morta l'anno 1)68. — S. Giovanni II, abate di 
Montecassino. 

Memorandum. — Oggi, natalizio del defunto 
re Umberto I, si fa la commemorazione uffi- 
ciale della sua morte (ved. 29 luglio). — Nella 
prov. di Sassari è permessa da oggi alla fine 
del mese la caccia agli uccelli di passo. 



15 Martedì 

75-292 



S. Longino, soldato, m. 

Il niodesiino che osò 
ferire il corpo di Gesù 
in Croce: convertitosi, subì il martirio a Ce- 
sarea in Cappadocia: sec. I. — S. Magoriano, 
venerato a Trento: sec. IV-V. — S. Matrona, 
vergine, venerata a Capua Vetere: sec. V o 
VI. — B. Valerio, o Valeriano, arcivescovo di 
Ravenna dall'a. 809 all'812. - A Scicli, festa 
della Madonna. 



Annunziò a Maria SS. 
la nascita di s. Giovanni 
Battista e la di lei maternità (Vang. di s. Luca: 
1, 19-2(!). - a. Anselmo, vesc. di Lucca dal 1073 
al 1086. Patrono di Mantova, dove è festa di 
precetto. 

Memorandum. — Anniversario della prima 
delle gloriose Cinque Giornate di Milano (1848). 
Fino a tutto il 22 la città è imbandierat.i. 
S'inaugura pure una fiera popolare a Porta 
Vittoria. — Anniversario della proclamazione 
della Comune di Parigi, festeggiato dal par- 
tito anarchico internazionale. -- Principio del 
nuovo anno (1322 dell'Egira) per i mussul- 
mani. 



19 Sabato 

79-288 



S. Giuseppe, patrono 
della chiesa cattolica. 

Tale fu dichiarato da 
Leone XIII e invocato come speciale patro- 
cinatore de' moribondi. È festa della chiesa. 

Memorandum. — Festa di S. Giuseppe, so- 
lenne per la chiesa, ma non riconosciuta dallo 
Stato. — Questo è il solo giorno dell'anno in 
cui a Roma le donne possano visitare la cap- 
pella di S. Elena nella chiesa di S. Croce di 
Gerusalemme. - A Scandiano fiora di S. Giu- 
seppe. Dura tre giorni. — Fiera a Solmona, 
che dura 7 giorni. 



MARZO 1904 



— GÌ 



(13* settimana) 



20 Domenica 

80-387 

Quinta di Quaresima. 

S. Gioachino, padro di 
Maria SS. — Ss. (irato, e 
Marcello, preti, ricordati 
a Forlì: forse dol IV o 
V secolo. — B. Ippolito 
Galaiitini, fondatore d'una 
congrejjazione per l'inso- 
i^naniento della dottrina 
cristiana (1565-1619). - 
S. Ambrogio da Siena, do- 
menicano (12f*()), ricordato 
nella sua città. — Patrona- 
le di S. Ottone ad Arezzo 
(Toscana). 



21 Lunedì 

81-286 

S. Benedetto, abate. 

Fu il p.atriarca de' mo- 
naci d' occidente ; il suo 
monastero di Montecassi- 
no, ove morì l'a. 543, dura 
tuttora, dopo attraversate 
le più difficili vicende di 
dodici secoli. — S. Giaco- 
mo, vescovo di Catania: sec. Vili. — S. Elia, 
vesc, venerato nell'isola di s. Giulio presso 
Orta (Novara). — S. Giustino, vescovo di Ver- 
celli, circa gli anni 452-470. 

Memorandum. — Entra il Sole in Ariete, e 
comincia la Primavera astronomica. Equino- 
zio di Primavera. Oggi il giorno e la notte 
sono di egual lunghezza. — Pagamento delle 
pensioni governative di seconda categoria (su- 
periori a L. 500, ma non a L. 2000 annue). — 
— Chiusura della caccia nella prov. di Bari. 



13. — CASTEL DEL RIO, nell'Appennino Bolognese: Ponte 
SUL Santerno detto degli Audos;, perchè costruito nella 
seconda metà del sec. XV, della principesca famiglia degli 
Alìdosi signora del paese nel medio evo. È ad un solo arco 
dittico, di grande arditezza. Monumento nazionale. 




(Fotogr. dei cav. Alessandro Cassarini - Bologna). 



22 Martedì 

83-285 



S. Paolo, vescovo. 

Di Narbonne (Fran- 
cia) : sec. Ili (Miguel. 
— S. Benvenuto Scotivoli, vescovo di Osimo 
(Ancona), dal 1264 al 1283. — S. Lea, matrona 
romana, morta l' a. 304. — S. Basilio d'Ancira, 
prete e martire. 



23 Mercoledì 

83-284 



S. Turibio Alfonso 
Mogrovejo, martire. 



Vescovo di Lima (Perù), dal 1578 al 1G06. 
— S. Pelagia, martire. — Ss. Nicone, vescovo, 
e compagni, martiri, circa l'a. 250, ricordato 
a Taormina (Messina). — S. Procopio, vescovo 
di Taormina (sec. X). 

Memorandum. — Anniversario della prima 
delle Dieci gloriose Giornate di Brescia (1849). 



24 Giovedì i ^- Simone, martire. 



84-283 



Martirizzato l'anno 

— ' 1475. - S. Latino Flavio. 

vescovo di Brescia (III sec), onorato in questa 
città. La sua salma riposa nella chiesa di 



S. Afra. — S. Bertulfo, o Bernulfo, vescovo 
di Asti, circa gli anni 800-813, martire, vene- 
rato a Mondovì (Cuneo). — S. Aldemaro, da 
Capua, abate benedettino, venerato a Bue- 
ciano (Benevento): sec. X. — S. Caterina di 
Svezia, verg., 1330-1381. 



Memorandum. 



P. Q. a ore 22.37i 



25 Venerdì 

85-282 



Annunciazione 

dell'Angelo Gabriele 

a Maria SS. 

Gli atti del concilio di Toledo, tenutosi 
l'a. 656, recano la più antica testimonianza di 
questa festa. — B. Tommaso, da Costacciaro 
(Perugia), morto l'a. 1337. — S. Umberto di 
Marolles, prete (682). La sua festa si celebra 
il 6 settembi'e, essendosi in quell'anno tra- 
slate le sue reliquie nella chiesa del convento 
da lui eretto ed abitato. 

Memorandum. — Fiera di cavalli a Lonigo 
(prov. di Vicenza), frequentatissima. — Chiu- 
sura della caccia nella prov. di Avellino. 



26 Sabato 1 S. Teodoro, vescovo. 

86-281 I Primo di questo 

nome, diresse la chiesa 
milanese dal 475 al 490. — S. Emanuele, mart. 
— S. Felicita, vergine padovana. — B. Marco, 
da Bologna, minorità, ricordato a Piacenza: 
sec. XV. 

Memorandum. — Festa popolare della Ma- 
donna delle Milizie che si celebra nel San- 
tuario omonimo presso Scicli (Siracusa) con 
una fìnta battaglia. 



MARZO- APRILE 1904 - 68 



(14» Settimana) 



14. — CATANIA: Tomba di Vincenzo Bellini 
nella Cattedrale, opera dello scultore Tassara 
di Firenze. 




(Fotogr, Sommer). 



27 Domenica 

87-380 



Sesta di Quaresima. 

Detta delle Palme 
in memoria dell'entrata 
trionfale in Gerusalemme del divin Salvatore. 
— S. Marciano, vescovo, ricordato a Tortona 
(Alessandria) : sec. II, (Vedi 6 marzo). 

IVIemorandum. — A Roma, messa solenne 
alla basilica di S. Pietro (ore 9). 



28 Lunedì 

88-379 



S. Cirillo, diacono. 

Martire ad Eliopoli 
(Fenicia), l'anno 362. 

Memorandum. — Fiera a Ciriè. — Oggi pa- 
gamento degli stipendi agli impiegati gover- 
rnativl. 



29 Martedì 

89-278 



S. Eustasio, monaco. 
Detto anche Ensta- 
zio, fu vescovo di Na- 
poli, circa l'anno 180. 

Memorandum. — Oggi a Milano e in molte 
altre città della Lombardia scadono molti 
affitti semestrali e si fanno i traslochi. 



31 Giov. I La istituzione 

91-376 1 ^®"^ ^^' Eucarestia. 

Ricorda oggi la chiesa 
cattolica l'ultima Cena celebrata dal 
divin Redentore co' suoi Apostoli a Ge- 
rusalemme. 

Memorandum. — © L. P. a ore 13.44ni. 

— Giovedì Santo. — Da oggi sino al 
lunedì di Pasqua inclusivamente sono 
chiuse le Biblioteche governative: e 
sino al Martedì tutte le Scuole. Licei 
e Istituti Tecnici hanno vacanza per 
tutta la Settimana Santa. — Al Vati- 
cano, alle ore 10, cappella papale. A 
mezzogiorno lavanda dei piedi a 13 preti 
stranieri. Alle ore 16, al Vaticano, uffi- 
cio delle Tenebre. A S. Pietro, alle 18 Vo, 
dopo il Misevere, lavanda dell' altare 
maggiore fatta dal Capitolo, e ostensio- 
ne delle grandi reliquie. — Oggi e do- 
mani a Napoli tradizionale passeggiata 
dello struscio per Toledo (via Roma). 

— Primo giorno della Pasqua, o Pesach, 
israelitica. 



1 Venerdì 

93-375 



30 Mercoledì 

90-377 



S. Quirino, soldato e m. 

Visse nel sec. IT. — 
B. Amedeo 111, duca di 
Savoia, morto l'anno 1472. 

Memorandum. — Mercoledì Santo. — An- 
niversario della vittoria di Goito e della rosa 
di Peschiera. Festa dell'arma d'ai-tiglieria. 



Venerdì Santo 

La Morte di N. S. 

Gesù Cristo. 

Mesta e commovente cerimonia che 
ricorda la morte del divin Salvatore sul 
Golgota. — S. Teodora, verg., morta a 
Roma (132). 

Memorandum. — Processione del Cri- 
sto Morto in molte parti d'Italia. — Al Va- 
ticano, alle 9 Vz» cappella papale: processione 
alla Cappella Paolina ed esposizione della Vera 
Croce. Alle 15 Va ufficio delle Tenebre. — Se- 
condo giorno della Pasqua, o Pesach, israeli- 
tica. — Attenzione ai pesci d'aprile, che i bur- 
loni danno oggi con tanta facilità a pescare 
alle persone di buona fede! — Chiusura della 
caccia nelle province di Ancona, e in quelle 
di Reggio Calabria anche per gli uccelli acqua- 
tici. — Da oggi sino a tutto agosto è vietata la 
raccolta delle ostriche. Invece è permessa la 
pesca dei gamberi di acqua dolce. — Oggi co- 
minciano i piigamenti del 1" semestre della 
rendita consolidata 3 % nominativa e del 
2o trimestre della rendita consolidata 4,.'>0 "^/o 
netto. — Oggi a Torino si sogliono pagare gli 
affitti semestrali. — Entrano in funzione i 
nuovi capitani-reggenti della Repubblica di 
San Marino (fino al 30 settembre). 



2 Sabato 

93-374 



(Sabato Santo). 

Solenne vigilia In 
preparazione alla Pa- 
squa. — S. Francesco da Paola, fondatore del 
Minimi, morto nel 1507. 

Memorandum. — A Roma, nella basilica di 
S. Giovanni In Laterano, alle ore 8, benedi- 
zione del fuoco nuovo, dell'incenso e del cero 
pasquale fatta dal Cardinal Vicario. Alle 9, 
al Vaticano e a S. Pietro, ufficio solenne, con 
musica di Palestrina. Al Gloria in excelsia 
suonano le trombe d'argento dall'alto della 
cupola. — Antica cerimonia tradizionale dello 
scoppio del carro, a Firenze. 



APRILE 1904 



— G9 — 



(15» Settimana) 



3 Domenica 

94-373 



Pasqua di Risurrezione. 

Ricorda il miracoloso 
.passaggio del mar Rosso 
degli ebrei sotto la con- 
dotta di Mosò e la con- 
seguente liberazione 
lolla schiavitù di Fa- 
; ione. Dai cattolici è ri- 
cordata la gloriosa ri- 
-urrezionn di Gesù Cri- 
sto. — 8. Riccardo vesc. 
(li Chichester (Inghil- 
terra) (1245-1253). - 
S. Pancrazio, vescovo di 
Taormina (I sec.?). — 
S. Eraldo, vescovo. — 
S. Agape e sorelle, mar- 
tiri sotto Diocleziano 
(;ì04). — 8. Ulpiano mar- 
tire a Cesarea (Palesti- 
na). Vedi 2 aprile. 

Memorandum. — Pa- 
squa di Resurrezione. 
— Oggi sono chiusi an- 
che i Musei e le Gal- 
lerie. — Gran pellegri- 
naggio al Santuario di 

N. S. di Lourdes. — In Toscana credono che 
se piove oggi, pioverà per 40 giorni: ** Terzo 
Aprilante, quaranta durante; , in altre parti 
d'Italia il prognostico ò preso dal tempo che 
farà domani. 



CHIOGGIA : Ponte, di marmo, sul canale Vena. 




(Fotogr. Alinat-i). 



4 Lunedi 1 Dell'Angelo. 

95-372 S. Isidoro, dottore 

' della chiesa, vescovo di 

Siviglia (636). — Morte di S. Ambrogio vesc. 
e patrono della chiesa milanese (397) (v. 7 di- 
cembre). — S. Guglielmo, eremita, presso Sci- 
ci! (Siracusa), morto l'a. 1404. 

Memorandum. — A Frascati feste per la 
ricorrenza del natale della città. — Pellegri- 
naggio alla Madonna dell'Arco presso Na- 
poli. ■— Processione dei ceri al famoso San- 
tuario della Madonna di Trapani. 



5 Martedì 

96-371 



S. Vincenzo Ferreri. 

Appartenne all' or- 
dine domenicano; si se- 
gnalò nelle scienze ecclesiastiche; fu sopran- 
nominato il missionario apostolico. Mori l'anno 
1419. — 8. Onorio martire nella Sicilia. 

Memorandum. — Pagamento delle pensioni 
govei-native di prima categoria (non olti-e le 
500 lire annue). — Fiera a Bitonto: dura tre 
giorni. — In Toscana oggi si dice: " San Vin- 
cenzo chiaro, assai grano ; se è oscuro, pane 
niuno. « 



6 Mercoledì S. celestino l, papa. 
97-370 



Mandò missionari in 
Iscozia e Irlanda; morì 
l'anno 432. — S. Secondo, martire, patrono 
di Asti (sec. IV), — S. Filareto, palermitano. 



monaco di s. Basilio, venerato a Tauriano 
(Calabria). 

Memorandum. — Settimo giorno della Pa- 
squa, o l'esach, israelitica. 



7 Giovedì 

98-369 



S. Amalore. 

Vescovo, successe, 
l'a. 388, nel vescovado 
di Auxerre a s. EUadio ; mori l'a. 418. — S. Giu- 
liana da Mont-Cornillon, vergine belga, morta 
a Fosse (Namour), 1193-1258. - S. Saturnino, 
vescovo di Verona (III o IV sec). 

Memorandum. — 3 U. Q. a ore 18.53>". — 
Ultimo giorno della Pasqua, o Fesarh, israeli- 
tica. — Festa della indipendenza della Grecia. 



8 Venerdì 1 ^- Dionigi, vescovo. 

99-368 I ^^ vescovo di Co- 

rinto nel II secolo: dai 
greci è onorato come martire. — 8. Paolo 
della Croce, fondatore dei Passionisti, morto 
l'anno 1775. — S. Redento, vescovo di Fe- 
rentino presso Roma, circa gli anni 5G0-587. 
— S. Amanzio, vescovo di Como, circa gli 
anni 402-422. 

Memorandum. — Venerdì Santo nel calen- 
dario Giuliano, o Greco Russo. 



9 Sabato 1 ^- ^^^^^ ^^ cieofe. 

100-367 



Madre dell'apostolo 

' S.Giacomo il minore. 

— 8. Giovanni, elemosiniere della chiesa di 
Alessandria d'Egitto, morto l'anno 616. — 
S. Valtrude, vedova. — Ss. Demetrio, e com- 
pagni, martiri a Roma. 



APRILE 1904 



— 70 — 



(16* Settimana) 



i6. — CREMA: S. Makia Maggiore, chiesa 
cattedrale, terminata nell'anno 1341, di-ar- 
chitettura lombarda. 




(Fotogr. Aìinari). 



10 Domenica 

101-266 



in albis. 

Kicorda la deposizio- 
ne delle vesti bianche 
dei novelli battezzati. — S. Pompeo martire, 
morto in Africa durante la persecuzione di 
Decio (250-254). — S. Fulberto, vescovo di 
Chartres 1007 al 1029, circa. — S. Beda il gio- 
vine, monaco, morto l'a. 883, onorato nella 
diocesi di Genova. — S. Ezechiele, profeta. 

Memorandum. — Pasqua nel calendario 
Giuliano, o Gi-eco-Russo. — Pellegrinaggio 
al Santuario della Madonna del Conforto, ad 
Arezzo. — Chiusura della caccia col fucile 
agli acquatici nelle province di Bergamo, di 
Bi-escia, di Como, di Cremona (per gli uc- 
celli di passaggio), di Reggio Emilia (per la 
beccaccia), di Sondrio. 



11 Lunedi 

102-365 



S. Leone Magno, papa. 

Resistè allo stermi- 
' natore Attila, re degli 
Unni, che minacciava Roma, persuadendolo 
a ritirarsi oltre il Danubio; fu dottore della 
chiesa, ed ebbe dal popolo il titolo di Magno. 
Mori l'a. 461. — S. Barsanufrio o Barsano, 
venerato a Rodi (Capitanata): sec. II (v. an- 
che 30 agosto). 

Memorandum. - Da oggi sono permesse le 
solennità nuziali sino al sabato che precede 
la domenica dell'Avvento. — Scade la seconda 
rata bimestrale delle imposte dirette era- 
riali e sovrimposte comunali e provinciali. 
Non pagando entro gli otto giorni successivi 
alla scadenza, il contribuente incorre nella 
multa del 4 °/a. 



12 Martedi 1 S- Zenone, vescovo. 

103-364 I Di Verona dal 362 

— al 380. - S. Angelo Car- 

letti da Chivasso, morto l'anno 1492. — S. La- 
zaro, diacono, martire, venerato a Trieste 
(sec. II). — S. Vissia, vergine, martire, festeg- 
giata a Fermo (Italia media). — S. Alferio, 
abate di Cava de' Tirreni, morto l'a. 1098. 

Memorandum. — II Centenario della mor- 
te di Bossuet. — Pagamento delle pensioni 
governative di terza categoria (superiori a 
L. 2000 annue). 



13 Mercoledì 

104-263 



S. Ermenegildo, mart. 

Sposo a Ingonda figlia 
di Sigeberto, re catto- 
lico d'Austrasia, fu dalla consorte conver- 
tito al cattolicismo. Saputa la cosa, il re suo 
padre tolse al figlio gli onori di principe, lo 
diseredò, e, non volendo cedere, lo fece egli 
stesso mettere in cai-cere e uccidere l'a. 586. 
— S. Giustino, filosofo, martire (sec. II). — 
S. Orso, vesc. di Ravenna (sec. IV). — S. Ida, 
vergine. 



14 Giovedi 

105-263 



S. Lamberto, vesc. 

Di Lione dal 680 al 

'■ 690. — Ss. Valeriano e 

Massimino, martiri l'anno 229. — S. Procolo, 

vesc. di Terni (sec. IV), martire. — S. Massimo, 

soldato della legione tebea, martire l'a. 287. 

Memorandum. — Pasqua per gli Abissini. 



15 Venerdi 

106-261 



S. Paterno. 

Vescovo di Vannes 
(sec. V). — Ss. Basilissa 
e Anastasia, martiri a Roma (sec. I) — S. Eu- 
tichio, martire a Roma, venerato a Ferentino. 
— S. Donnina, vergine, martire, e sue compa- 
gne, festeggiate a Terni (sec. IV), (250-254). - 
S. Annibale, martire. 

Memorandum. — ® L. N. a ore 22.^3™. — 
Chiusura della caccia agli uccelli marini nella 
provincia di Bari ; alle pavoncelle, pivieri, 
storni e gambette con l'aucupio nella pro- 
vincia di Lucca agli acquatici nelle province 
di Modena e di Padova, di Parma (anche per 
le beccaccie e i tordi), di Pisa, di Roma, di 
Rovigo, di Treviso e di Vicenza (anche per 
le beccacele), di Ddine (anche per le beccacele, 
storni e passeri), alle tortore e alle quaglie 
nella provincia di Siracusa. — Estrazione pel 
rimborso delle Obbligazioni della Ferrovia 
Nord-Milano. 



16 Sabato 

107-260 



S. Contardo, principe. 
De' principi estensi, 
morto l'a. 1249, ono- 
rato a Broni (Pavia). — S. Benedetto Giu- 
seppe Labre, nato ad Amcttes l'a. 1748, morto 
a Roma l'a. 1783. — S. Gioachlmo da Siena, 
servita, morto l'a. 1305. — S. Fruttuoso, arci- 
vescovo di Braga (665). La sua salma riposa a 
Compostella. — S. Magno vescovo e martire 
della Scozia ai tempi di Duncano (1104). È 
sepolto nell'isola d'Eglis, uua delle Orcadl, 



APRILE 1904 



— 71 — 



(17» Settimana'/ 



17 Domenica 

108-259 



S. Aniceto, papa. 
Successo a Pio I, 
morì martire, al prin- 
cipio della persecuzione di Marco Aurelio, 
l'a. 161. — Ss. Neofita, Isidora e Benedetta, 
martiri, onorate a Lentini (Siracusa). — S. In- 
nocenzo, vescovo e patrono di Tortona (se- 
colo III o IV). — S. Agapito pp. (535). 

Memorandum. — A Roma, nella chiesa di 
S. M. del Pianto, ha luogo la pubblica gara 
in catechismo fra i giovanetti romani, e il 
vincitore è nominato Imperatore della Dot- 
trina Cristiana. — Processione di Santa Vi- 
gilia, compatrona della città di Livorno, in 
memoria del terremoto del 5 aprile 1642. 



18 Lunedi 

109-258 



S. Caldino. 

Era della famiglia della 
Scala, arciv. di Milano 
dal 1166 al 1176. — S. Eleuterio, vescovo nel- 
r Illirico, martire (sec. II). - S. Eleuterio, ab. 
a Spoleto, contemporaneo di s. Gregorio Ma- 
gno (sec. VI). — S. Calocero, bresciano, mar- 
tire ad Albenga (sec. II). — S. Venustiano, 
martire a Todi (sec. IV). — S. Giustino, ve- 
scovo di Chieti, morto l'anno 1132 (Ferrarlo, 
Catal. ss. Italiite). — S. Eusebio, vesc. di Fano 
(502-526). — S. Nico, eremita, presso Besozzo 
(Milano). 

Memorandum. — Fiera a Varese. — Fiera 
a Gravina. Dura 5 giorni. — Nella provincia 
di Venezia è chiusa la caccia agli acquatici 
e alle beccaccie. 



19 Martedi I S. Leone IX, papa. 

110-357 Segui nel pontilicato 
romano a papa Dama- 



60 II, l'a, 1041); fu già vesc. di Tuul, e molto 
si adoperò per la pacificazione dei principi e 
per togliere le eresie. Moribondo, si fece tra- 
sportare in 8. Pietro, — S. Vigilia, verg., mar- 
tire, festeggiata a Livorno. (V. Memorandum 
al 17 del corrente mese). — S. Espedito, mart., 
protettore delle cause pressanti. 

Memorandum. - Oggi in Inghilterra " festa 
delle pratoline, „ Primrose day, dedicata dai 
tories inglesi alla memoria di Lord Beacons- 
fìeld, di cui ricorre l'anniversario della m;or- 
te (1881). 



20 Mercoledii S. Marcellino. 



111-256 



Vescovo di Embrun, 
morto r anno 374. — 
S. Agnese, vergine, nativa di Montepulciano, 
morto l'a. 1137. — Ss. Sulpizio e Serviliano, 
martiri a Roma (sec. II). — S. lldegonda, ver- 
gine cistcrciense, 1417 (BoUandisti). — S.Ugone 
benedettino francese, 926 (BoUand.). 

Memorandum. — Cessa oggi nelle province 
di Arezzo e di Ascoli Piceno, il permesso di 
caccia agli acquatici di passo; nella provincia 
di Livorno, .ai croccoloni nelle praterie; in 
quelle di Reggio Emilia, ai palmipedi e tram- 
polieri; invece nella provincia di Chieti co- 
mincia il pei-messo per la caccia alle quaglie; 
e in quella di Teramo, alle quaglie e alle 
tortore nei terreni incolti. 



17. — CREMONA : Il Torrazzo, ossia torre- 
campanile del Duomo, la cui costruzione 
vuoisi risalga al 754: alto m. 115. 




(Fotogr. Al inori). 



21 Giovedì 

112-255 



S. Anselmo, vescovo. 

Resse la sede di Can- 
terbury ; fu persegui- 
tato dal re Guglielmo II il Rosso; il succes- 
sore, Enrico I, lo reintegrò nel vescovado, 
ove morì l'a. 1109. — S. Cipriano, vescovo di 
Brescia (sec. VI). 

Memorandum. - Entra il Sole in Toro. — 
Pagamento delle pensioni governative di se- 
conda categoria (superiori a L. 500, ma non 
a L. 2000 annue). — Natale di Roma (a. 753 
av. C, secondo Varronej. 



22 Venerdì 

113-254 



S. Caio, papa, martire. 

Successe l'anno 283 
k s. Eutichiano, nella 
cattedra di s. Pietro, e fu vittima l'a. 295 re- 
gnando Diocleziano e Massimiano. — S. Apelle 
vesc, credesi, di Smirne, al tempo di s. Paolo 
apostolo (I sec). — S. Sotero, pp. dal 162 al 171, 



23 Sabato 

114-253 



B. Alessandro Sauli. 

Nobile milanese, bar- 
nabita, vescovo di Ale- 
ria in Corsica, poi di Pavia, ove morì l'a. 1592. 
— S. Marolo, vescovo di Milano (408-423). — 
S, Giorgio, vescovo di Snelli (Cagliari), morto 
l'a. 1117, — B, Elena Valentinis, A Campo- 
basso e a Ferrara festa patronale. 

Memorandum, — 3 P. Q. a ore 5.55m. 



APRILE 1904 



— 72 — 



(18» Settimana) 



i8. - FOLIGNO (Dintorni di): Chiostro dell'Abbazia 
DI Sassovivo, a 9 km. della città, eretta nel 1229. 




(Fotogr. AUnari). 



S. Pellegrino 
Leziosi. 



24 Domenica n Patrocinio 

115-253 I di s. Giuseppe. 

Festa vivamente commendata dal ponte- 
fice Leone XIII. — S. Giorgio, mart. (303). — 
8. Fedele da Sigmaringa, cappuccino, marti- 
rizzato dai calvinisti (1577-1622). — S. Saba, 
martire con altri sessanta a Koma, l'a. 272. 
— Ss. Maurizio e compagni, martiri della le- 
gione tehea, onorati a Pinerolo (a. 287). — 
S. Onorio, vesc. di Brescia (sec. VI). 

{Memorandum. — Oggi nella Lombardia si 
rinnovano i contratti di pascolo e di forni- 
tura di latte e latticini. Il popolo festeggia 
il santo odierno, San Giorgio, protettore dei 
lattivendoli, con gite campestri e scorpacciate 
di panna e del cosiddetto pan di miglio. 



di Guerra in Torino. 



27 Merci 

118-249 

' Dell'ordine 

de' Serviti, vissuto dall' a. 1265 
al 1345. — S. Zita, vergine, ve- 
nerata a Lucca, ove morì l'a. 
1282. Patronale al Bisagiio (Ge- 
nova). — S. Maria Egiziaca (se- 
colo IV). — S. Teofiio vescovo 
di Brescia (sec. V). — S. Anasta- 
sio, papa dal 398 al 402. — 
S. Tertulliano, vescovo di Bo- 
logna (sec. V). — S. Liberale o 
Liberio d'Aitino, protettore di 
Treviso. 

IMemorandum. — Anniversa- 
rio della seconda fuga del Gran- 
duca Leopoldo II di Firenze 
(1859). La città è imbandierata. 
— Per S. Zita, patrona degli or- 
tolani, festa in Bisagno, sob- 
borgo di Genova. — Fiera a 
Francavilla al Mare (prov. di 
Chieti), che dura 8 giorni. — 
Oggi pagamento degli stipendi 
agli impiegati governativi. — Co- 
minciano gli esami di ammis- 
sione degli ufficiali alla Scuola 



28 Giovedì 

119-248 



Ss. Vitale e Valeria, 
martiri. 



Furono martirizzati l'a. 62, ricordati l'uno 
a Ravenna l'altra a Milano. Ad Alba ed a 
Treviso festa di precetto. 



25 Lunedì 

116-251 



Litanie maggiori. 

S. Marco evangeli- 
sta, scrisse il secondo 
tra i vangeli canonici. Fu vesc. di Alessandria 
d'Egitto, ove morì martire Ta. 68. 

Memorandum. — Anniversario della morte 
di Torquato Tasso (1595). Pellegrinaggio al 
convento di S. Onofrio di Roma, dove è visi- 
bile al pubblico il Museo Tassiano. — Pro- 
cessione sacra in Rossano Calabro, in memo- 
ria del terremoto del 183G. 



26 Martedì 

117-250 



Ss. Cleto e Marcellino, 
papi, martiri. 

Ss. Guglielmo e Pel- 
legrino d'Antiochia, protettori in Foggia dove 
è festa patronale. — S. Lucido o Lucilio, ve- 
scovo di Verona, tra il 250 e il 856. 

Memorandum. — Fiera di Andria. Dura due 
giorni. — Pellegrinaggio a Genazzano, presso 
Valmontone (prov. di Roma), al Santuario 
della Vergine del Buon Consiglio. 



29 Venerdì 

120-247 



S. Pietro, martire. 

Visse dal 1205 al 1252. 

3nerato nel borgo 
omonimo (Seveso, Milano). — S. Liberio I, ve- 
scovo di Ravenna dal 185 al 206. Festa patro- 
nale ad Oropa. 

Memorandum. — © L. P. a ore 23.36'". — 
Festa nazionale del Portogallo. 



30 Sabato 

121-246 



S. Caterina da Siena. 

Fu celebre scrittrice 
italiana, della famiglia 
Beuincasa. Morì a trentatrò anni, nel 1380. 

Memorandum. — A Roma le società demo- 
cratiche commemorano la difesa di Roma 
contro i francesi del 1849. — Da oggi al- 
l' 8 maggio in Napoli ogni giorno si ripete il 
miracolo della liquefazione del sangue di 
S. Gennaro. — A Parigi, vernissage al Salone 
dei Campi Elisi. — S'inaugura oggi la grande 
Esposizione mondiale di Saint-Louis nel Mis- 
souri (Stati Uniti d'America). — Chiusura delia 
caccia agli animali acquatici nelle province 
d'Ancona, di Ferrara, di Firenze, di Gros- 
seto, di Lucca, di Macerata, di Massa (anche 
per le quaglie), di Napoli (per il croccolone), 
di Perugia, di Ravenna, di Reggio Calabria, 
di Siena, di Verona. In quella di Pisa è da 
oggi vietata la caccia con roti ai trampolieri, 
pivieri, ec. ; ogni genere di caccia nella pro- 
I vincia di Pesaro. 



TERME D'ABANO - Stabilimento Orologio - (Ved. avviso in principio del volume). 



MAGGIO 1904 



73 — 



(19a Settimana) 



1 Domenica 1 ^, ^s- ''''.'pp° 

133-345 ® Giacomo il minore 
1 1 apostoli. 



Filippo andò a predicare il vangelo in Fri- 
gia, morendo in età avanzata a Jerapoli, dopo 
l'a. 84. Giacomo il minore divenne primo ve- 
scovo di Gerusalemme, e fu martirizzato dagli 
ebrei l'a. 62. 

Memorandum. — Calendimaggio, festeggiato 
In molte campagne, specialmente in quelle 
toscane. — Festa internazionale del lavoro, 
istituita nel Congresso internazionale di Pa- 
rigi del 1889. — Pellegrinaggio alla Madonna 
del Sasso. — Fiera ad Ancona : dura otto 
giorni. — Si apre la fiera di Ravenna, che 
dura otto giorni. — Fiera di Spinazzola: 
dura tre giorni. — Festa di S. Efisio, patrono 
di Cagliari. — Da oggi è permessa la pesca 
con reti od altri apparecchi a strascico a qua- 
lunque distanza dalla costa del mare. — Da 
oggi è permessa la raccolta dei mitili (cozze 
nere, peoci, muscoli); e nel golfo di Napoli, 
anche quella delle vongole o arselle. 



2 Lunedì i ^- Anastasio, vescovo. 

123-244 Fu il più gran difen- 

■ sore de' principi catto- 
lici nel secolo IV, e vescovo d'Alessandria 
d'Egitto. Mori l'a. 373. — S. Antonino, dome- 
nicano, vesc. di Firenze, morto l'a. 1459. — 
Ad Ancona ed a Jesi pati'ouale di s. Ciriaco 
(vedi 4 maggio). 

Memorandum. — Festa nazion. della Spagna. 



Ritrovamento 
della S. Croce. 

Seguì per opera di 
8. Elena, madre dell'imperatore Costantino. 

— S. Giovenale II, vescovo di Narni e Terni, 
dal 658 al 565, e patrono di Fossauo (Cuneo). 

— A Monreale (Palermo) solenne festa del 
SS. Crocifisso. 

Memorandum. — Festa di S. Secondo, pa- 
trono di Asti. Corse di cavalli. Al mercoledì 
successivo grande fiera. — A Ptscia fiera e 
festa del Crocifisso. 



4 Mercoledì 

125-242 



S. Paolino, vescovo. 

Vescovo e patrono di 
Senigallia, nel sec, IX. 
— S. Ciriaco, vesc, patrono d'Ancona, mar- 
tire nella persecuzione di Giuliano l'apostata 
(361-363). — S. Valeriane, martire, patrono di 
Forlì (sec, V). — S. Giacomo, diacono, martire 
l'a. 380, venerato a Bergamo. 

Memorandum. — Festa di S. Floriano mar- 
tire in Jesi, con fiera e altri festeggiamenti 
popolari. — Oggi a Napoli e in molte altre 
città dell'Italia meridionale scadono gli affitti 
annui delle case e si fanno i traslochi. 



5 Giovedì 

126-241 



S. Pio V, papa. 

Successe a Pio IV, 
ed era nativo di Bosco. 
Mori l'a. 1572. — B. Amedeo, duca di Savoia. 
— S. Floriano mart., invocato specialmente 



19. — FuRLO (Passo del), sulla via Flaminia, 
fra Fossombrone e Acqualagna. Gola sel- 
vaggia fra le più pittoresche d'Italia. Vi si 
nota la Galleria detta di Vespasiano, per- 
chè aperta da lui nell' anno 76 dell' E. V. 
Gunga 38 metri). 




(Fotogr. del cav. Alesa. Cassarini - Bologna). 



negli incendi. ~ Festa patronale a Bova (Reg- 
gio Calabria) di s. Leone (vedi 19 aprile). 

Memorandum. — Anniversario della par- 
tenza da Quarto per la Sicilia dell'eroe Ga- 
ribaldi con 1 Mille (1860). - A Milano, so- 
lenne funzione in Duomo, dove il Sacro Chiodo 
è sollevato con una macchina aerea, insieme 
a un prete e due chierici, fin sotto la cupola 
dell'aitar maggiore. — Fiera a Salerno: dura 
nove giorni. 



6 Venerdì 

127-240 



S. Protogene, vesc. 

Vescovo nella Me- 
sopotamia (sec. IV). — 
S. Giovanni Damasceno, ossia da Damasco, 
padre della chiesa, morto l'a. 756. 

Memorandum. — Grande festa civile e re- 
ligiosa di S. Nicola a Bari. — Fiera ad Eboli: 
dura tre giorni. — Festa di S. Giorgio nel 
calendario Giuliano o Greco-Russo. Onoma- 
stico del Re di Grecia. Festa patronale della 
famiglia principesca del Montenegro. 



7 Sabato 

128-239 



S. Stanislao, vescovo, 
martire. 

Morì l'anno 1079. — 
Memorandum. — C TJ. Q. a ore 12.50"». — 
A Bologna, solenne processione per il tra- 
sporto della Madonna di S. Luca dal Monte 
della Guardia alla Metropolitana di S. Pietro. 



TERME D'ABANO - Stabilimento Orologio - {Ved. avviso in principio del volume). 



MAGGIO 1904 



— 74 



(20» Settimana) 



20. — GIRGENTI: Tempio di Giunone Lucina, 
che si erge sopra un immenso stilobato. Delle 
34 colonne poche restano in piedi, con una 
parte dell' architrave. 




{Fotogr. del sig. L. V. Bertarélli 



8 Domenica | 

129-S38 



S. Acacio, martire. 

I Centurione nell'eser- 

• cito dell'imperatore Ga- 

lerio, martire l'a. 306, patrono di Squilhice. 

— Festa dell'apparizione di S. Michele arcan- 
gelo sul monte Gargano. Festa patronale a 
Caltanissetta. — S. Metrone, prete, onorato 
a Verona. — S. Amato, patrono di Salude- 
cio (Rimini). Appartenne al terzo ordine di 
S. Francesco e fondò l'ospedale di S. Maria 
di Monte Orciaie, antico istituto di beneti- 
ccnza. 

Memorandum. — Pellegrinaggio e fiera al 
Santuario di S. Michele sul Gargano (comune 
di Monte S. Angelo). — Festa a Valle di Pom- 
pei in commemorazione del VI anniversario 
della consacrazione del Tempio dedicato alla 
Madonna del Rosario. — Fiera a Caltanissetta. 

— Oggi a Bologna si cambiano gli alloggi. 



9 Lunedi 

130-S37 



S. Gregorio Nazianzeno. 

Vescovo di Costan- 
tinopoli. Mori l'a. 389. 

— S. Luminosa, vergine pavese (sec. V). — 

— Festa della Madonna del Bosco (Brianza) 
con tre giorni di fiora. Patronale a Bari di 
S. Nicola (vedi 10 settembre). — Rogazioni 
nel rito Romano. 



10 Martedì | B. Nicolò Albergati, 
131-236 vesc, cardinale. 

Governò la chiesa 
di Bologna dal 1417 al 1443. - Ss. Quarto 
e Quinto, martiri, venerati a Capua. — 
— S. Cristina, vergine, mart., venerata 
a Palermo ed a Padova. — Secondo gior- 
no delle rogazioni rito romano. 

Memorandum. — Oggi nella provincia 
di Ancona cessa il permesso di caccia 
alle quaglie con la rete. 



11 Mercol. 

132-235 



S. Francesco 
di Gerolamo. 

Nato l'a. 1642 a 
Grottaglie (Lecce), morto a Napoli 1' a. 
1716. — Ss. Anastasio e compagni, mar- 
tiri, onorati a Camerino. — Ss. Primo e 
compagni, martiri di Trieste (sec. II). — 
S. Illuminato, compagno di S. Francesco 
d'Assisi (1182-1226), onorato a S. Severi- 
no. — A Chieti, festa patronale di s. Giu- 
stino (vedi 13 aprile). — Terzo giorno 
delle rogazioni, rito romano. 

Memorandum. — Giorno festivo per 
Livorno in ricordo dell'eroica resistenza 
della città assediata nel 1849 da 20,000 
Austriaci condotti dal generale D'Aspre. 

J2 Giovedi 1 Ascensione di N.S.G. e. 
133-234 Dal Monte Olivete 

— quaranta giorni dopo 

la sua risurrezione, alla presenza degli 
apostoli. — S. Pancrazio, martire, patro- 
no di Albano Laziale (Roma) morto circa 
il 303. — Ss. Nereo e compagni, martiri 
sotto Traiano, l'a. 99. 



Memorandum. — Festa civile legale. — Sono 
chiuse le Biblioteche governative, le Gallerie, 
i Musei. — Oggi, domani e doman l'altro sono 
detti in Germania i Santi di ghiaccio, perchè 
di solito segnano un notevole abbassamento 
di temperatura. 



13 Venerdi 

1 34-233 

Ionia. 



S.Giovanni il silenziario. 
Anacoreta del sec. VI, 

— — 'quindi vescovo di Co- 

Mori centenario l'a. 559. 

Memorandum. -- Centenario della nascita 
di Daniele Manin. — Festa della fratellanza 
al Brasile, anniversario dell' abolizione della 
schiavitù (1888). — Pagamento delle pensioni 
governative di terza categoria (superiori a 
L. 2000 annue). 



14 Sabato 

135-232 



S. Bonifacio, martire. 

Morto Tanno 307. — 
8. Ampelio, festeggiato 
aBordlghera.— Ss. Corona e Vittorino, patroni 
di Feltre (sedi). — A Milano, festa della ele- 
vazione dei corpi dei santi Ambrogio, Protasio 
e Gervasio. 

Memorandum. 

al Paraguay. 



Festa dell'indipendenza 



TERME D'ABANO - Stabilimento Orologio • {Ved, avviso in principio del volume). 



MAGGIO 1904 



— 75 — 



(21» Settimana) 



15 Domenica 1 S. Isidoro, agricoltore. 
136-231 Patrono di Madrid, 

' vissuto dal Ilio al 1170. 

— S. Donnino, diac. confessore, venerato a 
l'iacenza (sec. V). 

Memorandum. — ® L. N. a ore 11.58™, — 
Festa della Democrazia Cristiana. Istituita per 
i-outrapposto al 1» maggio della Democrazia 
Sociale, e in commemorazione della data della 
Enciclica di Leone XIII Rerum novarum del 
15 maggio 1891, sulle condizioni dei lavora- 
tori. — Fiera di S. Bernardino in Altavilla 
Irpina (Avellino). Dura 4 giorni. — Cessa nella 
provincia di Campobasso il permesso di caccia 
agli uccelli acquatici: in quella di Catania, ai 
passeri con le reti; di Foggia, alle quaglie e 
agli uccolli di passo; nella prov. di Livorno, 
dell' aucupio coi mignattini, con reti a maglia 
larga; nella provincia di Portomaurizio, alle 
quaglie, alle tortore, ortolani e acquatici. — 



16 Lunedi 

137-330 



S. Giovanni Nepomuceno 
martire. 
Nato a Nepomùck.in 
Boemia, l'a. 1330, morto martire del segreto 
confessionale, l'a. 1383. — S.Ubaldo, vescovo 
e patrono di Gubbio. — Litanie Ambrosiane. 

Memorandum. — Oggi e i due giorni se- 
guenti, litanie del rito Ambrosiano, corrispon- 
denti alle Rogazioni nel rito romano. Oggi si 
danno le Ceneri, che nel rito romano si danno 
il primo mercoledì di Quaresima. — Festa dei 
ceri a Gubbio. — Fiera di Foggia. Dura un mese. 



17 Martedì ^- Pasquale Baylon. 



138-229 



Ebbe i natali in Tor- 
re Hermosa (Aragona). 
Mori l'a. 1592. — A Lugo, festa patronale della 
Madonna del Mulino. A Torino, della S. Sin- 
done. ~ Secondo giorno delle litanie ambro- 
siane. 

Memorandum. — Fiera di S. Pasquale a Co- 
trone (prov. di Catanzaro). — Fiera in Castro- 
giovanni (Caltanissetta). Dura due giorni. — 
Genetliaco del re Alfonso di Spagna (1886). 



18 Mercoledì 

139-228 



S. Venanzio. 

Martire (250), vene- 
rato a Camerino. — 
S. Teodoto, mart. — S. Felice, vesc. di Spello 
(sec. III-IV). — Terzo giorno delle litanie 
ambrosiane. 

Memorandum. — Fiera a Viterbo. — Derby 
d'Epsom. — Gran festa nella Cina. Festa del 
Dragone (Tuan-jang) che ricorre 11 quinto 
giorno della quinta luna. — Centenario della 
proclamazione del primo Impero Napoleonico. 
— Annivei-sario della Conferenza dell' Aja e 
della istituzione della Corte permanente di 
arbitrato. Festa annuale delle Società per 
la Pace. 



19 Giovedì 1 S- P'®*'"° Celestino. 
140-227 I Fu eletto papa l'a. 

" 1294 e prese il nome di 

Celestino V. L' anno stesso della elezione, 
fece il gran rifiuto e lasciò il papato a Boni- 



21. — GUBBIO: Palazzo dki Consoli, gran- 
dioso edificio di stile gotico, eretto dal 1332 
al 1346 da Angelo da Orvieto. 




^^^^^?ff9^^^ 



- .rrTTTffff 




{Fotografia Alinari). 



facio VIII. Morì l'a. 1296, in fama di Santo. 
E patrono di Aquila degli Abruzzi. 

Memorandum. — Festa dell'Ascensione, se- 
condo il calendario Giuliano o Greco-Russo. 
— Fiera a Scarperia (prov. di Firenze). — 
Fiera all'Aquila: dura tre giorni. 



20 Venerdì ^- Bernardino da Siena. 



141-226 



Francescano, vissu- 
to dal 1380 al 1444. Pa- 
trono di Carpi (Modena). 

Memorandum. — Sciavuot, o Pentecoste 
israelitica. — Fiera a Carpi. — Fiera a Sira- 
cusa. — Festa nazionale negli Stati Uniti di 
Colombia (anniversario della proclamazione 
dell' indipendenza). — Nelle prov. d'Ancona, 
Chieti e Macerata chiusura della caccia alle 
quaglie col fucile; di Aquila e Forlì per gli 
uccelli di passaggio, di palude e quaglie; di 
Arezzo e Ascoli alle quaglie; di Pesaro, Sira- 
cusa e Teramo, alle quaglie e tortore, col fu- 
cile; di Pisa, ai mignattini. 



21 Sabato 

142-225 



S. Felice da Cantalice. 

Laico cappuccino, 
morto l'a. 1687. — S. Co- 
stantino, venerato a Bova (Reggio di Cala- 
bria). — A Locate Triulzi ed a Voghera pa- 
tronale di s. Elena (vedi 18 agosto). 

Memorandum. — Entra il Sole in Gemelli. 
— A Roma, al Vaticano, alle ore 17 V's (-'«ip- 
pella papale per i primi Vespri. — Secondo 
giorno di Sciavuot, o Pentecoste israelitica. 



TERME D'ABANO • Stabilimento Orologio - (Vedi avviso in principio del volume). 



MAGGIO 1904 



— 76 — 



(22» Settimana) 



22. — LAGO ALBANO, presso Koma, forse il più pit- 
toresco dei laghi vulcanici d'Italia: ha circa 10 km. 
di circonferenza. Sulle sue sponde i ridenti paesi di 
Albano e di Castelgandolfo. 




(Fotogr. Alinari). 



24i Mart I ^^- Donaziano 
145-333 ® Rogazìano, 
1 martiri. 

Morti a Nantes, loro patria, 
l'a. 287. — S. Kobustiano, mart. a 
Milano. — S. Elpidio, vescovo di 
Atella o Aversa (Ferrarlo) nel se- 
colo IV o V. 

Memorandum. — Pellegrinaggio 
al Santuario di S. Maria ad Rupes 
presso Ronciglione (Viterbo). — 
Festa di Santa Croce in Castelter- 
mini, con due giorni di tiera. 



22 Domenica 

143-234 



Pentecoste. 

Ossia cinquanta gior- 
ni dopo la Pasqua, ri- 
corda la discesa dello S. S. sopra gli apostoli 
radunati a Gerusalemme. — S.Giulia, vergine, 
martire, venerata in Corsica e a Brescia (se- 
colo V ?), patrona di Livorno. 

Memorandum. — 3 P. Q. a ore 11. ig™. — 
Pellegrinaggio al Santuario di Montevergine. 
I pellegrini partiti da Napoli e da altri luoghi 
vicini al venerdì, passano il sabato a Merco- 
gliano, e salgono la mattina seguente al san- 
tuario. Ritorno nei giorni di lunedì e mar- 
tedì, — Fiera a Capua: dura cinque giorni. — 
Grand steeple-chase de Paris, a Auteuil. 



23 Lunedi 

144-233 



S. Giovanni Battista 
De Rossi. 



Ligure, morto l'a. 1764. — S. Desiderio, ve- 
scovo, venerato a Genova e Cremona. — 
Ss. Eutichio e Fiorenzo, monaci, presso Nor- 
cia. — S. Bobone, venerato nelle diocesi di 
Tortona, Verona e Lodi; in Liguria è invo- 
cato protettore degli armenti. 

Memorandum. — Fiera a Pavia oggi, domani 
e doman l'altro. — Anniversario del supplizio 
di Fra Girolamo Savonarola (1498). Sul luogo 
ove sorse il rogo, in Piazza della Signoria a 
Firenze, si fa la fiorita, ossia si spargono fiori 
a cura di ammiratori devoti della memoria 
del martire. — Festa del Divino Amore a Ca- 
stel di Leva nei dintorni di Albano. Gran 
concorso di popolo, specialmente da Roma, 
donde si recano al Santuario su vetture ric- 
camente ornate. — Famosa Festa del Paradiso 
nella grotta di Adelsberg (Carniola), alla quale 
accorrono visitatori da ogni paese. 



25 Mere l^* Maria Maddalena 
146-231* de' Pazzi. 

Carmelitana, a. 

1607. — S. Canio, vescovo, mart., 
venerato ad Acerenza (Potenza): 
secolo XI. — S. Dionigi, vesc. di 
Milano circa, dal 352 al 367. — 
S. Zenobio, vesc. e patrono di Fi- 
renze, circa dal 418 al 428. — 
S. Urbano I, papa e mart. nel 223. 
— Primo giorno delle tempora 
d' estate. 

Memorandum. — In Giugliano 
(provincia di Napoli) festa della 
SS. Vergine, col tradizionale volo 
dell' Angelo. — Festa dei Banderesi 
o della Ciammaichella a Bucchianico (pi'ov. di 
Chieti), in onore di S. Urbano I, papa. — Fiera 
a S. Angiolo, presso Rossano Calabro. Dura 
tre giorni. - Festa dell'indipendenza della 
Repubblica Argentina o dell'Uruguay. 



26 Giovedi 

147-320 



S. Filippo Neri. 

Istituì pel primo gli 
oratorii, per impartire 
la dottrina cristiana ed innocui tratteni- 
menti ricreativi, creando a tale scopo una 
congregazione detta dei Filippini — Ss. Fe- 
licissimo e compagni, martiri di Todi (se- 
colo III-IV). 

Memorandum. — Pellegrinaggio al Santua- 
rio di Caravairgio, presso Treviglio, per l'an- 
nivorsario dell'Apparizione della Madonna. 



27 Venerdì 

148-219 



S. Restituta, vergine, 
martire. 
Martirizzata circa 
l'a. 290, nella persecuzione di Diocleziano e 
Massimiano. È venerata a Napoli ed è patrona 
di Sora (Caserta) : a. 270-290. — Secondo giorno 
delle tempora d'eslote. 

Memorandum. — Anniversario della incoro- 
nazione dello czar Nicolò II. 



28 Sabato ' S- Elcónlde, martire. 
149-218 I ^i'^" il martirio a 

Corinto (secolo III). — 

S. Agostino, apostolo dell'Inghilterra, morto 
circa l'a. 604. — Ss. Emilio e compagni, mar- 
tiri, onorati a Cagliari. — Terzo giorno delie 
tempora d'estate. 

Memorandum. — Fiera a Piazza Armerina, 
e dura sino all'S giugno. 



TERME D'ABANO • Stabilimento Orologio - ( Ved. avviso in pritwipio del volwn*). 



MAGGIO-GIUGNO 1904 - 77 — 



(23a Settimana) 



29 Dom.l La ss. Trinità. 
150-S17 S. Massimo, 

vescovo di Cit- 

tanuova (Istria) sec. IV. — 
8. Restituto, martire romano 
(sec. III-IV). 

Memorandum. — ® L. P. a 
ore 9.55">. — Pentecoste, se- 
condo il calendario Greco- 
Russo o Giuliano. — Fiera a 
Venosa. — Festa civile a Valle 
di Pompei. — Festa della Ma- 
donna della Medaglia in Ra- 
gusa. — Grand Prix de Paris, 
à Longchamps. 



30 Lun. 

151-216 



S. Ferdin. ili, 
re. 



33. - LAGO SCAFFAJOLO, sull'alto crinale dell'Ap- 
pennino bolognese, a 1745 m. di altezza, famoso per le 
leggende che ne raccontavano gli antichi, ripetute anche 
dal Boccaccio. 



Fu re di Castiglia (1199- 
1252). — S. Angela Merici, da 
Desenzano, fondatrice delle 
Orsolhie di famiglia, morta 
ra. 1440. 

Memorandum. — Festa mi- 
litare per l'arma di artiglieria, 
che commemora gli anniver- 
sari gloriosi della capitolazione di Peschiera 
e della vittoria di Goito ('29 e 30 maggio 1848). 
— Fiera a Taggia (prov. di Porto Maurizio). 
Dura tre giorni. — Festa di S. Ferdinando, 
santo patrono di tutta la Spagna. — Decora- 
tion day, ossia giorno della decorazione delle 
tombe, festa nazionale agli Stati Uniti di 
America. — Chiusura nella provincia di Bari, 
della caccia col fucile alle quaglie e alle tor- 
tore; alle sole quaglie nella provincia di Ca- 
tania; ai soli uccelli di passaggio, nella pro- 
vincia di Reggio Calabria. 




{Fotogr. del cav. Alessandro Cassar-ini - Bologna). 



31 Martedì 

152-315 



S. Petronilla, vergine. 

Fu tra i primi con- 
vertiti di s. Pietro apo- 



stolo (sec. I). 

Memorandum. — Nella provincia di Genova 
si chiude oggi la caccia alle tortore, ortolani, 
quaglie, ralli, beccaccini, gallinelle e palmi- 
pedi in certe zone; alle sole quaglie nella pro- 
vincia di Messina; alle quaglie e altri volatili 
di transito, in quella di Trapani. Cessa il per- 
messo di caccia generica nelle province di 
Girgenti e Lecce. 



1 Mercoledì 

153-214 



S. Giustino, filosofo, m. 

Mori per la fede l'a. 
1G7. — S. Crescentino o 



Crescenziano, martire, l' anno 287, patrono di 
Urbino. 

Memorandum. — Principio della stagione 
di Estate, secondo l'uso meteorologico. — 
Oggi si apre la caccia al cinghiale nella pro- 
vincia di Sassari. — Per questo mese e per 
tutto luglio sono vietati la i)esca e il com- 
mercio delle tinche e dei cagnetti. — Da oggi 
è permessa la pesca delle aragoste. 



2 Giovedì 

154-213 



Corpus Domini. 

Solennità istituita da 
pp. Urbano V in onore 
del SS. Sacramento nell'anno 1264. Proces- 
sioni nelle chiese per otto giorni consecutivi. 
— S. Marciano, vescovo, martire, festeggiato 
a Gaeta. — S. Verdiana, patrona di Castelflo- 
rentino. — S. Eugenio I, pp. dal 654 al 657. 

Memorandum. — Festa civile legale. — Sono 
chiusi anche i Musei e le Gallerie. — In gran- 
dissimo numero di città e paesi d'Italia la 
solennità odierna è celebrata con festeggia- 
menti tradizionali, e particolarmente con pro- 
cessioni, alcune delle quali degne di esser 
vedute. A Genzano Vlnfìoraia, a Campobasso 
la processione dei Misteri, ec. — Pellegrinag- 
gio ad Orvieto nel cui Duomo venerasi il Sacro 
Corporale sul quale accadde il miracolo di 
Bolsena. — Anniversario della morte di Giu- 
seppe Garibaldi (1882). 



3 Venerdì 

155-212 



S. Clotilde, regina. 

S. Cecilio, mart. — 
S. Alberto, vescovo di 
Como. — Patronale di S. Gavino a Lucca; a 
Porto Torres festa popolare dello stesso san- 
to (vedi 25 ottobre). 

Memorandum. — Fiera a Corleone oggi e 
domani. 



4 Sabato 

156-211 



S. Francesco Caracciolo. 

Visse dal 1563 al 1610. 
— S. Marziale, vescovo 
di Spoleto, morto l'anno 350. — S. Alessan- 
dro, vescovo di Verona Tsec. VIII). — S. Qui- 
rino, vescovo della Scizia (Pannonia). 

Memorandum. — Anniversario della batta- 
glia di Magenta (1859). Servizio funebre al- 
l' Ossario elevato ove segui la battaglia. 



TERME D'ABANO • Stabilimento Orologio • (Vedi avviso in principio del volume). 



GIUGNO 1904 



{24:°- Settimana) 



24. — LIVORNO: Monumento detto dei 
QuATTuo Mori, di fronte al Porto Vecchio. 
È la statua del granduca Ferdinando I, di 
G. Bandini dell'Opera; ai suoi piedi, quat- 
tro corsari in catene, di Pietro Tacca, al- 
lievo di Giambologna. 




(Fotogr. Su>H>ne>-). 



5 Domenica 
157-210 



S. Nicànore, martire. 

Soffrì il martirio sot- 
to Massimino II, detto 
Daia (313 circa). — Ss. Giusto, vescovo, e Cle- 
mente, prete, patroni di Volterra. — S. Euti- 
cbio, vescovo di Como dal 525 al 539. — S. Bo- 
nifacio di Magonza, apostolo della Germania 
e martire nel 755 nella Frisia a Dochum, lon- 
tano sei leghe da Liewarden. 

Memorandum. — Festa nazionale dello Sta- 
tuto (Legge 3 maggio 18C1, n. 7). In tutto le 
città che hanno guarnigione, riviste militari: 
alla sera illuminazione degli editici pubblici. 
A Roma la tradizionale Girandola.Sono chiuse 
le Biblioteche, le Gallerie, i Musei. — Festa 
di Ognissanti nel calendario Giuliano o Greco- 
Russo. — A Correggio flora di S. Quirino. — 
Fiera ad Afragola, presso Napoli: dura una 
settimana. — Da oggi fino all'ultima domenica 
di ottobre a Napoli si paga la campagna ai 
portieri dall'una dopo la mezzanotte in poi. 
— Festa della Costituzione in Danimarca. 



6 Lunedì 

158-209 



S. Eustorgio II, vesc. 

Fu vescovo di Mi- 
lano, dal 612 al 518. — 
Ss. Lucio e Amanzio, martiri, venerati a Cor- 
niglio (Parma). — S. Norberto, arciv.di Magde- 
burgo (1134). canonizzato da pp. Gregorio XIII 
nel 1582. - Festa di S. Gerardo a Monza. 

Memorandum. — (C U. Q. a ore C.53n<. — 
Pagamento delle pensioni governative di pri- 
ma categoria (non oltre le 600 lire annue). 



7 Martedì 

159-308 



S. Roberto, abate. 

Fondatore dell'ordine 
dei Cistcrciensi (1159). 
— S. Claudio, vescovo di BesHn9on (Francia), 
morto l'a. 696. — S. Godescalco, principe dei 
Vandali occidentali, mart. (1066) Butler. 

Memorandum. — Fiera a Lanciano (prov. di 
Chieti): dura una settimana. — Importante 
tìera di bestiame detta della Roma in terri- 
torio di Bocchiglione (prov. di Cosenza). Dura 
tre giorni ed è antico uso che nel tempo della 
fiera si paghino i fitti dei pascoli nella regione. 



8 Mercoledì 

160-207 



S. Vittorino, martire. 

Peri sotto 1 Vandali 
(sec. V).,— S. Medardo, 
vescovo di Noj'on (Francia), morto l' a. 345. 
— S. Fortunato, vescovo e patrono di Fano 
(sec. VI o VII). — S. Gilardo, vescovo di Rouen, 
fratello a S. Medardo (511?). Dicesi che le sue 
reliquie riposino nella chiesa di S. Medardo 
di Soisson (Butler). 



9 Giovedì 

161-306 



Ss. Primo e Feliciano, 
martiri. 



Di Roma; subirono il martirio l'a. 287. — 
S. Massimiano, vescovo di Siracusa dal 590 
al 594. — S. Riccardo, vescovo e patriarca di 
Andria (sec. V). — S. Colombo, abate in Ir- 
landa (597) chiamato l'apostolo dei Pitti, fon- 
datore di parecchi monasteri nella Scozia. 

Memorandum. — Festa dei Quattro Altari 
o del Riscatto Baronale a Torre del Greco, 
in memoria del riscatto del Comune dal feu- 
dalismo. — A Casacanditella e in altri luoghi 
degli Abruzzi, processione dei carri. 



10 Venerdì 

162-205 



Il SS. Cuore di Gesù. 

S. Margherita regi- 
na di Scozia, morta 
l'a. 1093. — S. Modestino, vesc, e compagni, 
martiri, ricordati ad Avellino (sec. III o IV). 
— S. Getulio e compagni, martiri. Era marito 
a S. Sinforosa, subì il martirio sotto l'impe- 
ratore Adriano nel secondo secolo. 

Memorandum. — Vicenza festeggia l' anni- 
versario dell'eroica difesa della città nel 1848 
contro gli Austriaci. — Cessa il permesso della 
caccia alle quaglie con le reti nella provincia 
di Napoli. — Scade la terza rata bimestrale 
delle imposte dirette erariali e sovrimposte 
comunali e provinciali. Non pagando entro 
gli otto giorni successivi alla scadenza, il con- 
tribuente incorre nella multa del 4 %. — 
Estrazione del Prestito a prevni della Città 
di Napoli, 1868. 



11 Sabato 1 ^- Barnaba, apostolo. 
163-204 Primo vescovo a Ml- 

^lano; subì dal giudei il 

martirio della lapidazione. — 8. Parisio, da 
Bologna, monaco camaldolese, morto l'a. 1267. 

Memorandum. — In Toscana si dice oggi: 
" A San Barnaba, la falce al prà. „ — In Chiog- 
già, festa dei santi Felice e Fortunato. 



TERME D'ABANO • Stabilimento Orologio • {Vedi actìso in pt^nrìpìo Ufi rolnme) 



GIUGNO 1904 



— 70 



(25* Settimana) 



12 Dom.I 

164-203 



S. Onofrio, 
eremita. 



Passò nei deserti della Te- 
l)aide neir orazione e nella pe- 
nitenza ben sessant'anni (se- 
l'olo IV). — Ss. Basilide e com- 
l)agni, soldati, martiri a Roma 
isec. Ili e IV). - S. Guido o 
(ìuidone, da Cortona, minori- 
tà, morto r a. 1250. — Festa 
patronale ad Aquila di S. Pie- 
tro Celestino (Vedi 6 aprilo). 

Memorandum. — Comincia 
la famosa fiera di Padova di 
animali bovini e di cavalli, 
r.irse al trotto e altri festeg- 
giamenti. 



13 Lini. 

165-202 



S. Antonio 
da Padova. 



25. — LUGO : Rocca, incominciata nel 1297 da Uguccione 
della Faggiuola, fortificata dagli Estensi. Ora è residenza 
comunale. 



Nacque a Lisbona, prese 
l'abito de' francescani e di- 
venne protettore della città 
di Padova, ove mori a tren- 
tiisei anni, l'a. 1931. — Festa 
patronale ad Arezzo, a Nicastro ed a Padova. 

Memorandum. — @ L. N, a ore 22.10"». — 
Nascita della Principessa Elena, duchessa 
l'Aosta (1871). — Pagamento delle pensioni 
_'() vernati ve di terza categoria (superiori a 
Ij. 1500 annue). 




{Fotogr. del cav. Alessandro Cassarini - Bologna). 



14 Martedì 
166-201 



S. Basilio Magno 
vescovo di Cesarea. 



Padre della chiesa greca, morto l'a. 379. — 
S. Marziano, primo vescovo di Siracusa (pri- 
ma del sec. IV) e patrono di Trigento. — 
s. Marco, vescovo di Bovino, venerato anche 
a Benevento. 



15 Mercoledì 

167-200 



Ss. Vito, Modesto 
e Crescenzia, martiri. 



Subirono insieme il martirio l'a. 303. — 
S. Fortunato, vescovo di Napoli dal 344 al 359. 
— S. Landelino, primo abate di Crepin nel- 
l'Hainaut (C86) (Mabillon). — B. Bernardo di 
Mentone, arcidiacono d'Aosta,^ morto nona- 
genario a Novara nel 1174. È ricordato in 
molte chiese del Piemonte (Butler). 

Memorandum. — Fiera a Nola: dura otto 
giorni. — Comincia nella provincia di Bari 
il permesso di caccia agli uccelli marini sulla 
spiaggia del mare. In quelle di Napoli e di 
Roma cessa il permesso della caccia alle qua- 
glie col fucile. — Pubblicazione all'albo mu- 
n ci pale fino al 30 giugno di ogni singolo 
comune delle liste elettorali politiche e am- 
ministrative, definitivamente approvate dalla 
commissione elettorale provinciale. — Oggi 
devoro terminare le lezioni nelle Università 
e altri Istituti superiori. Comincia la prima 
sessione degli esami speciali. — Estraz. per 
l'ammort zz. delle Obbligazioni Ferrovia Cu- 
nto 1835 e 1857. 



16 Giovedì S. Francesco Regis. 
168-199 Nativo di Narbona. 

~~~~ ^Morì in età di 43 anni, 

nel 1C40. — S. Ciro, festeggiato a Portici. — 
A Mirandola festa patronale di S. Possidonio 
(Vedi 16 maggio). 

Memorandum. — Da oggi è permessa la 
pesca fluviale e lacuale. 



17 Venerdì 

169-198 



Ss. Gervasio e Protasio, 
martiri. 



Figli dei santi Vitali e Valeria, furono mar- 
tirizzati nel sec. II; le loro salme riposano 
nella cripta di S. Ambrogio a Milano. — S. Me- 
todio, vescovo di Costantinopoli, festeggiato a 
Siracusa. — Ss. Nicandro e Marciano, soldati, 
martiri tra Venafro (Campobasso) e Atina (Ca- 
serta), venerati anche a Ravenna (sec. III-IV). 
— Ss. Ciriaca e comp., vergini, martiri presso 
Aquileia. — S. Agrippino, vescovo di Como 
dal 607 circa al 615. — A Pisa festa patronale 
di S. Ranieri. 

Memorandum. — Per S. Nicandro, patrono 
del paese, festa di tre giorni in Venafro 
(Molise). 



18 Sabato 

170-197 



Ss. Marco e Marcelliano, 
martiri. 

Morti per la fede l'a. 286. — S. Calogero, 
eremita, festeggiato a Sciacca e a Naro (Gir- 
genti), in Sicilia (secolo IV). — S. Speciosa, 
vergine pavese, sorella di S. Epifanio (sec. V). 
— S, Osanna, vergine mantovana, dell'ordine 
di s. Domenico, morta l'a. 1505. 

Memorandum. — Anniversario della istitu- 
zione dei Bersaglieri (1836) festeggiato dal 
corpo. — Festa nazionale olandese (Anniver- 
sario della battaglia di Waterloo, 1815). 



TERME D'ABANO • Stabilimento Orologio ■ [Ved. avviso in princìpio del volume). 



GIUGNO 1904 



~ 8U — 



(26a Settimana) 



a6. - MASER (prov. di Treviso): Villa Giacomelli, 
fabbricata nel 1580 dal Palladio per la famiglia Barbaro, 
insigne per sculture del Vittoria e per gli affreschi di 
Paolo Veronese. Fu di Lodovico Manin, ultimo doge di 
Venezia. 




d'estate. - È il giorno più lun- 
go dell'anno. — Oggi e i due 
giorni seguenti, feste nazionali 
del Belgio, per l'anniversario 
dell'avvenimento al trono di 
Leopoldo 1 e della proclama- 
zione dell'indipendenza. 



22 Mere. 

174-193 



S. Paolino 
da Nola, vesc. 



Nativo di Bordeaux e vose, 
di Nola (Caserta), morto l'anno 
431. — S. Giuliano, martire, pa- 
trono di Rimini (sec. III). — 
S. Biagio, vescovo di Verona, 
morto l'a. 750. (Vedi 3 febb.). 

Memorandum. — Famosa fe- 
sta dei gigli a Nola. 



23 Giov. 

175-193 



19 Domenica 

171-196 



S. Giuliana Falconieri. 

Fondatrice delle Man- 
tellate, morta l'a. 1341. 
Festa a Milano al loro convento. — Ss. Gau- 
denzio, vescovo di Arezzo e Columato suo 
diacono, martiri, circa l'a. 382. — B. Miche- 
lina, vedova, patrona di Pesaro, morta l'a. 136G. 
— Festa patronale dei Ss. Gervaso e Protaso 
a Domodossola ed a Sermide (Vedi 17 giugno). 

Memorandum. — Estraz. del Prestito Città 
di Napoli, 1877. 



20 Lunedì 

172-195 



S. Silverio, papa, mart. 

Segui nel pontificato 
romano a papa s. Aga- 
pito e fu martirizzato l'a. 538. È patrono di 
Frosinone. — 8. Daria, martire, sorella di 
8. Nicandro (vedi 17 giugno), venerata in 
Atina (Caserta), - 8. Ettore. — 8. Eadburga, 
vergine d'Inghilterra, figlia di un re della 
Mercia, ricordata dal Papebrochio. La sua 
salma fu distrutta nell'incendio che investi 
l'abazia di Berg Saint Winox nel 1558. 

Memorandum. — 3 P. Q. a ore ICll"». - 
Anniversario delia presa di Perugia dalle 
truppe pontificie (1859). — Festa dell' indipen- 
denza della Colombia. — Pagamento delle pen- 
sioni governative di seconda categoria (supe- 
riori a L. 500, ma non a L. 1500 annue). 



21 Martedì 

173-194 



S. Luigi Gonzaga. 

Di famiglia princi- 
pesca, entrò nell'ordine 
de' gesuiti, e morì a ventiquattr'anni d'età, 
vittima della carità nell'assistere appcstati 
(1591). — 8s. Rufino e Marzia, martiri, venerati 
a Siracusa, -r- S. Simplicio, suddiacono, vene- 
rato a Broni. 

Memorandum. — Entra il Sole in Cancro, 
e comincia l'Estate astronomica. — Solstizio 

TERME D'ABANO - Stabilimento Orologio 



S. Zenone, mart. 

Subì il mar- 
tirio nel III se- 
colo a Filadelfia d'Ara' ia. — 
8. Lanfranco de' Beccari, vesc. 
di Pavia dal 1180 al 1198. - 
8. Giovanni, prete, martire a 
Sutri (?, sec. III). — S. Agrippina, verg., mar- 
tire a Roma l'a. 262. 

Memorandum. —Vigilia di S.Giovanni. Sta- 
notte, falò per le campagne in tutta Italia, 
festa popolare a Roma e concorso di canzoni 
dialettali romanesche. — Fiera ad Onegiia. 



24 Venerdì 

176-191 



Natività di S. Gio. Batta. 

Precorse la venuta 
di Gesù Cristo, annun- 
ziandola ai popoli e preparando questi a de- 
gnamente accoglierla. — Feste patronali a 
Firenze, a Ferentino, a Formia (Gaeta), a 
Genova, a Monza, a Nuoro ed a Torino. — 
8. Fausto, e altri venti, martiri a Roma. — 
8. Romula, monaca, elogiata da 8. Gregorio 
(pp. dal 590 al 604). 

Memorandum. — Anniversario della vittoria 
di Solferino e San Martino, commemorato ai 
due Ossari sui teatri delle due battaglie: 
estrazione di premi in favore di militari ita- 
liani che presero parte alla battaglia di 8. Mar- 
tino. (Ma di solito la commemorazione è ri- 
mandata alla domenica successiva, cioè al 26). 
— Festa patronale dell' Ordine Sovrano di 
San Giovanni in Gerusalemme, ossia dei Ca- 
valieri di Malta. — Fi'^ra a Scarperia (prov. 
di Firenze). — Fiera a Randazzo (prov. di Ca- 
tania): dura due giorni. — Fiera di S. Giovanni 
a Venafro (Molise): dura quattro giorni. — A 
Palermo comincia la passeggiata scrotina alla 
Marina, che cessa alla rinfrescata. 



25 Sabato 

177-190 



S.Guglielmo, abate. 
Naccjne a Vercelli, 
e morì l'anno 1149. — 
S. Prospero, vescovo e patrono di Reggio Emi- 
lia, morto l'a. 466. Fu dottore della chiesa e 
segretario di 8. Leone Magno papa. 

Memorandum. — Fiera a Sansevero (Capi- 
tanata) fino al 2 luglio. 

• ( Ved. avviso in principio del volume). 



— 80« — 



DAMIANA 

SOCIETÀ DI NAVIGAZIONE A VAPORE 
SUL LAGO DI COMO 



Oltre i normali biglietti a bordo dei piroscafi si distribui- 
scono giornalmente: 

a) Biglietti ordinari e di andata e ritorno dal centro del 
Lago per Milano, con facoltà per quelli della Mediterranea ed 
Adriatica di effettuare il percorso tanto per la via lacuale di 
Como o di Lecco, come per la linea ferroviaria Milano-Varenna, 
e per quelli di andata e ritorno di seguire a piacimento nel ri- 
torno la via prescelta per l'andata, come dei tre transiti di 
Como-Lecco o Varenna, mentre per quelli delle ferrovie Nord- 
Milano, si dovrà seguire la sola via di Como; 

b) Biglietti di andata e ritorno da Lenno e stazioni in- 
termedie sino ad Argegno, per Milano (via Como) con validità 
di otto giorni (via Mediterranea o Nord) ; 

e) Biglietti ordinari e di andata e ritorno da qualsiasi 
stazione del Lago per Milano (via Mediterranea e Nord) e di 
sola andata per la via di Lecco (Rete Adriatica). — Pel servi- 
zio viaggiatori colle Grandi Reti, sono escluse le stazioni la- 
cuali toccate dalla ferrovia; 

d) Biglietti in servizio cumulativo colla Navigazione e 
ferrovia pel Lago di Lugano (via Menaggio) nonché coli' Im- 
presa di Navigazione sul Lago Maggiore (via Menaggio e via 
Laveno) ; 

e) Biglietti diretti per Lucerna e Basilea (via Menaggio- 
Lugano e Como-Chiasso) e pei monti Generoso e San Salvatore ; 

f) Biglietti in servizio cumulativo per la valle d'Intelvi; 

g) Biglietti diretti per l'Engadina. 

AVVERTENZA. — I biglietti di andata e ritorno fra le stazioni 
del Lago sono validi per TRE GIORNI compreso quello del- 
l' emissione. 



— 806 — 

Biglietti di 1^ classe per famiglia formati di 200 
tagliandi da cent. 10 — Questi biglietti di assoluta convenienza 
godono di un ribasso superiore a quello concesso pei biglietti 
di andata e ritorno. Sono validi per qualsiasi stazione e pos- 
sono essere usufruiti nel volgere di un anno dal loro acquisto. 

Biglietti a serie per due determinate stazioni con ri- 
duzione dal 25 al 30 perVo sul prezzo ordinario. 

Biglietti festivi. — Presso le iVgenzie di Como e Lecco, 
sono posti in vendita nelle domeniche e giorni festivi, biglietti 
di andata e ritorno di 1* e 2* classe per qualsivoglia stazione, 
con validità giornalieri^ ed a prezzi eccezionalmente ridotti. 

Biglietti di abbonamento. — Si rilasciano abbo- 
namenti annuali, trimestrali, mensili e quindicinali per le zone : 
Como-Argegno e per tutto il lago. 

Tessere di riconoscimento. — Valide per viaggi 
sui piroscafi a prezzo ridotto del 50 per ^/q. — Prezzo delle Tes- 
sere: L. 9 per la U classe - L. 5 per la 2* classe. 

Biglietti Circolari Normali fra le reti Mediter- 
ranea-Adriatica-Ferrovie Nord Milano e Laghi Maggiore e di 
Lugano. 

Servizio economico locale a cent. 20 nei giorni feriali e 30 
nei giorni festivi, nella zona Como-Torno e viceversa. 
NB. - Nei biglietti di abbonamento quindicinali, mensili, trimestrali, ec, 

distribuiti dalle Strade ferrate Meridionali e del Mediterrano, è pure 

compreso il percorso sul Lago di Como senza aumento di prezzo. 

Noleggio di piroscafi per gite di piacere. 

Servizio di ristorante a bordo. 



PfflOSCAn DELLA SOCIETÀ 



liombardia 

Elvezia 

Icariano 

Tolta 

Como 

liecco 

Plinio 

Italia 



Milano 

Unione 

Tittorla 

Adda 

Brunate ^ 

Umberto I ' Dongo 

Mena$rgrio Trasporto 



COMMERCIO 

ellagfio ] ^ 

ellano f ^ 

Valtellina ^ | 



Ciirno Vaironi 

Orari in coincidenza colle ferrovie Mediterranea, Adriatica, 
Nord-Milano a Como-Lecco-Colico- Varenna e colla ferrovia 
del Gottardo, via Chiasso, e col Lago di Lugano e Maggiore 
via Menaggio-Porlezza. 

Corse dirette al Centro del Lago-Tremezzina-Cadenabbia- 
Bellagio-Menaggio. 



GIUGNO-LUGLIO 1904 — 81 — 



(27* Settimana) 



26 Doni.l S. Giovanni 
178-189 je Paolo, mart. 
Ufliciali addetti alla casa 
Imperiale di Costantino, subi- 
rono glorioso martirio, l'anno 
362. — S. Vigilio, vescovo di 
Trento dal 3S8 al 405. e pa- 
trono della stessa città. — 
S. Elisa, verg. e mart. — S. Ro- 
dolfo, vescovo. — S. Massenzio 
abate nel Poitou (515) (Ma- 
billon e Butler). — S. Lamber- 
to, vescovo di Venezia nel 
1134. (Bollandisti). 



27. — MESSINA : Catteduale, opera del 900. La facciata 
è del sec. XIV, con tre bellissime porte di stile gotico. 



27 Liin. 

179-188 



S. Ladislao, re. 

Fu re d'Un- 
gheria, e morì 



l'a. 1095. — S. Maggiorino, ve- 
scovo d'Aqui, prima dell'a. 3li8. 

— S. Diodato, Adeodato, ve- 
scovo di Nola dal 442 al 473. 

— S. Ferdinando, vescovo di 
Caiazzo (Caserta), morto cir- 
ca l'a. 1050. — S. Adleida, ve- 
dova, venerata a Bergamo. 

Memorandum. — © L. P. 

a ore 21.23'". — Oggi pagamento degli sti 
pendi agli impiegati governativi. 




28 Martedì 

180-Ì87 



S. Leone II, papa. 

Resse la chiesa dal 

682 al 683. — S. Ireneo, 

nato a Smirne l'a. 121, morto 

- S. Paolo I, pp. dal 757 al 768. 



vesc. di Lione, 
mart. l'a. 202. — 

Memorandum. — A Roma nella basilica di 
Pietro benedizione dei Pallii fatta dal Papa 
dal Cardinale officiante. — A Roma oggi 
nelle ore pomeridiane e domani tutta la gior- 
nata, sono aperte le Grotte Vaticane ai soli 
uommi. — Oggi, vigilia di S. Pietro, a Torino 
le società militari e popolari si recano a fare 
onoranza al monumento di Pietro Micca. 



29 Mercoledì 

181-186 



Ss. Pietro e Paolo. 

Furono i principali 
propagatori del cristia- 
nesimo. — Feste patronali a Mercatello, Lecco 
e Luino. — S. Cassio, vescovo di Narni dal 
536 al 558. 

Memorandum. — Festa civile legale. — Sono 
chiusi anche i Musei e le Gallerie. — Fiera a 
Gallipoli, fino al 3 luglio. — Comincia la fiera 
di Faenza, che dura 8 giorni. 



30 Giovedì 

183-185 



S. Adele, abbadessa. 

Figlia di Dagober- 
to II, re d' Austrasia 
Mori verso l'anno 734. 

Memorandum. — A Roma, nella basilica di 
S. Paolo ertra niurns, si espongono al pub- 
blico le catene dell'Apostolo. — Digiuno israe- 
litico di Tamitz. — Hanno teraiine le lezioni 
nei Ginnasi e nei Licei. — Chiusura dell'anno 
scolastico per le Scuole tecniche e gl'Istituti 



tecnici. -- Chiusura dell'anno finanziario per 
tutte le amministrazioni governative. — Estra- 
zione del Prestito a premi della Città di Vene- 
zia, 1869 (rimborso lo novembre) e del Pre- 
stito a premi riord. Bevilacqua La Masa. 



1 Venerdì 

183-184 



S. Teobaldo, monaco. 

Camaldolese del se- 
colo XI. — S. Regina, 
sposa ad Adelberto conte d'Ostrevant. Morì 
verso la fine del sec. Vili. — B. Bartolomeo 
di Braganza, vesc. di Vicenza, dal 1256 al 1270. 

Memorandum. — Si pubblicano i ruoli sup- 
pletivi delle imposte dirette, e restano depo- 
sitati per otto giorni negli uffici comunali. — 
Comincia la sessione estiva di esami nei Gin- 
nasi e Licei. — Nella prov. di Foggia oggi si 
apre la caccia col fucile alle quaglie e agli altri 
uccelli di passo. — Oggi cominciano i paga- 
menti del 2° semestre della rendita consoli- 
data 5 % nominativa e del 3» trimestre della 
rendita consolidata 4,50 % netto. — Oggi ma- 
turano le cedole semestrali del maggior nu- 
mero dei valori bancari e industriali. — Estra- 
zione del Prest. a premi Città di Milano 1861 ; 
Prest. a premi Napoli 1881; Obblig. Tunisine 
1889; Obblig. di Torino, provinciali 1888 e co- 
munali 1892. 



2 Sabato 

184-183 



Visitazione 
di Maria Vergine. 

S. Adeodato, prete, 
venerato a Galliano (Cantù, prov. di Como). 

Memorandum. — Palio a Siena. — Festa di 
Maria Santissima Incoronata di Pozzano, pro- 
tettrice della città di Castellammare di Stabia. 
— Festa della Madonna della Bruna in Mate- 
ra, con fiera. — Festa di S. M. Nuova a Mon- 
reale. — Festa patronale iu Castrogiovanni. 



LUGLIO 1904 



— 82 



(28» Settimana) 



28. — MONREALE: Chiostro della Cattedrale, eretta 
da Guglielmo II nel secolo XII. 




(Futogr. Somme»-). 



Zaccaria, barnabita, festeggia- 
to a Milano (1502-1569). Fu an- 
noverato fra i santi nel mag- 
gio del 1897. 

Memorandum. — C; U. Q. a 

ore 23.54"'. — Pagamento delle 
pensioni governative di pri- 
ma categoria (non oltre le 500 
lire annue). ~ Festa nazio- 
nale della Repubblica del Ve- 
nezuela (Anniversario della 
proclamazione dell' indipen- 
denza nel 1810). — Per la fo- 
sta di S. Vito patrono del 
paese grandi feste a Forio 
d'Ischia. 



6 Mere. 

188-179 



S. Lorenzo 
da Brindisi. 



3 Domenica 

185-183 



S. Dato, vescovo. 

Vescovo di Raven- 
na dal 175 al 185. - 
S. Eliodoro, vescovo di Aitino (Chieti), dal 381 
al 407. — Ss. Ireneo e Musti'ola, martiri, vene- 
rati a Chiusi. — S. Lingdano, o Lindano, ab., 
patrono di Sessa (Gaeta): sec. V-VI? 

{Memorandum. — A Roma oggi sono aperte 
le Grotte Vaticane alla visita delle sole donne. 
— A Roma nella chiesa di S. Pietro in Vin- 
coli si espongono al pubblico le catene di 
S. Pietro. — Fiera di S. Filomena a Roccella 
Jonica (prov. di Reggio Calabria), che dura 
tre giorni. — Festa di San Calogero in Gii-- 
genti. 



4 Lunedi 

186-181 



S. Ulrico, vescovo. 



Vescovo di Augu- 
sta. Mori dopo cinquan- 
fanni di episcopato, a ottantatrò anni d'età, 
nel 972. — S. Gallo, vescovo di Clermont, dal 
527 al 553 circa. — S. Alberto, vescovo, vene- 
rato a TiOdi (sec. IX). — S. Mustia, vergine, 
venerata a Pesaro. — A Piacenza festa patro- 
nale di S. Antonino. (Vedi 2 maggio). 

Memorandum. — Festa dell'indipendenza 
degli Stati Uniti d'America (Anniversario della 
Dichiarazione del 1776). 



5 Martedì 

187-180 



S. Zoe, martire. 

Romana di nascita 
(sec. III-IV). - Ss. Aga- 
tone e Trifina o Trifomcna, siciliani, martiri, 
venerati a Minori (Amalfi). — S. Marcelliano, 
eremita, venerato ad Aitino (sec. IV-V). — 
S. Filomena de' Clavelli, vergine di Sanseve- 
rino Marche (Macerata). — S. Antonio Maria 



Cappuccino e celebre pre- 
dicatore in varie lingue; sol- 
levò con buon esito una cro- 
ciata contro i turchi, in difesa 
dell'Ungheria. Morì l'a. 1619. 
— S. Romolo, vesc. e pati-ono 
di Fiesole, martire (sec. I?). — 
S. Domenica, vergine, mari., 
venerata in Tropea (Monteleone di Calabria; : 
sec. III-IV). - S. Tranquillino, martire 



7 Giovedì 

189-178 



S. Claudio, martire. 

Subì il martirio a 
Roma, l'anno 286. — 
Ss. Crescenzio e compagni, martiri, venerati 
a Fiesole. — S. Apollonio, vescovo di Bre- 
scia dal 119 al 135 (Gams). — S. Console, vesc. 
di Como dal 489 al 495 circa. — S. Astio o 
Asteo, vescovo e martire di Durazzo. — Ad 
Ivrea patronale di S. Savino (Vedi 11 luglio). 

Memorandum. — A Fiesole fiera di S. Ro- 
molo. 



S. Elisabetta, regina. 

Figlia del re d'Ara- 



8 Venerdì 

190-177 

' gona, sposa a Dioni;,M 

re del Portogallo. Mori benedetta dai suoi 
popoli l'a. 1336. — S. Apollonio, vescovo di 
Benevento dal 326 al 340 circa. — S. Illumi- 
nato, eremita, presso Ti terno Tiberino, ora 
Città di Castello (Perugia). - S. Adriano III, 
pp., morto noli' 885. 



9 Sabato 1 ^- Giovanna Scopello. 
191-176 ! Carmelitana, nata a 
Reggio d'Emilia l'an- 
no 1428, morta l'anno 1491. — S. Veronica 
Giuliani, nata a Mercatello d'Urbino, Clarissa, 
morta a sessantasette anni d'età, nel 1727. 
— Ss. Eusanio e compagni, martiri, venerati 
a S. Eusanio Forconese (Aquila degli Abruz- 
zi): sec. I? — B. Brlzlo, vescovo di Martano 
(Lecce): sec. I-III. — Ad Acqui, festa patro- 
nale di S. Guido (Vedi 12 settembre). 

Memorandum. — Festa nazionale della re- 
pubblica Argentina. 



TERME D'ABANO • Stabilimento Orologio • {Vd. avvino in principio del volume). 



LUGLIO 1904 



83 - 



(SQa Settimana) 



10 Doni. 

192-175 



S. Felicita 
e suoi sette 
figli, martiri. 

Fa celebre madre cristia- 
na del secondo secolo, la 
(jiiale, accusata co' figli come 
iristiana, venne con loro 
martirizzata a Roma l'a. 175. 

— Ss. Ruflna e Seconda, ro- 
mane, verg., martiri l'a. 260. 

— S. Paterniano, vescovo di 
Fano dall' a. 300 al 344 circa. 

— S. Pietro, abate, onorato a 
Perugia (sec. X). 

Memorandum. — Pellegri- 
naggio e fiera al Santuario di 
Santa Felicita, presso la Me- 
fite d'Ansanto, nell'Agro di 
Rocca San Felice (Avellino). 
- Festa di S.Biagio in Co- 
niiso. — Fiera a Muro Lucano 
(prov. di Potenza). — Estraz. 
ammort. Prest. Milano uni- 
ficato 1886 (rimborso 1" otto- 
bre). — Scadenza cedole se- 
mestr. Azioni Acquedotto Ni- 
colay. 



29. — OLGISIO, frazione del comune di Pianello Val Tidone 
(prov. di Piacenza^: Coktile e loggiato della Rocca dei 
Dal Vekme, che vuoisi anteriore al sec. V. 




{Fotogr. del cav. Alessandro Cassarmi - Bologna). 



1 1 Lunedì 1 ^* '''° '' P^P^» martire. 
193-174 Successe a S. Igino, 

r a. 142. Morì martire 

sotto Antonino Pio, l'anno 150. 

Memorandum. — Celebri feste in onore dì 
Santa Rosalia a Palei-mo, ripristinate da otto 
anni noll'antica pompa. Durano cinque giorni. 



12 Martedì 

194-173 



S. Giovanni Gualberto. 

Fondatore dei Val- 
lombrosani, morto a ot- 
tantott'anni d'età, nel 1073. — S. Paolino, 
primo vescovo di Lucca (sec. I?). — A Stez- 
zano festa dell'apparizione della B.V.M. — A 
Corneto (Roma) festa patronale di S. Litardo. 

Memorandum. — Pagamento delle pensioni 
governative di terza categoria (superiori a 
L. 2000 annue). 



13 Mercoledì 

195-173 



S. Anacleto, papa, mart. 

Resse la chiesa dal- 
l' 83 al 95. - Ss. Nabor 
e Felice, martiri a Milano l'a. 304. — S. Giu- 
stina, verg., martire a Trieste l'a. 289. — 
S. Eugenio, vesc. di Cartagine, con altri com- 
pagni, confessori sotto 1 Vandali (505). Butler. 

Memorandum. — Q L. N. a ore 6.27™. 



14 Giovedì 

196-171 



S. Bonaventura, card, 
e dottore della chiesa. 

Mori l'a. 1274. Era dell'ordine dei Fran- 
cescani. — S. Felice, primo vescovo di Como 
(circa gli anni 380-391). — Ss. Rufino e Ave- 
nanzio, eromiti, onorati a Tortona. — Festa 
patronale di S. Marciano a Trigento, provincia 
di Avellino (Vedi 14 giugno). 

TERME D'ABANO 



Memorandum. — Festa nazionale della Re- 
pubblica Francese (anniversario della presa 
della Bastiglia, 1789). — Festa nazionale al Bra- 
sile (Giubileo della repubblica, della libertà e 
della indipendenza dei popoli americani). 



15 Venerdì 

197-170 



S. Enrico, imperatore. 

Fu imperatore di 
Germania e si meritò il 
titolo di Pio. Morì l'a. 1024. — S. Atanasio I, 
vescovo di Napoli dall' a. 850 all' a. 872. — 
S. Camillo de Lellis, nativo di Bucchianico 
negli Abruzzi, fondatore della congregazione 
dei Camiliani. 

Memorandum. — Hanno termine le feste di 
S. Rosalia a Palermo, con la processione not- 
turna delle reliquie della Santa. — Da oggi 
è permessa la caccia ai passeri con le reti 
nella provincia di Catania; nella provincia di 
Cosenza, apertura della caccia col fucile; in 
quella di Foggia, della caccia con le reti. 



16 Sabato 

198-169 



Maria Ss. del Carmine. 



Festa patronale a 
Concesa. — Ss. Quirico 
e Giulitta, martiri, l'a. 304, festeggiati a Paullo 
lodigiano. — S. Vitaliano, vescovo di Capua, 
morto circa l'a. 728, (Vedi 27 gennaio). 

Memorandum. — Feste a Napoli «iella sto- 
rica chiesa del Carmine e nel popolare quar- 
tiere del Mercato. — Da oggi sino alla fine 
del mese le Biblioteche governative sospen- 
dono il servizio del prestito di libri a domi- 
cilio : le opere già prestate devono essere re- 
stituite in questa quindicina. — Da oggi è 
concessa la caccia agli uccelli con pania e 
reti nella prov. di Cagliari. — Fiera a Mon- 
teleone (Calabria Ulterioi-e) fino al 22 luglio. 



Stabilimento Orologio • ( Ved. avviso in vrincivio del volume). 



LUGLIO 1904 



84 



(30» Settimana) 



30. — PADOVA: Abside della Chiesa degli Erk- 
MiTANi, monumento insigne del sec. XIII, famoso spe- 
cialmente perchè Andrea Mantegna vi dipinse la cele- 
bre Cappella di San Giacomo. 




Memorandum. — (C P. Q. a 
ore 21.49'". — Cominciano di so- 
lito le rappresentazioni wagneria- 
ne al teatro di Bayreuth. 



20 Mere. 

202-165 



{Fotoyr. Aìin„yi). 



17 Domenieai S- Marcelllna, vergine. 
199-168 Sorella ai Ss. Ambro- 

— — 'gio e Satiro, ritiratasi 

a vita privata, diede origine ai primi mona- 
steri di vergini. Mori sulla fine del secolo IV. 

— S. Marina, verg., festeggiata a Venezia. 

— S. Generoso, mai-t., venerato a Tivoli. — 
S. Leone IV pp. (847-855), provvide alla difesa 
di Roma, ai restauri di S. Giovanni Laterano, 
alla disciplina del clero, all'estirpazione delle 
eresie e si spense dopo otto anni di pon- 
tificato. 

Memorandum. — Tradizionale Sagra del 
Redentore, festeggiata tutta la notte a Ve- 
nezia, in ricordo della cessazione della pe- 
stilenza del 1578. 



18 Lunedi 

200-167 



S. Sinforosa 
e suoi sette figli. 



Martiri circa gli anni 117-138, patroni di 
Tivoli, loro patria. — S. Materno, vescovo di 
Milano circa gli anni 282-304. - S. Elio, conf., 
onorato a Capo d'Istria. 

Memorandum. — Festa dell'indipendenza 
della Repubblica dell'Uruguay. 



19 Martedì 
201-166 



S. Vincenzo di Paola. 

Fu la personifica- 
zione della benetìcenza 
francese nel sec. XVII. Divenuto prete, fondò 
r istituto Ag' La z zaristi, istituì ricoveri per po- 
veri, per vecchi, per trovatelli: sollevò in ogni 
maniera i condannati alle galere ed intro- 
dusse primo le suore di carità. Morì ottua- 
genario, l'a. Kió'J. — S. Pietro de' Cresci, conf., 
morto l'a. 1323, onorato a Foligno. 



S. Gerolamo 
Miani. 

Appartenente 
a nobile famiglia veneta, dopo una 
gioventù spensierata, si diede a 
vita di sacrifizio a pi-o' de' fan- 
ciulli orfani ed abbandonati, pei 
quali primo istituì orfanotrofi e 
ricoveri. Creò la congregazione dei 
Somaschi, così detta da Somasc.T, 
paese vicino a Lecco, ov'egli passò 
gli ultimi suoi anni e dove riposa 
la sua salma. Morì l'a. 1537. — 
S. Margherita, vergine d'Antio- 
chia, martire verso l'a. 275, festeg- 
giata a Cremona e a Montefiascone. 

Memorandum. — Primo anni- 
versario della morte del Sommo 
Pontefice Leone XIII. — Onoma- 
stico di S. M. la Regina Madre 
Margherita. — Sesto centenario 
della nascita di Francesco Petrar- 
ca. Grandi feste ad Arezzo. — 
Apertura della famosa fiera di 
S. Maria Maddalena in Sinigaglia. Dura 17 
giorni. — Estraz. per il rimborso certificati 
Prestito Cattol. 1860-64 (rimb. al 1» ott. suc- 
cess.). — Pagamento delle pensioni governa- 
tive di seconda categoria (superiori a L. 500, 
ma non a L. 2000 annue). 



21 Giovedì 

203-164 



S. Prassede, vergine. 

Visse nel sec. II, a 
Roma. — S. Vittore di 
Marsiglia, martire sotto l'imperatore Massi- 
miano, dopo la strage della legione tebea (290). 
— S. Macrina, verg., da Cesarea di Cappadocia 
(Turchia asiatica), morta l'a. 379. — S. Zotico, 
vescovo di Comana in Cappadocia. Perì nella 
persecuzione dell'imperatore Severo, verso 
il 204 (Butlor). 



22 Venerdì 

204-163 



S. Maria Maddalena. 
Sorella a Marta (29 
luglio) e a Lazzaro. 
Passò trent'anni in ardue penitenze e pare 
morisse l'a. 66. — S. Gerolamo, vescovo di 
Pavia dal 778 al 787. — 8. Gnalterlo, conf., 
morto l'a. 12'24, onorato a Lodi. 

Memorandum. 

30 luglio. 



Fiera a Bisceglie, fino al 



23 Sabato 

205-162 



S. Apollinare, vesc, m. 
.\postolo e patrono 

di Ravenna, ove la tra- 
dizione lo dice mandato dallo stesso S. Pie- 
tro, e credesi morisse martire per la fede 
circa l'.-i. 75. — Ss. Romula e compaijiic, ver- 



gini romane (fine del sec. VI). 

Memorandum. — Entra il Sole in Leone. 
TERME D'ABANO • Stabilimento Orologio • {Veil. ncriso in pnncìjìio (Ul volnmt). 



LUGLIO 1904 



85 — 



(31* Settimana) 



'24 DoniJ^- Francesco 
806-161 I da Solano. 

Francescano, evangeliz- 
zatore del Perù, a Lima. 
Tucunjan e Rio della Piata. 
Mori a Lima l'anno 1610. — 
S.Cristina, vergine, martire 
>ec. IH-IV): è onorata a 
l'alei-mo. — Ss. Cleonico, 
Stratonico, e compagni, da 
Lentiiii, martiri. — S. Giu- 
liano e compagni, onorati 
a Lodi (sec. IlI-IV). 



25 Lun. 

307-160 



Cristoforo, 
martire. 



Fu della Licia, regione 
dell'Asia Minore, e soffrì il 
martirio per la fede circa 
la. 250: è patrono della cit- 
tà di Gallarate (Milano). — 
S. Giacomo il maggiori , 
apostolo (sec. I). — A Mtz- 
zojuso (Corleone), patronale 
del SS. Crocifisso. 

Memorandam. — Festa 
nazionale di Baviera. 



31. — PADOVA: Interno del Palazzo della Ragione, 
o Salone, una delle più vaste sale d'Europa, lunga m. 81, 
larga 27, alta 14. Conainciata nel 1171, compiuta nel 1219. 
In fondo alla sala v'è un gigantesco Cavallo di legno, del 
Donatello. 




(Fotogr. Alinart). 



26 Martedì 1 s. Anna. 

208-159 Madre di Maria SS. 

' A Roma ed a Napoli 

festa di precetto. — S. Germano, vescovo di 
Auxerre (448) (Butler). 

IMemorandun). - A Firenze anniversario 
della cacciata del Duca d'Atene (1343). Al- 
l'antico tempio di Or San Michele sventolano 
le bandiere delle corporazioni d' arti della 
Repubblica fiorentina. — Festa di S. Anna, a 
Castelbuono (Palermo) dove si conserva il 
cranio della santa patrona. — In Acireale, 
festa della patrona S. Venera. -- In molte 
parti d'Italia si crede che se piove il giorno 
di S. Anna, pioverà un mese e una settimana. 



27 Mercoledì! 5- Giuliano, vesc. mart. 
209-158 S. Aurelio, martire 

■ a Cordova, nella per- 

secuzione de' Mori, l'a. 852. — Ss. Pantaleone, 
o Pantaleo, medico, ed Ermolao, martiri l'an- 
no 303. — Festa patronale della diocesi di 
Crema. 

Memorandum. — © L. P. a ore 10.42"'. — 
Oggi pagamento degli stipendi agli impiegati 
governativi. 



28 Giovedì 1 Ss. Nazaro e Celso, mart. 
SIO-IB*? Morti per la fede 

circa l' a. 68, festeggiati 
a Milano. — S. Innocenzo I. pp. dal 402 al 417. 
- S. Vittore I, pp. dal 185 al 197. — S. Rai- 
mondo, confess., morto l'a. 1200, venerato a 
Piacenza. 



Memorandum. — Fiera ad Assisi: dura 
quattro giorni. — Anniversario della morte 
del Re Carlo Alberto (1849). Messa funebre 
solenne nel Duomo di Torino per cura del 
Ministero dell'Interno. — Oggi (16 luglio nel 
Calendario Russo) si apre la famosa fiera di 
S. Macario a Nijni-Novgorod. Si chiude il 
7 settembre (25 agosto). — Festa nazionale 
del Perù (Anniversario del giuramento del- 
l'Indipendenza, 1821). 



29 Venerdì 

211-156 



S. Marta, matrona. 

Sorella a Lazzaro e 
a Maria Maddalena. Se- 
condo le più probabili tradizioni mori l'a. 84. 

— S. Faustino, festeggiato a Todi (sec. III-IV). 

- S. Olao II re di Norvegia (1035). — S. Sim- 
plicio e compagni, martiri, decapitati a Roma 
nel 303, durante la persecuzione di Diocle- 
ziano. 

Memorandum. — Anniversario della morte 
del re Umberto I, ucciso a Monza il 1900. La 
commemorazione ufficiale è fatta il 14 marzo. 



30 Sabato I S- Alessio, pellegrino. 



212-155 



Appartenente ad agia- 
' ta famiglia romana, si 
sentì ispirato ad abbandonarla, per darsi a 
vita penitente. Ritornato, e non riconosciuto 
dalla famiglia, rimase per parecchi anni in 
un canto della casa, vivendo di carità. Mori 
circa l'a. 41G. — S. Rufino, martire, onorato 
ad Assisi. — S. Terenzio, diacono, protettore 
di Faenza. 



TERME D'ABANO - Stabilimento Orologio - (Fed. avviso in principio del volume). 



LUGLIO- AGOSTO 1904 



86 



(32» Settimana) 



32. — PISA : Campanile, o Torre pen- 
dente, fondata nel 1174 per opera dell' ar- 
chitetto Bonanno pisano, compiuta nel 1350. 
Alta m. 54 : pende circa 4 metri. 






affluì, 




(Fotogr. Sommer). 



3 1 Domenica 

213-154 



S. Ignazio da Loyoia. 

Fondatore della Com- 
pagnia di Gesù, ossia 
de' Gesuiti. Mori il 1556. — S. Giovanni Co- 
lombini, fond. do' Gesuali, morto l'a. 1367. 

Memorandum. — Festa al Santuario di 
S. Ignazio presso Lanzo Torinese. — Fiera 
a Salsomaggiore (prov. di Parma). — Fiera 
di S. Anna a Bovalino (prov. di Reggio-Cala- 
bria): dura tre giorni. — Chiusura dell'anno 
scolastico nelle Università e nei Ginnasi e 
Licei. — Nella provincia di Palermo cessa 
il permesso della caccia alle quaglie e agli 
altri volatili di transito. — Ultimo termine 
per iscriversi nelle liste dei giurati presso 
r ufficio comunale, sotto pena di una multa 
di L. 50. — Scade il termine utile per le 
dichiarazioni dei nuovi redditi, delle varia- 
zioni e della cessazione dei redditi già accer- 
tati, agli effetti dell'applicazione dell'imposta 
sulla Ricchezza Mobile. 



1 Lunedì 

214-153 



S. Pellegrino, eremita. 
Mori a mezzo il se- 
colo IV. — 8. Pietro in 
vinctilis. 

Memorandum. — Ferragosto (da Feriae Au- 
gusti), per antichissima usanza in molti luoghi 
d'Italia giorno di mancie (che in qualche 
paese si danno invece per la Madonna di 
Ferragosto, cioè per l'Assunta che viene il 



15 del mese). — Da oggi agli 8 del mese sono 
esposte al pubblico a Roma nella chiesa di 
S. Pietro in Vincoli le catene di S. Pietro. — 
Festa titolare in Lanzo di Piemonte. — Oggi 
si apre la caccia in molte prcJvince del Regno. 
— Estraz. del prest. a premi della Croce Rossa 
Italiana. — Estraz. ammortizz. Prestito Città 
di Livorno 1871-74. — Estraz. pel rimborso 
delle Obbligaz. della Società degli Alti Forni 
e Acciaierie di Terni. — Scadenze cuponi Pre- 
stito a premi e frutti della città di Napoli (1871). 



2 Martedì S. Alfonso de' Uguori. 

215-152 Vescovo di S. Aga- 

ta de' Goti (Benevento), 

dottore della chiesa latina, nato l'a. 1696. — 
— S. Massimo, vescovo di Padova, circa gli 
anni 139-166. 

Memorandum. — Pellegrinaggio all'insigne 
Santuario della Porziuncula, o di S. Maria 
degli Angeli, per il perdono di Assisi. — Fiera 
detta di S. Donato in Controne (Salerno). 



3 Mercoledì 

216-151 



chissima tradizione 
Sarebbe morto l'anno 89. 



S. Aspreno. 

Vescovo di Napoli, 
creato secondo un'anti- 
da s. Pietro medesimo. 



4 Giovedì 

217-150 



S. Domenico di Guzman. 

Spagnuolo, di nobile 
famiglia. Istituì l'ordi- 
ne da' Predicatori, detti da lui anche Dome- 
nicani, e introdusse la pia pratica oggi uni- 
versale del Rosario in onore della Vergine. 
Mori a Bologna, l'a. 1221. 

Memorandum. — eC U. Q. a ore 13.03™. 



5 Venerdì 

218-149 



Maria SS. della Neve. 
Festa in memoria 
della dedicazione della 
chiesa di S. Maria Maggiore, sopra un'altura 
di Roma, ove cadde neve prodigiosa il 5 ago- 
sto 352, sotto papa Liberio. — S. Osvaldo, 
principe inglese (n. 604, m. 642). — S. Paride, 
vesc. di Teano (Terra di Lavoro), dal 333 
circa al 346. — S. Virginia, verg. e mart. — Fe- 
sta patronale di S. Emidio ad Ascoli-Piceno. 
Memorandum. — A Roma solenni funzioni 
nella basilica di S. Maria Maggiore: durante 
l'ufficio dall'alto della chiesa si gettano dei 
fiori bianchi. — La fe^ta della Madonna della 
Neve è celebrata con grande solennità e con- 
corso di popolo sulla vetta del Rocciamelone, 
al nord di Susa (m. 3537). — Fiera al Vasto 
(Abruzzo): dura 6 giorni. — Fiera a Matera. 
Dura 6 giorni. — Pagamento dello pensioni 
governative di prima categoria (non oltre le 
500 lire annue). 



6 Sabato 

219-148 



Trasfigurazione di G. C. 
Ss. Sisto II e com- 
pagni, martiri. Perirono 
sotto Valeriane e Gallieno, sul principio del- 
l' 8» persecuzione l'a. 258. 

Memorandum. — Festa nazionale della Bo- 
livia (Anniversario della proclamazione del- 



l'indipendenza, 1825). 
TERME D'ABANO • Stabilimento Orologio • (Vedi avviso in principio del volume). 



AGOSTO 1904 



87 



(33* Settimana) 



7 Domenica 1 ^* Gaetano da Thiene. 
SSO-l^t? Morto l'anno 1547. 

' Festa e llera a Thiene. 

— S. Donato, vescovo d'Arez/.o dall' a. 341) 
al 3C2, mart, — Ss. Pietro e (ìiuliano, mar- 
tiri a Roma, circa gli anni 254-2G0. — 8s. Car- 
poforo, e compagni. — S. Donato, diacono, pro- 
tettore d'Imola (Bologna), vissuto circa gli 
a. 446-483. — Ad Arezzo, Mondovì e Pinerolo 
feste patronali. 

Memorandum. — Oggi cominciano in tutta 
Italia, le ferie annuali del Fóro giudiziario. 



8 Lunedi 

221-146 



Ss. Ciriaco e comp., m. 

Martiri sotto Diocle- 
ziano circa la fine del 
sec. III. — 8. Famiano, conf., morto l'a. 1150, 
patrono di Gallese. — S. Arturo, mart 

Memorandum. — Anniversario della cacciata 
degli Austriaci da Bologna (1848). La città 
è imbandierata. — Commemorazione della 
morte di Benedetto Cairoli (1889) a Groppello 
Cairoli. — Apertura della sessione ordinaria 
dei Consigli provinciali. — Nella provincia di 
Firenze si apre la caccia agli uccelli estatini. 



9 Martedi 

222-145 



Ss. Fermo e Rustico, 
martiri. 

Cittadini di Bergamo, a motivo della re- 
ligione cristiana che professavano, subirono 
il martirio a Verona (sec. III. — Festa pa- 
tronale a S. Fermo (Brianza). — S. Romano, 
martire, festeggiato a Lucca. — S. Cino, mar- 
tire, festeggiato a Marineo. — Feste patronali 
a Cuneo ed a Cirié. 

Memorandum. — Da oggi all' Il grande 
pioggia di stelle cadenti, detta comunemente 
delle lacrime di S. Lorenzo, e dagli astronomi 
sciame delle Perseidi. 



10 Mercoledi 

223-144 



B. Amadeo, monaco. 
Spagnuolo d' origi- 
ne, si trovò condotto, 
per le vicende guerresche, a Milano. Quivi 
fondò una chiesa dedicata a s. Maria della 
Face, e istituì la congregazione degli Ama- 
deisti. Morì l'a. 1582. — S. Lorenzo, diacono, 
mart. circa l' anno 258. Festa titolare nella 
diocesi d'Alba (Cuneo). — Festa patronale di 
S. Rufino ad Assisi (vedi 26 agosto). 

Memorandum. — In Udine fiera importan- 
tissima di S. Lorenzo. Dura tre giorni, ma i 
festeggiamenti si protraggono per tutto II 
mese. — Apertura della caccia nelle province 
di Belluno, Genova (ai soli rigogoli, a posto 
fisso), Perugia, Roma (ma per i quadrupedi 
alle sole lepri), Rovigo, Treviso. — Scade la 
quarta rata bimestrale delle imposte dirette 
erariali e sovrimposte comunali e provinciali. 
— Oggi sulle spiagge marittime della Romagna 
costuma fare l'ultimo bagno di mare. ~ Oggi 
in Lecce e in altri luoghi delle Puglie termi- 
nano le annate locative, e si fanno i traslo- 
chi. — Oggi in molte località del Piemonte 
si pagano i fitti dei terreni. — Festa nazio- 
n.ile della repubblica dell'Equatore (procla- 
mazione dell'indipendenza). 



33. — PISA: Battistero, fondato nel 1153, 
sui disegni di Diotisalvi: è rotondo, del dia- 
metro di 30 metri, alto 55. 




{Futogr. Sommer). 



11 Giovedi 

224-143 



S. Tiburzio, martire. 

Appartenente a fa- 
miglia patrizia di Roma. 
Accusato come cristiano fu decapitato verso 
la fine del secolo III. — S. Rufino, vesc. d'As- 
sisi (circa r a. 236), mart — S, Ersilia, verg., 
martire. 

Memorandum. *- ® L. N. a ore 13.58"». — 
Fiera a Piacenza da oggi al 15 agosto. — 
Nella provincia di Cuneo si apre la caccia,, 
ma nelle sole zone di pianura. 



12 Venerdì 

225-142 



S. Chiara, vergine. 

Era nata in Assisi; 
fu istitutrice delle Cla- 
risse e morì l'a. 1253. — S. Cassiano, vesc. di 
Benevento, circa gli anni 340-344. 

Memorandum. — A Siena fiera detta del- 
l'Assunta. Dura due giorni. — Pagamento delle 
pensioni governative di terza categoria (su- 
periori a L. 2000 annue). 



13 Sabato 

226-141 



S. Ippolito, martire. 

Martire sotto Valeria- 
no, circa l'a. 258. sagra 
a Casletto (Piano d'Erba) dove si conserva la 
salma. — S. Simpliciano, vesc. di Milano dal 
397 al 400. — S. Radegonda, regina di Fran- 
cia, nata l'anno 519, morta l'a. 587. — S. Cas- 
siano, vesc. di Todi, circa gli anni 303-330, 
martire. 

Memorandum. — A Perugia fiera di Mon- 
teluce. Dura otto giorni. 



TERME D'ABANO • Stabilimento Orologio - {Yed. avviso in principio del volume). 



AGOSTO 1904 



(34* Settimana) 



34. — PISA: LuNGABNo; fu un tempo una delle più belle 
vie d'Europa. Traversa tutta la città, sull'una e sull'altra 
riva del fiume Arno, che cinque ponti riuniscono. 




{Fotogv. Sommer). 



delle Scuole elementari (sal- 
vo eccezioni locali in alcune 
province). — Scade il ter- 
mine utile per la presenta- 
zione delle domande di am- 
missione (per titoli) ai Col- 
legi Militari. — Si apre la 
caccia in molte province del 
Regno. 



16 Mart 

239-138 



a 



S. Rocco, 
pellegrino. 

Mori verso il 1327. — A 
Carate Brianza e Chiari fe- 
ste patronali. — S. Giacinto, 
domenicano, missionario in 
Russia e Polonia, nato 1185, 
morto 1257. 

Memorandum. — Palio a 
Siena, ossia Carriera delle 
cont7-ade. — Apertura della 
caccia nelle province di Cal- 
tanissetta, Caserta, Gix-genti 
(per i conigli). 

17 Mere, S- Wammete, 
230-137 martire. 



14 Domenica 

237-140 



S. Eusebio, prete, mart. 

Cai'cerato dall'impe- 



ratore Costanzo, con- 
dopo sette mesi, morì, 



sunto dai malan 

l'a. 347. — S. Alfredo, mart. 

Memorandum. — Grande festa della tirata 
del velo in onore della Madonna dei sette veli 
di Trapani. Le feste durano dal 13 al 16: la 
sera del 15 ha luogo una famosa illumina- 
zione. — Fiera ad Altamura (Bari); dura otto 
giorni. — Si apre la eaccia nella provincia di 
Palermo. In quella di Sassari limitatamente 
ai caprioli, daini, cervi e mufloni. 



15 Lunedi Assunz. di Maria Verg. 



228-139 



S. Arduino, sacerdo- 
te, morto l'a. 1009, fe- 



steggiato a Bimini. 

Memorandum. —Festa civile legale. In qual- 
che luogo considerano oggi come il Ferrago- 
sto (vedi 1« agosto). — Pellegrinaggio alla Ma- 
donna di Caravaggio. — Festa di Sant'Agape 
a Chiari. — A Sassari tradizionale processione 
dei Candelieri. — A Messina grandi feste col 
giro del tradizionale Camello e della Bara. — 
Festa patronale della Vergine Achirotipa, pro- 
tettrice di Rossano Calabro. — Festa alla Ma- 
donna di Forno (Valli di Lanzo, a m. 1340 di 
altezza). — Festa a Piacenza, col tradizionale 
stacchinone pirotecnico. — Grande fiera di be- 
stiame a Cantù in Brianza: 'dura 4 giorni. — 
Gran fiera a Cesena che dura sino alla fine 
del mese. — Fiora a Cosenza. — Comincia la 
fiera di Fermo che ha termine il 5 di settem- 
bre successivo. — Festa a Randazzo (prov. di 
Catania): giro della tradizionale Bara. — Fiera 
a Sti-ongoli (prov. di Catanzaro). — Chiusura 



Si distinse per fervore 
nella fede, per la quale subì 



il martirio, sotto Aureliano, verso l'a. 274. 



18 Giovedi 

231-136 



S. Elena, imperatrice. 

Madre all'imperatore 
Costantino il Grande, 
ebbe il merito di ritrovare la Croce di Cristo 
stata sepolta sul Calvario (v. 3 maggio). Morì 
in tardissima età, l'a. 328. — S. Agapito, da 
Palestrina, mart., circa gli anni 270-275. 

Memorandum. - 3 P. Q. a ore 5.27™. — 
Onomastico di S. M. la Regina Elena. Sono 
chiuse le Biblioteche governative. — Anni- 
versario della nascita (1830), dell'imperatore 
Francesco Giuseppe d'Austria-Ungheria. 



19 Venerdi S. Donato, prete. 



232-135 



Francese, mori verso 
l'anno 535. È venerato 
ad Avignone dove si conservano le sue re- 
liquie. — S. Magno, vescovo di Trani, mar- 
tire, l'a. 254. 

Memorandum. — Fiera a Benevento: dura 
sino al 27 a.^jostn. 



20 Sabato 

233-134 



S. Bernardo, abate, 
dottore della chiesa. 

Fondatore de' Cistercien.si, dottore della 
chiesa e scrittore di molte opere. Mori noi 1153. 
— S. Filiberto, mart. 

Memorandum. — Apertura della caccia nelle 
province di Arezzo, Campobasso, Firenze, Li- 
vorno, Pisa. — Estrazione del Prestito a premi 
della città di Burletta (1870). - Pagamento 
delle pensioni governative di seconda cate- 
goria (superiori a L. 500, ma non a L. 2000 
annue). — Festa nazionale dell'Ungheria. 



TERME D'ABANO - Stabilimento Orologio • {Vedi avviso in princìpio del valnim). 



AGOSTO 1904 



- 89 



(35» Settimana) 



21 Dom. 

234-133 



■i] 



S. Giovanna 

Frinmea Frénìnt 
ii fhinlil. 

Rimasta a ventott'anni ve- 
dova dispose della buona edu- 
cazione de' suoi quattro figli, 
e si ritirò tn un chiostro da 
lei fondato per la congrega- 
zione delle Monache della Visi- 
tazione di Maria. Morì d'ann 
73, r a. 1641. — S. Paterno, 
martire, festeggiato a Fondi. 

— S. Natale, prete, festeggiato 
a Casale. — Ss. Luxorio, Ce- 
sello e Camerino, da Cagliari, 
onorati a Pisa (sec. III-IV). 

Memorandum. — Festa cam- 
pestre alla Macchia dell'Anto- 
nini sull'Appennino pistoiese, 
con gran concorso di popolo 
dalla Valdinievole, da Pi- 
stoia, ec. 

22 Lun. S. Timoteo, m. 
235-133 Subì il mar- 

tirio a Roma, l'a. 

312 circa. — S.Antonino, carnefice de'cristia- 
ni, poi mart. egli stesso, a Roma (?), l'a. 183. — 
S. Andrea, diac, onorato a Fiesole (sec. IX). 

— B. Bernardo da Siena, fondatore degli Oli- 
vetani, morto l'a. 1348. 

Memorandum. — Fiera a Battaglia. Dura 
3 giorni. — Comincia la fiera di Bergamo. 
Dovrebbe chiudersi agli 8 di settembre, ma 
d'ordinario si prolunga fino a metà del mese. 

— Fiera a Vicchio di Mugello, importante per 
il bestiame. Dura quattro giorni. 



35. — PISA: Chiesa di S. M. della Spina, elegantissima 
costruzione gotica del sec. XIII, ampliata nel sec. XIV. 




23 Martedì 

236-131 



S. Filippo Beniizi. 
Era servita, e in se- 
guito generale di tal or- 
dine, 1233-1285. - S. Ciriaco, o Quirico, vesc. 
d'Ostia e Velletri, circa gli anni 229 e 259, 
mart. coi compagni Massimo, prete, Archelao, 
diacono, ed altri. — Ss. Ermogene e Fortu- 
nato, martiri ad Aquileia (sec. III-IV). 

Memorandum. — Entra il Sole in Vergine. 
— Festa di S. Pellegrino martire in Altavilla 
Irpina (Avellino). Dura tre giorni. — Fiera a 
Francavilla di Sicilia: dura sino al sabato 
veniente. 



2ik Mercoledì 

237-130 



S. Bartolomeo, apost. 

Subì il martirio ad 
Albanopoli circa l'a. 47. 
— S. Tolomeo, vesc. di Nepi (sec. I?). — Nelle 
chiese di rito romano si festeggia il Sacro 
Cuore di Maria. 

Memorandum. — Fiera a Bisceglie. Dura 
tre giorni. - A Campi e a Pavullo nel Fri- 
gnano fiera detta di S. Bartolomeo. — Fiera 
a Caserta: dura una settimana. 



S. Luigi XI, re di Francia. 

Fu il principale pro- 
^motore della settima 
crociata, mori di peste a Tunisi, nell'età di 



25 Giovedì 

238-129 



44 anni, nel 1270. — S. Genesio, mimo a 
scherno de' cristiani, poi martire egli stesso, 
a Roma, l'a. 286 o 303. — S. Felice, prete, 
onorato a Pistoia. — S. Patricia, vergine, da 
Napoli, morta l'a. 365. — S. Grata, vedova, 
onorata a Bergamo (fine del sec. III). 

Memorandum. — Grande fiera e festa della 
Madonna del Pozzo a Capurso (prov. di Bari): 
dura sino al lunedì. — Festa nazionale del- 
l'Uruguay (aimiversario dell'indipendenza). 



26 Venerdì 

239-128 



S. Alessandro, m. 

Alfiere della legione 
Tebea, subì il marti- 
rio circa l'a. 288. È patrono della città di 
Bergamo, dove è festa di precetto ed ha luogo 
una fiera importante, che dura parecchi giorni. 
(Ved. 22 agosto). — Ss. Oronzio e compagni, 
martiri, patroni di Lecce. — Ss. Simplicio, e 
compagni, festepgiati a Celano (Aquila degli 
Abruzzi). — S. Elia, benedettino, vesc. di Si- 
racusa, morto l'a. 560. — S. Secondo, mart. 
presso Ventimiglia, circa l'a. 287. — S. Rufino 
vesc. di Capua tra il 418 e il 430. 

Memorandum. — @ L. P. a ore 2.02m, _ 
Fiera di S. Oronzio a Lecce : che si rinnova 
ad ogni lunedì e venerdì di settembre. 



27 Sabato 

240-127 



S. Giuseppe 
da Calasanzio. 



Istituì la congregazione de' chierici rego- 
lari delle scuole pie (Scolopi). Morì di 92 anni, 
nel 1648. — S. Narno, primo vescovo di Ber- 
gamo, sul principio del IV sec. — S. Marghe- 
rita, da San Severino Marche, vedova, morta 
l'a. 1395. 

Memorandum. — Fiera a Potenza: dura tre 
giorni. — Oggi pagamento degli stipendi agli 
impiegati governativi. 



TERME D'ABANO • Stabilimento Orologio - {Ved. avviso in principio del volume). 



AGOSTO-SETT. 



— 90 



(36» Settimana) 



28 Dom. 

341-126 



|S. Agostino, vescovo, 
dottore della chiesa. 



Nato a Tagaste, in Numidla di 
Africa. Dovè la sua conversione alle 
orazioni di sua madre S. Monica ed 
all' arcivescovo S. Ambrogio e fu ce- 
lebrato dottore della chiesa. Morì ve- 
scovo di Ippona, in Africa, l'a. 430. 
— Ss. Fortunato, e compagni patroni 
di Salerno (sec, III-IV). 

Memorandum. — Fiera a Pavia, a 
tutto il 5 settembre. — Fiera di 
Santa Rosa a Palermiti (prov. di Ca- 
tanzaro): dura tre giorni. 



29 Lun. 

342-135 



Decollazione 
di S. Giov. Battista. 



Avvenne l'a. 26 dell'era volgare. — 
S. Sabina, mart. a Roma (sec. II). — 
S. Adolfo, vescovo di Metz verso la 
fine del IV secolo. Le sue reliquie 
si trovano a Neuvillers nella chiesa 
che porta il suo nome. 

Memorandum. — Fiera a Lucerà: 
dura tre giorni. 



36. 



Ponte Natio, presso Ascoli Piceno. 




{Fotografia del cav. Alessandro Cassarmi - Bologna). 



30 Martedì |S- Rosa da Lima, verg. 
243-124 Morta nel 1617 a soli 

31 anni, — S, Barzano- 

frio abate patrono di Oria. — S. Giusto mart. 
patrono di Misilmeri. 

Memorandum. — Fiera di S. Egidio presso 
Montefusco (prov. di Avellino). Dura 3 giorni. 

— Oggi cessa nella provincia di Siracusa il 
permesso di caccia con le reti, lacci e cappi. 

— Estrazione pel rimborso delle Obbligaz. 
FF. Torino-Novara. 



31 Mercoledì 

244-123 



S. Raimondo Nonnato. 



governative. — A Messina si festeggia l'an- 
niversario della prima rivoluzione siciliana 
contro i Borboni (1847). — Fiera a Lanciano 
(provincia di Chieti), fino al 15 del mese. — 
Fiera di S. Antonino a S. Angelo dei Lom- 
bardi. — Apertura della caccia in molte Pro- 
vincie del Regno. — Da oggi è permessa la 
raccolta delle ostriche. — A Firenze oggi si 
devono riconfermare o disdire gli afifitti e 
pagare le pigioni del semestre da novembre 
a maggio. 



Si adopero pel ri- 
-' scatto degli schiavi, nel 
cui ordine si ascrisse. Morì a trentasette anni 
nel 12-10. — S. Giuliano patrono di Macerata. 
— S. Paolino vesc. di Trevi. 

Memorandum. — Nascita della Principessa 
Maria Isabella, Duchessa di Genova (1863). — 
Fiera a Muro Lucano (prov. di Potenza). Dura 
due giorni. — Apertura della caccia con le 
reti nella prov. di Caserta. — Estrazione am- 
mortizz. Obbligazioni 5 % Ferrovia Novara, 
1856; Ferrovia Vittorio Emanuele. — Estraz. 
pel rimborso delle Obbligaz. della Società di 
Navigazione Generale Italiana (1878). 



1 Giovedì 

245-122 



S. Egidio, monaco. 

Morì l'anno 720. — 
Ss. Donato, e fratelli, 
martiri, onorati a Benevento. — S. Costanzo, 
vesc.d'Aquino, circa gli anni 525-585, patr. 
della stessa città. 

Memorandum. — Principio della stagione 
di autunno, secondo l' uso meteorologico. 
— Onomastico di S. M. il Re Vittorio Ema- 
nuele III. Oggi sono chiuse le biblioteche 



2 Venerdì 1 S. Stefano, re. 
246-121 Fu glorioso nelle 

battaglie in difesa della 

nazione. Morì l'a. 1038. — S. Elpidio, abate, 
patr. di Sant' Elpidio Marche (Ascoli Piceno). 
— S. Ottaviano, prete, confessore, onorato a 
Volterra (sec. V). — A Saluzzo festa patronale 
di S. Chioffredo. 

Memorandum. — Anniversario della batta- 
glia di Scdan (1870) festeggiato in tutto l'im- 
pero tedesco. 



3 Sabato 

247-120 



S. Serafina verg. e m. 
Sostenne il martirio 
^^ circa l'a, 125. — 8. Au- 
sano vescovo di Milano, dal 656 al 667. — 
B, Alberto Besozzl, morto l'a. 1359, onorato a 
Besozzo (prov. di Como). — 8. Clelia, verg. 
martire. 

Memorandum. — C U. Q, a ore 3.58"». — Pel- 
legrinaggio notturno al santuario del Monte 
Pellegrino presso Palermo, in onore di S. Ro- 
salia. Si è introdotto di recente il costume di 
fare in questa occasione il concorso delle can- 
zoni dialettali siciliane. — Festa di 8. Marino, 
patrono della repubblica omonima. 



TERME D'ABANO • Stabilimento Orologio • {Ved. avviso in principio del volume). 



SETTEMBRE 1904 



91 — 



(37* Settimana) 



4; Domen. 1 S- Rosalia, vergine. 
248-119 Patrona di Paler- 

'mo. Morì Va. 11(50. 

— S. Rosa da Viterbo, verg., morta 
l'a. 1254. Festa patronale. — S. Can- 
dida, onorata a Napoli. 

Memorandum. - Fiera a Crevalcore 
(Bolopnaì. Dura 4 giorni. - Pellegri- 
iiaL'gio a Viterbo, alla tomba della 
-. Rosa. — Seconda festa di S. Ore- 
rie Magno a Manduria. 



37. — RAVELLO: Porte di bronzo della Cat- 
TEDBALK, di Barisano da Trani (1179). 



5 Lunedi 

249-118 



S. Macario, sold., m. 

Fu massacrato con 
centoquattro compa- 
gni circa l'a. 303 - 8. Vittorino, vesc. 
di Amiterno (sec. V o VI). 

Memorandum. — Comincia la fiera 
di Lugo, che ha termine il 30 settem- 
bre. — Lahor day, festa del lavoro, 
solennità nazionale agli Stati Uniti 
d'America. — Pagamento delle pen- 
sioni governative di prima categoria 
(non oltre le 500 lire annue). 



6 Martedì 

250-117 



S.Teoctisto, pilota, m. 

Vittima delia per- 
secuzione di Decio, 
presso Alessandria d'Egitto, l'a. 249. 
— S. Settimio, vesc. di Jesi (sec. IV), 
martire. — S. Benedetto Crespi, arci- 
vescovo di Milano. - S. Zaccaria, padre di 
S. Giovanni Battista. 




{Fotogr. Sommer). 



7 Mercoledì 

251-116 



S. Regina, verg., mart. 

Del sec. III. -S.Clau- 
dio, abate, morto l'an- 
no 560 circa. — S. Anastasio, mart, venerato 
ad Aquileia (sec. III-IV). - S. Giovanni, be- 
nedettino, vescovo di Gubbio dal 1105 al 1106. 
- Ad Aosta festa patronale di S. Grato. 

Memorandum. — Anniversario della cacciata 
dei Francesi da Torino (1706). Solenne com- 
memorazione nella chiesa di N. S. della Sa- 
lute con intervento delle autorità. Il giorno 
appresso la commemorazione si ripete alla 
Basilica di Superga. — Stasera a Firenze tra- 
dizionale costumanza delle rificolone. — Sta- 
notte a Napoli festa tradizionale della Ma- 
donna di Piedi grotta, ove si cantano le nuove 
canzoni popolari dell'anno. — Festa dell'in- 
dipendenza del Brasile. — Oggi (25 agosto nel 
calendario Russo) si chiude la festa di Nijni- 
Novgorod. 



Memorandum. — Festa civile legale. — A 
Nimis (Udine) fiera nell'ampia prateria della 
Madonna delle Mattonelle, cui concorrono 
tutti gli abitanti delle Prealpi Giulie. — Pel- 
legrinaggio al Santuario di Montenero presso 
Livorno. — Fiera a Prato di Toscana : dura 4 
giorni. — Fiera a Molfetta : dura 9 giorni. — 
Secondo pellegrinaggio al Monte vergine in 
provincia di Avellino. — Festa in Taurasi(prov. 
di Avellino) con processione del corpo del 
Santo martire Benigno. — Fiera della Ma- 
donna delle Grazie a Rossano (prov. di Co- 
senza): dura 2 giorni. — Festa della Natività a 
Monreale. — Gran fiera di bestiame a Paterno. 



8 Giovedì ! Natività di Maria Verg. 
252-115 La più antica e si- 
cura memoria della in- 
troduzione di questa festa si ha nel sec. VII. 
— Festa di Maria SS. Bambina, in uno speciale 
santuario, a Milano. — Solenne festa della Na- 
tività a Monreale (Palermo) con fiera speciale 
di giocattoli. — S. Adriano, mart., addetto a 
un monastero di suore. — Festa patronale 
della Madonna ad Alzate (Como) con fiera. 



9 Venerdì 1 ^' Claudia, verg., mart. 
253-114 S. Tuzio eremita fe- 
— steggiato ad Aquila de- 
gli Abruzzi. — S. Verano, vescovo di Vence in 
Provenza ai tempi di S. Ilario. — B. Serafina 
Sforza compatrona di Pesaro. 

Memorandum. - @ L. N. a ore 21.43". - 
Fiera a Copertine (Terra d' Otranto) fino alla 
domenica prossima. 



10 Sabato | ^- Nicola da Tolentino. 

254-113 Morì l'a. 1308. -S.Pic- 

— tro Claver (morto 1654). 



Memorandum. — Bosc-Ascianà, ossia Capo 
d'anno israelitico. Principia l'anno 5665. — 
Nella provincia di Como è permessa da og.ai 
la caccia alla lepre con segugi nella zona in- 
feriore a quelle del castagno; in quella di Vi- 
cenza, la caccia alla lepre e pollame selvatico. 



TERME D'ABANO - Stabilimento Orologio • (Ved. avviso in principio del volume). 



SETTEMBRE 1904 



92 



(38» Settimana) 



38. — RAVENNA: Mausoleo di Galla Placidia. 
del sec. V, poi dedicato ai SS. Nazario e Celso. Bel- 
lissimi ì suoi mosaici, con simboliche decorazioni, 
Recentemente restaurato. 




(Fotogr. del sig. L. Ricci • Ravenna). 



11 Domenica! " ss. Nome di Maria. 
255-112 Festa istituita da 

' papa Innocenzo XI nel 

1638, per la vittoria ottenuta contro i turchi 
a Vienna. — S. Diomede m. in Siria. — S. Va- 
lentino, mart., sepolto nella basilica di S. Vit- 
tore a Milano. — Ss. Proto e Giacinto, mar- 
tiri sotto Valeriane (257?). 

Memorandum. — Comincia il nuovo anno 
in Abissinia. Festa solenne del S. Giovanni. 
— Festa alla Madonna del Pilone (sobborgo 
di Torino) in ricordo del miracolo ivi avve- 
nuto nel 1644. — Festa della Madonna del- 
l'Indirizzo in Acireale, con fiera. — Festa della 
Madonna delle Grazie In Castel termini, con 
fiera. 



12 Lunedi ^- Guido, sagrestano. 
256-111 



Esercito 1' umile uf- 

' fizio presso il santuario 

di S. Maria di Laken (Bruxelles). Morì l'anno 
1012. — S. Silvino, vesc. di Brescia, circa dal 
440 al 444. 

Memorandum. — Fiera a Viterbo, che dura 
15 giorni. — Oggi per 1 Russi è la festa di 
S. Alessandro Nevskl. 



13 Mart.l^- Eulogio, patriarca. 
257-110 Di Alessandria 

d'Egitto. Morì l'anno 

608. — S. Mauro, vesc. di Piacenza, 
dal 422 al 449. — S. Maurilio, nobile 
milanese, vesc. di Angers. — S. Ama- 
to abate e s. Amato, vesc. di Sion 
(627). — A Somma Lombarda patro- 
nale di S. Onorato (vedi 8 febbraio). 

Memorandum. — Fiera della 
S. Croce a Lucca, che dura sino al 
29 settembre. — Fiera a Castrogio- 
vanni per la festa del SS. Crocifìsso. 



14f Mere. I Esaltazione 
258-109 della Croce di 6. C. 

Riportata solennemente a Geru- 
salemme in questo giorno. A Lucca 
festa patronale. — Anniversario del- 
la fondazione dell'ordine dei Teatini, 
nel 1524, festeggiato nella chiesa ge- 
neralizia di S. Andrea della Valle, in 
Roma. — S. Crescenzio, mart., pa- 
trono di Siena (sec. III-IV). 

Memorandum. — Fiera di San Ci- 
priano a Pontedecimo (Genova). — 
Festa della Madonna del Ponte, pa- 
trona di Lanciano. Dura tre giorni. 
— A Perugia si festeggia l' anniver- 
sario dell'ingresso delle truppe ita- 
liane (1860). 

15 Giov. I S.Caterina da Genova. 
259-108 Della nobile fami- 

' glia de' Fieschi. — 

S. Nicomede, mart. (sec. I?). 

Memorandum. — Nella provincia 
di Bologna oggi si apre la caccia con 
le reti fisse ; in quella di Milano, la caccia alla 
lepre; in quella di Modena, con le reti fisse e 
panie ; di Novara, coi cani segugi, nelle loca- 
lità inferiori alla zona del castagno: di Parma 
e di Piacenza, con le reti fisse e con le panie; 
li Pisa, con reti e altri mezzi di aucupio. 



16 Venerdì 

260-107 



S. Cipriano, dottore 
delia Chiesa, martire. 

Vescovo di Cartagena, subì il martirio l'a. 
258. — Ss. Marciano e Giovanni, festeggiati a 
Civita Castellana. — Ss. Lucia e Gemiiiiano, 
martiri a Roma, venerati anche a Lucca 
(sec. III, IV). 

Memorandum. — 3 P. Q. a ore 16.t3«n. — 
Estraz. Prestito a premi Milano 1866. — Festa 
nazionale del Messico. 



17 Sabato 

261-106 



Stigmate 
di S. Francesco d'Assisi. 

S. Colomba, da Cordova, vcrg., martire 
do' mori, l'anno 834. — San Satiro. 

Memorandum. — Pellegrinaggio al monte 
dell'Alvernia presso Firenze, e visita al Sacro 
Speco dove accadde il prodigio. 



TERME D'ABANO • Stabilimento Orologio • (Ved. avviso in principio del volume). 



SETTEMBRE 1904 



— 93 — 



(39» Settimana) 



18 Dom. 1 • s^**® *'o'*"'' *" ^' ^• 

262-105 S. Giuseppe da Co- 

apertine nato a Napoli 

l' a. 1603, morto Va. 1666. — Ss. Costanzo 
e compagni, martiri, tebei, circa l'a. 287, 
festeggiati a Dronero (Cuneo). — S. Eu- 
storgio I, vesc. di Milano, circa gli anni 
316, 342. — S. Stefania, vergine mart., 
venerata a Scala (Amalfi). 

Memorandum. — In tutta la Confede- 
razione Svizzera, giorno di pubbliche 
preghiere. — Festa nazionale del Chili 
(anniversario della proclamazione del- 
l'indipendenza, 1870). 



19 Lun. 

263-104 



S. Gennaro, vesc, mari 

Patrono di Napoli, e 
vescovo di Benevento, 
martirizzato durante la persecuzione di 
^[assimiano e Diocleziano l'a. 305. — 
Ss. Festo e Desiderio, forse del tempo 
di S. Gennaro, onorati a Benevento. — 
8. Costanzo, venerato a Capri. — Ss. Fe- 
lice, prete, e Costanza, verg., mart., fe- 
steggiati a Nocera (sec. I). — S. Teodo- 
ro, vesc. di Verona (dal III al IV sec?) 
Patronale a Brindisi ed a Pozzuoli. — 
Ss. Nicandro, abate, e compagni venerati 
a Messina. 

Memorandum. — Chipur, ossia giorno 
dell'espiazione per gl'israeliti. — Da oggi 
fino al 26 settembre, si rinnova in Napoli 
ogni giorno il miracolo della liquefazione 
del sangue di S. Gennaro. Pellegrinaggio 
a Pozzuoli, teatro del martirio del Santo. 



39. — ROMA: Museo Vaticano (Pio-Clemen tino) : 
Torso del Belvedere, famosissimo frammento 
di statua ignota. Opera, dice l' iscrizione, di 
Apollonio d'Afo"'* '^ c"'- •■ 




ovminer). 



20 Martedì 

264-103 



S. Eustachio, soldato, m. 

Scoperto cristiano, 
fu vittima della perse- 
cuzione, con tutta la sua famiglia, sotto A- 
driano, l'a. 118. — S. Candida, verg. e mart., 
cartaginese (seo. II.?), festeggiata a Ventotene 
(Pozzuoli). 

Memorandum. — Anniversario della caduta 
del potere temporale e della unione di Roma 
all' Italia. Festa civile legale. Commemora- 
zione alla breccia di Porta Pia a Roma. Sono 
chiuse le Biblioteche, le Gallerie, i Musei. 



21 Mercoledì 

265-102 



S. Matteo, apostolo. 

Apostolo ed evan- 
gelista. Credesi morisse 
mart. in Etiopia (sec. I). — A Salerno ed a 
Belgioioso feste patronali. — Primo giorno 
delle tempora d'autunno. 

Memorandum. — Fiera ad Este. Dura otto 
giorni. — Fiera a Frascati. — Fiera di S, Mat- 
teo a Salerno, ricca di cavalli e bestiame. — 
In Toscana si dice: " A San Matte, l'uccel- 
latore salta in piò. „ — Pagamento delle pen- 
sioni governative di seconda categoria (supe- 
riori a L. 500, ma non a L. 2000 annue). 



22 Giovedì 

266-101 



S. Maurizio, soldato, m. 

Capo della legione 
tebea. Martirizzato l'a. 
287 unitamente ai suoi compagni ~ Festa 



patronale a Jesi di S. Settimio (vedi 6 set- 
tembre). 

Memorandum. — Principio dell'anno se- 
condo il Calendario repubblicano francese. 
Oggi, primo Vendemmiale, comincia l'anno 113. 



23 Venerdì 

267-100 



S. Lino, papa, martire. 

Pontificò solo per 
pochi mesi dopo la 
morte di s. Pietro, essendo morto l'anno stes- 
so, cioè nel 67. — S. Tecla, venerata come la 
prima martire tra le donne (sec. I). — S. So- 
fia, verg., mart., venerata a Sortine (Siracusa). 
— Secondo giorno delle tempora d'autunno. 

Memorandum. — Entra il Sole in Libra, e 
comincia l'Autunno astronomico. — Equinozio 
d'autunno. — Oggi il giorno e la notte solare 
sono di uguale durata. — Anniversario della 
morte di Francesco Domen. Guerrazzi (1873). 
Commemorazione a Livorno per cura delle 
Società democratiche. 



24 Sabato 

268-99 



S. Gerardo, vesc, mart. 

Nobile veneto, fu la- 
pidato l'anno 1046. — 
S. Terenzio, mart., circa gli anni 244-219, pa- 
trono di Pesaro. — S. Cleto, conf., venerato a Ti- 
voli. — Terzo giorno delle tempora d'autuvno. 
Memorandum. — © L. P. a ore 18.50"'. — 
Primo giorno di Succot, o Festa delle capanne 
(per gl'israeliti). 



TERME D'ABANO • Stabilimento Orologio • {Ved. avviso in princìpio del volume). 



SETT.-OTTOBRE 1904 



94 — 



(40» Settimana) 



40. — ROMA: Museo Capitolino: Gladiatore moeente, 
celeberrima statua, scoperta a Roma nel sec. XVI, restau- 
rata qua e là, dicesi, da Michelangelo. 




{Fotografia Sommer). 



Memorandum. — Fiera 
detta di S. Michele in Con- 
trone (Salerno). 



29 Giov 

273-94 



25 Domenica!^- Tomaso di Villanova. 
369-98 I Arcivescovo di Ti- 

in Ispagna, nato 



l'a. 1488, morto l'a. 



cenza, 
1555. 



Memorandum. — Secondo giorno di Surcot, 
o Festa delle capanne. — Fiera di S. Antonio 
a Spezzano Albanese (prov. di Cosenza): dura 
sino alla prima domenica di ottobre. — Fiera 
a Vignola. — Si chiude nella provincia di Sas- 
sari la caccia alle quaglie, pernici e lepri. 



26 Lunedì 

270-97 



S. Guerino, monaco. 



Di Corvoy in Sasso- 
nia, fiorì nel sec. IX. 
— S. Virgilio, vescovo di Brescia, tra gli anni 
480 e 516 circa. — S. Nilo, abate di Grotta- 
ferrata (a. 980). 



27 Martedì 

271-96 



Ss. Eupreprìo, 
Cosma e Damiano, mm. 



Subirono 11 martirio per la fede cristiana 
nella generale persecuzione di Diocleziano e 
Massimiliano, l'a. 303. — S. Adolfo, martire 
del IV sec. — Festa patronale di S. Veronica 
a Binasco (vedi 4 febbraio). 

Memorandum. — Festa solenne per gli Abi.s 
sini, detta Masqal o Festa della Croce. — Fiera 
del Ss. Cosma e Damiano a Secondigliano. 
presso Napoli: dura sino al 1" ottobre. 



28 Mercoledì 

272-95 



S. Vinceslao. 
Re di Boemia, ucciso 
dal fratello Boleslao, 
l'a. 939. — 8. Eustochio, discepolo di s. Gero- 
lamo, morto l'a. 419. 



affitti annui delle 



S. Michele, 
arcang. 

Oggi si festeggia la de- 
dicazione di un tempio 
eretto a s. Michele sul mon- 
te Gargano, mèta di devoti 
pellegrinaggi (v. 8 maggio). 

Memorandum. — Anni- 
versario della liberazione 
di Ancona (1860), festeg- 
giato in quella città. — Fie- 
ra a Caltanissetta per la 
festa del patrono S. Miche- 
le. — Festa dell'Arcangolo 
S. Michele con fiera a Co- 
ronata di Cornigliano (Ge- 
nova). — Pellegrinaggio al 
Monte Gargano. — Famosa 
fiera di uccelli a Monto- 
polinel Valdarno inferiore. 
— Fiera di S. Michele a Ti- 
rano In Valtellina. — Oggi 
a Milano, in molte altre 
città della Lombardia e 
nelle Romagne scadono gli 
case e si fanno i traslochi. 



30 Venerdì 

274-93 



S. Gerolamo, dottore. 

Uno de' più grandi 
dottori della chiesa. 
Mori nonagenario a Betlemme, l'a. 420. — 
S. Amato patrizio e primo vescovo di Nasco 
(prov. di Avellino) (997-1093). 

Memorandum. — Osciaanà-Iìabhà, o Festa 
dei ramoscelli per gl'israeliti. — Cessa nella 
provincia di Catanzaro 11 permesso di caccia 
alle quaglie e volatili di passo con qualunque 
mezzo; in quella di Ferrara, la caccia col 
levrieri alle lepri, e con le reti dette " dilu- 
vio „ agli uccelli ; di Parma e di Piacenza, con 
i levrieri; di Sassari, ai caprioli, daini, cervi 
e mutìoni. 



1 Sabato 

275-92 



S. Remigio, vescovo. 

Fu vesc. di Reims, 
dal 437 al 533. — S. Se- 
vero, prete, confessore, onorato ad Orvieto. 
Memorandum. — Sceminì Azh-et, o Festa di 
chiusura, por gl'israeliti. — Comincia la ses- 
sione autunnale di esami nei Ginnasi e Licei. 
— Cominciano 1 corsi alla Scuola d'applica* 
zione d'artiglieria e genio e alla Scada di 
guerra in Torino. — In questo mese è per- 
messa la caccia con le reti portatili nelle pro- 
vinco di Bologna, di Milano, di Modena, di 
Panna, di Piacenza; e altre caccie speciali In 
altre province. — Finisce la stagione della 
pesca del corallo. Da oggi fino a tutto aprile 
è anche vietata la pesca delle vongole o ar- 
selle nel golfo di Napoli. — Oggi a Torino si so- 
gliono pagare gli affitti semestrali. — Entrano 
in funzione 1 nuovi capitani-reggenti della re- 
pubblica di 8. Marino (fino al 31 marzo). 



OTTOBRE 1904 



95 



(41» Settimana) 



2 Domenica 

276-91 

Festa del SS. Rosario. 

In memoria della scon- 
fitta data dai Cristiani ai 
turchi nelle acque di Le- 
panto. — I SS. Angeli Cu- 
stodi, festa istituita da 
l'aolo V ed estesa a tutta 
l;i chiesa da Clemente X 
l'anno 1670. — S. Mode- 
sto, martire, festeggiato a 
Benevento (sec.III-lV). — 
S. Lizerio, martire a Ve- 
nezia (secolo III-IV). — 
S. Tomaso, vesc. di Here- 
ford (Inghilterra), dal 1275 
al 1282, morto presso 
Montetìascone (Viterbo). 

Memorandum. - C U. Q. 
a oro 14.52™. — Roma t'o- 
steggia r anniversario del 
plebiscito in favore del- 
l'unione al Regno d'Ita- 
lia (1870). — Fiera ad Oneglia. - Fiera e festa 
dell'Addolorata in Mirabella Belano (prov. di 
Avellino). Il Sabato successivo trasporto del 
carro in paese. — In S. Giorgio a Cremano 
presso Napoli festa della Madonna del Buon 
Consiglio. 



41. — SCANDIANO: Ròcca veduta dal Trasinaro. In 
amena posizione sulla destra del fiume. In questa Rocca, fon- 
data nel sec. XIII, dicesi, il Petrarca fu splendidamente accolto. 




(Fotcgrafia del cav. Alessandro Cassarini, Bologna). 



3 Lunedi 

277-90 



S. Calimero, vesc, mart. 

Morto sotto Commo- 
do, circa l'a. 191. (Ved. 
S. Gerardo, abate di Bro- 
S. Candido, martire a 



anche 31 luglio). 

gne, morto l'a. 957. 

Roma. A Bologna, Guastalla e Massa feste 

patronali. — Ss. Dionigi, e compagni martiri 

a Roma, circa gli anni 253-2C0. 

■Memorandum. — Estraz. pel rimborso delle 
Obbligaz. FF. Vittorio Emanuele (1863). 



4? Martedi ^- Francesco d'Assisi. 
278-89 



Stabili l'ordine re- 
ligioso mendicante, da 
Ini detto poi francescano. È patrono della 
citta. Visse diU 1182 al 1226. - S. Petronio 
vesc. di Bologna dal 430 al 450, patrono di 
questa citta. 

Memorandum. — A Fiesole, fiera di S. Fran- 
cesco: dura tre giorni. — Festa e fiera a Bran- 
cavilla per S. Placido patrono del luogo. 



5 Mercoledì 1 5* Placido, abate, mart. 
279-88 Vittima di una incur- 

~ sione di pagani e bar- 
bari, mori di 24 anni, circa l'a. 5-14: è onorato 
a Messina e a Biancavilla (Catania). — S. Mar- 
cellino, vesc. di Ravenna, dal 232 al 283. — 
8. Galla, vedova, del tempo di Teodorico 
(457-525), ricordata a Roma. 

Memorandum. — Pagamento delle pensioni 
governative di prima categoria (non oltre le 
600 lire annue). 



6 Giovedi 1 ^- Brunone, abate. 
280-87 I Di Colonia, fonda- 

tore del nuovo ordine 
dei Certosini. Morì l'a. 1161. — S. Magno, 
vesc. di Oderzo, circa l'a. 640. — Ss. Mar- 
cello e compagni, martiri della persecuzione 
vandalica, circa l'a. 440, ricordati a Capna. — 
S. Adelgiso, vescovo di Novara, dair835 al- 
l' 840. — S. Epifania, verg., pavese (sec. VIII). 
— S. Probo, vesc, mart., onorato a Gaeta. 

Memorandum. — Nella provincia di Cagliari 
si apre la caccia agli uccelli acquatici. 



7 Venerdì 1 ^^"^ ss. dei Rosario. 

281-86 La festa fu istituita 

da Gregorio XIII (pp, 

dal 1572 al 1585). Nelle chiese detta festa 
ha luogo nella prima domenica del mese, a 
commemorazione della celebre battaglia di 
Lepanto datasi dalle truppe italiane sotto la 
condotta di don Giovanni d'Austria contro 1 
Turchi il 7 ottobre del 1571. — S. Giustina da 
Padova, verg., mart. (sec. I?). — S. Palazia 
verg., protettrice di Ancona (sec. III-IV). — 
S. Augusto, confessore. 



8 Sabato 

282-85 



S. Brigida, matrona. 

Principessa svedese, 

'nata verso l'anno 1302, 

morta l'a. 1373. — S. Reparata, verg., mart., 
circa l'a. 250, onorata nella diocesi di Aiaccio 
(Corsica), e a Firenze. — S. Pelagia, comme- 
diante in Antiochia. 



Memorandum. — In Toscana oggi si dice: 
" A Santa Reparata ugni oliva inoliata. , 



OTTOBRE 1904 



90 — 



(42^ Settimana) 



43. — SELIN JNTE: I Pìliet^i dei Giganti, così sono popo- 
larmente chiamati gli avanzi di pilastri tra le ruine dei vetusti 
e grandiosi templi seliuuntei. 




(Foiogr. del signor L. V. Bevtarelli), 



9 Domenica 

283-84 



S. Dionigi, areopagita. 

Vescovo di Atene ; 
■^ poi Apostolo di Lutezia 
(Parigi) ove credesi morisse martire della se- 
conda persecuzione, l'anno 96. — S. Donnino, 
martire, patrono di Borgo San Donnino (se- 
colo III-IV). - S. Diodato, abate di Monte- 
cassino, morto 1" a. 834. 

Memorandum. — @ L, N. a ore 6.25»n. - 
Fiera a Castelfranco nell'Emilia. — Gvatid 
Prix d'Automne à Paris. — Festa nazionale 
nella repubblica dell'Equatore (indipendenza 
di Guayaquil). 



10 Lunedi 

284-83 



S. Francesco Borgia. 
Generale dell'ordine 
del gesuiti. Morì l'an- 
no 1572. — S. Cerbo, o Cerbonio, vescovo di 
Massa marittima {Populonia), morto l'a. 573 
(Baronio). — S. Paolino, vescovo di Capua, 
dair835 air843. — S. Andrino, vescovo di Sens 
dal 830 al 840. Mori a Ferrières, dove pure 
fu sepolto, ma i suoi resti furono dispersi 
dagli Ugonotti, nel 15G9. (Mabillon). 

Memorandum. — Scade la quinta rata bi- 
mestrale delle imposto dirette erariali e so- 
vrimposte comunali e provinciali. Non pa- 
gando entro gli otto giorni successivi alla 
scadenza, il contribuente incorre nella multa 
del 4 %. — Estraz. pel rimb. delle Obbligaz. 
FF. Torino-Savona-Acqul. 



11 Martedi 

285-82 



cidia, verg.. 
Verona. 



S. Firmino, vescovo. 

Vescovo d'Uzès, m. 
l'anno 553. - S. Pia- 
morta Terso l'a. 460, onorata a 



12 Mercoledi 

286-81 

S. Serafino 
da Montegranaro. 

Morì settantacinquen- 
ne, l'anno 1604. — S. Pul- 
cheria, imperatrice: 339- 
453 (Migne : 10 settembre). 
— S. Edistio, martire (se- 
colo III-IV), ricordato a 
Ravenna. — S. Opilio, dia- 
cono, confessore, onorato 
a Piacenza: fiorì circa l'a. 
420 (Ferrarlo). — S.Eusta- 
chio, prete, venerato a 
Borgo San Donnino. 

Memorandum. — Fiera 
di S. Serafino in Monte- 
granaro (Marche). — Pa- 
gamento delie pensioni 
governative di terza cate- 
goria (superiori a L. 2000 
annue). — Anniversario 
della scoperta dell'Ameri- 
ca per opera di Cristoforo 
Colombo (1492), festeggia- 
to in Spagna e in molte 
parti dell'America Latina, 
specialmente in quella 
Centrale. 



13 Giovedi 

287-80 



S. Edoardo, re. 

Morì l'a. 1066. — 
S. Chelidonia, vergine, 
morta l'a. 1152, ricordata a Subiaco (Roma). 
— S. Romolo, vescovo di Genova, circa gli 
anni 641-649. — S. Luca, abate, morto l'a. 993, 
onorato a Carbone e ad Armento, provincia 
di Potenza. — S. Geraldo di Aurillac, patrono 
dell'alta Alvernia, morto a Ceseinac nel 909. 



14 Venerdi 

288-79 



S. Callisto I, papa, m. 

I Morì martire, sotto 

'Eliosabalo, l'a. 222. - 

S. Fortunato, vescovo di Todi, circa dal 523 
al 542. — S. Fortunata, verg., mart., l'a. 301, 
onorata a Napoli. 



15 Sabato 

289-78 



S. Teresa, vergine. 
Nacque l'anno 1515. 
Fu la riformatrice del- 
l' ordine Aq' Carmelitani Si-aìzi. Morì nel 1.582. 

— S. Ruggero, vescovo di Canne (in fine del 
sec. V ?), venerato a Barletta. 

Memorandum. — All'albo municipale di cia- 
scun comune si pubblica la lista del giu- 
rati compilata dalla Giunta Mandamentale. 

— Oggi, di regola, si aprono le Scuole ele- 
mentari; ed oggi pure comincia l'anno sco- 
lastico universit4»rio. Comincia la seconda ses- 
sione degli esarai speciali (che in qualche uni- 
versità maggiore può essere anticipata al 
lo ottobre, ma le lezioni cominciano molto 
più tardi. — Da oggi sino al 15 gennaio sono 
vietati la pesca e il commercio delle trote, 
dei carpioni e delle bottatricL 



OTTOBRE 1904 



— 07 — 



(43» Settimana) 



16 Doni. I s.Gano, 

390-77 I abate. 

L'apostolo della Svizze- 
ra. Morì a novantacinque 
anni, Ta. 646. — S. Berne- 
rio, o Bernero, eremita, pres- 
so Eboll (Salerno), morto 
l'anno 980 (Migne: 20 no- 
vembre). — S. Ambrogio di 
Cahors dal 752 al 770. Le 
sue spoglie furono mano- 
messe dagli Ugonotti. 

Memorandum. — 3 P. Q. 
a ore 6.54™. — Nascita della 
Principessa Maria Pia, Re- 
gina di Portogallo (1847). - 
Oggi cominciano le lezioni 
nelle Scuole secondarie clas- 
siche e tecniche del Regno. 
— In Toscana credono che 
se piove oggi, giorno di 
8. Gallo, pioverà per cento 
giorni. 



43. — SORRENTO (Dintorni di) : Il Deserto, celebre romi- 
taggio da cui si gode un panorama incantato, con la vista 
dei due golfi di Napoli e di Salerno. Vkdxjta del Moka- 
stero CON LA Via Crucis. 




{Fotogr. Alinarì). 



17 Lunedì 1 S. Edvige, matrona. 
291-76 Morì l'anno 1243. — 

' S.MargheritaMariaAla- 

coque (1645-1690). — S. Caterio, mart.. Patrono 
di Tolentino. — S. Vittore, vescovo di Capua, 
dal 541 al 564. 

Memorandum. — Famosa fiera dell' Impru- 
neta, presso Firenze: dura sino al mercoledì. 



18 Martedì 1 ^- '-"*^^» «vangelista. 
292-75 Scrisse il terzo Van- 

gelo canonico, e gli Atti 

(ìegli apostoli. Si crede morisse martire a Pa- 
trasso l'a. 86. — S. Giuliano Saba, anacoreta 
della Mesopotamia, ricordato da S. Giovanni 
Grisostomo. Visse nel IV secolo (Teodoreto, 
Hist. religiosa). — S. Monone, anacoreta del 
VII secolo. 



19 Mercoledì] S- Pietro d'Alcantara. 
293-74 Francescano, mori 

' l'a. 1562. — S. Massimo, 

diacono, patrono d'Aquila degli Abruzzi, mar- 
tire circa l'a. 250. — Ss. Proculo e Nicea, sua 
madre, martiri, rammentati a Pozzuoli. — 
S. Amabile, prete e martire. — S. Laura, ve- 
dova, martire. 



20 Giovedì 1 S.Eleazarlo. 

294-73 Francescano, amma- 

lo a Parigi, e vi morì, 
con fama di santità, l'a. 1323. — S.Giovanni 
Canzlo o da Kent, polacco, nato verso il 1403, 
morto nel 1473. — Solenne dedicazione e 
consacrazione della Metropolitana di Milano 



fatta dal Pontefice Martino V. I sacerdoti di 
rito ambrosiano Iniziano una ufficiatura spe- 
ciale. — S. Irene, vergine e martire. 

Memorandum. — Fiera a Rovigo. Dura otto 
giorni. — Pagamento delle pensioni governa- 
tive di seconda categoria (superiori a L. 600, 
ma non a L. 2000 annue). 



21 Venerdì 

295-72 



S. Orsola 

e undicimila compagne 

vergini, martiri. 

Il martirio avvenne verso l'a, 453. Alcuni 
ritengono il numero Undicimila quale sostan- 
tivo attribuito ad una sola persona, che sa- 
rebbe stata compagna di S. Orsola. Dicesi che 
a Colonia si mostrino anche presentemente 
le undicimila reliquie delle compagne di S. Or- 
sola. — S. Follano, vescovo, martire, circa 
l'a. 383, onorato a Lucca. — S. Bertoldo da 
Parma, confessore, morto l'a. 1101. — B. Fe- 
lice Meda compatrono di Pesaro. 

Memorandum. — Fiera di S. Orsola a Cau- 
lonia (prov. di Reggio Calabria). 



22 Sabato i ^' H^'^ione, anacoreta. 

296-71 Morì in tardissima 
'età, l'a. 371, - S. Ve- 
recondo, vesc. di Verona (a. 522?). — S. Gio- 
vanni Buono, eremitano, morto l'a. 1249, ono- 
rato a Mantova, — S. Filippo, vesc. di Fermo 
circa gli anni 251-254, martire. — A Torre An- 
nunziata (Napoli) si festeggia quale patrona 
S. Maria della Neve. 

Memorandum. — Festa della Madonna della 
Neve a Torre Annunziata, in ricordo della 
eruzione del Vesuvio del 1822. 

7 



OTTOBRE 1904 



98 — 



(44^ Settimana) 



44. — SPOLETO (Dintorni di): Chiesa di 
S. PoNziANo. Di molto interesse la facciata, 
del sec. XI, e gli affreschi della cripta, con 
alcune foglie di vestire del sec. XIV e XV. 




{Fotografia Alinari). 



23 Domenica 

297-70 



S. Giovanni 
da Capistrano. 

Nato nel 1385, morto nel 1456. — S. Vero, 
vescovo di Salerno (principio del sec. V?). — 
S. Anicio Manlio Torquato Severino Boezio 
(circa 470-525), martirizzato presso Pavia, — 
S. Crescio, martire, ricordato a tf'iesole. — 
S. Severo, confessore, ricordato a Montefalco 
(sec. V). 

IMemorandum. — Entra il Sole in Scorpione. 

— Fiera a Treviso. Dura tre giorni. — Com- 
memorazione patriottica a Roma, presso lo 
storico mcniiìotlo sui colli Parioli, per l'anni- 
versario della morte dei fratelli Cairoli caduti 
combattendo contro i soldati pontifici (1867). 

— Fiera a Potenza: dura tre giorni. 



24 Lunedi 

298-69 



S. Raffaele, arcangelo. 

S. Maglorio, abate, 
morto l'a. 575. — S. Mar- 
cio, eremita, ricordato a Mondra.,'one, presso 
Sessa Aurunca e Carinola (Gaeta). — S. Maio- 
rio, martire, circa l'a. 450, onora. o a Tivoli. 
— B. Angelo Porro, servita, morto l'a. 1606, 
onorato a Milano. 

Memorandum. — ® L. P. a ore ILse^. — 
Anniversario del matrimonio delle LL. MM. 11 
Ite Vittorio Emanuele e la Regina Elena (1896). 



SS. Crispino 
e Crispiniano, martiri. 

Perirono martiri a Soissons, nella perse- 
cuzione di Massimiano e Diocleziano, l'a. '287. 



25 Martedi 

299-68 



— S. Gavino protettore di Sassari. — S. Mi- 
niato, martire, l'a. 254, venerato a Firenze, 

— Ss. Crisanto e Daria, martiri a Roma, circa 
l'a. 284. — Ss. Teodoro, Lucio, Marco, Pietro, 
e altri centocinquantadue martiri a Roma, 
circa l'a, 265. — Ss. Proto, o Propto, prete, 
e Gennaro, diacono, martiri, circa l'a. 302. 
patrono di Cagliari (?). 

Memorandum. — Commemorazione patriot- 
tica a Roma, della strage del lanificio Alani 
in Trastevere (1867). — Termina oggi d'or- 
dinario, per le Scuole elementari del regno, 
il periodo utile per le domande d'iscrizione 
e per gli esami di ammissione e riparazione. 

— A Parigi seduta pubblica e plenaria del- 
l'Istituto di Francia per il conferimento dei 
premi nei diversi concorsi. 



26 Mercoledì! S. Evarlsto, papa. 
30O-67 I Morì martire della 

terza persecuzione, 
sotto Traiano, l'a. 109. — S. Gaudisio, vescovo 
di Salerno (sec. VI-VII). - S. Fulco Scotti, 
vescovo di Pavia dal 1216 al 1229. 



27 Giovedì 1 5* Frumenz'o» vescovo. 
301-66 Onorato dagli Abis- 

~~ sini come uno degli apo- 

stoli dell'Etiopia: sec. IV. — S. Florio, o Fiore, 
vescovo di Aemonia (Cittanova, in Istria), circa 
gli anni 524-546, festeggiato a Poi a (Istria). — 
S. Elseban re etiopico (532). Rinunciato al 
trono, finì i suoi giorni in un monastero su 
di una deserta montagna (Butler). — B. Fran- 
cesco da Pesaro. 

Memorandum. — Fiera a Montecchlo nel 
Reggiano. Dura tre giorni. — Oggi pagamento 
degli stipendi agli impiegati governativi. 



28 Venerdì I ^- Simone, apostolo. 
302-65 Visse nel sec. I del- 

'l'È. C. - S. Firmiliano, 

vesc. di Cesarea in Cappadocia, morto l'a. 272. 
— S. Cirilla, vergine, martire a Roma, circa 
l'a. 250. — S. Fedele, soldato tebeo, martire 
verso l'a. 288, venerato a Milano. 

Memorandum. — Anniversario della nascjt.'i 
di Simone Bolivar detto il Liberatore (1783), 
festeggiato in molti stati del Sud, e del Cen- 
tro-.\merica. 



29 Sabato | S- Er^elinda, vergine. 
303-64 1 Onorati! a M»>Mra»"rt. 

■ presso liugard. Mori 

verso l'a. 595. — B. Angelo d'Acri (Calabria), 
cappuccino, nato l'a. 1669, morto nel 17.'J9. — 
Ss. Giacinto e compagni, martiri, ricordati a 
Caggiano (? Salerno). — S. Eusebia, vergine, 
martire (sec. III-IV), onorata a Bergamo. — 
B. Benvenuta Boianl ricordata a Cividale del 
Friuli. 



OTT.-NOV. 1904 



— 99 — 



(45 '^ Settimana) 



30 DoiTi. 

304-63 



Ss. Marcello 
e Cassiano. 



Martirizzati l'a. 208. - S. Ger- 
mano, vescovo di Capua, dal 518 
al 541 circa. — S. Gerardo, vesco- 
vo di Potenza, morto circa l'a. 
1120, — S. Cherubino, martire, — 
S. Giuda, apost., fratello di S, Gia- 
como minore e figlio di Cleofe. 

Memorandum. — In Barra pres- 
so Napoli festa popolare detta dei 
Gigli. — >'ella provincia di Ca- 
gliari resta vietata da oggi la cac- 
cia ai cervi, daini e mufloni. — Da 
oggi fino alla prima domenica di 
giugno a Napoli si paga la ram- 
pagna ai portieri dalla mezzanotte 
in poi. — Festa delia Riforma per 
i protestanti tedeschi. 



31 Lun. 

305-62 



S. Alfonso 
Rodriguez. 



Nato l'anno 1531, m. nel 1617. 
— S. Antonino, vescovo di Milano, 
circa gli anni 655-6G1. 

Memorandum. — Fiera a Va- 
rese. — Si chiudono oggi in alcune 
Provincie diverse caccie speciali 
che durano un solo mese o anche 
meno. Nella provincia di Sondrio 
si chiude la caccia al camoscio e 
al gallo di montagna. 



1 Mart. 

306-61 



Festa 
di tutti 1 Santf. 



45. — TERAMO: Cattedbale, edificio del sec. XIV: è 
dedicata alll'Assunta ed è ricca di bellissimi ornamenti. 




Ordinata in tutta la Chiesa da 
papa Sisto IV (1475). — Ss. Cesa- 
rio, diacono, e Giuliano, prete, martiri a Ter- 
racina (sec. I ?). — S. Severino, monaco, con- 
fessore, onorato a Tivoli. 

Memorandum. - C I^. Q- a ore 0.13ra. _ 
Festa civile legale. Sono chiusi anche i musei 
e le gallerie. — Apertura della caccia con se- 
gugi e cani da corsa nella provincia di Cuneo; 
della caccia ai quadrupedi nella prov. di Na- 
poli e di Roma, — Da oggi a tutto marzo è 
vietata la pesca dei gamberi d'acqua dolce. 
— Oggi a Firenze si cambiano gli alloggi; e 
nelle Romagne scadono gli affitti rustici. 



2 Mercoledì 

3O7-60 



Commemorazione 
dì tutti I fedeli defunti. 



Le prime memorie di questa festa risal- 
gono al sec. X. — S. Giusto, martire l'a. 287, 
patrono di Trieste. — S. Vittorino, vescovo e 
martire. Fu nell'alta Pannonia in quella parte 
che ora costituisce la Stiria (290-304). È ricor- 
dato da S. Girolamo. — S. Marciano, anacoreta 
nella Siria, la cui morte si ascrive al 387. 
(Butler). 

Memorandum. — Chiuse le scuole e le bi- 
blioteche govei-native. — A Perugia, fiera dei 
Morti. Dura otto giorni. — Fiera detta dei 
Morti a Corigliano Calabro. Dura tre giorni. 



3 Giovedì 

308-59 



S, Uberto, vescovo. 

Successe a s. Lam- 
berto nel vescovato di 
Maestricht. È invocato patrono de' cacciatori. 
Mori l'a. 727. — S. Silvia, madre di s. Grego- 
rio Magno (sec. VI). 

Memorandum. — Anniversario del combat- 
timento di Mentana (1867). 



^tt Venerdì ! ^- ^^""'^ Borromeo. 



309-58 



I Infaticabile arcivesc. 

— di Milano, ove rialzò 

la disciplina ecclesiastica. Morì a 45 anni, 
nel 1584. — Nel canton Ticino festa di pre- 
cetto. 

Memorandum. — Festa nazionale di Svezia 
e Norvegia. — Oggi finiscono in tutta Italia 
le ferie annuali del Fóro giudiziario. 



5 Sabato 

3ÌO-57 



S. Magno, vescovo. 

Vescovo di Milano 
dal 518 al 530. Fu se- 
polto in S. Eustorgio a Milano, sotto la mensa 
dell'altare maggiore. — S. Zaccaria, profeta, 
padre di San Giovanni Battista. 

Memorandum. — Ultimo termine per il 
principio delle lezioni universitarie. 



NOVEMBRE 1904 



— 100 — 



(46* Settimana) 



46. — TERRACINA: Cattedbalk dedi- 
cata AI SS. Pietro e Cesareo. Sorge sul- 
r area di un antico tempio di Giove, o, se- 
condo altri, di Eoma ed Augusto. Vi sono 
ancora l'antico ripiano, la grandinata e un 
lato. 




{Fotogr. Bom. Moscioni). 



6 Domenica 

311-56 



S. Leonardo 
da Porto Maurizio. 



Fi-aiicescano, celebrato per la sua Via cru- 
cis (1676-1751). — Ss. Felice curvo, monaco, e 
Andrea, vescovo, onorati a Fondi (Gaeta). — 
S. Emiliano, vesc, patrono di Faenza. A Le- 
gnano patronale di S. Magno (vedi giorno 5). 



7 Lunedi 

312-55 



Ss. Vitale ed Agricola 
martiri. 



Morti per la fede nella persecuzione di 
Diocleziano e Massimino. I loro corpi furono 
rimessi In onore con pompe solenni da s. Am- 
brogio. Anno 304. — S. Prosdocimo, vescovo 
di Padova (sec. I-II). — 8. Ercolano I, vescovo 
di Perugia (sec. III-IV). — S. Casto, vesc, 
mart., ricordato a Benevento (III sec). 

Memorandum. - © L. N. a ore 16.37™. 



8 Martedì 

313-54 



S. Diodato, papa. 

Tenne la cattedra 
di s. Pietro dal 615 al 
r.l8. — S. Goffredo, vescovo d'Amiens dal 1104 
al 1115 (Gams; Mignene pone la morte al 1118). 
— I quattro 83. Martiri coronati. Subirono il 
martirio in Roma tra il secolo III e IV. Il 
titolo rimase ad un Cardinalato di Roma. 

Memorandum. - Oggi in Grecia S. Deme- 
trio, festa solenne. 



9 Mercoledì 1 S. Aurelio, vescovo. 
314-53 Occupò la sede di 

Ariatate, in Cappadocia. 

Morì l'a. 383. — È ricordato anche nella dio- 
cesi milanese, avendo aderito alle preghiere 
dell'arcivescovo S. Ambrogio e restituito il 
corpo del vescovo S. Dionigi morto per la 
fede appunto nel territorio di Cappadocia. — 
S. Agrippino, vescovo di Napoli (prima del se- 
colo III-IV, patrono di Brindisi), onorato an- 
che a Venezia. 

Memorandum. - Natalizio di S. M. il Re 
d'Inghilterra Edoardo VII (1841). — Comin- 
cia il mese di Ramadan per 1 mussulmani. 



10 Giovedì 

315-53 



S. Andrea Avellino. 

Dell'ordine dei Tea' 
tini. Morì di un colpo 
apopletico, a 87 anni, celebrando messa, l'an- 
no 1608. — Ss. Trifone e compagni, martiri, 
ricordati a Roma (sec. III). — S. Baudolino, 
vescovo, festeggiato ad Alessandria, Solerò, e 
Oviglio (Piemonte) : sec. Vili. 

Memorandum. — Fiera a Nola: dura 6 giorni- 
— Nella prov. di Belluno cessa con oggi il 
permesso di caccia al camoscio. 



11 Venerdì 

316-51 



La Presentazione di M.V. 

San Martino vescovo 
di Tours. Mori l'a. 400. 

— A Belluno, Novara e Treviglio feste pa- 
tronali. — Ss. Valentino e compagni, martiri, 
ricordati a Ravenna (sec. III-IV). — S. Menna, 
soldato, martire sotto Diocleziano (304). — 
S. Verano, vescovo di Puy, onorato nella 
chiesa di questa città che porta il suo nome 
(Butler). 

Memorandum. — Natalizio di S. M. il Re 
Vittorio Emanuele III 11 quale compie 35 anni. 

— Oggi sono chiuse le scuole, le biblioteche 
governative, 1 musei e le gallerie. — Festa 
dell'esercito (ad eccezione dei corpi di arti- 
glieria e genio che festeggiano S. Barbara). — 
D'ordinario per S. Martino si pubblica il gran 
bollettino militare con le promozioni nell'eser- 
cito. — Oggi scadono gli affitti dei terreni In 
Piemonte. — Per tutto il Friuli oggi è la sca- 
denza delle pigioni e delle affittanze coloni- 
che. — Fiera a Barletta: dura 12 giorni. — 
Fiera a Casale Monferrato per la festa del 
patr no, S. Evasio. — In Toscana • A San Mar- 
tino, ogni mosto è vino; „ e poiché in questi 
giorni si ha quasi sempre un sensibile rialzo 
di temperatura, si dice pure: " L'estate di 
San Mart no dura tre giorni e un pocolino. , 



12 Sabato 

317-50 



S. Martino 1, papa. 
Successore di papa 
Teodoro. Mori martire 
l'a. 655. — S. Donato, confessore, solennizzato 
a Lentini (sec. XI). — S. Arsazio Casati, arci- 
vescovo di Milano (665). È sepolto nella ba- 
silica di S. Stefano in Milano. 

Memorandum. — Pagamento delle pensioni 
governative di terza categoria (superiori a 
L. 2000 annue). 



NOVEMBRE 1904 



101 — 



(47* Settimana) 



13 Domenica!**^®"*** all'ambrosiana. 
318.^9 Sono così chiamate 

'le sei domeniche che 

precedono la festa del S. Natale. — S. Sta- 
nislao Kostha gesuita, morì a diciotto anni 
nel 1568. — S. Omobono, sarto, onorato a 
Cremona, morto l'a. 1097. 

Memorandum. — Nel rito ambrosiano (dio- 
cesi di Milano) oggi prima domenica dell'Av- 
vento. — Festa solenne ad Asti, e funzione 
religiosa nella chiesa di S. Secondo, patrono 
della città, in memoria della vittoria sul Ma- 
ramaldo. — Processione dell'Incoronata a 
Mantova, In memoria della città votata alla 
Vergine nel 16 iO. 



14f Lunedi 1 ^- Lorenzo, vescovo. 
319_48 Vescovo di Dubli- 

' no. Mori nella povertà. 

l'a. 1180. — S. Giocondo, vescovo di Bologna, 
circa gli anni 485-490. - S. Andronico, vesc. 
di Verona (sec. VII?). — S. Verano, vescovo, 
patrono di Albenga (Genova): sec. VI. Ad 
Acireale festa patronale di S. Venera. 

Memorandum. — Grande pioggia di stelle 
cadenti (sciame delle Leoneidi). — Fiera a 
Belluno, per tre giorni. 



15 Martedì 1 ^' Gertrude» vergine. 
320-47 Abbadessa benedet- 

tina, patrona del Bra- 

bante, mori l'a. 1334. — S. Loterio, vescovo di 
Verona (circa gli anni 760-780). — S. Leopoldo 
d'Austria. Negli istituti carmelitani si festeg- 
gia la commemorazione di queir Ordine. 

Memorandum. — 3 P. Q. a ore i.36m. - 
Ultimo termine per presentare le domande 
di immatricolazione all'università. Per giu- 
stificati motivi, da riconoscersi dal Rettore, 
potrà l'immatricolazione concedersi fino al 
30 novembre. — Chiusura della caccia con 
reti fisse nelle prov, di Bologna e di Milano. — 
Estraz. ammortizz. Obbligaz. 6 % Lavori del 
Tevere ; Prestito a premi Città di Napoli 1871 ; 
Obbligaz. Ferr. Mantova-Modena. — Anniver- 
sario della proclamazione della repubblica 
negli Stati Uniti del Brasile (1889). 



16 Mercoledì! S. Diego, monaco. 

321-46 Francescano, morto 
'l'a. 1136. — S. Edmon- 
do, vescovo di Canterbury, morto l'a. 1242. 

— S. Fidenzio, vescovo di Padova (sec. II?). 

— S. Eucherio, vescovo di Lione, rinunciato 
alla sede, morì monaco di Lerino 460. (Butler). 

Memorandum. — Chiusura della caccia alle 
tortorelle e alle pernici nella prov. di Cagliari. 



17 Giovedì 1 ^- Gregorio Taumaturgo. 
332-45 



Divenuto vescovo di 
Neocesarea nel Ponto, 
colla parola e coi miracoli, vi convertì molti 



47. — TIVOLI: Tempio della Sibilla. 
Sorge sul ciglio della rupe dominante l'Anle- 
ne. Delle diciotto colonne che formavano 
il peristilio, ne rimangono in piedi dieci. 
Bellissima vista sulle cascate. 




(Fotoyr. AHnari). 



idolatri alla fede. Morì l'a. 270. — S. Eugenio, 
diacono, confessore, morto l'a. 422, onorato a 
Firenze. 

Memorandum. — Centenario della nascita di 
Alfonso La Marmora. 



Jg Venerdì | ^- Oddone, abate. 
323-44 Kesse l' abazia di 

Cluny fondata da s. Ber- 

none. Morì l'a. 942. — S. Frediano, vescovo 
di Lucca dal 560 al 588, patrono della stessa 
città e diocesi. — S. Alfeo e compagni, martiri 
nella persecuzione di Diocleziano. — S. Ilda, 
badessa inglese in un monastero del Nortum- 
berland. Morì nel 680, o 683. La sua salma, 
dopo la distruzione del monastero, riposa a 
Glastenburg (Butler). 



19 Sabato | S. Elisabetta, regina. 
324-43 Consumò la breve 

^sua vita in continue e 

grandiose opere di beneficenza. Morì venti- 
quattrenne l'a. 1231. Era figlia del re d' Unghe- 
ria Andrea II ed aveva sposato Lodovico IV, 
langravio di Turingia. — S. Ponziano, pp. dal 
230 al 235, e Filippo, prete, suo compagno 
d' esilio. 



NOVEMBRE 1904 



102 



(48» Settimana) 



48. — TIVOLI: Avanzi del Teatro Greco nella Villa 
Adriana. Faceva parte della magnifica villa fatta costruire 
dall' imperatore Adriano nel II sec. VI si riconoscono ancora 
assai bene 1 gradini, la scena e l'ambulacro. 




{Fo'ngi-. Ali nari). 



recchie rinomate accademie 
musicali in Italia portano il 
nome di questa santa. Subì 
il martirio per la fede, sotto 
l'impero di Alessandro Se- 
vero, l'a. 230. - Ss. Deme- 
trio e Giuliano, martiri, ri- 
cordati a Parenzo (Istria). 

Memorandum. — Entra il 
sole in Sagittario. — Fiera 
importantissima di S. Cate- 
rina a Udine. Dura 5 giorni. 



23 Mere' S. Clemente I, 
328-39 I papa, m. 



20 Domenical S. Felice di Valois. 

325-43 Compagno a s. Gio- 

vanni da Matha, fondò 

con lui l'ordine de' Trinilan. Morì a 85 anni, 
nel 1212. — S. Simplicio, vescovo, festeggiato 
a Terranova. — Ss. Ampelo, e Caio, martiri, 
nominati a Messina (sec. III-IV). — Ss. Ottavio 
e compagni, martiri a Torino, circa l'a. 287 
o 288. — S. Teonesto, soldato tebeo, martire, 
tutelare di Vercelli (a. 287 o 288 circa). — 
S. Canzia, vergine, martire, onorata a Viterbo. 

— S. Colombano, eremita, onorato a Civitella 
di Romagna. 

Memorandum. — Natalizio di S. M. la Re- 
gina Madre Margherita (1851). — Oggi sono 
chiuse le scuole, le biblioteche governative, 
le gallerie e 1 musei. — Fiera del Cassero a 
Terni, una delle più importanti dell'Umbria. 

— Da oggi cessa il permesso di caccia con le 
reti fisse e portatili, panie ed uccelliere nella 
provincia di Porto Maurizio. — Estraz. del 
Prestito a premi città di Barletta (1870). — 
Estraz. pel rimborso delle Obbllg. FF. Udiue- 
Pontebba. 



21 Lunedì 

326-41 



Ss, Celso, Clemente 
e compagni. 



Martiri a Roma. — 8. Gelasio I papa ad 
Ostia. — S. Mauro, mart., circa l'a. 2H3, pa- 
trono di Parenzo (Istria). 

Memorandum. — Festa votiva traditrionale 
della Salute a Venezia. — Pagamento delle 
pensioni governative di seconda categoria (su- 
periori a L. 500, ma non a L. 2000 annue). 



22 Martedì ! S- Cecilia, vergine. 
327-40 Illustre vergine ro- 
mana del sec. Ili, rico- 
nosciuta come la protettrice della musica. Pa- 



a ore 4.12i 
denti. 



E fama ch'egli abbia ab- 
dicato la dignità papale sul 
finire dell' a. 76. Morì mar- 
tire nel Chersoneso, sotto 
l'impero di Traiano, l'a. 100. 
— S. Gregorio, vescovo di 
Girgenti (a. 560). — S. Lu- 
crezia, vergine, martire. 

Memorandum. - © L. P. 

Grande pioggia di stelle ca- 



24 Giovedì 

329-38 



S. Giovanni della Croce. 

Uno de' riformatori 
dell' ordine Carmelita- 
no. Soffrì molte persecuzioni da molti dei 
suoi confratelli e morì l'a. 1591, a 49 anni. 
— S. Firmina, vergine, martire, l'a. 303, fe- 
steggiata ad Amelia. — S. Crisogono, martire, 
nominato ad Aquileia (sec. III-IV). — S. Pro- 
taso Alvisi, milanese, arcivescovo di Milano, 
sepolto nella basilica di S. Vittore. — Festa 
patronale della diocesi a Rovigo. 



25 Venerdì 

330-37 



S. Caterina, verg., mart. 

Onorata come pm- 
' tettrice degli studi. So- 
ferse il crudele martirio d'essere lacerata da 
ruote con uncini, l'a. 307. — 8. Mosè, prete, 
martire a Roma, circa l'a. 251. — S. Gioconda, 
vergine, officiata a Reggio Emilia (a mezzo 
il sec. V). 

Memorandum. — Fiera di S. Catarina di 
Novi. Dura 3 giorni. — Gran fiera di S. Ca- 
terina a Foggia: dura tre giorni. — Fiera a 
Gorgonzola. — Estraz. rimb. Obblig. Debito 
per le Opere Edilizie di Roma. — Festa na- 
zionale al Paraguay (giorno della costitu- 
zione). 



26 Sabato 

331-36 



S. Allpio. Stinta. 

Fior) nei secoli VI 
e VII ad Adrianop«>li 
di Paflagonia. - S. Bellino, vescovo, patrono 
di Adria (Rovigo), ucciso l'a. 154» (Ferrara». 
— 8. Andenzio, confessore, onorato nella dio- 
cesi di Novara. — S. Gaudenzio, monaco, ono- 
rato a Fiesole (sec. V o VI). 



NOV.-DICEMB. 1904 



— 103 — 



(49» Settimana) 



27 Domenica! Avvento. 

333-35 In preparazione alla 

• — solennità del S. Na- 
tale. — S. Giosafatte, vesc, mart, fu martiriz- 
zato dagli scismatici l'a. 1623. — S. Valeriano, 
Tescovo di Aquileia, circa gli anni 369-38«. 
— B. Margherita, duchessa di Savoia, detta 
la madre dei popoli, motta l'a. 1574. — S. Vi- 
gilio, -vescovo. — S. Lidia, verg., mart. a Roma. 
Memorandum. — Oj^gi, prima domenica del- 
l'Avvento, comincia l'anno ecclesiastico. — 
Da oggi sono proibite le solennità nuziali sino 
al giorno seguente all'Epifania dell'anno pros- 
simo. 



28 Lunedì 

333-34 



S. Giacomo della Marca. 

Francescano, vissu- 
to dal 1388 al 1479. - 
8. Rufo, mart. a Roma (sec. III-IV). — S. Gre- 
gorio III, papa dal 731 al 741. 

Memorandum. — Oggi pagamento degli sti- 
pendi agli impiegati governativi. 



29 Martedì 

334-33 



S. Filomena, martire. 

Di Andra, condan- 
nata, durante la perse- 
cuzione di Aureliano, al supplizio del fuoco, 
l'a. 274. — Ss. Saturnino e compagni, martiri 
a Roma. 



30 Mercoledì! S.Andrea, apostolo. 
335-33 ' Subì il martirio della 

croce sopra due legni 

incrociati ad X. Si assegna alla sua morte 
l'a. 62. — Feste patronali ad Amalfi ed a 
Sarzana. — S. Costanzo, confessore a Roma 
(anno 417). 

Memorandum. - C U. Q. a ore 8.38™. - All'al- 
bo municipale si affigge per 10 giorni la lista del 
giurati approvata dalla Giunta distrettuale. 
— Oggi si chiude la caccia coi segugi e cani 
da corsa nelle provincie di Bergamo e di Mi- 
lano; la caccia con le reti nelle Provincie di 
Cremona, di Cuneo, di Piacenza, di Pisa, di 
Rovigo e di Venezia; la caccia alle lepri nella 
provincia di Ferrara; con la civetta e le pa- 
nie nella provincia di Massa; alle lepri e agli 
uccelletti al disotto della famiglia dei torda- 
cei, nella provincia di Sondrio ; al capriolo e 
al camoscio nella prov. di Udine. — Estraz. 
del prest. provine, di Alessandria 1882. 



1 Giovedì 

336-31 



S. Leonzio, vescovo. 



Nacque a Nimes e 
divenne vescovo di 
Fréjus. Mori verso l'a. 432. — S. Ansano, pa- 
trono di Siena, martire l'a. 303. - S. Olim- 
pio, martire l'a. 303, ricordato ad Amelia (Pe- 
rugia). — S. Evasio, vescovo di Asti (sec. Ili 
o IV), e patrono di Casale Monferrato. — 
S. Besso,martire (sec. III-IVj, patrono d'Ivrea. 

Memorandum. — Principio della stagione 
d'Inverno, secondo l'uso meteorologico. — 
Fiera a Caselle Torinese. — Da oggi nella 
provincia di Alessandria è permessa la caccia 
coi levrieri e altri cani da corsa; e in quella 



49. — TIVOLI: Villa d'Este, splendi- 
dissima villa edificata dal card. Ippolito 
d'Este. I giardini conservano la caratte- 
ristica sontuosità del sec. XVI, cogli alberi 
tagliati a fogge architettoniche e colle biz- 
zarre polle d'acqua. Bellissimo panorama. 




yFuto^ì: Ali 



di Pisa la " scaccia „ ai merli e tordi alla 
macchia. — Da oggi fino a tutto aprile è vie- 
tata la pesca con reti od altri apparecchi a 
strascico, sino a tre chilometri da qualsiasi 
punto della costa del mare. — Scadenza ce- 
dole semestrali del Prestito Rothschild 1857. — 
Estraz. ammortizz. del Prestito Unificato Na- 
poli 1881. — Estrazione pel rimborso delle 
Obbligazioni della Società di Navigazione Ge- 
nerale Italiana (1878). 



2 Venerdì 
337-30 



S. Bibbiana, verg., mart. 

Fu, per la morte 
del padre, gettata ne'la 
più squallida miseria, e subì il martirio per 
la fede, l'a. 363. — S. Cromazio, vescovo di 
Aquileia, circa gli anni 388-407. 

Memorandum. — In molte parti d'Italia, 
p. es. a Roma, credono che se piove oggi, 
giorno di S. Blbbiana. piove quaranta giorni 
e una settimana. — Estraz. pel rimb. delle 
Obbligaz. della Società di Navigaz. Generale 
Italiana (]«87). 



3 Sabato 

338-39 



S. Francesco Saverio. 



Uno de' primi com- 
pagni di s. Ignazio da 
Loyola. Non potè visitare la Cina, e morì in 
vista di questa regione, nell'isola di Sanciano, 
a 40 anni, nel 1552. 



Memorandum. — Ham 

lampade, per gli israeliti. 



Festa del 



DICBIMBRE 1904 



104 



(50» Settimana) 



50. — TODI: Duomo. Sorge sulla piazza 
maggiore, e nell'interno sono mirabili le 
colonne che la sostengono, dieci delle quali 
sono di granito orientale. 




% 



{Fotogr. Alinart). 



4 Domenica 1^' Barbara, verg., mart. 
339-28 I Subì il martirio sot- 
'to l'impero di 



Massi- 

mino I, l'a. 236. Invocasi quale protettrice 
degli artiglieri. — g. Clemente d'Alessandria, 
dottore della chiesa, morto verso l'a. 216. — 
S. Bernardo liberti, vallombrosano, cardina- 
le, vescovo di Parma, dal 1106 al 1133. 

Memorandum. — Oggi festa militare per i 
corpi di artiglieria e del genio e per la ma- 
rina. — Festa anche per i minatori, per i 
pompieri ec. — Oggi, di regola, hanno luogo 
le elezioni biennali alle Camere di Comnoercio, 
— Festa e fiera di S. Barbara a Francavilla 
(Sicilia). — Festa patronale a Paterno. 



5 Lunedì S. Pietro Crlsologo. 



340-27 



Fu vescovo di Ra- 
venna dal 433 al 449. — 
8. Basso, vescovo di Nizza Marittima, mar- 
tire, circa l'a. 253. — Ss. Aureliano e Sem- 
pronio, martiri, ricordati a Brindisi fsec. IV). 
— Ss. Cirino e Quingesio, vescovi, ricordati 
a Salerno. — 8. Consolata, vergine, ricordata 
a Genova. 

Memorandum. — Anniversario della cac- 
ciata degli Austriaci da Genova (1746). — Cen- 
tenario della nascita dell'illustre storico Ce- 
sare Cantù. — Pagamento delle pensioni 
governative di prima categoria (non oltre le 
pOO lire anque). 



6 Martedì | 5' Nicolò, vescovo. 
341-S6 I Vescovo di Mira, m. 

l'anno 343, festeggiato 
a Bari, a Lecco ed a Sassari. — S. Apol- 
linare, suddiacono, martire a Trieste (sec. II), 
onorato a Verona. 

lyilemorandum. — Grande festa a Bari delle 
Puglie. 



7 Mercoledì 

342-35 



S. Ambrogio, vescovo. 

Patrono di Milano, 
nato in Treviri l'a. 340, 
morì a Milano l'a. 397. La data che si festeg- 
gia oggi è quella della sua elezione, la quale 
è tradizione avvenisse miracolosamente, es- 
sendo egli prefetto dell'alta Italia. La sua 
basilica, una delle più rinomate, serba in 
preziosa cassa la sua salma. — Festa di pre- 
cetto anche a Vigevano. — 8. Gerardo, ve- 
scovo di Velletri, dal 1067 al 1077, e patrono 
della stessa città. — S. Sabino, vescovo di 
Assisi, martire circa l'a. 303, ricordato, con 
altri, a Spoleto. 

Memorandum. — © L. N. a ore 4.46'". 



8 Giovedì 

343-24 



L'immac. Concezione 
di Maria Vergine. 

Festa che risale al V secolo. Pio IX definì, 
l'a. 1854, il dogma della Immacolata Conce- 
zione di Maria Vergine, sempre credutosi 
nella chiesa fin dalla sua origine. 

Memorandum. — Festa civile legale. — Sono 
chiusi anche i musei e le gallerie. — Fiera 
della Concezione a Venafro (Molise) : dura una 
settimana. — Finisce il mese di Ramadan per 
i mussulmani. Ultimo giorno di digiuno. 



9 Venerdì 

344-23 



S. Siro, vescovo. 

Patrono della città 
di Pavia, morì in tarda 
età circa l'a. 96. — S. Eracliano, vesc. di Pe- 
saro (sec. IV?), patrono della stessa città, — 
A Desio ed a Soresina feste patronali. 

Memorandum. — Oggi e 1 due giorni suc- 
cessivi grande Beirnm per i mussulmani. 



10 Sabato 

345-22 



S. Melchiade, papa. 
Fu a capo della 
chiesa dopo s. Eusebio. 
Morì l'a. 314. — Traslazione della s. Casa di 
Loreto. — Ss. Carpoforo, prete, e Abbondio, 
diac, martiri, ricordati a Spoleto (sec. III-IV). 
— Ss. Mercurio, soldato, e altri diciannove 
compagni, mart., ricordati a Lentlni (sec. IV). 
Memorandum. — Festa della Madonna di 
Loreto celebrata in tutte le Marche, special- 
mente nella notte del 9 al 10, anniversario 
della Traslazione della S. Casa. — Scade l'ul- 
tima rata bimestrale delle imposte dirette 
erariali e sovrimposte comunali e provinciali. 
Non pagando entro gli otto giorni successivi 
alla scadenza, 11 contribuente Incorre nella 
multa del 4 %. — Estraz. pel rimb. delle 
Obbligaz. FF. Maremm. Toscane. — Estraz. 
Prestiti a premi Città di Napoli 1863. 



DICEMBRE 1904 



— 105 



(51* Settimana) 



11 Dom. I S. Damaso I, papa. 
346-31 Morì l'anno 384. 

' — Ss. Trasone e 

Vincenzio, vescovo di Bieda (Ble- 
ra: Viterbo) avanti l'anno 287. — 
Ss. Fasciano e compagni, martiri 
presso Amlens (286). — S, Daniele, 
Btilita (490). Ebbe per biografo 
8. Giovanni Damasceno (Butler). 



12 Lun. I ^* Valerlo, abate. 

347_30 Discepolo di s.Co- 

lombano e istituto- 



re egli stesso di comunità reli- 
giose. Morì l'a. 622. — Ss. Geron- 
zio e compagni, ricordati a Ge- 
nova. — S. Amalia, regina. 

Memorandum. — Pagamento 
delle pensioni governative di terza 
categoria (superiori a L. 2000 an- 
nue). — Estrazione pel rimborso 
delle Obbligazioni FF. Genova- 
Voltri. 



51. — TODI: FoEO Boario, o avanzi del Tempio di 
Makte. Maestoso tempio di cui si scoprirono nel 
secolo scorso le rovine. 




{Fotogr. Alinari). 



13 Martedì | S- '-"<5'*' ^^''fl» mart. 

348-19 Accusata come cri- 

stiana, subì il martirio 

l'a. 304. È invocata contro le malattie degli 
occhi. -- A Siracusa festa di precetto con 
fiera. — S. Antioco, martire, l'a. 125, vene- 
rato in Sardegna. 

Memorandum. — Fiera a Forlì. — Fiera a 
Taggia (provincia di Porto Maurizio. (Dura 
3 giorni. 



14 Mercoledì! ^' Giocondo, martire. 
349-18 Ucciso col suo vesc. 

s.Pascasio, durante una 

invasione di barbari, l'a. 453. — S. Pom- 
peo, o Pompeio, vescovo di Pavia, circa gli 
anni 96 e 100 (Gams). — Ss. Fanzio e Acco- 
data, o Deodata, martiri, ricordati a Siracusa. 
Primo giorno delle tempora d' inverno. 

Memorandum. — 3 P. Q. a ore 23.07°. — 
Fiera a Siracusa; dura 3 giorni. 



15 Giovedì 

350-17 



I S. Massimlno, abate. 
Di un chiostro di 

■ ' Verdun, successe nel 

governo de' monaci al fondatore del chiostro 
stesso. Morì nel 520. — S. Santolo, Sanctulo, 
prete, ricordato a Norcia. 

Memorandum. — Il Sindaco invita con pub- 
blico avviso tutti coloro che possono averne 
diritto a chiedere entro il 31 dicembre la loro 
iscrizione nelle liste elettorali politiche e am- 
ministrative. — Ultimo termine per la pre- 
sentazione delle domande d'iscrizione ai di- 
versi corsi universitari. — Da oggi soltanto 



fino al 25 del mese, nella prov. di Roma è per- 
messa la caccia con i lacci alle paludi, E nella 
prov. di Rovigo cessa oggi la caccia alle lepri. 

— Estraz. pel rimborso delle Obbligaz. FF. 
Cuneo. FF. Lombarde, del Sud dell'Austria. 

— Estraz. pel rimborso delle Obbligazioni 
FF. Meridionali (serie A, B, C, D, F, G). — 
Estraz. ammort. obbligaz. Ferrovia Cuneo 
1855 e 1857; Prestito Città di Napoli 1861; 
Obbligaz. Ferr. Lombarde-Venete (Sùdbahn). 



16 Venerdì 1 S. Eusebio, vescovo. 
351-16 Vescovo di Vercelli 
al tempo di papa Libe- 
rio, venne esiliato dall' imperatore Costanzo a 
Scitopoli nella Tebaide, ove morì tra orribili 
stenti, circa l'anno 370. — S. Adelaide, impe- 
ratrice (sec. X). — S. Albina, vergine, martire 
circa l'a. 250, venerata a Formia (Gaeta). — 
Secondo giorno delle tempora d'inverno. 

Memorandum. — Anche oggi in Napoli, ri- 
correndo la festa del Patrocinio di San Gen 
naro, si rinnova il miracolo della liquefazione 
del sangue di quel Santo. — Chiusura della 
caccia in genere nella prov. di Cuneo. 



17 Sabato 1 S. olimpia, vedova. 
352-15 Ebbe l'officio di dia- 

conessa presso la chiesa 

di Costantinopoli. Morì l'a. 410. — S.Lorenzo, 
monaco di Subiaco (Migne: Sollago). — S. Ot- 
tilia religiosa, protettrice dell'Alsazia (seco- 
lo VII) dove è ricordata con culto speciale. 
— Terzo giorno delle tempora d'inverno. 



DICEMBRE 1904 



106 — 



(52^ Settimana) 



52. — TORCHIARA: Cortile bel Castelio. Il castello, o 
ròcca, di Torchiara venne innalzato da Pier Maria Rossi nel 
14i8. Ha pregevolissimi dipinti e una famosa Camera d' oro a 
terrecotte policrome e stucchi dorati. 




{Fotogr. ilei cav. Aless. Cassarmi, Bologna). 



18 Domenica 

353-14 



S. Desiderato, monaco. 

Religioso dell'abba- 
zia di Fontanelle, ove 
si santificò nella pratica delle più austere 
virtù. Morì verso la fine del sec. VII. — S. Eu- 
sebio, vescovo di Sutri (a. 465). — S. Graziano 
vescovo di Toiu-s, verso la metà del III se- 
colo. Il suo nome rimase alla cattedrale. Dopo 
le diverse traslazioni fatte della sua salma, 
questa fu arsa dagli Ugonotti nel 1562. 

Memorandum. — Estraz. ammortizz. Ob- 
bligazioni Canali Cavour 1862. 



19 Lunedi 

354-13 



S. Maria degli Angeli, v. 

Fu lustro dell' or- 
dine cai-melitano. Mori 
l'a. 1717. — S. Fausta, matrona romana (seco- 
lo III-IV). Fu celebre la Basilica Fausta unita 
alla chiesa di S. Ambrogio a Milano. — S. Ebe- 
rardo, o Berardo Paleara. benedettino, vesc. 
di Teramo, dal 1115 al 1122. 

Memorandum. — Estraz. del Prestito Città 
di Napoli 1877. — Oggi, secondo il calendario 
(ìiuliano o Greco-Russo, festa di S. Nicola di 
Bari, protettore della Russia. 



20 Martedi 

355-13 



S. Giovanni Marinone. 



Presto preziosi ed 
eroici servizi durante 
la peste del 1528. Mori a 72 anni, nel 1562. 
Fa benemerito delle città di Napoli avendovi 
fondato un monte di pietà. — S. Filogonio, 
vescovo d'Antiochia, morto nel 323 (Migne). 
— S. Domenico, vescovo di Brescia, circa gli 
anni 613-617. 

Memorandum. — Nascita della Principessa 
Maria Laetitia, Duchessa d'Aosta (1866). — 



Pagamento delle pensioni 
governative di seconda 
categ. (superiori a L. 500, 
ma non a L. 2000 annue). 

21 Mercoledi 

356-11 

S. Pietro Canisio. 

Gesuita, fu mandato 
in Germania per combat- 
tere l'eresia di Lutero e 
morì di 76 anni nel 1597. 
— S. Tommaso, apostolo 
(sec. I). — S. Temistocle, 
martire. 

Memorandum. — Anni- 
versario della vittoria di 
Agordat sui Dervisci 
(1893), festeggiato nella 
Colonia Eritrea. 



22 Giovedì 
357-10 

S. Fiaviano, martire. 

Patrono di Montefia- 
scone. — S. Ischirione, 
martire in Egitto durante la persecuzione di 
Decio. — S. Gherardo dei cavalieri di Malta, 
fiorentino. Fu zelatore della redenzione dei 
Cristiani e spese la sua vita nella cura degli 
infermi. Morì nonagenario nel 1258. 

Memorandum. — Entra il Sole in Capri- 
corno, e comincia l' Inverno astronomico. — 
Solstizio d'inverno. — Questo è il giorno più 
breve dell' anno. — @ L. P. a ore 19.01"'. 



23 Venerdì 

358-9 



S. Servolo. 

Di corpo rattratto, 
fu obbligato a vivere 
di mendicità e tali furono le sue virtù e in 
grado così alto, che fu poi onorato qual santo, 
alla sua morte, avvenuta l'a. 590. — S. Vit- 
toria, vergine, martire, ricordata a Piacenza 
(sec. IV- V). 

Memorandum. — Oggi sono chiusi gl'Isti- 
tuti Tecnici e i Licei. Per i primi è vacanza 
fino al 2 gennaio inclusive. — In molte città 
stanotte si ha il curioso spettacolo del incr- 
eato del pesce per la vigilia di domani, eh' 
a Roma è chiamato il rnn)<>. 



24 Sabato 
359-8 



Vigilia del S. Natale. 

S. Tarsilla, vergiTi.\ 
- I BB. martiri della 
Concincina (1835-1840) ricordati anche a Mi- 
lano. — S. Gregorio, prete, martire, ricordato 
a Spoleto (sec. III-IV). — S. Irma o li-mina 
matrona al tempo di Dagoberto II. — Vigilia 
del SS. Natale. 

Memorandum. — Vigilia di Natale. — Oggi 
sono chiuse le biblioteche governative e tutte 
le scuole. 



)ICEMBRB 1904 



— 107 — 



(63a Settimana) 



25 Doni. 

360-7 



Natale 
di Gesù Cristo. 

È ]s festa più simpatica del cri- 
:ianesiino, perchè ricorda la ve- 
uta del Salvatore del mondo, 
econdo i cronologi 11 gran fatto 
irebbe avvenuto l'a. 747 di Roma, 
S dell' impero di Augusto, 7 dei- 
èra volgare. — S. Anastasia, ro- 
lana, niart., l'a. 300. — S. Eugenia. 
omana, vergine, martire, l'a. 261. 

iMemorandum. - Festa civile le- 
rale. — Oggi in molte località del 
Memonte si pagano gli afl&tti dei 
erreni. — Oggi in Grecia S. Spiri- 
lione, festa solenne. 



26 Lun. 

361-6 



S. Stefano 
Protomartire. 



Fu tra i primi sette diaconi 

"letti dagli Apostoli, ed ebbe tanto 

xelo, che accese di furore i nemici 

■lei nome cristiano, i quali lo con- 

. irono al supplizio della la- 

<<ue. Fu il primo martire 

■martire) del cristianesimo, 

I. — Feste patronali a Biella, 

i e Prato. — S. Dionigi, pp. 

v.> al 2«9. — S. Zosimo, pp. 
dal 417 al 41S. — Da questo giorno 
a tutto il 28, quatridio, rinomata solennità 
religiosa a Tricesimo (Udine). 

Memorandum. — Comincia il Carnevale. 
— '>t,'i,'i si aprono, per la stagione, il mag- 
li umero dei teatri, e fra essi tutti itea- 
issimi d'Italia. — Oggi sono chiuse le 
t<"che governative. 



53. — TORINO : Ponte sul Po e Chiesa della Gran 
Madre di Dio. La Chiesa fu eretta (1818-.35) dai tori- 
nesi, a imitazione del Pantheon, in rendimento di gra- 
zie pel ritorno di Vittorio Emanuele I. — Il ponte, di 
recente ricostruzione, è lungo 150 metri. 




{Da fotogr. Alinari) 



27 Martedì 

362-5 



S. Giovanni, apostolo, 
ed evangelista. 



Scrisse il quarto evangelo, l'Apocalisse e 
tre lettere che ci pervennero tra le aposto- 
liche. Morì in età tardissima, l'anno 100. 

Memorandum. — Anniversario della morte 
di Francesco II, ex re di Napoli, commemo- 
rato dal partito borbonico meridionale. 



28 Mercoledì 

363-4 



Santi Innocenti. 

Ricorda la strage 

orribile ordinata da 

Erode di tutti i bambini del suo regno al 

to dei due anni, affine di comprendervi 

•nato Messia, il quale invece scampò in 

•o (Matt. II, 13-18). - S. Abele, il giusto, 

iìi;ho dei progenitori Adamo ed Eva. 



29 Giovedì 

364-3 



S. Tomaso Becl(et. 

Vescovo di Canter- 

bury, martire messo a 

S. Davide, re d'Israele. — 



morte l'a. 1170 

S. Melania, verg. mart. 

Memorandum. - ^ U. Q. a ore 16.46^. - 
Estraz. pel rimborso delle Obbligaz. FF. Man 
tova-Cremona. 



30 Venerdì 1 S- Eugenio, vescovo. 
365-2 Onorato a Milano 

—^ quale difensore del rito 

ambrosiano quando al tempo dell'imperatore 
Carlo Magno si tentò di abolirlo (sec. Vili). 
— S. Gerardo, confessore, minorità, morto 
r a. 1345, onorato a Valenza (presso Alessan- 
dria). — Festa patronale della diocesi a Bar- 
letta. 



31 Sabato | S. Silvestro, papa. 

366-1 I Fu papa subito dopo 
— ^ s. Melchiade e morì 



dopo più di venti anni di governo, nel 33.'>. 

— S. Colomba, vergine, martire, circa gli 
anni 270-275, patrona di Rimini. — Ss. Ste- 
fano e compagni, martiri, nominati a Catania 
(sec. IIMV). 

Prof. A. Gianetti. 

Memorandum. — Ultimo termine per chie- 
dere la iscrizione nelle liste elettorali poli- 
tiche e amministrative. — Chiusura dell'anno 
lìnanziario delle aziende comunali, degli isti- 
tuti bancari, delle case commerciali ec. — 
Scade la seconda rata semestrale della tassa 
di manomorta. Il pagamento deve esser fatto 
entro i primi 20 giorni del mese di gennaio 
entrante. — Oggi sono chiuse le biblioteche 
governative. — Chiusura della caccia nelle 
province del Regno. — Estraz. Prest. a premi 
Città di Venezia 1869 (rimb. 1» maggio succ), e 
del Prest. a premi riord. Bevilacqua La Masa. 

— Estraz. pel rimb. delle Obblig. della Società 
Veneta per imprese e costruz. pubbliche e 
delle Obblig. Ferrara 1874. 



— 108 — 



INDICE DEL DIARIO SACRO PER L'ANNO 1904(*) 



54. — VELLEJA (Avanzi di), Antica città sepolta nel 
IV secolo da una frana. Vi si scavò nel 1747 la famosa 
Tavola alimentaria Trajana e poi buon numero di edi- 
fici e di oggetti anche preromani. 




Abbondio, 27 febbraio; 10 di- 
cembre. 

Abele, 28 dicembre. 

Acacie, 8 maggio. 

Adamo, 16 maggio. 

Adelaide, 16 dicembre. 

Adele, 30 giugno. 

Adelgisio, 6 ottobre. 

Adeodata, 14 dicembre. 

Adeodato, 27 giugno; 2 luglio; 
9 ottobre. 

Adleida, 27 giugno. 

Adolfo, 29 agosto; 27 settemb. 

Adriano, 8 luglio. 

Afrodisio, 14 marzo. 

Agabio, 4 agosto. 

Agapito, 16 marzo; 17 aprile; 
18 agosto. 

Agata, 5 febbraio. 

Agatone, 5 luglio. 

Agnese, 21 gennaio; 20 aprile. 

Agostino d'Inghilt., 28 magg. 

Agostino, 28 agosto. 

Agrippina, 23 giugno. 

Agrippino, 17 giugno; 9 nov. 

Alacoque M. M., 17 ottobre. 

Albergati, 10 maggio. 

Alberico (h), 26 gennaio. 

Alberto, 3 giugno; 4 luglio. 

Alberto B., 3 settembre. 

Albina, 16 dicembre. 

Aldegouda, 30 gennaio. 

Aldemaro, 24 marzo. 

Alessandro, 27 febbraio. 

Alessandro S. (&), 23 aprile. 



Alessandro, 26 febbraio; 4 giu- 
gno; 26 agosto. 

Alessio, 30 luglio. 

Alfeo, 18 novembre. 

Alfe rio, 12 aprile. 

Alfonso L., 31 ottobre. 

Alfonso T., 2 agosto. 

Alfredo, 14 agosto. 

Alice, 5 febbraio. 

Alipio, 26 novembre. 

Alverio, 2 gennaio. 

Amabile, 19 ottobre. 

Amadeo (&), 10 agosto. 

Amalia, 12 dicembre. 

Amanzio, 8 aprile; 6 giugno. 

Amasio, 23 gennaio. 

Amato, 8 maggio, 13, 30 set- 
tembre. 

Amatore, 7 aprile. 

Ambrogio {Moiie di), 4 aprile. 

Ambrogio, 20 marzo; 10 ago- 
sto; 16 ottobre; 7 dicembre. 

Amedeo (b), 30 mar. ; 5 magg. 

Amos, 31 marzo. 

Ampelio, 14 maggio. 

Anacleto, 13 luglio. 

Anastasia, 25 dicembre. 

Anastasio, 11, 22 gennaio; 27 
aprile; 7 settembre. 

Andrea (6), 1 febbraio. 

Andrea C, 14 gennaio. 

Andrea, 26 febbraio. 

Andrea G., 19 marzo. 

Andrea, 22 agosto ; 6 novemb. 

Andrea {ap.), 80 novembre. 



Andrea A., 10 novembre. 

Andronico, 14 novembre. 

Angela da Foligno, 4 gennaio. 

Angela M., 30 maggio. 

Angeli custodi, 2 ottobre. 

Angelo (fc), 25 gennaio. 

Angelo C, 12 aprile. 

Angelo P. (&), 24 ottobre. 

Angelo (b) d'Acri, 29 ottobre. 

Aniceto, 17 aprile. 

Anicio M. T. S. B., 23 ottobre. 

Anna, 26 luglio. 

Annibale, m. 15 aprile. 

Annumiazione, 25 marzo. 

Ansano, 1 dicembre. 

Anselmo, 3, 18 marzo; 21, apr 

Anso vino, 13 marzo. 

Antere, 3 gennaio. 

Antigono, 27 febbraio. 

Antimo, 21 febbraio. 

Antioco, 13 dicembre. 

Antonia (6.»), 28 febbraio. 

Antonino, 14 febbraio, 2 mag- 
gio; 22 agosto; 31 ottobre. 

Antonio abate, 17 gennaio. 

Antonio da Padova, 13 giugno. 

Ant. Maria Zaccaria, 5 luglio. 

Apelle, 22 aprile. 

Appiano, 2 aprile. 

Apollinare, 23 luglio; 6 die. 

Apollonia, 9 febbraio. 

Apollonio, 16 febbraio: 7, 8 
luglio. 

Aquilino, 29 gennaio; 4 febbr. 

Arduino, 15 agosto. 

Armentario, 30 gennaio. 

Arsazio Casati, 12 novembre. 

Artemia, 18 febbraio. 

Aspreno, 3 agosto. 

Assunzio7te di Maria ss., 15 ag. 

Astio, 7 luglio. 

Atanasio, 26 gennaio ; 2 mag- 
gio; 15 luglio. 

Attica, 18 febbraio. 

Attinea, 16 giugno. 

Audenzio, 26 novembre. 

Augusto, 7 ottobre. 

Aureliano, 5 dicembre, 

Aurelio, 27 luglio, 9 novemb. 

Ausano, 3 settembre. 

Avenanzlo, 14 luglio. 

Avertano (b), 25 febbraio. _« 

Babila, 24 gennaio. j^k 

Bacolo, 29 gennaio. ^W 

Balbina, 31 marzo. 

Baldassarre, 6 gennaio. 

Bambina M., 8 settembre. 

Baudolino, 10 novembre. 

Barbara, 4 dicembre. 

Barnaba, 11 giugno. 

Barsano, 11 aprile. 

Barsanofrio, 11 apr., 30 agosto. 

Bartolomeo (6), 28 gennaio. 

Bartolomeo, 24 agosto. 



(*) Per rettificiie od asgiunte, scrivere al prof. Alessandro Gianetti, Milano, via Lanzone, i. 
E stato omesso l' indice delle Teste mobili che sono pik notate in apposita tabella a pag. IO. 

GII olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.> di Oneglia sono gli unici perfetti. 



silio, 2, C, 22 marzo; 14 giu- 

Ljno. 

.silissa, 6 gennaio; 15 aprile. 

isslano, 19 gennaio. 

>sso, 5 dicembre. 

ittista G. Eossi. 23 ma<:gio. 

vttlsta {Nat. di s. (?.), 24 giug. 

;atrlce (b), 19 gennaio. 

!da, 10 aprile. 

filino, 26 novembre. 

snedetta, 17 aprile. 
i inedetto R., 12 febbraio. 
1 medetto, 17 febbraio; 11, 

21 marzo, 6 settembre. 

;nedetto G. L., 16 aprile. 
' >nlgno, 26 luglio. 
! jnincasa (b), 10 gennaio. 
1 ;nvenuta (b), 29 ottobre. 

jnvenuto S., 22 marzo, 
i ìrardo P., 19 dicembre. 
' )mardiuo da Siena, 20 mag. 
' jrnardo, 15 giugno; 20, 22 

agosto. 

■ ìrnardo U., 4 dicembre. 
! ìrnerio, 16 ottobre. 

: ìrtoldo, 21 ottobre. 
' jrtrando, 1 marzo. 
l ìrtulfo, 24 marzo. 
' 3SSO, 1 dicembre. 
' jvignate, 14 maggio. 

■ agio, 3 febbraio: 22 giugno. 
' biana, 2 dicembre. 

jbone, 23 maggio. 
' jezio A. M. T. S., 23 ottob. 
; jnaventui-a, 14 luglio. 
' ^nifacio, 5, 14 maggio. 
I rigida, 8 ottobre. 
( rizio, 9 luglio. 
1 L-unone, 6 ottobre. 

aono Giov., 22 ottobre. 

ilimero, 3 ottobre. 

Ulisto, 14 ottobre; 28 die. 

ilocero, 18 aprile. 

ilogero, 18 giugno. 

unerino, 21 agosto. 

imillo, 15 luglio. 

mdida, 4, 20 settembre. 

ìndido, 3 ottobre. 

tnio, 25 maggio. 

iDisio P., 21 dicembre. 

muto, 17 febbraio. 

mzia, 20 novembre. 

inzianilla, 31 maggio. 

inziano, 31 maggio. 

anzio G., 20 ottobre. 

irlo, 4 novembre. 

irpoforo, 7, 20 agosto; 10 die. 

tsimiro, 4 marzo. 

issiano, 12, 13 agosto. 

issio, 29 giugno. 

isto, 22 maggio, 7 novemb. 

atello, 19 gennaio. 

aterina R., 13 febbraio. 

aterina, 9, 24 marzo; 30 apri- 
le; 4, 15 settembre; 25 no- 
vembre. 

atervo, 10 dicembre. 

attedra di S. Pietro, 18 gen- 
naio; 22 febbraio. 

ecilia, 22 novembre. 

ecilio, 3 giugno. 

elestino, pp., 6 aprile. 



— 109 — 

55. — VENEZIA: Monumento a Cautolomeo Collkoni, 
di Andrea Dal Verrocchio, fusr in bronzo da A. Leopardi 
il 1496. Sta nel campo di San Zanipolo, ed è la più bella 
statua equestre in bronzo del mondo. 




(Da fotogr. di G. Sommer). 



Celestino P., 19 maggio. 
Celso, 28 luglio, 21 novembre. 
Cerbo o Cerbonio, 10 ottobre. 
Cesario, 25 febbraio. 
Cesello, 21 agosto. 
Chelidonia, 13 ottobre. 
Cherubino, 30 ottobre. 
Chiara, 26 luglio. 
Chiofifredo, 2 settembre. 
Gino, 9 agosto. 
Cipriano, 21 aprile; 11 luglio; 

16 settembre. 
Ciro, 31 gennaio. 
Circoncisione di O. C, 1 genn. 
Ciriaca, 17 giugno. 
Ciriaco, 4 maggio; 8, 23 ag. 
Cirillo, 28 gennaio; 28 marzo; 

28 ottobre. 
Cirino, 10 maggio; 5 dicembre. 
Ciro, 16 giugno. 
Claudiano, 6 marzo. 
Claudia, 9 settembre. 
Claudio, 7 giugno; 7 settemb. 
Clemente, 5 marzo ; 5 giugno; 

17 ottobre; 23 novembre; 
4 dicembre. 

Cleofe M., 9 aprile. 
Clelia, 3 settembre. 
Cleonico, 24 luglio. 
Cleto, 26 aprile. 
Clotilde, 3 giugno. 
Coletta, 6 marzo. 
Colomba, 17 settemb.; 31 die. 
Colombano, 20 novembre. 
Colombini G., 31 luglio. 



Columato, 19 giugno. 

Concezione di M. V,, 8 dicemb. 

Concordie, 1 gennaio. 

Consolata, 5 dicembre. 

Console, 7 luglio. 

Contardo, 16 aprile. 

Conversione di Paolo, 25 genn. 

Corona, 14 maggio. 

Corrado, 19 febbraio. 

Cosma, 27 settembre. 

Costantino, 21 maggio. 

Costanzo, 1, 18, 19 settembre; 
30 novembre. 

Crescenzia, 15 giugno. 

Crescenzio, 7 luglio; 14 set- 
tembre. 

Croscio, 23 ottobre. 

Crisanto, 25 ottobre. 

Crisogono, 24 novembre. 

Crispiniano, 25 ottobre. 

Crispino I, 7 gennaio. 

Crispino, 25 ottobre. 

Cristina, 13 marzo; 10 mag- 
gio; 24 luglio. 

Cristoforo, 25 luglio. 

Croce [Esaltazione della), 1 4 set- 
tembre. 

Cromazio, 2 dicembre. 

Cunegonda, 3 marzo. 

Damaso, 11 dicembre. 

Damiano, 27 settembre. 

Daniele, 3 gennaio. 

Daria, 20 giugno; 25 ottobre. 

Dato, 3 luglio. 

Davide re, 29 dicembre. 



Gli olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.' di Oneglia sono gli unici perfetti. 



— 110 — 

56. — VERONA: Basilica di San Zeno Magotobe, 
magnifico tempio dell' XI secolo, glorioso per i tesori 
d'arte non meno che per 1 ricordi storici. A sinistrala 
porta di San Zeno, eretta nel 1540 secondo i disegni 
del Sammicheli. 




{Da fotogr. Alinari). 



Dazio, 14 gennaio. 

Decoroso, 15 febbraio. 

Dedic. di 5. Maria ad MaHyr, 
oggi Patìtheon, 13 maggio. 

Defendente, 2 gennaio. 

Defunti (Commemorazione di 
tutti i fedeli), 2 novembre. 

Demetrio, 9 aprile; 22 novemb. 

Desiderato, 18 dicembre. 

Desidei-io, 27 iharzo; 23 mag- 
gio; 19 settembre. 

Devota, 27 gennaio. 

Diego, 16 novembre. 

Diodata, 14 dicembre. 

Diodato, 27 giugno; 9 ottobre. 

Diomede, 11 settembre. 

Dionigi, 8 aprile; 25 maggio; 
3, 9 ottobre ; 26 dicembre. 

Domenica, 6 luglio. 

Domenico, 4 agosto; 20 die. 

Domneo, 5 gennaio. 

Donato, 4 febbraio; 7, 19 ago- 
sto; 1 settembre; 12 nov. 

Donaziano, 24 maggio. 

Donnina, 15 aprile. 

Donnino, 16 maggio; 9 ott. 

Dorotea, 6 febbraio. 

liberardo P., 19 dicembre. 

Kdistlo, 12 ottobre. 

Edmondo, 14 novembre. 

Edoardo, 13 ottobre. 

Edvige, 17 ottobre. 

Efebio, 16 febbraio. 

Elìsio, 15 gennaio. 

Egidio, 1 settembre. 

Elconide, 28 maggio. 

Eldrado, 13 marzo. 

Eleazario, 20 ottobre. 

Elena, 18 agosto. 

Eleucadio. 14 febbraio. 

Eleuterlo, 20 febbraio; 18 apr. 

Elia, 21 marzo; 26 agosto. 

Elio, 18 luglio. 



Eliodoro, 3 luglio. 
Elisa, 26 giugro. 
Elisabetta, 8 luglio; 19 nov. 
Elisabetta P., 19 febbraio. 
Elpicio, 24 maggio. 
Elpidio, 24 maggio; 2 setlemb. 
Elseban, 27 ottobre. 
Emanuele, »»., 26 marzo. 
Emerenziana, 23 gennaio. 
Lmidio, 5 agosto. 
Emiliana, 5 gennaio. 
Emiliano, 27 gennaio; 6 nov. 
Emilio, 22, 28 maggio. 
Enrico, 13 marzo; 15 luglio. 
Eucherio, 16 novembre. 
Epifania, 6 gennaio. 
Epifania, 6 ottobre. 
Epifanio, 21 gennaio. 
Equizio, 7 marzo. 
Eracliano, 7 novembre. 
Ercolano, 1 marzo. 
Erlberto, 16 marzo. 
Erizzo [h), 9 febbraio. 
Ermas, 9 maggio. 
Ermelinda, 29 ottobre. 
Ermenegildo, 13 aprile. 
Ermete, 1 marzo. 
Ermogene, 23 agosto. 
Ernesto, prete, 7 novembre. 
Ersilia, 11 agosto. 
Escoperio, 28 settembre. 
Esuperanzio, 24 gennaio. 
Esuperia, 26 luglio. 
Ettore, 20 giugno. 
Eufemia, 16 settemlm 
Eugenia, 25 dicembrf. 
Eugenio, 24 gennaio; 2 giugno; 
17 novembre; 30 dicembre. 
Eulalia, 27 agosto. 
Eulogio, 11 marzo; 13 sett. 
Euprepio, 27 settembre. 
Eusanio, 9 luglio. 
Eusebia, 29 ottobre. 



Eusebio, 5 marzo; 18 aprile; 
14 agosto; 16, 18 dicembre. 

Eustachio, 20 sett.; 12 ott. 

Eustasio, 29 marzo. 

Eustorgio, 6 giugno. 

Eutichio, 15 aprile; 23 mag- 
gio; 5 giugno. 

Evaristo, 26 ottobre. 

Evasio, 1 dicembre. 

Evenzio, 12 gennaio: S ftl 

Evodio, 11 novembre. 

Fabiano, 20 gennaio. 

Fanzio, 14 dicembre. 

Fausta, 19 dicembre. 

Faustiniano, 26 febbraio. 

Faustino 15, 26 febbraio; 29 
luglio. 

Fausto, 15 febbr.; 24 giugno. 

Fedele, 24 aprile; 28 ottobre. 

Telano, 9 gennaio. 

Felice, 16, 30 gennaio; 25 feb- 
braio; 18, 21 maggio; 23 giu- 
gno; 13 luglio; 25 agosto; 
19 settembre; 21 ottobre; 
6, 20 novembre. 

Feliciano, 24 gennaio; 9 giug. 

Felicita, 26 marzo; 10 luglio. 

Ferdinando re, 30 maggio 

Ferdinando, 27 giugno. 

Fermo, 9 agosto. 

Festo, 19 settembre. 

Fidenzio, 16 novembi-e. 

Filadelfio, 10 maggio. 

Filareto, 6 api-ile. 

Filiberto, 20 agosto. 

Filippo, 1. maggio. 

Filippo N., 26 maggio. 

Filippo B., 23 agosto. 

Filippo, 22 ottobre. 

Filogonio, 20 dicembro. 

Filomena, 5 luglio; 29 no 

Fina, 12 marzo. 

Fiore, 27 ottobre. 

Fiorenzo, 14 febb.; 23 ma^:. 

Firmiliano, 28 ott^ibre. 

Firmina, 24 novembre. 

Firmino, 11 ottobre. 

Fiacco, 18 settembre. 

Flaviano, 27 gennaio; H. 
febbraio; 22 dicembre. 

Flavio L., 24 marzo. 

Floro, 27 ottobre. 

Floriano, 4 maggio. 

Follano, 21 ottobre. 

Fortunata, 14 ottobre. 

Fortunato, 9 gennaio; 27 i 
braio; 8, 16 giugno; 2:< 
agosto; 14, 15 ottobre. 

Fosca, 13 febbraio. 

Francesco, 2 aprile; Un 

Francesco C, 4, 16 giugi! 

Francesco, 24 luglio; 4, 
27 ottobre. 

liiincosco di S., 29 gennaio: 
.1 dicembre. 

Frediano, 18 novembre. 

Frumenzio, 27 ottobre. 

Fruttuoso, 16 aprile. 

Fulberto. 10 aprilo. 

Fulco S., 26 ottobre. 

Oabriole. 18 marzo. 

(ìai'tano, 7 agosto. 



Gli olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.> di Oneglia sono gli unici perfetti. 



Caldino, 18 aprile. 
Galla, 5 ottobre. 
Gallieno, 6 agosto. 
Gallo, 4 luglio; IC ottobre. 
Gaspare, 6 gennaio. 
Gaudenzio, 2'i gennaio; 12 feb- 
braio: 19 giugno; 26 nov. 
Gaudioso, 7 marzo ; 26 ottob. 
Gavino, 25 ottobre. 
Gelasio, 21 novembre. 
Qeminiano, 31 gennaio; 16 set- 
tembre. 
Gemmulo, 4 febbraio. 
Generoso, 17 luglio. 
Genesio, 25 agosto; 22 die. 
Gennaro, 19 settembre. 
Geraldo, 13 ottobre. 
Gerardo, 6 giugno; 24 set- 
tembre; 3, 30 ott.; 7, 30 die. 
Germano, 21 febbraio; 26 lu- 
glio. 
Gerolamo, 20, 22 luglio; 28, 30 

settembre. 
Geronzlo, 12 dicembre. 
Gertrude, 15 novembre. 
Gervasio e Prot., 19 giutrno. 
Giacinta M. {b), 30 gennaio. 
Giacinto, 16 agosto; 29 ottob. 
Giacomo, 21 marzo ; 4 maggio. 
Giacomo {b), 1 giugno. 
Giacomo, 25 luglio; 28 nov. 
Gioachimo, 20 marzo ; 16 apr. 
Giobbe, 23 settembre. 
Gioconda, 25 novembre. 
Giocondo, 14 novembre. 
Giorgio, 23, 24 aprile. 
Glosafatte, 27 novembre. 
Giovanna S. (fc), 9 luglio. 
Giovanna FF., 21 agosto. 
Giovanni C, 27 gennaio. 
Giovanni, 30, 31 gennaio; 2,8, 

14 marzo. 
Giovanni, 9 aprile; 13 maggio; 
23, 20 giugno; 7, 16 settemb. 
Giovanni C, 23 ottobre. 
Giovanni ap. evang., 27 die. 
Giovanni B., 23 magg., 24 giu- 
gno; 22 ottobre. 
Giovanni B., 10 gennaio. 
Giovanni C, 31 luglio. 
Giovanni G., 12 luglio. 
Giovanni M., 8 febbr. ; 20 die. 
Giovanni N., 16 maggio. 
Giovita, 15 febbraio. 
Giuda, 30 ottobre. 
Giulia, 22 maggio. 
Giuliana, 7 aprile. 
Giuliana F., 19 giugno. 
Giuliano, 13 febbraio; 22 giu- 
gno: 27 luglio; 7, 31 agosto; 
18 ottobre. 
Giulio, 31 gennaio. 
Giulitta, 16 luglio. 
Giuseppe, 19 marzo; 18 sett. 
Giuseppe C, 27 agosto. 
Giustina, 10 genriifio. 
Giustina, 13 luglio; 7 ottobre. 
Giustino, 13 aprile; 1 giugno. 
Giusto, 5 giugno; 30 agosto, 

2 novembre. 
Giuventino, 25 gennaio. 
Goffredo, 8 novembre. 



— Ili — 

57. — VERONA: Piazza dkll'Erbe, anticamente Fobo 
Civico, una delle più belle e caratteristiche piazze d'Ita- 
lia, gremita di monumenti, dalla statua di Madonna Ve- 
rona del 380, e la fontana inalzata da re Pipino r807, 
alla Casa dei Mercanti costruita il 1216. Un progetto di 
sventramento appassionò due anni fa tutta l'Italia. 




{Da fotogr. Alìnari). 



Grata, 25 agosto. 

Grato, 7 settembre. 

Grato, 20 marzo. 

Graziano, 1 giugno, 18dicemb, 

Greciana, 16 giugno. 

Gregorio de Langres, 4 genn. 

Gregorio, 12 marzo. 

Gregorio N., 9 maggio. 

Gregorio, 17, 23, 28 novembre; 
24 dicembre. 

Gualtiero, 22 luglio. 

Gudula, 8 gennaio. 

Guerino, 26 settembre. 

Guglielmo, 10 genn.; 10 feb.; 
4, 26 aprile; 25 giugno. 

Guido, 12 settembre. 

Guidone, 12 giugno. 

Ida, 13 aprile. 

Igino, 11 gennaio. 

Ignazio, 31 luglio. 

Ilaria, 3 dicembre. 

Ilario, 14 gennaio: 16 marzo. 

Ilarione, 22 ottobre. 

Ilda, 18 novembre. 

lldegonda, 20 aprile. 

Illuminato, 11 maggio, 8 lugl. 

Immacolata M., 8 dicembre. 

Innocenti, 28 dicembre. 

Innocenzo, 17 aprile. 

Invenzio, 8 febbraio. 

Ippolito, 30 gennaio ; 2 feb- 
braio; 13 agosto. 

Ippolito G. (b), 20 marzo. 

Irene, 22 gennaio. 

Ireneo, 28 giugno; 3 luglio. 

Irma o Irmina, 24 dicembre. 

Isidora, 17 aprile. 

Isidoro, 2 gennaio; 4 aprile; 
15 maggio. 

Labro G. B., 16 aprile. 

Ladislao, 27 giugno. 

Lamberto, 14 aprile. 



Landalino, 15 giugno. 
Lanfranco, 23 giugno. 
Latino F., 24 marzo. 
Laura, 19 ottobre. 
Lazaro, 12 aprile. 
Lea, 22 marzo. 
Leandro, 27 febbraio, 
Leonardo (6), 10 febbraio. 
Leonardo, 6 novembre. 
Leone, 20 febbraio. 
Leone L., 1 marzo. 
Leone, 11, 19 aprile. 
Leonzio, 13 genn.: 10 marzo; 

20 agosto ; 1 dicembre. 
Leopoldo, 15 novembre. 
Liberale, 27 aprile. 
Liberata, 16 genn.; 29 apr.; 

27 maggio. 
Lidia, 27 novembre. 
Lingdano, 3 luglio. 
Lino, 23 settembre. 
Litardo, 12 luglio. 
Litifredo, 8 marzo. 
Lizerio, 2 ottobre. 
Longino, 15 marzo. 
Lorenzo, 2, 3 febbr.; 6 luglio; 

10 agosto; 14 nov.; 17 die. 
Lorenzo Giustiniani, 8 genn. 
Loterio, 15 novembre. 
Luca, 18 ottobre. 
Luca B. (6), 17 febbraio. 
Luca, 1 marzo. 
Luca C, 2 marzo. 
Lucia, 16 settemb.; 13 dicemb. 
Luciano, 7 gennaio. 
Lucidio, 26 aprile. 
Lucio, 5 marzo ; 6 giugno ; 

12 luglio. 
Lucrezia, 23 novembre. 
Luigi G., 21 giugno. 
Luigi, 25 agosto. 
Luminosa, 9 maggio. 



Gli olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.^ di Oneglia sono gli unici perfetti. 



— 112 — 

58. — VERONA: Santa Mabia ik Oegano, chiesa 
antichissima, trasformata nel 1481 dal Sammicheli, con 
molte pregevoli opere d' arte, fra le quali meritano sin- 
golare menzione i lavori in ebanisteria di Fra Giovanni 
da Verona. 




{Da fotogr. Alinarf). 



Luxorio, 21 agosto. 

Macario, 2 gennaio; 28 feb- 
braio; 5 settembre. 

Macedonio, 24 gennaio. 

Macrina, 21 luglio. 

Maddalena M., 25 maggio; 22 
luglio. 

Maggiorino, 27 giugno. 

Maglorio, 24 ottobre. 

Magno, 4 febbraio; 16 aprile; 
19 agosto; 6 ottobre; 5 nov. 

Magoriano, 15 marzo. 

Maiorio, 24 ottobre. 

Mamiliano, 12 marzo. 

Mammete, 17 agosto. 

Manfredo S., 27 gennaio. 

Manlio A. T. S. B., 23 ottobre. 

Marcella, 31 gennaio. 

Marcellina, 18 luglio. 

Marcellino, 9 gennaio; 20, 26 
aprile. 

Marcello, 16 gennaio ; 20 mar- 
zo; 6, 30 ottobre. 

Marciano, 27 mar.; 2, 17 giug. 

Marcio, 24 ottobre. 

Marco, 25, 28 aprile; 14, 18 
giugno; 25 ottobre. 

Marcolino (b), 24 gennaio. 

Margherita, 22 febbraio; 10 
giugno ; 20 luglio ; 27 agosto. 

Margherita M. A., 17 ottobre. 

Margherita (&), 27 novembre. 

Maria C, 9 aprile. 

Maria eg., 27 aprile. 

Maria M., 26 maggio. 

Maria del Carmine, 16 luglio. 

Maria M., 22 luglio. 

Maria degli Angeli, 19dicemb. 

Maria della neve, 5 agosto. 



Maria ss. (Nome di), 9 sett. 

Maria ss. del Rosario, 7 ott. 

Maria Bambina, 8 settembre. 

Marina, 17 luglio. 

Mario, 27 gennaio. 

Mariscotti, 6 febbraio. 

Marcio, 23 aprile. 

Marta, 29 luglio. 

Martiniano, 2 gennaio; 9 die. 

Martino, 11, 12 novembre. 

Martiri della Cocincina (6), 24 
dicembre. 

Marzia, 21 giugno. 

Marziale, 4 giugno. 

Marziano, 14 giugno. 

Massimiano, 9 giugno. 

Massimiliano, 21 febbraio, 

Massimino, 14 aprile; 15 die. 

Massimo, 14 aprile: 29 mag- 
gio; 2 agosto; 10, 19 ottobre. 

Materno, 18 luglio. 

Matilde, 14 marzo. 

Matrona, 15 marzo. 

Matteo, 21 settembre. 

Mattia, 24 febbraio. 

Maura, 13 febbraio. 

Maurelio, 6 maggio. 

Maurenzlo, 31 agosto. 

Maurilio, 13 settembre. 

Maurizio, 15 gennaio; 24 apr.; 
22 settembre. 

Mauro, 15 gennaio; 18 set- 
tembre; 21 novembre. 

Medardo, 8 giugno. 

Melania, 29 dicembre. 

Melchiade, 10 dicembre. 

Melchiorre, 6 gennaio. 

Menna, 11 novembre. 

Memore, 9 febbraio. 



Mercurio, 10 dicembre. 

Metodio, 9 marzo; 17 giugno. 

Metrone, 8 maggio. 

Michele, 29 settembre. 

Michelina, 19 giugno. 

Milone, 23 febbraio. 

Miniato, 25 ottobre. 

Modestino, 14 febbraio. 

Modesto, 12 gennaio; 15 giu- 
gno; 2 ottobre. 

Monaci di Nonantola, 24 sett. 

Monone, 18 ottobre. 

Montano, 24 febbraio. 

Mosè, 25 novembre. 

Mustia, 4 luglio. 

Nabor, 13 luglio. 

Narno, 27 agosto. 

Natale, 21 agosto. 

Natale di G. C, 25 dicembre. 

Nazaro, 28 luglio. 

Neofita, 17 aprile. 

Nereo, 12 maggio. 

Nestore, 27 febbraio. 

Nicandro, 17 giugno; 19 sott. 

Nicea, 19 ottobre. 

Nico, 18 aprile. 

Nicànore, 5 giugno. 

Nicola, 10 settembre. 

Nicolao (b), 11, 23 febbraio. 

Nicolò A., 10 maggio. 

Nicolò, 6 dicembre. 

Nicomede, 15 settembre. 

Nicone, 23 marzo. 

Nilo, 26 settembre. 

Norberto, 6 giugno. 

Oddone, 18 novembre. 

Odone (b), 14 gennaio. 

Odorico, 14 gennaio. 

Ognissanti, 1 novembre. 

Olao, 29 luglio. 

Olimpia, 17 dicembre. 

Olimpio, 1 dicembre. 

Omobono, 13 novembre. 

Onesimo, 16 febbx-aio. 

Onorata, 12 gennaio. 

Onorato C, 8 febbraio. 

Onorio, 5 aprile. 

Onofrio, 12 giugno. 

Onorio, 24 aprile. 

Opilio, 12 ottobre. 

Oronzio, 26 agosto. 

Orso, 1 febbraio; 13 aprile. 

Orsola, 21 ottobre. 

Osanna, 18 giugno. 

Osvaldo, 29 febb., 5 agosto. 

Ottavio, 20 novembre. 

Ottilia, 17 dicembre. 

Ottone, 23 marzo. 

Palazia, 7 ottobre. 

Pamfilo, 28 aprile. 

Pancrazio, 3 aprile; 12 magg. 

Pantaleo o Pantaleone, 27 lu^'. 

Paola, 26 gennaio. 

Paolino, 11,28 genn.; 4mar7:< 
22 giugno: 12 luglio; 81 ago- 
sto: 10 ottobre. 

Paolo, 8 febbraio; 22 marzo; 
8 aprile. 

Paride, 5 agosto. 

Parisio, 11 giugno. 

Partinio, 19 maggio. 

Pascasio, 10 febbraio. 



Gli olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.i di Oneglia sono gli unici perfetti. 



Paterio, 21 febbraio. 
Paterniano, 10 luglio. 
Paterno, 15 aprile; 21 agosto. 
Patrizia, 25 agosto. 
Patrizio, 17 marzo. 
Pelagia, 23 marzo, 8 ottobre. 
Pellegrino, 27 aprile; 1 agosto. 
Perpetua, 4 agosto. 
Petronilla, 31 maggio. 
Petronio, 4 ottobre. 
Pier D., 23 febbraio. 
Pietro Urs., 10 gennaio. 
Pietro (&), 19 febbraio. 
Pietro, 29 aprile. 
Pietro, 29 giugno; 10, 19 lu- 
glio; 1, 7 agosto. 
Pietro C, 10 settembre. 
Pietro, 19 ottobre. 
Pietro, 25 ottobre. 
Pietro C, 5, 21 dicembre. 
Pio, 5 maggio; 11 luglio. 
Placidia, 11 ottobre. 
Placido, 5 ottobre. 
Pompeo, 10 aprile; 14 dio. 
Ponziano, 19 novembre. 
Porfirio, 26 febbraio. 
Potamio, 29 gennaio. 
Potito, 13 gennaio. 
Prassede, 21 luglio. 
Pretestato, 24 febbraio. 
Primitiva, 24 febbraio. 
Primitivo, 18 luglio. 
Primo, 11 maggio; 9 giugno. 
Priscilla. 16 gennaio. 

Priscilliano, 4 gennaio. 

Probo, 12 gennaio; 6 ottobre. 

Procolo, 14 aprile. 

Procopio, 23 marzo. 

Proculo, 19 ottobre. 

Prosdocimo, 7 novembre. 

Prospero, 2 marzo ; 26 giugno. 

Protasio, 17 giugno. 

Protaso Al., 24 novembre. 

Proto, 25 ottobre. 

Protogene, 6 maggio. 

Provino, 8 marzo. 

Pulcheria, 12 ottobre. 

Pudente, 19 maggio. 

Purificazione di M., 2 febb. 

Quarto, 10 maggio. 

Quattro mm. coronati, 8 nov. 

Quingesio, 5 dicembre. 

Quinto, 10 maggio. 

Quirico, 16 luglio. 

Quirino, 25, 30 marzo; 4 giug. 

Eadegonda, 13 agosto. 

Raimondo, 22 genn.; 28 lug. 

Raimondo N., 31 agosto. 

Rai n aldo, 9 febbraio. 

Raffaele, 24 ottobre. 

Ranieri, 17 giugno. 

Redento, 8 aprile. 

Regina, 1 luglio; 7 settembre. 

Remigio, 1 ottobre. 

Reparata, 8 ottobre. 

Restituta, 27 maggio. 

Restituto, 29 maggio. 

Riccardo, 7 febbraio; 3 aprile; 
9 giugno. 

Ritrovamento della Stnta Cro- 
ce, 2 maggio. 

Roberto, 7 giugno. 



— 113 — 

gg. — VERONA: Ponte delt.a Pietra, costruito da 
Fra Giocondo, ma di cui due archi sono dell'epoca ro- 
mana. In alto Castel San Pietro, caserma moderna, edifi- 
cata sui ruderi dell'antico castello di Teodorico il Grande 
e dei Visconti: splendido panorama. 




{Da fotogr. Alinari). 



Pvobustiano, 24 maggio. 
Rocco, 16 agosto. 
Rodippo, 2 febbraio. 
Rodolfo, 26 giugno. 
Rogazlano, 24 maggio. 
Romana, 23 febbraio. 
Romano, 9 agosto. 
Romeo (b) 25 febbraio. 
Romolo, 6 luglio; 13 ottobre. 
Romula, 24 giugno; 23 luglio. 
Romualdo, 7 febbraio. 
Rosa, 30 agosto; 4 settembre. 
Rosalia, 4 settembre. 
Rufina, 10 luglio. 
Rufino, 11 febbraio; 21 giu- 
gno; 14, 30 luglio; 11, 26 
agosto. 

Rufo, 28 novembre. 

Ruggero, 5 marzo; 15 ottob. 

Rusticiano, 5 gennaio. 

Rustico (6), 12 marzo. 

Rustico, 9 agosto. 

Saba, 24 aprile. 

Sabina, 29 agosto. 

Sabino, 7 dicembre. 

Samuele, 16 febbraio. 

Santi {Tutti i), 1 novembre. 

Santolo, 15 dicembre. 

Saturnino, 7 aprile; 29 nov. 

Savina, 30 gennaio. 

Scolastica, 10 febbraio. 

Sebastiano, 2, 20 gennaio. 

Seconda, 10 luglio. 

Secondo, 6 apr.; 26 agosto. 

Sempronio, 5 dicembre. 

Senatore, 7 gennaio. 

Septimia, 10 dicembre. 

Serafina, 3, 9 settembre. 

Serafino, 12 ottobx-e. 

Serviliano, 20 aprile. 

Servolo, 26 febbraio; 23 die. 



Settala Manfredo, 27 gennaio. 
Sette (I) fondatori serv., 11 

febbraio. 
Settimio, 6 settembre. 
Severa, 29 gennaio. 
Severino, 8 gennaio. 
Severo, 1, 13 febbraio; 23 ott. 
Silverio, 20 giugno. 
Silvestro, 31 dicembre. 
Silvia, 3 novembre. 
Silvino, 12 settembre. 
Simeone, 5 genn.; 18 febbr.; 

26 luglio. 
Simone, 24 marzo; 28 ottob. 
Simpliciano, 13 agosto. 
Simplicio, 2, 29 marzo; 15 

magg.; 21 giug.; 29 luglio; 

26 agosto. 
Sinforosa, 18 luglio. 
Siro, 9 dicembre. 
Sisinnio, 29 novembre. 
Sisto, 6 agosto. 
Sofia, 23 settembre. 
Sollecito (b), 6 marzo. 
Sotere (s), 10 febbraio. 
Sotero, 22 aprile. 
Speciosa, 18 giugno. 
Sposalizio di M. V., 23 genn. 
Stacteo, 28 settembre. 
Stanislao, 7 maggio. 
Stanislao K., 13 novembre. 
Stefania, 18 settembre. 
Stefano, 2 settembre; 26, 31 

dicembre. 
Stratouico, 24 luglio. 
Sulpizio, 20 aprile. 
Taddeo, 28 ottobre. 
Talassio e e, 22 febbraio. 
Tarsilla, 24 dicembre. 
Taziana, 12 gennaio. 
Tecla, 10 gennaio; 23settemb. 



Gli olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.i di Oneglia sono gli unici perfetti. 



Telemaco, 1 gennaio. 

Telesforo, 5 gennaio. 

Temistocle, 21 dicembre. 

Teobaldo, 1 luglio. 

Teodora, 1, 28 aprile. 

Teodoro, 24 gennaio; 7 feb- 
braio; 26 marzo; 19 settem- 
bre; 25 ottob. ; 9 novembre. 

Teodoto, 18 maggio. 

Teofanio, 26 gennaio. 

Teofilo, 27 aprile. 

Teonesto, 20 novembre. 

Teotisto, 6 settembre. 

Terenzio, 30 luglio ; 24 sett. 

Teresa, 15 ottobre. 

Tertulliano, 27 aprile. 

Tiburzio, 11 agosto. 

Timoteo, 22 agosto. 

Tiziano, 16 gennaio; 3 marzo. 

Tolomeo, 24 agosto. 

Tomaso d'Aquino, 7 marzo. 

Tomaso, 25 marzo; 25 settem- 
bre; 2 ottobre; 21 dicembre. 

Tomaso B., 29 dicembre. 

Torello (b), 16 marzo. 

Torniello B. (b), 19 marzo. 

Trasfigurazione di G. C, 6 ag. 

Trasone, 11 dicembre. 

Trifina, 5 luglio. 

Trifomena, 5 luglio. 

Trifone e ce. ww., 10 novemb. 

Trinità, 1 giugno. 



— 114 — 

Tuzio, 9 settembre. 
Ubaldo, 16 maggio. 
Uberto, 3 novembre. 
Ugone, 20 aprile. 
Uguccione R., 8 settem. 
Ulpiano, 3 aprile. 
Ulrico, 4 luglio. 
Ultano, 31 ottobre. 
Umberto, 25 marzo. 
Umiltà, 22 maggio. 
Urbano, 25 maggio. 
Valentino II, 7 gennaio. 
Valentino, 14 feb.; 16 marzo; 

11 settembre; 13 novembre; 
16 dicembre. 

Valenzio, 26 luglio. 

Valeria, 28 aprile. 

Valeriane, 15 marzo: 14 aprile ; 
4 maggio; 6 agosto; 27 no- 
vembre. 

Valerio, 16 gennaio; 15 marzo; 

12 dicembre. 

Valtrude, 9 aprile. 

Venanzio, 18 maggio. 

Venceslao, 28 settembre. 

Venera, 14 novembre. 

Venustiano, 18 aprile. 

Verano, 9 settembre; 11 no- 
vembre ; 14 novembre. 

Verdiana, 1 febbr.; 2 giugno. 
Verecondo, 22 ottobre. 
Veremondo, 13 febbraio. 



Vero, 23 ottobre. 

Veronica (ft), 13 gennaio; 4 feb- 
braio. 

Vicinio, 28 agosto. 

Vigilia, 19 aprile. 

Vigilio, 26 giugno, 27 novem. 

Villana B., 29 gennaio. 

Vincenzio, 11 dicembre. 

Vincenzo, 22 gennaio; 5 apri- 
le; 19 luglio. 

Virginia, 5 agosto. 

Virgilio, 26 settembre. 

Visitazione di M. V., 2 luglio. 

Vitale, 9 marzo; 28 aprile; 
7 novembre. 

Vitaliano, 16 luglio. 

Vito, 15 giugno. 

Vittore, 21, 28 luglio; 17 ott. 

Vittoria, 23 dicembre. 

Vittorino, 8 giugno; 5 sett.; 
2 novembre. 

Walfridn, 15 febbraio. 

Zaccaria, 5 novembre. 

Zama, 24 gennaio. 

Zenobio, 25 maggio. 

Zenone, 12 aprile; 23 giugno. 

Zita, 27 aprile. 

Zoe, 5 luglio. 

Zoello, 24 maggio. 

Zosimo, 26 dicembre. 

Zotico, 21 luglio. 



GLI EVANGELI DOMENICALI PER TUTTO L'ANNO 



Prima domenica dell'Avvento — Del segni 
che precederanno 11 Giudizio. San Luca, 
cap. XXL 

Domenica II dell'Avvento — San Giovanni 
Battista manda due discepoli a Cristo. Elo- 
gio di Giovanni. San Matteo, cap. XL 

Domenica III dell'Avvento — I Sacerdoti man- 
dano a Interrogare San Giovanni Battista, e 
questi preannunzia il Messia. San Giovanni, 
cap. I. 

Domenica IV dell'Avvento — San Giovanni 
Battista si ritira nel deserto e predica la 
venuta del Messia. San Luca, cap. III. 

Natale, alla prima messa — Nascita di Cristo. 
San Luca, cap. IL 

Natale, alla seconda messa — I pastori adorano 
Cristo nel presepio. San Luca, cap. II. 

Natale, alla terza messa — Principio del Van- 
gelo di San Giovanni, cap. I. 

Domenica infra l'Ottava di Natale — Infanzia 
di Cristo: Simeone lo benedice. San Luca, 
cap. IL 

Festa della Circoncisione — Circoncisione di 
Cristo. San Luca, cap. IL 

Epifania — I Re Magi. San Matteo, cap. II. 

Domenica infra l'Ottava dell'Epifania — Di- 
sputa di Gesù nel Tempio con i dottori. 
San Luca, cap. IL 

Domenica II dopo l'Epifania — Le nozze di 
Cana. San Giovanni, cap. IL 

Domenica III dopo l'Epifania — Gesù sana il 
figlio del Centurione. San Matteo, cap. VIIL 

Domenica IV dopo l'Epifania — Gesù calma 
una tempesta in mare e rimprovera 1 disce- 
poli per poca fede. San Matteo, cap. VIIL 



Domenica V dopo l'Epifania — Pai-abola della 
zizzania seminata insieme al grano. -Sjtn Mat- 
teo, cap. XML 

Domenica VI dopo l'Epifania — Il regno dei 
cieli paragonato al seme di senape e al pez- 
zetto di lievito. San Matteo, cap. XXIII 

Scttuagesima — Parabola dei vignaiuoli. <i'i 
ultimi saranno i primi. San Matteo, cap. XX. 

Sessagesima — La parola di Dio è com« il 
seme del coltivatore; una sola parte cado 
In buon terreno e rende il cento per uno. 
San Luca, cap. Vili. 

Quinquagesima — Gesù predice la sua pas- 
sione ai discepoli e guarisce un cieco che 
aveva fede in lui. San Luca, eap. XVIII. 

Mercoledì delle Ceneri — Come si debba di- 
giunare. San Matteo, cap. VI. 

Domenica I di Quaresima - La tentazione nel 
deserto. San Matteo, cap. IV. 

Domenica II di Quaresima - La Trasfigura- 
zione di Cristo. Sjn Matteo, cap. XVII. 

Domenica III di Quaresima — Gesù caccia I 
demoni. San Luca, cap. XI. 

Domenica IV di Quaresima - Moltiplicazione 
dei pani e dei pesci. San Giovanni, eap. IT 

Domenica di Passione - I Giudei non credei 
alle parole di Cristo e vogliono lapidari 
San Giovanni, eap. VIIL 

Domenica delle Palme — Gesù entra in Geru- 
salemme. San Matteo, cap. XXI. 

Pasqua di Resurrezione — La resurrezione lii 
Cristo. San Marco, cap. XVI. 

Domenica In Albis — Gesù risorto appai 
al discepoli. Incredulità di San Tommaso. 
San Giovanni, cap. XX. 



Gli Olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.' di Oneglia sono gli unici perfetti. 



115 — 



ir domenica dopo Pasqua — Parabola del 
Buon pastore. San Giovanni, cap. X. 

Ili domenica dopo Pasqua — Gesù prean- 
nunzia ai discepoli la sua ascensione al 
cielo. San Giovanni, cap. XVI. 

IV domenica dopo Pasqua — Gesù promette 
al discepoli di mandare lo Spirito Santo. 
5(1 « Giovanni, cap. XVI. 

V domenica dopo Pasqua — Gesù raccomanda 
di pregare il Padre in suo nome. San Gio- 
vanni, cap. XVI. 

Ascensione — Gesù manda 1 discepoli a predi- 
care il vangelo agli uomini e quindi sale al 
cielo. San Marco, cap. XVI. 

Domenica infra l'Ottava dell'Ascensione — 
Gesù ordina al discepoli di rendere testi- 
monianza di lui. S. Giovanni, cap. XV e XVI. 

Pentecoste — Gesù raccomanda ai discepoli 
di osservare le sue parole, che sono quelle 
del Padre: e che lo Spirito Santo li illumi- 
nerà. San Giovanni, cap. XIV. 

Festa della SS. Trinità — Gesù manda 1 disce- 
poli a insegnare e a battezzare gli uomini. 
San Matteo, cap. XXVIII. 

Domenica I dopo la Pentecoste — Gesù racco- 
manda la misericordia. San Luca, cap. ì\. 

lesta del Corpus Domini — Gesù dice ai Giu- 
dei: " Chi mangia la mia carne e beve il mio 
sangue, vive in me ed io in lui„. San Gio- 
vanni, cap. VI. 

Domenica infra l' Ottava del Corpus Domini, 
II dopo la Pentecoste — Parabola del- 
l' uomo che chiama 1 poveri alla sua cena, 
cui nessuno dei primi invitati è venuto. 
San Luca, cap. XIV. 

Domenica III dopo la Pentecoste — Parabola 
della centesima pecora smarrita. San Luca, 
cap. I. 

Domenica IV dopo la Pentecoste — La bar- 
chetta di San Pietro. San Pietro diverrà pe- 
sc-atore d'uomini. San Luca, cap. V. 

Domenica V dopo la Pentecoste — Gesù rac- 
comanda la carità. San Matteo, cap. V. 

Domenica VI dopo laPentec. — Moltiplicazio- 
ne dei pani e dei pesci. San Marco, cap. Vili. 

Domenica VII dopo la Pentecoste — Gesù 
ammonisce a guardarsi dai falsi profeti. 
San Matteo, cap. VII. 

Domenica VIII dopo la Pentecoste — Parabola 
del fattore disonesto. San Luca, cap. XXVI. 

Domenica IX dopo la Pentecoste — Gesù 
piange sopra il destino di Gerusalemme. 
San Luca, cap. XIX. 

Domenica X dopo la Pentecoste — Parabola 
del Fariseo e del Pubblicano. San Luca, 
cap. XVIIL 

Domenica XI dopo la Pentecoste — Gesù sana 
il sordo e il muto. San Marco, cap. VII. 

Domenica XII dopo la Pentecoste — Parabola 
del Samaritano caritatevole. S. Luca, cap.X. 



Domenica XIII dopo la Pentecoste — Gesù 
guarisce i lebbrosi. San Luca, cap. XVII. 

Domenica XIV dopo la Pentec. — Non si può 
servire Dio e il diavolo. San Matteo, cap. VI. 

Domenica XV dopo la Pentecoste — Gesù 
resuscita il figlio della vedova di Naim. 
San Luca, cap. VII. 

Domenica XVI dopo la Pentecoste — Gesù 
sana un idropico in sabato. Raccomanda 
l'umiltà. San Luca, cap. XIV. 

Domenica XVII dopo la Pentecoste — I coman- 
damenti di amare Dio e di amare il prossimo 
come sé stesso. San Matteo, cap. XXII. 

Domenica XVIII dopo la Pentecoste — Gesù 
i-imette i peccati al paralitico. San Matteo, 
cap. IX. 

Domenica XIX dopo la Pentecoste — Para- 
bola del Ee che invita alle nozze del figlio 
i viandanti e fa punire chi è venuto s3aLa 
la veste nuziale. San Matteo, cap. XXII. 

Domenica XX dopo la Pentecoste — Gesù 
guarisce il figlio di un signore a Cafarnaum. 
San Giovanni, cap. IV. 

Domenica XXI dopo la Pentecoste — Para- 
bola del servo cui il padrone condona il 
grosso debito e che incrudelisce contro un 
suo debitore. San Matteo, cap. XVIII. 

Domenica XXII dopo la Pentecoste — Date 
a Cesare quel eh' è di Cesare e date a Dio 
quel eh' è di Dio. San Matteo, cap. XXII. 

Domenica XXIII dopo la Pentecoste — Gesù 
resuscita una fanciulla morta, ed un'am- 
malata ?^uarisce toccando le vesti di lui. 
San Matteo, cap. IX. 

Domenica XXIV e ultima dopo la Pentec. — 
Gesù predice la distruzione di Gerusalemme 
e la fine del mondo. San Matteo, cap. XXIV. 

NB. — Se le Domeniche dopo la Pentecoste 
fossero più di 24 prima di arrivare alla prima 
dell'Avvento, allora dopo la XXIII si ripetono 
i Vangeli delle ultime domeniche dopo l'Epifa- 
nia; ossia quello della VI domenica, o quelli 
della V e della VI, o quelli della IV, V e VI 
o quelli della III, IV, V e VI secondo che le 
domeniche in più sono una o due o tre o 
quattro. Il Vangelo della XXIV Domenica 
dopo la Pentecoste resta in qualunque caso 
per ultimo. 




MCav. Aug.» Barbantl-Bròdano 
EDICO DENTISTA 

BOLOGNA, Via Venezia, 3 




JOCKEY-SAYON 



Pasta neutra e sovrana, profumo inimitabile, conserva la pelle morbida 
lutata. Costa L. 0,65 il pezz, - L. 1,95 la scatola di 3 pezzi. Per la 
cent. 25 in più. — 4 scatole L. 7,80 franche in Italia. — Deposito generale 
da MIGONE e C, Milano, via Torino, 12, 



e vel- I 

posta I 
....\^ ! 



i 



— 116 — 

ESPOSIZIONE DI BRESCIA 

SOTTO L'ALTO PATRONATO DI 8. M. IL RE 

Agraria — Industria — Previdenza ~ Armi e Sport — Arte Sacra. 

(Maggio-Settembre del 1904). 




Chiesa »l San Pietro in Oliveto e convento dei Cakmelitani scalzi 

ESISTENTI IN UNO DEI VIALI DEL CASTELLO. 



Fu rietto che nella mostra bresciana del 
1904, il primo e maggior espositore In Ca- 
stello sarà il Castello stesso. Chi non è tor- 
nato a Brescia da una ventina d'anni, piglierà 
questo per un arguto bisticcio o anche por 
una maliziosa facezia. Come? Quel Colle brullo 
tutto sassaie da serpi, dalla cui vetta guatano 
in giù bieche muraglie delle età dei Vescovi, 
dei Visconti, dei Vejieti, dell'Austria, sarebbe 
divenuto luogo da farvi un'esposizione? Ma 
non furono anche fucilati lassù a frotte 1 bre- 
sciani vinti nelle dieci giornate del 1849? 
Luogo da andarvi a piangere, quel Castello I 

Ebbene, Brescia, in vont'anni, adagio ada- 
gio, senza dispendi, quasi seuza avvedersene 
trasformò il suo Colle in uno de'più bei pas- 
seggi d'Italia, di cui verauiente era già una 
delle più belle viste. Gli stranieri lo cbiama- 
rtjno il Falco; di lassù deve essere parso loro 
di sentirsi dire davvero: " Spiega l'ugne l'Ita- 
lia ti do. „ E lassù incrudelirono dominatori; 
ma di lassù se n'andarono una bella notte 
del giugno 1859, quasi furtivamente, per non 
tornarvi mal più; si appressava Garibaldi, 
venivano Vittorio Emanuele e Napoleone. 
Brescia vi inalzò poi i ricordi de' suoi tì-li 
sagrifioati. 



Dal Castello d; Brescia, di tra il verde dei 
viali rigogliosi, si coglie in un occhiata In 
pianura padana come un mare. I«i certi giorni 
d'inverno, quando l'aria è limpidissima, si 
vede di lassù la catena dell'Appennino cosi 
che par di poterla toccare. Le Prealpi bre- 
sciane e bergamasche si profilano a nord -ovest, 
lasciando indovinare le loro valli profonde e 
quasi il lavoro che vi ferve. Da occidente si 
affacciano cimo d'alpi lino al Monterosa. E 
torno torno al Castello, che sembra balzato 
in un ora d'esultanza su dalla città cui In- 
vece oppresse, borghi e villaggi e ville nella 
campagna ubertosa. Da sud-est, non tanto 
lontana che non se ne possa vedere la massic- 
cia quadratura, rompe l'ondulata linea dei 
colli famosi la torre di Solferino, altro luogo 
di nomo significativo ai tempi dell'Austria. 
Si chiamava " La spia d'Italia. , E i Ronchi? 
Stanno lì a fianco del Castello, popolati di 
ville e così divisi da siepi, da macìe, da muri, 
che pare che ogni bresciano vi possegga il 
suo palmo di terra. 

Ebbe dunque un momento felice chi pri- 
mo ideò di far la Mostra nel Castello ; tanto 



rr ifl 1 ^ TI T T T aumentano e si conservano con la ^ 

(IbAPELLI CHININA-MIGONE ] 



— 117 — 

folioe che l'idea sua r.on trovò oppositori. ^*^ 

All'annanzlo della Mostra, nella città dove le 

parti lottano vivacissime, tutti furono d'ac- Umili tempi quelli della Mostra bresciana 

cordo. Forse ognuno fece quasi sua propria del 1857, e angusta la cerchia in cui questa 

si chiuse da sé! Trento, Verona, Bergamo, 
facevano la loro nell'istesso anno, anzi nel- 
ristesso mese; ma pare che allora non ve- 
nisse neppur in mente che una mostra po- 
tesse scemare importanza all'altra; pare che 
le cittadinanze lombarde si sentissero tanto 
lontane tra loro, da pensare ognuna d' essere 
per sé tutto. Eppure erano alla vigilia di 
quella ripresa d' armi che doveva rifar la na- 
zione. Ma nelle lettere scritte su quelle Espo- 
sizioni da quelle città al Crepuscolo di Mi- 
lano che le stampava, tra le linee dedicate 
all'agricoltura, all'industria, alle arti, guiz- 
zavano lampi d'impazienza e di speranze 
sicure. 

Della Mostra di Brescia del 1857, scri- 
veva giovane di trent'anni Giuseppe Zanar- 
delli, che certo non sognava di viver tanto 
da trovarsi giovane ancora a settantasei, 
capo del Governo nazionale. A lui la Presi- 
denza Onoraria della Mostra futura veniva 
quasi come un diritto. Ma é da augurarsi che 
qualcuno riassuma le sue lettere al Crepu- 
scolo sulla Esposizione del 1857, onde i bre- 
sciani e i visitatori di questa del 1904 veg- 
gano quale e quanta via percorse la nobile 
provincia ùi quarantasette anni. Balzeranno 
fuori 1 confronti consolatori ed eccitatori; 
dal molto che si fece si potrà presagire il 
moltissimo che sarà fatto tra un altro mezzo 
secolo di questa libertà che ci fa tutti mi- 
gliori. 




Obelisco ai caduti del 1849. 

quell'idea perchè, quale che fosse il luogo 
da farvela. una Mostra era necessaria. Di 
igiene, di Sport, di fiori, Brescia ne aveva 
fatte anch' essa, ma una da mettervi in vista 
tutta se stessa e la provincia, dal 1857 non 
la aveva più tentata. 



COSSILA BAGNI 

presso VIELIiA - Pienioiif e 

STAGIONE 1" GIUGNO -1» OTTOBRE 

MEDICO-DIRK.TTOliE 

Dr. L. C. BURGONZIO 





^desiL-l:?J li) tutta, Italia 



Bouquet Otello Arène franco per posta L. 2.05. 
{Ved. pagina con linguetta). 




hlSTizie 

iflhjl^lNl^TRflTlVE STATISTICHE 



NPLOMflTICHEsti 




4^^^H££=^ 



SERIE DEI SOMMI PONTEFICI ROMANI 

SECONDO LA CR0N0TA8SI POSTA NELLA PATRIARCALE BASILICA DI SAN PAOLO 



S. Pietro, di Betsaida in Galilea, Principe 
degli Apostoli, che ricevè da Gesù Cri- 
sto la Suprema Pontificia Potestà da 
trasmettersi ai suoi successori; risiedè 
prima in Antiochia, quindi in Roma, ove 
incontrò il martìrio ai 29 giugno del- 
l'anno 67 dell'era volgare. 

S. Lino, di Volterra, Mart., creato nel 67, 
morto nel 78. 

S. Cleto I, Romano, Mart., e. 78, m. 90. 

S. Clemente I, Romano, Mart., e. 90, m. 100. 

S. Anacleto, di Atene, Mart., e. 100, m. 112. 

S. Evaristo, Siro, Mart., e. 112, m. 121. 

S. Alessandro I, Romano, Martire, e. 121, 
m. 132. 

S. Sisto I, Romano, della gente Elvidia, 
Mart., e. 132, m. 142. 

S. Telesforo, Greco, Mart., e. 142, m. 154. 

S. Igino, Greco, Mart., e. 154, m. 158. 

S. Pio I, di Aquileia, Mart., e. 158, m. 167. 

S. Aniceto, Siro, Mart., e. 167, m. 175. 

S. Sotero, della Campania, Mart., e. 175. 
m. 182. 

S. Eleuterio, Epiroto, Mart., e. 182, m. 193. 

S. Vittore I, Africano, Mart., e. 193, m. 203. 

S. Zefirino, Romano, Mart., e. 203, m. 220. 

S. Calisto I, Romano, della gente Domizia, 
Mart., e. 221, m. 227. 

S. Urbano I, Romano, Mart., e. 227, m. 233. 

S. Ponziano, Romano, della gente Calpur- 
nia, Mart., e. 233, m. 238. 

S. Antere, Greco, Mart., e. 238, m. 239. 

S. Fabiano, Romano, Mart., e. 240, m. 253. 

S. Corneho, Romano, Mart., e. 254, m. 255. 

S. Lucio I, Romano, Mart., e. 255. m. 257. 

S. Stefano I, Romano, della gente Giulia, 
Mart., e. 257, m. 260. 

S. Sisto II, di Atene, Mart., e. 260, m. 261. 

S. Dionisio, da Turio, e. 261, m. 272. 

S. Eelice I, Romano, Mart., e. 272, m. 275. 

S. Eutichiano, di Lunl, Mart., e. 275, m. 283. 

S. Caio, Dalmata, Mart, e. 283, m. 296. 

S. Marcellino, Romano, Mart, e. 296, m. 304. 

S. Marcello I, Romano, Mart., e. 304, m. 309. 

S. Eusebio, di Calabria, Mart, e. 309, m. 311. 

S. Mclchlade, Africano, e. 311, m. 314. 

8. Silvestro I, Romano, e. 314, m. 337. 

B. Marco, Romano, e. 337, m. 340. 

8. Giulio I, Romano, e. 341, m. 352. 

Liberio, Romano, della gente Savella, e. 352, 
m. 366. 

8. Felice II, Romano, Mart, governò du- 
rante l'esilio di Liberio. 

S. Damaso, Spagnuolo, e. 366, m. 384. 

8. Siricio, Romano, e. 384, m. 398. 

S. Anastasio I, Romano, dei Massimi, e. 399, 
m. 402. 

8, Innocenzo I, di Albano, e. 402, m. 417. 



,532, 



536, 



8. Zosimo, Greco, e. 417, m. 418. 

S. Bonifacio I, Romano, e. 418, m. 423. 

8. Celestino I, della Campania, e. 423, m. 432. 

8. Sisto III, Romano, e. 432, m. 440. 

S. Leone il Grande, Romano, e. 440, m. 461. 

S. Ilaro, di Cagliari, e. 461, m. 468. 

S. Simplicio, di Tivoli, e. 468, m. 433. 

S. Felice III, Romano, della gente Anicia, 

e. 483, m. 492. 
S. Gelasio I, Romano, e. 492, m. 496. 
S. Anastasio II, Romano, e. 496, m. 498. 
S. Simmaco, e. 498, m. 514. 
8. Ormisda, di Fresinone, e. 514, m. 523. 
S. Giovanni I, di Populonia, Mart., e. 523, 

m. 526. 
S. Felice IV, di Benevento, e. 526, m. 530. 
Bonifacio II, Romano, e. 530, m. 532. 
Giovanni II, Rumano, dei Mercuri, e. 

m. 535. 
8. Agapito, Romano, e. 535, m. 536. 
8. Silverio, di Fresinone, Mart., e. 

m. 538. 
Vigilio, Romano, e. 538, m. 555. 
Pelagio I, Romano, dei Vicariani, e. 555, 

m. 560. 
Giovanni III, Romano, e. 560, m. 573. 
Benedetto I, Romano, e. 574, m. 578. 
Pelagio II, Romano, e. 578, m. 590. 
8. Gregorio I, 11 Grande, Romano, della 

gente Anicia, o. 590, m. 604. 
Sabiniano, di Volterra, e. 604, m. 600. 
Bonifacio III, Romano, dei Caladio-i, e. 

607, m. 607. 
S. Bonifacio IV, di Valeria, nei Mai-si, 

e. 608, m. 615. 
S. Adeodato I, Romano, e. 615, m. 619. 
Bonifacio V, di Napoli, del Fttmmini, e. 619, 

m. 625. 
Onorio I, della Campania, e. 625, m. 638. 
Severino, Romano, e. 640. m. 640. 
Giovanni IV, di Salona (Dalmazia), e. 610. 

m. 642. 
Teodoro I. Greco, e. 642, m. 649. 
8. Martino I, di Todi. Mart. e. 649, m. 655. 
S. Eugenio I, Romano, o. 655, m. 6.>o. 
8. Vitaliano, di Segni, e. 657, m. 672. 
.\deodato II, Romano, e. 672, m. 676. 
Dono I, Romano, e. 676, m. 678. 
8. Agatone, Greco, e. 678, m. 682. 
8. Leone II, Siciliano, e. 682, m. 683. 
8. Benedetto II, Romano, Savelli, e. 6S4, 

m. 685. 
Giovanni V, Antiocheno, e. 685, m. 686. 
Cenone, della Tracia, e. 686, m. 687. 
8. Sergio I, di Palermo, e. 687, m. 701. 
Giovanni VI, Greco, e. 701, m. 705. 
Giovanni VII, di Rossano, e 705, m. 707. 
Sisinnio, Siro, e. 703, m. 703. 



— 110 — 



90. Costantino, Siro, e. 708, m. 715. 

91. S. Gregorio II, Romano, dei Savetli, e. 715, 

m. 738. 

92. S. Gregorio HI, Siro, e. 731, m. 741. 

93. S. Zaccaria, di S. Sovei-ina, e. 741, m. 752. 

94. S. Stefano II, Romano, e. 752, m. 752. 

95. Stefano III, Romano, e. 752, m. 757. 

96. S. Paolo I, Romano, e. 757, m. 767. 

97. Stefano IV, di Siracusa, e. 768, m. 771. 

98. Adriano I, Romano, dei Colonna, e. 771, 

m. 795. 

99. S. Leone III, Romano, e. 795, m. 816. 

100. S. Stefano V, Romano, e. 816, m. 817. 

101. S. Pasquale I, Romano, dei Massimi, e. 817, 

m. 824. 

102. Eugenio II, Romano, e. 824, m. 827. 

103. Valentino, Romano, dei Leonzi, e. 827, 

m. 837. 

104. Gregorio IV, Romano, e. 837, m. 843. 

105. Sergio II, Romano, e. 844, m. 847. 

106. S. Leone IV, Romano, e. 847, m. 855. 

107. Benedetto III, Romano, e. 855, m. 858. 

108. S. Niccolò I, 11 Grande, Romano, e. 858, 

m. 867. 

109. Adriano II, Romano, e. 867, m. 872. 

110. Giovanni VIII, Romano, e. 872, m. 882. 

111. Marino I, di Gallese, e. 882, m. 884. 

112. S. Adriano III, Romano, e. 884, m. 885. 

113. Stefano VI, Romano, e. 885, m. 891. 

114. Formoso, d'Ostia, e. 891, m. 896. 

115. Bonifacio VI, Romano, e. 896, m. 896. 

116. Stefano VII, Romano, e. 897, m. 898. 

117. Romano, di Gallese, e. 898, m. 898. 

118. Teodoro II, Romano, e. 898, m. 898. 

119. Giovanni IX, di Tivoli, e. 898, m. 900. 

120. Benedetto IV, Romano, e. 900, m. 903. 

121. Leone V, di Ardea, e. 903, m. 903. 

122. Cristoforo, Romano, e. 903, m. 904. 

123. Sergio III, Romano, e. 904, m. 911. 

124. Anastasio III, Romano, e. 911, m. 913. 

125. Landone, Sabino, e. 913, m. 914. 

126. Giovanni X, di Ravenna, e. 915, m. 928. 

127. Leone VI, Romano, e. 928, m. 929. 

128. Stefano VIII, Romano, e. 929, m. 931. 

129. Giovanni XI, Romano, dei Conti Tusco- 

lani, e. 931, m. 936. 

130. Leone VII, Romano, e. 936, m. 939. 

131. Stefano IX, Romano, e. 939, m. 942. 

132. Marino II, Romano, e. 943, m. 946. 

133. Agapito II, Romano, e. 946, m. 956. 

134. Giovanni XII, Romano, dei Conti Tusco- 

lani, e. 956, m. 964. 

135. Benedetto V, Romano, e. 964, m. 965. 

136. Giovanni XIII, Romano, e. 965, m. 972. 

137. Benedetto VI, Romano, e. 972, m. 973. 

138. Dono II, Romano, e. 973, m. 973. 

139. Benedetto VII, Romano, dei Conti Tusco- 

lani, e. 975, m. 984. 

140. Giovanni XIV, di Pavia, e. 984, m. 985. 

141. Bonifacio VII, Romano, e. 985, m. 985. 

142. Giovanni XV, Romano, e. 985, m. 996. 

143. Giovanni XVI, Romano, e. 996, m. 996. 

144. Gregorio V, Tedesco, e. 996, m. 999. 

145. Giovanni XVII, Calabrese, e. 999, m. 999. 

146. Silvestro II, Francese, dei Cesi, e. 999, 

m. 1003. 

147. Giovanni XVIII, Romano, Secco, e. 1003, 

m. 1003. 

148. Giovanni XIX, Romano, e. 1003, m. 1009. 

149. Sergio IV, Romano, e. 1009, m. 1012. 

150. Benedetto VIII, Romano, dei Conti Tusco- 

lani, e. 1012, m. 1024. 



151. Giovanni XX, Romano, dei Conti Tusco- 

Ioni, e. 1024, m. 1033. 

152. Benedetto IX, Romano, dei Conti Tusco- 

Zani, e. 1033, rinunziò nel 1044. 

1 53. Gregorio VI, Romano, dei Oraziani, e. 1044, 

abdicò nel 1046. 

154. Clemente II, Sassone, dei Signori di Me- 

resleve ed Horneburch, e. 1046, m. 1047. 

155. Parnaso II, di Baviera, dei Curagnari, 

e. 1048, m. 1048. 
I 156. S. Leone IX, Tedesco, dei Conti di Ege- 
j sheim, e. 1049, m. 1054. 

! 157. Vittorio II, di Svevia, dei Conti di Kew, 
i e. 1055, m. 1057. 

! 158. Stefano X, Tedesco, dei DucJii di Lorena, 
I e. 1057, m. 1058. 

159. Benedetto X, Romano, dei Conti Tusco- 
I lani, e. 1058, m. 1059. 

j 160. Niccolò n. Francese, e. 1059, m. 1061. 

161. Alessandro II, Milanese, Saggio, e. 1061, 

m. 1073. 

162. S. Gregorio VII, di Sovana, Aìdobrande- 

schi, e. 1073, m. 1085. 

163. Beato Vittore III, di Benevento, Epifani, 
I e. 1085, m. 1087. 

i 164. B. Urbano II, di Reims, dei Signori di Cha- 
tiìlon, e. 1088, m. 1099. 

165. Pasquale II, di Bieda, Ranieri, e. 1099, 

m. 1118. 

166. Gelasio II, di Gaeta, Caetani, e. 1118, 

m. 1119. 

167. Calisto II, dei Conti di Boi-gogna, e. 1119, 

m. 1124. 

168. Onorio II, del Bolognese, Fagnani, e. 1124, 

m. 1130. 
I 169. InnocenzoII, Romano.PaporescA», C.1130, 

m. 1143. 
! 170. Celestino II, di Città di Castello, e. 1143, 
j m. 1144. 

; 171. Lucio II, Bolognese, Ca<Jcian«m/«deK'Or- 
j so, e. 1144, m. 1145. 

172. B. Eugenio III, di Montemagno (Pisa), Pa- 
I gnanelli, e. 1145, m. 1153. 

; 173. Anastasio IV, Romano, della Suburra, 
j e. 1153, m. 1154. , 

' 174. Adriano IV, Inglese, BreaJespeare, e. 1154, 
! m. 1159. 

I 175. Alessandro III, Senese, BaMd«rteWt,c.ll59, 
i m. 1181. 

i 176. Lucio III, di Lucca, Allucingoli, e. 1181, 
[ m. 1185. 

I 177. Urbano III, di Milano, Crivelli, e. 1185, 
j m. 1187. 

178. Gregorio VIII, di Benevento, de Morra, 
I e. 1187, m. 1187. 

'■ 179. Clemente HI, Romano, Scolari, e. 1187, 
i m. 1191. 

; 180. Celestino III, Romano, Boboni, e. 1191, 
m. 1198. 

181. Innocenzo III, di Anagni, dei Conii dei 

Marsi e di Segni, e. 1198, m. 1216. 

182. Onorio III, Rom., Savelli, e. 1216, m. 1227. 

183. Gregorio IX, di Anagni, dei Conti di Se- 

gni, e. 1227, m. 1241. 

184. Celestino IV, di Milano, Castiglioni, e. 1241, 

m. 1241. 

185. Innocenzo IV, di Genova, Fieschi, e. 1243, 

m. 1254. 

186. Alessandro IV, di Anagni, dei Co7iti di Se- 

gni, e. 1254, m. 1261. 

187. Urbano IV, di Troyes, Pantaleone, e. 1261, 

m. 1264. 



120 — 



188. Clemente IV, Francese, Le Gros, e. 1265, I 227. 

m. 1268. i 228. 

189. B.GregorioX, di Piacenza, Fjscorti/, e. 1271, '■ 

m. 1276. ; 229. 

190. Innocenzo V, Savoiardo, de Taventasìa, i 

e. 1276, m. 1276. ■ 230. 

191. Adriano V, di Genova, FiescJil, e. 1276, | 

m. 1276. : 231. 

102. GiovanniXXI, diLisbona, (;)'«/ja«o,c.l276, 232. 
m. 1277. i 

193. Niccolò III, Eom., Orsini, e. 1277, m. 1280. ; 233. 

194. Martino IV, Francese, Momjpitié de Brie, I 

e. 1281, m. 1285. ' 234. 

195. Onorio IV, Rom., Savelli, e. 1285, m. 1287. '. 

196. Niccolò IV, d'Ascoli, il/asit, e. 1288, m. 1292. , 235. 

197. S. Celestino V, d'Isernia Angeìeri dal Mur- | 

rone, e. 1294, si dimise dal Pontiflcato. ' 236. 

198. Bonifacio Vili, di Anagni, Caetani, e. 1294, ■ 

m. 1303. : 237. 

199. B. Benedetto XI, di Treviso, Boccasini, '■ 

e. 1303, m. 1304. ■ 238. 

200. Clemente V, Francese, de Gou'h, e. 1305, ' 

m. 1314. ; 239. 

201. Giovanni XXII, Francese, d' Ense, e. 1316, ' 240. 

m. 1334. I 241. 

202. BenedettoXII, Francese, JbMrnì'er, e. 1334, j 

m. 1342. : 242. 

203. ClementeVI, Frane, i?o^er, 0.1 342, m. 1352. ' 

204. Innocenzo VI, Francese, Auhert, e. 1852, ; 243. 

m. 1362. i 

205. B. Urbano V, Francese, Grimoat-d, e. 1362, 244. 

m. 1370. 1 

206. Gregorio XI, Francese, Boger, e. 1370, m. 245. 

1378. ! 

207. Urbano VI, di Napoli, Frignano, e. 1378, 246. 

m. 1389. i 

208. Bonifacio IX, di Napoli, Tomacelli, e. 1389, i 247. 

m. 1404. j 

209. Innocenzo VII, di Sulmona, de Migliora: i, '' 248. 

e. 1404, m. 1406. ' 1 

210. Gregorio XII, Veneziano, Cariare, e. 1406, j 249. 

rinunziò nel 1409. ; 

211. Alessandro V, di Candia, Filargo, e. 1409, \ 250. 

m. 1410. i 

212. Giovanili XXIII, di Napoli, Cossa, e. 1410, i'^Sl. 

cessò dal Pontificato nel 1415. j 

213. Martino V, Romano, Colonna, e. 1417, m, 

143). 

214. Eugenio IV, Veneziano, Condalmer, e. 1431, 

m. 1447. 

215. Niccolò V, di Sarzana, rarentucélli, e. 1447, 

m. 1455. 

216. CalistoIIl, Spagn.,^or(/ia,c.l455, m.l458, 

217. Pioli, di Siena, Piccolomini, e. 145S, m. i 

1464. 256. 

218. Paolo II, Venez. Bario, e. 1464, m. 1471. ' 

219. Sisto IV, di Savona, della Rovere, o. 1471, 1 257. 

m. 1484. 258. 

220. Innocenzo Vili, di Genova, Cibo, e. 1484, ! 

m. 1492. 

221. Alessandro VI, 9,'p&^n.\xo\o,Lenzoli-Borgia, 

e. 1492, m. 1503. 

222. Pio III, di Siena, Todeschini-Piccolomini, 

e. 1503, m. 1503. 

223. Giulio II, di Savona, della Bavere, o. 1603, j 

m. 1513. i 262 

224. Leone X, Fiurent., Medici, e. 1513, m. 1521. | 

225. Adriano VI di Utrecht, Florent, e. 1522. 263, 

m. 1523. 

226. Clemente VII, Fiorentino, Medici, e. 1523 

m. 1534. 



252. 
253. 
254. 



259. 
260. 
261. 



264. 



Paolo III, Rom., Farnese, e. 1534, m. 15 19. 
Giulio III, Romano, Cioccla dal Monte, 

e. 1550, m, 1555. 
Marcello II, di Montepulciano, Cercini, 

e. 1555, m. 1555. 
Paolo IV, Napoletano, Carafa, e. 1555, 

m. 1559. 
Pio IV, Milanese, Medici, e. 1559, m. 156">. 
S. Pio V, di Bosco (Piemonte), Ghialieri, 

e. 1566, m. 1572. 
Gregorio XIII, Bolognese, Boncomp'igni, 

e. 1572, m. 1585. 
Sisto V, di Grottamare (Marche), Perei! i, 

e. 1585, m. 1590. 
Urbano VII, Romano, Castagna, e. 1530, 

m. 1590. 
Gi-egorio XIV, Cremonese, Sfondrati, e. 

1590, m. 1591. 

Innocenzo IX, Bolognese, F.icchimtti, e. 

1591, m. 1592. 

Clemente Vili, Fiorentino, Ahlohrandin', 

e. 1592, m. 1605. 
Leone XI, Fiorent., Medici, e. 1605, m. Ifi0'<. 
Paolo V, Rom., Borghese, e. 1005, m. \(\1\. 
Gregorio XV, Bolognese, Ludocisi, e. 1021. 

m. 1623. 
Urbano Vili, Fiorent., Barberini, e. 1623, 

m. 1644. 
Innocenzo X, Romano, Pamphihj, e. 1614, 

m. 1655. 
Alessandro VII, di Siena, Chigi, e. 1655, 

m. 1667. 
Clemente IX,di Pistoia, Bospìgliosi, e. 1667, 

m. 1609. 
Clemente X, Romano, Allieri, e. 1670, m. 

1676, 
Innocenzo XI, di Como, Odescalchi, e. 1 676, 

m. 1689. 
Alessandro Vili, Venez., Ottóboni, e. 163^, 

m. 1691. 
Innocenzo XIT, di Napoli, Pignatelli, e. 

1691, m. 1700. 
Clemente XI, di Urbino, Albani, e. 1700, 

m. 1721. 
Innocenzo XIII, Romano, Conti, e. 1721, 

m. 1724. 
Benedetto XIII, Romano, Or«/HÌ, e. 1724, 

m. 1730. 
Clemente XII, Fiorentino, Corsini, e. 1730, 

m. 1740. 
Benedetto XIV. Bolognese, Lfimherlini, 

0. 1740, m. 1758. 
Clemente XIII, Veneziano, Bezzonico, e. 

1758, m. 1769. 
Clemente XIV, di S. .\rcangelo di Roma- 
gna, Ganganelli, e. 17(59, m. 1774. 
Piovi, di Cesena. Bracchi, e. 1775. m. 1799. 
Pio VII. di Cesena, Chiaramonli, e. 1800. 

m. 1823. 
Leone XII, Spoletlno. nato In Genga, della 

Genqa, e. 1S23. m. 1829. 
Pio Vili, di Cingoli, Casiglioìfi, o. 1829, 

m. 1830. 
Gregorio XVI, di Belluno, Capp-lìnri, e. 

1831. m. 1846. 
Pio IX, di Sonlgallia, Maatni 

1846, m. 1878. 
Leone XIII, di Carpinolo, dioc. di Ani :;ii. 

Pecci, e. 1878, m. 19LI3. 
Pio X, di Riese, dioc. di Treviso, Sarto, 

e. 1903, gloriosamente regnante. 



121 



LA SANTA CHIESA ROMANA 



SOMMO PONTEFICE 

CCLXIV dopo San Pietro 

PIO X 




(Da una fotografia dello Stabilimento Alinari). 
(Ved. Buono). 

GIUSEPPE SARTO 

nato in Kiese, diocesi di Treviso 

addi 2 giugno 1835. 

Seguirono in Roma nel 1903: 

la sua Esaltazione al Pontificato 4 agosto 
la sua Coronazione 9 agosto 



GLI E.ml e R.ml SIGNORI CARDINALI 

COMPONENTI IL SACRO COLLEGIO 

CON IL LUOGO E LE DATE DELLA LORO NASCITA 

ED ELEVAZIONE ALLA PORPORA. 

Ordine del Vescovi. 

Luigi Oreglia di Santo Stefano (Bene Va- 
gienna 1828), Vescovo di Ostia e Velie- 
tri, Decano del Sacro Collegio (1873). 

Serafino Vannutelli (Genazzano 1834), Ve- 
scovo di Porto e S. Rufina, Sotto-Decano 
del Sacro Collegio (1887). 

Mario Mocenni (Montefiascone 1823), Ve- 
scovo di Sabina (1893). 

Antonio Agliardi (Cologno al Serio 1832), 
Vescovo di Albano (1896), Vice-CanceUiere 



* Cardinale creato dalla S?. M. di Pio IX ; i se- 
jucnti furono tutti creati dalla S. M. di Leone XII f. 



di S. R. C, Abate comm. di S. Lorenzo in 
Damaso. 

Vincenzo Vannutelli (Genazzano 1836), Ve- 
scovo di Palestrina, Commendatario di 
S. Silvestro in Capite (1889). 

Francesco Satolli (Marsiano 1839), Vescovo 
di Frascati (1895). 



Ordine del Preti. 



Giuseppe Sebastiano Netto M. O. (Legis 
1841), Primo Prete, del tit. dei SS. XII 
Apostoli, patriarca di Lisbona (1884). 

Pietro Geremia Michelangelo Celesia O. S.B. 
(Palermo 1814), del tit. di S. Marco, Ar- 
civescovo di Palermo (1884). 

Alfonso Capecelatro C. O. (Marsiglia 1824), 
del tit. di S. Maria del Popolo, bibliote- 
cario della S. Rom. Chiesa, Arciv. di Ca- 
pua (1885). 

Patrizio Francesco Morau (Leighlinbridge 
1830), del tit. di 8. Susanna, Arcivescovo 
di Sydney (1885). 

Benedetto Maria Langénieux (Villefranche 
1821), del tit. di S. Giovanni a Porta La- 
tina, Arcivescovo di Rcims (1886). 

Giacomo Gibbons (Baltimora 1834), del tit. 
di S. Maria in Trastevere, Arcivescovo di 
Baltimora (1886). 

Mariano Rampolla del Tindaro (Polizzi 1843), 
del tit. di S. Cecilia (1887). 

Francesco M. Beniamino Richard (Nantes 
1819), del tit. di S. Maria in Via, Arci- 
vescovo di Parigi (1889). 

Pietro Lamberto Goessens (Perk 1827), del 
tit. di S. Croce in Gerusalemme, Arcive- 
scovo di Malines (1889). 

Antonio Giuseppe Gruscha (Vienna 1820), 
del tit. di S. Maria degli Angeli, Arcive- 
scovo di Vienna (1891). 

Angelo Di Pietro (Vivaro 1828), del tit. di 
8. Lorenzo in Lucina (1893). 

Michele Logue (Raphoe 1840), del tit. di 
S. Maria della Pace, Arcivescovo di Ar- 
magh (1893). 

Claudio Vaszary O. S. B. (Kerszthel 1832), 
del tit. dei SS. Silvestro e Martino ai 
Monti, Arcivescovo di Strigonia (1893). 

Giorgio Kopp (Duderstadt 1837), del tit. di 
S. Agnese fuori le mura. Vescovo di Bre- 
slavia (1893). 

Adolfo Lodovico Alberto Perraud, C. O. 
(Lione 1828), del tit. di S. Pietro in Vin- 
coli (1893), Vescovo di Autun. 

Vittore Luciano Sulpizio Lecot (Montscout 
Lizerolles 1831), del tit. di 8. Pudenziana, 
Arcivescovo di Bordeaux (1893). 

Ciriaco Maria Sancha y Hervas (Quintana 
del Pidio 1838). del tit. di S. Pietro in 
Molitorio, Patriarca delle Indie Occiden- 
tali, Arcivescovo di Toledo (1894). 

Domenico Svampa (Montegranaro 1851), del 
tit. di 8. Onofrio, Arciv. di Bologna (1894). 

Andrea Ferrari (Pratopiano 1850), del tit. di 
S.Anastasia, Arcivescovo di Milano (1894). 



— 122 — 

Girolamo Maria Gotti C. S. (Genova 1831), del Antonio Uberto Fisclier (Giulik 1840), del tit. 

tit. di S. M. della Scala (1895). dei SS, Nereo ed Achilleo, Arcivescovo di 

Salvatore Cassanas y Pagés (Barcellona 1834), Colonia (1908). 

del tit. de' SS. Quirico e Giulitta, Vescovo 

di Barcellona (1895). Ordine del DFaconl. 

Achille Manara (Bologna 1829), del titolo di ^ . . ,. , . ,,^.^ , -.oo-.\ t, • T^• 

S. Pancrazio Vescovo di Ancona (1895). ^^^Jg^^ pacchi (Viterbo 1832), Primo Diacono 

Domenico Ferrata (Gradoli 1847), del tit. di ^i S. Maria in Via Lata, Segretario dei Brevi 

S Prisca (1896) (1889). 

Serafino Cretoni '(Soriano 1833), del tit. di Andrea SteinhuberS.J. (Utlau 1825), Diacono 

S. M. sopra Minerva (1896). ^ ^i S. Agata alla Suburra (1893). 
Giuseppe Prisco (Boscotrecase 1836) del tit. Francesco Segna (Poggio Ginolfo 1836), Dia- 
di S. Sisto, Arcivescovo di Napoli (1897). ^ «ono di S. Maria in Portico (1894). 
Giuseppe Maria Martin de Herrera y de la Raffaele PierottiO.P. (Sorbano del Vesc 1830), 

Iglesia (Aldeadàvila 1835), del tit. di S. Ma- Diacono dei SS. Cosma e Damiano (1896) 

ria Traspontina Arciv. di Compostella (1897). Giuseppe Vives y Tuto M. Gap (S. Andrea da 

Pietro Ercole Coullié (Parigi 1829), del tit. ^ Llevanneres 18o4), Diac. di S. Adriano (1899). 

della SS. Trinità al Monte Pinolo, Arcive- Francesco Salesio della Volpe (Ravenna 1844) 

scovo di Lione (1897) Diacono di S. Maria in Aquiro (1899). 

Giuseppe Guglielmo Labourè (Achiet-le-Petit ^"j^L^^'^P^P^ J^^^?*'*" ^^Ì^f^' ^'^««^o ^' 

1841), del tit. di S.M. Nuova e S.Francesca ^ S Maria m Dommca (1901). 

al Foro Romano, Arcivesc. di Rennes (1897). felice Cavagnis (Bordogna 1841), Diacono di 

Giovanni Battista Casali del Drago (Roma 1838) S. Maria ad Martt/res (1901). 

del tit. S. M.a della Vittoria (1899). _.. ,, ^ „. ^„„,^ „,„ ., 

Francesco di Paola Cassetta (Roma 1844), del ' "0" ^ Diaconie vacanti. 

tit. di S. Grisogono (1899), Commendatario Titoli. - S. Callisto - S. Balbina - 

dei SS. Vito, Modesto e Crescenzio. g Tommaso in Parione. - S. Girolamo degli 

Alessandro Samminiatelli Zabarella (Radicon- schiavoni. - S. Prassede - SS. Andrea e Gre- 

doli 1840) del tit. dei SS. Marcellino e Pie- q^ìo al Monte Celio - S. Bernardo alle 

tro (1899). ferme. 

Gennaro Portauova (Napoli 1845), del tit. di Diaconie. - S.Nicola in Carcere - S.Gior- 

S. Clemente, Arcivescovo di Reggio di Ca- gj^ ^^ Veìahro - S. Angelo in Pescheria - 

labria (1899). g_ Maria in Cosmedin — S. Cesareo in Faìatio 

Giuseppe Francica Nava di Bontìfe (Cata- _ g Eustachio. 

nia 1846), del tit. dei Ss. Giovanni e Paolo, ^^ Gerarchia Cardinalizia è distinta nei 

Arcivescovo di Catania (1899). ^re ordini: Episcopale, Presbiterale e Diaconale. 

Francesco Desiderato Mathieu (Einville 1839), (.^^ appartenenti al primo occupano le Sedi 

del tit. di S. Sabina (1899). Vescovili suburbicarie, cioè limitrofe a Roma, 

Pietro Respighi (Bologna 1843), del tit. dei ^-^^ g^^Q g. g|j appartenenti al secondo e al 

ss. Quattro Coronati, Vicario generale di S.S. ^^^^^^ prendono il titolo da diverse delle più 

(1899). o , .. ^. antiche chiese di Roma, 53 per l'uno e 10 

Agostino Rlchelmy (Torino 18o0), del tit. di l'altro, in tutto 75 titoli, ma di questi 

S. Eusebio, Arcivescovo di Torino (1899). ^^^ gg ^^ conferiscono che 70. Il Collegio Car- 

Sebastiano Martinelli O.E.S.A. (S.Anna 1848) ^iiializio perciò è oggi così composto: 

del tit. di S. Agostino (1901). '^ 

Casimiro Gennari (Maratea 1839) del tit. di Creati da Pio IX 1 

S. Marcello (1901). t. da Leone XllI 61 

Leone Shrbensky (Hausdorf 1863), del tit. Cappelli vacanti ._8 

di S. Stefano al monte Celio, Arcivescovo Pieno del Sacro Collegio 70 

di Praga (1901). ■.= 
Giulio Boschi (Perugia 1839), del tit. di S. Lo- 
renzo in Panisperna, Arcivescovo di Fer- 
rara (1901). PARTE DELLA FAMIGLIA E CAPPELU 
Giovanni Kniaz de Kozielskio Puzyna (Guar- PONTIFiriA 

diec 1842), del tit. dei S. S. Vitale Gervasio ruwiirium. 

e Protasio, Arcivescovo di Cracovia (1901). ^ j, „ p^,^„„,^ 
Bartolomeo Bacilieri (Breonio 1842), del tit. 

di S. Bartolomeo all'Isola, Vescovo di Ve- j-^ „ Angelo di Pietro, rrodatario. 

rona (1901). ^ jj_ j^,^ Se<ireiario di Sialo e Presidente 

Carlo Nocella (Roma 1826), del tit. dei SS. Bo- ^;^„ Commissione Cardinalizia Ammi- 

nifacio ed Alessio (1903). nistratrice dei Beni della Santa Sede. 

Beniamino Cavlcchionl (Veiano 1836), del tit. _ j^^jgj bacchi. Segretario dei Brevi. 

di S. Maria in Aracoeli (1903). ' j^_ ^ Segretario dei Memoriali. 
Andrea Aiuti (Roma 1849), del tit. di . . . 

(1903). Prelati Palatini. 
Emidio Taliani (Montegallo 1838), del tit. di 

.... (1903). Mons. Ottavio Cagiano de Azevedo, .v.7-77""'- 

Sebastiano Herrero y Espinosa de los Mon- domo di S. S. 

teros (Jerez de la Frontera 1823) del tit. di , Gaetano Bisleti, Maestro d> 

.... Arcivescovo di Valenza (1903). . N. N. Uditore. 

Giovanni Katschthaler (Hippach 1832), del P. M. Alberto Lepidi O. P., Maesiro dd ba- 

tit. di ... . Arciv. di Salisburgo (1903). ero Palazzo Apostolico. 



- 123 — 



Camerieri Segreti Partecipanti. 



Mons. Giuseppe M. Costantini, Arcivescovo 

tit. Patrasso, Elemosiniere segreto. 
„ Vincenzo Sardi, Segretario dei Brevi ai 

Principi. 
„ Giacomo della Chiesa, Sostituto della 

Segreteria di Stato e Segr. della Cifra. 
„ Francesco Spolverini, Sottodatario. 
„ Aurelio Galli, Segretario delle Lettere 

latine. 
„ Luigi Misciattelli, Coppiere. 
„ Riccardo Sanz de Samper, Segretario 

d' ambasciata. 
„ Giulio Zichy, Guardaroba. 



Mons. Guglielmo Pifferi, O. E. S. A., Vescovo 
tit. di Porfireone, Parroco dei Sacri 
Palazzi Apostolici. 

„ Lodovico Grabinski, Segretario delle 
S. C. Cerimoniale. 

„ Carlo Respighi, sottosegretario. 



Grandi cariclie ereditarie di Corte. 

S. E. Don Marcantonio prin- \ pyindpi 
cipe Colonna i assistenti al 

S. A. S. Don Filippo principe i g ,.^ 
Orsini duca di Gravina. j ^ 

S. E. Don Mario principe Chigi-Albani, Ma- 
resciallo perpetuo di S. R. C. e Custode del 
Conclave. 



Camerieri seg. di Spada e Cappa partecipanti. 

Principe D. Frane. Ruspoli, Maestro del Sa- 
cro Ospizio. 

:SIarch. Urbano Sacchetti, Foriere Maggiore 
dei Sacri Palazzi Apostolici. 

Giulio dei March. Sacchetti, Coadiutore al pre- 
detto con successione. 

March. Luigi Serlupi Crescenzl, Cavallerizzo 
Maggiore di S. S. 

Carlo dei March. Serlupi Crescenzi, Coadiu- 
tore al predetto con successione. 

Principe D. Camillo Massimo, S. G. P. 

Conte Edoardo Soderini, Latore della Rosa 
d'Oro. 



Ufficiali superiori 
del Corpo delle Guardie nobili pontificie. 

D. Camillo Principe Rospigliosi, Tenente Ge- 
nerale, Capitano comandante. 

March. Francesco Naro Patrizii Monterò, Te- 
nente Generale Vessillifero di S. E. C. 



Mons. Lorenzo Passerini, Patriarca tit. di 
Antiochia, Vicecamerlengo di S. R. C. 

Mons. Luigi Pericoli, Uditore Generale della 
Rev. Cam. Apostolica. 

N. K., Tesoriere Generale della R. C. A. 

P. Paolo dalla Pieve di Cotrone M. C, Pre- 
dicatore Apostolico. 



SACRE CONGREGAZIONI. 
S. Romana ed Universale Inquisizione. 

Ha per iscopo la conservazione della pu- 
rità e della fede. Accorda le dispense per i 
digiuni, per i matrimonii misti, i poteri per 

I casi di concussione, di eresia, o di ritorno 
dallo scisma, ec. — Uffizio: palazzo del S. Uf- 
ficio, dietro il colonnato di S. Pietro, a destra 
della Piazza, 

La Santità di Nostro Signore, Prefetto. 
Emo Serafino Vannutelli, Segretario. 

Concistoriale. 

Incaricata di esaminare le persone da riu- 
nirsi in Concistoro. — Uffizio: palazzo della 
Cancelleria, piano 2». 
La Santità di Nostro Signore, Prefetto. 
N. N., Segretario. 

Commissione Pontificia 
per la riunione delle Chiese dissidenti. 

Creata dal S. P. Leone XIII per facilitare 

II compimento dell'unione tra le Chiese occi- 
dentale ed orientale, nonché delle Chiese dis- 
sidenti. — Uffìzio: palazzo Ap. Vaticano. 

La Santità di Nostro Signore, Prefetto. 
Mons. Luigi Veccia, Segretario. 

S. Visita Apostolica. 

Cura la Visita delle chiese di Roma e re- 
gola la celebrazione delle messe fondate, ec. 
— Uffizio: palazzo della Cancelleria, piano 1°. 
La Santità di Nostro Signore, Prefetto. 
Mons. Filippo Gentili, Segretario. 

Vescovi e Regolari. 

Si occupa principalmente delle cause che 
possono sorgere tra preti e Vescovi, tra reli- 
giosi e loro superiori; approva e rivede le 
costituzioni degli ordini religiosi, regola l'ac- 
cettazione dei novizii, ec. — Uffizio: palazzo 
della Cancelleria, piano 2». 
Emo Domenico Ferrata, Prefetto. 
Mons. Filippo Giustini, Segretario. 

„ Luigi Budini, Sottosegretario. 

Concilio. 

Interpreta le decisioni del Concilio di Tren- 
to, si occupa delle cause di matrimonio, fa la 
revisione degli atti dei concilii provinciali, 
sinodi diocesani, e decide nei casi di diver- 
genza disciplinare tra preti e vescovi, ec. — 
Uffizio: palazzo della Cancelleria, piano 1°. 
Emo Vincenzo Vannutelli, Prefetto. 
Mons. Gaetano De Lai, Segretario. 
„ Michele Lega, Sottosegretario. 

Residenza del Vescovi. 

Si occupa di studiare le istanze dei Vescovi 
che desiderano per giustificati motivi cam- 
biare o rinunziare alla loro diocesi. — Uffizio: 
palazzo della Cancelleria, piano 1". 
Emo Pietro Respighi, Prefetto. 
Mons. Gaetano De Lai, Segretario. 



— 124 — 



Sopra lo stato de' Regolari. 

Tratta delle divei-genze disciplinari tra 
monaci, frati, religiosi e i loro superiori. 
La Santità di Nostro Signore, Prefetto. 
Mons. Filippo Giustini, Segretario. 

Immunità ecclesiastica. 

Si occupava dei privilegi ecclesiastici del 
clero di tutto l'orbe. — Ma dopo accettata 
universalmente la teoria dei Dritti dell' Uomo 
sorta dalla rivoluzione fi-ancese del 1789, abo- 
liti da per ogni dove i Fori ecclesiastici, le man- 
sioni di questa Congregazione sono ridotte a 
conservare le memorie degli antichi privilegi. 
Emo Vincenzo Vannutelli, Prefetto. 
Mons. Gaetano De Lai, Segretario. 



di Corte, ec. — 
Maggiore. 



Uffìzio: palazzo di S. Maria 



De Propaganda Fide. 

La più importante di tutte le Congrega- 
zioni romane, tanto che il Cardinale Pi-efetto 
lo si chiama il Papa rosso. Si occupa di quanto 
riguarda le Missioni di ogni paese e da essa 
dipendono tutti i Vescovi, Delegati, Vicarii e 
Prefetti che propagano la fede per gl'idolatri. 
Accorda il titolo di missionario apostolico. Nes- 
sun gabinetto di Ministro degli Esteri è così 
bene informato degli affari africani e del- 
l'estremo Oriente, nonché di quanto avviene 
nei più remoti siti del mondo comprese le 
terre antartiche, come il Prefetto generale di 
Propaganda. — Uffizio: palazzo proprio, piazza 
di Spagna. 

Emo Girolamo M.» Gotti, Prefetto generale. 
N. N., Prefetto dell'Economia. 
Mons. Luigi Veccia, Segretario. 
y, Benedetto Melata, Protonotario Apoat. 

De Propaganda Fide, 
per gli affari del Rito Orientale. 

E"'" Girolamo M» Gotti, Prefetto. 

Mons. Antonio Savelli Spinola, Segretari'}. 

Indice. 

Esamina 1 libri che vengono pubblicati e, 
dove ne è il caso, ne proibisco la lettura, e 
accorda 11 potere di leggere 1 libri proibiti. 
— Uffizio: palazzo della Cancelleria. 
E>"o Andrea Steinhuber, Prefetto. 
V. M. Alberto Lepidi, Assistente perpetuo. 
V. M. Tommaso Esser, Segretario. 

Sacri Riti. 

Regola le quistioni liturgiche, esamina le 
cause di Beatificazione e Canonizzazione. — 
Uffìzio: palazzo della Cancelleria. 
E-'o Serafino Cretonl, Prefetto. 
Mons. Diomede Panici, Arciv. tlt. di Laodlcea, 
Segretario. 
„ Alessandro Verde, Promotore della fede. 
n Angelo Mariani, Asaessoì-e e Sjtlopromo- 
tore della f'de. 

Cerimoniale. 

Decide nelle quistioni cerimoniali, non 
strettamente liturgiche; ricevimenti, etichetta 



Emo Luigi Oreglia di Santo Stefano, Prefetto. 
Mons. Lodovico Grabinski, Segretario. 
Mons. Carlo Respighi, Sottosegretario. 

Disciplina regolare. 

Si occupa delle Regole di tutti gli Ordini 
ed Istituti religiosi sia maschili che femmi- 
nili, ne approva gli Statuti per le nuove fon- 
dazioni, e ne modifica quelli esistenti, qualora 
occorresse il bisogno. - Uffìzio: palazzo della 
Cancelleria. 

Erao Domenico Ferrata, Prefetto. 
Mons. Filippo Giustini, Segretario. 

Indulgenze e Sacre Reliquie. 

Esamina l'autenticità delle reliquie e delle 
indulgenze. — Uffìzio: palazzo della Cancel- 
leria. 

Emo Luigi Tripepi, Prefetto. 
Mons. Francesco Sogaro, Arciv. tit. di Amida, 
Segretario. 

Esame dei Vescovi. 

Questa Congregazione si occupava una 
volta di esaminare in teologia e sacri canoni 
gli eletti ad un vescovato. Ma ora essendo gli 
eletti dispensati da questa formalità, esiste 
solo di nome. 
N. N., Pref. 
N. N., Segretario. 

Reverenda Fabbrica di S. Pietro. 

Fondata In prlncipal modo per ammini- 
strare 1 beni della Basilica vaticana e farvi 
eseguire 1 lavori. È pure Incaricata di accor- 
dare dispense a proposito dei legati pii, fon- 
dazione di messe, ec. — Uffìzio: palazzo della 
R. f. Aracoeli. 

Em> Mariano Rampolla del Tindaro, Prefetto. 
Mons. Saverlo Canzano, Economo, Segretario. 

Lauretana. 

Si occupa di quanto riguarda il mondiale 
Santuario di Loreto, e prima che il governo 
Italiano ne Incamerasse I beni, li amministrava 
rigorosamente aumentandone ogni anno il pa- 
trimonio, ora ridotto quasi al nulla. — Uffì- 
zio: Vaticano, Segreteria di Stato. 
E»'» Mariano Rampolla del Tindaro, Prefetto. 
Mons. Francesco Spolverini, Segretario. 

Affari Ecclesiastici straordinari. 

Esaminagli affari politico-religiosi nei rap- 
porti tra la Sante Sede ed 1 governi di tutto 
Il mondo. — Uffizio: Vaticano, piano 3". 
Mons. Pietro Gasparri Arciv. tit. di Cesarea 
di Palestina, Segretario. 
, Giuseppe Aversa, Sottosegretario. 

Studi. 

Si occupa di quanto concerne . .i.^. ^,...- 
mento In generale, dell'erezione di Univer- 
sità cattoliche, ha il potere di conferire i gradi 



125 — 



accademici riconosciuti nell'intero orbe. — 
Uffìzio: palazzo della Cancelleria. 
Emo Francesco Satolli, Prefetto. 
Mons. Ascenso Dandini, Segretario. 

Penitenzieria Apostolica. 

È un tribunale o ufficio di concessioni in 
materia di coscienza e di Foro Interno. — 
l'fflzio: palazzo della Cancelleria. 
Emo Serafino Vannutelli, Penitenziere Muggiore. 
Mons. Alessandro Caroani, Reggente. 
P. Domenico Palmieri, Teologo. 
Mons. Basilio Pompili, Datario. 

Cancelleria Apostolica. 

rffioio incaricato della spedizione e regi- 
strazione delle Bolle pontificie. — Uffizio: pa- 
lazzo della Cancelleria. 

Emo Antonio Agliardi, Vicecancell. e Sommista. 
Mons. Cesare Spezza, Reggente e Sottommmisla. 

Dataria Apostolica. 

Uffizio incaricato della concessione delle 
grazie in materia di benefizii: accoi-da pure 
le dispense matrimoniali. — Uffizio: palazzo 
della Dataria al Quirinale. 
Emo Angelo di Pietro, Prodatario. 
Mons. Francesco Spolverini, Sottodatario. 

Rev. Camera Apostolica. 

Era l'antico ministex-o delle finanze dello 
Stato pontificio. 

Emo Luigi Oreglia di Santo Stefano, Camer- 
lengo di S. Som. Chiesa. 



Mons. Lorenzo Passerini, Patriarca tit. di An- 
tiochia, Vicecamerlengo. 
Mons. Luigi Pericoli, Uditore Generale. 
N. N., Tesoriere Generale. 

Segreterie Palatine. 

Emo Mariano KampoUa del Tindaro, Segreta- 
rio di Slato. 

Mons. Giacomo della Chiesa, SosHt. e Seyr. 
della Cifra. 

Emo Luigi Macchi, Segretario dei Brevi. 
Mons. Nicola Marini, Sostituto. 



Mons. Alessandro Volpini, Segretario de' Brevi 
ai Principi. 



Mons. Vincenzo Tarozzi, Segretario delle Let- 
tere Latine. 



Biblioteca Apostolica Vaticana. 

Emo Alfonso Capecelatro, Bibliotecario di S. 

E. C, Protettore. 
Abate D. Giuseppe Cozza Luzi dei Basiliaiii, 

Sotto Bibliotecario. 
P, Francesco Ehrle S. J., Prefetto o Custode. 
Licurgo Zucchetti, segretario. 

Archivi! della Santa Sede. 

Emo Francesco Segna, Prefetto. 

Mons. Pietro Wenzel. lo,, j • • ,• 

P. M. Enrico Denifle O. P. ) Sotto-archwiSi>. 



{Stampato il 31 agosto 1903). 



SERIE CRONOLOGICA DEI SOVRANI DELLA REAL CASA DI SAVOIA 



1003. Umberto I Biancamano, Conte d'Aosta, 
di Moriana, di Savoia, ec; sue prime 
notizie nel 1003, ultime nel 1056, 

lOÒG. Amedeo I, la Coda, Conte di Savoia. 

.... Odone, figlio di Umberto I, Marchese 
d'Italia, morto nel 1060. 

106(». Pietro I, figlio d' Odone, morto nel 1078. 

.... Amedeo II, fratello del prec, morto 
verso il 1080. 

.... Umberto II, il Einforzato, figlio del 
prec, morto il 1103. 

1103. Amedeo III, figlio del prec, Conte di 
Torino, di Borgogna e di Lombardia, 
nato nel 1095, morto nel 1148. 

1U8. Umberto III (Beato) figlio del prec, 
nato circa il 1129, morto nel 1189. 

1 189. Tommaso I, figlio del prec, nato nel 
1178, morto nel 1233. 

1233. Amedeo IV, Duca del Chiablese, figlio 
del prec, morto nel 1253. 

r2:>3. Bonifacio, l'Orlando, figlio del prec, 
nato nel 1244 o '45, morto nel 1268. 

r2G3. Pietro II, t7 piccolo Carlomagno, terzo- 
genito di Tommaso I nato nel 1203, 



morto nel 1268. Ebbe in dono dal- 
l'Abate di San Maurizio l'anello (oggi 
perduto) di detto Santo, col quale si 
dava investitura del regno. 

1268. Filippo I, figlio di Tommaso I, nato 
nel 1207, morto nel 1285. 

1285. Amedeo V, «7 Grande, Conte di Savoia, 
Duca del Chiablese, secondogenito di 
Tommaso II Conte di Fiandra, figlio 
questi di/ Tommaso I, nato dopo il 
1252, morto nel 1323. 

1323. Odoardo, il Liberale, figlio del prece- 
dente, nato, si crede, nel febbraio 1284, 
morto nel 1329. 

1329. Aimone, il Pacifico, fratello del prece- 
dente, nato nel 1291, morto nel 1343. 

1343. Amedeo VI, Conte Verde, figlio del pre- 
cedente, nato nel 1334. morto nel 13«3. 

1383. Amedeo VII, Conte Rosso, figlio del 
precedente, nato nel 1360, morto nel 
1391. 

1391. Amedeo Vili, il Pacifico, primo Duca 
di Savoia, figlio del prec, nato nel 1383, 
morto nel 1451. Nel 1439 in novembre 



12G 



dal Concilio di Basilea fu eletto Papa 
col nome di Felice V, e rinunziò alla 
corona; quando conobbe la sua ele- 
zione non essere stata legittima, de- 
pose in aprile del 1449 la tiara. 

1439, Ludovico, figlio del prec.nato nel 1414, 
morto nel 1465. Ludovico e la moglie 
ebbero con atto del 22 marzo 1452 il 
prezioso dono della Sagratissima Sin- 
done da Margherita dei Signori di 
Charny, vedova del Conte Umberto di 
Villar-Sexel. 

1465. Amedeo IX (Beato), figlio del prec, nato 
nel 1435, morto nel 1472. 

1462. Filiberto L «^ C'«cc/aiore, figlio del prec, 
nato nel 1465, morto nel 1482. 

1482. Carlo I, il Guerriero, fratello del prec, 
nato nel 1468, morto nel 1490. Car- 
lotta di Lusignano, zia di Carlo I, Re- 
gina di Gerusalemme, di Cipro e di 
Armenia, nel 1445 cedette al nipote i 
suoi diritti sui detti regni. 

1490. Carlo Giovanni Amedeo, detto Car- 
lo II, figlio del prec, nato nel 1489, 
morto nel 1496. 

1496. Filippo II, Senza Terra, quartogenito 

del Duca Ludovico, nato nel 1443, 
morto nel 1497. 

1497. Filiberto II, U Bello, primogenito del- 

l' antecedente, nato nel 1480, morto 
nel 1504. 

1504. Carlo III, il Buono, fratello del prec, 
nato nel 1486, morto nel 1553. Sposò 
Beatrice figlia del re Emanuele di 
Portogallo : da questo glorioso Re ven- 
ne in uso nella R. Casa di Savoia il 
nome di Emanuele. 

1563. Emanuele Filiberto, Testa di ferro, 
figlio del prec, nato nel 1528, morto 
nel 1580. Vincitore a San Quintino, ri- 
storatore della monarchia. Mandò le 
sue galere capitanate da Andrea Pro- 
vana alla battaglia di Lepanto. 

1580, Carlo Emanuele I, il Grande, figlio 
del precedente, nato nel 1562, morto 
nel 1630. 

1630. Vittorio Amedeo I, figlio del prece- 
dente, nato nel 1587, morto nel 1637. 
Fu proclamato Re di Cipro il 1» gen- 
naio 1633. 

1637. Francesco Giacinto, figlio del prec, 

nato nel 1632, morto nel 1638, 

1638. Carlo Emanuele II, detto l'Adriano 

del Piemonte, fratello del prec, nato 
noi 1634, morto nel 1675. 

1675. Vittorio Amedeo II, primo re di Sar- 
degna, figlio del prec, nato nel 1666, 
morto nel 1732. Coronato re di Sicilia 
in Palermo nel 1713, poi re di Sarde- 
gna nel 1720. Abdicò nel 1730. 

1730. Carlo Emanuele III, figlio del prec, 
nato nel 1701, morto nel 177.3. 

1773. Vittorio Amedeo III, figlio del prec, 
nato nel 1626, morto nel 1796. 

1796. Carlo Emanuele IV, fi>,'Iio del prec, 
nato nel 1751, morto nel 1819, Rinun- 
ziò ai suoi Stati di terraferma per la 
rivoluzione francese nel 1798, ed ab- 
dicò nel 1S02 in favore del seguente. 

1802. Vittorio Emanuele I, fratello del prec, 
nato nel 1759, morto nel 1824. Ritornò 
dalla Sardegna nel 1814 nei riacqui- 



stati ed ampliati Stati, ed abdicò 
nel 1821. 

1821. Carlo Felice, fratello del prec, nato 
nel 1765, morto nel 1831. Colla morte 
di Re Carlo Felice s' estinse la linea 
primogenita dei Reali di Savoia e pas- 
sò la Corona a Carlo Alberto della li- 
nea di Savoia-Carignano, cominciata 
dal Principe Tommaso, figlio di Carlo 
Emanuele I. 

1831. Carlo Alberto, figlio del Principe Carlo 
Emanuele di Savoia-Carignano; nacque 
il 2 ottobre 1798, e mori U 28 luglio 
1849. Rinunziò alla Corona a Novara 
a favore del figlio Vittorio Emanuele 
il di 23 marzo 1819. 

1849. Vittorio Emanuele II, Re d'Italia fi- 
glio del precedente, nato il 14 mar- 
zo 1820, morto il 9 gennaio 1878. Pro- 
clamato Re d'Italia con legge del 17 
marzo 1861. 

1878, Umberto I, Re d'Italia, flgUo del pre- 
cedente, nato il 14 marzo 1844, morto 
il 29 luglio 1900, 

1900, Vittorio Emanuele III, Re d'Italia, 
figlio del precedente, nato l'il no- 
vembre 1869. 

Ramo di Savoia-Carignano-Soissons-Viilafranca 

{ora regnante). 

Tommaso, figlio di Carlo Emanuele I, nato 
nel 1596, morto nel 1656, sposò Maria di 
Borbone-Soissons, 

Emanuele Filiberto, figlio del prec, nato nel 
1628, morto nel 1709, 

Vittorio Amedeo, figlio del prec, nato nel 1690, 
morto nel 1741. 

Luigi Vittorio, figlio del prec, nato nel 1721, 
morto nel 1778. L'ultimo de' suoi figli fu 
avo di Eugenio Emanuele Giuseppe, Prin- 
cipe di Carignano, nato nel 1816, morto 
nel 1888. 

Vittorio Amedeo, figlio del prec, nato nel 
1743, morto nel 1780. 

Carlo Emanuele, figlio del prec, nato nel 
1770, morto nel 1800, padre di Carlo Al- 
berto, che sali al trono di Sardegna nel 
1831 (vedi sopra). 

Ramo di Savoia-Soissons. 

Eugenio Maurizio, Conte di Soissons, figlio 
di Tommaso, stipite del ramo di Sav«> :i- 
Carlgnano, nato nel 1633, morto nel 1673. 
Fra 1 suoi figli fu Eugenio Francesco il 
Grande, detto il Principe Eugenio, nato 
nel 1663, morto nel 1736. 

Luigi Tommaso, fl;,'lio del prec, nato nel 1657, 
morto nel 1702. 

Emanuele, figlio del prec, nato nel 1687, 
morto nel 1729. 

Eugenio Giovanni Francesco, Duca di Trop- 
pau, figlio del prec, nato nel 1714, morto 
nel 1734, ultimo della sua linea. 

Ramo dei Principi d'Acaia e della Morea 
Signori del Piemonte. 

Tommaso II, Conte di Merlano, di Fiandra 
e di Haynault, figlio di Tommaso I, morto 
nel 1259. 



127 — 



Tommaso in, figlio del prec, nato dopo il 
1251, morto noi 1282. 

Filippo, figlio del prec. Signore del Piemonte, 
Principe d'Acaia e della Morea, nato nel 
1258, morto nel 1334. Nel 1295 assunse il 
governo del Piemonte. 

Giacomo, figlio del prec, morto nel 1367. 

Filippo, tìglio del prec, morto nel 1368. 

Amedeo, fratello del prec, nato nel 1363, 
morto nel 1402. 

Ludovico, fratello del prec, nato nel 1364, 
morto nel 1418 senza prole. Ultimo della 
linea d'Acaia. Dopo la morte della vedova. 
Bona di Savoia, figlia di Amedeo VII, il 
Piemonte passò alla linea primogenita. 

Linea' di Savola 
Baroni di Vaud, Signori dei Bugey e di Vairomey. 

Ludovico I, figlio di Tommaso II, e fratello 
di Tommaso HI, nato dopo il 1253 e morto 
nel 1302. 

Ludovico II, figlio del prec, morto nel 1350, 
Senatore di Roma. La vedova del suo figlio 



Giovanni, premorto al padre, e la figlia Ca- 
terina, morta senza prole nel 1359, oede- 
rono il paese di Vaud ad Amedeo VI. 

Linea di Savoia-Nemours 
Duchi dei Genovese, di Nemours e di Aumale. 

Filippo, figlio di Filippo II Senza Terra, Conte 
del Genevese, poi Duca di Nemours dopo 
la morte della sorella Filiberta, vedova di 
Giuliano de' Medici Duca di Nemours, nato 
nel 1490, morto nel 1533. 

Giacomo, Duca di Nemours e del Genevese, 
figlio del prec, n. nel 1531, morto nel 1585. 

Enrico, figlio del prec, Marchese di San Sor- 
lino, Duca di Nemours, nato nel 1572, 
morto nel 1632. 

Luigi, figlio del prec. Duca (Ji Nemours, del 
Genevese e di Aumale, morto nel 1641. 

Carlo Amedeo, fratello del prec, nato nel 
1624, morto nel 1652 senza prole maschia. 
La figlia primogenita Maria Giovanna Bat- 
tista sposò nel 1665 Carlo Emanuele II 
Duca di Savoia. 



FAMIGLIA REALE D'ITALIA 



S.M. Vittorio Emanuele II J-YeTà.in&nào- rita nata princ. di Savoia {ved. appresso), 

Maria-Gennaro, per grazia di Dio e per vo- ammogliato a Roma il 24 ottobre 1896 con 




S. 'SI. Vittorio Emanuele III. 



lontà della Nazione, Re d'Italia, nato a 
Napoli ril novembre 1869, tìglio del re 
Umberto I (nato a Torino il 14 marzo 1844, 
\ il 29 luglio 1900) e della regina Marghe- 




M. La llKGiNA Elena. 



S. M. Elena, regina d'Italia, nata Petrovic- 
Njégos, principessa del Montenegro, nata a 
Cettigné l'S gennaio 1873, tìglia di Nicola I 
Petrovic-Njégos, principe del Montenegro. 



128 



Loro figlie 



Principessina Jolanda'Margherita-yii\ei\a-EU- 
sabetta- Romana- Maria, nata a Koma U 
1 ' LTin-ii.i 1901. 




La Pkincipessina SIafalda.II) 

rrinc. .Vf//V//<?a-Maria-Elisiibetta-AnnH-Ronia- 
Jia, n. a Koma il ll> novembre 1W2. 

Madre del Re 

S. M. Maria-3fa;-^7icn7a-Teresa-Giovanna, re- 
gina madre, nata principessa di Savoia, 
nata a Torino il 20 novembre 1861, figlia 



del principe Ferdinando, duca di Genova 
e della principessa Elisabetta di Sa.ssonIa, 
maritata a Torino il 22 aprile 18G8 col 
principe Umberto di Savoia (poi re Um- 
berto I), vedova il 29 luglio 1900. 




(I) Da fotoprafe eie S. M. il Re rorto^emmlt 
donò p«r la rinrodurione neirAL.MAN/.C'CO ITA- 
LIANO. 



La Eegina Madre. 



Fratello e sorelle del padre 

A) Principessa Maria - Clotilde - Teresa - Luisa, 
nata a Torino il 2 marzo 1843, maritata a 
Torino il 30 gennaio 1859 col Principe Gi- 
rolamo Napoleone, vedova il 17 marzo 1891 
{Morirai ieri). Ha tre figli: (1) Principe Na- 
poleone-ri«o/-io-Girolamo-Federigo, nato il 
18 luglio 1862; (2) Princ. Napoleone- /.miV/»- 
Giuseppe-Girolamo, nato il 16 luglio 1864; 
(3) Principessa Maria-i/a«<i/ia (ved. ap- 
presso). 

B) [t Principe Amedeo, duca d'Aosta, nato a 
Torino il 30 maggio 1845, re di Spagna dal 
4 die. 1870 all' 11 febbraio 1875. f il 18 gen- 
naio 1890; ammogliato: 1° a Torino il 30 
maggio 1867 con la Principessa Maria Vit- 
toria Dal Pozzo Della Cisterna (nata il 
9 agosto 1847, t l'8 novembre 1876); 2" a 
Torino l'il settembre 1888 con la nipote] 

Maria -Lflie<»7iVj -Napoleone-Eugenia- Caterina- 
Adelaide, nata a Parigi il 20 dicembre 1866. 

Fiyli: a) del !<> letto: — 1) Principe Enui- 
nuele -Filiberio-\iitor\o -'Eugenio -Aìberto- 
Genova-Giuseppe -Maria, già duca delle 
Puglie, ora duca d'Aosta, nato a Genova 
il 13 gennaio 1869, tenente generale, co- 
mandante la Divisione Militare di Torino, 
ammogliato il 25 giugno 1895 a Klngston- 
on-Thames con: 

/"J/cMa- Luisa -Enrichetta di Orléans, nata a 
Twlckenham il 13 giugno 1871, figlia del 
princ. Luigi-Filippo, conte di Parigi. Loro 
tìgli: Principe ^»»«rf«o-Umberto-Isabella- 
Luigi - Filippo -Maria-GiuBcppe-Giovannl, 
nato il 21 ottobre 1898 a Torino: Princi- 



— 129 — 



pe ^imo»»«-Roberto-Margherita -Giuseppe- 
Maria-Torino, n. il 9 marzo 1900 a Torino. 

2) Principe J7</oWo-17ma?iMe;«- Torino -Gio- 
vanni-Maria, conte di Torino, nato a To- 
rino il 24 nov. 1870, colonnello coman- 
dante il reggimento di cavalleria " Lan- 
cieri di Novara „ ( Vercelli). 

3) Principe X.Mf</i- Amedeo -Giuseppe -Maria- 
Ferdinando-Francesuo, duca degli Abruzzi, 
nato a Madrid il 29 gennaio 1873, capitano 
di fregata nella marina italiana (Torino). 

b) del secondo letto: — 4) Principe Umberto- 
Maria- Vittorio-Amedeo-Giuseppe, conte di 
Salerai, nato a Torino il 22 giugno 1889. 
C) S. M. Maria-Pia, regina madre di Porto- 
gallo, nata a Torino il 16 ottobre 1847, 
maritata per procura a Torino il 27 set- 
tembre e in persona a Lisbona il 6 otto- 
bre 1862 con Luigi re di Portogallo; ve- 
dova il 19 ottobre 1889 {Lisbona). Ha 2 figli: 
(1) Carlo J-Ferdinando-Luigi-Maria-Vitto- 
rio - Raffaele - Gabriele - Gonzaga - Saverio- 
Francesco d'Assisi-Jose-Simao, re del Por- 
togallo e delle Algarvie, nato il 28 settembre 
1863; (2) Principe v4?/'o«so-Henriques-Maria- 
Luigi-Pietro d'Alcantara -Carlo- Umberto- 
Amedeo -Fernando -Antonio- Michele -Raf- 
faele - Gabriele - Gonzaga- Saverio - France- 
sco d'Assisi -Joao - Augusto -Giulio -Volfan- 
do-Ignazio, duca d'Oporto, nato il 31 lu- 
glio 1865. 

Fratello dell'avo paterno 

[t Principe Ferdinando, duca di Genova, nato 
il 15 novembre 1822, t il 10 febbraio 1855; 
ammogliato a Dresda il 22 aprile 1850 con] 

Maria- JE7isafe«;«a-Massimiliana-Luisa-Amelia- 
Francesca-Sofla-Leopoldina-Anna-Battisti- 
na-Saveria-Xepomucena, principessa di 
Sassonia, figlia del re Giovanni di Sasso- 
nia, nata a Dresda il 4 febbraio 1830; rima- 
ristata morganaticamente a Stresa nell'ot- 
tobre 1856 col marchese Niccolò Rapallo ; 
nuovamente vedova il 27 novembre 18S2 
(Stresa). 

Figli: 1) Principessa 'Maria.-Margherita-Teves&- 
Giovanna, vedova di Umberto I (». avanti). 

2) Principe Towjwaso- Alberto-Vittorio, duca di 
Genova, nato a Torino il 6 febbraio 1854, 
ammiraglio nella marina italiana {Torino); 
ammogliato a Nymphenburg il 14 aprile 

1883 con la 

Principessa Maria-Jsa&eHa-Luisa- Amelia-Elvi- 
ra-Bianca-Eleonora, principessa di Bavie- 
ra, nata a Nymphenburg il 31 agosto 1863, 
figlia del fu principe Adalberto di Baviera, 

Figli: Principe -Ferdi/ia«(7o-Umberto-FUippo- 
Adalberto-Maria, nato a Torino il 21 aprile 

1884 ; — Principe i^i7»7»er<o-Lodovico-Massi- 
miliano-Emanuele-Maria, nato a Torino il 
10 marzo 1895; — Principessa Maria-Bona- 
J/ar(jrAeri7a-Albertina-Vittoria,nataad Aglio 
il lo agosto 1896; — Principe Adnlberto- 
Luitpoldo-Elena-Giuseppe-Maria, nato ad 
Aglio il 19 marzo 1898. 

Sono legati di sangue alla Famiglia Reale 
di Savoja, ma non godono di nessun privile- 



gio ne titolo principesco: a) I Conti di Mira- 
fiori e Fontanafredda, nati dal matrimonio 
morganatico del defunto re Vittorio Ema- 
nuele II, nonno del re attuale, con Rosa Ver- 
cellone, nata il 3 giugno 1833, creata con- 
tessa di Mirafiori e Fontanafredda l'il aprile 
1859, maritata il 7 novembre 1869, t il 27 di- 
cembre 1885; b) i conti di Villafranca-Soissons, 
che traggono origine dal matrimonio morga- 
natico del defunto principe Eugenio di Savoia 
Carignano (nato il 14 aprile 1816, t il 15 di- 
cembre 1888) cugino in 6» grado del re at- 
tuale, con la vivente Felicita Crosio, nata a 
Torino il 4 maggio 1844, maritata il 25 no- 
vembre 1863, creata contessa di Villafranca- 
Soissons il 14 settembre 1888. 



Casa di S. M. il Re. 

CASA MILITARE DI S. M. 

Primo Aiutante di Campo generale. — Ugo 
Brusati. 

Aiutanti di Campo generali. — Alberto De Li- 
bero — Pio Carlo Di Majo. 

Aiutanti di Campo. — Antonio Robaglia. — 
Consalvo Palieri — Francesco Marciani — 
Domenico Todini — Michelangelo conte 
Leonax-di di Casalino e Pisnengo — Carlo 
Uboldi de' Capei. 

Comandante lo Squadrone Guardie del Be. — 
Ulderico D'Alessandro. 

CASA CIVILE Di S. M. IL RE 

Ministro della R. Casa. — Emilio Ponzio Vaglia. 

Prefetto di Palazzo Gran Maestro delle Ceri- 
monie. — Conte Cesare Federico Gianotti. 

Mastri delle Cerimonie di Corte. — Marchese 
G. B. Borea d'Olmo — Conte Santorre De- 
rossi di Santa Rosa — March. Edmondo 
Santasilia — March. Ivaldo Scozia di Cal- 
liano — Conte Luigi Premoli — Conte 
Francesco Giuseppe Tozzoni — Conte Luca 
Bruschi Falgari — Mitssimo Montalto Duca 
di Fragnito. 

Grande Scudiere. — Pier Francesco dei prin- 
cipi Corsini, Marchese di Laiatico. 

Gran Cacciato'-e. — Conte Giulio Carminati 
di Brambilla. 

Cappellano Majgiore. — Giovanni Lanza. 

Ingegnere Architetto a disposizione di S. M. — 
March. Achille Majnoni d'Intignano. 

Medico di S. M. — Giovanni Quirico. 

MINISTERO DELLA R. CASA 

Ministro della R. Casa. — Emilio Ponzio 

Vaglia. 
Direttore Generale. — Raffaele Lambarini. 
Ispettore Centrale. — Giorgio Giorgi. 
DivisroxE 1». 

Direttore Capo di Divisione. — Ferdinando 
Comotto. 
Divistone 2». 

Direttore Capo di Divisione. — Pietro Gen- 
tilini. 



130 — 



Divisione 3». 

Direttine Capo di Dit-isione. — Eugenio 
Paria. 
Divisione 4*. 

Direttore Capo di Divisione. — Carlo Filippi. 
Divisione 5». 

Direttore Capo di Divisione. — Enrico Man- 
zuoli. 
Ufficio d'ordine. 

Direttore Capo d' Ufficio. — Alessandro del 
conti Mouxy de Loche. 

CORTE DI S. M. LA REGINA 

Dame di Corte. — Contessa Francesca Guic- 
ciardini— Alberta Marnili duchessa d'Ascoli 

— Contessa Maria Costa Carrù di Trinità 

— Contessa Giulia Trigona. — Marchesa 
Eleonora Calabrini. 

Gentiluomini di Corte. — Conte Lodovico Guic- 
ciai-dini — Sebastiano Marnili duca d'Ascoli 

— Conte Paolo Costa Carrù di Trinità — 
Contj Romualdo Trigona dei principi di 
Sant'Elia — Marchese Carlo Calabrini. 



CORTE DI S. M. LA REGINA MADRE 

Dama d' Onore. — Marchesa Paola Pes di Vil- 
lamarina Montereno. 

Cavaliere d' Onore. — March. Ferdinando Guic- 
cioli. 

Dame di Corte. — Principessa Carolina Pal- 
lavicini — Duchessa Vittoria Sforza Cesa- 
rini — Teresa Arborio di Gattinara, du- 
chessa di Sartirana — Evelina Capomazza, 
marchesa di Campolattaro — Principessa 
Adelaide Pignatelli Strongoli — Principessa 
Maria di Sant'Elia — Duchessa Teresa Mas- 
simo — Marchesa Maria Trotti. 

Gentiluomini di Corte. — Conte Alessandro 
Zeno — Conte Luigi Provana di Collegno 
— Conte Gerolamo Oldofredi Tadini — 
Marchese Giorgio Capranica del Grillo. 

Corte di S. A. R. la Principessa Maria Laetitia 
vedova di S. A. R. il Principe Amedeo Duca 
d'Aosta. 

Dama d'Onore. — N. N. 

Dame di Palazzo. — Marchesa Felicita Fer- 
rari di Càptelnuovo — Contessa Maria 
Balbis Bertone di Sambuy. 

Cavaliere d'Onore. — March. Carlo Del Car- 
retto di Moncrivello e Gorzegno. 

Gentiluomini di Corte. — Conte Giuseppe Fos- 
.sati Reyneri — Bonifacio Figarolo Tarino 
dei conti di Groppello. 

Casa di S. A. R. il Principe Emanuele Filiberto 

Duca d'Aosta. 
Primo Aiutan'e di Campo. — Giorgio Redi. 

Ufpriali di Ordinanza — Camillo Lanzoni — 
Filippo Durini. 



Corle di S. A. R. Elena Duchessa d'Aosta. 

Dame di Palazzo. — March. Anna Turrigiani 
— Contessa Luisa Ricca di Castel vecchio. 

Gentiluomini di Corte. — March. Carlo Torri- 
giani — Conte Luigi Ricca diCastelvecchio. 



Casa di S. A. R. il Principe Vittorio Emanuele 
Conte di Torino. 

Aiutante di Campo. — Adriano dei conti Thaon 
di Revel. 

Ufficiale d' Ordinanza — Conte Alessandro 
Da Porto. 



Casa di S. A. R. il Principe Luigi Amedeo 
Duca degli Abruzzi. 

Ufficiali d' ordinanza. — Roberto Lubelli di 
Serrano dei Duchi di Maglie e Sanarica — 
Gino Ducei. 

Corte di S. A. R. la Principessa 

Maria Elisabetta di Sassonia Duchessa di Genova 

Madre. 

Gran Mastro della Casa. — March. Carlo Fe- 
lice Pilo di Boyl e di Putitìgari. 

Dama d'Onore. — Contessa Maria Clementina 
Malabaila di Canale e Castellinaldo. 

Cavaliere rf'0«ore. — Conte Alberto Gazelli di 
Rossana. 

Dame di Palazzo. — Contessa Lidia Gazelli 
di Rossana — Contessa Laura Galli della 
Loggia — Marchesa Luisa Pignone del Car- 
retto dei Principi di Alessandria. 

Gentiluomini di Corle. — Arialdo nobile Ra- 
dicati di Brozolo — Marchese Massimi- 
liano D'Oria. 

Casa di S. A. R. il Principe Tommaso di Savoia 
Duca di Genova. 

Gran Mastro della Casa. — March. Carlo F.^- 
lice Pilo di Boyl e di Putitìgari. 

Primo Aiutante di Campo. — Bar. Carlo Gal- 

leani di St. Ambroise. 
Aiutante di Campo. — Enrico nob. Marenco di 

Moriondo. 

Ufficiali d'Ordinanza. — Riccardo Pelloux - 
March. Alfonso Guerrieri Gonzaga. 



Corte di S. A. R. la Principessa Maria Isabella 
di Baviera Duchessa di Genova. 

Dame di Palazzo. — March. Silvia Pilo di Boyl 
e di Putitìgari — Cont. Giulia Radicati di 
Brozolo — Baronessa Isabella Despi:ie - 
Contessa Giannina Faà di Bruno. 

Gentiluomini di Corte. — Conte Alessandr 
Ricardi di Netro — March. Calisto Gay 
Quarti — Leonzio Balbo di Vinadlo. 
(Stampato il 10 settembre 190^). 



— 131 — 

PARLAMENTO ITALIANO 

Indicazione delle Legislature, delle Sessioni e del numero delle Sedute pubbliche 

dal 1848 al igo2. 



SESSIONI 


Unica 


184S 


Unica 


1«49 


Unica 


1849 


Prima 

Seconda 
Terza 


1P49-50 
1850-52 
1852-53 


Prima 

Seconda 

Terza 


1853-54 

1855-5G 

1857 


Prima 
Seconda 


1857-58 
1859 


Unica 


1860 


Prima 
Seconda 


18C1-C2 
18G3-65 


Prima 
Seconda 


lSG5-6fi 
1866-67 


Prima 
Seconda 


1867-69 
1869-70 


Prima 

Seconda 

Terza 


1370-71 
1871-73 
1873-74 


Prima 
Seconda 


1874-75 
1876 


Prima 

Seconda 
Terza 


1876-77 

1878-80 

1880 


Unica 


1880-82 


Unica 


1882-86 


Prima 
Seconda 

Terza 
Quarta 


1886-87 
1887-89 

1889 
1889-90 


Unica 


1890-92 


Prima 
Seconda 


1892-94 
1894-95 


Unica 


1895-97 


Prima 

Seconda 

Terza 


1897-98 
1898-99 ! 
1899-900 


Prima 


1900-902 



DURATA D'OGNI SESSIONE 



Dall' 8 maggio al 30 dicembre 1848. 

Dal lo febbraio al 30 marzo 1849. 

Dal 30 luglio al 20 novembre 1849. 

Dal 20 dicemb. 1849 al 19 novemb. 1850. 
Dal 23 novemb. 1850 al 27 febbraio 1852. 
Dal 4 marzo 1852 al 21 novembre 1853. 

Dal 19 dicemb. 1853 al 20 maggio 1855. 
Dal 12 novemb. 1855 al 16 giugno 1856. 
Dal 7 gennaio al 16 luglio 1857. 

Dal 14 dicembre 1857 al 14 luglio 1858. 
Dal 10 gennaio al 30 aprile 1859. 

Dal 2 aprile al 28 dicembre 1860. 

Dal 18 febbraio 1861 al 21 maggio 1863. 
Dal 25 maggio 1863 al 16 maggio 1865. 

Dal 18 novemb. 1865 al 30 ottobre 1866. 
Dal 15 dicemb. 1866 al 13 febbraio 1867. 

Dal 22 marzo 1867 al 14 agosto 1869. 
Dal 18 novemb. 1869 al 2 novemb. 1870. 

Dal 5 dicembre 1870 al 5 novemb. 1871. 
Dal 27 novemb. 1871 al 19 ottobre 1873. 
Dal 15 novemb. 1873 al 20 settemb. 1874. 

Dal 23 novemb, 1874 al 21 febbraio 1876. 
Dal 6 marzo al 3 ottobre 1876. 

Dal 20 novemb. 1876 al 23 gennaio 1878. 
Dal 7 marzo 1878 al 1» febbraio 1880. 
Dal 17 febbraio al 2 maggio 1880. 

Dal 26 maggio 1880 al 25 settembre 1882. 

Dal 12 novembre 1882 al 27 aprile 1886. 

Dal 10 giugno 1886 al 4 settembre 1887. 
Dal 16 novembre 1887 al 4 gennaio 1889. 
Dal 28 gennaio al 20 luglio 1889. 
Dal 25 novembre 1889 al 3 agosto 1890. 

Dal 23 novembre 1890 al 27 settem. 1892. 

Dal 23 novembre 1892 al 23 luglio 1894. 
Dal 3 dicembre 1894 al 13 gennaio 1895. 

Dal 10 giugno 1895 al 3 marzo 1897. 

Dal 5 aprile 1897 al 12 luglio 1898. 
Dal 16 novembre 1898 al 30 giugno 1899. 
Dal 14 novembi-e 1899 al 17 maggio 1900. 

Dal 16 giugno 1900 al 22 dicembre 1901. 



NUMERO DELLE SEDUTE 



del Senatt 
del Rept 



36 

72 

135 

96 

97 

45 

2 



24 

31 

229 
223 

47 
6 

172 

79 

73 
146 
51 

97 



149 
211 



124 
45 
63 



142 
5 

124 

114 
65 
64 

138 



dellsCanera 
dei Depntali 



122 
51 

87 

178 
244 
259 

207 
125 
145 

127 
50 

73 

407 
262 

132 
27 

463 
154 

131 
290 
142 

170 
73 

168 

302 

56 

395 

586 

145 
216 
112 
158 

245 

307 
11 

232 

187 
143 
99 

194 



— 132 









MINISTERI I 


PRESIDENTI 


MINISTRI 


INTERNO 


ESTERI 




DEL 
CONSIGLIO DEI MINISTBI 


* senza portafogli 

** residenti presso 
S. M. al campo 


FINANZ 


Balbo (dal 16 marzo al 27 
luglio 1848) 


_ 


Ricci V. 


Pareto 


Di Revel 0. 


Casati (dal 27 luglio al 15 
agosto 1848) 


* Gioberti 
**MoffadiLisio 


Plezza 


l>areto 


Ricci V. 


Alfieri (dal 15 agosto all' 11 
ottobre 1848, surrogato da 


* Colla 


Pinelli 


Perrone 


Di Revel 0. 


Perrone sino al 16 dicembre 

1848) 


** Regis 








Gioberti (dal 16 dicembre 1848 
al 21 febbraio 1849, surro- 
gato da 

Chiodo sino al 27 marzo 1849) 


- 


Sineo 
Rattazzi 


Gioberti 

Colli 

Deferrari 


Ricci V. 


Delaunay (dal 27 marzo al 7 
maggio 1849, surrogato da 

D'Azeglio sino al 21 maggio 
1852) 


* Gioberti 


Pinelli 

Galvagno 

Pernati 


Delaunay 
D'Azeglio 


N.gra 
Cavour 


D'Azeglio (dal 21 maggio al 
4 novembre 1852) 


__ 


Pernati 


D'Azeglio 


Cibrario 


Cavour (dal 4 novembre 1852 
al lo maggio 1855) 


- 


Ponza di San 

Martino 
Rattazzi regg. 


Dabormida 
Cavour 


Cavour 


Cavour (dal 4 maggio 1855 al 
19 luglio 1859) 


* Paleocapa 


Rattazzi 
Cavour 


Cibrario 
Cavour 


Cavour 
Lanza 


La Marmora (dal 19 luglio 1859 
al 21 gennaio 1860) 


_ 


Rattazzi 


Dabormida 


Oytana 


Cavour (dal 21 gennaio 1860 
al 6 giugno 1861) 


* Corsi 

* Niutta 


Cavour regg. 
Farini L. C. 
Minghetti 


Cavour 


Vogczzi 
Basto^'i 


Ricasoll (dal 12 giugno 1861 
al 3 marzo 1862) 


— 


Minghetti 
Ricasoli 


Ricasoli 


Bastogi 


Rattazzi (dal 3 marzo all'8 di- 
cembre 1862) 


* Poggi 


Rattazzi 


Rattazzi 
Durando 


Sella 


Farlnl (dall' 8 dicembre 1862 
al 24 marzo 1863) 


- 


Perù zzi 


Pasolini 


Minghetti 


Mlnghetti (dal 24 marzo 1863 
al 28 settembre 1864) 


_ 


Peruzzl 


Visconti - Veno- 
sta 


Minghetti 


La Marmora (dal 28 settem- 
bre 1864 al 31 dicem. 1865) 




Lanza 
Natoli int. 
Chlaves 


La Marmora 


Sella 



(a) Il Ministero della marina rimase unito con quello della guerra fino al 1860, tra 
coltura, industria e commercio, e poi dello finanze. 

(b) Il Ministero d'agricoltura, industria e commercio, creato il 22 agosto 1848, fu - 
il 16 dicembre 1877. 



AL 1903. 



AVORI 
"BBLICI 



Ambrois 
ooapa 

a Rosa 
ìhlo seniore 



ragno 

;a Rosa int. 

ocapa 



GRAZIA 

£ 

GIUSTIZIA 



ISTRUZIONE 
PUBBLICA 



ìocapa 
iocapa 



ocapa 
a 



itlcelli 

ni 
oszi 

lizzi 
retis 
labrea 

labrea 
ni 



Solopis 
Gioia 

Merlo 

Rattazzl 
Sineo 



Cristiani 

De Margherita 

Siccardi 

Galvagno int. 

Deforesta 

Galvagno 

Boncompagni 

Boncompagni 
Rattazzi 



Deforesta 

Miglietti 
Cassinis 

Miglietti 

Cordova 
Conforti 

Pisanelli 

Pisanelli 

Vacca 
Cortese 



Boncompagni 

Rattazzi 
Gioberti 

Merlo 
Boncompagni 



Cadorna C. 



Gioberti int. 
Mameli 
Gioia 
Farini L. C. 



Boncompagni La Marmerà 
regg. 



133 - 



GUERRA 



Franzini 



Collegno 



Franzini 
Dabormida 
La Marmerà 



De Sonnaz 
La Marmerà 
Chiodo 



Dabormida 

Della Rocca 

Bava 

La Marmerà 



Cibrario 



Lanza 
Cadorna 



Casati 



Mamiani 
De Sanctis 



De Sanctis 



Mancini 
Matteucci 



NateU 



La Marmerà 
Durando 



Durando 
La Marmerà 



La Marmerà 
Fanti 



Ricaseli regg. 
Della Rovere 



Petitti 
Della Rovere 

Della Rovere 



MARINA 



V. Guerra poi 

AgrieoUura 

(«) 



Cavour 



Menabrea 



pi Persane 

! Ricci G. 
Di Negro 
Menabrea int. 

Menabrea im^ 
Cugla 

LaMarmorare^ 
Angioletti 



AGRICOLT. 



Durini 
Rattazzi 

Alfieri int. 
Santa Resa int. 
Torelli 



Buffa 



Galvagno 
Mathieit 
Santa Resa 
Cavoiu' 



(&) 



Corsi 
Natoli 



Cordova 

Pepoli 

Manna 

Manna 

Torelli 



)0 dall' 11 ottobre 1850 al 29 
febbraio 1S52, ricostituito il 



maggio 1352, durante il quale fu annesso al Ministero dell' agri- 
12 luglio 18G0 e nuovamente soppresso, benché per pochi mesi, 



134 - 



PRESIDENTI 








TESORO 
(«) 


DEL 


INTERNO 


ESTERI 


FINANZE 


CONSIGLIO DEI MINISTRI 








La Marmerà (dal 31 dicembre 
1865 al 20 giugno 1866) 


Chiaves 


La Marmora 


Scialoia 




Ricasolì (dal 20 giugno 1866 
al 10 aprile 1867) 

La Marmerà ministro sen- 
za portafogli. 


Ricasoli 


Ricasoli htt. 
Visconti - Veno- 
sta 


Scialoia 
Depretis 


- 


Raltazzl (dal io aprile al 27 
ottobre 1867) 


Rattazzi 


Di Campello 


Ferrara 
Rattazzi reyff. 


- 


Menabrea (dal 27 ottobre 1867 
al 5 gennaio 1868) 


Guai te rio 


Menabrea 


Cambray-Digny 





Menabrea (dal 5 gennaio 1868 
al 13 maggio 1869) 


Cadorna 
Cantelli 


Menabrea 


Cambray-Digny 


_ 


Menabrea (dal Ì3 maggio al 
14 dicembre 1869) 


Ferraris 
Di Rudiuì 


Menabrea 


Cambray-Digiiy 


- 


Lanza (dal 14 dicembre 1869 
al 9 luglio 1873) 


Lanza 


Visconti - Veno- 
sta 


Sella 


- 


Minghettì (dal 10 luglio 1873 
al 18 marzo 1876) 


Cantelli 


Visconti - Veno- 
sta 


Minghetti 


- 


Depretis (dal 25 marzo 1876 
al 25 dicembre 1877) 


Nicotera 


Melegari 


Depretis 


_ 


Depretis (dal 26 dicembre 1877 
al 23 marzo 1878) 


Crispi 
Depretis int. 


Depretis 


Maglium 


Bargoni 


Cairoli (dal 24 marzo al 19 
dicembre 1878) 


Zanardelli 


Corti 
Cairoli 


Seismit-Doda (l/) 


Seismit-Dod» 


Depretis (dal 19 dicembre 1878 
al 14 luglio 1879) 


Depretis 


Depretis in(. 


Magnani 


Magliani reg; 


Cairoti (dal 14 luglio al 25 
novembre 1879) 


Villa 


Cairoli 


Grimaldi 


Grimaldi 


Cairoli (dal 25 novembre 1879 
al 29 maggio 1881) 


Depretis 


Cairoli 


Msigliaui 


Magliani »«9. 


Depretis (dal 29 maggio ISSI 
al 22 maggio 1883) 


Depretis 


Mancini 


Magliani 


Magliani ; 


Depretis (dal 25 maggio 1883 
al 30 marzo 1884) 


Depretis 


Mancini 


Magliani 


Magliani reg 


Depretis (dal 30 marzo 1884 
al 29 giugno 1885) 


Depretis 


Mancini 


Magliani 


MagUani reg 


Depretis (dal 29 giugno 1885 
al 4 aprile 1887) 


Depretis 


Depretis int. 
Di Robilant 


Magliani 


Magnani r«g 



(a) Con decreto 26 dicembre 1877 veniva istituito il Ministero del tesoro e soppresso qi 
(6) Dal 21 marzo 1878 al 29 dicembre 1888 i Ministri delle finanze furono incaricati < 
(e) Con legge 30 giugno 1878 fu ricostituito il Ministero di agricoltura, industria e corame 



135 



-.AVORI 
UBBLICl 


GRAZIA 

E 

GIUSTIZIA 


ISTRUZIONE 
PUBBLICA 


GUERRA 


MARINA 


AGRICOLT. 


ni 


De Falco 


Berti 


Di Pettinengo 


Angioletti 


Berti regg. 


ni 
Vincenzi 


Borgatti 
Ricasoli int. 
Cordova feytj. 


Berti 
Correnti 


Di Pettinengo 
Cugia 


Depretis 
Biancheri 


Cordova 


Tancia 


Tecchio seniore 


Coppino ■ 


Di Revel I. 


Pescetto 


De Blasiis 


itelli 


Mari 


Broglio 


Bertolè- Viale 


Menabrea regg. 
Provana 


Cambray-Digny 

int. 
Broglio regg. 


itelli 
ini 


De Filippo 


Broglio 


Bertolè-Viale 


Riboty 


Broglio regg. 
Ciccone 


rdini 


De Filippo 

Pironti 

Vigliani 


Bargoni 


Bertolè-Viale 


Riboty 


Minghetti 


fida 
Vincenzi 


Raeli 
De Falco 


Correnti 
Sella rei/g. 
Scialoia 


Govone 
Ricotti 


Castagnola regg. 
Acton G. 
Riboty 


Castagnola 


iventa 


Vigliani 


Scialoia 
Cantelli regg. 
Bonghi 


Ricotti 


Di Saint-Bon 


Finali 


lardelli 
pretis 1//^ 


^Mancini 


Coppino 


Mezzacapo 


Brin 


Majorana - Cala- 
tabiano 


rez 


Mancini 


Coppino 


Mezzacapo 


Brin 


(a) 


ccarini 


Conforti 


De Sanctis 


Bruzzo 
Bonelli 


Di Brocchetti 
Brin 


(f) Cairoli regg. 
Pessina 


zzano; te 


Tajani 


Coppino 


Mazè de la Ro- 
che 


Ferracciù 


Majorana -Cala- 
tabiano 


L'carini 


Vare 


Perez 


Bonelli 


Bonelli regg. 


Cairoli regg. 


ccarini 


Villa 


De Sanctis 
Baccelli 


Bonelli 

.Vlilon 

Ferrerò 


Acton F. 


Miceli 


ccarini 


Zanardelli 


Baccelli 


Ferrerò 


Acton F. 


Berti 


naia 


Giannuzzi - Sa- 
velli 


Baccelli 


Ferrerò 


Acton F. 
Del Santo 


Berti 


naia 


Ferraccia 
Pessina 


Coppino 


Ferrerò 
Ricotti 


Brin 


Grimaldi 


naia 


Traili 


Coppino 


Ricotti 


Brin 


Grimaldi 



agricoltura, industria e commercio, 
rgenza del Ministero del tesoro. 



— 136 — 



PRESIDENTI 

DEL 


INTERNO 


ESTERI 


FINANZE 


TESORO 


LAVORI 
PUBBLIO 


CONSIGLIO DEI MINISTBI 










Depretis (dal 4 aprUe al 29 
luglio 1887) 


Crìspi 


Depretis 
Crispi int. 


Magliani 


Magliani reg. 


Saracco 


Crìspi (dal 7 agosto 1887 al 
9 marzo 1889) 


Crispi 


Crispi int. 


Magliani 
Grimaldi 


Magliani int. 
Perazzi 


Saracco 


Crìspi (dal 9 marzo 1889 al 
6 febbraio 1891) 


Crispi 


Crispi int. 


SeismitDoda 
Giolitti regg. 
Grimaldi 


Giolitti 
Grimaldi int. 


Finali 


Di Budini (dal 6 febbraio 
1891 al 15 maggio 1892) 


Nicotera 


Di Rudini 


Colombo 
Luzzatti int. 


Luzzatti 


Branca 


Gioiittì (dal 15 maggio 1892 
al 28 novembre 1893) 


Giolitti 


Brin 


Ellena 
Grimaldi int. 
Gagliardo 


Giolitti int. 
Grimaldi 


Genala 


Crispi (dal 15 dicembre 1893 
al i marzo^896) 


Crispi 


Blanc 


Sonnino 
Boselli 


Sonnino int. 
Sonnino 


Saracco 


Di Budini (dal 10 marzo 1896 
al 14 luglio 1896) 

Codronchi-Argeli (mini- 
stro senza portafogli) 


Di Rudini 


Caetani di 
Sermoneta 


Branca 


Colombo 


Perazzi 


Di Budini (dal 14 luglio 1896 
al 14 novembre 1897) 

Codronchi-Argeli (mini- 
stro senza portafogli) 


Di RudiHÌ 


Di Rudini i«^. 
Visconti -Ve- 
nosta 


Branca 


Luzzatti 


Prinettl 


Di Budini (dal 14 novembre 
1897 al 1» giugno 1898) 


Di Rudini 


Visconti-Ve- 
nosta 


Branca 


Luzzatti 


PavoncelU 


Di Budini (dal lo giugno 1898 
al 26 giugno 1898) 


Di Rudini 


CappelU 


Branca 


Luzzatti 


A fan de E 
vera 


Pelloux (dal 29 giugno 1898 
al 3 maggio 1899) 


Pelloux 


Canevaro 


Carcano 


VaccheUi 


Lacava 


Pelloux (dal 14 maggio 1899 
al 24 giugno 1900) 

Saracco (dal 24 giugno 1900 
al 6 febbraio 1901) 


Pelloux 
Saracco 


Visconti -Ve- 
nosta 

Visconti-Ve- 
nosta 


Carmine 
Chimirri 


Boselli 

Rubini 
(Vimini int. 
Finali 


L acava 
Branca 

i 


Zanardelli (da principio sen- 
za port.) dal 15 febbraio 
1900 al 


Giolitti 
Zanardelli 


Prinettl 
Morin int. 


Wollcmborg 
Càrcano 


Di Broglio 


Ginsso 
Balenzano 



(a) Con decreto del 10 marzo 1889 fu istituito 11 Ministero delle poste e telegrafi. 



- 137 — 



POSTE 
TELEGR. 



(«) 
icava 



ranca iut. 



nocchiaro- 
Aprile 



erraris M. 



GRAZIA 
GIUSTIZIA 



meo 
uzzatti int. 



rola 



>i San Giuliano 



■asoolato 



talimberti 



Zanardelli 



Zanardelli 



Zanardelli 



Ferraris L. 
Chimirri 

Bonacci 

Eula 

Santamaria-Ni- 

colini 
Armò 

CalendadeiTa- 
vani 



Costa G. C. 



Costa G. C. 
Di Rudini hit. 
Giaiiturco 



ISTRUZIONE 
PUBBLICA 



Ceppino 



Coppino 
BoseUi 



Boselli 



ViUari 



GUERRA 



Bertolè-Viale 



Bertolè-Vlale 



Bertolè-Viale 



Pelloux 



Martini F. Pelloux 



Zanardelli 



Bonacci 



Finoccbiaro- 
Aprile 



Gianturco 



Cocco-Ortù 



Baccelli 



Gianturco 



Gianturco 
Codronchi - Ar- 
geli 



Gallo 



Baccelli 



Baccelli 



Mocenni 



Ricotti 



Pelloux 



MARINA 



Brin 



Brin 



Di Budini mt. 
De Saint-Bon 



De Saint-Bon 
Brin int. 
Bacchia 



Morin 



Gallo 



Nasi 



San Marzano 



San Marzano 



San Marzano 



Mirri 

i Pelloux int. 
San Martino 



San Martino 



San Martino 
Ottolenghi 



Brin 



Brin 



AGRICOLT. 



Grimaldi 



Grimaldi 
Miceli 



Miceli 



Chimirri 

Di Budini int. 



Lacava 



Boselli 
Barazzuoli 



Guicciardini 



Guicciardini 



Cocco-Ortù 



Canevaro Luzzatti int 



Palumbo 



Bettole 



Morin 



Morin 
Bettole 
Morin int. 



Fortis 



Salaudra 



Càrcano 



Picardi 

Zanardelli int. 
Baccelli 



— 138 — 

SENATO DEL REGNO 

XXI LEGISLATURA - 2* SESSIONE 

UFFICIO DI PRESIDENZA 

Presidente: Saracco Giuseppe. Taverna conte Rinaldo. Di Prampero conte 

Vicepresidenti: Cannizzaro prof. Stanislao, Antonino, Mariotti avv. Filippo, Ghiaia Lui^'i, 

Finali Gaspare, Tancredi prof. Canonico, Mez- Arrlvabene-Valenti-Gonzaga conte Silvio. 

zacapo Carlo. Questori: Barracco bar. Giovanni, Colonna- 

Segretari: Di San Giuseppe bar. Benedetto, Avella princ. Fabrizio. 

ELENCO DEI SENATORI 

S. A. R. Il Prìncipe Emanuele Filiberto di Savoia-Aosta, Duca d'Aosta. 

S. A. R. il Principe Tommaso di Savoia-Genova, Duca di Genova. 

S. A. R. il Principe Vittorio Emanuele di Savoia-Aosta, Conte di Torino. 

S. A. R. il Principe Luigi Amedeo di Savoia-Aosta, Duca degli Abruzzi. 



COGNOME E NOME 



A 

Accinni Enrico, Vice-ammira 
gito 

Adamoli ing. Giulio 

Albini conte Augusto, Contro 
ammiraglio a riposo .... 

Amato-Pojero Michele. . . . 

Angioletti Diego, Tenente Gè 
nerale a riposo 

Armò S. E. Giacomo, Primo 
Presidente di Corte di Cas- 
sazione a riposo 

Arrigossi avv. Luigi .... 

Arrivabene- Valenti- Gonzaga 
conte Silvio 

Ascoli Graziadio, Professore 
nella R. Accademia Scienti 
fico-Letteraria di Milano . 

Astengo avv. Carlo, Consigliere 
di Stato 

Atenolfì Pasquale marcfiese di 
Castelnuovo 

Aula ing. Nunzio 

Avogadro di Collobiano conte 
Ferdinando, Maggiore Gene- 
rale nella riserva 

B 

Baccelli avv. Augusto 

Baccelli avv. Giovanni, Presi- 
dente di Sezione della Corte 
dei Conti 

Badini Conlalonieri avv. Al- 
fonso 

Balenzano S. E. avv. Nicola, 
Ministro dei Lavori Pubblici. 

Balestra avv. Giacomo 

Barracco barone Giovanni . . 

Barracco barone Roberto. . . 

Barsanti avv. Olinto 

Bava-Beccaris nobile Fiorenzo, 
Tenente Generale in posizio- 
ne ausiliaria 



RESIDENZA 

ABITUALE 



Poma 

Besozzo (Como) 

Roma 
Palermo 

Cascina (Pisa) 



Palermo 
Verona 



Milano 

Roma 

Napoli 
Trapani 

Torino 
Roma 



Torino 

Roma 

Roma 

Roma 

Napoli 

Firenze 



COGNOME E NOME 



Torino 



Beltrani-Scalia avv. Martino, 
Consigliere di Stato 

Bertini avv. Giovanni Battista. 

Besozzi S. E. Giuseppe, Ten. 
Generale, comandante il IX 
Corpo d'armata 

Bianchi avv. Francesco, Pre- 
sidente del Consiglio di Stato. 

Blanc barone Alberto 

Blaserna dott. Pietro, Profes- 
sore nella R. Università di 
Roma 

Boccardo/)ro/'. Gerolamo, Con- 
sigliere di Stato 

Bodio prof. Luigi, Consigliere 
di Stato 

Bombrini Giovanni. 

Bonasi conte Adeodato, Presi- 
dente di Sezione del Consi- 
glio di Slato 

Boncompagni-Ijudovisi Igna- 
zio principe di Venosa . . . 

Boncompagni-Ludovisi- Otto- 
boni Marco dfica di Fiano. 

Bonelli Cesare, Tenente Gene- 
rale a riposo 

Boni Annibale, Tenente Gene- 
rale a riposo 

Bonvicini avv. Eugenio . . . . 

Bordonaro Gabriele barone di 

Chiaramonte 

Borelli ing. Bartolomeo. . . . 
Borgatta avv. Carlo 



RESIDENZA 

ABITUALE 



Roma 
Torino 



Borghese Felice, principe di 
I Rossano 

Ì' Borgnini S. E. avv. Giuseppe, 
Procuratore Gen. di Corte 
di Cassazione 
Borromeo conte Emanuele . . 
Buonamici Francesco, Profes- 
sore nella R. Università di 
Pisa 



Roma 



Roma 
Roma 



Roma 
Roma 



Roma 
Genova 



Roma 

Roma 

Roma 

Roma 

Pisa 

Massa Lombar- 
dn (Ravenna) 

Palermo 
! Genova 
Roccagrimalda 
(Alessandria) 

Roma 



Torino 
Milano 



Pisa 



— 13U 





RESIDENZA 




RESIDENZA 


COGNOME E NOME 


ABITUALE 


COGNOME E NOME 


ABITUALE 


c 




Cavalli dott. Luigi 


Vicenza 






Cavallini avv. Gaspare 


Lesa 


Cadenazzl avv. Giuseppe . . . 


Mantova 




(Novara) 


Caetani Onorato duca di Sei- 




Cavasela avv. Giannetto, Pre- 




moneta 


Roma 


fetto di Provincia a riposo. 


Roma 


Gagnola avv. Francesco .... 


Lodi 


Cefaly Antonio 


Roma 


(Milano) 
Napoli 


Ceresa Pacifico 


Venezia 


Calcagno Giuseppe 


Cerruti avv. Carlo 


Novara 


Calenda di Tavani nobile An- 




Cerruti Cesare, Vice-ammira- 




drea, Frefetto di rrovincia 
a riposo 




glio a riposo 


Roma 


Roma 


Cerruti prof. Valentino, ì-et- 




(.alenda di Tavani bar. S. E. 




tore della R. Università di 




Vincenzo, Procuratore Gen. 




Roma 


Roma 


di Corte di Cassazione. . . . 


Napoli 


Cesarini S. E. Carlo, Presidente 




Cambray - Digny conte Gu- 




di Corte di Cassazione a ri- 




glielmo 


Firenze 


DOSO 


Firenze 


Camerini conte Giovanni. . • . 


Ferrara 


Chiala Luigi • 


Roma 


l 'amozzi- Vertova nobile Gio. 


Bergamo 


Chiesa Michele 


Torino 


Battista 


Chigi-Zondadari marchese Bo- 
naventura 




Candiani Camillo, Contrammi- 
raglio in posizione di seroi- 


Siena-Roma 




Cibrario nob. avv. Giacinto . . 


Torino 


zio àitsilidrio . 


Olivola 
(Alessandria) 


Cittadella Vigodarzere conte 
Gino 






Padova 


Canevaro S. E. Felice Napo- 


Codronchi-Argeli conte dott. 




leone, Vice-ammiraglio . . . 
Cannizzaro Stanislao. Profes- 


Venezia 


Giovanni 


Roma e Imola 






(Bologna) 


sore nella B. Università di 




Cognata dott. Giuseppe . . ; . 


Girgenli 


Soma 


Roma 


Coletti avv. Domenico 


Padova 


Canonico avv. prof. Tancredi, 




Colocci march. Antonio .... 


Catania 


Primo Presidente della Corte 




Colombo prof. Giuseppe, Di- 




di Cassazione a riposo. . . . 


Firenzi 


rettore del R. Istituto Tecnico 




' antoni Carlo, Professore tiell a 




Superiore di Milano 


Milano 


R. Università di Pavia . . . 


Pavia 


Colonna Fabrizio principe di 




Capellini Giovanni, Prof, della 




Avella, Maggiore nella ri- 




li. Università di Bologna . . 
Caracciolo Gaetano^jrmt/^e di 


Bologna 


serva 


Roma 


Colonna Prospero principe di 




Castagneta 


Roma 


Sennino 


Roma 


Caracciolo di Sarno avv. Emi- 




Compagna barone Francesco. 


Napoli 


lio, Prefetto di Provincia. . 


Bari 


Compagna dei baroni Pietro . 


Palma Campa- 


Caravaggio a»». Evandro, pre- 






nia (Caserta) 


fetto di Provincia a riposo. 


Castiglione del- 


Comparetti prof. Domenico. . 


Firenze 




le Stiviere 


Consiglio Davide 


Napoli 




(Mantova) 


Cordopatri Pasquale 


Napoli 


Cardarelli doti. Antonio, Prof. 




Corsini Tommaso principe di 




nella B. Università di Napoli. 
Cardona Michele, Primo Pre- 


Napoli 


Sismano 


Firenze 


Cotti avv. Pietro, Presidente di 




sidente di Corte d' Appello . 


Roma 


Sezione della Corte dei Conti. 


Roma 


Carducci Giosuè, Professore 




Cucchi nobile Francesco. . . . 


Roma 


nella R. Univers. di Bologna. 


Bologna 


Curati avv. Enrico 


Napoli 


Carle Giuseppe, Profess. nella 








S. Università di Torino . . . 


Torino 


D 




c arnazza-Amari avv. Giusep- 








pe, Professore nella R. Uni- 




D'Adda marchese Emanuele . 


Milano 


versità di Catania 


Catania 


D'Ali Giuseppe 


Trapani 
Marsala 


arnazza - Puglisi Giuseppe, 
Professore nella R. Univer- 




Damiani Abele 






(Trapani) 


sità di Catania 


Catania 


D'Antona dott. Antonino, Prof. 




Carta-Mameli nob. avo. Miche- 




nella R. Università di Napoli. 


Napoli 


le, Consigliere di Stato . . . 


Roma 


D'Arco conte Antonio 


Ma ntova -Roma 


Canitti di Cantogno barone 




D'Ayala Valva nob. Pietro . . 


Taranto 


Domenico, Presidente onora- 






(Lecce) 


rio di sezione del Consiglio 




De Angeli Ernesto 


Milano 


di Stato 


Torino 


De Castris Arcangelo 


Salice Sàlentino 
(Lecce) 


Casana (dei Baroni) nob. ing. 




Severino 


Torino 


De-Cesare avv. Michelangelo, 
Primo Presidente onorario di 




Caselli Enrico, Presidente di Se- 






zione di Corte di Cassazione. 


Roma 


Corte di Cassazione 


Roma 



— 140 



COGNOME E NOME 


RESIDENZA 


COGNOME E NOME 


RESIDENZA 




ABITUALE 




ABITUALE 


De-Cristofaro dei baroni del- 




vale, Ispettore generale del 




l' Ingegna nobile Ippolito . 
De Giovanni doti. Achille, Pro- 


Catania 


Genio 


RntHfi 




Durante dott. Francesco, Pro- 




fessore nella R. Università 




fessore nella R. Università 




di Padova 


Padova 
Livorno 


di Roma 


Roma 


De-Larderel conte Florestano. 






Delfico De Filippis marchese 








Trajano conte di Longano . 


Roma 

(Teramo) 


E 




Della Verdura duca Giulio 
Benso 


Palermo 
Melfi 

(Potenza) 


Ellero prof. Pietro, Presidente 
onorario di Sezione del Con- 
siglio di Stato 




Del Zio prof. Floriano 


Roma 


Del Santo Andrea, Vice-ammi- 


Emo Capodilista conte Antonio 


Padova 


raglio nella riserva {*). . . . 


Genova 






De Mari marchese Marcello . 


Savona 


F 






(Genova) 




De Martino doti. Antonio, Prof. 








nella R. Università di Napoli. 


Napoli 


Fabrizi dott. Paolo 


Roma 


De Renzi doti. Errico, Prof, nel- 




Facheris avv. Giovanni . . . . 


Imago 


la R. Università di Napoli. . 


Napoli 




(Milano) 


De-Seta march. avv. Francesco 


Palermo 


Faina conte dott. Eugenio. . . 


Perugia 


De Siervo Fedele 


Napoli 


Faina conte Zeffirino 


Perugia 


De Sonnaz (Gerbaix) conte Giu- 




Faldella avv. Giovanni 


Saluggia 


seppe, Tenente Gener. nella 






(Novara) 


riserva 


Torino 


Faraggiana nobile Raffaele . . 


Novara 


Di Camporealei)r/HC(>e Paolo. 
Di Casalotto(Bon accorsi) mar- 


Roma-Palermo 


Farina Mattia 


Baronissi 






(Salerno) 


chese Domenico 


Catania 


Fava S, E. barone Saverio, In- 




Di Groppello - Tarino conte 




viato s'raordinario e Mini- 




Luigi 


Alessandria 


stro plenipotenziario con cre- 




Di Marco S. E. Pietro, Primo 




denziali di Ambasciatore a 




Presidente onorario di Corte 




riposo 


Roma 


di Cassazione . 


Roma-Palermo 


Fazioli conte Michele 


Ancona 


Di Marzo avv. Donato 


Napoli 


Fé d' Ostiani conte Alessandro, 




Dini Ulisse, Professore nella 




Inviato s'raordinario e Mi- 




R. Università di Pisa . . . . 


Pisa 


nistro Plenipotenziario a ri- 




Di Prampero conte Antonino, 
colonnello in ritiro 




poso 


Brescia 


Udine 


Figoli des Geneys conte Eu- 




Di Revel (Thaon) conte Ge- 
nova, Tenente Generale a 




genio 


Arenzano 






(Genova) 


riposo 


Milano 


Finali S. E. Gaspare, Presi- 




Di Revel (Thaon) conte Ignazio 


Torino 


dente della Corte dei Conti . 


Roma 


Di Sambuy (Balbo Bertone) 




Fogazzaro dott. Antonio. . . . 


Vicenza 


conte Ernesto 


Torino 


Fontana avv. Leone 


Torino 


Di San Giuseppe barone Be- 




Frescot aw. Filiberto 


Torino 


nedetto 


Roma 


Frisari conte Giulio 


Bi scegli e 


Di San Marzano {dei conti Asi- 


(Bari) 


nari) S.E. Alessandro, Tenen- 




Frola avv. Secondo 


Torino 


te Generale nella riserva . . 


Roma 


Fusco avv. Salvatore 


Napoli 


Di Scalea(Lanza-Spinelli)^ri«- 








cipe Francesco 


Palermo 






D'Oncieu de la Batie cotite 




G 




Paolo, Tenente Gener. nella 








riserva 


Torino 


Gabba Carlo Francesco, Pro- 




Doria marchese Ambrogio . . . 


Genova 


fessore nella R. Università 




Doria marchese Giacomo . . . 


Borzóli 


di Pisa 


Pisa 




(Genova) 


Gamba eonte Pietro 


Ravenna 


Doria d'Eboli duca Francesco. 


Napoli 


Garnerl Giuseppe, Tenente Ge- 




Doria Pamphyll principe Don 




nerale a riposo 


Roma 


Alfonso 


Roma 


Gattini conte Giuseppe .... 


Matera 


Driquet nob. Edoardo, Tenente 






(Potenza) 


Generale a riposo 


Firenze 


Gemmellaro Gaetano Giorgio, 




Diuand De La Penne 8. E, 




Professore nella R. Univer- 




march. Luigi, Tenente Gene- 




sità di Palermo 

Gherardini ntarch. Gianfran- 


Palermo 






(*) Non ha prestato giurarne 


Ito. 


cesco 


Reggio Emilia 



141 





RESIDENZA 




RESIDENZA 


COGNOME E NOME 


ABITUALE 


COGNOME E NOME 


ABITUALE 


Ginistrelli Edoardo. : 


Napoli 


Manfrin (di Castione) conte 






(Capodimonte) 
Firenze 


Pietro 


Roma - Hoss no 


Ginori marchese Carlo 




veneto 


Giorgi avv. Giorgio, Presid. di 






(Vicenza) 


sez. del Consiglio di Stalo . 


Roma 


Mantegazza dott. Paolo, Pro- 




Giorgini Gio. Batt., Professore 




fessore nel R. Istituto di 




emerito delie PR. Università 




Studi Superiori di Firenze. 


Firenze 


/7i T*ÌQrt o /7i f\ìP%\fl 


/X /Vi M / » /» 1 1 /ì C/1 


Maragliano rfo«. Edoardo, Pro- 
fessore nella R. Università 




(1 » JT loU C Uf tOix^Utll •••••• 


(MassaCarraia) 




Giuliani di San Lucido Fran- 
cesco 




di Genova 


GCHOVfl 


San Lucido 


Marazio di Santa Maria Ba- 






(Cosenza) 


gnolo bar. Annibale 


Torino 


Golgi Camillo, P;-o/'i?s.*ore nella 




Marietti avv. Filippo, Consi- 




P. Università di Paria . . . 


Pavia 


gliere di Stato 


Roma 


Gravina march. Luigi, Prefetto 




Marietti avv. Giovanni 


Parma 


di Provincia a riposo .... 


Gì arre 


Martelli avv. Mario 


Milano 




(Catania) 


Massabò avv. Vincenzo .... 


Porto Mimi zio 


Greppi conte Giuseppe, Inviato 




Massaranl dott. Tulio 


Milano 


straordinario e Ministro Ple- 




Massarucci conte Alceo .... 


Roma 


nipotenziario con credenziali 




Mazzolani barone avv. Carlo, 




di Ambasciatore a riposo , . 


Milano 


Presid. di Sezione del Consi- 




Guarneri avv. Andrea, Prof, 
nella P. Univer. di Palermo. 




olio di Stato .......... 


Roma 


Palermo 


Melodìa Niccolò 


Corato 


Guerrieri-Gonzaga mar. Carlo. 


Roma-Gonzaga 




(Bari) 




(Mantova) 


Mezzacapo S. E. Carlo, Te- 




Guglielmi march. Giacinto . . 


Roma 


nente Generale a riposo. . . 


Roma 


Guiccioli march. Alessandro, 




Mezzanotte Camillo 


Chieti 


Prefetto di Provincia .... 


Torino 


Miceli rtìnv Luigi 


Roma 






Michlel conte Luigi 


Venezia 






Miraglia Luigi, Profess. nella 




1 




R. Università di Napoli. . . 


Napoli 






Mirri Giuseppe, Tenente Gene- 




Inghillerl Calcedonio, Consi- 




rale in posizione ausiliaria . 


Roma 


gliere di Stato 


Roma 


Monteverde prof. Giulio . . . 


Roìna 






Morin S.E. Costantino, Vice- 








amm. Ministro della Marina. 


Roma 


L 




Morisani Ottavio, Professore 








nella R. Università di Napoli. 


Napoli 


Lampertico rfo«. Fedele, Pre- 




Morosoli avv. Robustiano. . . 


Pisa 


sidente del P. Istinto Veneto 




Morra di Lavriano e della 




di scienze, lettere ed arti . . 


Vicenza 


Monta S. E. conte Roberto, 




Lancia di Brolo mar. Corrado. 


Roma 


Tenente Generale in riserva, 




Lanza S. E. conte Carlo, Te- 




Inviato straordinario e Mini- 




nente Gener., Inviato straor- 




stro plenipotenziario con cre- 




dinario e Ministro plenipo- 




denziali di Ambasciatore . . 


Pietroburgo 


tenziario, con credenziali di 




Moscuzza dott. Gaetano. . . . 


Siracusa 


Ambasciatore 


Berlino 

Sarno 


Municchi conte avv. Carlo, Pre- 
fetto di Provincia in ritiro. 




Lanzara avv. Giuseppe . . . . 


Firenze 




(Salerno) 


Mussi dott. Giuseppe 


Milano 


Levi noh. Ulderico 


Reggio Emilia 






Longo Giacomo, Tenente Ge- 








nerale a riposo 


Roma 


N 




Lorenzini Augusto 


Roma 






Lucchini avv. Giovanni . . . . 


Vicenza 






Luchini avv. prof. Odoardo . . 


Firenze 


Nannarone Raffaele 

Nigra conte Costantino, Invialo 
straordinario e Ministro ple- 


F,ggia 


M 




nipotenziario con credenziali 








di Ambasciatore 


V.enna 


Majelli S.E. Giuseppe, Primo 








Presid. di Corle di Cassazione 








a riposo 


Palerr.io 







Malvano aiv. Giacomo, Consi- 






gliere di Stato 


Roma 


Oddone avv. Giovanni 




Manfredi S. E. avv. Giuseppe, 


Alessandria 


Procuratore Generale di Corte 




Odescalchi princ. Baldassarre. 


Roma 


di Cassazione 


Firenze 


Oliveri Eugenio 


Palermo 



142 — 



COGNOME E NOME 


RESIDENZA 

ABITUALE 


COGNOME E NOME 


RESIDENZA 

ABITUALE 


Orengo march. Paolo, Vice-am- 
miraglio in posiz. ausiliaria. 


Boma e Venti- 
mi gli a 


Primerano Domenico, Tenente 

Generale nella riserva. . . . 

Prinetti Carlo . 


Boma 
Milano 


Ottolenghi S. E. Giuseppe, Te- 
nente Gener., Ministro della 


Pucci Guglielmo, Ispett. Ge- 
nerale del Genio Navale a 




P 


Boma 
Venezia 
Novara 
Oristano 
(Cagliari) 

Boma 

Boma-Bavenna 

Faenza 

(Ravenna) 
Napoli 

Boma 

Boma 
Brescia 

Torino 
Venezia 

Torino 

Bordighera 
(Porto Mauri- 
zio) 

Napoli 
Lucca 

Genova-Jìoma 
Boma 

Napoli 


Q 




Pagano-Guarnaschelli S. E. 
Giambattista, Frimo Presi- 
dente di Corte di Cassazione. 

Papadopoli conte Nicolò. . . . 

Parona dott. Francesco .... 

Parpaglia nob. avv. Salvatore . 

Pascale S. E. Emilio, Procu- 


R 

Rattazzi S. E. avv. Urbano. 

Ministro di Stato 

Resti-Ferrari avv. Giuseppe, 

Primo Presidente di Corte 


(Genova) 
Boma 


Cassazione 


Riberi avv. Spirito 

Ricotti S. E. Cesare, Tenen'e 

Generale a riposo 

Ridoltì marcJt. Luigi 

Rignon conte Felice 

Riolo Vincenzo, conte del Piano. 

Rossi Angelo 


Cuneo 


Pasolini conte Pier Desiderio. 
Pasolinl-Zanelli conte Gius. . 

Patamia prof. Carmelo .... 

Paterno di Sessa Emanuele, 
Professore nella R. Univer- 
sità di Roma , . 


Novara 
Scandicci 

(Firenze) 
Torino 
Naro 

(Girgenti) 
Torino 


Paternostro dott. Francesco, 


Consigliere della Corte dei 
Conti 


Rossi avv. Giuseppe 

Rossi avv Luigi 


Catanzaro 
Mila no 


Pavoni avv. Giovanni 


Rossi-Martini conte Gerolamo. 


Genova 


vacato Augusto, Inviato stra- 
ordinario e Ministro Pleni- 
potenziario a riposo 

Pellegrini avv. Clemente . . . 

Pelloux S. E. Leone, Tenente 
Generale in posiz. ausiliaria. 

Pelloux Luigi, Tenente Gene- 
rale in posizione ausiliaria. 

Pessina «r». Enrico, Pi-ofessore 
nella B. Vniver. di Napoli. 


Ruffo Fabrizio, principe di 
Motta Bagnara 

S 

Sacchetti inq. Gualtiero. . . . 

Saladini conte Saladino, Pre- 
fetto di Provincia a riposo . 

Saletta S. E. Tancredi, Tenente 
Generale, Capo di Stato Mag- 
giore dell'Esercito 

Saluzzo di Monterosso conte 


Boma 

Bologna 
Cesena (Forlì) 

Boma 


Piaggio Erasmo 

Picardi avv. Silvestro 

Piedimonte (Gaetani dell'A- 
quila d'Aragona) prmc. Ono- 


Sambiase-Sanseverino princi- 
pe Michele. . 


(Cuneo) 
PoHici'Napoli 


Sani Giacomo, Maggior Gene- 
rale Commiss, nella riserva . 
San Martino Valperga conte 


Pierantoni avv. Augusto, Pro- 
fessore nella B. Università 
di Boma 


Boma 

Torino 
Milano 
Milano 
Pago- Vejano 
(Benevento) 

Genova 
Milano 

Firenze 

Boma 




Sanseverino-Vimercati conU 
ing. Alfonso, Prefetto di Pro- 
vincia a riposo 

Santamaria-Nicolini 8. E. nruC 
Francesco, Primo Presidente 
di Corte di Cassazione. . . . 

Saracco 8. E. ava. Giuseppe. 

Scarabelli - Gommi - Flaminj 




Pinelli S. E. conte Tullio, Pri- 
mo Presid. di Corte di Cas- 
sazione 


Milano 


Piola nobile Giuseppe 

Pisa doti. Ugo 


Napoli 
Roma-Acqui 
(Ale.ssandria) 

Imola 


Polvere marchese avv. Nicola. 

Ponsiglioni /)rof. Antonio, i)ro- 
fessore della B. Università di 


Schiaparelli prof. Giovanni. . 
Schiavoni-Carissimo Nicola. . 

Schininà Giuseppe march, di 
S. Elia 


(Bologna) 
Milano 


Ponti Ettore 


Ponza di San Martino conte 
Coriolano, Tenente Generale. 

Ponzio Vaglia S. E. Emilio, 
Tenente Gener, velia riserva. 


Manduria 
(Lecce» 

[cusr) 
Bagusa (Siru- 



113 



COGNOME E NOME 



Schupfer Francesco, Profes- 
sore nella Ji. Università di 
Boma 

Secondi Riccardo, Professore 
nella B. Università di Genova 

Senise Cannine, Prefetto di 
Provincia a riposo 



RESIDENZA 

ABITUALE 



Senise Tommaso, Professore 
nella B. Univers. di Napoli. 

Serafini Bernardino Costanti- 
no, Tenente Gener. a riposo. | 

- rena bar. avv. Ottavio, con-\ 
siyliere di Stato 

Siaccl colonnello Francesco,! 
Professori nella B. Univer-t 
sita di Napoli I 

Sennino barone Giorgio. ■ • •! 

Sormani-Moretti conte avvo-\ 
rato Luigi, Prefetto di Pro-\ 
rincia ! 

-peroni ing. Giuseppe ■ 

Spinola march. Federico Co-j 
stanzo. Inviato straordinario 
e Ministro plenipotenziario 



Bontà 

Genova 

Corleto-Pertica- 
ra (Potenza) 

Napoli 

Fano (Pesaro) 

Boma 



Napoli 
Fireme-Boma 



Peru<fia 
Milano 



Strozzi principe Piero . 



Taiani avv. Diego , 



Tanari marchese Luigi 

Tasca Lanza conte Giuseppe. 
Taverna conte Rinaldo, Mag- 
gior Generale nella i-iserva. 

Tittoni ai;p. Tommaso 

Tittoni Vincenzo 

Todaro dott. Francesco. Pro- 



Armadi Taggia 
(Porto Mauriz.) 
Firenze 



Boma-Portici 
(Napoli) 
Bologna 
Palermo 

Boma-Milano 

Napoli 

Boma 



COGNOME E NOME 



fessore nella B. Università 
di Boma 

Tolomei conte Bernardo. . . . 

Tornielli-Brusati di Vergano 
S.E. conte Giuseppe, Inviato 
straordinario e Ministro ple- 
nipotenziario con credenziali 
di Ambasciatore 

Torrigiani marchese Pietro . . 

Tortarolo ing. Pietro 

Tournon Ottone, Tenente Ge- 
nerale in posizione ausi- 
liaria 

Traufo avv. Carlo 

Trigona di Sani' 'Elia, principe 

Domenico 

Trincherà prof. Francesco . . 
Trotti marchese Ludovico . . 



Vaccaj Giuseppe 

Vacchelli dott. Pietro 

Valotti conte Diogene 

Vigoni nobile ing. Giulio . . • 

Vigoni nobile ing. Giuseppe. . 

Villari Pasquale, Professore nel 
B. Istituto Super, di Firenze. 

Vischi nob. avv. Nicola 

Visconti-Venosta march. Emi- 
lio 

Visocehi Alfonso 

Vitelleschi-Nobili »»« >r7j.Fran- 
cesco 



Zoppi conte Vittorio, Prefetto 
di Provincia a riposo . . . . 



RESIDENZA 

ABITUALE 



Boma 

Siena 



Parigi 

Firenze 

Genova 



Torino 

Tropea (Catan- 
zaro) 

Palermo 
Ostimi (Lecce) 
Milano 



Pesaro 

Cremona 

Brescia 

Milano 

Milano 



Firenze 
Troni (Bari) 



Milano 

Atina (Caserta) 



Boma 



Alessandria 



(Stampato il 10 settembre 1903). 



CAMERA DEI DEPUTATI 

XXI LEGISLATURA - 2» SESSIONE 



UFFICIO DI PRESIDENZA 

Presidente: Biancheri. Segretari: Stelluti-Scala, De Marinis, Lu- 

Vicepresidenti : Mai'cora, Palberti, De Ri- cifero, Ceriana Mayneri, Del Balzo, Braoei-Te- 
seis, Torrigiani. stasecca. Di Trabìa (Lanza), Podestà. 

Questori: Giordano-Apostoli, Biscaretti di Ruffia. 



EI/ENCO ALFABETICO DEI DEPUTATI 

con l'indicazione del Collegio elettorale che rappresentano. 



Abbruzzese Antonio Modugno 

Abignente prof. Giovanni Mercato San Se- 
verino 
Afan de Rivera warcA.Achille Napoli I 
Agnini Gregorio Mirandola 



j Albertelli ing. Guido 

Albertoni prof. Pietro 
j Alessio prof. Giulio 

Aliberti Gennaro 
! Altobelli avv. Carlo 
} Angiolini dott. Antonio 
I Anzani bar. Ottavio 



Aifuglia arv. Francesco Albano Laziale \ .\prile avv. bar. Pietro 



Partna li 

Bozzolo 
Padova 
Napoli X 
Ortona a Mare 
Prato Toscana 
Ariano 
Begalbuto 



— 144 



Ai-lotta Enrico Kcipoli III 

Arnaboldi - Gazzaniga cojite 

Bernardo Canta 

Avellone avv. Salvatore Corleone 



Baccelli avv. dott. Alfredo Tivoli 

Baccelli prof. Guido Boma III 

Badaloni dott. Nicola Badia Polesine 

Baragiola dott. Pietro Erba 

Barbato dott. Nicola Carato 

Barilari Domenico Ancona 

Barnabei dott. Felice Teramo 

Barracco hai: Alberto Spezzano Grande 

Barzilai avv. Salvatore Botna V 

Basetti dott. Gian Lorenzo Castelnuovo nei 

Monti 
Bastogi conte Gioacchino Monte ptdci ano 
Battaglieri avv. Augusto Casal Monferrato 
Battelli prof. Angelo Pisa 
Bereninl avv. Agostino Borgo S. Donnino 
Bergamasco ing. Eugenio Moriara 
Berlo avv. Giuseppe Oneglia 
Bertarelli avv. Pietro Tortona 
Bertesi Alfredo Carpi 
Bertetti avv. Michele Ciriè 
Bertoldi avv. Antonio Portogrtiaro 
Bertolini avv. Pietro Montebelluna 
Bettòlo Giovanni Becco 
Biancheri avv. Giuseppe San Beino 
Bianchi avv. Emilio Lari 
Bianchi prof. Leonardo Montesarchio 
Bianchini conte avv.Yìwcenzo Treviso 
Biscaretti di Ruffia conte Ro- 
berto Torino III 
Bissolati-Bergamaschi avv. 

Leonida Budrio 

Bonacossa ing. Giuseppe Vigevano 

Bonanno Pietro Palermo IV 

Bonardi avv. Massimo Brescia 

Bonin-Longare conte Lelio Marostica 

Bonoris conte Gaetano Zonato 

Borclanl avv. Alberto Montecchio nel- 
l'Emilia 

Borghese princ. Camillo Anagni 

Borsani ing. Giuseppe Abbiategrasso 
Borsarelll di Rifreddo bar. 

Luigi Villadeati 

Boselli avv. Paolo Avigliana 

Bossi prof. Luigi Varese 

Bovi Giovanni Palmi 

Bracci nob. Giuseppe Orvieto 

Brandolin conte Gerolamo Conegliano 

Brizzolesl Enrico Capriata d'Orba 

Broccoli avv. Angelo Teano 

Brunialti prof. Attilio Thiene 

Brunicardi ing. Adolfo Bocca S. Caaciano 



Cabrini Angiolo 
Calderoni dott. Pasquale 
Caldesi avv. Clemente 
Calissano avv. Teobaldo 
Callaini avv. Luigi 
Calieri art'. Giacomo 
Calvi avv. Gaetano 

Camagna avv. Biagio 
Camera Giovanni 



Milano VI 

Altamura 

Faenza 

Alba 

Colle di Val d'Elsa 

Ceva 

San Nazaro dei 

Burgondi 
Beggio Calabria 
Sala Consilina 



Camerini dott. Paolo Este 

Campi avv. Emilio Cuggiono 

Campus-Serra avv. Antonio Cagliari 
Canevari Alfredo Viterbo 

Cantalamessa avv. Apelle Ascoli Piceno 
Cantarano dott. Guglielmo Gaeta 
Cao-Pinna nob. ing. Antonio Serramanna 
Capaldo avv. Luigi Lacedonia 

Capozzi nob. avv. Michele Atripalda 
Cappelleri Vincenzo Caulonia 

Cappelli march. Raffaele San Demetrio nei 

Vestini 
Caratti avv. Umberto Gemona 

Carboni-Boj avv. Enrico Oristano 
Carcano avv. Paolo Como 

Carmine ing. Pietro Vimercate 

Carugati Egildo Zogno 

Casciani dott. Paolo Pistoia I 

Castelbarco-Albani principe 

avv. Carlo Pesaro 

Castiglioni conte Baldassare Breno 
Castoldi ing, Alberto Iglesias 

Catanzaro Carlo Livorno II 

Cavagnari avv. Carlo Bapallo 

Celesia di Vegliasco avv. Gio- 
vanni Albenga 
Celli prof. Angelo Cagli 
Ceriana-Mayneri conte Lu- 
dovico Valenza 
Cerri avv. Giovanni Avezzano 
Cernili Giuseppe Giuìianova 
Cesaroni Ferdinando Cortona 
Chiapperò avv. Alfredo Barge 
Chiapusso dott. Felice Susa 
Chiarugi prof. Giulio Siena 
Chiesa Pietro San Pier d'Arena 
Chiesi Gustavo Forti 
Chimienti avv. prof. Pietro Brindisi 
Chimirri avv. Bruno Serra San Bruno 
Chinaglia dott. Luigi Montagnana 
decotti dott. Ettore Napoli Vili 
Cimati Camillo Pontremoli 
Cimorelli Edoardo Isemia [r?./ 
Cipelli avv. Vittorio Fiorenzuola d'Ar- 
Cirmeni dott. Benedetto Militello in Val di 

Catania 
Civelli Antonio Firenze I 

Cocco-Ortu avv. Francesco Isili 
Cocuzza Federico Bagusa Superiore 

Codacci-Pisanclli prof. Al- 
fredo Tricase 
Coflfari bar. Gerolamo Aragona 
Colajanni dott. Napoleone Castrogiovanni 
Colombo - Quattrofrati nob. 

avv. Girolamo Sassuolo 

Colonna princ. Luciano Cercano 
Colosimo avv. Gaspare Serrastretta 

Colucci Matteo Monopoli 

Comandini avv. Ubaldo Cesena 

Compagna bar. Gennaro Cassano al Jonio 
Compans march. Carlo Caluso 

Contarini march. Luigi Girgenti 

Cornalba arv. Giuseppe Lodi 

Corrado avv. Enrico Benevento 

Cortese prof. Giacomo Cairo Montenotte 

Costa Andrea Imola 

Costa-Zenoglio dr. Rolando Chiavari 
Cottafavi avv. Vittorio Correggio 

Credaro prof. Luigi Tirano 

Crespi dott. Silvio Caprino Berga- 

masco 
CariODi acp. GiOTanni Borgomanero 



— 145 — 



Cnrreno niu\ Giacomo 

Ci.yvi ,irr (ìinseppe 



Cfi 'ì'ctsco 
l'iilldtiza 



;» Alife (Gaetani) conte Ni- 

*'*•'» Eossano 

Dal Verme eonte Luchino Bobbio 
D'Andrea avv. Giuseppe Cerreto Scinuita 
Daneo arr. Edoardo Torino I 

Daneo aiv. Gian Carlo Pontedecinio 

Danieli avi: Gualtiero Tregnago 

De Amicis Mansueto Sohnona 

De Aiidreis ing. Luigi Miìano I 

De Asarta conte Vittorio FalnianovQ 
De Bellis Vito Gioia del Colle 

De Bernardis avp. Vincenzo Xapoli VI 
De Cesare doti. Raffaele Manduria 
De Cristoforis dott. Malachia Milano III 
De Felice Giuffrida Gius. Catania II 
De Gajjlia dott. Michele Campobasso 

De Gennaro Ferrigni prof. 

Amerigo Napoli IX 

De Giacomo prof. Annibale Pes.ina 
De Giorgio aiv. Pietro Lanciano 

Del Balzo Carlo lesi 

Del Balzo bar. Girolamo Bajano 
Dell'Acqua Carlo Busto Arsizio 

De Luca«rt?. Ippolito Onorio Canicatti 
De Luca avo. Paolo Anania Sant' Angelo dei 
-- ,^ ^ Lombardi 

De Marims prof Enrico Salerno 
De Martino Giacomo Napoli XII 

De Naya avv. Giuseppe Bagnara Calabro 
De Nobili march. Prospero Spezia 
De Novellis dott. Fedele Verbicaro 
De Prisco Vincenzo Torre Annunziata 

De Renzis Michele Capua 

De Riseis 6«;-. Giuseppe Città Sant'Angelo 
De Riseis bar. Luigi Fa^^o 

Ue Seta mg. Luigi Poo^a 

De Viti De Marco jjro/". An 

tonio 
Di Bagnasco (Coardi di Car- 

peneto) march. Emanuele Cuorgnè 
Di Broglio nob. dott. Ernesto San Biajio di Cal- 
Di Canneto (Gironda) prin- Ualta 

o^« Giuseppe A'-a;>or " 

Di Palma Federico 
Di Budini (Starrabba) mar- 
chese Antonio 
Di Budini (Starrabba) mar- 
chese Carlo 
Di San Giuliano march. An- 
tonino 
Di Sant'Onofrio (del Castillo) 

march. Ugo 
Di Scalea (Lanza) principe 

Pietro 
Di Stefano Napolitani avv. 

Giuseppe 
Di Terranova (Pignatelli) 

Tì/T*">?'".x^PP® terranova di Si- 

Di Trabia (Lanza) principe \rilia 

l/%^Z r. . Palermo III 

Di Tulho-De Niccolò avv. 

Donadio »«<; Edoardo Savigliano 

Donati avv. Carlo ^««L 

Donnaperna marcA. Cesare Chiaromonte 

Dozzio Ugo Corleolona 



Gallipoli 



l'aranto 

Caccamo 

Noto 

Catania I 

Castroreale 

Serradifalco 

Palermo I 



Engel ing. Adolfo 



Fabri avv. Carlo 
Facta avv. Luigi 
Falcioni avv. Alfi-edo 
Falconi conte dott. Gaetano 
Falconi avv. Nicola 
Falletti di Villafalletto con- 
te Paolo 
Fani avv. Cesare 
Faranda atw. prof. Frane. 
Farinet Alfonso 
Farinet prof. Francesco 
Fasce Giuseppe 
Fazio Giacomo 
Fazzi dutt. Vito 
lede dott. Francesco 
Ferraris dott. Maggiorino 
Ferraris avv. Napoleone 
Ferrerò di Cambiano mar- 
chese avv. Cesare 
Ferri avv. Enrico 
Fiamberti avv. Massimo 
Filì-Astolfone avv. Ignazio 
Finardi nob. avv. Giovanni 
Fi nocchiaro- Aprile avv. Ca- 
millo . 
Finocchiaro prf,f. Lucio 
Florena avv. Filippo 
Fortis avv. Alessandro 
Fortunato dott. Giustino 
Fracassi di Torre Rossano 

march, dott. Domenico 
Fradeletto prof Antonio 
Franchetti Leopoldo 
Francica-Nava Giovanni 
Frascara avv. Giuseppe 
Freschi conte Guslavo 



Treviglio 



Bettola 

Pinerolo 

T>omodossola 

Fermo 

Agtione 

Possano 

Perugia II 

Messina II 

Aosta 

VerrPs 

Genova III 

Alcamo 

Lecce 

Piccia 

Acqui 

Castel S. Giovanni 

Torino V 
Ravenna II 
Levanto 
Licata 
Bergamo 

Frizzi 
Paterno 
Mistretla 
Poggio Mirteto 
Melfi 



Fulci avv. Ludovico 

j Fulci avv. Nicolò 
j Furnari avv. Santi 
I Fusco avv. Lodovico 
Fusinato prof. Guido 



CrescenHno 

Venezia III 

Città di Castello 

Siracusa 

Alessandria 

San Vito al Ta- 
gliamento 

Franca villa di Si- 
cilia 

Milazzo 

Patti 

Popoli 

Feltr» 



Gaetani di Laurenzana conte 

Luigi 
Galimberti avv. Tancredi 
Galletti di Calilhac Arturo 
Galli avv. Roberto 
Gallini ùvv. Carlo 

Gallo avv. Niccolò 
1 Galluppi avv. Enrico 
! Garavetti avv. Filippo 
I Gatti dott. Girolamo 
j Gattoni ing. Bortolo 
I Gattorno Federico 
i Gavazzi Lodovico 

Gavotti avv. Gustavo 

Ghigi Eutimio 

Giaccone avv. Vittorio 
Gianturco avv. Emanuele 



Piedimonte d'Ali fé 

Cuneo 

Montegiorgio 

Ch loggia 

Pavullo nel Fri- 
gnano 
Foligno 

Civitavecchia 
Sissari 

Osfiglia 

Codogno 

E imi ni 

Lecco 

Nizza Monferrato 

San Giovanni in 

Persiceto 
Mondovì 
Acerenza 
10 



— 146 - 



(jinori-Conti prìncipe dott. 

Pietro 
Giolitti avv. Giovanni 
Giordano-Apostoli bar. Giu- 
seppe 
Giovanelli ain\ Odoardo 
Girardi avv. Francesco 
Girardini avv. Giuseppe 
Giuliani Gaetano 
Giunti bar. Leopoldo 
Giusso conte Girolamo 
Gorio avv. Carlo 
Grassi-Voces doti. Giuseppe 
Grippo avv. Pasquale 
Grossi avv. Federico 
Gualtieri avv. Alberto 
Guerci ing. Cornelio 
Guicciardini co» te Francesco 
Gussoni Gaspare 



Volterra 
Dronero 

Alghero 
Asti 

Napoli IV 
Udine 
Capaccio 
Castrovillari 
Manfredonia 
Verolaniiuva 
Acireale 
Muro Luca IO 
Sora 

Napoli VII 
Langhirano 
San Miniato 
elusone 



Imperiale di Sant' Angelo 



march. Cesare 
Jatta Antonio 



Genova 1 
Minervino Mioye 



Lacava avv. Pietro 
Lagasi dott. Primo 
Lampiasi dott. Ignazio 
Landucci avv. Landò 
Laudisi Giuseppe 
Lazzaro prof. Giuseppe 
Leali conte Pietro 
Leone avv. Giuseppe 
Leonetti Raffaele 
Libertini Gravina Pasquale 
Libertini Pluchinotta dott. 

Gesualdo 
Licata dott. Giuseppe 
Lojodice avvocato Vincenzo 

Edoardo 
Lollini avv. Vittorio 
Lovito Francesco 
Lucca ing. Piero 
Lucchini Angelo 
Lucchini avv. Luigi 
Lucernari conte Annibale 
Lucifero march. Alfonso 
Luzzattl prof. Luigi 
Luzzatto ing. Arturo 
Luzzatto avv. Riccardo 



Corleto l'ertìcara 

Borgotaro 

Calatafìmi 

Arezzo 

Bitonto 

Conversano 

Mon*eftascone 

Palata 

Caserta 

Augusta 

Caltagirone 
Sciacca 

Nocera Inferiore 
Gonzaga 
Brienza 
Vercelli 
Gavirate 
Verona 1 
Pontecorvo 
Cotrone 
Abano Bagni 
Montevarchi 
San Daniele nel 
Friuli 



Macola conte Ferruccio 
Majno avv. Luigi 
Majorana avv. Angelo 
Malvezzi conte dott. Nerio 
Mangiagalli prof. Luigi 
Mango avv. Camillo 
Manna avv. Gennaro 
Mantlca dott. Giuseppe 
Manzato prof. Renato 
Maralni Emilio 
Marazzi conte Fortunato 
Marcora avv. Giuseppe 
Maresca dott. Eugenio 
Marescalchi AUunso 



Castel Franco Ve- 
Milano II [neto 
Nicosia 
Bologna I 
Milano IV 
Lagonegro 
Aquila 
Cittanova 
Venezia II 
Legnago 
Crema 
Sondrio 
Ostuni 
Bologna II 



Marescalchi- Gravina avvO' 

cato Luigi 
Marinuzzi avv. Antonio 
Mariotti avr. Ruggero 
Marsengo - Bastia avvocato 

Ignazio 
Martini prof. Ferdinando 
Marzotto Vittorio 
Mascia doli. Giuseppe 
Masciantonio avv. Pasquale 
Massa prof. Giovanni 
Massimini avv. Fausto 
Materi Francesco Paolo 
Matteucci avv. Francesco 
Maurigi di Castel Maurigi 

march. Ruggiero 
Maury Eugenio 
Mazza avv. Pilade 
Mazzella avv. Michele 
Mazziotti avv. Matteo 
Meardi avv. Francesco 
Medici Francesco 
Mei avv. Isidoro 
Melli Elio 

Menafoglio march. Paolo 
Merci avv. Cesare 
Merello Luigi 
Mezzacapo avv. Guido 
Mezzanotte avv. Camillo 
Miaglia avv. Edoardo 
Micheli Alfredo 
Miniscalchi - Erizzo conte 

Marco 
Mirabelli Roberto 
Mirto-Seggio Pietro 
Molmenti dott. Pompeo 
Montagna Francesco 
Montemartini dott. Luigi 
Monti nob. avv. Gustavo 
Monti-Guarnieri avv. Sta- 
nislao 
Morandi prof. Luigi 
Morando conte dott. Gian 

Giacomo 
Morelli-Gualtierotti avv. Gi- 

smondo 
Morgari Oddino 
Morpurgo rag. Elio 
Murmura avv. Pasquale 



Nasi avv. Nunzio 
Niccolini march. Ippolito 
Nocito avv. Pietro 

Noè Giovanni 
Nofrl Quirino 
Nuvoloni avv. Domenico 



Piazza Anneri»! 
Palermo II 
Fano 

Vigone 
Pescia 
Valdagno 
San Severo 
Gessopa^ena 
No vai -a 
Leno 
Tricarico 
Capannori 

Borgo a Mozza» 

Foggia 

Poma I 

Pozzuoli 

Torchiara 

Voghera 

Oviglio 

Vittorio 

Cornacchia 

Modena 

Firenze IV 

Lanusei 

Amalfi 

Chieti 

Chiv ISSO 

Livorno I 

Bardolino 

Ravenna I 

Monreale 

Salò 

Acer r a 

Stradella 

Pordenone 

Senigallia 
Todi 

Ciliari 

Pistoia II 
Torino II 
CividalenelFrìi 
Monteleone Cai 
òro 



Trapani 
Campi B'senzio 
Acquaviva delle 

Fonti 
Messina I 
Torino IV 
Porto Maurizio 



Olivieri avv. Erminio Parma I 

Orlando avv. Vittorio Ema- 
nuele Partinico 
Orsini-Baroni Francesco Pontedera 
Ottavi dott. Edoardo Vigonza 



Paganini ing. Roberto 
Pais-Serra Francesco 
Pala avv. Giacomo 



Belluno 

Ozieri 

l'empio Pautani 



- 147 - 



Palatini avr. Michele 
Falbe rti avv. Romualdo 
Pansini avv. Pietro 
Pautaleoni prof. Maffeo 
Pantano dott. Edoardo 
Panzacchi prof. Enrico 
Papadopoli conte Angelo 
Parlapiano Antonino 
Pascolato avv. Alessandro 
Pastore doit. Alceo 

Patrizi! bar. avv. Luigi Ber- 
nardo 
Pavia avv. Angelo 
Pavoncelli Giuseppe 
Pelle avv. Raffaele 
Pellegrini a it. Antonio 
Pennati avv. Oreste 
Perla avv. Raffaele 

Perrotta-Fiamingo Onofrio 
Persone nob. Luciano 
Pescetti avv. Giuseppe 
Pessano avv. Enrico 
Piccolo-Cupani Vincenzo 
Pierotti ing. Rodolfo 
Pinchia nob. dott. Emilio 
Pini avv. Enrico 
Pinna avv. Giuseppe 
Pipitene prof. Vincenzo 
Pistoia Francesco 
Pivano avv. Carlo Antonio 
Pizzorni avv. Edoardo 
Placido avv. Pasquale 
Podestà Luigi 
Poggi Giuseppe 
Poli avv. Giovanni 

Pompilj Guido 
Pezzato avv. Italo 
Pozzi avv. Domenico 

Pozzo avv. Marco 
Prampolini dott. Camillo 
Prinetti ing. Giulio 
Pugliese avv. Gius. Alberto 
PuUè conte Leopoldo. 



Quintieri dott. Angelo 



Raccuini avv. Domenico 
Raggio conte avv. Edilio 
Rampoldi prc*'. Roberto 
Rebaudengo conte Eugenio 
Rava avv. prof. Luigi 
Resta-Pallavicino conte dott. 

Ferdinando 
Ricci march. Paolo 
Riccio avv. Vincenzo 
Ridolfl march, dott. Carlo 
Rigola Rinaldo 
Rispoli avv. Rodolfo 

Rizza Evangelista 
Rizzetti Carlo 
Rizzo orr. Valentino 
Rizzone Corrado 
Rocca avv. Fermo 
Rocco conte avv. Marco 



Piece di Cadore 

Lanzo Torinese 

Molfetta 

Macerata 

Terni 

Castelmaggiore 

Adria 

Bivona 

Spilimbergo 

Castigliotie delle 



Atri 

Soresina 

Cerignola 

Gerace Marina 

Genova II 

Monza 

Santa Maria Ca- 
pua Vetere 

Gì arre 

Campi Salentina 

Firenze III 

Savana 

Naso 

Lucca 

Ivrea 

Bologna III 

Nuoro 

Marsala 

Casalmaggiore 

Saluzzo 

Voltri 

Napoli XI 

Oleggio 

Isola della Scala 

Castelnuovo di 
Garfagnana 

Perugia I 

Rovigo 

Borghetto Lodi- 
giano 

Sanihià 

Peggio Emilia 

Brivio 

Castella neta 

Cologna Veneta 



Pogliano 



Rieti 

Novi Ligure 
Pavia 
Bra 
Vergato 

Melegnano 

Recanati 

Atessa 

Empoli 

Biella 

Castellammare di 

Stabia 
Comi so 
Varallo 
Oderzo 
Modica 
Mantova 
Casoria 



Romanin - Jaeur dott. ing. 

Leone 
Romano avv. Adelelmo 
Romano Giuseppe 
Ronchetti avv. Scipione 
Rondani avv. Dino 
Rosadi avv. Giovanni 
Rosano avv. Pietro 
Roselli avv. Francesco 
Rossi avv. Enrico 
Rossi avv. Teofilo 
Rovasenda conte avv. Aless. 

Rubini ing. Giulio 
Ruffo Ferdinando dei prin- 
cipi Spinoso 

Ruffoni avv. Guglielmo 



Sacchi avv. Ettore 
Sacconi conte prof. Giuseppe 

Salandra dott. Antonio 

Sanarelli prof. Giuseppe 

Sanfilippo avv. Giacomo 

Sani Severino 

Sanseverino barone di Mar- 
cellinara Carlo 

Santini dott. Felice 

Saporito bar. Vincenzo 

Scalini dott. Enrico 

Scaramella-Manetti Augusto 

Serra Luciano 

Serristori conte dott. Umb. 

Sichel avv. Adelmo 

Sili Cesare 

Silva Cesare 

Silvestri Giulio 

Simeoni avv. Luigi 

Sinibaldi avv. Tito 

Socci Ettore 

Sola-Cabiati conte Andrea 

Solinas-Apostoli dott. Gian 
Maria 

Sommi-Picenardi march. Gi- 
rolamo 

Sonnino bar. dott. Sidney 

Sorani avv. Ugo 

Sormani conte Pietro 

Soulier dott. Enrico 

Spada Nicola 

Spagnoletti avv. Orazio 

Spirito avv. Beniamino 

Spirito avv. Francesco 

Squitti avv. Baldassarre 
Stagliano avv. Natale 

Stelluti-Scala conte avv. Enr. 
Suardi conte dott. Gianforte 



Piove di Sacco 
Larino 

Sessa Aurunca 
Gallarate 
Cassato 
Firenze II 
Aversa 
Città Bucale 
Petralia Sottana 
Carmagnola 
Borgo San Dui- 
mazzo 
Menaggio 

San Bartolomeo in 

Caldo 
Ferrara 



Cremona 

San Benedetto del 

Tronto 
Lucerà 
Bibbiena 
Termini Irnerese 
Portomaggiore 

Catanzaro 

Roma II 

Castelvetrano 

Appiano 

Subiaco 

Pietrasanta 

Pontassìeve 

Guastalla 

Cam e l'ino 

Desio 

Martinengo 

Afragola 

Spoleto 

Grosseto 

Gorgonzola 

Macomer 

Pescarolo e Unì/i 

San Cascia no 

Scansano 

Affori 

Bricherasio 

Cosenza 

Andria 

Campagna 

Monfecorvino Ro- 
vella 

Tropea 

Chiara valle Cen- 
trale 

Fabriano [rio 

Trescare Bfilnea- 



Talamo avv. Roberto Valle della Lucn- 

Tamburrini dott. Nicola Potenza [nia 

Taroni ing. Paolo Lngo 

Tecchio avv. Sebastiano Venezia I 

Tedesco avv. Francesco Mirabella Pelano 

Teso avv. Antonio Vicenza 
Testasecca conte avv. Ignazio Callanisselta 

Ticei prof. Torello Mnntalcino 

Tinozzi dott. Domenico Penne 



— 148 



Tizzoni prof. Guido Vieopìsano 

Toaldi dutt. Antonio Schio 

Todeschini aiw. Mario Verona II 

Torloniarfj<ra dolt. Leopoldo Roma IV 
Tornielli mar. <ìott. Rinaldo Biandrate 



Torraca Michele 
Torrigiani march. Filippo 
Tripepi avv. Francesco 
Turati avv. Filippo 
Turbiglio avv. (ìiorgio 
Turrisi bar. Mauro 



U 

Ungaro march. Errico 



Vagliasindi har. Paolo 
Valeri ing, Domenico 
Valle Gregorio 
Valli avv. Eugenio 
Vallone ing. Antonio 
Varazzani prof. Savino 



Muterà 

Borgo S. Lorenzo 

Melito Porto Salvo 

Milano V 

Cento 

Cefalh 



Xapoli II 



Bronte 

Osinio 

Tolmezzo 

Lendinara 

Maglie 

Piacenza 



Vendemini avv. Gino S. Arcangelo di 

Romagna 
Vendramini avv. Francesco liassavo 



d'Asti 



Veneziale Gabriele 


Baiano 


Ventura avv. Eugenio 


Kicas'ro 


Vetroni Achille 


Avellino 


Vienna avv. Augusto 


Prosinone 


Vigna avv. Annibale 


Vigilale 


Villa avv. Tommaso 


Villannva ( 


Visocchi Achille 


Cassino 


Vitale avv. Tommaso 


Nola 


Vollaro De Lieto avv. 


Ko- 


berto 


S. Nicandro 



ganico 



w 



Weil-Weiss har. Giuseppe Rho 
Wollemborg dott. Leone Cittadella 



Zabeo Egisto Mirano 

Zanardelli avv. Giuseppe Iseo 
Zannoni dott. Giovanni Urlino 



INDICE DEI COLLEGI ELETTORALI DEL REGNO D'ITALIA 

col nome dei Deputati che li rappresentano alla XXI legislatura. 





COLLEGIO 






1 


COLLEGIO 










PROVINCIA 


DEPUTATO 


-a 




PROVIKCIA 


DEPUTATO 


B 


ELETTORALE 






1 


ELETTORALE 






1 


Abano Bagni 


Padova 


Luzzatti 


28 


Ariano di Pu- 






2 


Abbiategrasso 


Milano 


Borsani 




glia 


Avellino 


Anzani 


3 


Acerenza 


Potenza 


Giantnrco 


29 


Ascoli 


Ascoli 


Cantalamessii 


4 


Acerra 


Caserta 


Montagna 


30 Asti 


Alessan- 




5 


Acireale 


Catania 


Grassi- Voces 






dria 


Giovanelli 


6 


Acquaviva del- 






31 


Atessa 


Chieti 


Riccio 




le Fonti 


Bari 


Nocito 


32 


Atri 


Teramo 


Patrizii 


7 


Acqui 


Alessan- 




33 


Atripalda 


Avellino 


Ca pozzi 






dria 


Ferraris M. 


34 


Augusta 


Siracusa 


Libertini -Gnc 


8 


Adria 


Rovigo 


PapadopoH 








rina 


9 


Affori 


Milano 


Sorniani 


35 


Avellino 


Avellino 


Vetroni 


10 


Afragola 


Napoli 


Simeoni 


36 


Aversa 


Caserta 


Rasano 


11 


Agnone 


Campobas- 




37 


Avezzano 


Aquila 


Cerri 






so 


Falconi 


3.S Avigliana 


Torino 


Bosetti 


12 


Alba 


Cuneo 


Calissano 


39iBadia Polesine 


Rovigo 


Badalo» i 


13 


Albano Laziale 


Roma 


Agiiglia 


40 Bagnara Ca- 






14 


Albenga 


Genova 


Celesia di Ve- 


labra 


Reggio e. 


De Xara 








gli osco 


41 Baiano 


Avellino 


Del Balzo 


15 


Alcamo 


Trapani 


Fazio 


42'Bardolino 


Verona 


Miniscalchi- 


16 


Alessandria 


Alessan- 








Erizzo 






dria 


Frascara 


43 Barge 


Cuneo 


Chiapperò 


17 


Alghero 


Sassari 


Giordano -Apo- 


44 Bari delle Pu- 












stoli 


glie 


Bari 


Di Tullio-Dr Ni- 


18 


Altamura 


Bari 


Calderoni Mar- 






colò 








tini 


45 Bassano 


Vicenza 


Vendramini 


19 


Amalfi 


Salerno 


Mezzacapo 


46| Belluno 


Belluno 


Paganini 


20 


Anagni 


Roma 


Borghese 


47 Benevento 


Benevento 


Corrado 


21 


Ancona 


Ancona 


Bar ilari 


48 Bergamo 


Bergamo 


Finardi 


22 


Andria 


Bari 


Spagnoletti 


41» Bettola 


Piacenza 


Fabri 


23 


Aosta 


Torino 


Farinet A. 


50 Biandrate 


Novara 


Tornielli 


24 


Appiano 


Como 


Aalini 


51 Bibbiena 


Arezzo 


Spinarelli 


25 


Aquila 


Aquila 


Manna 


52 Biella 


Novara 


Rigala 


26 


Aragona 


Girgenti 


Coffa ri 


53|Bitonto 


Bari 


Laudisi 


27 


A lezzo 


Arezzo 


Landucci 


54 


Bivona 


Girgenti 


Varìapiano 



149 











— ;~ 








s 


COLLEGIO 






* 


COLLEGIO 






^ 




PROVINCIA 


DEPUTATO 


T» 




PBOVINCIA 


DEPUTATO 


1 


ELETTOUALE 






B 


ELETTOKALE 






55 


Bobbio 


Pavia [so 


Dal Verme 


104 


Cassano al Jo- 






56 


Boiano 


Campubas- 


Veneziale 




nio 


Cosenza 


Compagna 


57 Bologna I 


Bologna 


Malvezzi 


105 


Cassino 


Caserta 


Visocchi 


58 Bologna II 


Bologna 


Marescalchi 


106 


Castelfranco 






: '1 Bologna III 


Bologna 


Pini 




Veneto 


Treviso 


Macola 


1 Borghotto Lo- 






107 


Castellamare 






1 digiano 


Milano 


Pozzi 




di Stabia 


Napoli 


Rispoli 


111 Borgo a Moz- 






108 


Castellaneta 


Lecce 


Pugliese 


zano 


Lucca 


Maiirigi di Ca- 
stel Maurìiji 


109 
110 


Castelmagg.'e 
Castelnovo nei 


Bologna 


Panzacchi 


ij Borgomanero 


Novara 


dir ioni 




Monti 


Reggio di 




.i Borgo S. Dal- 










Emilia 


Basetti 


1 mazzo 


Cuneo 


Rovasenda 


111 


Castelnovo di 






t;4 Borgo S. Don- 








Garfagnana 


Massa e 






nino 


Parma 


Berenìni 






Carrara 


Poli 


Gó 


Borgo S. Lo- 






112 


Castel San Gio- 








renzo 


Firenze 


Torriyiani 




vanni 


Piacenza 


Ferraris N. 


6fi 


Borgotaro 


Parma 


Lagosi 


113 


CastelVetrano 


Trapani 


Saporito 


67 


Bozzolo 


Mantova 


Albertoni 


114 


Castiglione del- 






68 Bra 


Cuneo 


Rebaudengo 




le Stiviere 


Mantova 


Pastore 


6W 


Breno 


Brescia 


Ca.fliglioni 


115 


Castrogiovanni 


Caltanis- 




70 


Brescia 


Brescia 


Bonardi 






setta 


Cola Janni 


71 


Bricherasio 


Torino 


Soulier 


116 


Castroreale 


Messina 


Di Sani' Onofrio 


72 


Brienza 


Potenza 


Lovito 


117 


Castrovillari 


Cosenza 


Giunti 


73 


Brindisi 


Lecce 


Ch irnienti 


118 


Catania I 


Catania 


DiSanGitiliano 


74 


Brivio 


Como 


Prinetti 


119 


Catania II 


Catania 


De Felice Giuf- 


75 


Bronte 


Catania 


Vagliasindi 








frida 


76 


Budrio 


Bologna 


Bissolati • Ber- 


120 


Catanzaro 


Catanzaro 


Sansecerino 








gamaschi 


121 


Caulonia 


Reggio C. 


Cappelleri 


77 


Busto Arsizio 


Milano 


Dell'Acqua 


122 


Ceccano 


Roma 


Colonna 


78 


Caccamo 


Palermo 


Di Rudin) A. 


123 


Cefalù 


Palermo 


Turrisi 








(S'arrab^a) 


124 


Cento 


Ferrara 


Turbiglio 


7'.> 


Cagli 


Pesaro e 




125 


Cerignola 


Foggia 


Pavoncelli 






Urbino 


Celli 


126 


Cerreto San- 






■MI 


Cagliari 


Cagliari 


Campus- Serra 




nita 


Benevento 


D'Andrea 


si 


Cairo Monte- 






127 


Cesena 


Forlì 


Comandini 




notte 


Genova 


Cortese 


128 


Ceva 


Cuneo 


Calieri G. 


>'2 


Calatafimi 


Trapani 


Lampi a si 


129 


Cherasco 


Cuneo 


Curreno 


>.} 


Caltagirone 


Catania 


Libertini-Plu- 


130 


Chiaravalle 






Si 


Caltanissetta 


Caltanis- 


[ghinotta 




Centrale 


Catanzaro 


Stagliano 






setta 


Testasecca 


131 


Chiari 


Brescia 


Morando 


8ó 


Caluso 


Torino 


Compans 


132 


Chiaromonte 


Potenza 


Donnaperna 


86 


Camerino 


Macerata 


Sili 


133 


Chiavari 


Genova 


Costa- Zemtglio 


87 


Campagna 


Salerno 


Spirito 


134 


Chieti 


Chieti 


Mezzano' te 


88 


Campi Bisan- 






135 


Chioggia 


Venezia 


Galli 




zio 


Firenze 


Niccolini 


136 


Chivasso 


Torino 


Miaglia 


80 


Campi Salen- 






137 


Ciriè 


Tonno 


Bertelli 




tina 


Lecce [so 


Persona 


138 


Cittadella 


Padova 


Wollemborg 


90 


Campobasso 


Campobas- 


Dò Guglia 


139 


CittàdiCastello 


Perugia 


Franrhetii 


'H 


Canicatti 


Girgenti 


De Luca 


140 


Cittaducale 


Aquila 


Roselli 


'2 


Canta 


Como 


Arnaboldi-Gaz- 


141 


Cittanova 


Reggio C. 


Montica 








zaniga 


142 


Città S. Angelo 


Teramo 


De Riseis G. 


'Xi 


Capaccio 


Salerno 


Giuliani 


143 


Cividale del 






94 


Gapannori 


Lucca 


Matteucci 




Friuli 


Udine 


Mor purgo 


95 


Capriata d'Or- 


Alessan- 




144 


Civitavecchia 


Roma 


Galluppi 




ba 


dria 


Brizzolesi 


145 


elusone 


Bergamo 


Gussoni 


96 


Caprino Berga- 
masco 


Bergamo 


Crespi 


146 

147 


Codogno 
Colle di Val 


Milano 


Gattoni 


'7 Capua 


Caserta 


De Renzis 




d'Elsa 1 Siena 


Callaini 


s Carmagnola 


Torino 


Rossi 


148 


Cologna Veneta Verona 


Pullè 


''';Carpi 


Modena 


Bjr esi 


149lComacchi5 


Ferrara 


Melli 


100 Casal Monfer- 


Alessan- 




150 Comiso 


Siracusa 


Rizza 


rato 


dria 


BuCaglieri 


151 Como 


Como 


Carcctno 


101 Casalmaggiore 


Cremona 


Pistoia 


152 Conegliano 


Treviso 


Brandolin 


102 Caserta 


Caserta 


Leonef.i 


153, Conversano 


Bari 


Lazzaro 


103 


Casoria 


Napoli 


Rocco 


151 


Corato 


Bari 


Barbalo 



- 150 — 



1 


COLLEGIO 






» 


COLLEGIO 






E 


ELETTORALE 


PKOVINCIA 


DEPUTATO 


j 


ELETTORALE 


PROVINCIA 


DEPUTATO 


155 


Corleone 


Palermo 


Avellotte 


212 


Iseo 


Brescia 


Zanardelli 


156 


Corleto Perti- 






213 


Isernia 


Campobas. 


Cimorelli 




cara 


Potenza 


Locava 


214 


Isili 


Cagliari 


Cocco- Or tu 


157 


Correggio 


Keggio di 




215 


IsoladellaScala 


Verona 


Poggi 






Emilia 


Cotta fa vi 


216 


Ivrea 


Torino 


Pinchia 


158 


Corteolona 


Pavia 


Dozzio 


217 


Jesi 


Ancona 


Del Balzo 


159 


Cortona 


Arezzo 


Cesar oni 


218 


Lacedonia 


Avellino 


Capaldo 


160 


Cosenza 


Cosenza 


Spada 


219 


Lagonegro 


Potenza 


Mango 


161 


Cossato 


Novara 


Bondaui 


220 


Lanciano 


Chieti 


De Giorgio 


162 


Cotrone 


Catanzaro 


Lucifero 


221 


Langhirano 


Parma 


Guerci 


163 


Crema 


Cremona 


Murazzi 


222 


Lanusei 


CagUari 


Merello 


164 


Cremona 


Cremona 


Sacchi 


223 


LanzoTorinese 


Torino 


Palberti 


165 


Crescentino 


Novara 


Fracassi 


224 


Lari 


Pisa 


Bianchi 


166 


Cuggiono 


Milano 


Campi 


225 


Larino 


Campobas. 


Romano A. 


167 


Cuneo 


Cuneo 


Galimberti 


226 


Lecce 


Lecce 


Pazzi 


168 


Cuorgnè 


Torino 


Di Bagnasco 


227 


Lecco 


Como 


Gavazzi 


169 


Desio 


Milano 


Silva 


228 


Legnago 


Verona 


Maraini 


170 


Domodossola 


Novara 


Falcioni 


229 


Lendinara 


Rovigo 


Valli 


171 


Dronero 


Cuneo 


GioliUi 


230 


Leno 


Brescia 


Massimi ni 


172 


Empoli 


Firenze 


Ridolfi 


231 


Levanto 


Genova 


Fiambei-ti 


173 


Erba 


Como 


Baragiola 


232 


Licata 


Girgenti 


Filì-Astolfvne 


174 


Este 


Padova 


Camerini 


233 


Livorno I 


Livorno 


Micheli 


175 


Fabriano 


Ancona 


SteVtdi-Scala 


234 


Livorno II 


Livorno 


Catanzaro 


176 


Faenza 


Ravenna 


Caldesi 


235 


Lodi 


Milano 


Comalba 


177 


Fano 


Pesaro e 




236 


Lonato 


Brescia 


Bonoris 






Urbino 


Mariotti 


237 


Lonigo 


Vicenza 


Donati 


178 


Feltre 


Belluno 


Fusinato 


238 


Lucca 


Lucca 


Pierotti 


179 


Fermo 


Ascoli Pi- 




239 


Lucerà 


Foggia 


Salandra 






ceno 


Falconi 


240 


Lugo 


Ravenna 


Taroni 


180 


Ferrara 


Ferrara 


Buffoni 


241 


Macerata 


Macerata 


Pantaleoni 


181 


Fiorenzuola 






242 


Macomer 


Cagliari 


Solino s Apostoli 




d'Arda 


Piacenza 


Cipelli 


243 


Maglie 


Lecce 


Vallone 


182 


Firenze I 


Firenze 


avelli 


244 


Manduria 


Lecce 


De Cesare 


183 


Firenze II 


Firenze 


Rosadi 


245 


Manfredonia 


Foggia 


Giusso 


184 


Fiienze III 


Firenze 


Fescetti 


246 


Mantova 


Mantova 


Rocca 


185 


Firenze IV 


Firenze 


Merci 


247 


Marostica 


Vicenza 


Bonin-Loiigare 


186 


Foggia 


Foggia 


Maury 


248 


Marsala 


Trapani 


Pipitone 


187 


Foligno 


Perugia 


Gallo 


249 


Martinengo 


Bergamo 


Silvestri 


188 


Forlì 


Forlì 


Chiesi 


250 


Massa 


Massa Car- 




189 


Fossano 


Cuneo 


Falletti 






rara 


.... 


190 


Francavilla di 






251 


Matera 


Potenza 


Torrucu 




Sicilia 


Messina 


Fulci L. 


252 


Melegnano 


Milano 


Resta -Pull'i vi- 


191 


Frosinone 


Roma 


Vienna 








cino 


192 


Gaeta 


Caserta 


Cantarano 


253 


Melfi 


Potenza 


Fortunato 


193 


Gallarate 


Milano 


Ronchetti 


254 


Melilo Porto 


Reggio Ca- 




194 


Gallipoli 


Lecce 


Deviti De Mar- 




Salvo 


labria 


Tripepi 


195 


Gavirate 


Como 


Lucchini [co 


255 


Menaggio 


Como 


Rubini 


196 


Gemona 


Udine 


Caratti 


256 


Mercato Sanse- 






197 


Genova I 


Genova 


Imperiale di 




verino 


Salerno 


Abignente 








Sant' Angelo 


257 


Messina I 


Messina 


Noi 


198 


Genova II 


Genova 


Pellegrini 


258 


Messina II 


Messina 


Faranda 


199 


Genova III 


Genova 


Fasce 


259 


Milano I 


Milano 


De Andreis 


200 


Gerace Marina 


Reggio C. 


Pelle 


260 


Milano II 


Milano 


Majno 


201 


Gessopalena 


Chieti 


Masciantonio 


261 


Milano III 


Milano 


De Cristofnris 


202 


Giarre 


Catania 


Perrotta - Fiu- 


262 


Milano IV 


Milano 


Mangiagalli 








mi nqo 


263 


Milano V 


Milano 


Turati 


203 


Gioia del Colle 


Bari 


De Bèllis 


264 


Milano VI 


Milano 


Cabrini 


204 


Girgenti 


Girgenti 


Contarmi 


265 


Milazzo 


Messina 


Fulci X. 


205 


Giullanova 


Teramo 


Cernili 


266 


Militello in Val 






206 


Gonzaga 


Mantova 


/.ollini 
Sola-Cabiati 




di Catania 


Catania 


Cinneni 


207 


Gorgonzola 


Milano 


267 


Minervino 






208 


Grosseto 


Grosseto 


Sacci 




Murge 


Bari 


Jatfa 


209 


Guastalla 


Reggio di 




268 


Mirabella Ecla- 


Avellino 


Tedesco 






Emilia 


Sichel 


269 


Mirandola [no 


Modena 


Agnini 


210 


Iglesias 


Cagliari 


Castoldi 


270 


Mirano 


Venezia 


Zabeo 


?11 


Implg 


Bologna 


Costa 


271 


MistretU 


Messina 


Fioretta 



151 



t" 








_: 








• 


COLLEGIO 






» 


COLLEGIO 






-• 




PEOVINCTA 


DEPUTATO 


T3 




PROVINCIA 


DEPUTATO 


m 


ELETTOBALE 






1 


ELETTORALE 






272 


Modena 


Modena 


Menafoglio 


327 


Palata 


Campobas- 




273 


Modica 


Siracusa 


Rizzane 






so 


Leone 


274 


Modugno 


Bari 


Abruzzese 


328 


Palermo I 


Palermo 


Di Stefano 


275 


Molfettii 


Bari 


Pausi ni 


329 


Palermo II 


Palermo 


Marinuzzi 


276 


tfondovi 


Cuneo 


Giaccone 


330 


Palermo III 


Palermo 


Di Trabia 


277 


VIonopoli 


Bari 


Colucci 








(Lama) 


278 


Monreale 


Palermo 


Mirto-Seggio 


331 


Palermo IV 


Palermo 


Bonanno 


279 


Montagnana 


Padova 


Chinaglia 


332 


Pallanza 


Novara 


Guzzi 


280 


Montalcino 


Siena 


Ticci 


333 


Palmanova 


Udine 


De Asarta 


281 


Montebelluna 


Treviso 


Bertolini 


334 


Palmi 


Reggio Ca- 




282 


Montecchionel- 










labria 


Bovi 




l' Emilia 


Reggio di 




335 


Paola 


Cosenza 


De Seta 






Emilia 


Borei a ni 


336 


Parma I 


Parma 


Olivien 


283 


Monte corvi no 






337 


Parma II 


Parma 


Albertelli 




Rovella 


Salerno 


Spirito 


338 


Partinico 


Palermo 


Orlando 


•284 


Montefiascone 


Roma 


Leali 


339 


Paterno 


Catania 


Finocchiaro 


-'-<5 


Montegiorgio 


Ascoli Pi- 




340 


Patti 


Messina 


Furnari 






ceno 


Galletti di Ca- 
dilhac 


341 
342 


Pavia 
PavuUonelFri- 


Pavia 


Rampoldi 


286 


MonteleoneCa- 








gnano 


Modena 


Gallini 




labro 


Catanzaro 


Murmura 


343 


Penne 


Teramo 


Tinozzi 


237 


Montepulciano 


Siena 


Bastogi 


344 


Perugia I 


Perugia 


Pornpilj 


288 


Montesarchio 


Benevento 


Bianchi L. 


345 


Perugia II 


Perugia 


Fani 


289 


Montevarchi 


Arezzo 


Luzzatto A. 


346 


Pesaro 


Pesaro e 




290 


Monza 


Milano 


Pennati 






Urbino 


Cast elbar co- Al- 


291 


Mortara 


Pavia 


Bergamasco 








ba ni 


292 


Muro Lucano 


Potenza 


Grippo 


347 


Pescarolo e 






293 


Napoli I 


Napoli 


Afan de Ricera 




Uniti 


Cremona 


Sommi - Pi ce- 


294 


Napoli II 


Napoli 


Ungaro 








na rdi 


295 


Napoli III 


Napoli 


Arlotta 


348 


Poscia 


Lucca 


Martini 


296 


Napoli IV 


Napoli 


Girardi 


349 


Pescina 


Aquila 


Di Giacomo 


297 


Napoli V 


Napoli 


Di Canneto 


350 


Petralia Sot- 






298 


Napoli VI 


Napoli 


De Bernardis 




tana 


Palermo 


Rossi E. 


299 


Napoli VII 


Napoli 


Gualtieri 


351 


Piacenza 


Piacenza 


Va razza ni 


300 


Napoli VIII 


Napoli 


decotti 


352 


Piazza Arme- 






301 


NapoU IX 


Napoli 


De Gennaro 
Ferrigni 




rina 


Caltaniss. 


Marescalchi- 
Gravina 


302 


Napoli X 


Napoli 


Aliberti 


353 


Piedimonte 






303 


Napoli XI 


Napoli 


Placido 




d'Alife 


Caserta 


Gaetanidi Lan- 


304 


Napoli XII 


Napoli 


De Martino 








reìizana 


305 


Naso 


Messina 


Piccolo-Cupani 


354 


Pietrasanta 


Lucca 


Serra 


306 


Nicastro 


Catanzaro 


Ventura 


355 


Pieve di Ca- 






307 


Nicosia 


Catania 


Majorana A. 




dore 


Belluno 


Palatini 


308 


Nizza Moiiferr. 


Alessan- 




356 


Pinerolo 


Torino 


Facta 






dria 


Gavotti 


357 


Piove di Sacco 


Padova 


Romanin Jacur 


309 


Nocera lufer. 


Salerno 


Lojodice 


358 


Pisa 


Pisa 


Battelli 


310 


Nola 


Caserta 


Vitale 


359 


Pistoia I 


Firenze 


Crisciani 


311 


Noto 


Siracusa 


Di Budini C. 


360 


Pistoia II 


Firenze 


Morelli - Gncil- 


31 i 


[Novara 


Novara 


Massa 








ti erotti 


313 


Novi Ligure 


Alessan- 




361 


Poggio Mirteto 


Perugia 


Fortis 






dria 


Raggio 


362 


Pontassieve 


Firenze 


Serristori 


314 


Nuoro 


Sassari 


Pinna 


363 


Pontecorvo 


Caserta 


Lucernari 


315 


Oderzo 


Treviso 


Rizzo 


364 


Pontedecimo 


Genova 


Daneo 


316 


Oleggio 


Novara 


Podestà 


365 


Pontedera 


Pisa 


Orsini-Baroni 


317 


Oneglia 


PortoMau- 




366 


Pontremoli 


Massa e 








rizio 


Ber io 






Carrara 


Cimati 


318 


Oristano 


Cagliari 


Carboni-BoJ 


367 


Popoli 


Aquila 


Fusco 


319 


Ortona 


Chieti 


Altobelli 


368 


Pordenone 


Udine 


Monti 


o20 


Orvieto 


Perugia 


Bracci 


369 


Portogruaro 


Venezia 


Bertoldi 


\1\ 


Osinio 


Ancona 


Valeri 


370 


Portomaggiore 


Ferrara 


Sani 


:f22 


Ostiglia 


Mantova 


Gatti 


371 


Porto Maurizio 


PortoMau- 




•viz 


Ostuni 


Lecce 


Moresca 






rizio 


Xncnloni 


324 


Oviglio 


Alessan- 




372 


Potenza 


Potenza 


TaìHÌniri ni 






dria 


Medici 


373 


Pozzuoli 


Napoli 


Muzzella 


ì-25 


Ozieri 


Sassari 


Pais-Serra 


374 


Prato in To- 






326 


1 Padova 


Padova 


1 Alessio 




scana 


Firenze 


Angiolini 



— 152 — 



;" 








'è i 




" 


,« 


COLLEGIO 






j= 


COLLEGIO 






1 


ELETTORALE 


PROVINCIA 


DEPUTATO 


1 


ELETTORALE 


PROVINCIA 


DEPUTATO 


375 Frizzi 


Palermo 


Finocchicu'O - A- 
prile 


422 


Sassuolo 


Modena 


Colombo - Qiiut' 
trofrati 


376 Ragusa Super.» 


Siracusa 


Cocuzza 


423 Savigliano 


Cuneo 


Donadio 


377 Rapallo 


Genova 


Cavagnari 


424 


Savona 


Genova 


Pessano 


378 Ravenna I 


Ravenna 


Mirabeìli 


425 


Scansano 


Grosseto 


Sorani 


37!» Ravenna II 


Ravenna 


Ferri 


426 


Schio 


Vicenza 


Toaldi 


380 Recanati 


Macerata 


Ricci 


427 


Sciacca 


Girgenti , 


Licata 


381 


Recco 


Genova 


Bettola 


428 


Senigallia 


Ancona 


Monti Gnar- 


382 


Regalbuto 


Catania 


Aprile 


429 


Serradifalco 


Caltanis- 


[nieii 


383 


ReggioCalabr.'' 


Reggio C. 


Ca muffii a 






setta 


Lama di Scalea 


384 


Reggio Emilia 


Reggio E. 


Prampolini 


430 


Serramanna 


Cagliari 


Cao-Pinna 


385 


Rho 


Milano [so 


Weil-ÌVeiss 


431 


Serra S. Bruno 


Catanzaro 


Chimirri 


386 


Riccia 


Campobas- 


Fede 


432 


Serrastretta 


Catanzaro 


Colosimo 


387 


Rieti 


Perugia 


Raccuini 


433 


Sessa Aurunca 


Caserta 


Romano G. 


388 


Rimini 


Forlì 


Gaitorno 


434 


Siena 


Siena 


Chiarugi 


389 


Rocca San Ca- 






435 


Siracusa 


Siracusa 


Francica - X i va 




sciano 


Firenze 


B nini cardi 


436 


Solmona 


Aquila 


De Amicis M. 


390 


Rogliano 


Cosenza 


Quintieìi 


437 


Sondrio 


Sondrio 


Marcora 


391 


Roma I 


Roma 


Mazza 


438 


Sora 


Caserta 


Grossi 


392 


Roma II 


Roma 


Santini 


439 


Soresina 


Cremona 


Pavia 


393 


Roma III 


Roma 


Baccelli G. 


440 


Spezia 


Genova 


De Nobili 


394 


Roma IV 


Roma 


Torlonia L. 


441 


Spezzano Gr.l 


Cosenza 


Barracco 


395 


Roma V 


Roma 


Bar ZÌI ai 


442 


Spilimbergo 


Udine 


Pascolato 


396 


Rossano 


Cosenza 


D'Ali fé {Gae- 


443 


Spoleto 


Perugia 


Sinibaldi 








tani) 


444 


Stradella 


Pavia 


Montentartini 


397 


Rovigo 


Rovigo 


Bozzato 


445 


Subiaco 


Roma 


Scaramella Ma- 


398 


Sala Consilina 


Salerno 


Carnei -a 








netti 


399 


Salerno 


Salerno 


De Mari lì is 


446 


Susa 


Torino 


CJiiapuftso 


400 


Salò 


Brescia 


Molmenti 


447 


Taranto 


Lecce 


Di Palma 


401 


Saluzzo 


Cuneo 


Pivano 


448 


Teano 


Caserta 


Broccoli 


402 


S. Bartolomeo 






449 


Tempio Pausa- 








in Galdo 


Benevento 


Ruffo-Spinoso 




nia 


Sassari 


Pala 


403 


San Benedetto 






450 


Teramo 


Teramo 


Barnabei 




del Tronto 


Ascoli Pi- 




451 


Termini Ime- 










ceno 


Saccotii 




rese 


Palermo 


SanfUippo 


404 


San Biagio in 






452 


Terni 


Perugia 


Pantano 




Callalta 


Treviso 


Di Broglio 


453 


Terranova di 






405 


SanCascianoin 








Sicilia 


Caltanis- 


Di Terra noe i 




Val di Pesa 


Firenze 


Sonni no 






setta 


Pigna tei ti 


406 


SanDanieledel 






454 


Thiene 


Vicenza 


Bruni al ti 




Friuli 


Udine 


Luzzatto n. 


455 


Tirano 


Sondrio 


Creda ro 


407 


San Demetrio 






456 


Tivoli 


Roma 


Baccelli A. 




ne'Vestini 


Aquila 


Cappelli 


457 


Todi 


Perugia 


Morandi 


408 


SanGiovanniin 






458 


Tolmezzo 


Udine 


Valle G. 




Persiceto 


Bologna 


Ghigi 


459 


Torchiara 


Salerno 


Mazziotti 


409 


San Miniato 


Firenze 


Guicciardini 


4G0 


Torino I 


Torino 


Daneo 


410 


San Nazzaro 






461 


Torino II 


Torino 


Morgari 




de'Burgondi 


Pavia 


Calvi 


462 


Torino III 


Torino 


Biscaretti 


411 


San Nicandro 






463 


Torino IV 


Torino 


Nofri 




Garganico 


Foggia 


VoUaroDeLieio 


464 Torino V 


Torino 


Ferrerò di Cam- 


412 


S. Pier d'Arena Genova, 


Chiesa 


1 




biano 


413 


San Remo iPortoMau- 




465 Torre Annun- 










rizio 


Biancheri 


1 ziata 


Napoli 


De Prisco 


414 San Severino 






466 Tortona 


Alessan- 






Marche 


Macerata 





1 


dria 


Bertarelli 


415 


San Severo 


Foggia 


Mascia 


467 Trapani 


Trapani 


Nasi 


41G 


SantaMariaCa- 






468 Tregnago 


Verona 


Danieli 




pua Vetere 


Caserta 


Berla 


469 TresLore Bal- 






417 


Sant' AngelO| 




1 neario 


Bergamo 


Suardi 




de'Lombardi Avellino 


De Luca 


470 Treviglio 


Bergamo 


Engel 


418 


Sant'Arcangelo 




471 Treviso 


Treviso 


Bianchini 




di Romagna Forlì 


Vendemini 


472 Tricarico 


Potenza 


Materi 


419 


Santhià iNovara 


Pozzo 


473 Tricase 


Lecce 


Codacci-Pisi¥ 


420 


San Vito al Ta- 








nelli 




gliamento i Udine 


Freschi 


474 Tropea 


Catanzaro 


Squitti 


421 


Sassari 


Sassari 


Garavetli 


475 


Udine 


Udine 


Girard.'ni 



- 153 - 



t 


COLLEGIO 






-ri 


COLLEGIO 






^ 




PBOVIirCIA 


DEPUTATO 


"= 




PROVINCIA 


DEPUTATO 


■ 


ELETTOKALE 






i 


ELETTORALE 






iTtì 


Urbino 


Pesaro e 




1 
492 Verona II 


Verona 


Todeschini 






Urbino 


Zannarli 


493;Verrès 


Torino 


Farinet F. 


477 


Valdagno 


Vicenza 


Marzotto 


494 1 Vicenza 


Vicenza 


Teso 


478 


Valenza 


Alessandr. 


Ceriana - Muy- 


495 Vicopisano 


Pisa 


Tizzoni 


47'J 


Vallo della Lu- 




[iji^ri 


496 Vigevano 


Pavia 


Bonacossa 




cania 


Salerno 


Talamo 


497 Vignale 


Alessandr. 


Vigna 


480 Varano 


Novara 


Rizzetti 


498 Vigone 


Torino 


Marsengo Ba- 


481 1 Varese 


Como 


Bossi 


499 Vigonza 


Padova 


Ottavi \_stia 


482 1 Vasto 


Chieti 


De Biseis L. 


500 Villadeati 


Alessandr. 


Borsarelli 


483 Velletri 


Roma 


Frascara Giac. 


501 Villan. d'Asti 


Alessandr. 


Villa 


484, Venezia I 


Venezia 


Tecchio 


502 Vimercate 


Milano 


Cannine 


485} Venezia II 


Venezia 


Mavzato 


5031 Viterbo 


Roma 


Canevari 


486!Venezia IH 


Venezia 


Fradeletto 


504 


Vittorio 


Treviso 


Mei 


487iVerbicaro 


Cosenza 


De Novellis 


505 


Voghera 


Pavia 


Meardi 


488 


Vercelli 


Novara 


Lucca 


506 


Volterra 


Pisa 


Ginori-CoHli 


489 


Vergato 


Bologna 


Bava 


507jVoltri 


Genova 


Pizzorni 


490 


Verolaniiova 


Brescia 


Gorio 


508!zogno 


Bergamo 


Carugati 


491 


Verona I 


Verona 


Lucchini 




{Stampato i 


10 settembre 1903). 



GRANDI lJFriCIAI.1 VEIiliO STATO 



Cavalieri dell'Ordine Supremo della SS. An- 
nunziata — Presidenti del Parlamento Nazio- 
nale — Ministri Segretari di Stato — Sottose- 
gret. di Stato — Ministri di Stato — Generali 
d'Esercito — Ammiragli — Il Presidente del 
Consiglio di Stato — Primi Presidenti delle 
Corti di Cassazione — Procuratori Generali 
delle Corti di Cassazione — Il Presidente della 
Corte dei Conti — I Tenenti Generali desi- 
gnati pel comando di un'armata in guerra — 
il Capo di Stato Maggiore dell'esercito. — Il 
Ministro della Beai Casa - Il Prefetto del 
Beai Palazzo — Il primo Aiutante di Campo 
del Ee — Il primo Segretario del Gran Ma- 
gistero dell' Urdine Mauriziano — I Tenenti 
Generali comandanti titolari di coi-po d'armata 
— I Viceammiragli comandanti in capo tito- 
lari di dipartimento marittimo — Il Presi- 



dente d(l Consiglio superiore di Marina — 
I Comandanti in capo titolari delle squadre 
navali — Il Tenente Generale comandante in 
capo dell'arma dei carabinieri reali, se assi- 
milato di rango ai comandanti di corpo d'ar- 
mata — Gli Ispettori Generali di artiglieria e 
del genio, se assimilati di rango ai comandanti 
il corpo d'armata — Il Presidente del Tribu- 
nale supremo di Guerra e Marina — Govei-- 
natore Civile dell'Eritrea (allorché risiede 
nella Colonia). 

I Grandi Ufficiali dello Stato godono del 
trattamento di Eccellenza. Uguale distinzione 
è concessa alle consorti dei Cavalieri dell'Or- 
dine supremo della SS. Annunziata, dei Mi- 
nistri di Stato, dei Generali d'armata e de- 
gli Ammiragli. 




Giuseppe Zanardelli. 



MIJK1STRO DI STATO 

Uhbano Rattazzi, senatore. 

PRESIDENZA DEI/ CONSIGLIO 
DEI MINISTRI 

(ROMA, piazza del Quirinale, palazzo della Consulta). 

Giuseppe Zanaedelli, presid. 

(Consiglio dei Ministri — Relazioni del Gabinetto 
col Ministero della Casa Reale e col primo Aiutante 
di campo di S. M. — Affari riservati politici ed am- 
ministrativi. — Studio ed esame di disegni di leggi 
e di decreti. — Ordine supremo della SS. Annunziata. 
— Belazioni del Gabinetto col gran Magistero del- 
l'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro — Commissioni 
Reali). 

Augusto CinfieUi, segreta rio capo. 
Raffaele Zegretti, segretario purtirolare. 

Dalla Presidenza del Consiglio dipendono alcune 
commissioni reali, cioè per il monumento nazionale 
in Roma a Vittorio Emanuele, per il monumento in 
Roma a Giuseppe Mazzini, per i lavori del Policli- 
nico, e pel pro^'etto del palazzo del Parlamento. 



— 154 — 

CONSIOIilO DEI MINISTRI 



Presidenza Zanardelli. 

Interni Zanardelli. 

Affari Esteri Morin. 

Agricoltura, Industria e Com- 
mercio Baccelli. 

Finanze Carcano. 

Grazia, Giustizia e Culti . . Cocco-Ortu. 



Guerra Ottolenghi. 

Istruzione Pubblica Nasi. 

Lavori Pubblici Balenzano. 

Marina Morin. 

Poste e Telegratì Galimberti. 

Tesoro Di Broglio. 



MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI 

{ROMA, piazza del Quirinale, palazzo della Consulta). 
Costantino Enrico MORIN, Ministro. — N. N., Sottosegretario di Slato. 



Giacomo Malvano, segretario generale. 

Luigi Henkensfeldt Slaghek, segretario particolare di S. E. il Ministro. 

N. N., capo della Segreteria di S. E. il Sottosegretario di Stato. 

N. N., segretario particolare di S. E. il Sottosegretario di Stato. 



Ufficio coloniale. 

Giacomo Agnesa, direttore. 

Commissariato dell'emigrazione. 

(piazza dei SS. Apostoli, 73). 
Luigi Bodio, commissario generale. 

Ispettorato generale 
delle scuole italiane all'estero. 

Angelo Scalabrini, ispettore generale. 

Divisione I». — Affari commerciali. 

Ferdinando Fassati di Bolzola, capo di 
divisione. 
Divisione II». — Affari privati e contenziosi. 

Giulio Vaccaj, capo di divisione. 
Divisione III*. — Personale. 

Federico Barilari, capo di divisione. 
Divisione IV». — Biblioteca, registrazione e 
spedizione. 

Cesare Bertòlla, capo di divisione. 
Divisione V», — Ragioneria. 

Ludovico Calvari, capo di divisione. 

Archivio. — Giacomo Gorrini, capo di divi- 
sione, direttore. 

S. E. il Ministro riceve il Corpo diploma- 
tico tutti 1 mercoledì dalle ore 3 alle 6 pom. 



Sua Eccellenza non ha ore fisse per rice- 
vere gli Onorevoli Membri del Parlamento, 
i regi ufficiali diplomatici e consolari e tutte 
le altre persone. 

Consigli. 

Consiglio del Contenzioso diplomatico, isti- 
tuito con R. Decreto 29 novembre 1857 e ri- 
costituito con R. Decreto 17 febbraio 1885 
u. 1236, presieduto da S. E. il Ministro. 

Il Consiglio è chiamato ad emettere il suo 
parere sovra le questioni di diritto interna- 
zionale, di nazionalità, di leva militare, di emi- 
grazione, di estradizione, sovra l'interpreta- 
zione dei trattati, ec. 

Il Ministro, presidente. 

Giuseppe Biancheri, vicepresidente. 



GOVERNO DELLA COLONIA ERITREA 

Ferdinando Martini, R. Commissario Civile 
straordinario. 

Ufficio di Governo. — N. N., direttore della 
Segreteria. 

Carlo Conti-Rossini, direttore degli affiri 
civili. 

Giov. Battista Del Corso, direlt. di finanza, 
e contabilità. 



MINISTERO DI AGRICOLTURA, INDUSTRIA E COMMERCIO 

{ROMA, via della Stamperia). 



Guido BACCELLI, Minisi 



Nicolò FULCI, Sottosegretario di Stato. 



Vittorio Nazari, Capo di Gabiìtelto di S. E. il Ministra. 

Domenico De Luca, Capo di Gabinetto di S. E. il Sottosegretario di Stato. 



Sottosegretariato di Stato. 

Legislazione agraria ed Efonomato generale. 
Filippo Grisolia, capo di divisione {regj.). 

Ufficio del lavoro. — Giovanni Montomar- 
tini, capo di divisione. 

Divisione I». — Personale, Affari generali e 
proprietà intellettuale. 

Samuele Ottolenghi, capo di divisione. 



Divisione II». — Credito e previdenza. 

Vincenzo Magaldi, capo di divisione. 

Francesco Palumbo-Cardella, Gaglicli 
Cirimele e Ascanio Rubino, ispettori siip 
riori degli Istituti di credito e di prei 
denza. 

Divisione III*. Industria e commercio. 

Alladipendenzadi questa divisione stan- 
no i laboratorii centrali per la verificazione 



155 — 



del pesi e delle misure e per il saggio delle 
monete e dei metalli preziosi e l'ufficio 
delle privative industriali, e della proprietà 
letteraria ed artistica. 

Gherardo Callegari, capo di divisione. 

Oreste Lattes, Luigi Belloo e Vincenzo 
Guerriero, ispettori delle industrie e dell' in- 
segnamento industriale. 

Antonio Tonelli, Luigi Croso, ispettori cen- 
trali pel servizio metrico e del saggio. 

Divisione IV», Ragioneria. 

Vincenzo Marinucci, capo di divisione. 



Direzione generale dell'Agricoltura. 

Giancarlo Siemoni, direttore generale. 

Niccolò Pellati e Lucio Mazzuoli, ispet- 
tori delle miniere. 

Carlo Giacomelli e Luigi Coletti, ispettori 
superiori forestali. 

Giuseppe Ricca -Eossellini, Bartolomeo 
Moreschi e Leobaldo Danesi, ispettori del- 
l'agricoltura e dell' insegnamento agrario. 

Divisione V». Agricoltura. 

Tito Pasqui, capo di divisione. 

Da questa divisione dipendono il Museo 
Agrario (in via S. Susanna) e l' Ufficio per 
la ispezione e sorveglianza per bonifica- 
mento agrario dell'Agro romano e per la 
colonizzazione all'interno (Cesare Desideri, 
ispettore). 

Divisione VI*. Zootecnia, Servizio delle epi- 
zoozie, insetti, caccia, pesca. 
Bartolommeo Moreschi, capo di divis.f. f. 

Divisione VII*. Servizio ed amministrazione 
forestale. Miniere. 

Filippo Grisolia, capo di divisione. 



Direzione generale della Statistica. 

(Piazza San Bernardo alle Terme). 

Carlo De Negri, direttore generale. 

Divisione Vili». Affari generali. Statistica am- 
ministrativa e giudiziaria. 

Carlo Barbarisi, capo di divisione. 

Divisione IX». Statistica demografica, sanitaria 
ed economica. 
Lamberto Demarchi, capo di divis. f. f. 



S. E. il Ministro riceve i Senatori e 1 
Deputati tutti i giorni (meno il giovedì e la 
domenica) dalle ore 11 alle 12, e gli estranci 
che ne facciano domanda il martedì e sabato 
dalle 10 alle 11. 

S. E. il Sottosegretario di Stato riceve i 
- natori e i Deputati tutti i giorni non te- 
livi dallo ore 11 alle 12, e gli estranei che 
ne facciano domanda il lunedi e venerdì dalle 
10 alle 11. 

I Direttori Generali e i Capi di Divisione 
ricevono nelle ore disponibili di ufficio. 

L'ufficio delle privative industriali è aperto 
dalle ore 15 alle 17. 

L'Ufficio dello Stud-Book italiano è aperto 
dalle ore 9 alle 12, e dalle li alle 18. 



Consigli e Commissioni permanenti. 

Commissione centrale di revisione dei reclami 
sulle privative industriali. — Michelangelo 
De Cesare, presidente. 




Guido Baccelli. 

Co'nmissione superiore metrica e del saggio 
delle monete e dei metalli preziosi. — Ulisse 
Dini, presidente. 

Conunissione consultiva per il credito agrario. 

— N. N., presidente. 

Consiglio della previdenza. — N. T^., presidente. 

Consiglio dell'industria e del commercio. — 

Gerolamo Boccardo, presidente. 
Commissione centrale dei valori per le dogane. 

— Il direttore generale delle gabelle, presid. 
Commissione centrale per l' insegnamento arti- 

stico-indiistriale. — Camillo Bòito, presidente. 

Consiglio di agricoltura. — Felice Borghese, 
presidente. 

Consiglio per V istruzione agraria. — Il Mini- 
stro, presidente. 

Commissione centrale di viticoltura e di enolo- 
gia. — Giuseppe dei conti di Rovasenda, 
presidente. 

Consiglio ippico. — Il direttore generale del- 
l'agricoltura, presidente. 

Commissione consultiva per la fillossera. — 
N. N., presidente. 

Commissione consultiva per la pesca. — N. N., 
presidente. 

Consiglio forestale. — N. N., presidente. 

Commissione d' idraulica agraria. — N. N.,^''*- 
sidente. 

Consiglio direttivo di meteorologia e di geodi- 
namica. — Pietro Blaserna, presidente. 

Commissione per il bonificamento dell'Agro ro- 
mano. — N. N., presidente. 



- 156 



Consìglio dell' Orcline equestre "Al Merito del 
Lavoro „ — Nicola Fulci, presidente. 

Consiglio zootecnico e per le epizoozie. — Carlo 
Gorio, presiden e. 

Consiglio delle miniere. — Il Ministro, presi- 
dente. 



Comitato per il personale del lì. Corpo delle 
miniere. — Il Ministro, presidente. 



Comitato geologico, 
sidente. 



Giovanni Capellini, /j'e- 



Consiylio superiore di statistica. — Luigi Bodio, 
presidetite. 



MINISTERO DEI/LE FINANZE 

{ROMA, via XX Settembre e via Cernaia — Palazzo del Ministero delle Finanze). 

Paolo GARGANO, Ministro. — Matteo MAZZIOTTI, Sottosegretario di Stato. 

Giuseppe de Giuli, capo di Gabinetto di S. E. il Ministro. 

Valerio Marangoni, segretario particolare di S. E. il Ministro. 

Giuseppe De Santo, segretario particolare di S. E. il Sottosegretario di Staio. 



Segretariato generale. 

Divisione amministrativa. — (Personale cen- 
trale e provinciale — Personale di basso 
servizio — Vigilanza sul servizio delle In- 
tendenze — Utììcio postale e telegrafico 
— Onorificenze — Indennità di missione e 
di trasferimento — Franchigia postale — 
Viaggi a prezzo ridotto, ec). 

Domenico Natali, capo. di divisione. 
Economato e Cassa. 

Gennaro Alinei, economo cassiere. 
Eagionerta. — (Bilanci di previsione — Conti 
consuntivi — Contabilità delle entrate — 
Conti giudiziali — Impegni — Contabilità 
delle spese — Liquidazione degli aggi — 
Contabilità del patrimonio mobile ed im- 
mobile dello Stato — Contabilità speciale 
dei beni pervenuti al Demanio in forza 
delle leggi 7 luglio 1866 e 15 agosto 1867 — 
Contabilità speciale della Massa delle Guar- 
die di Finanza — Contabilità speciale del 
Monte vedovile dei Ricevitori del Lotto). 

Tito Corsi, direttore capo della ragioneria. 

Tancredi Cattaneo e Orazio Golfiieri, capi 
di divisione. 

Direzione generale delle Gabelle. 

Gioacchino Busca, direttore generale. 
Vincenzo Pizzo, vicedirettore generale. 
Francesco Boscardi, Camillo Gerodetti e 
Luigi Sartori, ispettori superiori delle Guar- 
die di Finanza. 
Divisione I», — Dogane. 

Giuseppe Franceschi, capo di divisione. 
Divisione II*. — Dazio consumo e tasse di 
fabbricazione e di vendita. 

Giovanni Varvelli, capo di divisione. 
Divisione IH». — Personale amminis'rativj e 
delle Guardie di Einanza. 
Federico Barbieri, cai>!) di divisione. 
Divisione IV». — Osservatorio dati in de. 
Ludovico Luciolli, capo di divisione. 
Laboratorio chimico centrale. 

Vittorio Villavecchia, direttore. 
Ufficio centrale di revisione. 

Giuseppe Veneziani, direttore. 

Direzione generale delle Privative. 

Roberto Sandri, direttore gensrale. 
Francesco Pesce, vicedirettore generale 



Giovanni Bellavite, Sebastiano Tani, Ca- 
tastini Pietro, Corner Anjielo, Pasetti Tom- 
maso, ispettori centrali delle Privative. 

Divisione I». — (Privativa dei tabacchi - Ser- 
vizio tecnico — Coltivazione indigena — 
Compra dei tabacchi greggi e lavorati esteri 
— Manifatture — Contenzioso). 
Enrico Bondi, capo di divisione. 




^\M' 



Paolo CAncANo. 

Divisione II». — (Privativa dei tabacchi — 
Servizi amministrativi. — Contratti e spese 
— Contabilità industriale — Statistica dolio 
contravvenzioni). 

Domenico Botti, capo di divisione. 

Divisione III». — (Privativa dei sali — Sor- 
vizi delle saline e dei magazzini dì depo- 
sito dei generi di privativa — Trasporti 
dei sali e dei tabacchi — Contenzios"). 
Emilio Gorgo, capo di divisione. 

Divisione IV». — (Vendita dei generi di pri- 
vativa — Servizio della vendita e contrav- 
venzioni — Rivendite — Contabilità rela- 
tiva al servizio degli uffici di deposito e di 
vendita — Cont<>nzioso). 

Angelo Bini, capo di divisione. 
Divisione V». — (Privativa del Lotto). 
Silvio Ami, capo di divisione. 



— 157 - 



Direzione generale del Demanio 
e delle Tasse sugli Affari. 



Ciovanni SolinasCossu, dìrelfure generale. 

Augusto Ematiueli, vicedirettore generale. 

Domenico Loffredo, Filippo Chiappe, Giu- 
seppe Artom, Francesco Novaro, Luigi Tric- 
ca, Stefano Ubertazzi, ispHtori. 

Divisione I». — (Affari generali e riservati — 
Organici degli uffici esterni — VerifÌGlie or- 
dinarie e straordinarie, cauzioni, ec). 
Marcello Bolla, capo di divisione. 

Divisione II». — (Tasse di registro sugli atti 
ci\"ili e commerciali). 

Giuseppe Gisci, capo di divisione. 

Divisione IH». — (Tasse suUe successioni — 
Tasse ipotecarie, tasse a debito — Gratuito 
patrocinio). 

Ghino Fucini, capo di divisione. 

Divisione IV». — (Tasse di bollo — Tariffe di 
spese di giustizia penale e civile). 
Carlo Semitecolo, capo di divisione. 

Divisione V». — (Esecuzione delle leggi ever- 
sive dell'Asse Ecclesiastico — Amministra- 
zione e vendita dei beni stabili di quella 
provenienza). 

Emidio Pedrini, capo di divisione. 

Divisione VI». — (Amministrazione e vendita 
dei beni stabili dell'antico Demanio — Do- 
tazione della Corona — Eredita giacenti). 
Nicolò Marre, capo di divisione. 

Divisione VII». — (Gestione delle diverse cate- 
gorie di beni di Demanio pubblico — Tasse 
minerarie — Gestione del patrimonio mo- 
biliare e livellare — Stralcio delle gestioni 
speciali della Sila, del Tavoliere di Puglia, 
dei soppressi oi-dini cavallereschi e dei 
RR. Teatri - Stabilimenti termali - Mi- 
niere dell'Elba e stabilimento di Follonica 

— Canale Cavour ed antichi canali dema- 
niali — Gestione dei beni della pubblica 
istruzione). 

Amedeo Pavesio, capo di divisione. 

Direzione generale deile Imposte Dirette. 

Antonio Rossi, direttore generale. 
Leone Calosso, vicedirettore generale. 

Ufjìcio sppciale. — (Affari generali e riservati 

— Personale dell'amministrazione centrale 
e provinciale — Indennità di giro e di mis- 
sione — Legislazione e statistica comparata 
-•Locali — Bollettino — Economato). 

Felicissimo Giauna, caposeziime incaricato 
della direzione. 

Divisione I*. — (Vigilanza sugli agenti della ri- 
scossione — Affari amministrativi e conten- 
ziosi sulla riscossione delle imposte — Rin- 
novazione quinquennale dei contratti di 
esattoria e ricevitoria — Resti attivi delle 
imposte anteriori al 1873 — Resti della 
tassa sul macinato). 
Francesco Pelli, capo di divisione. 



Divisione II». — (Imposta sulla ricchezza 
mobile — Tasse locali). 

Raffaele Sera, capo di divisione. 

Divisione III». — (Conservazione del catasto 
— Imposte sui beni rustici e sui fabbri- 
cati — Sovrimposte provinciali e comunali;. 
Lorenzo Tiraboschi, capo di divisione. 

Direzione generale del Catasto, 
e dei Servizi tecnici. 

Natale Civardi, direttore generale. 

Giuseppe Bernasconi, vicedirelt. generale. 
Divisione I». — (Personale — Contratti per 
affitto di locali, per acquisto di strumenti 
e di materiali — Indennità di missione e 
soprassoldi di campagna — Autorizzazione 
e revisione delle sp 'se — Bilanci). 

Giuseppe Mainardi, capo di divisione. 
Divisione II*. — (Applicazione della leg,:?o e 
del regolamento per il riordinament ) del- 
l'imposta fondiaria — Commissioni cen- 
suarie — Giunte tecniche — Vigilanza sui 
lavori tecnici catastali). 

Giuseppe Ernesta Degioanni, capo di di- 
visione. 
Divisione III». — (Servizi tecnici), Giuseppe 
Ricolfi, capo di divisione. 

S. E. 11 Ministro riceve tutti 1 giorni i Se- 
natori G i Deputati. 

S. E. il Sottosegretario di Stato riceve i Se- 
natori e i Deputati nei giorni di lunedì, mer- 
coledì e venerdì dalle 11 alle 12. 

Le altre persone devono chiedere udienza. 

I Direttori Generali e i Capi di Divisione 
ricevono tutti i giorni nelle ore libere d'ufficio. 



Consiglio del Catasto. 

Antonio Di Pi*ampero, presidente. 
Commissione Censuaria centrale. 
Il Ministro, presidente. 
N. N., vicepresidente. 
Consiglio Superiore dei lavori geodetici dello 
Stato. 

N. N., presidente. 
Commissione per la destituzione dejV i.npìegati 
civili. 

Mazzolani Carlo, presidente. 
Commissione centrale di sindacalo per V ammi- 
nistrazione e per la vendita dei beni prove- 
nienti dall'Asse ecclesiastico. 
II Ministro, presidente. 
Commissione centrale pei reclami riguardanti 
le imposte dirette. 

Giovanni Giolitti, presidente. 
Collegio consultivo dei periti doganali. 

Gerolamo Boccardo, presidente. 
Consiglio d' amministrazione pel fondo della 
massa del Corpo delle Guardie di Finanza. 
Gioacchino Busca, presidente. 
Vincenzo Pizzo, vicepresidente. 



CT ft Ik ^% fl T T T aumentano e si conservano con la ^ 

1 uArELLI chininahmigone 1 

( IV(7/ a nìì(ìtzio di fronte al frontefpizio). È 
«Il !■ 



158 



Comitato del Corpo delle Guardie di Finanza. 

Roberto Brusati, presidente. 
Commissione centrale pel conferimetito dei Ban-, 
chi di Lotto e per V amministrazione del 
Monte vedovile dei ricevitori del Lotto. 
Carlo Guala, presidente. 
Consiglio tecnico per l'amministr. dei Tabacchi. 
Giuseppe Colombo, presidente. 
Roberto Sandri, vicepresidente. 
Commissione centrale di perizia per la cam- 
pugna di coltivazione dei tabacchi. 

Il Dirett. generale dell'Agricoltura, pres/cL 

Commissione centrale per risolvere in via ar.i- 

ministrativa ed in appello sui reclami contro 



le derisioni dei funzionari di cui cilVart. 91 
del Regolamento sul Lotto. 
N. N., presidente. 
Commissione centrale per la risoluzione dei ri- 
corsi contro i giudizi dei Comitati peritali 
sulla produttività giornaliera delle fabbriche 
di spiriti non munite di tnisuratore. 
Emanuele Paterno, presidente. 
Commissione centrale per le polveri piriche ed 
i prodotti pirotecnici. 

Nicolò Pellati, presidente. 
Commissione centrale dei valori per le dogane. 
11 Direttore Generale delle Gabelle, pre- 
sidente. 



MINISTERO DI GRAZIA B GIUSTIZIA E DEI CUI.TI 

{ROMA, piazza Firenze). 



Francesco COCCO-ORTU, Ministro. 
Roberto TALAMO, Sottosegretario di Stato. 

Direzione generale degli Affari civili e penali. 

Nicola Cocucci, direttore generale. 
DivisioiiE Illa. _ (Affari civili). 

Luigi Dallari, capo di divisione. 
Divisione IV\ — (Affari penali). 

Alessandro Caraciotti, capo di divisione. 
Divisione V*. — (Grazie). 

Filippo Manfredi, capo di divisione. 



Gabinetto del Ministro. — (Affari dei quali 
il Ministro si riserva la trattazione — Relazio- 
ni col Parlamento, con le Commissioni, ec). 

Adolfo Baccbialoni, capo di gabinetto. 

Giuseppe Maria Franchino, segretario del 
Guardasigilli. 

Gabinetto del Sottosegbetario di Stato. 
— (Ufficio dell' Ispettorato, Economato e 
Cassa, Biblioteca, Ufficio di traduzione ed 
Archivio Generale, Personale del Ministero). 

Aristide Bonelli, capo di gabinetto. 

Publio Spinetti, Ad. Antonini, Giuseppe 
Azzolini od Evasio Rottondo, ispettori. 




Fbancksco Cocco-Outu. 

Divisione I». — (Personale del Ministero e 
della Magistratura). 
Ettore Pistoni, capo di divisione. 

Divisione II». — (Personale e servizi di can- 
celleria). 

Augusto Gentilini, capo di divisione. 



Direzione generale dei Culti e del Notariato. 

Michele Zella Milillo, direttore generale. 
Divisione VI». — (Giurisdizione e polizia ec- 
clesiastica). 

Domenico Tesoroni, capo di divisione. 
Divisione Vlla. — (Patrimonio ecclesiatico). 

Guglielmo Arena, capo di divisione. 
Divisione Vili*. — (Notariato). 

Federico Segreti, capo di divisione. 
Ragionebia. — Raffaele Zegretti, direttore. 

S. E. il Ministro riceve 1 Senatori e i De- 
putati tutti i giorni tranne il giovedì e la do- 
menica dalle 11 alle 12, i Magistrati ed Avvo- 
cati il lunedì e venerdì dalle 10 alle 11, le 
altre persone, quando ne facciano motivata 
domanda, nei giorni che di volta in volta 
verranno stabiliti dal Ministro. 

S. E. il Sottosegretario di Stato riceve i 
Senatori e i Deputati, tutti i giorni, meno la 
domenica ed il lunedi dalle 11 alle 12, Magi- 
strati ed Avvocati negli stessi giorni #.1116 
16 alle 17, e tutte le altre persone che ne 
facciano domanda motivata, nei giorni e nello 
ore che verranno loro notificati. 

I Capi di divisione ricevono nelle ore di- 
sponibili d'ufficio. 

Commissione consultiva per le nomine, promo- 
zioni e trasferimento dei magistrati. 

Enrico Caselli ed Ugo Petrella^"***'''*'»'»- 
Commissione della statistica giudiziaria e no- 
tarile. 
Tancredi Canonico, presidente. 
Comitato permanente della statistica giudiziaria 
e notarile. 
Tancredi Canonico, presidente. 



— 159 — 



Direzione generaie del Fondo per il cullo. 

(Uoiiia, salita del Grillu). 
Emanuele Multino, direttore generale. 
Carlo Monti, ispettore generale. 

. ABIKF.TTO DEL. DIRETTORE GENERALE. — 

(Personale — Servizio d'Ispezione — Con- 
siglio di amministrazione — Relazioni col 
Parlamento, con la Commissione di vigi- 
lanza e con la Corte dei Conti — Aflari ri- 
servati al Direttore Generale — Corrispon- 
denza speciale del Direttore Generale — 
Decime agrigentine — Servizio dei decreti 

— Apertura, distribuzione e spedizione di 
tutta la corrispondenza della Direzione Ge- 
nerale — Protocollo — Archivio e Copi- 
sterla^. 

Tulio Gisci, capo di gabinetto. 
Ufficio spkciale del Fondo di Benefi- 
cenza E Religione della città di Roma 
alla immediata dipendenza del Direttore 
Generale. — (Accertamento sulla natura e 
carattere degli enti di fronte alle leggi di 
soppressione — Presa di possesso — Accer- 
tamento delle dotazioni e patrlmonii — 
Pensioni e assegni ai religiosi e alle reli- 
giose — Godimento delle pensioni all'estero 

— Enti stranieri — Benefici i e Cappellanie 

— Rivendicazioni e svincoli — Commuta- 
zioni — Affrancazioni — Riversibilità — 
Liti e transazioni — Ipoteche — Vendite 

— Affitti — Sospensione, riattivazione e 
stralcio di rendite sul debito pubblico — 
Amministrazione dei beni — Accertamento 
di debiti e crediti — Annullamento e rinvio 
di articoli — Riscatto di stabili — Rimborso 
d'imposte — Concentramenti di famiglie 
religiose — Riparazioni a fabbricati mona- 
stici, alle chiese e ad altri immobili — No- 
mine dei rettori — Erogazione del fondo 
di beneficenza e religione nella città di 
Roma — Consiglio d'amministrazione). 

Divisione I». — (Applicazione delle leggi di 
soppressione : Accertamento della natura e 
carattere degli enti; prese di possesso; que- 
stioni amministrative e giudiziarie d'insop- 
primibilità; conseguenti provvedimenti — 
Adempimento di legati pii e oneri religiosi 
e assegni per spese di culto già a carico 
degli enti soppressi; ufficiatura di chiese; 
giudizi relativi — Iscrizione, rinnovazione, 
restrizione e cancellazione delle ipoteche; 
pagamento delle spese relative — Prenota- 
zione catastale dei dòmini diretti. — Mas- 
simario — Stipulazione di atti e contratti 
ai termini degli articoli 102, 103 e 104 del 
regolamento sull'amministrazione del pa- 
trimonio e sulla contabilità generale dello 
Stato; tenuta del repertorio per gli atti e 
contratti, per le autenticazioni, e per i de- 
creti soggetti a registrazione nelle forme 
stabilite dagli articoli 113, 114 e 115 della 
legge sul registro 20 maggio 1S97, n» 217. 

— Accertamento della consistenza del pa- 
trimonio amministrato dal Fondo per il 
Culto mediante gl'inventari — Imposte sui 
fondi, sui fabbricati e sulla ricchezza mo- 
bile; imposte congeneri e comunali; tassa 
di manomorta; denunzie, liquidazioni, pa- 
gamenti, ricuperi, vertenze, amministrative 
e giudiziarie relative). 

Luigi Cioffi, ff. dirett. capo della divisione. 



Divisione II». — (Soppressione dei Canoni- 
cati e dei Bcneficii minori esuberanti nelle 
Chiose cattedrali — Beneficii contemplati 
dalle Bolle " Dum collatis „ e " Religionis 
decus„ — Liquidazione delle spese di culto 
e degli assegni vitalizi agli investiti e par- 
tecipanti degli enti secolari soppressi — 
Svincoli e rivendicazioni, dismissione di 
beni e conseguenti liquidazioni, annulla- 
menti di articoli, ec. — Devoluzione delle 
rendite delle chiese ex ricettizie ai Comuni 
per le leggi 15 agosto 1867 e 4 giugno 1899; 
conseguenti dismissioni di beni, liquida- 
zioni, annullamenti di articoli, ec. — Stralci 
di quote curate — Quota di annuo con- 
corso, denuncie, liquidazioni, riscossioni, 
dilazioni, vertenze amministrative e giudi- 
ziarie, annullamento e tenuta dei campioni 
— Congrue e supplementi di congrua ai 
parroci — Assegni per spese di culto alle 
chiese parrocchiali ex conventuali — As- 
segni agli Economi spirituali e alle Mense 
vescovili — Assegni al clero sardo — As- 
segni in compenso di abolite decime — 
Spese di culto a carico dello Stato delle 
province e dei comuni — Azienda dei dan- 
neggiati dalle truppe borboniche). 

Clemente Restaldi, dirett. capo di divisione. 
Divisione III». — (Gestione mobiliare, appura- 
mento, riscossione, dilazione, appalto, com- 
mutazione, affrancazione, riduzione e an- 
nullamento di crediti, censi, canoni, livelli, 
decime e prestazioni a generi e a danaro, 
vertenze amministrative e giudiziarie rela- 
tive — Vigilanza suU'appuramento generale 
delle rendite e dei crediti risultanti dagli 
elenchi dei residui attivi — Quarto di ren- 
dita sui beni delle soppresse corporazioni 
religiose ai Comuni per le leggi 7 luglio 1866 
e 4 giugno 1899 ■— Debiti di gestione dei 
Contabili e degli altri funzionari, accerta- 
mento, vertenze amministrative, giudizi di 
responsabilità, ec. — Cauzione dei conta- 
bili, prestazioni, sostituzione, riduzione e 
svincoli). 

Giacomo Carezzi, dirett, capo di divisione. 
Divisione IV». — (Gestione immobiliare : af- 
fitto, vendita, espropriazione per pubblica 
utilità e riparazione degli immobili in ge- 
nere: cessione e restauri dei fabbricati mo- 
nastici in particolare, chiusura, restauro e 
cessione di chiese : monumenti — Librerie 
e oggetti d'arte — Arredi sacri — Concen- 
tramento di religiose — Passaggio di beni 
al Demanio — Accertamento della i:endita 
immobiliare inscritta e da inscriversi dal 
Demanio: tassa del 30 per cento, riparto 
delle annata promiscue, revisione dell'an- 
tica gestione demaniale, conti di dare e 
avere col Demanio — Concentramento delle 
istituzioni di beneficenza — Riversibilità e 
devoluzioni — Doti di maritaggio — Pen- 
sioni monastiche — Accertamento, ricogni- 
zione e affrancazione delle passività patri- 
moniali, revisione ed epurazione dei conti 
già inscritti per dette passività — Servizio 
attivo e passivo delle acque di Palermo, 
esclusi gli affari di personale). 

Marco Petrini, direttore capo di divisione. 
Ragioneria. — Luigi Cominetti, direttore capo 
di divisione. 



— 160 — 

Commissione di vigilanza. — N, N., presidente. Consiglio d'ani ■ninistrminne del Fon lo di In- 
Consiglio di amministr. del Fondo psr il Culto. neficenza e religione nella città di liom i. 
Ignazio Fili-Astolfonc, presidente. Francesco Nobili- Vitelleschi, presidente. 



MINISTERO DEI.LA GUERRA 

{ROMA, via XX Settembre). 

Giuseppe OTTOLENGHr, tenente generale, Ministro. 
Bonaventura ZANELLI, maggior generale, SoltosegreUirio di S'ato. 



Segretariato generale. 

Divistone Gabinetto. 

Vittorio Ceresa, capo di divisione. 

Emilio Getta, segretario particolare di S. E. 
il Sottosegretario di Stato. 
Divisione dello Stato Maggiore. 

Diomede Saveri, capo di divisione. 
Divisione sussidi e pensioni, servizio in- 
terno. 

Vincenzo Invernizzi, capo di divisione. 
Ufficio del Tiro a segno. 

Temistocle Mariotti. 
Ufficio ispezione veterinabìA. 

Alessandro Costa. 




Giuseppe Ottolenghi. 



Direzione generale Fanteria e Cavalleria. 

Giovanni Bussone, direttore generale. 
Divisione fanteria. 

Lorenzo Bandi ni, capo di divisione. 
Divisione cavalleria. 

Rodolfo Pugl, capo di divisione. 

Direzione generale Artiglieria e Genio. 

Emilio Peyroleri, direttore generale. 
Divisione personale d'artiglieria e genio. 

Luigi Ornati, capo di divisione. 
Divisione artiglieria. 

Ugo Sordi, capo di divisione. 
Divisione genio. 

Vittorio Poggi, capo di divisione. 



Direzione generale Servizi amministrativi. 

Giovanni Mirandoli, f. f. di direttore ge- 
nerale. 
Divisione sussistenze. 

Filippo De Giorgis, capo di divisione. 
Divisione vestiario. 

Salvatore Garnier, capo di divisione. 
Divisione casermaggio e trasporti. 

Gustavo Caroncini, capo di divisione. 
Divisione assegni. 

Giovanni Santanera, capo di divisione. 
Divisione dei conti interni dei corpi. 

Ruggero Mercuri, capo di divisione. 
Divisione personale sanitario e ammini- 
strativo. 

Riconovaldo Betti, capo di divisione. 

Direzione generale Leve e truppa. 

Flaminio Buschetti, direttore generale. 
Divisione I*. — Leve. 

Alessandro Capello, capo di divisione. 
Divisione II». — Leve. 

Alceste Gianini, capo di divisione. 
Divisione Truppa. 

Luigi Bombelli, capo di divisione. 
Divisione Matricole. 

Francesco Fantasia, capo di divisione. 

Direzione generale Revisione dei conti. 

Paolo Pa'^liano, direttore generale. 
Divisione ragioneria. 

Pasquale Tomasuolo, capo di di vision: 
Divisione conti degli assegni. 

Francesco Cencotti, capo di divisione. 
Divisione conti del materiale. 

Luigi Bécchi, capo di divisione. 

Commissione per l'esame dei ricorsi contro le 
decisioni dei Consigli di Leva. 
Antonio Mangiagalli, Pres'.dente. 



Jieale Commissione per l'esecuzione delle legii 
4 dicembre 1879, n. 5168, 28 giugno ISUl. 
. 331, ecc., per la reintegrazione dei gradi 
\ilitari, perduti per causa politica e sulla 



5168, 28 giugni* ISUl. 
n. 331, ecc., per la reintegrazione dei graiì 
militari, perduti per causa politica e sul/', 
concessione di assegni vitalizi a titolo di ri- 
compensa nazionale. 
Giuseppe Garneri, Presidente. 

Ud'enze dei Membri del Parlamento: 
di 8. E. il Ministro: lunedì, mercoledì e ve- 
nerdì, dalle 9 alle 10. 
di S. E. il Sottosegretario di Stato: mar- 
tedì, giovedì e sabato, dalle 10 alle 11. 
dei Direttori generali: tutti i giorni, dalle 
IJ alle 11. 



— IGl — 
MINISTERO DBLI<' INTERNO 

{HOMA, piazze Navona, di Pasquino e di San Pantaleo — Palazzo Braschi). 
Giuseppe ZANARDELLI, Ministro. — Scipione RONCHETTI, Sottosegretario di Stato. 



ABiNETTO. — (Affari politici e riservati — 
Corrispondenza particolare — Corrispon- 
denza telegrafica — Relazioni del Ministro 
col Parlamento — Nomina dei senatori — 
Elezioni politiche — Circoscrizioni elettorali 

— Studi e preparazione di disegni di legge 
e regolamenti — Onorificenze cavalleresche 

— Funzioni pubbliche — Cerimoniale, ec). 




Scipione Ronchetti. 

Uffici dipendenti dal Gahinetto: Lettura e rias- 
sunto sommario dei giornali nazionali ed 
esteri — Consulta Araldica, Medaglie com- 
memorative, e afi"ari relativi agli atti di va- 
lore civile — Segreteria del R. Ordine Civile 
di Savoia — Direzione della Gazzetta Ufi". 

N. N., capo del gabinetto. 

N. N., segretario particolare di S. E. il 
Ministro. 
Gabinetto del Sottosegketario di Stato. 

Faustino Aphel, capo di Gabinetto. 

Mario Ronchetti, segretario particolare. 

Ispettori generali amministrativi. 

Enrico Gaieri, Gabriele Chiericati, Vittorio 
Salice, Pio Yittorio Ferrari, Pietro De Nava. 

Ispettori generali di pubblica sicurezza. 

Salvatore Buonerba, Cesare Ballanti. 
Paolo Sessi e Vincenzo Travaglini, 

Ispettori generali delle carceri. 

Gaetano Cardosa, Eugenio Sanipò. 

Ispettori di ragioneria. 

Alfredo Giovannetti, Giovanni Alibrante. 
Divisione I». Personale. — (Personale del Con- 
siglio di Stato e delle Amministrazioni cen- 
trale e provinciale — Matricola e contabi- 
lità — Questioni di nazionalità e cittadi- 



nanza — Danneggiati politici — Vedove ed 
orfani di benemeriti della patria — Mille 
di Marsala e superstiti di Talamone — Af- 
fari diversi non attribuiti alle altre divi- 
sioni — Biblioteca del Ministero — Econo- 
mato — Archivio e protocollo generale, ec). 
Pietro Scamuzzi, capo di divisione, alla 
dipendenza del Sottosegr. di Stato. 

Direzione Generale dell'Amministrazione Civile. 

N. N., Direttore Generale. 
Divisione II». Amministrazioni dei Comuni e 
delle Provincie. — (Tratta anche gli affari 
relativi ai confini dello Stato, alle circo- 
scrizioni comunali e provinciali, alla liqui- 
dazione dei danni di guerra, agli Archivi 
di Stato). 

Arnaldo Raimoldi, capo di divisione. 
Divisione IH". Beneficenza piihllica. 

Mario Bonino, capo di divisione. 

Direzione generale di Pubblica Sicurezza. 

Francesco Leonai-di, f. f. di dirett. gener. 
Divisione IV». Polizia giudiziaria ed ammini- 
strativa. 

Emilio Alessio, capo di divisione. 
Divisione V». Personale di polizia. 

Luigi Bonacini, capo di divisione. 

Direzione generale della Sanità. 

(Via in Aqiiiro, ir,p). 

Rocco Santoliquido, direttore generale. 

Alberto Lutrario, vicedirettore generale. 
Divisione VI». Tecnica. 

N. N., capo di divisione. 
Divisione VII». Amministrativa. 

Francesco Chiarlone, capo di divisione. 
Divisione Vili». Servizio Zooiatrico. 

Leonardo Colucci, capo di divisione. 

Direzione generale delle Carceri. 

(Via Lai-a). 
Alessandro Doria, direttore generale. 
Divisione IX». Fabbricati, Lavorazioni, Man- 
tenimento. 

Narciso Ferragu, capo di divisione. 
Divisione X». Personale d'amministrazione e 
di custodia e movimento dei detenuti e dei gio- 
vani corrigendi. 
Giacomo Martinelli, capo di divisione. 

Ragioneria Centrale. 

Mario Boselli Donzi, capo di divisione. 

S. E. il Ministro non ha giorni né ore fisse 
per ricevimenti. 

S. E. il Sottosegretario di Stato riceve i 
Senatori, i Deputati e i Prefetti tutti i giorni 
meno i festivi dalle 10 alle 11 '/j: ^e altre 
persone nel giorno e nell'ora indicati nelle 
risposte alle domande di udienza. 

I Direttori generali e i Direttori capi di 
divisione ricevono in ufficio nelle ore dispo- 
nibili. 

II 



162 — 



REALE ORDINE CIVILE DI SAVOIA 



Consiglio dell'Ordine. 

Il Ministro, presidente. 
Attende all'esame dei titoli per il conferi- 
mento deironoriflcenza dell'Ordine, ed am- 
ministrazione del patrimonio particolare 
dell'Ordine medesimo. 

Consulta Araldica. 

Il Ministro, presidente. 
Dà parere al Governo in materia di titoli 
gentilizi, stemmi ed altre pubbliche ono- 
rilìcenze e pel riconoscimento del diritto 
di portare titoli gentilizi per successione od 
in forza di concessioni od investiture. 

Commissione per esaminare le domande di ri- 
compense al valor civile. 

Il Comandante la Divisione Militare di 
Roma, presidente. 

Il Prefetto della Provincia di Roma, vice- 
presidente. 
Commissione per l'applicazione della legge 8 lu- 
glio 1883, relativa ai provvedimenti per i dan- 
neggiati politici delle Provincie napoletane. 
Francesco Lovito, presidente. 



Commissione per l'applicazione della legge 8 lu- 
glio 1883, relativa ai provvedimenti per i dan- 
neggiati politici delle provincie siciliane. 
Abele Damiani, presidente. 

Consiglio per gli Archivi. 

Attende alla compilazione ed interpretazione 
delle leggi e dei regolamenti, ordinamento 
generale degli archivi e del corrispondente 
servizio; metodo dei lavori di ordina:rione 
e pubblicazione degli atti; programmi de- 
gli esami d'ammissione e promozione de- 
gli ufi&ziali; promozione degli uffiziali per 
mei-ito. 
Pasquale Villari, presidente. 

Consiglio superiore di Sanità. 

Porta la sua attenzione sui fatti risguar- 
danti l'igiene e la sanità pubblica del Re- 
gno, dei quali sia informato dal Ministero 
dell'Interno; propone i provvedimenti, le 
inchieste e le ricerche scientifiche che giu- 
dichi convenienti ai fini dell'amministra- 
zione sanitaria; dà parere sulle questioni 
che gli sono deferite dal Ministro dell'In- 
terno. 

Guido Baccelli, presidente. 



MINISTERO DELLA ISTRUZIONE PUBBLICA 

{EOMA, piazza della Minerva). 

Nunzio NASI, Minisi) o. — N. N., Sottosegretario di Stato. 
Antonino Consiglio, capo della segreteria di S. E. il Minìstvo. 

Divisione I». — Gabinetto. 

Vincenzo Masi, capo di divisione. 

Consiglio superiore della Pubblica Istruiione. 

Il Ministro, presidente. 
Stanislao Caimizzaro, vicepresidente. 
Divisione II*. — Istruzio-ne Superiore. — (Uni- 
versità e Istituti d'istruzione superiore). 
Francesco Coppola, capo di divisione. 
Divisione III». — Istruzione secondaria clas- 
sica — (Licei e Ginnasi). 

Vittorio Fiorini, capo di divisione. 
Divisione IV». — Istruzione secondaria tecnica. 

— (Istituti tecnici e nautici e scuole tec- 
niche). 

Carlo Pranzetti, capo di divisioni*. 
Divisione V». — Istruzione magistrale. — (Scuo- 
le normali e complementari^ 
Vittore Ravà, capo di divisione. 
Divisione VI^ — Istruzione primaria e popo- 
lare. — (Scuole elementari ed asili infantili). 
Bruto Amante, capo di divisione. 
Divisione VII*. — Educazione fìsica e morale. 

— (Igiene scolastica, ginnastica, edifizi sco- 
lastici). 

Vitaliano Gennaro, capo di divisione. 
Divisione Vili*. — Legislazione e Biblioteche. 

— (Legislazione, Consiglio superiore. Acca- 
demie e Biblioteche). — [La Divisione VIII 
rimane temporaneamente soppressa, la parte 
riguardante la Legislazione e le Biblioteche fu 
aggregata alla Divisione I, il resto alla II]. 

N. N., capo di divisione. 




Nunzio Nasi. 



Direzione generale delle Antichità e Belle Arti. 

Carlo Fiorili), direttore generale. 
Divisione IX*. — Antichità. 

Antonio Scaduti, cajio di divisione. 
Divisione X". — Belle Arti. 

Alfonso Sparagna, capo di divisione. 



— 103 — 



Ragioneria. 

Luigi Cossii, capo di divisione. 



Sono annesse al Ministero dell'Istruzione 
una Giunta Superioi-e di Belle Arti, una Com- 
missione permanente per le arti musicale e dram- 
matica. Commissione consultiva per le questioni 
relative al personale e pii ricoveri, Commissione 
permanente per V Istruzione secondaria classica 
e Tecnica, Commiss, permanente per l'Istruzione 
primaria, Commiss, permanente per gli Istituti 
femminili, tutte presiedute dal Ministro. 



S. E. il Ministro riceve i Senatori e 1 Depu- 
tati tutti i gioi'ni nello ore d'ufficio e coloro 
che hanno chiesto e ottenuto udienza, nel gior- 
no e nell'oi'a indicati nella lettera d'invito. 

S. E. il Sottosegretario di Stato riceve 1 
Senatori e 1 Deputati tutti 1 giorni meno i 
festivi nelle ore d' ufficio e coloro che hanno 
chiesto e ottenuto udienza, nel giorno in- 
dicato nella risposta. 

I Capi servizio ricevono 1 Senatori e i De- 
putati tutti i giorni in qualunque ora, durante 
l'orario d'ufficio. 



MINISTERO DEI I.AVORI PUBBLICI 

{EOMA, via della Mercede). 
Nicola BALENZANO, Ministro. — Ippolito NICCOLINI, Sottosegretario di Stato. 

Enrico Franza, capo di gabinetto del Ministro. 

Filippo De Rossi, segretario particolare del Ministro. 

Pietro Casciani, capo di gabinetto del Sottosegretario di Slato. 



Segretariato generale. 

Raffaele Manganella, ispettore superiore 
amministrativo. 
Divisione I». — (Affari generali — Personale 
del Ministero e del Genio Civile — Edilità 
— Contratti — Servizio interno ed econo- 
mato — Biblioteca). 

EiTnete Zoccoli, capo di divisione. 
Ragioneria centrale. 

Gaspare Maniscalco-Mustica, dirett, capo 
di ragioncìia. 




Nicola Balenzano. 

Direzione generale di Ponti e Strade. 

Edoardo Braggio, direttore generale. 
Divisione II». — (Strade nazionali: costru- 
zione e sistemazione — Strade provinciali 
a costruzione diretta dello Stato e sovve- 
nute — Contributi — Concorsi e sussidi — 
Sistemazione del Tevere urbano — Opere 
edilizie di Roma — Palazzo di giustizia in 
Roma — Policlinico Umberto I, in Roma — 
Monumento nazionale a Vitt. Emanuele II). 
Carlo Riveri, capo di divisione. 



Divisione IIK — (Strade nazionali: manuten- 
zione — Strade comunali obbligatorie e 
vicinali — Trazzere demaniali — Cassa di 
mutuo soccorso fra i capi cantonieri e can- 
tonieri delle strade nazionali — Regola- 
menti e polizia delle strade — Inventario 
tecnico e registro economico). 
Angelo Paulucci, capo di divisione. 

Direzione generale delie Opere idrauliciie. 

Francesco Tedesco, direttore generale. 
Saverio Barbarisi, ispettore superiore am- 
ministrativo. 
Divisione IV». — (Opere idrauliche di l* e II» 
categoria, canali demaniali e servizio idro- 
grafico fluviale). 

Vittorio Teglio. capo di divisione. 
Divisione V». — (Porti, spiaggie e fari). 

Antonino Consiglio, capo di divisione. 
Divisione YI». — Bonifiche. 

Francesco D'Intino, capo di divisione. 
Divisione VII». — (Opere idrauliche di III, 
IV e V categoria). 

Guglielmo Tofano, capo di divisione. 

Consiglio superiore dei Lavori Pubblici. 

Carlo Beroaldi, presidente. 
Luigi Ripa di Meana e Raffaele Cintio, 
presidenti di sezione. 

Amministrazione delle Strade Ferrate. 

Collegio arbitrale. — Giambattista Pagano 
Guarnaschelli, presidente; Adeodato Bona- 
si, vicepresidente. 

Consiglio delle Tariffe. — Il Ministro, pi-es.; 
Giacomo Sani, vicepresidente. • 

Comitato superiore delle Strade Ferrate. — Vit- 
torio Ottolenghi, presidente; Mario Man- 
froni, segretario. 

R. Ispettorato gen. dell'esercizio ferroviario. 

Vittorio Ottolenghi, ispettore generale in- 
caricato. 
Ufficio di Segreteria. — Vincenzo Longhi, ispet- 
tare superiore. 



— 164 - 



IT^tcìo Oraiii. — Pietro Zacchi, capo ufficio. 
Ufficio di Studi tecnici. — N. N., cajpo ufficio. 

Divisione I». — (Vigilanza sull'esercizio). 

Severino Kodini, capo di divisione. 
Divisione II» — (Servizio commerciale). 

Giuseppe Giovanni Sanguini, capo di di- 
visione. 
Divisione III». — (Lavori e provviste per le 
linee delle Reti Mediterranea, Adriatica e 
Sicula, e per le linee Venete dello Stato). 
Domenico Marchiano, capo di divisione. 

R. Ispettorato generale 
delle costruzioni e concessioni ferroviarie. 

Vittorio Ottolenghi, ispettore generale. 
Ufficio di segreteria. — N. N., segretario. 
Divisione IV*. — (Costruzioni di strade fer- 
rate). 

Gustavo Romanelli, capo di divisione in- 
caricato. 



Divisione V». — (Concessioni di nuove fer- 
rovie). 

Cesare Sullam, capo di divisione. 

Ufficio TECNtco speciale per i.e contro- 
VKRSIE CON LE IMPRESE. — Emanuele Brac- 
co, capo ufficio. 

Ragioneria. — Ippolito Saint Cyr, capo di 
divisione. 



S. E. il Ministro riceve i Senatori e i De- 
putati tutti i giorni, tranne il giovedì e la do- 
menica, dalle 10 V2 alle 11 V2- Tutte le altre 
persone saranno ricevute nei giorni di mar- 
tedì e venerdì dalle 10 alle 10 '/2- 

S. E. il Sottosegretario di Stato riceve i Se- 
natori e i Deputati tutti i giorni esclusi i 
festivi dalle 11 alle 12. Tutte le altre persone 
saranno ricevute nei giorni di lunedì e gio- 
vedì delle 10 alle 11. 



MINISTERO DELLA MARINA 

{ROMA, piazzetta di Sant'Antonino de' Portoghesi). 
Enrico Costantino MORIN, Ministro. — Carlo Leone REYNAUDI, Sottosegretario di Stato. 



Segretariato generale. 

Segreteria. 

Dante Parenti, capo della segreteria. 

Economato. 

Olinto Torre, capo di divisione. 

Ufficio dei personali civili. 

Ernesto Quartara, f.f. capo di divisione. 

Ufficio del Genio militare. 

Pietro Mirandoli, capo ufficio. 

Ufficio di Ragioneria. 

Giovanni Marchese, capo di divisione. 



Uffici aggregati al Segretariato generale. 

Ufficio tecnico. 

Edoardo Masdea, capo ufficio. 
Direzione del servizio sanitario. 

Salvatore Grisolia, direttore. 
Ufficio di revisione. 

Dante Parenti, direttore dell' Ufficio. 
Ufficio di Stato Maggiore. 

Luciano Serra, capo di Stato Maggiore. 

Direzione generale del Personale 
e del Servizio militare. 

Augusto Aubrj', direttore generale. 

Divisione Ufficiali e servizio militare. 

Carlo Avallone, capo di divisione. 
Divisione Corpo Reale Equipaggi. 

Eduardo Imperatori, f. f. di capo di d 
visione. 
Divisione confahilità del servizio militare. 

Paolo Basso, capo di divisione. 



Direzione generale delle Costruzioni Navali. 

Gioacchino Gargano, direttore generale. 
Divisione Costruzioni navali. 

Francesco Viterbo, capo di divisione. 




Enbico Costantino Mobik. 

Divisione Macchine. 

Archimede Genardini, capo di divisione. 

Divisione Contabilità deUe costruzioni navali. 
Lorenzo Leone, capo di divisione. 

Direzione generale di Artiglieria e Armamenti. 

Carlo Grillo, direttore genende. 
Divisione Artiglieria e armamenti 

Giovanni Casella, capo di divisione 



— 165 — 



Divisione Armi subacquee e materiale elettrico. 

Adolfo Pouchaiu. capo di divisione. 
Dipitione Contabilità d' artiglieria e armamenti. 

Federico De Gaetani, capo di divisione. 

Direzione generale della IMarina Mercantile. 

Lorenzo Fiorito, direttore generale. 
Ufficio di aff'ari generali. — (Affari di massi- 
ma risguardanti la navigazione — Trattati 
di commercio e di navigazione — Conven- 
zioni per i servizi marittimi — Norme per 
le visite dei piroscafi postali — Vigilanza 
sul registro italiano, ec). 

Ercole Lenzi, capo dell' Ufficio. 
Divisione Polizia marittima e Casse invalidi. 

Federico Gambetta, capo di divisione. 



Divisione Poi'ti e spiagge. 

Stefano Rosso, capo di divisione. 
Divisione Premi e tasse marittime. 

Francesco Pages, capo di divisione. 

Consiglio superiore di Marina. 

Felice Napoleone Canevaro, presidente. 

Commissione dei ricorsi per la leva di mare. 

N. N., presidente. 

S. E. il Ministro e S. E. il Sottosegretario 
di Stato ricevono i Senatori e i Deputati e co- 
loro che hanno chiesto udienza tutti i giorni 
feriali nelle ore d'ufficio. 



MINISTERO DELLE POSTE E DEI TELEGRAFI 

(ROMA, via del Seminario). 
Tancredi GALIMBERTI, Ministro. — Baldassarre SQUITTÌ, Sottosegretario di Stato. 



Segretariato generale. 

Gabinetto. — Pietro Stettiner, capo di gabi- 
netto di S. E. il Ministro. 

Giovan Battista Pecorella, capo di gabi- 
netto di S. E. il Sottosegretario di Stato. 

Giovanni Filippi, segretario particolare di 
S.E. il Ministro. 

Angelo Gioia, segretario particolare di 
S. E. il Sottosegretario di Stato. 
Economato del ministero. 
Romolo Reboa, economo. 

Primo reparto. 

Carlo Gamond, capo del reparto. 
Divisione I». — (Personale). 

Giorgio Rodano, capo di divisione. 
Divisione II». — (Ricevitori postali e telegr ). 

Gustavo Franchini, capo di divisione. 

ISPETTOBI centrali AMMINISTRATIVI. 

Giuseppe Bellini, Pietro Stettiner, Em.i- 
nuele Franco, Ottavio Scotti, Telemaco 
Marchi. 
Ispettore centrale tecnico. 

Italo Brunelli. 
Ispettori per i fabbricati. 

Stanislao Drusiani, Carlo Rolfi. 
Ufficio centrale d'ispezione. 

Giuseppe Greborio, ispettore capo. 

Secondo reparto. 

Antonio Miglioranzi, capo del reparto. 
Divisione III». — (Servizio delle corrispon- 
denze per l'interno e per l'estero). 

Luigi Grillo, capo di divisione. 
Divisione IV». — (Servizio dei pacchi). 

Clemente Figini, capo di divisione. 
Divisione V". — (Telegrafi). 

Fedele Cardarelli, capo di divisione. 
Divisione VI». — (Telefoni). 

Giovanni Dell'Oro, capo di divisione. 

Terzo reparto. 

Carlo Pirrone, capo del reparto. 
Divisione VII». — (Vaglia). 

Carlo Pirrone, capo di divisione, reggente. 



Divisione VIII». — (Casse postali di ri- 
sparmio). 

Eugenio Dalmati, capo di divisione, regg. 
Divisione IX». — (Ispettorato dei servizi ma- 
rittimi). 

Paolo Lonardi, capo di divisione. 
Divisione X'^. — Ragioneria. 

Pietro Curato, capo di divisione. 

S. E. il Ministro riceve i Senatori, ed i De- 
putati, tutti i giorni, meno il giovedì e la do- 
menica, dalle ore 11 alle 12, i privati che 
hanno chiesto e ottenuto udienza, nel giorno 
e nell'ora indicati nella lettera d'invito. 




Tancredi Galimberti. 

S. E. il Sottosegretario di Stato riceve i 
Senatori ed i Deputati tutti i giorni meno la 
domenica dalle 11 alle 12. 

I signori Ispettori generali e Centrali ed 
i signori Capi di divisione ricevono tutti i 
giorni nelle ore d'ufficio. 



— IGG — 
MINISTERO DEL TESORO 

(ROMA, vìa XX Settembre e via Cernala, palazzo del Ministero delle Finanze). 
Ernesto DI BROGLIO, Ministro. — N. N., Sottosegretario di Stato. 



Gabinetto del Ministro 
e del Sottosegretario di Stato. 

Guglielmo Mangili, secret, del Ministro. 
N. N., segretario del Sottosegret. di Stato. 

Segretariato generale. 

(Personale dell'Amministrazione centrale, del- 
la Corte de' Conti, delle Avvocature Erariali, 
di Ragioneria e degli Economi Magazzinieri 




Ernesto di Broglio. 

presso le Intendenze di Finanza — Esami di 
ammissione e di promozione — Onorifi- 
cenze — Indennità di missione e di tra- 
mutamento — Spese casuali — Sussidi — 
Spese postali o telegrafiche — Economato 
del Ministei'o — Bibliotecai. 

Edoardo De Nipoti, direttore capo di di- 
vi sio>ie. 

Ragioneria generale dello Stato. 

Emilio Melani, ragioniere generale. 
Gaetano Riccio, ispettore generale. 
Ufficio di ispezione delle Ragionerie. — (Vigi- 
lanza sulle Ragionerie, sugli Economi-cas- 
sieri e sull'applicazione del riscontro ai 
magazzini dello Stato). 

Salvatore Giannone, ispettore. 
Divisione I». — (Affari generali e scritture). 

Giovanni Forza, direttore capo di divis. 
Divisione II». — (Bilanci). 

Fj'ancesco Denaro, dir. capo di r^tgioneria. 

Direzione generale del Tesoro. 

Serafino Zincone, direttore generale. 

Augusto Mortara, ispettore generale. 
Divisione I». — (Portafoglio). 

Giuseppe Carlo Romani, direttore capo di 
divisione. 



Divisione II». — (Preparazione dei bilanci e 
conti consuntivi dello Stato in linea ammi- 
nistrativa). 

Nicolò Mercadante, direttore c(tpo di divi- 
sione. 

Divisione IH.» — (Entrate speciali del Tesoro). 
Benedetto Travali, direttore capo di divis. 

Divisione IV»*. — (Ammissione a pagamento 
dei mandati e degli altri titoli di spesa a 
carico dello Stato). 

Enrico Marinucci, dirett. capo di divisione. 

Divisione V». — (Affari generali e riservati). 
Giacinto Tassò, direttore capo di divisione. 

E.vGioNEKiA. — Ubaldo Naymiller, direttore 
capo della ragioneria. 

Ufficio centrale delle Pensioni. 

Salvatore Giannone, ispettore. 

Tesoreria centrale del Regno. 

Ugo Cacchi, tesoriere centrale. 
Giacinto Leone Bavera, controllore cen- 
trale. 

Commissione permanente per la vigilanza sulln 
circolazione e siigli istituti di emissione. 
Il Ministro, presidente. 

Ufficio centrale di ispezione per la vigilami! 
sugli Istituti di emissione e sui servizi del 
Tesoro. 
Achille Padoa, ispettore generale. 



Direzione generale del Debito Pubblico. 

Vincenzo Mancioli, direttore generale. 
Angelo Zuliani, ispettore generale. 

Ufficio aff'ari generali. — Giuseppe Garbuzzi, 

caposezione. 
Divisione I«. — (Protocollo generale). 

Angelo Rossetti, direttore capo di divis. 

Divisione II». — (Iscrizioni ed altre opera- 
zioni su rendite nominative). 

Luigi Poggi, direttore capo di divisione. 

Divisione III». — (Traslazioni e tramutamenti 

di rendite nominative). 

Arturo Casini, direttore capo di division- . 

Divisione IV». — (Conservazione del Gran L: 

bro dei consolidati 5 e 3 per cento e 4 < 

4,50 per cento netto). 

Giacomo Catalano, direttore capo di divis. 
Divisione V». — (Debiti Inclusi separatamente 
nel Gran Libro). 

Ernesto Lubrano, direttore capo di divis. 

Divisione VI». — (Ragioneria). 

Giovanni Benaglla, direttore capo. 
Ufficio dell' Agente contabile dei Titoli del De- 
bito Ihibblico. 
Ugo Pellegrini, agente contabile. 



107 



J'fjìi-io di contrailo. 

Pietro Gavassa, controllore capo. 

iHmistione di vigilanza sul Debito Pubblico. 
Gerolamo Boceardo, presidente. 

Direzione generale della Cassa dei Depositi 
e Prestiti. 

Luigi Venosta, direttore generdle. 
Salvatore Medolaghi, ispsttore generale. 

Divisione I». — (Depositi). 

Carlo Galletti, direttore capo di divisione. 

Divisione II». — (Prestiti ordinari in contanti). 
Giovanni Proeida, direttore capo di divi- 
sione. 

Divisione III». — (Istituti di previdenza). 
Filippo Bainaldi, direttore capo di divi- 
sione. 



Divisionk IV». — (Sezione autonoma di cre- 
dito comunale e provinciale). 

Giovanni Ceresole, direttore capo di dici' 
sione. 

Divisione V». — (Ragioneria). 

Agide Gabrielli, dirett. capo di ragioneria. 



S. E. il Ministro riceve tutti i giorni nelle 
ore d'ufficio così pure S. E. il Sottosegreta- 
rio di Stato. 



Commissione permanente per l'esame dei bilanci 
tecnici e le proposte legislative risgunrdanti 
gli Istituti di previde:iza amministrati dalla 
Cassa depositi e prestiti. 
Cesare Ricotti, presidente. 



CONSIGLIO DI STATO 

{ROMA, piazza Capodifeì-ro, palazzo Spada). 
Francesco Saverio BIANCHI, presidente. — Eugenio NOGHERA, segretario generale. 



Skzione I». Interno. — (Aflari dei Ministeri 
dell'Interno e dell'Istruzione). 
Gic>rgio Giorgi, presidente. 
Si:z:0NE II*. Grazia e Giustizia. — (Affari dei 
Ministeri di Grazia e Giustizia, dei Lavori 
Pubblici, delle Poste e dei Telegrafi e de- 
gli Affari Esteri). 

Carlo Mazzolaui, presidente. 



Sezione III". Finanze. — (Affari dei Ministeri 
delle Finanze, del Tesoro, dell'Agricoltura, 
della Guerra e della Marina). 
Carlo Astengo, presiden'e. 
Sezione IV*. Giustizia amministrativa. 
Adeodato Donasi, presidente. 



CORTE DEI CONTI 

(ROMA, via Pas'rengo, palazzo del Ministero delle Finanze). 

Gaspare FINALI, presidente — Fortunato ROSTAGNO, procuratore generale 
Giuseppe DI LORENZO, segretario generale. 



SEZIONE I». — (Esame e visto preventivo de- 
gli atti concernenti le spese dello Stato, 
la liquidazione ed il pagamento delle me- 
desime — Vigilanza sulle entrate e rela- 
tiva contabilità e vidimazione dei buoni 
del tesoro — Esame e visto di tutti 1 decreti 
reali e ministeriali, eccettuati quelli che 
sotto qualsiasi titolo e forma, determinano 
la cessazione di servizio — Affari concer- 
nenti il Debito Pubblico e la Cassa dei 
Depositi e Prestiti). 

Finali, predetto, presidente. 

Di Lorenzo, segretario. 

Sezione II». — (Esame e visto di tutti i de- 
creti reali e ministeriali di collocamento 
a riposo, dispensa dal servizio e destitu- 
zione dall'impiego — Liquidazione delle 
pensioni e delle indennità per una volta 
tanto — Revisione e giudizio dei conti dei 
tesorieri provinciali e degli istituti dipen- 
denti). 

Pietro Cotti, presidente. 

Alessandro Beretta, segretario. 

Sezione III». — (Revisione definitiva e giudi- 
zio dei conti dei contabili dello Stato — 



Giudizi speciali e di responsabilità dei pub- 
blici funzionari — Ricorsi in appello dai de- 
creti dei consigli di prefettura in materia 
di conti comunali e dai decreti delle giunte 
provinciali amministrative in materia di 
conti delle Opere Pie — Esame e visto di 
decreti relativi all'accettazione e svincolo 
delle cauzioni dei contabili dello Stato e 
dei tesorieri delle province). 

Giovanni Baccelli, presidente. 

Torquato Pacini, segretario. 



Uffici delia Corte dei Conti. 

Segretariato generale. — (Personale della Corte 
dei Conti — Affari riservati e d' ordine ge- 
nerale — Corrispondenza ufficiale — Cor- 
rispondenza telegrafica — Apertura della 
corrispondenza — Protocollo generale — 
Copisteria — Segreteria della I» Sezione 
della Corte — Funzioni di cancelleria giu- 
diziaria davanti le Sezioni riunite della 
Corte — Registrazione dei decreti — Ai-- 
chivio Generale — Biblioteca). 
Di Lorenzo, segretario generale. 



— 168 



Divisione I». — (Conti dello Stato, dei Co- 
muni e delle Opere Pie — Funzioni di can- 
cellei-ia in affari contenziosi contabili presso 
la IH» Sezione della Corte — Copisteria — 
Economato). 

Torquato Pacini, capo di divisione. 
Divisione II». — (Pensioni e conti provinciali 
— Segreteria della II» Sezione). 
Alessandro Beretta, capo di divisione. 
Divisione IH». — (Entrate). 

Giuseppe Ferreri, capo di divisione. 
Divisione IV». — (Riscontro agli atti e alle 
spese delle Finanze e del Tesoro). 
Giuseppe Sabatini, capo di divisione. 
Divisione V«, - (Riscontro agli atti e alle 
spese dell'Interno e degli Atfari Esteri). 
Pio Muda, capo di divisione. 
Divisione VI'^. — (Riscontro agli atti e alle 
spese della Grazia e Giustizia e del Fondo 
per il Culto). 
Antonino Armelisasso, capo di divisione. 

Divisione VII».. — (Riscontro agli atti e alle 
spese dei Lavori Pubblici e delle Poste e 
Telegrafi).' 

Alfonso Tozzi, capo divisione. 



Divistone VIII». - (Riscontro agli atti e alle 
spese della Guerra e della Marina). 
Enrico Schiavo, capo di divisione. 
Divisione IX». — (Riscontro agli atti e allo 
spese dell'Istruzione Pubblica e dell'Agri- 
coltura, Industria e Commercio). 

Lorenzo Marangoni, capo di divisione. 
Divisione X».— (Liquidazione delle spese fis- 
e debito vitalizio). 
Cristoforo Visentini, capo di divisione. 
Divisione XK — (Riscontro ai Magazzini dello 
Stato). 
Giulio Vassalli, capo di divisione. 
Ufficio di riscontro presso la Direzione Getin- 
rale del Debito Pubblico — Doppio del Gran 
Libro. 

Domenico Longobardi, direttore capo del- 
l' Ufficio. 

Ufficio di riscontro pi-esso la Cassa Depositi e 
Prestiti. 

Giuseppe Somma, direttore capo dell'uf- 
ficio. 

Ufficio di delegazione presso la cassa speciale 
del Tesoro in Eoina. 

Pompeo Righetti, delegato. 



(Stampato il 15 settembre 1903). 

GERARCHIA CATTOLICA 

Arcivescovi e Vescovi delle Sedi Residenziali italiane. (*) 



PIEMONTE E LIGURIA 

Imm. Sogg. — Vesc. Luni-Sarzana (Unito 
con Brugnato). 
Genova. - Metr. Genova — Eduardo Pulciano. 
Suffr. Albenga — Filippo Allegro. 
Bobbio — Pasquale Morgante. 
Brugnato — Giovanni Carli. 
Chiavari — Fortunato Vinelli. 
Savona e Noli — Giuseppe Scatti. 
Tortona — Igino Bandi. 
Ventimiglia — Ambrogio Daflfra. 
Torino. - Metr. Torino — Agostino Richelmy, 
card. 
Suffr. Acqui — Disma Marchese. 
Alba — Giuseppe Francesco Re. 
Aosta — Augusto Giuseppe Due. 
Asti — Giuseppe Ronco. 
Cuneo — Andrea Fiore. 
Fossano — Emiliano Manacorda. 
Ivrea — Matteo Filipello. 
Mondovi — Giovanni Battista Ressia. 
Pinerolo — G. B. Rossi. 
Saluzzo — Giovanni Oberti S. P. 
Susa — Carlo Marozio. 
Vercelli. - Metr. Vercelli - Lorenzo Carlo Pam- 
pirio, O. P. 
Suffr. Alessandria della Paglia — Giuseppe 
Capecci, O. E. S. A. 
Biella — Giuseppe Gamba. 



Casale — Ludovico Gavotti. 
Novara — Mattia Vicai-io. 
Vigevano — Pietro Berruti. 

LOMBARDIA E VENETO 

Imni. Sogg. - Arciv. Udine — Pietro Zam- 
burliiii. 
Milano. — Metr. Milano — Andrea Ferrari, 
card. 
SufìTr. Bergamo - Gaet. Camillo Guindaiii. 
Brescia — Giac. Corna Pellegrini. 
Como — Teod. Ernesto Maria Valfrò di 

Bonzo. 
Crema — Ernesto Fontana. 
Cremona — Geremia Bonomelli. 
Lodi - G. B. Rota. 
Mantova — Paolo Origo. 
Pavia — Francesco Ciceri. 
Venezia (Patriarralo). • Metr. Venezia — (ri- 
tenuto da Sua Santità). 
Si(ffr. Adria — Antonio Polin. 

Belluno e Feltro — Francesco Cherubiii. 
Ceneda — Sigismondo Brandolini Rota. 
C^hioggia — Lodovico Marangoni, M. C. 
Concordia — Francesco Isola. 
Padova — Giuseppe Calegarl. 
Treviso — Giuseppe Apollonio. 
Verona — Bartolomeo Bacilieri, card. 
Vicenza — Antonio Feruglio. 



(*) Lnm. Sogg. Sedi immediatamente soggette alla Santa Sede. — Metr. Sede arcivesco- 
vile metropolitana. — Suffr. Sedi vescovili suflfraganee alla metropolitana immediatameute 
precedente. — Arciv. Arcivescovato. — Vesc. Vescovato. 



169 



ANTICHI STATI DELLA CHIESA 



Lnm. S(H/ff. - Arciv. Camerino — Celestino 
Del' Frate. 

Ferrara — Giulio Boschi, card. 

Perugia — Dario Mattei Gentili. 

Spoleto — Domenico Serafini, O. S. B. 
Vesc. Acquapendente — Gisleno "Veneri. 

Alatri — Benedetto Spila 0. F. M. 

Amelia — Vincenzo Giuseppe Veneri. 

Anagni — Antonio Sardi. 

Ancona ed Umana — Achille Manara, card. 

Ascoli Piceno — Bartolomeo Ortolani. 

Assisi — Luigi De Persiis. 

Bagnorea — Eutizio Parsi. 

Città di Castello — Ai-istide Golfìeri. 

Città della Pieve — Giovanni Tacci. 

Civita Castellana, Orte e Gallese — Gia- 
como Ghezzi, M. O. 

Corneto e Civitavecchia — Angelo Rossi. 

Fabriano e Matelica — Luciano Genti- 
lucci. 

Fano — Vincenzo Franceschini. 

Ferentino — Domenico Bianconi. 

Foligno — Carlo Bertuzzi. 

Gubbio — Angelo Dolci. 

Jesi — Giovan Batt. Ricci. 

Montefiascone — Domenico Rinaldi. 

Narni — Cesare Boccanera. 

Nocera — Rocco Anselmini. 

Norcia — Nicola Ranieri, M. O. 

Orvieto — Domenico Bucchi-Accica. 

Osimo e Cingoli — G. B. Scotti. 

Poggio Mirteto — Giuseppe Gandolfi. 

Recanati e Loreto — Vittorio Amedeo 
Ranuzzi dei Bianchi. 

Rieti — Bonaventura Quintarelli. 

Segni — Pancrazio Giorgi. 

Sutri e Nepi — Bernardo Giuseppe Doeb- 
bing, M. O. 

Terni — Francesco Bacchini. 

Terracina, Sezze e Piperno — Domenico 
Ambrosi. 

Tivoli — Prospero Scaccia. 

Todi — Giuseppe Ridolfi. 

Treja — (Sotto l'amm.perp. di Camerino). 

Veroli — Paolo Fioravanti. 

Viterbo e Toscanella — Antonio Maria 
Grasselli, M.C. 
Bologna. - 3fet>: Bologna — Domenico Svampa, 
card. 
Suffr. Faenza — Gioacchino Cantagalli. 

Imola — Francesco Baldassarri. 
Fermo. — Metr. Fermo — Roberto Papiri. 
Snffr. Macerata e Tolentino — Ranieri Sar- 
nari. 

Montalto — Luigi Bonetti. 

Ripatransone — Luigi Boschi. 

San Severino — Giosuè Biechi. 
Ravenna. - Metr. Ravenna — Guido M. Con- 
forti. 
Suffr. Bertinoro — Federico Polloni. 

Cervia — Federico Foschi. 

Cesena — Alfonso Maria Vespignani. 

Cornacchie — Alfonso Archi. 

Forlì — Raimondo Jafifei. 

Rimini — Vincenzo Scozzoli. 

Sarsina — Domenico Riccardi. 
Urbino. - Mefr. Urbino — Nicodario Vampa. 
:Siiffr. S. Angelo in Vado e Urbania — Anto- 
nio Valbonesi. 

Cagli e Pergola — Giuseppe Aldauesi. 



Fossombrone — Dionisio Alessandri. 
Monteteltro — Alfonso Andreoli. 
Pesaro — Carlo Bonajuti. 
Senigallia - Tito Maria Cucchi. 

TOSCANA ED EMILIA 

Imin.Sogg. - Arciv. Lucca — Nicola Ghilardi. 
Vksc. Arezzo — Donnino Donnini. 
Borgo S. Donnino — Pietro Terroni. 
Cortona — Michele Baldetti. 
Montalcino — Giuseppe Bettini. 
Montepulciano — Felice Gialdini. 
Parma — Francesco Magani. 
Piacenza — G. B. Scalabrini. 
Firenze. - Metr. Firenze — Alfonso M. Mistran- 
gelo, S. P. 
Suffr. Borgo S. Sepolcro — Rafifaele Saii- 
dreUi. 
Colle di Val d'Elsa — Massimiliano No- 
velli. 
Fiesole — David Camilli. 
S. Miniato — Pio Alberto Del Corona, O. P. 
Modigliana — Sante Mei. 
Pistoia e Prato — Marcello Mazzanti. 
Modena. - Metr. Modena — Natale Bruni. 
Suffr. Carpi — Andrea Righetti. 
Guastalla — Andrea Sarti. 
Massa di Carrara — Enrico Maria Miniati. 
Reggio — Arturo Marchi. 
Pisa. - Metr. Pisa — Pietro Maffi. 
Suffr. Livorno — Sabatino Giani. 
Pescia — Donato Velluti Zati. 
Pontremoli — Angelo Fiorini, M. Cap. 
Volterra — Giuseppe Gelli. 
Siena. - Metr. Siena — Benedetto Tommasi. 
Suffr. Chiusi e Pienza — Giacomo Bellucci. 
Grosseto — Bernardino Caldajoli, 
Massa-Marittima — G. B. Boracohia. 
Sovana-Pitigliano — Michele Cardella, C. P. 

PROVINCIE NAPOLETANE 

Imm. Sogg. - Abciv. Amalfi — Enrico De Do- 
minicis. 

Aquila — Francesco Paolo Carrano. 

Cosenza — Camillo Sorgente. 

Gaeta — Francesco Niola. 

Rossano — Orazio Mazzella. 
Vesc. Aquino — Antonio Jannotta. 

Pontecorvo (Antichi dominii della S. Sede) 
e Sora — Antonio Jannotta. 

Aversa — Francesco Vento. 

Cava e Sarno — Giuseppe Izzo. 

Foggia — Carlo Mola, C. O. 

Gravina e Montepeloso — Cristoforo 
Maiello. 

S. Marco e Bisignano — Carlo Vincenzo 
Ricotta. 

Marsi (Sede in Pescina) — Marino Russo. 

Melfi e Rapolla — Giuseppe Camassa. 

Mileto — Giuseppe Morabito. 

Molfetta, Terlizzi e Giovinazzo — Pa- 
squale Picone. 

Monopoli — Francesco di Costanzo. 

Nardo — Giuseppe Ricciardi. 

Penne e Atx-i — Giuseppe Morticelli. 

Teramo — Alessandro Beniamino Zaucc- 
chia Gianetti C. S. 

Trivento — Carlo Pietropaoli. 

Troia — Paolo Emilio Bergamaschi, 

Valva e Sulmona — Tobia Patroni. 



— 170 — 



Acerenza. - Mslr. Acerenza e Matera - Rar- 
faele Rossi. 
Suffv. Anglona Tursi — Carmelo Puija. 
Potenza e Marsico Nuovo — Ignazio Mon- 

terisi. 
Tricarico — Anselmo Pece! O. S. B. 
Venosa — Lorenzo Antonelli. 
Bari. - Metr. Bari — Giulio Vaccaro. 

Saffi: Conversano — Antonio Lamberti. 
Ruvo e Bitonto — Pasquale Berardi. 
Benevento. - iJ/e'r. Benevento (Antichi stati del- 
la Chiesa) — Don Benedetto Bonazzi di 
Sannicandro, O. S. B. 
Suffr. Sant'Agata dei Goti — Ferdinando 
M. Cleri. 
Alife — Settimio Caracciolo di Torchiarolo. 
Ariano — Andrea d'Agostino, C. M. 
Ascoli Satriano e Cerignola — Angelo 

Struffolini. 
Avellino — Serafino Angelini. 
Bojano — Felice Gianfelice. 
Bovino — Giuseppe Padula. 
Larino — Bernardino di Milia, M. Cap. 
Lucerà — Giuseppe Consenti, C. S. S. R. 
S. Severo— Bonaventura Gargiulo, M. Cap. 
Telese e Cerreto Sannita — Angelo Mi- 
chele Jannacchino. 
Termoli — Angelo Balzano. 
Brindisi ed Ostuni. - Metr. Brmdisi — Salva- 
tore Palmieri, C. P. S. 
Capua. - Metr. Capua — Alfonso Capecelatro, 
C. O. card. 
Snff'r. Caiazzo — Federico de Martino. 
Calvi e Teano — Alfonso Maria Giordano. 

C. S. S. R. 
Caserta — Gennaro Cosenza. 
Isernia e Venafro — Nicola Merola. 
Sessa Aurunca — G. B. M. Diamare. 
Chieti. - Metr. Chieti e Vasto — Gennaro Co- 
stagliola C. M. 
Gonza. - Metr. Conza — Antonio Buglione. 
Suffr. S. Angelo dei Lombardi e Bisaccia 
— Giulio Tommasi. 
Campagna — Antonio Buglione. 
Lacedonia — Nicola Zimarino. 
Muro — Raffaele Capone, C. S. S. R. 
Lanciano. — Metr. Lanciano e Ortona — An- 
gelo della Cioppa. 
{Manfredonia. - 3/e<r. Manfredonia e Viesti — 

Pasquale Gagliardi. 
Napoli. - Jtfe/r. Napoli — Giuseppe Prisco, «</•- 
(linale. 
iSiitfr. Acerra — Francesco de Pietro. 
Ischia — Mario Palladino. 
Nola — Agnello Renzullo. 
Pozzuoli — Michele Zezza. 
Otranto. — Metr. Otranto — Gaetano Cape rali, 
C. P. S. 
Siiffr. Gallipoli — Gaetano Muller. 
Lecce — Gennaro Trama. 
Ugento — Luigi Pugliese. 
Reggio Cai. - Metr. Reggio — Gennaro Porta- 
uova, card. 
iSiiffr. Bova — Domenico Pugliatti. 
Cassano all'Ionio — Anton M. Bonito. 
Catanzaro — Luigi Finoja. 
Cotrone — Emanuele Merra. 
Gerace — Frane. Sav. Mangeruva. 
Nicastro — Giovanni Regine. 
Oppido — Domenico Scopellitl. 

{Stampato il 31 



Nicotora e Tropea — Dom. Taccone Gai- 
lucci. 
Squillace — Raffaele Morisciano. 
Salerno. - Meti: Salerno e Acerno — Valerio 
Laspro. 
Capaccio-Vallo — Paolo lacuzio. 
Diano e Teggiano — Vincenzo Addossi. 
Marsico Nuovo — Ignazio Monterisi. 
Nocera dei Pagani — Luigi del Forno. 
Nusco — Michele Arcangelo Pirone. 
Policastro — Giovanni Vescia. 
Severina (Santa). - Metr. Santa Severina - 
Nicola Piccirilli. 
Sìiffr. Cariati — Lorenzo Chieppa. 
Sorrento. - Metr. Sorrento — Giuseppe Giusti- 
niani. 
Suffr. Castellammare di Stabia — Michele 
de Jorio. 
Taranto. - Metr. Taranto - Pietro Alfonso 
Jorio. 
Suffr. Castellaneta — Giocondo De Nittis, ■ 
M. R. 
Oria — Antonio di Tommaso. 
Tranì. - Metr. Trani e Barletta — Tommaso ' 
de Stefano. 
Sitffr. Andria — Giuseppe Staiti di Branca- 
leone. 
Bisceglie — Tommaso de Stefano. 

SICILIA 

Imr/i. Sogg. - Anciv. Catania — Giuseppe 

Francica Nava di Bontifè, card. 
Vesc. Acireale — Gerlando Genuardi. 
Messina. - Metr. Messina — Litterio d'Arrigo. 
:Sttffr. Lipari — Francesco Raiti O. C. 
Nieosia — Ferdinando Fiandaca. 
Patti — Francesco Traina. 
Monreale.- ilfe/r. Monreale — Dom. Gasp. Lan- 
cia di Brolo, O. S. B. 
Suffr. Caltanissetta — Ignazio Zuccaro. 
Girgenti — Bartolomeo Lagnmina. 
Palermo. - Metr. Palermo — P. G. Michelan- 
gelo. Ceiosia, O. S. B. card. 
Suffr. Cefalù — Gaetano D'Alessandro. 
Mazzara — Nicola Audino. 
Trapani — Stefano Gerbino di Cannitt^ll 
(). S. B. 
Siracusa. - Metr. Siracusa — Giuseppe Fi 
renza. 
Suffr. Caltagirone — Damaso Pio De Bouu. h 
Noto — Giovanni Blaudini. % 

Piazza Armerina — Mario Sturzo. * 



I 



SARDEGNA 

Cagliari. - Metr. Cagliari — Pietro Balestra 

M. C. 

Suffr. Galtelli-Nuoro — Luca Canapa. 

Iglesias — Raimondo Ingheo. 

Ogliastra — Giuseppe Paderi. j 

Oristano. - Metr. Oristano — Salvatore Tolu. 

Suffr. Ales e Terralba — Palnierio Garau. 

Sassari. - Metr. Sassari — Diego Marongiu 

Delfio. 

Suffr. Alghero — Eliseo Giordano, O. C. < 

Ampiirias e Tempio — Antonio Mai > 

Contini. 
Bisarchio — Filippo Bacoiu. 
Bosa — Eugenio Cauo. 
agosto 1908). 



~ 171 — 



CULTO EVANGELICO 



E rappresentato In Italia da un certo nu- 
mero di Chiese varie per origine, più che per 
dottrina. Anzi, può dirsi che, quanto a dogmi, 
]'f differenze che passano fra di esse siano di 
j.OfO conto. L'apparenza ha potuto far dire: 
*• Quante tinte! „ Ma basti notare che tutte 
riconoscono unica base il Vangelo, e ch'esse 
han comune il Credo detto Apostolico, tranne 
forse taluna di cui non si conoscono le sta- 
tistiche. Quanto all'origine e all'età loro, os- 
serviamo che una di esse soltanto originò 
avanti la Riforma: le altre originarono dopo, 
e pel maggior numero ai nostri giorni. Accen- 
niamole dunque secondo l'ordine di tempo 
unito a quello di nazionalità. 

I. - Le Chiese italiane: 

1. La Chiesa Valdese. — Sorta nel medio 
evo con apostolici ideali, incorse nel biasimo 
di Alessandro IH e negli anatemi del suo 
successore Lucio III (Concilio di Verona, 
an. 1184J per avere mantenuto il diritto di 
leggere e propagare liberamente l'Evangelo. 
Si diffuse in molti paesi, e dovè lottare per la 
sua esistenza. Dopo essersi associati altri dis- 
sidenti d' infra i discepoli e continuatori tanto 
di Pietro di Brujs quanto di Arnaldo da Bre- 
scia, si ritrasse nelle vallate delle Alpi Cozie, 
ove non tardarono a ricercarla i fi-ati dell'In- 
quisizione, e fu perfino fatta segno ad una im- 
mane crociata fan. 1487, sotto Innocenzo VII). 
Ma sopravvisse, aspettando la Riforma. 

Aderendo alla Riforma, la Chiesa Valdese 
ne diventò in certa guisa l'avanguardia in 
Italia, quando il Duca di Savoia perdeva la 
sua città di Ginevra. Indi nuove lotte, grandi 
persecuzioni, stragi nefande (come quella che 
fu detta delle " Pasque piemontesi, „ o " Pa- 
sque di sangue, « an. 1655), per opera della 
Società <ìe Fropaganda Fide. I valdesi soffrirono 
in modo crudelissimo, ma si difesero, senza 
mai farsi ribelli al loro Principe, né lasciarsi 
strappare la loro fede, la libertà di coscienza, 
piccola fiamma che riluceva nella notte di 
quei tempi. Quando Luigi XIV intimò al Duca 
Amedeo II di applicare anche a quelle valli 
pinerolesi la sua revoca dell'Editto di Nan- 
tes, già così funesta ai suoi sudditi riformati, 
parve che la fine dei Valdesi fosse inevita- 
bile. Incarcerati a schiere, costretti a scegliere 
fra l'apostasia o l'esilio, scelsero di esulare. 
Ma il favore dei principi e delle città prote- 
stanti non li consolò della perdita dalla pa- 
tria. Dopo tre anni, guidati dal consiglio del 
vecchio esule Giosuè Giavanello e dal valore 
del loro pastore Enrico Arnaud, rimpatria- 
rono a mano armata e si ristabilirono nelle 
loro vallate (an. 1689). Questo loro " glorioso 
rimpatrio „ segnò la pagina più splendida del- 
la loi-o storia. Essa non sfuggi a Napoleone il 
grande; il quale, vedendoli tollerati nelle tre 
vallate di Pinerolo, concesse ad essi le prime 
libertà, tosto fugate dalla reazione. Alfine 
suonò l'ora della civile emancipazione dei 
Valdesi, sotto il Re Carlo Alberto (17 feb- 
braio 1848(. Roberto d'Azeglio fu primo a sa- 
lutare " fratelli „ quei dissidenti riconciliati, 
non colla Chiesa Romana, ma colla patria, e 

Saponetta al Latte SS™- n'r' 



memorabili furono le parole rivolte ad essi 
dall'illustre Mamiani: " Sieno rese grazie pub- 
blicamente da tutta Italia a voi, o Valdesi, 
che l'antica madre mai non avete voluto 
odiare o sconoscere insino al giorno glorioso 
che fu da Dio coronata la vostra costanza, e 
un patto comune di libertà vi riconciliava 
con gli emendali persecutori. „ 

Da poi, la Chiesa Valdese prese ad esten- 
dersi di nuovo, sulle tracce de' suoi martiri, 
nella patria, fino In Sicilia. Il suo culto ha 
regola democratica, ma ordinata, schiva anzi 
che no dalle esagerazioni settarie; è geloso 
della propria autonomia ed italianità. Anno- 
vera sessantatrè comunità, compi-ese le se- 
dici natie delle valli di Pinerolo (dove si par- 
lano due lingue, l'Italiano ed il francese), e 
diverse congregazioni in fieri, non che diversi 
istituti ed associazioni. È retta da una sinodo 
annua, composta de' ministri (ossia pastori 
ed evangelisti) e di delegati delle comunità. 
A quella sinodo fanno capo i diversi rami 
dell'amministrazione, ossia la Tavola (Board) 
Valdese presieduta dal Moderatore (Cav. Uff. 
G. P. Pons, Torre Pellice) e il Comitato di 
Evangelizzazione col suo presidente (Comm. 
Matteo Prochet, Roma), ec. 

Gl'istituti valdesi sono di scienza, di edu- 
cazione e di beneficenza. Eccone la lista: 

1) La Scuola di Teologia a Firenze. Non vi 
si accede se non muniti di regolare licenza 
ffceale o di titoli equipollenti. 

2) Il Liceo e il Ginnasio di Torre Pellice, 
pareggiati. 

3) la Scuola Latina (classi ginnasiali infe- 
riori) di Pomaretto. 

4) La Scuola Superiore Femminile di Torre 
Pellice. 

5) Scuole Elementari ed Infantili in tutte 
le Comunità delle valli Valdesi e in diverse 
di quelle che sorsero nelle altre province. 

6) Asili variì: 

a) Orfanotrofio femminile a Torre Pel- 
lice; 

b) Collegio degli aTtigianelli valdesi a 
Torino : 

C-) Orfanotrofio maschile di Vallecrosia, 
presso Bordighera: 

d) Istituto Gould, maschile, a Roma. 

7) Ospedali: 

a) Ospedale di Torre Pellice; 
5) Ospedale di Pomaretto; 

e) Ospedale di Torino. 

d\ Asilo Umberto e Margherita per i 
vecchi, San Germano Chisone; 

e) Asilo per i vecchi. San Giovanni di 
Luserua ; 

f) Asilo Carlo Alberto per gl'incurabili, 
San Giovanni di Luserna. 

La Chiesa Valdese, non è soltanto antica, 
ma ancora di gran lunga più numerosa delle 
altre che stiano per enumerare. Si calcola 
che i suoi membri e aderenti sommino a più 
di trentamila. 

2. La Chiesa Battista, ossia l' Vnioue Cri- 
stiana Apostolica Battista. — Originata in In- 
ghilterra e negli Stati Uniti dell'America nel 
secolo XVII, questa Chiesa si propagò da 

limte. Sconto del 50% ai possessori dell'Almanacco 

st-itzione nella na<iiiia di 'Ta<i!ia>iJÌK 



172 — 



anni con zelo in parecchie delle città italiane, 
ed è diretta da un Comitato di cui è presi- 
dente il rev. sig. N. H. Shaw (Firenze). No- 
vera diverse associazioni e scuole domenicali, 
1430 membri e un certo numero di aderenti. 

3. La Chiesa Metodista Wesleyana. — Ori- 
ginata in Inghilterra nel secolo decinaottavo 
per opera dei fratelli Giovanni e Carlo Weslej', 
incominciò a propagarsi in Italia nel 1861. Il 
suo campo in Italia è posto sotto la presidenza 
del rev. William Burgess (Roma). Registra ven- 
tinove pastori e tredici evangelisti, diverse 
scuole elementari e domenicali, 1616 membri 
e parecchie centinaia di aderenti. 

4. La Chiesa Metodista Episcopale. — È pur 
questa una sezione della Chiesa Metodista 
primitiva, organizzata secondo il sistema epi- 
scopale da due colleghi di Wesley nel 1784, 
in America, L' autorità suprema risiede nella 
Conferenza Generale che si tiene negli Stati 
Uniti di America ogni quattro anni ed è pre- 
sieduta da vescovi. Subordinatamente si di- 
rama in Conferenze annuali, tra le quali è 
quella che un vescovo pi-esiede in Italia, dove 
il campo dividesi in tre distretti, sotto la di- 
rezione del presidente anziano rev. dottore 
W. Burt (Roma). Questa missione esordi da 
noi nel gennaio 1873, e aperse a Roma una 
S juola Teologica e degl' Istituti inferiori, ma- 
schili e femminili. Novera 12 chiese, 25 mi- 
nistri, 1482 membri e centinaia di aderenti. 

5. Chiesa Cristiana (detta già Libera e ora 
dei Fratelli). — Sorse in Toscana per opera 
del conte Piero Guicciardini e di amici suoi 
venuti in contatto con protestanti esteri, che 
propagavano da noi un movimento indipe» 
dente da qualsiasi organizzazione ecclesia- 
stica. Questa Chiesa non offre statistiche ; ma 
consta che novera diversi gruppi di " fratelli „ 
e tiene delle Scuole domenicali. 

6. Chiesa Evangelica Italiana (detta già Li- 
bera, poi d' Italia, ma riconosciuta veramente 
ente moi-ale come " Opera della Chiesa Evan- 
gelica Italiana di Via de' Benci n. 7, Firenze „). 
— Originò tra le file della Chiesa Libera pre- 
cedente, dalla quale si separò per organizzarsi 
sotto gli auspicii del rev. Padre Gavazzi che 
le conferì qualche lustro e caldeggiò più di 
altri la sua unione co' Valdesi, la quale non 
si effettuò. Tiene ogni anno un'assemblea ge- 
nerale; ha un Comitato Direttivo presieduto 
dal sig. L. Conti (Roma) ; apre di tanto in tanto 
una Scuola di Corso di preparazione; pubblica 
in inglese un rapporto annuo che ci sfugge. 
Il suo personale non essendo ben fisso que- 
st'anno, vedremo se ci sarà modo di preci- 
sarlo un'altra volta. 

7. Chiesa Cattolica Riformata. — Sorse dal 
movimento di riforma Cattolica iniziato dal 
rev. conte Enrico di Campello già canonico 
della basilica di S. Pietro in Vaticano. Viene 
a costituire come un ramo della riforma dei 
Vecchi Cattolici, coi quali è in comunicazione, 
ma ha forse ideali più evangelici. Ha avuto 
per parecchi anni a presidente lo stesso conte 
di Campello, vescovo eletto, che risiedeva ad 
Arrone, presso Terni. Novera 9 chiese e cap- 
pelle, 6 ministri ordinati; conta un migliaio di 
anime, tra membri e aderenti, ed ha uno spe- 
dale in costruzione. Recentemente l'hanno 
indebolita il passaggio d'una intera congre- 



gazione col proprio pastore alla Chiesa Val- 
dese e il ritorno del fondatore in grembo alla 
chiesa romana. 

8. Opere indipendenti, ossìa personali. — Ve 
ne sono diverse. La più nota è quella del 
Dott. G. Comandi, direttore di un Asilo Profes- 
sionale Evangelico in Firenze, e responsabile 
per la Chiesa Evangelica e le annesse Scuole di 
Siena. 

Il rev. E. Clarke dirige alla Spezia una 
Missione Battista, con scuole e orfanotrofio, 
e con varie succursali in altre località. 

II. — Chiese Estere 

(quasi esclusive per le colonie straniere) : 

1 . La Chiesa Anglicana. — E di forma epi- 
scopale ; novera 22 comunità o stazioni o luo- 
ghi di culto, permanenti tutto l'anno (oltre 
a poche stazioni estive), dipendenti dal Ve- 
scovo di Gibilterra. 

2. La Chiesa Episcopale Americatta. — Con 
due comunità: Firenze e Roma. 

3. La Chiesa Germanica. — Culto per lo più 
luterano; novera una ventina di comunità, 

4. La Chiesa Riformata. — Composto prin- 
cipalmente di Svizzeri: novera tre comunità. 

5. Chiesa Presbiteriana Scozzese. — Novera 
otto comunità o stazioni, e cura l'evangeliz- 
zazione tra' marinai ne' porti di Genova, Na- 
poli, ec. 



Diverse sono le opere e le istituzioni che 
si potrebbero ancora menzionare in relazione 
col culto evangelico. Cosi, l'Ospedale Prote- 
stante cui presiede a Genova il comm. A. Bert ; 
l'Ospedale Internazionale e l'Ospedale Te- 
desco col Màdchenheim di Napoli; l'Ospedale 
Protestante e il Diakonissen-Heim di Roma; 
l'Asilo Evangelico di Milano diretto da un co- 
mitato di signori fra i quali notiamo il Pres. 
Cav. G."' Cramer, il Cav. A. Andrene, e che 
accoglie nella sua bellissima villa ammalati di 
ogni nazionalità e di tutte le religioni, senza 
nessuna imposizione confessionale (via Monte 
Rosa, 12); il Laboratorio Femminile e l'Isti- 
tuto per le Diaconesse a Torino; rOspediilo 
Betania, il Marlenhelm e l'Istituto EvanL- 
lieo Femminile (fondato da S. Ferretti» a I 
renze; la Società Biblica Britannica e Fo: 
stiera che ha pure a Firenze il suo agente i 
reverendo A. Melile e vende annualmci: 
molte migliala di copie delle S. Scritture; ì:ì 
Tipografia Claudiana, ancora a Firenze col 
suo Comitato per le pubblicazioni; infine, i 
periodici, tra' quali è una rivista soltanto, 1. 
Rivista Cristiana (indipendente, con uffizi- 
Firenze, 51, Via Serragli); gli altri perio<i 
consistono in giornali dipendenti da Comit 
o da Chiese, per esemplo l'Italia Evangeli 
l'Evangelista, la Civiltà Evangelica, Il Pier 
Messaggere, e, più recente, il Rinnovameli 
senza parlar AeW Echo dea Vallées e dell' i 
visatore Alpino, che si pubblicano nelle V.u . 
Valdesi. 

Il numero totale degli aderenti noti al 
culto evangelico in Italia si eleva forse a 
centomila, i quali si compongono In grandis- 
sima maggioranza di Valdesi e di protestanti 
esteri. 



APPATinP '^'''^sso ^^' ^^% '' possessori dell'Almanacco Italiano 
aJJIIaIÌUA (Vedi istruzioni nella pagina di Tagliandi). 



173 — 



CULTO ISRAELITICO 

Dati statistici sugl'Israeliti del mondo e specialmente 
su quelli d'Italia. 



Quest'anno possiamo finalmente dare no- 
tizie precise sulla Statistica ufficiale compiuta 
il 10 febbraio 1901 intorno alla popolazione 
israelitica del Regno d'Italia. Dobbiamo però 
notare, per norma di chi legge, che le cifre, 
specie quelle delle grandi città, sono molto 
al di sotto del vero, parecchi ebrei non aven- 
do voluto, per ragioni che ora sarebbe qui 
inutile rintracciare, dichiarare la loro con- 



fessione religiosa nella colonna della scheda 
ove doveva essere scritta. E con una lineetta 
orizzontale se la sono sbrigata. Daremo più 
avanti qualche esempio. 

Intanto ecco la statistica a cui facciamo 
seguire le nostre osservazioni. I comuni se- 
gnati con asterisco son quelli la cui cifra ci 
fu data dalla Direzione dell' uflacio di Stati- 
stica del Regno. 



COMUNITÀ 


.\Dinrro 
Isrifl. 


RABBINI NEI. 1903 


COMtfNlTÀ 


IflBtri 


RABBINI NEL 1903 


I9BAELITICHE 






isrifi. 
30 




♦Acqui 


1P3 


R. A. Ancona. 


Novellara .... 




♦Alessandria . . . 


365 


R. Emanuel Foa. 


*Ostiano 


12 


_ 


♦Ancona 


1285 


R.M.LR. Tedeschi. 


^Padova 


811 


R. M. Eude LoUi. 


♦Ascoli Piceno . . 


12 





^Palermo 


54 


_ 


♦Asti 


302 


R. Marco Foa. 


♦Parma 


169 


R. D. Camerini. 


Biella 


80 


_ 


♦Perugia 


50 


— 


♦Bologna 


675 


R. Alberto Orvieto. 


♦Pesaro 


103 


— 


Bozzolo 


20 


_ 


♦Piacenza 


20 


— 


♦Brescia 


61 


_ 


Pietrasanta . . . 


20 


_ 


Busseto 


35 


_ 


♦Pisa 


467 


R. A. V. Benedetti. 


Carmagnola . . . 


28 


— 


Pitigliano .... 


200 


V. R. S. Pergola. 


Carpi 


30 


_ 


♦Prato 


50 


— 


♦Casale Monferrato 


437 


R. M. cav. F. Servi. 


•^Ravenna 


13 


— [sco. 


Cento 


36 


V. R, M. Levi. 


♦Reggio (Emilia) . 


160 


R.M.L. Laide Tede- 


Cherasco 


20 


_ 


Revere 


25 


_ 


Chieri 


55 


R. Arturo Fiz, 


♦Roma 


7112 


R.M.Cav.V.Casti- 


Conegliano. . . . 


40 


— 






glioni. 


Correggio . . . . 


50 


— 


♦Rovigo 


156 


R. Amleto Servi. 


Cortemaggiore . . 


23 


— 


Sabbioneta. . . . 


20 


— 


♦Cuneo 


170 


V. R. Gius. Montel. 


Saluzzo 


130 


R. Marco Levi. 


♦FeiTara 


1227 


R. M. G. Jaré. 


♦San Remo .... 


94 


— 


Finale (Modena) . 


30 


_ 


Scandiano .... 


20 


— 


Fiorenzuola di 






Senigallia . . . . 


130 


R. G. Musatti. 


Arda 


65 


- riies. 


Sermide 


20 


— 


♦Firenze 


2219 


R.M.cav.S.Margu- 


♦Siena 


106 


R. Arturo Sitri. 


Fossano 


50 


R.G.R. Montagnana 


Soragna 


70 


R. M. C. Foà. 


♦Genova 


800 


R. Donato Levi. 


♦Spezia 


46 


— 


Guastalla . . . . 


30 


_ 


Terni 


20 


— 


Imola 


30 


_ 


♦Torino 


2828 


R. M. G. Bolam. 


Ivrea 


30 


_ 


Treviso 


50 


_ 


♦Livorno 


2418 


R.M.Sam. Colombo. 


Trino (Novara). . 


50 


_ 


Lucca 


30 


_ 


Udine 


80 


_ 


Lugo 


96 


— 


♦Urbino 


92 


— 


♦Mantova 


1068 


R. M. I. Levi. 


♦Venezia 


2399 


R.M.M. Coen Porto 


Massa e Carrara . 


. 50 




♦Vercelli 


369 


R.M. cav. G. I. Cin- 


♦Milano 


3012 


R.M. cav. A.DaFano 


♦Verona 


553 


R. A. Carpi, [goli. 


♦Modena 


698 


R. M. G. Cammeo. 


Viadana 


30 


_ 


Moncalvo . . . . 


60 


— 


Viareggio . . . . 


25 


— 


Mondovì 


40 





Vicenza 


50 


_ 


Monticelli d'Ong. 


30 


_ 


Vittorio 


45 


_ 


♦Napoli 

Nizza Monferrato. 
♦Novara ... 


265 


R. G. Sonnino. 


Voghera 


20 


- 


25 
22 


- 


Tttilf dfj romani ?!. 82 


33010 


Rabbini N. 33 



I DENTI BIANCHI 

si conservano solo usando il KOSMBODONT-MIGONE 

(Vedi annunzio di fronte al frontespizio). 



] 



— 174 — 

La cifra totale della statistica ufficiale (10 febbraio 1901), dà in tutto il Regno 34,653 isvae- 
liti, così divisi per compartimenti. 



Compartimento 


)lasHii 


Femniine 


Totale 


Compartimento 


Maselii 


FUDDt'ni 


T«lile 


Piemonte 

Liguria 

Lombardia 

Veneto 

Emilia 


2,793 

847 

2,444 

1,945 

1,647 

2,576 

548 

110 

3.590 


2,630 

678 

2,147 

2,216 

1,883 

3,048 

888 

76 

3,860 


5,423 
1,525 
4,591 
4,161 
3,530 
5,624 
1,436 
180 
7,450 


Abruzzi e Molise . . . 

Campania 

Puglie 

Basilicata 

Calabria 

Sicilia 


73 
198 
45 
6 
26 
65 
41 


52 
116 
38 
1 
12 
35 
19 


125 
314 

83 
7 

33 
100 


Marche 


Sardegna 


60 




Totale nel Regno, . 


16,954 


17,699 


34,653 









Ora chi volesse prender queste cifre come 
assolute e precise errerebbe grandemente. La 
sola Napoli ha più di 1000 israeliti, Torino 
più di 3500, Bologna più di 900, Roma più 
di 8000, ec. E noi persistiamo a dire che 
gl'israeliti del Regno d'Italia si debbano va- 
lutare a circa 40,000. 

La cifra di 94 data a San Remo era com- 
posta quasi tutta di ebrei russi e tedeschi 
che vanno a passare l'inverno In quel clima 
delizioso. Nel corso dell'anno vi abitano solo 



due famiglie d'israeliti italiani, in tutto 12 in- 
dividui. 

La stampa israelitica è rappresentata in 
Italia dal Vessillo, che esce in Casale Monfer- 
rato e che nel 1904 entra nel suo 52o anno 
di vita. Pel suo cinquantenario chi scrive 
queste linee ha pubblicato dal rinomato sta- 
bilimento Doyen di Torino uno splendido Al- 
bum, contenente Prose, Versi, Pensieri, Sen- 
tenze e circa 200 ritratti di Rabbini, scrittori 
collaboratrici, ec, F, Servi. 

Casale, 1 settembre 1903. 



« 



AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE 
Prefetti delle Provincie. 





nome e cognome 




NOME E COGNOME 












DEL prefetto 




DEL PREFETTO 


Alessandria 


Pietro Serafini 


Massa Carrara 


Carlo Cataldi 


Ancona 


Luigi Ovidi 


Messina 


Francesco Emilio Serra. 


Aquila 


Giuseppe Fioretti 


Milano 


Giovanni Alfazio 


Arezzo 


Riccardo Frola 


Modena 


Antonio Dall' Oglio 


Ascoli Piceno 


Giuseppe Ruspaggiari 


Napoli 


Tommaso Tittoui 


Avellino 


Gennaro Mlnervini 


Novara 


Claudio Musi 


Bari 


Emilio Caracciolo di Sarno 


Padova 


Pietro Savio 


Belluno 


Carlo Brizio 


Palermo 


Francesco De Seta 


Benevento 


Salvatore Colucci 


Parma 


Domenico De Rosa 


Bergamo 


Carlo Baldovino 


Pavia 


Carlo Ferrari 


Bologna 


Bernardo Carlo Ferrari 


Perugia 


Luigi Sorniani MoretLi 


Brescia 


Angelo Cova 


Pesaro e Urbino 


Tito Donati 


Cagliari 


Pietro Cioia 


Piacenza 


Adriano Trinchiori 


Caltanissetta 


Pietro Bondi 


Pisa 


Giovanni Gasperini 


Campobasso 


N. N. 


Porto Maurizio 


Giovanni De Rossi 


Caserta 


Filippo Muscianisi 


Potenza 


Francesco Maggiitti 


Catania 


Emilio Sedendo 


Ravenna 


Lorenzo Fabris 


Catanzaro 


Amedeo Nasalli-Rocca 


Reggio Calabria 


Antonio La Mola 


Chieti 


Vincenzo Flauti 


Reggio Emilia 


Giovanni Buraggi 


Como 


Pietro Ferri 


Roma 


Vincenzo Colmayer 


Cosenza 


Giuseppe Grignolo 


Rovigo 


Vincenzo Lugarosi 


Cremona 


Tito Carnevali 


Salerno 


Giovanni Ferrando 


Cuneo 


Onorato Germonio 


Sassari 


Giov. Battista AluQl 


Ferrara 


Elvidio Salvarezza 


Siena 


Pietro Gaudin 


Firenze 


Antonio Winspeare 


Siracusa 


Ratìaele Orso 


Foggia 


Carlo Bacco 


Sondrio 


Emilio Venturi 


Forlì 


Francesco Craveri 


Teramo 


Carlo Tivaroni 


Genova 


Camillo Eugenio Garroni 


Torino 


Alessandro Guiccioli 


Girgentl 


Giuseppe Lucio 


Trapani 


Carlo Panlzzardi 


Grosseto 


Fabrizio Fiutino 


Treviso 


Ernesto Bessone 


Lecce 


Carlo Chiaro 


Udine 


Raffaele Doneddn-.\rdoino 


Livorno 


Angelo Annarratone 


Venezia 


Giovanni Cassls 


Lucca 


Guglielmo Capitelli 


Verona 


Ernesto Dallari 


Macerata 


Augusto Borselli 


Vicenza 


Luigi Bettioli 


Mantova 


Jacopo Vittorelli 







(Stampato il 10 settembre 1903). 



— 175 — 

CIRCOSCRIZIONI MILITARI 
Comandanti dei Corpi d'Armata e delle Divisioni del Regno. 



CORPI D'ARMATA 



NUMERO E SEDE 

I. Torino . . 

II. Alessandri: 

III. Milano . . 

IV. Genova. . 

V. Verona . . 

VI. Bologna . 

VII. Ancona. . 
Vili. Firenze. . 

IX. Roma. . . 

X. Napoli . . 

XI. Bari. . . . 

XII. Palermo . 



GENERALE COMANDANTE 



DIVISIONI 



SEDE 



ronimaso Valles. 



Giovanni Eiva Palazzi. 

Luigi Fecia di Cessato. 
Luchino del Mayno . . 



ÌTokino . . . . 
ÌNovar.a . . . . 

ì Alessandria . 
') Cuneo 

I 

I Milano . . . . 
■| Brescia. . . . 

I Piacenza . . , 
■ / Genova . . . , 



Gaetano Gobbo }Jj««^;J 



Luigi Majnoni d'Imignai^o 
Francesco Pistoja 



\ Bologna 
■ } Ravenna 
ì Ancona 



GENERALE COMANDANTE 



S.A.E. il Duca d' Aosta 
Francesco Stevani 
Giuseppe Bell citi 
Enrico Radiati Talice di 

Fasserano 
Giuseppe Perrucchetti 
Vittorio Cortese 
Fabrizio Lazari 
Alberto Cerruti 
Luigi Bisesti [moi-ìfo 

Edoardo Badicali di Mar- 
Vittorio Asinari di Bernez- 
Arnoldo Girala [zo 

Giuseppe Vigano [tio 



/Chieti [Cesare Ponza di S.Marti- 



Antonio Baldissera 



I Firenze, 
■ ■ ' 'ì Livorno, 

Giuseppe Besozzi Ì^Z^^^^ 



.Ettore Pedotti. . 
. jrario Lamberti 
. Giuseppe Guy . , 



) Perugia 
I Cagliari 
i Napoli. 
) Salerno 
yBARi. . . 
(Catanzaro. 



Coriolano Ponza di S. Mar- 

Giovanni Goiran [tino 

Francesco Mazza 

Achille Mazzitdli 

Em il io D eg io rgis 

Cesare Tarditi 

Spirito Fantoni [na 

\ Alberto Incisa di Camera- 
1 Giulio Serafini 



i Palermo .... AGiulio Di Boccard 
■) Messina Carlo Catievn 



{Stampato il 10 settembre 1903). 



STANZE DEI CORPI AL 1« OTTOBRE 1903. 



BRIGATE DI FANTERIA 



SEDI 

DEI 

COM.ANDI 



DFNOMI- 
NAZIONE ! 

Granat." di 
Sardegna. 



He Verona . 

Piemonte. .Firenze. 

Aosta. . . .Chieti. . 

Cuneo. . . . Nocera . 



Regina . 
Casale . 
Plnerolo 
Savona . 
Acqni. . 



Livorno 
Salerno . 
Padova . 
Savona . 



Pisa 



REGGIMENTI FANTERIA 



lo Gr. 

2» r, 

j loFant. 

't 20 „ 

1 3" „ 

1 *» « 

i 50 „ 

* T" T 

-[ 80 . 

! 9» . 

•(10» „ 

ili" « 

•(12" „ 

••u« , 

(15o ^ 

••1»)° - 



SEDE 

DEL 

REGGIMENTO 



Roma 
Roma 
Verona 
Verona 
Pistoia 
Firenze 
Ascoh 
Chieti (Itoba! 
18)1. fifff.al 
Potenza 
Noceralnf.,'*'! 
Siena 
Livorno 
Salerno 
Salerno 
Padova 
Padova 
Genova 
Savona 
Spezia 
Pisa 



BRIGATE DI FANTERIA 



Brescia . 
Cremona 
Como . . 
Bergamo 
Pavia . . 
Pisa. . . 
Siena . . 
Livorno . 
Pistoia . 
Ravenna. 



SEDI 
DEI 



Messina. 
Perugia. 
Palermo 
Torino . 
Palermo 
Milano . 
Cuneo. . 
Firenze. 
Aquila . 



REGGIMENTI FANTERIA 



(ig^Fant. 

•(20» « 

(21o „ 

•(220 ^ 

(230 ^ 

■(240 ^ 

(250 ^ 

•(260 ^ 

(27o „ 

l28o , 

*29o , 

l30o „ 

(310 „ 

■(320 ^ 

•330 „ 

•(340 ^ 

(350 „ 

■'.36o „ 

(370 , 

'1380 „ 



S E 1) E 

DEL 

REGGIMENTO 



Messina 

Siracusa 

Perugia 

Spoleto 

Trapani 

Palermo 

Torino 

Torino 

Palermo 

Girgenti 

Milano 

Milano 

Fossano 

Cuneo 

Firenze 

Firenze 

Foggia 

Aquila 

Mantova 

Mantova 



(•) Con distaccamenti in Cina. 



176 — 



BRIGATE DI FANTERIA 



DENOMI- 
NAZIONE 


SEDI 

DEI 

COMANDI 


Bologna. . . 


Bologna . . 


Modena. . . 


Sassari . . . 


Forlì 


Panna . . . 


Reggio . . . 


Napoli . . . 


Ferrara. . . 


Roma. . . . 


Parma . . . 


Piacenza . . 


Alpi 


Reggio Cai. 


Umbria . . . 


Vercelli. . . 


Marche . . . 


Cremona . . 


Abruzzi. . . 


Gaeta....! 


Calabria . . 


Torino . . .j 


Sicilia . . . 


Forlì . . . .' 


CagUari. . . 


Novi Lig. . 


Valtellina. . 


Milano . . . 



REGGIMENTI FANTERIA 



40o 
(410 
U20 
j43o 
(440 
»45o 
(460 
j47o 
(480 
j49o 
(50o 
j51o 
(520 
|53o 
(540 
j5i5o 
(060 
1570 
(580 
;59o 
(6O0 
<61o 
v62o 
163» 
(640 
(650 
(660 



>Fant. 



SEDE 

DEL 

REGGIMENTO 



Modena 
Bologna 
Sassari 
Cagliari 
Parma 
Parma 
Napoli 
Napoli 
Roma 
Roma 
Piacenza 
Piacenza 
Monteleone 
Reggio Cai. 
"Vercelli 
Ivrea 

Reggio Em. 
Cremona 
Gaeta 
Caserta 
Torino 
Torino 
Forlì 
Riminl 
Novi Ligure 
Tortona 
Como 
! Milano 



BRIGATE DI FANTERIA 



DENOMI- 
NAZIONE 



Palermo . 
Ancona . . 
Puglie. . . 
Lombardia 
Napoli. . . 
Toscana. . 
Roma . . . 
Torino. . . 
Venezia . . 
Verona . . 
Friuli . . . 
Salerno . . 
Basilicata . 
Messina. . 



SEDI 

DEI 

COMANDI 



REGGIMENTI FANTERIA 



Treviso. . .I^"/""*' 



Ravenna 
Alessandria 



(70» 
710 



Brescia. . .jj^: 



Genova . 
Alba. . . 
Venezia. 
Ancona . 
Catania. 
Novara . 
Bari. . . 
Napoli . 



l75o 

•('760 

(770 
•(78» 

t79o 
•(8O0 

(81» 
•(820 

*83o 
•(840 

»85o 
•;86o 

*S7o 
•(880 

j89o 
•(90O 



Roma....}^l: 



Catanzaro 



t93o 



SEDE 

DEL 

BEGGIMENTO 



Treviso 

Belluno 

Cesena (*) 

Ravenna 

Alessandria 

Alessandria 

Bergamo 

Brescia 

Genova 

Genova 

Brà 

Alba 

Udine 

Venezia 

Ancona 

Fano 

Messina 

Catania 

Novara 

Novara 

Bari 

Bari 

Napoli 

Napoli 

Civitavecch'" 

Viterbo 

Lecce 

Catanzaro 



REGGIMENTI BERSAGLIERI 



NUMERI E SEDI 

DELLO 

STATO MAGGIOR 

E DEL DEPOSITO 



BATTAGLIONI 
E SEDI DEI COMANDI 



lo Reggimento 
Torino 


j 


lo 

70 
90 


Torino 
Torino 
Moncenisio 


2o Reggimento 
Livorno 


i 


20 

40 

170 


Livorno 
Livorno 
Caprera 


3» Reggimento 
Roma 


i 


180 
200 
250 


Roma 
Roma 
Roma 


40 Reggimento 
San Remo 


1 


26» 
29" 
310 


Ventimiglia 
Taggia 
San Remo 


50 Reggimento 
Bologna (*) 


i 
ì 


140 
220 
240 


Bologna 
Bologna 
Bologna 



60 Reggimento { 
Ancona 1 



6» Ancona 
130 Ancona 
19" Ancona 



NUMERI E SEDI 

DELLO 

STATO MAGGIOR] 

E DEL DEPOSITO 



BATTAGLIONI 
E SEDI DEI COMANDI 



70 


Reggimento 
Milano 


( 80 Milano 
10» Milano 
Ilo Milar.o 


80 


Reggimento 
Napoli 


( 30 Napoli 
\ 50 Napoli 
/ 120 Napoli 


90 


Reggimento 
Palermo 


280 Palermo 
30o Palermo 
32» Caltanissetta 


10» 


Reggimento 
Verona 


I60 Verona 
340 Peschiera 
' 350 Verona 


Ilo 


Reggimento 

Asti 


( 16» Asti 
\ 270 Asti 
( 330 Asti 



120 Reggimento l 21o Desenzano 
— : 230 Brescia 

Brescia f 36° Brescia 



(•) Con distaccamenti in Cina. 



— 177 — 



REBBIISHTI ALPINI 



NUMEBI B SEm 




DELLO 


DENOHIK AZIONE 


STATO MAGGIORE 


DEI BATTAGLIONI 


E PKL DEPOSITO 





/ Battaelione 

Pieye di Teco 



lo Reggimento 
Mondovì 



Battaglione Cera 



Battaglione HondoTl 



/ Battaglione 

Borgo San Dalmazzo 



2» Reggimento 
Cuneo 



Battaglione Vinadio 



^ Battaglione Drenerò 



30 Reggimento \ 



Battaglione Pinerolo 



Torino 



Battaglione Fenestrelle 



Battaglione Exilles 



Battaglione Snsa 



40 Reggimento 
Ivrea 



Battaglione Ivrea 



Battaglione Aosta 



/ Battaglione Morbegno 



50 Reggimento \ Battaglione Tirano 
Milano i Battaglione Edolo 



\ Battaglione Vestono 



Battaglione Verona 



6' Reggimento 
Verona 



Battaglione Vicenza 



Battaglione Bassano 



Battaglione Feltro 



7" Reggimento 
Conegliano 



Battaglione 
Pieve di Cadore 



Battaglione Gemona 



CORPO INVALIDI E VETERANI 



Distaccamenti 



NAPOLI 

di plotone Asti. 



di soli invalidi - Massalu- 
brense. 



BRIGATE DI CAVALLERIA 





reggimenti 

CHE LE COMPONGONO 


SEDI 

DEI 

COMANDI 


1» 


Novara (5") 
Caserta (l?») 


Torino 


2» 


Milano (7o) 
Alessandria (14») 
Roma (20o) 


Alessandria 


3« 


Piemonte Reale (a») 
Genova (4°) 
Lodi (15o) 
Goide (19o) 


Milano 


4» 


MontebeUo (80) 
Piacenza (18°) 


Verona 


5» 


Nizza (1») 
Saluzzo (120) 


Udine 


6» 


Vittorio Emanuele II (IO») 
Catania (22») 
Vicenza (24° 1 


Bologna 


7. 


Savoia (3°) 
Padova {2h) 
Umberto I (23°) 


Firenze 


8» 


Firenze (9°) 
MoXrato" (13°) 


Caserta 


9* 


Aosta (6°) 
Lnnna rifioì 


Napoli 



REGGIMENTI CAVALLERIA 



reggimenti 



! SEDE DELREGG. 

I E DEL DEPOSITO 



Nizza cavalleria (!<>) 
Piemonte R. cavalleria (2°) 
Savoia cavalleria (3°) 
Genova cavalleria (4-) 
Lancieri di Novara (5°) 
Lancieri di Aosta (6'^) 
Lancieri di Milano (7'^) 
Lancieri di Monlebello (8') 
Lancieri di Firenze (9") j 

Lane. Vittorio Emanuele lì (10«) 
Cavalleggeri di Foggia (11") j 
Cavalleggeri di Saluzzo (12°) \ 
Cavaliegg. di Monferrato (13°) \ 
Cavaliegg. di Alessandria (14°) ' 
Cavalleggeri di Lodi (15°) I 
Cavalleggeri di Lucca (16°) j 
Cavaliegg. di Caserta (17°) 
Cavaliegg. di Piacenza (18°) 
Cavalleggeri Guide (19°) i 

Cavalleggeri di Roma (20°) j 
Cavalleggeri di Padova (21^) I 
Cavalleggeri di Catania (22°) 
Cavalleggeri Umberto I (23°) 
Cavalleggeri di Vicenza (24°) 



Padova 
Brescia 
Firenze 
Milano 
Vercelli 
Nola 

Savigliano 
Vicenza 
S. Maria Cn- 
pua Vetere 
Parnia 
Caserta 
Udine 
Aversa 
Salnzzo 
Lodi 
Napoli 
Torino 
Verona 
Milano 
Voghera 
Lucca 
Faenza 
Roma 
Bologna 



— 178 — 



RE6QIHENTI ARTIGLIERIA DA CAMPAGNA 





SEDE 








1* 


2a 


DELREGGIMEN 


TO BATTERIE DISTACCATE 


COMPAGNIA 


COMPAGNIA 




E DEL DEPOSI! 









TRENO 


TRENO 


1" 


Foligno . . 


. 6» Perugia 


8* Perugia 








Foligno 


Roma 


'io 


Pesaro. . . 


. 3» Ancona 


6» Fano 


7* Fano 




Pesaro 


Pesaro 


30 


Bologna. . 












Bologna 


Bologna 


40 


Cremona . 












Cremona 


Cremona 


50 


Tenaria R. 












Venaria R. 


Venaria R. 


60 


Vigevano . 












Torino 


Vigevano 


70 


Pisa .... 


. 1» Livorno 


3a Livorno 








Pisa 


Pisa 


80 


Verona . . 












Verona 


Verona 


90 


Pavia . . . 












Genova 


Genova 


lOo 


Caserta . . 


. 1=^ Sassari 










Caserta 


Caserta 


Ilo 


Alessandria 


. 2* Novi Lig. 










Alessand. 


Alessand. 


120 


Capua . . . 












Capua 


Capua 


130 


Roma . . . 












Roma 




140 


Ferrara . . 


. la Forlì 


2» Forlì 








Ferrara 




150 


Reggio E. 


. 1* Modena 


2» Modena 


3* Modena 




Reggio E. 




160 


Brescia . . 


. la Bergamo 


2» Bergamo 








Brescia 




170 


Novara . . 


. 2* Torino 


3» Torino 


4a Torino 


G» Vercel- 


Novara 




180 


Aquila. . . 


. 4* Sulmona 


5» Sulmona 






[li 


Aquila 




190 


Firenze . . 












Firenze 




200 


Padova . . 


. 7» Treviso 


Sa Treviso 








Padova 




210 


Piacenza . 


. 6» Parma 


7» Parma 


8» Parma 




Piacenza 




220 


Palermo. . 


. 8a Messina 










Messina 




230 


Acqui . . . 


. 4» Cuneo 


5» Cuneo 








Cuneo 




240 


Napoli. . . 


. 1» Nocei-a 


2* Nocera 








Napoli 










REGGIMENTI D'ARTIGLIERIA DA COSTA 




REGGIMENTO ARTIGLIERIA 




E DA FORTEZZA 


ARTIGLIERI/ 


A CAVALLO 








— 




= 




DA MONTAGNA 


- 


•.i 




?.M 






Milano 


i| 


DA COSTA 


lo 


DA FORTEZZA 


Reggi- 


Torino 


1» BATTERIA 


Verona 


1» 


Genova (con bri 


Torino (con sedi 


mento 




2» id. 


Verona 




gate a Vene- 




estive) 






3» id. 


Milano 




zia e Savona) 


?" 


Alessandria(con 


Brigata 
del Ve- 


C on e 
glian 


- 4» id. 
5» id. 


Milano 
Milano 


2» 


Spezia 




sedi estive) 


neto 




6» id. 


Milano 


3" 


Messina (con 


30 


Roma (con sedi 






1« COMP. TRENO 


Milano 




brigate a Ta- 




estive e bri- 






2» id. 


Milano 




ranto, Reggio 




gate a Pia- 






3» id. 


Milano 




C. e Gaeta) 




cenza e Man- 






4* id. 


Verona 





Brigata della 
Sardegna (al- 
la Maddalena) 




tova) 



COMPAGNIE OPERAI D'ARTIGLIERIA 



COMPAONIE 


SEDE 


COMPAGNIE 


SEDE 


1» MAESTRANZA 

2» Id. 

3» ARTIFICIERI 


Torino 
Napoli 
Bologna 


4» ARTIFICIERI 
5» ARMAIUOLI 


Capua 
Terni 



— 179 — 



REGGIMENTI GENIO 





NUMERI ì 


. SKDI 


DELLO STATO MAGG 


lORE E DEL DEPOSITO 




1» 


2" 


30 


40 


5» 


Brigata 


(Zappatori) 


(Zappatori) 


(Telegrafisti 
e specialisti] 


(Pontieri 
e lagunari) 


(Minatori) 


ferro- 
vieri 


Pavia 


Casale 


Firenze 


Piacenza 


Torino 


Torino 


Brigate e com- 


BHgale e com- 


Brigate e cotnpc 


(- Brigate e compa- 


Brigate e compa- 


Comp. 


pagnie disfac- 


pagnie distac- 


gnie distaccat 


?. gnie distaccate. 


gnie distaccate. 


distac. 


ente. 


cate. 


— 


— 


— 


— 


— 


— 


1» brigata - Pia 


- S-» brigata - Ve- 


1» brigata - Al- 




2-brlgata-Mes- 


4» brigata -Bo- 


cenza. 


rona. 


benga. 




sina. 


logna. 


2«brig. - Verona.18» comp. - Roma. 


4» comp.- Ozieri. 




3» ì>ri}jata- Ro- 




Brigata special 


1- Bngatalagunari- 


8» comp. - Bar- 




ma. 




sti - Roma. 

7» comp. - Mes 

Sina. 
2» comp. treno 

Roma. 
Distaccamen. teh 

grafisti - Oziei 


Venezia. 

5- 3» comp. treno - 
Verona. 


donecchia. 




COMPAGNIE DI SANITÀ | 


COMPAGNIE DI SUSSISTENZA 


Kiarri 


SKDE 


.Vnnert 


SKDE 


hmttt 


SEDE 


hnm 


SKDF. 


1» 


Torino 


7» 


Ancona 


1» 


Torino 


7» 


Ancona 


2» 


Alessandria 


8» 


Firenze 


2» 


Alessandria 


8» 


Firenze 


3» 


Milano 


9» 


Roma 


3» 


Milano 


9» 


Roma 


4» 


Piacenza 


10» 


Napoli 


4a 


Genova 


10» 


Napoli 


6» 


Verona 


11» 


Bari 


5» 


Verona 


11» 


Bari 


C» 


Bologna 


12» 


Palermo 


6-^ 


Bologna 


12» 


Palermo 






Plotone autonomo della 






Plotone autonomo della 






divisione di Cagliari 






divisione di Cagliali 






- Cagliari. 






- Cagliari. 



r 



ORDINE GIUDIZIARIO 

Primi Presidenti e Procuratori Generali delle Corti di Cassazione e di Appello. 

Giovanni Ferro-Luzzi 
Amilcare Lanzilli 
Vincenzo Casaburi 
Angelo Garelli 
Oreste Petrilli 
Matteo Barracano 
Giuseppe Resti Ferrari 
Giovanni De Amicis 
Enrico Cefalo 
Nicola Durante 
Angelo Bozzi 
Ignazio Serra 
Francesco Bruno 
Paolo Mazzella 
Vincenzo Cosenza 
Nicola Capitaneo 
Luigi Dei Bei 
Giuseppe Manfredi 
Francesco Penserini 
Francesco Hermitte 
Carlo Ignazio Ferrari 
Pietro Verber 
Francesco Mosca 
Genesio D'Arcayne Delital» 



Ancona 


Corte d'Appello 


Primo Presidente 
Procuratore Generale 


Aquila 


" 


Pi-imo Presidente 
Procuratore Generale 


Bologna 


n 


Primo Presidente 
Procuratore Generale 


Brescia 


i> 


Primo Presidente 
Procuratore Generale 


Cagliari 


1) 


Primo Presidente 
Procuratore Generale 


Casale Monferrato 


it 


Primo Presidente 
Procuratore Generale 


Catania 


« 


Primo Presidente 
Procuratore Generale 


Catanzaro 


" 


Primo Presidente 
Procuratore Generale 


Firenze 


Corte di Cassazione 


Primo Presidente 
Procuratore Generale 


" 


Corte d' Appello 


Primo Presidente 
Prontratore Generale 


Genova 


" 


Primo Presidente 
Prontratore Generale 


Lucca 


• 


Primo Presidente 
Procuratore Generale 



Messina 


Corte d'Appello 


Milano 


V 


Napoli 


Corte di Cassazione 


V 


Corte d'Appello 


Palermo 


Corte di Cassazione 


« 


Corte d'Appello 


Parma 


« 


Roma 


Corte di Cassazione 



Torino 



Trani 
Venezia 



Corte d'Appello 
Corte di Cassazione 
Corte d'Appello 



— 180 — 

l'rimo Presidente 

Procuratore Generale 

Primo Presidente 

Procuratore Generale 

Primo Presidente 

Procuratore Generale 

Primo Presidente 

Procuratore Generale 

Primo Presidente 

Procuratore Generale 

Primo Presidente 

Procuratore Generale 

Primo Presidente 

Procuratore Generale 

Primo Presidente 

Procuratore Generale Emilio Pascale 

Primo Presidente Michele Cardone 

Procuratore Generale Sebastiano Carrino 

Primo Presidente Tullio Pinelli 

Procuratore Generale Giuseppe Borgnini 

Primo Presidente Efisio Onnis 

Procuratore Generale Enrico Torti 

Primo Presidente Pietro Capaldo 

Procuratore Generale Nicola Cerio 

Primo Presidente Giuseppe Favini 

Procuratore Generale Giovanni Panighetti 

{Stampato il 15 settembre 1903). 



Cesare Alaggi a 

N, N. 

Federico Criscuolo 

Giov. Battista Cisotti 

Frane. Santamaria Nicolini 

Vincenzo Calenda nob. de'Ta- 

Nicola Ricciuti [vani 

Giuseppe De Marinis 

Leonardo Tommasi 

Carlo Bussola 

Enrico Perfumo 

Emanuele Pois 

Pietro Marsilio 

Augusto Nazari 

G. B. Pagano Guarnasehelli 



AGENTI DIPLOMATICI DI S. M. IL RE D'ITALIA 
PRESSO I GOVERNI ESTERI 



Argentina (Buenos-Ayrefì). — Conte Francesco 
Bottaro Costa, consigliere di legazione con 
credenziali di inviato straordinario e mini- 
stro plenipotenziario. 

Austria Ungiierìa (Vienna). — Conte Costantino 
Nigra, senatore del Regno, ambasciatore. 

Baviera (Monaco). — Nob. Alberto dei conti 
De Foresta, inviato straord. e ministro ple- 
nipotenziario. 

Belgio (Bruxelles). — Conte Carlo Alberto Ger- 
balx de Sonnaz, inviato straordinario e mi- 
nistro plenipotenziario. 

Bolivia. — Giuseppe Pirrone, inviato straor- 
dinario e ministro plenipotenziario (resi- 
dente a Lima). 

Brasile (Rio Janeiro). — March. Lorenzo Frioz- 
zi, principe di Cariati, consigliere di legaz. 
con credenziali di inviato straordinario e 
ministro plenipotenziario. 

Bulgaria (Sofia). — March. Guglielmo Impe- 
riali di Francavilla, inviato straordinario e 
ministro plenipotenziario. 

Chili (Santiago). — Fausto Cucchi Boasso, in- 
viato straordininario e ministro plenipoten- 
ziario. 

Cina (Pechino). — Conte Giovanni Gallina, In- 
viato straordinario e ministro plenipoten- 
ziario. 

Colombia (Bogotà). — N. N. 

Corea (Seoul). — Attilio Monaco, ministro re- 
sidente. 

Costarica. — Nob. Filippo dei conti Roger! di 
Villanova, ntiinistro residente (residente a 
Guatemala). 

Danimarca(CopffMap»CM).— Conte Giorgio Carlo 
Calvi di Bergolo, ministro pjenipoteuziarii». 

Egitto (Cairo). — March. Giuseppe Salvago 
Raggi, agente diplomatico. 

Equatore. — Giuseppe Pirrone, inviato straor- 



dinario e ministro plenipotenziario (resi- 
dente a Lima). 

Etiopia (Addis Aheha). — Federico Ciccodieola, 
regio rappresentante. 

Francia (Parigi). — Conte Giuseppe Tomlelli 
Brusati di Vergano, senatore del Regno, 
ambasciatore. 

Germania (Berlino). — Conte Carlo Lanza, te- 
nente generale, ambasciatore, accreditato 
pure in qualità di inviato straordinario e 
ministro plenipotenziario presso i Regni di 
Sassonia e di Wurtemberg, presso i gran- 
ducati di Assia, di Baden, dì Mecklemburgo- 
Schwerin, di Mecklemburgo-Strelitz, di Ol- 
demburgo e di Sassonia Weimar-Eisenach e 
presso i ducati di Brunswich, di Sassonia- 
Altenburgo, di Sassonia-Coburgo e Gotha e 
di Sa,ssonia-Meiningen. 

Giappone (Tol-io). — Giulio Melegari, consi- 
gliere di legaz, con credenziali di Inviato 
straordinario e ministro plenipotenziario. 

Gran Bretagna (Londra). — Alberto Pansa, in- 
viato straordinario e ministro plenipoten- 
ziario, con credenziali di ambasciatore. 

Grecia (Atene). — Giulio Silvestrelli, inviato 
straordinario e ministro plenipotenziario. 

Guatemala. — Nob. Filippo dei conti Roger! 
di Villanova, ministro residente. 

Honduras. — Id. id. (residente a Guatemala). 

Lussemburgo. — Salvatore Tugini, inviato 
straordinario e ministro plenipotenziario 
(residente all'Aja). 

■Marocco (Tangeri). — Giulio MalmusI, inviato 
straordinario e ministro plenipotenziario. 

Messico i^ffis.-tico). — Conte Giulio Cesare Vinci, 
iTiviat«i straordinario e ministro plenipotenz. 

Montenegro (Cettigue). — Riccardo Bollati, in- 
viato straordinario e ministro plenipoten- 
ziario. 



Gli olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.i di Oneglia sono gli unici perfetti. 



— 181 — 



Nicaragua. — Nob. Filippo dei conti Rogori di 
Villanova, ministro residente (residente u 
<Tiiatemala). 

Paesi Bassi (Aja). — Salvatore Tubini, inviato 
straordinario e ministro plenipotenziario. 

Paraguay [Assutiziotìt'). — Conte Francesco 
Bottaro Costa, consigliere di legaz. con cre- 
denziali di Inviato straordinario e ministro 
plenipotenziario (resid. a Buenos-Ayres). 

Persia ( Teheran). — Felice Maissa, ministro 
rcsidi'iite. 

Perù [Lima). — Giuseppe Pirrone, ministro 
residente. 

Portogallo iJÀ^hona). — Nob. Alessandro dei 
niai-ch. Guasco di Bisio, inviato straordi- 
nario e ministro plenipotenziario. 

Rumania (Bucarest). — Nob. Emanuele Becca- 
ria Incisa, inviato straordinario e ministro 
plenipotenziario. 

Russia (Pietroburgo). — Roberto dei conti di 
Morra di Lavriano e della Monta, amba- 
sciatore. 

Salvador. — Nob. Filippo dei conti Rogeridi, 
Villanova, ministro residente (residente a 
Guatemala). 



San Domingo. — Nob. Giovanni Paolo Riva, 
ministro residente (residente a Caracas). 

Serbia [Belgrado). — Conte Roberto Magliano 
di Villar S. Marco, inviato straordinario e 
ministro plenijjotenziario. 

Siam. — Riccardo Motta, ministro residente. 

Spagna (Madrid). — Luigi dei conti Avogadro 
di Collobiano Arborio, ambasciatore. 

Stati Uniti d' America (Washington). — Nob. Ed- 
mondo Mayor des Planches, inviato straor- 
dinario e ministro plenipotenziario con cre- 
denziali di ambasciatore. 

Sveziae Norvegia f.S<otro7wrt). — Emanuele Ber ti, 
inviato straordinario e ministro plenipoten- 
ziario. 

Svizzera (Berna). — Duca Giuseppe D'Avarna, 
inviato straordinario e ministro plenipotenz. 

Turchia (Costantinopoli). — March. Oblzzo Ma- 
laspina di Carbonara, ambasciatore, 

Uruguay (Montevideó). — Conte Francesco Bot- 
taro Costa, inviato straord. e ministro ple- 
nipotenziario (residente a Buenos-Ayres). 

Venezuela (Caracas). — Nob. Giov. Paolo Riva, 
ministro residente. 



(Stampato il 15 settembre 1903). 



AMBASCIATE E LEGAZIONI ESTERE PRESSO S. M. 



Argentina (lì e pubblica). — Enrico Moreno, in- 
viato straordinario e ministro plenipotenz. 

Austria-Ungheria. — Barone Mario Pasetti de 
Friedenburg, ambasciatore. 

Baviera. — N. N., inviato straordinario e mini- 
stro plenipotenziario. 

Belgio. — Augusto Van Loo, inviato straordi- 
nario e ministro plenipotenziario. 

Brasile. — N. N., inviato straordinario e mini- 
stro plenipotenziario. 

Chili. — Mariano Sanchez Fontecilla, inviato 
straordinario e ministro plenipotenziario 
(residente a Berlino). 

Cina. — Chichchin Lofengluh, inviato straor- 
dinario e ministro plenipotenziario (resid. a 
Londra). 

Colombia. - N. N. 

Corea. — Min Yung Ton, inviato straordina- 
rio e ministro plenipotenziario. 

Danimarca. — N. N., inviato straordinario e 
ministro plenipotenziario. 

Equatore. — N. N., inviato straordinario e mi- 
nistro plenipotenziario. 

Francia. — Camillo Barrère, ambasciatore. 

Germania. — De Monts de Mazin, ambasciatore. 

Giappone.'— Ohyama Tsunaské. inviato straor- 
ilinario e ministro plenipotenziario. 

Gran Bretagna. — Ph. H. W. Currie of Hawloy, 
ambasciatore. 

Grecia. — Chr. H.Mizzopoulos, incaricato d'at- 
lari. 

Guatemala. — Crisanto Medina, inviato straor- 
dinario e ministro plenipotenziario (resi- 
dente a Parigi). 



Messico. — A. Gonzalo Esteva, ministro resi- 
dente. 

Monaco. - Dugué de Maccai-thy, inviato straor- 
dinario e ministro plenipotenziario. 

Paesi Bassi. — Bernardo Westenberg, inviato 
straordinario e ministro plenipotenziaiio. 

Persia. — Malcolm Khan, generale, inviato 
straordinario e ministro plenipotenziario. 

Perù. — N. N., inviato straordinario e ministro 
plenipotenziario. 

Portogallo. — Mattia De Carvalho e Vascon- 
cellos, inviato straordinario e ministro ple- 
nipotenziario. 

Rumania. — Nicola Eleva, inviato straordinario 
e ministro plenipotenziario. 

Russia. — A. J. de Nelidoff, ambasciatore. 

Serbia. — Milenko Vesnic, inviato straordina- 
rio e ministro plenipotenziario. 

Siam. — Phya Suriya Nuvatr, inviato straor- 
dinario e ministro plenipotenziario (resid. 
a Parigi). 

Spagna. — Cipriano Del Mazo y Gherardi, am- 
basciatore. 

Stati Uniti (America del Xord). — Giorgio von 
Meyer, ambasciatore. 

Svezia e Norvegia. — N. N., inviato straordi- 
nario e ministro plenipotenziario. 

Svizzera. — Dott. Giovanni Battista Pioda, in- 
viato straordinario e ministro plenipotenz. 

Turchia. — Moustafa Réchid Bey, ambascia t. 

Uruguay. — Giovanni Cuestas, inviato straor li- 
nario e ministro plenipotenziario. 

Venezuela. — N. N., inviato straordinario e mi- 
nistro plenipotenziario. 



(Stampato il 15 settembre 1903). 



1*^/1 Ti nnPtt;) pi T atto Eminentemente Emolliente. Sconto del bQ% ai possessori dell'Almanacco 

UapUUQlia ai ijaUC italiano. - {Vedi i.strusi.jne n.'lla >,^>„ina di 'DmUaudii. 



— 182 — 

CONSOLATI ITALIANI 

DELLE PRINCIPALI LOCALITÀ STRANIERE (i) 



Argentina. 

Buenos Aires — Ludovico Gioja, e. g. 
Cordoba — Giosuè Notari, e. 
La Piata - N. N., e. 
Rosario — Luigi Testa, e. 

Austria-Ungheria. 

Budapest — Luigi G. Cusani-Confalo- 

nieri, e. g. 
Fiume — Vittorio Lebrecht, e. g. 
Innsbruck — Pietro Baroli, e. 
Trieste — Nicola Squitti, e. g. 
Zara - Mario Camicia, e. 

Belgio. 

Bruxelles — Franz Philippson, e. 
Anversa — Alberto H. Bary, e. g. 
Liegi — Augusto Gillon de Robaulx, e. 

Bolivia. 

La Paz — Giovanni Torti, e. 

Brasile. 

Kio Janeiro — Felice Beauregard, e. 
Bahia — Francesco De Velutiis, e. 
Bello Horizonte — Vittore Siciliani, e. 
Juiz de Fora — Lionello Scelsi, v. e. 
Curitiba — Vittore Agostino Tattara, e. 
Florianopolis (già Desterro) — Carlo Mau- 

cinelli Scotti, e. 
Pernambuco — Kuffillo Agnoli, e. 
Para — Francesco Crocè, v. e. 
Porto Alegre — Enrico Ciapelli, e. 
San Paolo — Gherardo Pio di Savoja, e. g. 
Vittoria — Rizzardo Rizzetto, e. 

Chili. 

Valparaiso 
lini, e. 

Cina. 



Alfonso Roggiero, e. 



Possedimenti danesi in America, 

Saint-Thomas — Edoardo H. Moron, e. 

Equatore. 

Guayaquil 

Francia. 

Besangon — Edmondo Baille, e. 

Bordeaux — N. N., e. 

Chambéry — Ugo Carutti di Cantogno, 

Havre — Enrico Genestal, e. 

Lione — Enrico Perrod, e. g. 

Marsiglia — Silvio Carcano, e. g. 

Cette — N. N„ v. e. 

Tolone — Paolo Apollinare Burdese, v. 

Kizza — Vittorio Thaon di Revel, e. g. 

Corsica. 
Bastia 



Melchiorre Simondetti, 



Angiolo Dall'Aste Brando- 



Canton — Eugenio Zanoni-Volpicelli, e. g. 
Shanghai — Cesare Nerazzini, e. g. 
Tientsin — Cesare Poma, e. 
Hankow — Ferdinando Prat, e. 

Colombia. 

Bogotà - N. N., e. 

Barranquilla — N. N., e. 

Panama — Arturo Kohpcke, console di 

Germania, regg. il consolato. 
St-Josè di Cùcuta — Agostino Berti. 

Congo. 

Matadi — Ettore Villa, e. 

Corea. 

Seoul — Attilio Monaco, e. g. 

Costarica. 

St-Josè — N, N., console di Germania, 
regg. il consolato. 

Cuba. 

Avana — Oreste Savina, e. g. 

Danimarca. 

Copenaghen — N. N., e. 



Possedim. francesi in Africa, Asia ed America. 

Algeri — Giov. Batt. Machiavelli, e, g. 

Bona — Giov. Batt. Beverini, v. e. 

Cajenna — Ippolito Edoardo Antier, e. 

Fort de France — Macario Grisolia, e. 

Noumea (Nuova Caledonia) — N. N. e. 

Point-à-Pitre (Guadalupa) — Leopoldo 
Petrelluzzi, e. 

Rufisque (Senegambia) — Eurico Lin- 
xweiler, e. 

Saigon — Oscar Du Ci-ouzet, regg. il e. 

Saint-Denis (Riunione) — Alberto Pan- 
cera, e. 

Tamatava (Madagascar) — Desiderio Maì- 
grot, e. g. 

Germania. 

Berlino — Enrico Keibel, e. g. 
Amburgo — Michelangelo Pinto, e. jr, 
Brcslavia — Giorgio Haase, e. 
Colonia — Emilio Di Oppenheim, e. g. 
Dresda — Giorgio Arustadt, e. 
Francoforte s. M. — Bernardo Lambor- 

tenghi, e. g. 
Kiel — Romano Lehment, e. 
Kònigsberg — Augusto Preuss, e. g. 
Lipsia — Federico Guglielmo Krauso. e. 
Mannheim — Ottone Bornhausen, e. </. 
Monaco di Baviera — Rodolfo de Oldcn- 

bourg, e. g. 
Norimberga — Teodoro Schilling, e. 
Saarbrùcken — Paolo Ròchling, e. 
Stettino — Massimiliano Metzlcr, r. 
Stoccarda — Guglielmo Federer, e. g. 

Gran Bretagna. 

Londra — Lazzaro Allatini, r. ^. 
Cardiflf — Gerolamo Marazzi, e. 
Glasgow — Giorgio Breen, e. g. 
Liverpool — Paolo Bajnotti, <*. g. 

Possedimenti inglesi nel Mediterraneo. 

Gibilterra — Gustavo Zanotti-Bianco, e. 
Malta — Paolo Grande, e g. 



(Ij Cg. Console generale- 



console — v. e. vice con ole. 



— 183 - 



rossediinenii inglesi in Afnca. 

Capetown — Vranc. Bruni firimaldi, r.g. 
Freetown — Giuseppe Tommaso Zolia, e. 
Mahè — Harold Baty, regg. il e. 
Port Louis — John Walpole Hollway, e. 
Pretoria — Emilio De Morpurgo, regg. il e. 

Possedimenti inglesi in Asia. 

Aden — Ferdinando Sola, c.g. 
Bombay — Giovanni Godo, e. 
Calcutta — Cesare Biancheri, r. g. 
Colombo — Ernesto Enchelmayer, e. 
Hong-Kong — Eug. Zanoni-Volpicelli, e. g. 
Kangoon — Federico Stork, e. 
Singapore — N. N., console dei Paesi Bassi, 
regg. il e. 

Fossedimenti inglesi in America. 

Bridsetown— Nicola Emilio Parravicino, e. 
Halifax — Guglielmo Giacomo Fisher, e. 
Kingston — Federigo Cohen Henx-iques, e. 
Montreal — Francesco Mazza, e. q. 
Porto Stanley — Guglielmo Harding, e. 
Trinità — Federigo Giovanni Scott, e. 

Possedimenti inglesi in Australia. 
Albany — Leopoldo Zunini, ». e. 
Melbourne — Camillo Bertela, e. g. 

Grecia. 

Corfù — Enrico De Gubernatis. c.g. 
Patrasso — Salvatore Luciano Rocca, v. e. 
Pireo — Eduardo Bonelli, e. g. 

Guatemala. 

Guatemala — Carlo Nagar, e. g. 

Haiti. 

Porto Principe — Luigi Copello, e. g. 

Honduras. 

Amapala — Teodoro Kòhncke, e. 

Lussemburgo. 

Lussemburgo — Giuseppe Weber, e. g. 

Marocco. 

Tangeri — Giulio Malmusi, e. g. 

Messico. 

^ Messico — N. N., e. 
Yeracruz — Emilio Gonzales de Castillo, e. 

Monaco. 

Monaco — Giuseppe Rosset [residente a 
Nizza], V. e. 

Nicaragua. 

Corinto - N, N., e. 

Managua — Davide Compari, e. g. 

Paesi Bassi. 

Amsterdam — Enrico Van Dani, e. 
Rotterdam — Giovanni Hudig, e. 

Possedimenti olandesi nell'Oceania. 

Batavia — Francesco Isasca, e. 
Possedimenti olandési in America. 

Curayao — Ermanno Cohen Henrlqncz, e. 

Paramaribo — Enrico Benjamins, e. 

Paraguay. 

Assunzione — Ettore Gazzaniga, e. 



Persia. 

Teheran — Felice Maissa, e. g. 

Perù. 

Lima — Giuseppe Pirrone, e. g. 
Callao - N. N., v. e. 

Portogallo. 

Funchal — Ferdinando M. De Bianchi, e. 
Lisbona— Rodrigo De SouzaMonteiro,c.^. 
Oporto — Giov. Edoardo De Brito o 
Cunha, e. 

Possedimenti portoghesi in Africa. 
Loureufo Marques — N. N., e. 

Possedimenti portoglesi in Asia. 
Macao — Albino Pacheco, e. 

Rumatila. 

Galatz — Domenico Pappalepore Nico- 
lai, e. g. 
Sulina e Constanza — N. N., v.c. 

Russia. 

Pietroburgo — Alfredo Mùser, e. g. 
Abo — Trapanus Seth, e. 
Batum — Lorenzo Valeri, e. 
Helsingfors — Gustavo Sundman, e. 
Kiew — Massimiliano Rathhaus, e. 
Mosca — Alberto Stendel, e. 
Odessa — Filippo Rogeri di Villanova, c.g. 
Riga — Arturo Di Kuhlberg, e. 
Varsavia — Miecislas D'Epstein, c.g. 

Salvador. 

San Salvador — Marco Mustorgi, e. 



San Domingo. 

San Domingo 



Luigi Cambiaso, e. g. 



San Marino. 

San Marino — Giulio Cesare Lossada, e. 

Siam. 

Bangkok — Annibale Raybaudi Massi- 
glia, c.g. 

Spagna. 

Madrid - N. N., e. 

Barcellona — Davide De Gaetani, e. g, 
Cadice — Riccardo Santasilia, e. 
Santander — Faustino Odriozola, e. 

Possedimenti spagnuoli in Africa. 

Santa Croce di Tenerifla - Carlo Joacks, 
console di Germania, regg. il e. 

Stati Uniti d'America. 

Washington —Emanuele Fronani, regg. il e. 
Boston — Onorato Gaetani d'Aragona, e. 
Chicago — Ant. Ladislao Rozwadowski, e. 
Denver — Giuseppe Cuneo, e. 
Filadelfia — Gerolamo Naselli, e. 
Honolulu — Feder. Augusto Schaefer, e. 
Nuova Orléans — Giuseppe Saint Mar- 
tin, e. 
Nuova York — Giovanni Branchi, e. g. 
Pittsburg — Giacomo Fara Forni, v. e. 
San Francisco — Carlo Filippo Serra, c.g. 
Manilla (Filippine) — Francesco Reyes, e. 




CHINIlSr A - IVIIGON^S 

PROFUMATA - INODORA od al PETROLIO 
è la mìgrliore Acqna per Capelli e Barba 

( Vedi annunzio di fronte al frontespizio). 




184 



Svezia e Norvegia. 

Cristiania — Emilio Hallager, e. ^r. 

Gothemburg — Giovanni Ekman, e. 

Stoccolma — Carlo Gustavo Thuliu, e. ^r. 
Svizzera. 

Basilea — Cesare Romano, e. g. 

Bellinzona — Ferdin. Lucchesi Palli, e. g. 

Briga - Fabrizio Gavotti Verospi, v. e. 

Coirà — Edoardo Francisci, e. 

Ginevra — Giuseppe Basso, e. g. 

Zurigo — Antonio Marazzi, e. g. 
Turchia. 

Costantinopoli — Gius. Solimbergo, e. g. 

Adrianopoli — N. N,, v. e. 

Canea — Enrico Negri, e. g. 

Gianina — Giorgio Millelire, e. g. 

Monastir — Giuliano De Visart, e. 

Salonicco — Silvio Milazzo, e. 

Scutari — Alessandro Leoni, e. g. 

Serajevo — Vito Finzi, e. g. 

Uskub — Guido Meli Lupi di Soragna, e. 
Provincie d'Asia. 

Aleppo — N. N., e. g. 

Beirut — Enrico Vitto, e. g. 

Damasco — Antonio Pittaluga, v. e. 

Gerusalemme — Tommaso Cadetti, e. g. 

Hodeida — Felice Terruzzi, reqq. il e. 



Smirne — Enrico Acton, c.g. 
Trebisonda — Carlo Magenta, e. 

Provincie cf Africa. 

Bengasi — Giacomo Mondello, v. e. 
Tripoli — Augusto Medana, e. y. 

Vice Reame d'Egitto. 

Alessandria — Giulio Jona, e. 

Cairo — Odoardo Toscani, e. 

Porto Said — Carlo Caccia Dominici 
Reggenza di Tunisi. 

Susa — Guido De Zuccbi, v. e. 

Tunisi — Archimede Bottesiui, e. g. 

Bulgaria. 

Filippopoli — Giuseppe Giacchi, e. 
Sofia — N. N., e. g. 
Uruguay. 

Montevideo 



Nicolò Massa, 



Venezuela. 

Caracas — N. N., e. g. 
Maracaibo — Luigi Fossi Ferrini, e. 
Puerto Cabello — Carlo H. Gramko, 
il e. 

Zanzibar. 

Zanzibar — Luigi Mercatelli, e. g. 
{Stampato il 31 luglio 1903). 



•egg. 



ORDINE EQUESTRE AL MERITO DEL LAVORO 



CONSIGLIO DELL'ORDINE 

(Regi decreti 12 maggio e 29 dicembre 1901, 

10 maggio e 7 luglio 1902). 

Presidente. 

S. E. il Sotto-Segretario di Stato al Ministero 

di Agricoltura, Industria e Commercio. 

Membri del Consiglio di agricoltura. 

Borghese Felice, principe di Rossano, sena- 
tore del Regno. 

Miraglia dott. Nicola, direttore generale del 
Banco di Napoli. 

Ottavi dott. Edoardo, deputato al Parlamento. 

Membri del Consiglio dell'industria 

e del commercio. 

Milella Saverio, presidente della Società di 

navigazione " La Puglia „ di Bari. 
Rlzzetti Carlo, deputato al Parlamento. 
Pantalconi prof. Matteo, deputato al Parla- 
mento. 

Consiglieri di diritto. 

11 Direttore generale dell'agricoltura. 

11 Direttore della Divisione dell'industria e 
del commercio. 

Consiglieri eletti fra i Cavalieri dell'Ordine. 
Camona Bartolomeo, industriale. -Sesto S.Gio- 



Camerinì conte dott. Paolo, agricoltore-indu- 
striale. - Padova. 

Crespi Benigno Cristoforo, Industriale. - Ca- 
priata d'Adda. 

Martini Alessandro, industriale. - Torino. 

Mele Emidio, industriale. - Napoli. 

Sarauw Carlo, commerciante. - Messina. 

Segretario dell' Ordine. 
Il Direttore capo del personale e degli affari 
generali. 

Elenco dei Cavalieri 
nominati nell'Ordine al merito del lavoro. 

Abbagnano Giovanni, conciatore di pelli. - Sa- 
lerno. 

Ainis Gaetano, stampatore di stoffe di cotone. 
- Messina. 

Antoniotti Paolo, agronomo, presidente del 
Comizio agi-ario. - Biella. 

Appiani Graziano, industriale. - Treviso. 

.\rmanino Adolfo, proprietario di stabilimento 
tipo-litograflco. - Genova. 

Asproni ing. Giorgio, coltivatore di miniere. - 
Iglesias (Cagliari). 

Aula Domenico, industriale. - Trapani. 

Barbon Luciano, industi-iale in couterie. - 

Murano. 
Barenghl Francesco, capo tecnico principale 

del cantiere navale. - M uggia no (Spezia). 



I 




La migliore Acqua per Capelli e Barba è la 

CHININA-MIGONE 



PROFUMATA - 

{Vedi annunzio 



NODORA od al PETROLIO 

fronte al fruntespìzi 



D 



185 — 



Passi ^rauivlio, espovhitoie di \ ìéiI. - Tadova. 

Bauor Carlo, proprietario di stabilimento per 
tessitura di cotoni. - Nocera Inferiore, 

Beocaro Giovanni, enologo - Acqui. 

Bianchini Enrico, operaio capo-riparto della 
Manifattura di Doccia (Firenze). 

Biondo Salvatore, editore. - Palermo. 

Bocconi Ferdinando, industriale e commer- 
ciante. - Milano. 

Booro Vincenzo, fabbricante di biancherie. - 
Torino. 

Bonibrini Giovanni, senatore del Regno, com- 
proprietario del cantiere navale e stabi- 
limento meccanico. - Sari Pier d'Arena 
(Genova). 

Bonacossa Pietro, agricoltore e industriale - 
Vigevano. 

Bonavita Leonida, industriale, presidente della 
Camera di Commercio. - Forlì. 

Bovsalino Teresio, fabbricante di cappelli - 
Alessandria. 

Buitoni Giovanni Battista, fabbricante di pa- 
ste alimentari. - San Sepolcro. 

Cacace Carlo, fondatore e proprietario dei 
magazzini generali. - Taranto (Lecce). 

Calzone Ettore, industriale meccanico. - Roma. 

Calzoni ing. Annibale, industriale meccanico. 

Camerini dott. Paolo, agricoltore-industriale. 
- Padova. 

Camona Bartolommeo, proprietario di fon- 
deria di metalli. - Milano. 

Carabba Rocco, editore-tipografo • Lanciano 
(Chieti). 

Carrera Luigi, fabbricante di motori a gas. - 
Torino. 

Carugati Egildo, deputato al Parlamento, in- 
dustriale in cotoni. - Bergamo. 

Caruso Raffaele, agricoltore industriale, - Si- 
racusa. 

Castagna Cesare, industriale in sete. - Como. 

Castellani Augusto, orafo. - Roma. 

lavessago Federico, tipografo. - Belluno. 

Centurini comm. Alessandro, proprietario di 
^ iutificio - Terni (Perugia). 

Chiesa Michele, senatore del Regno, indu- 
striale in cotoni. - Torino. 

Ciocolo Giuseppe, bonificatore di terreni. - 
Villaggio Casino. 

Clemente Pasquale, iudustriale-commercian- 
te. - Sassari. 

Cravero Enrico, costruttore navale. - Genova. 

Crespi Benigno Cristoforo, industriale in co- 
toni. - Bergamo. 

Criste Francesco, operaio-meccanico. - Ge- 
nova. 

Danesi Cesare, industriale in arti grafiche. - 
Roma. 

De Angeli Ernesto, senatore del Regno, indu- 
striale in cotoni. - Milano. 

Do Asarta Vittorio, deputato al Parlamento, 
agronomo. - Udine. 

De Biasio Francesco, proprietario di stabili- 
mento meccanico. - Bari. 



De Laiilerel conte Florestano, senatore del 

Regno, industriale. - Livorno. 
De Luigi Enrico, capo operaio alla Fabbrica 

di oggetti di ottica. - Milano. 
Do Villa Gomez Francesco, esportatore di 

derrate alimentari. - Bisceglie. 
De Vincenzi Giuseppe, senatore del Regno, 

enologo. - Teramo. 
Di Bella Pasquale, fabbricante di saponi e di 

olii al solfuro. - Castelvetrano (Trapani). 
Di Rovasenda dei conti Giuseppe, presidente 

della Commissione centralo di viticoltura 

e di enologia. - Verzuolo. 
Donati Alessandro, direttore della cartiera di 

Serravano Sesia. 
Dorigo Francesco, scultore. - Venezia. 

Faina Eugenio, senatore del Regno, beneme- 
rito dell'agricoltura. - Perugia. 
Feo Vincenzo, industriale in filati di cotone. 

- Catania. 

Franchetti barone Raimondo, bonificatore di 

terreni. - Reggio Emilia. 
Tranci Pasquale, proprietario di officina di 

lavori in ferro. - Siena. 

Gerii Carlo, industriale in seta. - Milano. 

(ìiannotta Niccolò, editore-libraio. - Catania. 

Gioia Giacomo, industriale in zinco. - Firenze. 

Gorio Carlo, deputato al Parlamento, agri- 
coltore. - Brescia. 

Grigolon Giovanni, negoziante di uova e pol- 
lerie. - Padova. 

Grimaldi Clemente, benemerito dell'agricol- 
tura. - Modica (Siracusa). 

Gussoni Gaspare, amministratore del cotoni- 
ficio bergamasco. - Bergamo. 

Kopler Ermanno, Industriale in lana. - Prato. 

Lombardi Felice, brillatore di riso. - Vercelli. 

Lucchini Angelo, deputato al Parlamento, in- 
dustriale in vetri. - Cuneo. 

Luzzatti ing. Giuseppe, esercente miniere. • 
Caltanissetta. 

Maraini Emilio, industriale in zuccheri. - 
Rieti (Perugia). 

Magni ing. Magno, industriale in acidi. - Vi- 
cenza. 

Marconi Guglielmo, inventore del telegrafo 
senza fili. 

Mari Erasmo, bachicultore. - Ascoli Piceno. 

Martini Alessandro, fabbricante di vermouth. 

- Torino. 

Mazzetto Gaetano, industriale in lana. - Val- 
dagno (Vicenza). 

Matei-i Francesco Paolo, deputato al Parla- 
mento, agricoltore. - Tricarico (Potenza). 

Mazza Bartolomeo fu Crescenzo, industriale 
in coralli. - Torre del Greco (Napoli). 

Mele Emidio, commerciante. - Napoli. 

Mendola barone Antonio, benemerito viticul- 
tore. - Favara, 

Milesi Pietro, armatore. - Genova. 




rilJTlJ A TVTTPnWl? ^^rve a ridonare e conservare alla pelle la 
£lDiilÌi~iUiuUnjj morbidezza, la freschezza e la beltà della 
prima giovinezza. — Si vende in fiale con elegante astuccio a L. 3, cent. 80 
ppr la spedizione; 3 fiale L. 9 franco di porto. — Deposito g&nerale da 
MIGONE e C, via Torino. 12 • Milano. 



18G — 



Miliani G. B., proprietario di cartiere. - Fa- 
briano (Ancona). 

Miliani Pietro, fabbricante di carta. - Prioraco 
(Macerata). 

Mirto Seggio Pietro, deputato al Parlamento, 
enologo. - Palermo. 

Moreno Ottavio, direttore delle ofiBcine na- 
zionali di Savigliano. 

Moriondo Ettore, fabbricante di cioccolata. - 
Torino. 

Nardi Giuseppe, agricoltore e industriale. - 

Roma. 
Novi Giuseppe, industriale e commerciante 

in marmi. - Genova. 

Oldrini Anselmo, capo modellista nell'officina 
Tosi. - Legnano (Milano). 

Orlando Giuseppe, comproprietario del can- 
tiere di Livorno. 

Orsini Domenico, fabbricante di paste. - Torre 
Annunziata. 

Pavoncelli Giuseppe, deputato al Parlamento, 
benemerito dell'agricoltura. - Cerignola 
(Foggia). 

Pecile Luigi, senatore del Regno, benemerito 
dell' agricoltura. - Udine. 

Pedersoli Alessandro, fabbricante di letti ed 
altri articoli in ferro vuoto. - Napoli. 

Penotti Giovanni, proprietario di officina per 
impianti idroterapici. - Torino. 

Perussia Leone Augusto, direttore della Coo- 
perativa agricola italiana. - Milano. 

Petrobelli Eugenio, benemerito dell' agi-icol- 
tura. - Lendinara. 

Piacenza Felice, industriale in lana. - Pollone 
Novara. 

Pierre Luigi, editore. - Napoli. 

Pino Giuseppe, inventore del battello sotto- 
marino. - Genova. 

Pintacuda ing. Carlo, industriale in solfatare. - 
Palermo. 

Pirelli ing. G. B., industriale in guttaperca. - 
Milano, 

Pontecorvo Pellegrino, fabbricante di tessuti. 
- Pisa. 

Ponti Ettore, senatore del Regno, presidente di 
lanificio e canapificio. - Crema (Cremona). 

Porazzi Giovanni Battista, enologo. - Novara. 

Prina Ferruccio, industriale. - Genova. 

Puletti Orazio, industriale in seta. - 

Quartara Giuseppe, fabbricante di mobili ar- 
tistici. - Torino. ■ 

Raffaeli Domenico, capo maestro imprendi- 
tore di lavori edilizi. - Catanzaro. 

Raineri prof. Giovanni, direttore della Fede- 
razione italiana dei Consorzi agrari. - Pia- 
cenza. 



Ravera Antonio, industriale. -Ceraso (Salerno). 

Rizza Evangelista, deputato al Parlamento, 
agricoltore. - Fegotto. 

Rizzi Ettore, industriale meccanico. ■ Modena. 

Rossi Giovanni, indusiriale. - Schio (Vicenza). 

Rostain Alfredo, direttore delle officine elet- 
triche. - Torino. 

Salmoiraghi cav. Angelo, fabbricante di stru- 
menti di precisione. - Milano. 

Salvador! conte Luigi, bonificatore di terreni. 
- Porto San Giorgio. 

Sangiorgi Mario, proprietario di stabilimento 
per lavorazione in ferro. - Catania. 

Santi Roberto, commerciante. - Messina. 

Sarauvr Carlo, commerciante. - Messina. 

Sari'ca Giuseppe, commerciante in agrumi e 
filandiere. - Reggio Calabria. 

Savettiere Giuseppe, fabbricante di fanali. - 
Palermo. 

Sbertoli Augusto, direttore della Società fab- 
briche unite di biacche e colori. - Cogoleto. 

Solari Stanislao, agricoltore. - Parma. 

Sosso Giovanni, fabbricante di cementi. - Ca- 
sale Monferrato (Alessandria). 

Spada Nicola, deputato al Parlamento, diret- 
rettore della Banca popolare. - Cosenza. 

Spinelli Giorgio, confettiere. - Reggio Calabria. 

Strada Ercole, proprietario-agricoltore. - Pral- 
boino (Brescia). 

Stucchi Edoardo, industriale. - Como. 

Tempioni Giovanni, architetto-costruttore. - 

Ravenna. 
Tobler dott. Oscar, agricoltore. - Pisa. 
Tosi Antonio, meccanico nel cantiere Orlando. 

- Livorno. 

Vacchelli Pietro, senatore del Regno, presi- 
dente del Consorzio per il canale Marzano. 

- Ci-emona. 

Visocchi Francesco Antonio, industriale-agri- 
coltore. - Atina (Caserta). 

Zago Angelo, fabbricante di mobili. • Yercnc. 

Zancani Giovanni, capo tecnico nello sliLl- 
limento Ansaldo. - San Pier d'Arena (Ge- 
nova). 

Zanetti Antonio, fabbricante di nccbili artl- 
slicl. - Vicenza. 

Zotti Lorenzo, esportatore di frutta. - Bari. 

{Statvjìcto il 10 settembre 1903). 




Cav. Aog/ Barbantl-Bròdano 

EDICO DENTISTA 

BOLOGSA, Via Venezia, 2 




JOCKEY-SAYON 

Pasta neutra e sovrana, profumo inimitabile, conserva la pelle morbida e vel- 
lutata. Costa L. 0,65 il pezzo - L. 1.96 la scatola di 3 pezzi. Per la posta 
cent. 25 in più. - 4 scatole L. 7.80 franche in Italia. - Deposito generale 
da MIGONE e C, Milano, via Torino, 12. 



— 187 — 



I PRINCIPAU STaTi pel MONPO 



'\y^£iQyir 



RITRATTI DEI SOVRANI, STEMMI 
NOTIZIE STATISTICHE 



1. — ABissrsriA 

Monarchia assoluta. 
KENELIK, Negus {n.ll agosto 1844, acc.{*) 12 marzo 1889, mat: a Taitù). 




Meneltk 




Taitù 




Abissinia 



ropolazione: 4,000,000. — Religione, della maggioranza, copta. — Lingue: amarica, tigrina, 
galla, somala, ec. — Supeì-ficie: km. q. 540,000. — Capitale: Addis - Alent (dalla fine del 1901), 

— Commercio: Importazione 6,800 piastre Maria Teresa (L. 2,50) ; Esportazione 4,947. — 
f bercilo: pace 150,000. 

2. — AFGAUflSTA^f 

Monarchia assoluta. 

ABIB-ULLAH KAN, Emiro (n. ?, acc. 1° ottobre 1901). 

l'opolaziime: 5,000,000. — Religione: maomettana. — Superficie: km. q. 558,000. — Capi- 
l'ile: Cabul (a/>. G0,000). — Commercio: Importazione 4,457,935 rupie ; Esportazione 4,524,101. 
— Esercito: guerra 75,000, pace 60,000. 



3. — ANDORRA 

R-' pubblica 
sotto il protettorato della Francia 
e del Vescovo di Urgel. 



GIUSEPPE CALVA, Simìm-o 
(n. ?, rt<r. ISyO). 

ropolazione: 5231. 
Religione: cattolica. 
Lingua: catalana. 
Snpe>-ficie: km. q. 452. 
Capitale: Andorra {ab. 600). 




AXUOKKA 



(*) Acc, data dell'accessione al potere sovrano. 

Gli olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.> di Oneglia sono gli unici perfetti. 



— 188 — 
4. — ARc;^F.i<fTi:srA 




Giulio Rocj 



B pubblica federale di 14 provincìe e 9 territori 
GIULIO A. ROCA, Pre-^id. 
(n. 17 luglio 1843, acc. 12 
ottobre 1898. — Durata 
della carica: 6 anni). 
Popolazione: 4,894,149 
(1900). — Religione: cat- 
tolica. — Lingua: spa- 
gnuola. — Superfìcie: 
km. q. 2,885,620. — Ca- 
pitale: Buenos-Aires 
(a6.836,.381). — Commer- 
cio: Imp. 113,960; Esp. 
167,716. — Ferrovie: kil. 
16,582. — Te/gf/r.; 45,262. 
— Eser.: guerra 250,000; 
pace 18,379. — Flotta da 
guerra: 50 bastimenti. 
Bilan.: Entr. 43,013,347 
Use. 33,027,223 pesos in 
oro. 
5. — AIJSTRIA-UNOHERIA 




Argentina 



Due monarchie costituzionali: Impero d'Austria e Begno d'Ungheria, con unione personale. 
FRANCESCO GIUSEPPE, Imp. («. 18 agosto 1830, acc. 2 die. 1848. — Din. Asburgo-Lorena). 
Popolazione: 46,901,871. — Beligione: cattolica. — Lingue: tedesca, ungherese, boema, 
polacca, croata, italiana, ec. — Superfìcie: km. q. 673,091 comprese le Provincie d'occupa- 
zione militare (Bosnia ed Erzegovina). — Capitali: Vienna (ab. 1,662,269); Budapest (ah. 733,322). 
— Commercio: Importazione 1,652,643; Esportazione 1,885,458. — Ferrovie: km. 36,371. — 
'Telegrafi: km. 291,392. — Esercito: pace 425,151. — Flotta da guerra: 143 navi e 5 yachts a 
vela. - Bilancio: Entrata 1,654,231,658; uscita 1,605,194,525 corone. 





%yf:mmMfl 




LEOrOLDO II 



Fkancesco Giuseppe 
— 6. — BGL.OIO - 

Monarchia costituzionale. 



LEOPOLDO II, Be («. 9 aprile 
1835, acc. 10 dicembre 1865. 

— Dinastia di Saxe-Cobur- 
go-Gotha). 

Popolazione: 6,693,000 (cens. 
1901). — Beligione: cattoli- 
ca. Lingua: francese. — Su- 
jjerfìcie: km. q. 29,457. — 
Cap.: Bruxelles (ab. 211,429). 

— Commercio: Importazio- 
ne: 2,221,000,000; Esporta- 
zione: 1,828,200,000. - Fer- 
rovie: km. 4579. — Telegr.: 
84,722. — Esercito: guerra 
237,693; pace 91,662. - Bi- 
laurio: entrata 489,040,050, 
uscita 491.368,524. 




ITNGHF.ni 




Bklgio 



GII olii d'oliva delia Casa P. Sasso e F.' di Oneglia sono gli unici perfetti. 



— 189 — 

y. — CONGO 



stato indipendente sotto il dominio d 

LEOPOLDO il, Se del Belgio. 

Popolazione: 14,000,000. 

Superfìcie: km. q. 2,252,780. 

Capitale: Boma (ma la sede del Governo è a Bru- 
xelles). 

Commercio: Importazione 26,793; Esportaz. 54,008 
migliaia di fr. 

Ferrovie: km. 398. 

Esercito: pace 13,650. 

Flotta da guerra: 37 navi, più diversi velieri. 

Bilancio: entrata 28,709,000; Uscita 32,405,494, 




Congo, 



8. — BEIiVCISTAlir 



Monarchia assoluta, sotto il protettorato dell'Inghilterra. 
MIR MOHAMMED, Kan (n. ?, acc. agosto 1893). 
Popolazione: 600,000. 
Superficie: km. q. 350,000, 
Capitale: Khelat. 



9. — BH[JTA9r< 



Monarchia dispotica, sotto il controllo del Governo Brit4iiinioo. 

JIK MECH, Darma-Rajà. 
Popolazione: 200,000. 
Superficie: km. q. 34,000. 
Commercio: Importazione 13,416 diooino di roupli; Esportazione 259,53 

diecine di roupli. 



IO. — BOI.IVJA 

Repubblica. 




.JosK M. Pando. 



JOSÉ MANUEL PANDO, Presi- 
dente (n. ?, acc. 20 ottobre 
1899. — Durata della ca- 
rica: 4 anni). 

Popolazione: 2,310,000 (1893). 
Religione: cattolica. — Lin- 
gua: spagnuola. — Superfi- 
cie: km. q. 1,334,200. — Ca- 
pitale: Sucre (ah. 28,132). — 
Commercio: Importazione 
16,953; Esportazione 37,578 
[in migliaia di boliviani] 
(1 boliv. = fr. 2,20). - Fer- 
rovie: km. 1055. — Telegr. 
4565. — Esercito: guerra 
92,975 ; pace 2975. — Bilan- 
cio: entrata 10,117,700; usci- 
ta 9,989,153 boliv. 




11. — BBUXEI 



Monarchia assoluta, sotto il protettorato inglese. 
BAWA DULI SRI PADUKA, Sultano. 
Popolazione: 50,000. 
Superficie: km. q. 22,000. 
Capitale: Brunei (ah.\2,00ù). 

GII olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.i di Oneglia sono gli unici perfetti. 




EODBIGUEZ ALVES. 




Brasile 



— 190 — 

la. — BRASIIiE (Stati Uniti del) 

Repubblica federale di 21 stati. 

F. P. RODRIGUEZ ALVES, 

Presidente [n. ?, acc. 15 no- 
vembre 1902. — Durata 
della carica: i anni). 

Fopolaz.: 14,361,915 (1890). 

— Religione: cattolica. — 
Lingua : portoghese. — 
Super.: km. q. 8,361,350. 
Capitale: Rio de Janeiro 
{ab. 522,651). — Commer- 
cio: Importaz. 415,054; 
Esportazione 860,827 mi- 
gliaia di mila reis. — Fer- 
rovie: km. 22,000. — Tele- 
grafi: 44,645. — Esercito: 
pace 28,160, più gli ufiB- 
ciali e gli allievi di Scuole 
militari. — Flotta da guer- 
ra: 49 navi, più 17 torpe- 
diniere. — Bilancio: entrata 42,876,667 in oro; uscita 33,592,171 milreis in oro. 
13. — €HI£iÌ 

Repubblica. 
GERMAN RIESCO, Presidente 

(«. ?, acc. 18 settem. 1901. 

Dur. della carica: 5 anni). 
Popolazione: 3,110,083 (1 899). 

— Religion": cattolica. — 
Lingua: spagnuola. — Su- 
perficie: km. q. 776,000. - 
tV<i>. Santiago (afe. 320,638). 

— Comm.Imp. 139,300,766: 
Esportazione 171,844,976 
j^eseo9. — Ferr.: km. 4643. 

— Telegrafi: km. 19,135. 

— Eserc: guerra 150,000; 
pace 18,000. — Flotta d,. 
guerra: 33 navi, più varie 
navi-scuole e 3 torpedini. 

— Bil.: entr. 96,950,000: 
uscita 95,850,000 pesos [1 
peso = 1 fr. 91 e] 

14. — CINA — 




Gekman Riesco 




Chilì 



Monarchia assoluta. 

KUANG HSU, Lnperalore (n. 15 agosto 1871, are. 22 gennaio 1875. — Dinastia Mansciù). 

Popol.: 426,447,325, compresa la Manciuria, la Mongolia, il Tibet e il Turchestan (Gens, del 
marzo 1903). — Religione della grande maggioranza: confuciana; poi buddisti, taoisti, maomet- 
tani, ec. — Lingu'i: cinese. — Superf.: 11,081,000.— Coj»»7.; Pekino («6. 1,650,000). — Comm.: 
Imp. 268,302,918; Esp. 164,656,757. — Ferr.: km. 1516. — Tel.: km. 23,000. - Flotta da guerra: 
18 navi, più varie cann. e torped. - Bil.: entr. 88,200,000; use. 101,120,000 taèls [ 1 taèl = 3 fr. 73 e.]. 




IMPBBATOBE KUANO-HSU 




I lilTKBATBICE VEDOVA DELLA Cl»A 



- 191 — 

15. — COIiOMBIA (ffià NUOVA-OItANATA) 

Repubblica. 



J. M. MARROQUIN, Presidente («. ?, acc. 1900. - Durata 
della carica: 6 anni). 

Popolazione: 3,920,200. 
Religione: cattolica. 
Lingua: spagnuola. 
Superfìcie: km. q. 1,203,100. 
Capitale: Bogota (ab. 120,000). 
Ferrovie: km. 605. 
Telegrafi: km. 13,840. 
Esercito: pace 1000. 
Flotta da guerra: 3 navi. 

Bilancio: entrata 29,918,640; uscita 37,007,875 pesos 
di carta [1 peso -= 30-38 e.]. 



10. — COREA 




Colombia 



Monarchia dispotica. 
LI HUI, Re in. 25 luglio 1851, acc. gennaio 1864). 
Popolazione: 7,500,000, — Superficie: km. q. 220,150. — Capitale: Seul [ab. 193,082). — Coni- 
rio: Importazione 17,142,848; Esportazione 14,451,457 dollari. — Ferrovie: km. 42. — Eser- 
: pace 17,000. — Bilancio: entrata 7,586,530; uscita 7,585,877 dollari [1 dollaro = 2 ir. 50 e.]. 



17. — COSTA-RICA 

Repubblica. 



ASCENSIONE ESQUIVEL, Presidente (n. 
1902. — Durata della carica: 4 anni). 



acc. 8 maggio 



Popolazione: 310,000 (1899). 

Religione: cattolica. 

Lingua: spagnuola. 

Superficie: km. q. 54,070. 

Capitale: San José [ab. 25,000). 

Commercio: Importazione 4,411,402; Esportazione 

5,792,679 (in migliaia di pesos d'oro = 5 fr. 30 e). 
Ferrovie: km. 261. 
Telegrafi: km. 1413. 
Esercito: pace 600 uomini in servizio attivo e 1200 in 

congedo. 
Flotta da guerra: 1 battello torpediniera. 
Bilancio: entrata 5,646,896; uscita 5,865,523 [en co- 

lones = 2 fr. 19 e.]. 

—18. — CUBA— 

Repubblica. 

TOMASO ESTRADA 
PALMA, Presidente 
(n. 1837, «ce. 20 mag- 
gio 1902 [data della 
proclamazione del- 
la Repubblica Cu- 
bana]). 

Popolazione: 1,572,797 
(censimento del 
1899). — Religione: 
cattolica. — Lingua: 
spagnuola. — Super- 
fìcie: km. q. llS,Sii3. 
— Capitale: Avana 
(a6.235,981). — Co/n- 
mercio : Importaz. 
67,753,108: Espor- 
taz. 66,502,169. — 

Esercito: pace 1725. 




Costa-Rica 




T. E. Palma 

Ferrovie: km. 1799, — Telegrafi: km. 5555 
uscita 15,381,012 dollari. 




CXIBA 

Bilancio: entrata 17,483,227; 



Gli olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.i di Oneglìa sono gli unici perfetti. 



- 192 — 

10. — I> Alvi]»! ARCA 

Monarchia costituzionale. 

CRISTIANO IX, Ee («,8 apr. 1818, acc.15 nov. 18G3, mar. a Luisa. 
Popolazione: 2,449,549 (1901). — Beligione; protestante, 
eie: km. q. 38,455. — Capitale: Copenhagen (ah. 378,235). — Commercio: Importazione 526,803; 
Esportazione 393,570 (in migliaia di corone). — Ferrovie : )^Ta. I^li. — Telegrafi : km. 13,999. 
— Esercito: guerra 61,582: pace 9,769. — Flotta da guerra: 62 navi e 28 secondarie. — Bi- 
lancio: entrata 69,445,585; uscita 74,911,809 corone (corona = 1 fr. 39 e). — Colonie e possedi- 
menti: Fàroer, Islanda, Groenlandia, Antille danesi. 



— Din. di Holstein-Glucksburg). 

— Lingua: danese. — Superfi- 





LUISA 

- ao. — EqUATORE - 

Bepuhblica. 

LEONIDA PLAZA, Presidente (n.l., 
acc. 1901. — Durata della ca- 
rica: 4 anni). 

Popolazione: 1,400,000 (1893). — 
Beligione: cattolica. — Lingua: 
spagnuola. — Superficie: km. 
q. 307,243. — Capitale: Quito 
{ah. 80,000). — Commercio: Im- 
portazione 15,126; esportazio- 
ne 16,323 migliaia di sucres. 
Ferrovie: km. 'dd. — Telegrafi: 
km. 1838. — Esercito: guerra 
95,329; pace 3,341. — Flotta 
da guerra: 3. — Bilancio: en- 
trata 13,418,504 sucres; uscita 
13,319,764 sucres [1 sucre = 
2 fr. 50 e.]. 




LOUBKT 



21. — FRANCIA — 

BepuhbUca. 

EMILIO LOUBET, Presidente 
in. 31 dicembre 1838, acc. 
18 febbraio 1899. — Durata 
della carica: 7 anni). 

Popolazione: 38,961,945 (censi- 
mento 24 gennaio 1901). — 
Beligione: cattolica. — Lin- 
gua : hancese. — Superficie: 
km. q. 536,408. — Capitale: 
Parigi (2,714,008). - Com- 
mercio: Importaz. 4697,8; 
Esportazione 4108,7 (mi- 
gliaia di franchi). — Ferro- 
vie: km. 43,888. - Telegrafi: 
529,317. — Esercito: pace 
667,460. — Flotta da guerra : 
344 navi, più 20 in costr. 
- Bil.: entr. 3,602,465,468; 
uscita 3,602,333,244. - Colo- 




Daximabca 




Equatore 




Fbancia 



F ondiaria - Vita 

Compagnia Italiana di Assicurazioni 

autorizzata con R. Decreto 
10 Maggio 1880 

Capitale sociale L. 25,000,000 di cai metà Tersalo 
direzione generale in Firenze 



ma — 



CAPITALI E CASO DI MORTE 
E IH CASO DI VITA. 

Rendite vitalizie immediate 
e differite. 

Doti • Pensioni. 

Assicurazioni vita intera e mista 
senza visita medica. 

CONDIZIONI DI POLIZZA 
TRA LE PIÙ LIBERALI 

Contratto non decadibile 

ed incontestabile. 



Garanzia per rischi guerra, duello, 
viaggio, suicidio incosciente. 

Restituzione del pasrato, piùgl'in- 
forossi. in caso di SUICIDIO VO- 
LONTARIO entro il primo decennio. 

FRANCIiiriIA COMPlifrDOPO 10 ANNI 

PRESTITI SU POI^IZZB 

Pensione per collettività di 
impiegati, appartenenti a Società, 
Comuni, ec. 

SISTEMI SPECIALI 

di partecipazione utili agli Assicurati. 



F ondiaria - I ncendio 

— ^•-~ 
Compagnia Italiana di Assicurazioni 

autorizzata con R. Decreto 
6 Aprile 1879 

Capitale sociale L. 8,000,000 iaterameate versato 
Direzione generale in Firenze 



INDENNIZZI per danni 

prodotti da INCENDIO 

da scoppio del GAS 
degli APPARECCHI A VAPORE 
e caduta del FULMINE 

Rlschio locatiYO. -Ricorso del Yicini 



speciali facilitazioi7l 

alle Opere Pie, Istituti 
e Corporazioni di benificienza 
ed Amministrazioni pubbliche. 

Accreditata presso tutti gli 
Istituti di Credito fondiario. 



Assicii.i:>a.zio]3^i 

]VIilita.x>i 

• per gli Ufficiali del R. Esercito 
e R. Marina. 

Esse seguono l'Assicurato 
in qualunque sua residenza 
senza bisogno dì alcuna dichia- 
razione. 



Prospetti, progetti, schiarimenti e tariffe gratis , su 
ricliiesta, alla Direzione generale in Firenze, od alle 
Agenzie poste in tutti i Comuni del Eemio. 




Il Grand 
Hotel Cavour 

in FIRENZE, 

fu fondato nel 1865, ma recentemente restaurato ed ampliato, e 
dotato di ogni conforto moderno. Posto in pieno mezzogiorno e nella 
parte più centrale della 
città, possiede oggi 100 
camere e saloni ammobi- 
liati secondo le esigenze 
moderne. 

Grande ascensore elet- 
trico — Riscaldamento a 
vapore e luce elettrica in 
tutte le camere e in tutti 
gli ambienti — Grande 
Sala da pranzo con servizio 
a tavolini separati a tutte 
le ore — Gran Restaurant 
Francese annesso all'Al- 
bergo — Giardino d' Inverno — Fumoir — Salone per le Signore 
— Bagni e Doccie — Impianto completo dei più recenti servizi sanitari 

ed igienici — Servizio 
particolare di vetture — 
Omnibus a tutti i treni — 
Cucina e Cantina di pri- 
missimo ordine. 

PREZZI MODICI 

SI FA PENSIONE 



II 


1 


1 


i 


1 ''*'] 


1 


1 




^HHj 


m 


w\ 


WFM 


i^HP<^ 


X 


ìJl. 


, m 



Rja.h&. 




k'VMO R. 



Diretto dal Proprietario 
F. BONAZZA. 



(Vedasi TAGLIANDO in principio del presente yo/ume). 



— 193 — 

nie: Algeria, Senegambla, Sudan francese, Guinea, Dahomey, Congo francese, Riunione, Ma 
dat^MScar; Cocint-iiia, Pondichéry, Annani, Tonchino, Cambodge; Antille, Guyana, St. Pierre 
e Aiiguolon; Nuova Caledonia, isole della Società, ec; km. q. 3,792,578, a6, 44,260,000. 



»a. — ANNAM 



Monarchia, sotto il protettorato francese. 
THAM THAI, Ee (n. 1878, acc. 31 gennaio 1889). 
ropolaziotie: 6,000,000. — Supef-ficie: km. q. 230,680. — Capitale: Huè {ab. 50,000). 



S83. — CAMBODGE 



Monarchia, sotto il protettorato della Francia. 
NORODOM I, Se (n.?, acc. 1884). 
Popolazione: 814,754. — Superficie: km. q. 104,700. — Capitale: Pnom-Penh {ah. 50,000). 



«4. — TUNISI 



Monarchia, sotto il protettorato della Francia. 



MOHAMED, Bey («. 1856, acc. 11 giugno 1902). 



Popolazione: 1,906,000. 



Superficie: km. q. 99,600. 



Capitale: Tunisi {ab. 170,000). 




25. — GEBMAKIA 

Impero federale di 26 stati. 

GUGLIELMO II, Imperatore {n. 27 gennaio 1859, acc. 15 giugno 1888, mar. ad Augusta 
ViTTOBiA. — Dinastia degli HohenzoUern). 

Popolazione: 56,367,178 (cens. dicembre 1900). — Religione: protestante (salve le ecce- 
zioni segnate più avanti). — itwgrxa : tedesca. — Superficie: km. 540,684. — Captiate: Berlino 
(afe. 1,888,326). — Commercio: Importaz. 5,710,338; Esportazione 4,512,646 migliaia di marchi 
— Ferrovie: km. 52,982 — Telegrafi: km. 45,346,281. — Esercito: pace 605,701. — Flotta da 
guerra: 110 navi, più 114 torpediniere e 16 navi in costruzione. — Bilancio: entrata 
2304,483,115; uscita 2304,4f3,115 marchi [1 fr. 25 e.]. — Colonie: Togo, Camerun, Affrica occi- 
dentale tedesca, Affrica orientale tedesca. Isole Imperatore Guglielmo, Arcipelago Bismarck, 
Isole Salomone, Marshall, Samoa, Caroline e Marianne,Kiao-Ciao: km. 2,597,180, afe. 12,333,000. 






Guglielmo II Augusta Vittokia Germania 

Gli olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.^ di Oneglia sono gli unici perfetti. 



194 



■ à6. — ALSAZIA-LORENA 

[Reichsland]. 

Principe ERMANNO DI HOHENLOHE-LANGEN- 
BURG. Statolder. 

Popolazione: 1,717,451 (1900), — Religione: 
cattolica (dei V5). — Supet^cie: km. q. 14,515, 
— Bilancio: entr. 60,956,649; uscita 60,657,192 
marchi. — Capitale: Strasburgo (ab. 150,268), 



ay. — AMBURGO 



Lihura città anseatica ossia Comune libero. 

G. HACHMANN, primo borgomastro. 

Pop lazione: 768,349 (la città: 717,252 nel 1901), 

Superficie: km, q, 415. 

Bilancio: 

entrata 95,159,692 ; uscita 101,763,515 marchi. 



38. — ANHALT 



Monarchia costituzionale 

FEDERIGO, Buca [n. 29 aprile 1831, acc. 22 maggio 1871, 
mar. ad Antonietta di Sassonia-Altenbubg). 

Fojiolazione : 
316,027. 

Superficie: 
km. q. 2.294. 

Capitale: 
Dessau [ab. 50,851), 




.^— ^— 30. — ASSIA [Hesskn] 

Monarchia costituzionale. 

ERNESTO LUIGI V, Granduca («. 25 novembre 18G8, 
acc. 13 marzo 1892, mar. a Vittouia). 

Popolazione : 
1,119,893, 

Su2>e>-ficie: 
km. q. 7682, 

Capitale: 
Darmstadt (ab. 72,381), 

Bilancio: 
entrata ed uscita, 89,871,884 marchi. 




FedEru 



30. — BADEN 



Monarchia costituzionale. 

FEDERIGO, Granduca (»«. 9 set- 
tembre 1826, acc. 24 aprile 
1852, mar. a Luigia, — Di- 
nastia di Zaehringen-Hoch- 
berg). 

Popolazione: 1,866,584, 

Religione: cattolica (dei V3), 

Superficie : 
km, q. 15,263, 

Capitale: 
Carlsruhe [ab. 97,164). 

Bilancio: 
93,173,277 marchi. 



entrata) 
uscita j 



Anhalt 




^wiifffl».:*" 




Baden 



Gli Olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.' di Oneglia sono gli unici perfetti. 




Leopoldo 



— 195 — 

31. — BAVIERA [Bayern] - 

Moiun eh hi cost il ìizionule. 

OTTONE I, Se (n. 27 aprile 
1848, acc. 13 giugno 1886. — 
Dinas/ ia di Wittelsbach), 

LEOPOLDO in. 1821, Principe 

reygente). 

Popolazione : 

6,175,153. 

Pel ig ione: 

cattolica (per i ''/u). 

Superficie: 

km. q. 75,870. 

Capitale: 

Monaco (ab. 490,932). 

Bilancio: 

entrata 454,904,691 marchi 

uscita 454,904,691 „ 




Baviera 



33. — BREMA 



Libera città anseatica, Comune libero. 

ALBERTO GR0ENIN6, borgomastro (dal 1900 al 1903). 
Popolazione: 224,882 (la sola città: 163,297). — Superficie: km. q. 257. 
Bilancio: entrata 27,425,754; uscita 37,110,646 marchi. 



33. — BRUNSWICK [Braunschweig] 
Mo n a ì -eh ia costit uz iona le. 



ALBERTO, Principe reggente (n. 8 maggio 1837, acc. 21 ot- 
tobre 1885). 

Popolazione: 
464,333. 

Superficie: 
km. q. 3,672. 

Capitale: 
Brunswick {ab. 128,231). 

Bilancic: 
entrata 16,204,000; — uscita 16,629,625 marchi. 




Brunswick 



34. — LIPPE 



Monarchia costituzionale. 
ALESSANDRO, Principe («. 1831, acc. 1895). 
ERNESTO DI LIPPE BIESTERFELD, Pegg. (n. 1842). 
Popolazione: 



Superficie: 
km. q. 1,215. 

Capitale: 
Detmold {ab. 11,971). 

Bilancio: 
entrata 2,798,525; - uscita 2,802,779 marchi. 




Lippe-Detmold 



Gli olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.' di Oneglla sono gli unici perfetti. 



— 196 — 

35.— LUBECCA . 

Libera città anseatica ossia Comune libero. 
. . . Borgomastro. 
Popolazione: 96,775 (la sola città, 82,098). — Superficie: km. q. 298. 
Bilancio: entrata 6,385.149; uscita 6,884,510 marchi. 



36. — MECKLENBURG-SCHWERIN- 



-37. - MECKLENBURG-STRELITZ 



Due Monarchie assolute temperate dagli Stati (in comune fra i due Granducati). 



FEDERICO FRANCESCO IV, 

Granduca (w. 9 aprile 1882, 
acc. 10 aprile 1897). 

Popolazione: 
607,835. 

Superficie: 
km. q. 13,127. 

Capitale: 

Schwerin {ab. 38,672). 




Mecklenburg-Schwebin 
E Stkelitz 

- 38. — OLDENBURG - 
Monarchia costituzionale. 



FEDERICO AUGUSTO, Granduca (n. 16 novembre 1852 
acc. 13 giugno 1900). 

Popolazione: 
399,183. 

Superficie: 
km. q. 6,427. 

Capitale: 
Oldenburg {ab. 26,635). 



39. — PRUSSIA 

Monarchia costituzionale. 

GUGLIELMO II, Ite {n. 27 gennaio 1859, acc. 15 giugno 
1888, mar. ad Augusta Vittoria. — Dinastia degli Hohen- 
zoUeru). 

Popolazione: 34,472,609 (1900). 

lìeligione: per 2/3 protestanti, per Vs cattolici. 

Superficie: km. q. 348,607. 

Capitale: Berlino {ab. 1,884,326). 

Bilancio: 
2,614,167,144 marchi. 



FEDERICO GUGLIELMO I, 

Grand, (n. 17 ottobre 1819, 
acc. 6 settembre 1860). 

Popolazione: 
102,628. 

Superficie: 
km. q. 2,930. 

Capitale: 
Neu-Strelitz {ab. 11,344). 




OLDKNBrKG 






Pbussia 



Gli olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.' di Oneglia sono gli unici perfetti. 




PROFUMERIE 
IGIENICHE 



kRTELfl 

frPlTìfl VPnn^J soavemente profumata ■ lattea, gliceri- 
viuuiu ixjuuù nata, non untuosa - toglie le screpolature 

impedisce la formazione delle rughe — bianca e rosea — 

L. 1.50 per vasetto o per tubetto. 

Vftìllltillfl VPìinQ bianca, rosea o rachel, scat9la por- 
ICllUUUa ICUUb cellai^a L. 2.75, scatola cartone' L. 2.- 

1 fl7Ìnnfi VPHII^ (acqua per capelli) semplice e al pe- 
LULll/llC KCUUb trolio. - *L. 1.75 il flacone. 

Estratto VPnil<? P^^ fazzoletto • profumo delicatis- 
uouuuu ICUUÒ cimo. *L. 4.50 il flacone. 

Società A. BERTELLI & C. 

MILAHO • BOIA • lAPOLI • TOBIIO • 6EE07A • PALERMO. 

yS. - Nelle commissioni per corrispondenza alla Sede Cen- 
trale in MILAyo, vir, Paolo Frisi, 26, aggiungere ai sud- 
detti prezzi le .spese di porto ed imballaggio, cioè cent. «■'> 
per ognui o degli articoli segnati con asterisco, e cent. ,?0 
per quelli non contrassegnati. Invece, aggiungere semp-e 
ceni, (io alle commissioni di due o più articoli. — Sconto 
del dicci 2ier cento sugli acquisti di tre o più pezzi di 
ogni sin-olo articolo. 



— 1D6» — 




inscritte neUa FARMACOPEA OFFICIALE. 

Le Pillole di Catramina Bertelli vendonsl in tutte le Farmacie del mondo. 
Proprietaria la Società A. BERTELLI & C, MILANO, via ruolo Frisi, 26. 



^0mt^^m0m^ 



DOLORI ALLE RENI 



^ 



Nei dolori alle reni, nei dolori lombari prodotti dalla gravidanza, 

; nella sciatica, nelle nevralgie, nei reumatismi in genere, é consigliatissimo 

l'uso del CEROTTO BERTELLI {Arnihos), il quale non irrita la 

pelle, non dà noiosi pruriti, né escoriazioni, ma esercita un effetto tor- 

pente, sedativo sulle parti addolorate^ e facili ai r^jurai. Il 

CESRorrrro berteiliILiI 

(ARNIKOS) 

si applica a freddo e non lorda. Numerosi certificati attestano la somma 
efììcacia del Cerotto Bertelli in ogni forma di reumatismo. E l' unico ce- 
rotto che procura una benefica e piacevole sensazione di calore. 
Un cerotto L. 1 — ; due cerotti L. 1.80 in tutte le principali Farmacie. 
Dimandare: Cerotto Bertelli, e rifiutare qualunque altra denominazione 



y 



Concessionari per la vendita delle rinomate specialità A. Bertelli e C: 

Argentina, Uruguay, Paraguay: PERETTI e PESTAGALLI. Buenos-Atbks e Montkvideo 

Bepubblica di San Paulo (Brasilf): F. FRISONI, Genova (Italil) 

Stati Uniti: I. PERSONENI, New-Yobk. 

Egitto: MAX FISCHER, Cairo e Alessandria D'EorrTO 
Trieste e Litorale Austriaco: ii/IARIO LANG (farmacia SEKR AVALLO), T&xrsrx. 



197 



40. — REUSS-GREIZ 



(Linea primogenita!. 
Monarchia costitmiotude. 



ENRICO XXII, Principe (n. 28 
marzo 1846, acc, 8 novem- 
bre 1850). 

Popolazione : 
68,396. 

Superficie: 
km. q. 316. 

Capitale : 
Greiz {ab. 22,346). 

Bilancio : 
1,737,132 marchi. 





Reuss-Gheiz 
E Keuss Schleiz-Gera 

42. — SASSONIA [Sachsen] 
Monarchia costituzionale. 



GIORGIO, Re (n. 8 agosto 
1832, acc. 19 giug, 1902). 

Popolazione: 
4,199,758. 

Religione della famig. re- 
gnante, cattolica; della 
grande maggior, della 
popolaz., protestante. 

Superficie : 
km. q. 14,993. 

Capitale: 
Dresda {ab. 395 349). 

Bilancio: 
324,922,869 marchi. 



41.— REUSS-SCHLEIZ-GERA 

I (Linea cadetta). 

Monarchia costituzionale. 



ENRICO XIV, Principe {n. 28 
maggio 1832, acc. 11 luglio 
1867, tnar. ad Agnese). 

Popolazione: 
138,993. 

Superficie: 
km. q. 826. 

Capitale: 
Gera {ab. 45,640). 

Bilancio: 
3,078,612 marchi 



GlOBGIO 




Sassonia 



■ 43. — SASSONIA-ALTENBUkG 

Monarchia costituzionale. 

ERNESTO, Duca {n. 16 settembre 1826, acc. 3 agosto 1853, 
mar. ad Agnese d'Anhalt). 

Popolazione: 
194,914. 

Superficie : 
km. q. 1,324. 

Capitale : 
Altenburg {ab. 37,110). 

Bilancio: 
5,147,349 marchi. 



^^/ì^SBkì^^^ 




Sasso NiA-ALTENBTJBa 



f Y CI A ^ TI T T T aumentano e si conservano con la ^ 

I 1 bArLLLI CHININA-MIGONE ] 

^ {fedi annunzio di fronte al frontespizio). M 



— 198 — 

4-4. — SASSONIA-COBURGO E GOTHA 
Munarchia coaliluzionale. 



CARLO EDOARDO, Djtfa (n. 19 luglio 1884, acc. 1900;. 

ERNESTO i);iM6>>e di HOHENLOHE-LANGENBURG, 

Leguettte. 



Popolazione: 
229,550. 

Superficie : 
km q. 1977. 

Capitali: 
Cobnrgo {ah. 20,460) e Gotha {ab. 34,G51). 




3^ 

Sassonia-Coburgo e Gotha 



45. — SASSONIA-MEININGEN 
Monarchia costituzionale. 



GIORGIO II, Duca (n. 2 aprile 1826, acc. 20 seti. 1866). 

Popolazione: 
250,683. 

Superficie: 
km, q. 2,403. 

Capitale: 
Ueiningeii {ah. 14,518). 




40. — SASSONIA-WEIMAR 
Monirchia costituzionale. 



GUGLIELMO ERNESTO, Gramhtca {n. 10 giugno 1876, 
acr. 5 geiuiaio 1901). 

Pojìolazione: 
362.878. 

Sujìei-ficie: 
km. q. 3,615. 

Capitale: 
Weimar {ah. 28,329). 

Bilancio: 
11,743,050 marchi (anni 1902-904). 



Sassoni a-Meiningen 



fll^ft 



Sassonia- Wkim ab 




finT]J A lUTTnnUI?' Serve a ridonare e conservare alla pelle la 
fjljlJIA'lfliuUJlIl morbidezza, la freschezza e la beltà della 
prima giovinezza. — Si vende in tìale con elegante astuccio a L. 3, cent. SO 
per la spedizione; 3 fialo L. 9 franco di porto. — Deposito generale da 
MIGONE e C, via Torino, 12 • Milano. 






— 199 — 
47. — schaumburg-lipp: 

Munarchia costitmionale. 



GIORQIO, rrincipe (n. 10 ottobre 1846, acc. 8 maggio 
1S03, mar. a Maria Anna di Sassonia Altenbuego). 

Popolazione: 
43,;32. 

Superficie: 
km. q. 340. 

Capitale : 
Dùckeburg {ab. 5625). 

Bilancio: 
1,118,689 marchi. 




SCHAUMBURG-LlPPE 



■IH. — SCHWARZBURG-RUDOLSTADT | 49. — SCHWARZBURG-SONDERSHAUSEN 



Monarchia costitmionale. 

GUNTERO VITTORIO, Friwip' 
(>i. 21 agosto 1852, acc. in di- 
cembre 1891, mar. a Luisa 
SCHÒNBUBG -WALDENBtTBG). 

l'vpolazione : 
93,059. 

Superficie: 
km. q. 941. 

Capitale: 
Eudolstadt (ab. 12,405). 

Bilancio: 
3,096,800 marchi. 




ScHWARZBrRG-RUDOLSTADT 
E SONDEKSHAUSEN 



50. — WALDECK 



Monarch ia costituzionale. 

FEDERICO ALFONSO ERMANNO, Frincipe {n. 20 gsn- 
niiio 18'j5. -tee. 12 maggio 1893, mar. a Batilde di Schacm- 
burg-Lupe). 

Popolazione: 
57,918. 

Superficie: 
km. q. 1.121. 

Capitale: 
Arolsen {ab. 2,731). 

Bilancio: 
1.673,622 marchi. 



Monarchia costituzionale. 

CARLO GUNTERO, P.indpe 
(n. 7 agosto 1830, acc. 17 lu- 
glio 1880, mar. a Maria di 
Sassonia-Altenbubgo). 

Popolazione: 

80,898. 

Superficie: 
km. q. 862. 

Capitale: 
Sondershausen {ab. 7034). 

Bilancio : 
3,381,833 marchi. 




Waldeck 



CY IH A ^ TI T T T aumentano e si conservano con la ^ 

1 uàPlLLI chinina-migone 1 
(Vedi a iniimio di fi-onte al frontespizio). M 




Guglielmo II 



— 200 — 

-51. — WURTEMBERG — 
Monarchia costituzionale 



GUGLIELMO II, Re {n. 25 feb 
braio 1848, acc. 6 ottobre 
1891, mar. a Carlotta di 
Schaumbukg-Lippe). 

Popoìazione: 
2,169,434. 

Religione: 
dei Vj protest., di Va catt. 

Superficie: 
km. q. 19,512, 

Capitale: 
Stuttgart {ab. 176,705). 

Bilancio: 
entrata 161,986,275 marchi 
uscita 92,197,254 , 




"WUKTEMBEEG 



5g. — OIAFPOX£ 

Monarchia costituzionale. 

MUTSU MITO, Imperatore {n. 3 novembre 1852, acc. 13 febbraio 1867, mar. a Haruko). 
Popolazione: 46,450,911 (1899). — Religione, di Sinto e Buddistica. — Lingua: giappo- 
nese. — Supei-ficie: km. q. 417,412. — Capitale: Tokio {ab. 1,440,121). — Commercio: Im- 
portazione 287,262,000; Esportazione '204,430,000 yen (yen, vai. nom. 4 scell.) — Ferrovie: 
km. 8164. — Telegrafi: km. 27,478. — Esercito: pace 640,701. — Flotta da guerra: 74 navi, 
più 64 torpediniere. — Bilancio: entrata 277,497,003; uscita 275,887,424 yen. 






53. 




HAItVKO 

- GRAN BRETAGNA 

[UNITKD KlNGDOM OF GkEAT 

Bkitain and Ireland] 
Monarchia cos:iiuìionaìe. 

EDOARDO VII, Re {». 9 no- 
vembre 1841, acc. 15 feb- 
braio 1901, mar. ad Ales- 
sandra DI Danimarca. — 
Dinastia di Brunswick- 
LuneburR). 

Popolazione: 41,605,220 (cen- 
simento 1901). — Relig.: 
protestante (anglicana). — 
Z/iwjfMa; inglese. — Super- 
ficie: km. q. 314,339. — Ca- 
pi f.: Londra (ab. 4,536,063). 
— Commercio: Importa- 
zione 521,990,000; Espor- 
tazione 280,022,000 ster.i. 



Giappone 



§^^. 




Alessandra 



Edoardo VII 

GII olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.i di Oneglia sono gli unici perfetti. 



— 201 — 

— Ferrovie: km. 35,530. — Telegrafi: km. 73,694. — Esercito: pace 999,576. — Flotta da 
guerra: 472 uavi, più 160 torpediniere e 247 velieri. — Bilancio: entrata ed uscita 251,980,546; 
sterline. — Commercio: Importazione 521,990, Esportazione 280,022 migliaia di sterline. — 
l'ossedimenti coloniali: Gibilterra, Malta; Cipro, Aden e Perim, isole Bahrein, Borneo setten- 
trionale, Ceylan, Hong Kong, India e dipendenze {veci, a parte), 
'L&hnvkn, Slraits Settlements; Colonia del Capo, Colonia del fiume 
Grange, Colonia del fiume Vaal, Natal, Basutoland, Griqualand, 
Rodesia, British Central Africa, British East Africa, Gambia, La- 
gos, Nigeria, Sien'a Leone, Costa d' Oro, S. Elena, Ascensione, is. 
Tristan d'Acunha, is. Maurizio, is. Seychelles, is. Socotora ; Ber- 
mude, Canada {ved. a parte), is. Falkland, Guiana inglese, Hondu- 
ras inglese. Indie occidentali, Terranova e Labrador ; Australia 
(ved. a parte), isole Figi, Nuova Zelanda, Nuova Guinea, isole 
Salomone, isole Tonga, isole Gilbert, ec. — complessivamente : 

in Europa km. q. 328; afe. 211,793 

in Asia (comprese le Indie). 5,250,000 „ 296,000,000 

in Affrica (senza l'Egitto, e 
comprese le antiche repub- 
bliche sud-affricane) . . . 5,208,000 „ 41,200,000 

in America (compreso il Ca- 
nada) 8,740,000 , 7,047,000 

in Oceania (compresa l'Au- 
stralia) 8,250,430 „ 5,294,000 

km. q. 27,448,758; afe. 349,752,793 




Gran Bretagna 



54. 



AUSTRALIA 



[AusTRALiAN Commonwealth] 

Federazione delle sei colonie britanniche dell'Australia: Queensland, Nuova Galles del 
Sud, Vittoria, Australia del Sud, Australia Occidentale, Tasmania, sotto l'alta sovranità 
della Corona d'Inghilterra. 

Popolazione: 3,775,268 (censimento del 1901). — Superficie: km. q. 7,696,000. 

Capitale designata: Tumut, nella Nuova Galles del 
Sud, a 415 km. a sud-ovest da Sydney. Provvisoriamente 
Melbourne (afe. 477,790). 




Bandiera federale dell'Austballa 




Australia 



■55. — CANADA [Dominion of Canadà]- 



Governo autonomo costituzionale, sotto l'alta sovranità e 
il conti oUo della Corona inglese. 

Popolazione: 5,000,000 (1898). 

Superficie: km. q. 9,092,081 (senza i laghi canadesi e con 
le isole artiche). 

Capitala: Ottawa {ab. 44,150). 

Comm.: Import. 190,416,525; Esport. 196,487,632 dollari. 

Ferrovie: km. 29,193. 

Telegrafi : km. 57,77'*. 

Gli olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.' di Oneglia sono gli unici perfetti. 




— 202 — 

56. — INDIA 



Governo autonomo, esercitato da un Governa- 
tore generale in nome dell' Imperatore delle In- 
die, sotto il controllo del Governo britannico. 

Popolazione: 221,172,952 (censimento 1891). 

Superficie: km. q. 2,291,337. 

Capitale: Calcutta {ah. 1,321,664). 

Comm.: Import. 5,047,089 ; Esport. 84,707,670. 

Ferrovie: km. 40,833. 

Telegrafi: 88,601. 

Protettorati: Stati indigeni di Haiderabad, Ba- 
roda, Mysore, Kascmir, Sikkim e altri 37 stati 
feudatari governati da principi indigeni sotto il 
protettorato dell'Impero Indiano; complessiva- 
mente ah. 66,050,479 (censimento del 1891) su 
km. q. 1,949,395. 

57. — GRECIA [Ellas] 

Monarch ia costituzionale. 
GIORGIO I, Re (n. 24 dicembre 1845, acc. 5 giugno 1863, mar. a Olga di Kcssia. — 
Dinastia di Holstein-Glucksburg). 

Popolazione: 2,187,208. — Religione: ortodossa. — Lingua: greca. — Superficie; km.q. 65,119. 

— C'ipitale: Atene (afe. 111,486). — Commercio: Importazione 138,765; Esportazione 93,781. 
Ferrovie: km. 1035. — Telegrafi: km. 9983. - E-^ercito: guerra 82,125; pace 21,952. - Fh^r 
da guerra: 12 navi, più 31 torped. e 29 navi second. — Bil.: entr. 123,949,931; use. 121,885,7(1, 







EsinADA Cabrkra 



Olga 

-58. — GUATEMAL.A- 

RepnhhUra. 

MANUEL ESTRADA CABRERÀ. 

Presidente {ti. 21 novemb. 18.">7. 
acc. 8 febbraio 1899. — Dura' a 
della carica: C anni). 

Popoltzione: 1,574,338. — Reli- 
gione : cattolica. — Lingua : 
spagnuola. — Superficie: km. q. 
125,100. — Capitale: Guate- 
mala la Nuova (ab. 71.527). — 
Commercio: Import. 3,127.i>00; 
Esport. 7,393,000 pesos d'oro. 
— Ferrovie: km. 640. — Tele- 
grafi: km. 5474. — Knercito: 
pace 56,916, più la riserva di 
29,439 uomini. — Bilancio: en- 
trata 14,547,247 pesos. 




Grecia 




GlATKMALA 



Gli olii d'oliva deila Casa P. Sasso e F.' di Oneglìa sono gli unici perfetti. 



r?3^*^ 




N >R1> Al.KXlS 



— 203 — 

-59. — HAITI 

JRepuhhlica. 

NORD ALEXIS, Presidente 
(n. 1819, acc. 18 dicem- 
bre 1902). — (Durata 
della carica : 7 anni). 

Popolazione: 1,210,625. — 
R-'ligione: cattolica. — 
Lingua: spagnuola. — 
Superficie: km. q. 28,680. 
— Capitale : Port-au- 
Prince («6. 61,000). — 
Commercio: Importazio- 
ne 27,500,000; Esporta- 
zione 63,800,000. — Eser- 
cito: pace 6828. — Flotta 
da guerra : 3 navi. — £«'- 
Za/(CJt»;eutrata2,917,435; 
uscita 2,918,490 pesos 
d'oro (= 5 fr.). 

-SO. — HONDURAS— 

Repubblica. 

Generale MANUELE BONIL- 
LA, Presid. (n. ?, ajc. 2 no- 
vembre 1902. — Durata 
della carica: 4 anni). 

Popolazione: 587,500. — Re- 
ligione: cattolica. — Lin- 
gua: spagnuola. — Super- 
ficie: kni. q. 119,825. — 
Ca/)f7«7e; Tegucigalpa (ab. 
10,000). — Commercio: Im- 
portaz. 4,169,000; Espor- 
laz. 6,183,000 pesos d'ar- 
gento. — Ferrovie: km. 92. 
— Telegrafi: km. 4500. - 
Esercito: pace 47,011 (com- 
presa la riserva. — Bilan- 
cio: entrata 2,629,050: usci- 
ta 2,629,050 pesos. 

— 61. — ITAI.IA 




Haiti 




Honduras 



Monarchia costituzionale. 

VITTORIO EMANUELE ili. Re (n. Il novembre 1869, acc. 29 luglio 1900, mar. ad Elkna 
DF.L Montenegro. — Dinastia di Savoia). 

Popolazione: 32,966,307 (cens. del 9 febbraio 1901). — Religione: cattolica. — Lingua: ita- 
liana. — Superficie: km. q. 2»6.682, 2^0,96 (cifra definitiva secondo 1 calcoli dell'Istituto 
treogr. militare fatti dal 1884 al 1901). — Capitale: Roma, (ab. 463,000). — Commercio: Impor- 
tazione 1.730,248; Esportazione 1.390,827 migliaia di lire. — Ferrovie: km. 15,884. — Telegrafi: 
km. 168.787. — Esercito: guerra 3.323,446; pace 278.156. — Flotta da gtierra: 347 navi, 17 in 
costruzione. — Bilancio: entrata 1,825,668,501 ; 1,812,863,541. — Possed. coloniali: Colonia Eri- 
trea (ab. 200,000, km. q. 600,000ì, Protettorato sui Danakil e Protettorato sulla Somalia (com- 
presi i possedimenti del Benadir): in tutto, ab. 1.400.000, km. q. 825,000. 

- 6». — L.IBERIA 

Repubblica. 




AkTUKO BAJICL4V 



ARTURO BARCLAY, Presidente 
(n. ?, acc. novembre 1902). 

Popolazione (negra): 2,000,000. 

Religione: protestante. 

Lingua: inglese. 

Supn-ficie: km. q. 85,350. 

Capitale: Monrovia (ab. 5,000). 

Bilancio: entrata 158,861 dol- 
lari; uscita 151,975 dollari. 




LlBKIlIA 



— 204 — 

63. — MECHTENSTEIK 

Monarchia costituzionale. 



GIOVANNI II, rrincipe (n. 5 ottobre 1840, acc. 12 novem- 
bre 1858) . 

Popolazione: 9434. 

Superficie: km. q. 159. 

Capitale: Vaduz {ab. 1139). 

Bilancio : 
entrata 674,566; uscita 671,103 corone austriache. 




Liechtenstein 




Adolfo 



64. — 1.USSEMBUBOO 

Monarchia costituzionale. 



ADOLFO, Granduca (n. 24 
luglio 1817, acc. 23 no- 
vembre 1890, mar. ad 
Adelaide d'Anhalt. — 
Dinastia di Nassau). 



Popolazione: 236,543. — 
Superficie: km. q. 2,587. 
Capitale: Lussemburgo 
(ab. 20,928). - Ferrovie: 
km. 479. — Telegrafi: 
km. 2023. — Esercito: pa- 
ce 313. — Bilancio : en- 
trata 11.112,420; uscita 
13,413,780. 






^%.7>- - 



^ V. 



LUSSEMBOURG 




65. — MAROCCO 

Monarchia dispotica 



MULEY.ABD-UL.AZIZ, 

Sultano (n. 24 feb- 
braio 1878, occ. 16 giu- 
gno 1894). 



Popolazione: 8,550.000. — 
Religione: maometta- 
na. — Lingua: araba. 
— Superficie: km. q. 
439.240. — Capitale: 
Fez (ab. 150,000). - 
Commercio: Importaz. 
1,740,000; Esportaz. 
1,322,000 sterline. 




Marocco 



PROFUMATA - INODORA od al PETROLIO 
la migfliore Acqua per Capelli e Barba 

( Vedi annunzio di fronte al frontespizio). 




— 205 — 
08. — MESSICO 




Porfirio Diaz 



Eepitbblica federativa di 27 stati. 

PORFIRIO DIAZ, Presidente (m. 15 sett. 1830, acc. 9 lu- 
glio 1900. — Durata della carica: 4 anni). 



Popolazione: 13,545,462. — 
Religione: cattolica. — 
Lingua: spagnuola. — 
Superf.: km. q. 1 ,987,324. 

— Capitale : Messico : 
{ah. 329,774). — Commer- 
cio: Import. 60,525,116 
dollari d' oro ; Esport. 
142,646,148 pesos d'ar 
gento. — Ferrovie: km. 
16,668. — Telegrafi: km. 
47,829; Esercito: guerra 
149,500; pace 29,324. - 
Flotta da guerra: 9 navi. 

— Bilancio: entrata 
64,823,400 pesos; usci- 
ta 64,738,816 pesos 
(fr. 2,66). 



TV# 




— 67. — MOXACO - 

Principato assoluto 

sotto il protettorato della 

Francia. 

ALBERTO ONORATO CARLO, 

Principe 13 novem. 1848, 
acc. 10 settembre 1889. — 
Dinastia dei Grimaldi- 
Goyon Matignon). 

Popolazione: 15,180. — Reli- 
gione: cattolica. — j^m- 
gua: francese. — Superfi- 
cie: km.q.21,6. — Capitale: 
Monaco {ah. 3,292). - Eser- 
cito: pace 125. — Bilancio: 
entrata 2,799,515; uscita 
2,013,875. 



' 68. — MOXTEX£GRO [Crnagoea] • 
Monarchia assoluta. 




Monaco 



NICOLA I, Principe (n. 7 ottobre 1841, acc. 14 agosto 1860, mar. a Milena Petrovna Vu- 
COTicovA. — Dinastia dei Petrovic-Niegos). 

Popolazione: 227,841. — Religione: ortodossa. — Lingua' serba. — Superficie: km. q. 9,080. 
— Capitale: Cettigné (afe. 4,000). — Telegrafi: km. 552. — Bilancio: entrata 813,000: uscita 387,000 




Nicola I 




MXLSNA 




MONTENEaBO 



20C, 



69. — lIOirF.^3f ET 



70. — KEPAI. 



[Altenberg, Vieille-Montagne] 

Territorio neutro, fra il Belgio e la Prussia, 
amministrato da un borgomastro, sotto la 
sovranità mista dei due stati limitrofi. 

Superficie: km. q. 5,5. 

ropolazione: ah. 3000. 



Monarchia dispotica, tributaria della Cina. 

PRITHIVI BIR BIKREM SHAM SHiRI FUNG 
BAHADUS, Maharayà («. 8 agosto 1875, acr. 
17 maggio 1881). 

Popolazione: 2,450,000. — Superficie: km. q. 
154,000. — Capii.: Khatonandau {ab. 50,0001. 

— Comrn.: Import. 1,652,878; Esp. 2,738,040. 

— Esercito: pace 5J,000. 



71. — KICABAOUA 

lìepuhìdica. 



J. SANTOS ZELAVA, Presidente {n. 
— Durata della carica: 4 anni). 



1 gennaio 1902. 



Popolazione: 500,000. 
Superficie: km. q. 123,950. 
Capitale: Leon (ab. 45,000). 
Commercio : 
Impoi-tazione 2,302,488 pesos d'oro 
Esportazione 1,912,767 „ „ 

Ferrovie: km. 146. 
Telegrafi: km. 3925. 

Esercito : 

guerra 25,000; pace 2,000. 

Flotta da guerra: 8 battelli a vaporo. 

Bilancio .* 

entrata 5,760,920; uscita 5,758,923. 




73. — OIiA]VI>A [Nkderland, Pays Bas] 

Monarch ia costituzionale. 

GUGLIELMINA, Pegina (n. 31 agosto 1880, are. 23 novembre 1890, mar. ad Enrico di 
Mecklenburg. — Dinastia di Nassau). 

Popolazione: 5,179,138 (1900). — Religione: protestante (presbiteriana). — Lingua: olan- 
dese. — Superficie: km. q. 33,000. — Capitale: Amsterdam (ab. 520,602). — Commercio: 
Importazione 2047,1; Esportazione 1733,6 milioni di fiorini d'Olanda. — Ferrovie: km. 2823. 
Telegrafi: km. 6423. - Esercito: pace 28,858. - Flotta da guerra: 93 navi, più 24 navi scuoi, 
e 4 navi trasporto. — Bilancio: entrata 154,002,245; uscita 167,333,723 fiorini. 





GUOLIELMINA 



7.^. — OMA!¥ 

Mona rch ia assoluta . 




Paesi Bassi 



SEID FEISEL BEN TURKI, Sultano (n. ?, acc. 4 giugno 1888). 

Popolazione: 1,500,000. — Superficie: km. q. 194,200. — Capitale: Mascat<» (ah. 60,000). 
Commercio: Importazione 2,996,688; Esportazione 1,641,070 dollari. 

Gli olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.' di Or.eglia sono gli unici perfetti. 



JUAN EZQUARRA, 

della curila: 4 anni. 



— 207 — 

-74. — PARAI UAI 

li'puhhlica. 



Presidente (//.?, acc. 1902). - Durata 



J'opolazione: 635,571. 

Religione: cattolica. 

Lingua: spagnuola. 

Superficie: km. q. 2óa,200. 

Capitale: Asunciou (a/>. 51,719), 

Commercio: Import. 600,730; Esport. 505,861 sterline. 

Ferrovie: km. 247. 

Telegrafi: km. 780. 

Flotta da guerra: 2 piccoli vapori. 

Bilancio: entrata 11,412,746 pesos a 60 e. 



Scia di Peksia 






75. — PERSIA 

Monarchia assoluta. 

MUZAFFER ED DIN, Scià («. 25 
marzo 1853, acc. 1 maggio 1896). 

Popolazione: 9.000,000. 

Religione: maomettana. 

Lingua: persiana. 

Superfìcie: km. q. 1,650,350. 

Capitale: Teheran {ab. 250,000). 

Commercio: Importaz. 127,675,000; 
Esportazione 72,325,000. 

Ferrovie: km. 13. 

Telegrafi: km. 11,300. 

Esercito: guerra 60,000. 

Flotta da guerra: 3 vapori. 

Bilancio: entr. 1,500,000 lire ster- 
line. 



Edoardo L. 



DE Romana 



76. — PERII 

Repubblica. 

EDOARDO L. DE ROMANA, Presi- 
dente (n. ?, acc. 8 sett. 1899. - 
Durata della carica: 4 anni). 

Popolazione: 4,559,550, 

Religione: cattolica. 

Lingua: spagnuola. 

Superficie: km. q. 1,769,804. 

Capitale: Lima {ab. 113,000). 

Commercio: Importaz, 2.758,000; 
Esportazione 4,298,000 sterline. 

Ferrovie: km. 12,224. 

Telegrafi: km. 4,209. 

Esercito: pace 4,000, 

Flotta da guerra: 10 vapori a elica 
ed a ruota. 

Bilancio: entrata 1,5;!9,668; usci- 
ta 1,576,754 sterline. 




Peksia 




Perù 



c 



CAPELLI BIANCHI 

ANTICANIZIE 



riprendono il colore primitivo 
coir Acqua 

-MIGONE 

{Vedi annunzio di fronte al frontespizio). 






~ 208 — 

yy. — POBTO€}A£.IiO 

Monarchia costituzionale. 



CARLO I, Be (n. 28 settembre 1863, aec. 19 ottobre 1889, mar. a Maria AmelIa. — Dina- 
stia di Braganza-Saxe-Coburgo-Gotha). 

Popolazione: 5,428,800. — Religione: cattolica. — Lingua: portoghese. — Superficie 
km. q. 92,157. — Capitale: Lisbona (ab. 357,000). — Commercio: Importazione 57,868,206; 
Esportazione 28,283,659. — Ferrovie: km. 2356. — Telegrafi: 18,453. — Esercito: pace 30,000. 
— Flotta da guerra: 42 navi, più 8 navi scuole e batterie torpediniere. — Bilancio: en- 
trata 55,056,597; uscita 55,960,114. 




Carlo I 




Maria Amelia 







Portogallo 



Possedimenti coloniali: Is. del Capo Verde, Guinea, Angola, Africa orientale portoghese, 
Goa, Damao, Diu, Macao, Timos; in tutto «6.8,504,000 su km. q. 2,146,100. 



78. — BUMEXIA 



Monarchia costituzionale. 

CARLO I, Re (n. 20 aprile 1839, acc. 26 marzo 1866, mar. ad Elisabetta di Wied. — 
Dinastia degli HohenzoIIern). 

Popolazione: 5,912,520. — Religione: greca-ortodossa. — Lingua: rumena. — Superficie: 
km. q. 131,020. — Capitale: Bucarest {ab. 282,071). — Commercio: Importazione 292,436,000; 
Esportazione 353,831,000. — Ferrovie: km. 3171. — Telegrafi: km. 14,110. — Esercito: guerr;i 
171,948; pace 120,267. — Flotta da guerra: 28 navi. — Bilancio: entrata 218,500,000; usci- 
ta 218,500,000. 




Caijlo I 




Elisabetta (Carmen Sylva) 




RUMESIA 



GII Olii d'Oliva della Casa P. Sasso e F.i di Oneglla sono gli unici perfetti. 



208« — 



r 



PRIMA FABBRICA ITALIANA 

fiAMMiFERi Igienici 



della Sociefà An^ Umbra 



Sede ly Perugia 




^ bren Premio Esp".' d'Igiene di Napoli 



— 2081 — 

SOCIETÀ /cNONIMA 



J^orqaci aìle Stect 

Capitale Sociale L. 800,000 - Versato L. 500,000 

FIRENZE Via Bnfalini 7 con Stabilimenti alle SIECI presso Firenze 
ed a SCAURI ProTincia di Caserta 



EMBRICI (tegole piane alla marsigliese) e accessori di qualunque spe- 
cie per tettoie. 

MATTONI ordinari, pressati e MATTONI vuoti. 

MATTONI DA VOLTERRANE per impalcature sopra travi di ferro 

di tutte le misure. 

TUBI da drenaggio e per condotte d'acqua. 

Produzione speciale dello Stabilimento delle Sieci 

PAVIMENTI IN TERRA COTTA 

A FORMA SI ESAfiOn 

(TOnyCETTES) 
ROSSI, NERI E BIANCHI, DDRISSI9II SENZA ECCEZIONE 

(circa 80 per metro quadrato) 

Prezzo dei ROSSI durissimi L. 2,50 al metro quadrato; 
extra-durissimi L. 3 ; ì NERI aumentano 2 cent, per 
pezzo; i BIANCHI 4 cent. 

Merce franca su vagone alle Sieci in pacchi di 40 pezzi legati con 
filo di ferro ; occorrendo imballaggi speciali restano a carico del com- 
mittente. 

A richiesta si assume la messa in opra a condizioni da convenirsi. 

Dallo Stabilimento delle Sieci servizio con barroccio propri» 
per consegna del materiale in Firenze a pie d'opera. 

NB. — Si spediscono campioni gratis a tutti quelli che ne fanno ri- 
chiesta, dimettendo il proprio biglietto da visita a FIRENZE o a 
SCAURI all'indirizzo della Società si ricevono a corso di posta i 
listini dei prezzi dei due Stabilimenti. 

„ . . ( per lo Stabilimento delle Sieci — Firenze, Via Bufalìni, 7 
Corrispondenza | ^ .di Scauri - Scanri (prov. di Caserta) 

-, . ( por lo Stabilimento Sieci ) rADMieimii FIRESZE 

lelegramiDi | ? , ^ ^^^^. | FORIASIECIJ „„^,l„ 



— 209 — 

7». - RUSSIA 

Monarchia assoluta. 



NICOLA II, Zar o Imperatore (n. 18 maggio 1868, acc. ì" novembre 1894, mar. ad Ale- 
XANDKA Feodorovna Alixe DI Hesse. — Dinastia dei Romanow-Holstein-Gottorp). 




9pi'^V#^ 





Nicola I Alexandea Russia 

Popolazione: 126,368,827 (senza la Finlandia; e compresi i governi del Caucaso, Sibe- 
riani, dell'Asia Centrale e Transcaspiani). — Religione: greca-ortodossa, con gran numero di 
cattolici (polacchi), protestanti, ebrei, maomettani, armeni, ec. — Linyite: russa, polacca, ec. 
Superfìcie: km. q. 22,066,386. — Capitale: Pietroburgo (ab. 1,439,375). — Commercio: Im- 
portazione 626,375,000; Esportazione 716,418,000 rubli. — Ferrovie: km. 56,601. - Telegrafi: 
Km. 165,158. — Esercito: guerra 3,615,410; pace 1,084,000. — Flotta da guerra: 349 navi, 
più 42 bastimenti e 6 in costruzione. — Bilancio: entrata 1,946,571,976; uscita idem. 



80. — BOCH ARA- 



SI. — CHI VA 



Monarchia assoluta 
sotto il vassallaggio della Russia. 

SEID MOHAMMED RAKKIM, Kan («. 1845?, 

ucc. 1865). 

Popolazione: 750,000. 
Snpei-ficie: km. q. 60,000. 
Capitale: Chiva {ah. 30,000). 



Monarchia assoluta 
sotto il vassallaggio della Russia. 

SEID ABDUL AHAD, Emiro {n. 26 marzo 1859, 

acc. 12 novembre 1885). 
Popolazione: 1,250,000. — Superfìcie: km. q. 

205,000. — Capitale: Bochara (ab. 70,000). — 

Eserc: pace 11,000. — Fiotta da guerra 5 vap. 

• ; 82. — FINLANDIA — 

Monarchia costiluzionale, in unione personale con la Russia. 

NICOLA. Granduca (n. 18 giugno 1868, acc. l" novembre 1894). 

Popolazione: 2,673,130. — Peligione: protestante. — Lingue: svedese e finnica. — Su- 
perfìcie: km. q. 373,612. — Capitale: Helsingfors (ab. 88,711). — Commercio: Importazione 
215,600,000; Esportazione 186,900,000 marchi d'oro. — Ferrovie: km. 3020. — Esercito: pa- 
ce 17,050. — Bilancio: entrata 105,225,591; uscita 105,225,591. 




Tomaso Regalado 



— 83. — SAIiVADOR 

liepubblica. 

TOMASO REGALADO, Presidente 
(n. 7 novembre 1864, acc. lo 
marzo 1S99. — Durata della 
carica: 4 anni). 

Popolazione: 915,512. 

Religione: cattolica. 

Lingu't: spagnola. 

Superfìcie: km. q. 21,070. 

Capit.: San Salvador (ab. 60,000), 

Commercio: Esportaz. 9,132,958 
dollari. 

Ferrovie: km. 117. 

Telegrafi: km. 2,977. 

Esercito: pace 3,000 più la riser- 
va di 18,000 uomini. 

Bilancio: entr. 5,931,420; uscita 
6,937,74S dollari. 




Salvadob 



Gli olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.i di Oneglia sono gli tìnici perfettL 



— 210 — 



: — -84. — SAW DOMIXOO [Rf-pubblica Dominicana]- 

Repubblica. 

ORAZIO VASQUEZ, Presici, (provvisorio) (n. ?, acc. 8 mag- 
gio 1902. — Durata della carica: i anni). 

Popolazione: 504,000. 

Religione: cattolica. 

Lingua: spagnuola. 

Superfìcie: km. q. 48,r)77. 

Capitale: San Domingo (ab. 20.000). 

Commer-'Ao: Importazione 2,986,921; Esportazione 

5,224,043 dollari d'oro. 
Ferrovie: km. 188, 
Telegrafi: 690. 

Flotta da guerra: 2 battelli a elica e 1 cannoniera, 
entrata 
uscita 



Bilancio 



1,238,440 doUari d'oro. 




85. — SAX MARINO 

Repubblica. 



Due Capitani Reggenti (si rinnovano ogni sei mesi). 

Popolazione: 9535. 

Religione: cattolica. — Lingua: italiana. 

Superficie: km. q. 61. 

Capitale: San Marino (ab. 1600). 

Esercito: pace 988. 

Bilancio: entrata 361,344: uscita 356,879. 




San Marino 



■86. — SARAWAK- 



JJoiiarchia assoluta, sotto il protettorato inglese. 
CARLO JOHNSON BROOKE, Rajà (n. 3 giugno 1829, acc. 11 giugno 1868). 
Popolazione: 300,000. — Superficie: km. q. 110,000. — Capitale: Kuking. 




Pietro I 



87. — SERBIA — 

Monarchia cosi ituzionale. 

PIETRO I, Re (n. 29 giugno 
1846, acc. 15 giugno 1903. 

— Dinastia dei Karageor- 
gevic). 

Popolazione: 2,493.770. — Re- 
ligione: greca-ortoAossSL. — 
Lingua: serba. — Superfi- 
cie: km. q. 48,303. — Capi- 
tale: Belgrado (ab. 69.097). 

— Commercio: Importazio- 
ne 43,835,000; Esportazio- 
ne 65,685,000. — Ferrovie: 
km. 562. — Telegrafi: km. 
5,578. — Esercito : guerra 
353,122; pace 22,448. - Bi- 
lancio: entrata 70,565,981; 
uscita 72,983,135. 




GII olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.i di Oneglia sono gli unici perfetti. 



— 211 -- 





Monarchia assoluta. 

SCIULALONKORN, Re (n. 21 settembre 1853, acc. l" ot- 
tobre 1«GS). 

Popolazione: 6,320,000. 

Religione: buddistica. 

Lingua : siamese. 

Superficie: km. q. 633,000. 

Capitale: Bangkok {ab. 600,000). 

Commercio: Importazione 29,520,730; Esportazio- 
ne 46,828,791 dollari messicani. 

Ferrovie: km. 326. 

Telegrafi: km. 4735. 

Esercito: guerra 10,000; pace 3,600. 

Bilancio: entrata 36,166,739; uscita 38,074,288 ticals 
(1 tical == 1 fr. 50 e). 

89. — SPAOXA - 

Monarchia costituzionale. 

ALFONSO XIII, Re (n. e acc. 
17 maggio 1886. — Dina- 
stia dei Borboni). 

Popolazione: 18,848,000 (com- 
presi i Presidii in Af- 
frica, le Canarie, Fernan- 
do Po, Annobom ec.) non 
compreso il territorio In- 
determinato di Rio de 
Oro. — Religione: cattoli- 
ca. — Lingua: spagnuola. 
— Superfic: km.q. 720,752. 
CGfj>i7.:Madrid(a6.512.150j. 
Commercio: Importazione 
986,400,000 ; Esportazione 
836,100.000 pesetas. - Fer- 
rovie: km. 13,391. - Te- 
km. 75.578. — Esercito: pace 119,000. — Flotta da guerra: 36 navi, più 27 navi secon- 
6 incrociatori in costruzione. — Rilancio: entrata 974,437,749; uscita 971,173,259. 



Alfonso XIII 




Spagna 



legrafi: 
darle e 




ROO.IEVELT 



90. — STATI UNITI D'AMERICA 

Repubblica federale 



Unione di 48 Stati, 3 ter- 
ritorii e un distretto fe- 
derale. 

TEODORO ROOSEVELT, 

Presidente (n. 1858, acc. 
14 settembre 1901. — 
Durala della carica: 4 
auni). 

Popolazione: 76.303,387 
(censimento 1900) com- 
preso l'Alaska e le isole 
Hawai. — Relig.: prote- 
stante delle diverse sèt- 
te per una grande metà, 
cattolica per meno del- 
la metà. — Lingu i: in- 
Superf. : km. q." 9,383,029. 




_ Stati Uniti di Ameuica 

iJese per la grande maggioranza. — Superf. : km. q."'9,383,029. — Cup. : AVashington {ab. 278,718). 

— Commercio: Import nr.ione 983,600,000. — Ferrovie: km. 312,724. — Telegrafi: km. 390.987. 

— Enercilo: guerra 22/,521; pace 103,821. — Flotta da guerra: 127 navi di 1<^ ordine, 140 di 
i» ordine e 24 navi in costruzione. — Bilancio: entrata 699,316,530; uscita 621.598,516. — 
Pó»sedimenti coloniali: Puertorico, is. Filippine, Guam, Samoa, Wake e Johnston, in tutto 
•4. 7,929,682 (cens. 1900) su km. q. 306,341. 

GII Olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.' di Onegiia sono gli unici perfetti. 



Ol. 



— 212 — 

SVEZIA £ NORVEGIA- 



Monarchie costituzionali, legate per unione personale. 

OSCAR II, He in. 21 gennaio 1829, 18 sett. 1872, mar. a Sofia. — Dinastia dei Bernadotte). 

Popolazione: 7,376,321. — Beligione: protestante luterana. — Lingue: svedese e norvegiaua. 

Superficie: km. q. 776,003. 



corone = 1 fr. 39 e. 



SVEZIA 

Importazione 534,935,000 

Esportazione 391,334,000 
Ferrovie: km. 11,573. 
Telegrafi: km. 27,992. 

Esercito: \ ""^^^'^ 2?7,2.33 
\ i)ace 3o,87o 

Flotta da guerra: 68 navi più 10 n. second. e 6 in costruz. 



Bilancio: 



Commercio: 



NORVEGIA 

, 287,244,000. 
165,106,000. 
2,057. 
18,908. 



( 49 navi, 16 n. second. e 2 in 
li costruzione. 



107,393,600. 




OSCAK 



Svezia e Noevegia 



93. — SVIZZERA 

liepubbltca federale 
di 25 Cantoni. 

Dott. DEUCHER Presidente del Consiglio Federale 
per il 1903J («. 1831, acc. 1 gennaio 1903. — Durata 
della carica: 1 anno). 
Popolazione: 3,313,817. 

Beligione: protestante (59%) e cattolica (41%). 
Lingua: tedesca in 18 cantoni, francese in 5, italiana in 1 

romanica in 1. 
Superfìcie: km. q. 41,419. 
Capitale: Berna {ab. 64,864). 

Commercio: Imp. 1,118,569,803; Esp. 863,115,323 franchi 
Ferrovie: km. 4,010. 
Telegrafi: km. 22,085. 
Esercito: pace 243,211. 
Bilancio: entrata 102,182,900; uscita 108,120,000. 




-^— — — — 93. — TOXGA (Isole) 

Monarchia costituzionale. 

GIORGIO II, Re {n. 18 giugno 1874, acc. 1893). 

Popolazione: 19,500. — Superficie: km. q. 995. — Capitale: Nukualofa. 




La migliore Acqua per Capelli e Barba è la 

CHININA-MIGONE 

PROFUMATA - INODORA od al PETROLIO 

(>>(/(■ (in)itiH:ii> ili fronte al fvoìitespizió). 



— 213 — 

94. — TURCHIA 

Monnrchia dispotica. 

ABDUL HAMID il, Gran 

Sultano (n. 22 settem- 
bre 1842, acc. 31 ago- 
sto 1876). 

Popolaz.: 22,989,500 (sen- 
za la Bulgaria, la Ru- 
melia orientale, Creta. 
Samos, l'Egitto e Tri- 
poli). — Relgione. mao- 
mettana, greca ortodos- 
sa armena, ecc. — Lin- 
gue: turca, araba, greca, 
albanese, ec. — Superf.: 
km. q. 1,930,100. - Ca- 
pitale : Costantinopoli 
(ab. 1,125,000). - Com- 
mercio : Importazione 
2,662,125,000; Esporta- 
zione 1,342,544,000 piastre. — Ferrovie: km 4,518. — Teleg, 
guerra 1,500,000. — Flotta ila guerra: 72 navi. — Bilancio: ent. 18,511,322 
turche (= 23 franchi e 05 centesimi). 




Abdul Hamld II 




ifi: km. 



TUKCHIA 



61,858. — Esercito: 
use. 18,429,411 lire 



95. — 



lULGARIA 



Monarchia costituzionale 
tributaria della Turchia, con la provincia autonoma della Rumelia orientale. 
FERDINANDO I, Principe (n. 26 febbraio 1861, acc. 7 luglio 1887. - Dinastia di Saxe- 
Coburgo-Gotha). 

Popolazione: 3,733,189. — Religione: greca ortodossa. — Lingua: bulgara. — Superficie: 
km. q. 95,706. - Capitale: Sofia [ab. 67,920). — Commercio: Importazione 70,044,000; Espor- 
tazione 82,770,000. - Ferrovie: km. 1648. — Telegrafi: km. 10,858. - Esercito: guerra 126,970; 
pace 43,055. — Flotta da guerra: 18 navi. — Bilancio: ent. 95,955,400; use. 98,898,377 franchi. 




FF.nClXANDO I 



Maria Ltisa 
««. — C R E. T A 



BULGAriA 




Governo autonomo costituzionale, sotto il protettorato dello 
potenze Europee e l'alta sovranità della Turchia. 

GIORGIO, Principe, Alto Commissario («. 1867, acc. 1898). 

Popolazione: 309,349. 

Religione: greca ortodossa. 

Lingua: greca. 

Superficie: km. q. 8,618. 

Capitale: La Canea (ab. 20,972). 

^ . . i Importazione 14,448,000 ) - , . 

Commerco, j ^^^^^^^^^^^^ 7,286,000 i f^'^^^'^"" 

„., i entrata 6.263,195 < , , . 

Bdanco: ^^^.^^ , gj,^;^^, franchi. 




SAMOS 



— 214 — 

97. — EGITTO 

Monarchia assoluta, tributaria 
della Turchia, sotto il con- 
trollo dell' Inghilterra, 

ABBAS II, Kedive {n. 14 luglio 
1874, acc. 7 gennaio 1892). 

Topolazione: 9,821,045. — Reli 
gione: maomettana. — Lin- 
gua: araba. — Superfìcie: chi- 
lometri q. 994.300. — Calatale : 
Cairo (ah. 570,062). — Com- 
mercio: Importaz. 15,245,000; 
Esportazione 15,730,000 lire 
egiziane. — Ferr.: km. 4,655. 
- Telegrafi: km. 15,593. — 
Esercito: pace 18,364. — Bi- 
lancio: entrata 11,600,000; 
uscita id. lire egiziane (= 25 
franchi 92 centesimi. 

99. 




Egitto 
TRIPOLI 



N. N., Governatore generale. 

Popolazione: 1,000,000. 
Superficie: km. q. 1,033,000. 
Capitale : Tripoli {ab. 30,000). 



J'rincip.ito tributario della Turchia. 

MICHELE GEORGIADES, Principe (n. 23 set- 
tembre 1841, acc. 16 agosto 1900). 

Popolazione: 54,830. — Superficie: km. q. 468. 
— Capitale : Vathi {ab. 2400Ì. — Commercio : 
Import. 20,312,251; Esportaz. 19,853,545. — 
Bilancio: entrata e uscita 3,538,698 in pia- 
stre (L. 0,221/2). 

100. — URUOUAI - 

Jiejnibblica. 

JOSÈBATLLEYORDONEZ, 

Presid. (n. ?, acc. 1» mar- 
zo 1903. — Durata della 
carica: 4 anni). 

Popolazione : 930,680. — 
Religione: cattolica. — 
Lingua : spagnuola. — 
Superficie: chilometri q. 
178,700. - Capii.: Mon- 
tevideo (ab. 259,000). — 
Commercio : Importaz. 
23,700,000; Esportazio- 
ne 27,700,000 pesos na- 
zionali. — Ferrovie: km. 
1,944. — Telegrafi : km. 
5,700. — Esercito: pace 
2,291. — Flotta da guer- 
ra: 2 cannoniere e 2 va- 
pori, — Bilancio: entrata e uscita 16,160.000 pesos nazionali {— 5 fr. e 44 e). 

101. — TJBK£ZU£liA 




losÈ Batlle 




tTBTTGTTAT 



Repubblica federativa di 9 stati, un distretto federale, un 


^ ^^^0B 


territorio e 2 colonie. 


^i^M^ ^H^B.^^^^^ 


CIPRIANO CASTRO, Presidente («. ?, acc. 1902. - Durata 


v^^^Bv^EM^I^^V 


della carica: 6 anni). 




Popolazione: 2,444,816. 




Religione: cattolica. 


iv^^BSi'^v^^^^K 


Lingua: spagnuola. 


vfI^H!]^hÌ^A A 


Superficie: km. q. 1,027,030. 


JHf ^^<i^^^B^^H j| 


Capitale: Caracas (ab. 72,429). 


'sf W7J|di^^^^^B^B' ■ 


e„,„»,.,,„.. 1 ^^-: W]^^^ \ bo,ivares(=. ,..., 


vJ|HB^^L# 


Ferrovie: km. 852. 


'\ \.iSS%r9tflKrz 


Telegrafi: km. 5,679. 


^HvÌaI^^vjbÌIq 


Esercito: pace 9000. 


'^ESKK^m^^^^Kmf 


Flotta da guerra: 11 navi. 


Venezukla 



4 



HolTZl^ QtoQRflflCH^ 5TflTI5TICH^ "^ 
eKnoQRflFKHOaiL'lTflLlfl " 




I. — ELEMENTI GEOGRAFICI 

Divisione politica della Regione Italiana ed aree delle singole parti di questa. 

1. Regno d'Italia kmq. 286682 

2. Repubblica di San Marino 61 

3. Circondario francese di Nizza \^^'ì 

4. Isola francese di Corsica 8722 

5. Principato di Monaco 22 

6. Paesi svizzeri del Canton Ticino, dell" alta Val di Vedrò, della Val Bregaglia, 

della Valle di Poschiavo e della Valle di Monastero 4026 

7. Paese austriaco del Trentino (e valli nelle Alpi Dolomitiche) 7850 

8. Paese austriaco della Venezia Giulia "^968 

9. Paese Ungherese di Fiume 20 

10. Gruppo britannico di Malta • • 318 

Area complessiva . . . 316751 



Divisione geografica del Regno d'Italia. 



1. Italia settentrionale 

2. Italia peninsrdare . 

3. Italia insulare . . . 



kmq. 



104243 
132592 
49847 



Differenze massime in latitudine. 

Tra la Cima ài Vanscuro 46<'40',8 

ai la Punta Cala Mnluk (Lampedusa! 35 29, 4 

b) la Lanterna Bell'Isola delle Correnti . 36 38, § 

e) il Faro di Capo Spartivento 37 55, 3 

d la Punta a Melito di Poi-to Salvo 37 54, 9 



e) la Guardia di Letica 



39 48, 



lini', 4 
10 2, o 
8 45, 5 
8 45, ^ 
6 52, , 



Differenze massime in longitudine. 



(dal Meridiano di Monte Mario, presso a Roma, 41" 55', 4 di latitudine N, 10" 6' 59" E da 

Parigi, 120 27' 12", 5 E da Greenwich, 300 6' 59" £ dal Meridiano dell'Isola del Ferro e 

2032' 47", 5 dal Meridiano dell'Europa Centrale). 

Tra U punto più orientale del confine terrestre del Regno 

nel Monte Colaurat o Kolovrat lol3',3 E e 

a) la Rocca Chardonnet nelle Alpi Cozzie 5 54, 3 7» 7',b 

6) il Capo dell'Argentiera in Sardegna 4 19, 3 6 32, g 

Tra il Faro di Capo d'Otranto 6" 4',i E e 

a) la Rocca Chardonnet nelle Alpi Cozzie 5 54, 3 llo58', , 

b) il Capo dell'Argentiera in Sardegna 4 19, 3 10 23. , 

e) il Capo Boeo o Lilibeo in Sicilia 1, 7 6 5, g 

Dimensioni Lineari. 

1. Tra Pizzo Suretta e Punta Cala Mahik ! m. 1256 

2. Tra Aiguille du Glacier ed un punto presso a Cuii^an- 1140 

3. Tra Cima di Vanacuro e Faro di Capo Sparticento ]01«> 

4. Tra Rocca Chardonnet e Monte Colaurat 56.^ 

5. Tra Magra e Rubicone 197 

6. Tra Piombino e Monte Conerò 262 

7. Tra Golfo di Salerno e Golfo di Manfredonia 132 



— 216 — 
Elementi orografici, (i) 



REfilONI 


Per cento dell'area 


Bassipi \"VI 




pianura 

44,0 
32,6 
40,0 
20,4 
43,4 


montajjna 

56,0 
6?,4 
60,0 
79,6 
56,6 




Italia Settentrionale . . . 

Italia Centrale 

Italia Meridionale . . . . 
Sicilia . . . 


Pianura Padana o Bassopiano dell'Italia 
Settentrionale (46,000 kmq.). 

Bassopiano dell'Arno inferiore colla Pia- 
nura Pisana. — Campagna di Roma. 

Pianura della Campania. — Pianura di 
Salerno. — TavoUere di Puglia. 

Piana di Catania. 


Sardegna 


Campidano. 







Punti culminanti 


• 




Nome 


Gruppi 


Province o paesi 


Allifndtiif 
in m. 


Jof del Montasio (Bramkofel: 


Alpi Giulie occidentali 


Udine e Carinzia 


2755 


Huda Baliza) 








Monte Coglians 


Alpi Carniche 


idem 


2782 


Cima dei Preti 


Prealpi Carniche 


Udine 


2703 


Monte Antelao 


Alpi Cadorine 


Belluno 


3263 


La Marmolada 


Alpi Dolomitiche Trenti- 


Trentino e Belluno 


3360 


Cima Dodici 


Monti Lessini [ne 


Trentino e Vicenza 


2331 


Monte Venda 


CoUi Euganei 


Padova 


606 


San Giovanni di Barbarano 


Monti Bèrici 


Vicenza 


424 


Cima di Val Dritta 


Monte Baldo 


Verona e Trentino 


2218 


Cima Tosa 


Gruppo di Brenta 


Trentino 


3176 


Presanella 


Catena dell'Adamello 


Trentino 


3564 


Ortlerspitze 


Gruppo dell' Ortler 


Tirolo 


3902 


Pizzo Bernina 


Alpi Retiche 


Grigioni 


4052 


Pizzo di Coca 


Alpi Orobie 


Bergamo e Sondrio 


3052 


Monte Leone 


Alpi Lepontine 


Valese 


3554 


Cima Dufour 


Monte Rosa 


Valese e Novara 


4638 


Monte Cervino (Matterhorn) 


Alpi Pennino 


Valese e Torino 


4482 


Monte Bianco 


Monte Bianco 


Torino e Savoia 


4807 


Gran Paradiso 


Alpi Graie orientali 


Torino 


4061 


Aiguille de la Sassiòre 


Alpi Graie 


Torino e Savoia 


3759 


Pierre Menue 


Alpi orientali di Moriana 


Torino e Savoia 


3505 


Monte Viso 


Alpi Cozzie 


Cuneo 


3843 


Punta Argenterà 


Alpi Marittime 


Cuneo 


3397 


Cima Marguareis 


Alpi Liguri 


Cuneo 


2649 


Eric della Maddalena 


Monti d' Oltre Po 


Torino 


716 


Monbarcaro 


Colli del Monferrato 


Cuneo 


898 


Colle di San Colomba-.o 


— 


Milano 


142 


Monte Mjsurasca (Bue) 


Appennino Ligure 


Genova, Piacenza, Panna 


1803 


Monte Cimone 


.\ppcnn. Tosco-Emiliano 


Modena 


2165 


Monte Pisanino 


Alpi Apuane 


Massa-Carrara 


1946 


Monte della Serra 


Monti Pisani 


Lucca e Pisa 


918 


Monte Albano 


_ 


Firenze e Lucca 


641 


Monte Giovi 


Mugello 


Firenze 


992 


Monte Regello 


Pratomagno 


Arezzo e Fircnzo 


1580 


Alpe della Catenaia 


— 


Arezzo 


1450 


Monte Catria 


Appennino Umbro -Mar- 
chigiano 


Pesaro e Urbino 


1702 


Monte Vettore 


Monti Sibillini 


Ascoli Piceno 


2478 


Torre Maggioro 


Subappennino Umbro 


Perugia 


nii» 


Monte Pollecchia 


Monti Sabini 


Roma 


lar.s 


Le Cornate 


Antiappennlno Toscano 
metallifero 


Siena e Grossa ;^ 


1059 


Monte Amiata 


Antiappennlno Toscano 
vulcanico 


Siena e Grosseto 


1734 


Monte Capanne 


Isola d'Elba 


Livorno 


1019 



(1) Cfr. Marine. li, <Ia Tcrra>. IV (U i ), p. G\ 

Gii olii d'oliva deH» Casa P. Sasso e F.' di Onegiia sono gli unici perfetti. 



— 217 — 



Nome 


Gri-ppi 


Province o paesi 


illitidìne 
in m. 


Monte Cimino 


Antiappennino Romano 
settentrionale 


Roma 


1056 


Punta Faette 


Monti Albani o Laziali 


Roma 


956 


Monte Semprevisa 


Monti Lepini o Volsci 


Roma 


1536 


Monte Petrella 


Monti Aurunci 


Caserta 


1533 


Monte Viglio 


Monti Simbruini, nel Su- 


Roma e Aquila degli 


2156 




bappennino Romano 


Abruzzi ■ 




Monte Terminillo 


Appenn. Umbro - Abruz- 
zese 
Catena Abruzzese orient. 


Aquila degli Abruzzi 


2213 


Monte Corno, del Gran Sasso 


Teramo 


2921 


d'Italia 








Monte Amaro 


La Majella 


Chieti ed Aquila degli 
Abruzzi 


2795 


Monte Velino 


Catena Abruzz. mediana 


Aquila degli Abruzzi 


2487 


Monte La Meta 


Catena Abruzzese occi- 


Caserta, Campobasso, 


2241 




dentale 


Aquila degli Abruzzi 




Monte Capraro 


Appennino Sannltico 


Campobasso 


1721 


Monte Miletto 


Subappennino Sannitico 


Campobasso e Caserta 


2050 


Monte Cervialto 


Subappennino Campano 


Avellino 


1809 


Vesuvio 


Antiappennino Campano 


Napoli 


1301 


Monte Epomeo 


Isola d'Ischia 


Napoli 


792 


Monto Sant'Angelo Tre Pizzi 


Monti Lattari 


Napoli e Salerno 


1443 


Monte del Papa 


Appennino Lucano 


Potenza 


2007 


Serra Dolccdorme 


Monte Pollino 


Cosenza 


2271 


Monte Cervati 


Monti del Cilento 


Salerno 


1899 


Pizzuto di Melfi 


Monte Vùlture 


Potenza 


1330 


Monte Calvo 


Monte Gargano 


Foggia 


1055 


Torre Disperata 


Murge 


Bari delle Puglie 


686 


Monte Pellegrino 


Appennino Calabrese set- 
tentrionale. 


Cosenza 


1986 


Botte Donato 


La Sila 


Cosenza 


1930 


Montalto 


Aspromonte 


Reggio di Calabria 


1958 


Monte Fossa Felci 


Isole Eolie (Salina) 


Messina 


962 


Pizzo di Po o 


Monti Peloritani 


Messina 


1288 


Pizzo Antenna 


Monti Nebrodi o Madonie 


Palermo 


1975 


Monte Zimmara 


Monti Erei 


Palei-mo 


1335 


Monte Làuro 


Monti Iblei 


Catania e Siracusa 


985 


Moniribello 


Etna 


Catania 


3274(1) 


Montagna Orande 


Pantelleria 


Trapani 


836 


Punta Lamarmora(2) 


Gruppo del Gennargentu 


Sassari 


1834 


Monto Cinto 


Monti di Corsica 


Corsica 


2710 



(1) Sognale posto sull'orlo meridionale del cratere, il cui fonda è a 3112 m. (Cfr. < Ann. Stat. Ital. 
irOO» pas. 7). 

(2) Crr. Riv Geoer. Ital . febbraio 1902, pascr. 124-127. 



Principali passi. 



Nome 



Montagne 


iltit. 


Comunicazione 


Pl^Tl «5TT» ir» 4 


IH B. 


tra 


e 




Alpi Giulie 
Alpi Gamiche 

11 


1 

1162 Caporetto 

(Isonzo) 
810 Pontebba (FeUa) 
1363 Tolmezzo (Ta- 

\ gliamento) 

1628 Santo Stefano di 

Comèlico 


Tarvis 

Villach (Drava) 
Mauthen (Gali) 

Innichen (Drava) 


carreggiabile 
ferrata 


Alpi e Prealpi 

Carni che 
Alpi Dolomitiche 


(Piave) 
1299 Forni di Sopra 

(Tagliamento) 
1522 Pieve di Cadore 


Lezzo (Piave) 
Cortina d'Am- 


carreggiabile 




1956 


(Fiave) 
Primiero 


pezzo (Boite) e 
Toblach 
Fiemme 


(detta d' Alle- 

magna) 
carreggiabile 



Predìl 

Sella di Tarvis 

Montecroce di Ti- 
maa 

Montecroce di Co- 
mèlico (Kreuz 
berg) 

Màuria 

Cimabanche (Im 
Gemài-k) 

Rolle 

Gli olii d'oliva della Casa P, Sasso e F.i di Oneglia sono gli unici perfetti. 



218 



Nome 


Montagne 


iltit. 


Comunicazione | 


Per stbada 


n m. 


tra 1 


e 


Pòrgine 


V 


482 


Lévico 


Trento 


carreggiabile 


Pian delle Fugazze 


Monti Lessini 


1156 Schio 


Rovereto 


r, 


Buco di Vela 


Alpi Trentine 


400 1 Trento 


Val di Sarca 




Nago 


\lpi Trentine e 
Monte Baldo 


279 Rovereto 


Riva di Trento 


lì 


Àmpola 


Monti di Val di 
Ledro 


749 Riva di Trento 


Storo (Chiese) 


- 


SantaMaria diCam- 


Gruppo di Bren- 


1642 


Tione (Sarca) 


Dimaro (Noce) 


, 


piglio 


ta e Adam elio 










Bondo 


Alpi Trentine e 
Adamello 


819 


Tione (Sarca) 


Storo (Chiese) 


— 


Campo 


Adamello 


2288 


Daone (Chiese) 


Cedègolo (Oglio) 




Tonale 


Adamello ed Or- 


1884 


Male (Val di Sole) 


Èdolo (Val Camo- 


r 




tler 


1 




nica) 


„ 


Stelvio 


Ortler 


2756 


Prad (Adige) 


Bormio (Adda) 




Bernina 


Bernina 


2334 


Samaden (Enga- 
dina) 


Tirano (Valtelli- 
na) 


— 


Muretto 


Bernina 


2557 


Casaccia (Val 
, Bregaglia) 


Sondrio (Valtel- 
lina) 


carreggiabile 


Aprica 


Alpi Bergama- 


1181 


Edolo (Val Camo- 


Tresenda (Val- 


„ 




sche 




nica) 


tellina) 




San Marco 


- 


1998 


Morbegno (Val- 
tellina) 


Piazza Bremba- 
na (Brembo) 


" 


Maloggia 


Alpi Rètiche 


1811 


Silvaplana(Enga- 
dina) 


Chiavenna(Mera) 


« 


Spinga 


" 


2117 


Chiavenna(Mera) 


Splùgen (Reno 
Posteriore) 


" 


San Bernardino 


Alpi Leponzie 


2063 


Splùgen (Reno 
Posteriore) 


Bellinzona (Tici- 
no) 


n 


Liikmanier fLuco- 


t) 


1917 


Belli nzona (Tici- 


Disentis (Reno 




magno; Santa 






no) 


Anter.) 


r, 


Maria) 










« 


San Gottardo 


„ 


2093 


Andermatt (Rciiss) 


Airolo (Ticino) 




Sempione 


Alpi Leponzie e 2010 


Brieg (Rodano) 


Domodossola 


— 




Pennine 






(Toce) 




San Teodulo (Mat- 


Alpi Pennine 


3322 


Zermatt 


Valtournanche 


mulattiera (sul 


ter Joch) 










passo) 


Gran San Bernardo 


" 


2467 


Aosta (Dora Bai- 
tea) 


Martigny 
(Rodano) 


mulattiera 


Ferret 


Alpi Pennine e 


2543 


Courmayeur (Val 


Martigny 


carreggiabile 




Monte Bianco 




d'Aosta) 


(Rodano) 




Piccolo San Ber- 


Alpi Graie 


2158 


Aosta (Dora Bai- 


Moutiers (Isère) 


• 


nardo 






tea) 






Moncenisio 


" 


2084 


Susa (Dora Ripa- 
ria) 


Lanslebourg 
(Are) 


~ 


Asslette 


Alpi Cozzie 


2472 


Exilles (Dora Ri- 
paria) 


Fenestrelle (Chi- 
sone) 


carreggiabile 


Sestrières 


« 


2021 


Cesana (Dora) 


Fenestrelle (Chi- 
sone) 


" 


Monginevra 


n 


1854 


- 


Brian<;on 
(Durance) 


• 


Maddalena o del- 


Alpi Cozzie e Ma- 


1996 


Cùneo (Stura) 


Barcelonnette 




l'Argenterà o de 


rittime 






(Ubaye) 


, 


L arche 












Tenda 


Alpi Marittime e 


1909 


Limone Piemon- 


Tenda (Roia) 






Liguri 




te (Vermeua- 
gna) 




1» 


Nava 


Alpi Liguri 


937 


Ormea (Tanaro) 


Oneglia 


n 


San Bernardo 


^ 


912 


Garessio(Tànaro) 


Albenga (Centa) 




Cadibona o d'Al- 


Alpi Liguri e Ap- 


495 


.Càrcare (Bormi- 


Savona 


o 


tare 


pennino Ligure 




da orientale) 






Masone o del Tur- 


^ 


532 


Voltrl 


Ovada (Orba) 


T 


chino 










„ 


Bocchetta 


^ 


777 Genova 


Novi Ligure 


, 


Giovi 


n 


472! 


, 


— 


^coflFèra 




678' 


Bobbio (Trebbiai 




' onte Croci 


^ 


1053, Varese Ligure 


Borgotaro (Taro) 


carreggiabile 








! (Vara) 







Gii olii d'oliva della Casa P. Sasso e F.< di Oneglia sono gii unici perfetti. 



219 



Nome 


Montagne 


lltit. 


Comunicazione 


Per strada 


in B. 


tra 


e 


Cisa 


Appennino Ligu- 


1041 


Pontremoli (Ma- 


Parma 


n 




re e Appenni- 




gra) 




n 




no Tosco-Emi- 












liano 










Cerreto 


Appennino To- 


1261 


Aulla (Magra) 


Reggio nell'Emi- 


— 




sco-Emiliano 






lia 


• 


San Pellegrino 


" 


1528 


Castelnuovo di 
Garfagnana 


Modena 


— 


Abelone 


n 


1388 


Pistoia 


Modena 


carreggiabile 


torretta o Speda- 


« 


932 


„ 


Bologna 


f) 


letto 












Futa 


, 


903 


Firenze 


„ 


„ 


Firenzuola 


„ 


879 


„ 


Imola 


^ 


Marradi o Gasagli . 


^ 


908 


^ 


Faenza 


^ 


San Godenzo 


TI 


1206 


„ 


Forlì 


^ 


Mandrioli 




1180 


Bibbiena fArno) 


Bagno di Roma- 
gna (Savio) 


" 


Bocca Trabaria 


Appennino To- 


1100 


Borgo San Sepol- 


Urbania 


fi 




sco-Emiliano e 




cro (Tevere) 


(Metauro) 






Appenn. Um- 












bro-Marchi- 












giano 










Soglia di Scheggia 


Appenn. Umbro- 
Marchigiano 


590 


Gubbio 


Cagli (Burano) 


(Via Flaminia) 


Fossato o di Fa- 


^ 


800 


Fabriano (Eslno) 


Foligno (Topino) 


carreggiabile e 


briano 










ferrata 


Collìorito 


, 


828 


Foligno (Topino) 


Camerino 


carreggiabile 


Appennino 


^ 


815 


Visso (Nera). 


Valle del Chienti 


— 


Torri ta 


^ 


1000 


Valle del Velino 


Valle del Tronto 


carreggiabile 


Aringo 


Abruzzi 


1013 


Valle del Tronto 


Valle dell'Aterno 


^ 


Arischia o della 


r 


1264 


Valle dell'Aterno 


Valle del Vomano 


„ 


Lama 












Pian di Cinquemi- 


_fl 


1287 


Solmona 


Isernia 


ferrata 


glia 












Sella di Corno 


^ 


1000 


Aquila 


Rieti 


» 


< )vìndoli 


„ 


1031 


Avezzano 


Aquila 


carreggiabile 


Forca Caruso 


^ 


1102 


^ 


Pòpoli 


, 


Ilionero o Foce d; 


Appennino San- 


1020 


Aquila 


isernia 


„ 


Forli 


nitico 










Pettoranello o d: 


„ 


735 


Valle del Biferno 


Valle del Vol- 


^ 


Sant' Erasmo 








turno 




Vinchiaturo 


^ 


900 


Benevento 


Campobasso 


ferrata 


Ariano o di Mon- 


^ 


600 


^ 


Foggia 


^ 


tecalvo 












Solla di Conza 


Appennino San- 
niti co e Appen- 
nino Lucano 


699 


Caposale 


Conza della Cam- 
pania 


" 


l'ian di Santa Loja 


Appennino Lu- 
cano 


820 


Salerno 


Potenza 


ferrata 


Campotenese 


„ 


965 


Mormanno 


Castrovillari 


carreggiabile 


Scalone 


Appennino Lu- 


744 


Belvedere Marit- 


Valle dell'Èsaro 


— 




cano e Appen- 




timo 


(Crati) 






nino Calabrese 










San Fili 


Appennino Cala- 
brese 


950 


Cosenza 


Paola 


— 


Pian del Lago 


„ 


627 


^ 


Catanzaro 


carreggiabile 


Soglia di Marcelli- 


„ 


251 


Golfo di Santa 


Golfo di Squil- 


^ 


nara 






Eufemia 


lace 




Mercante 


' 


771 


Gerace 


Palmi 


— 



fi 



jock:ey-sayon 

Pasta neutra e sovrana, profumo inimitabile, conserva la pelle morbida e vel- 
lutata. Costa L. 0,65 il pezzo — L. 1.95 la scatola di 3 pezzi. Per la posta _ 
cent. 25 in più. - 4 scatole L. 7,80 franche in Italia. — Deposito generale ■ 
da MIGONE e C, Milano, via Torino, 12. £ 



ri 

;tal 



220 — 



P 
O 


1 1 




•3) s |.Ì^.i 

-0' .« ^ - « .:- T3 - W 

2-^ 2^'2^2i2 

OJ 30 00 M 


o 


Gallinaria I 

Bergeggi (Gallinaria II) 

Palmaria (l.ga kmq.) 

Tino 

Tinetto 

Gorgona (2,3 kmq.) 

Capraia (19, 5 kmq.) 


Glraglia 

Gargalo 

Isole Sanguinarie 

Cavallo 

Lavezzi 

Razzoli 

Budelli 

Santa Maria 

Sparagi (4,, kmq.) 

La Maddalena (20 kmq.) 

Caprera (Iti kmq.) 

Santo Stefano (.'3 kmq.) 

Mortorio 




o 


Nizza 

Villafranca 

Mentono 

Porto Maurizio 

Oneglia 

Savona 

Genova 

Rapallo 

Spezia 

Livorno 




Portovecchio 

Bastia 

Calvi 

A laccio 

Bonifacio 

Porto Torres 
Alghero 
Portovesme 
Carloforte 
Cagliari 

Terranova Pau- 
sania 


"S 

o 
a: 


Golfo di Nizza 

Rada di Villafranca 

Golfo di Genova 
Golfo di Rapallo 

Golfo di Spezia 
Golfo di Piombino 




Golfo di San Fiorenzo 
Golfo di Porto 
Golfo di Sagone 
Golfo d'Aiaccio 
Golfo di Valinco 
Golfo di Santa Manza 

Golfo diPortoveechio 

Bocche di Bonifacio 

(12 km.) 
Golfo dell'Ai^inara 
Porto Conto 
Golfo d'Ori.stano 
Golfo di Palmas 
Golfo di Cagliari 
Golfo di Orosoi 
Golfo dogli Aranci 
Golfo di Congianus 


N 

o 
o 

Oh 
00 


Penisola di San Gio- 
vanni col Capo di 
Sant'Ospizio 

- di San Martino 

Capo delle Mele 
Capo di Noli 

Penis. di Portofino 

Penisola di Spezia 

Promont. di Piom- 
bino (28(im) 




Penisola del Capo 

Corso 
Punta Revellata 
Capo Turghio 
Capo di Fino 
Capo Muro 
Punta d'Eccica 

Capo Pertusato 

Capo Testa 

Punta del Falcone 
Capo dell'Argen- 
tiera 
Capo Caccia 
Capo Marragiu 
Capo Manna 
Capo San Marco 
Capo Frasca 


o 

Se 
^^ 

"> = 

co' 


t- .-1 

kS -* t- 
CO rH 


t- 


« i 1 


•< 
o 


Dal Varo al confine 
(costa francese) 

Dal confine ad Avenza 

Da Avenza a Follo- 
nica 




Corsica 
Sardegna 


P 


3 
3 


3 
£ 




É 
s 

1 

li 



221 



52 

o 2 6* 
5 al 



'5)'*< *^ 



•^ 2 



Sé- 



S f< 



S.5 -^=^ 



o 

' — u-^ i. 

?, "^ - 

o 2 5 









^ «3 

a 3 



^ ^ »-r 2 
S •« ^ S - 

rt .^ ci »5 f-l 4) T" 
"o CS . "S «1 ^ -S 



rt e8 O o ci S r~^ 



é5 



3 3 o g o 
= i2 1^ .§ -S 

O c3 O *" O 



e o 5.5 


1 


h O c3 O 


•^ S 


i^%> 


"o .« ^ -^ o 


o o^H e 


aeta 
ozzu 
apol 
istel 
Stai 
aleri 


fea.So<: 


C &4 Z ^^' ce- 







oé Ss" 




4 


















2 






Gaeta 

Napoli 
Salerno 
Policast 
Sant'E 

Gioia 
diMess 
3 '/g km. 
e Tirren 
3 Jonio) 




1 
< 




,3 

o 

1? 




n 




5 


^5^5"^ ;5 0-5:3 ^ 










^ •£ --2 -5 £ •- .2 « -^ 
ooo'oo S'S^S-:;^:^ 
























o 




:r 




e 


e -j e e e e oc 





Capo Teulada 
Capo Spartivcnto 
Capo di PnIa 
Capo iSanfElia 
Capo Carbonara 
Capo Ferrato 
Capo Sferracavallo 
Capo Bellavista 
Capo Cornino 
Capo Coda Cavallo 
Capo Figari 
Capo Ferro 
Punta Falcone 




Punta della Troia 
Promontorio del 

Monte Ai-genta- 

rio (essm) 

Capo della Vita 
Capo Calamita 
Capo d'Enfola 
Capo Linaro 
Capo d'Anzio 
Monte Circeo (54 In'j 

Penisola di Gaeta 
Penisola del Capo 

Miseno 
Penisola Sorrenti- 
na, colla Punta 
Campanella 
Punta Licosa 
Punta Palinuro 
Capo Vaticano 






2 


S Sii 








Da Follonica al Chia- 
rone 

Isola d'Elba 

Dal Chiarone al Fosso 
del Canneto (emis- 
sario occidentale 
del Lago di Fondi) 

Dal Fosso del Canne- 
to a Torre Scilla 









e 

i— 

1 





222 



m 

a 

< 








1 


Stromboli (13 kmq.) 

(Eolie) 
Basiluzzo (Eolie) 
Lisca Bianca (Eolie) 
Panaria (3,4 kmq.) 

(Eolie) 
Salina (27 kmq.) (Eolie) 
Lipari (38 kmq.) (Eolie) 
Vulcano (21 kmq.) 

(Eolie) 
Filicudl (9,5 kmq.) 

(Eolie) 
Alicudi (5,o kmq.) 

(Eolie) 
Ustica (8,6 kmq.) 
Marittimo (13 kmq.) 

(Egadi) 
Levanzo (6 kmq.) 

(Egadi) 
Favignana (19 kmq) 

(Egadi) 
Stagnone (5,^ kmq.) 

(Egadi) 
Pantelleria (83 kmq.) 
Porri 
Correnti 
Vendicar! 

Ciclopi 




é'à' 

s a 

'=* ^^' 
S o" 

li' 


N 

1 


O 


Messina 

Milazzo 

Cefalù 

Termini Imerese 

Palermo 

Castellammare 

del Golfo 
Trapani 
Marsala 

Mazzara del Vallo 
Pantelleria 

Sciacca 

Porto Empedocle 

Licata 

Terranova 

Scoglitti 

Siracusa 

Augusta 

Catania 
Riposto 




Ti 

lì 
> 




§2 

'3 o 9 

C30 






§ 

OD 


Capo Schisò 
Capo Sant' Andrea 

(Taoi-mina). 
Capo Sant'Alessio 
Braccio di San Rai- 
neri (Messina) 
Capo del Faro 
Capo Rasocolmo 
Capo di Milazzo 
Capo Tindaro 
Capo Calava 
Capo d'Orlando 
Capo ZafiFarano 
Capo di Gallo 
Capo San Vito 
CapoBoeooLilibco 
Capo Granitola 

Capo San Marco 

Punta Bianca 

Capo Scaramania 

Capo Passero 

Penisola della Mad- 
dalena e Capo 
Murro di Porco 

Penisola Magnisi 

Capo Santa Croce 

Capo Molini 






o 
SÉ 

r/3 


S 5 S 


o 


f, 


H 
O 
O 

n 

i 

EH 


Dall'Alcantara a Por- 
to Palo 

Da Porto Palo sino 
a 7 km. al a daUix 
foce del Simeto 

Da 7 km. al 5 della 
foce del Simeto al- 
l'Alcantara 








3 


Mari Tirreno, Afri- 
cano e Jonio in- 
torno alla Si- 
cilia 




5 

V 

cs 

2 



223 



i5 3" 



? 

il 






c8 SS _ 



02 o; t; 



"- a »J "TT B ^ e 
o .2 o ^ o .2 o .i 



X 1^ 



!|2|i^ 



! 2 S^ o_ 

J 02 02 a Oi UH 



._ H N -i a< j ■r' 

oa52HMcS5H:flS>s; 







stretto di Messina 

Golfo di Squillace 
Golfo di Taranto 
Canale d'Otranto 
(73 km.) 




C 

i-i 

^? 

"3-5 

sì 






Capo dell'Anni 
Capo Spartivento 
Capo ^ruzzano 
Punta di Slaletti 
Capo Rizzato 
Capo Cimiti 
Capo Colonne 
Punta dell'Alice 
Punta Fiumenica 
Capo Trionto 
capo Spulico 
Capo San Vito 
Capo dell' Ovo 
Punta del Pizzo 
Punta liistola 
Capo Santa Maria 

di Lcuca 
Punta Mucurune 
Capo d'Otranto 




Punta San Cataldo 
di Lecce 

Punta della Con- 
tessa 

Capo Cavallo 

Capo Gallo 

Punta San Cataldo 
di Bari 

Penisola del Gar- 
jjano, con Testa 
del Gargano 




Ci 


1 


g2 


o 






"3 

il 

o 




■5 

1 
O 

Ì2 






5 

e 
o 

i 




o 
o 

1 

S 

1 



224 — 



p 

e 

■< 
Hi 


Valli di Comacchio 

(433 kmq.) 
Laguna di Chioggia 
Laguna di Venezia 
Laguna di Caorle 
Laguna di Marano 

Lagune di Grado 






1 


Lido di Pellestrina 
Lido di Malamocco 
Lido di Sant'Erasmo 

Isole Brioni (7,i kmq.) 






N 
55 
-<! 
K 
H 


r 
^ 


Termoli 

Ortona 

Ancona 

Rimini 

Porto Corsini 

Chioggia 

Venezia 

Trieste 

Muggia 

Capo d'Istria 

Plrano 

Cittanuova 

Parenzo 

Rovigno 

Fola 

Fiume 






e 

00 


Golfo di Venezia 

Golfo di Trieste 
Quarnero 






oc 


Punta della Penna 
Monte Conerò 

(572>") 
Punta d'Ancona 
Delta del Po 

Penisola d'Istria 
con Capo Pro- 
raontore 






o 

li 


5 ^ 

5© O 


2 




o 

t< 
1-1 


H 
H 

•< 

a 

H 


Dal Fortore all'Ausa 
(confine austriaco) 

Dall'Ausa alla Regina 
(Fiume) 




Isole minori apparte- 
nenti al Regno di 
Italia 

Coste della Regione 
Italiana 

cos^ divise: 

del Regno d'Italia 
di cui nella parte con- 
tinentale 
nella parte peninsu- 
lare 
nella parto insulare 
fuori del Regno di 
Italia 













Confini terrestri del Regno d'Italia. 

km. 

1. Frontiera francese 487 

2. - svizzera 672 

3. „ austriaca 779 

Totale 1938 

(Devonsi aggiungere 37,8 ^^^ di frontiera della Repubblica di San Marino). 

Fiumi. 

Fiumi navigabili e, tra i non navigabili, quelli che hanno un corso di più di 250 I-m 

(più di 100 km per Sicilia e Sardegna). 

Italia continentale e peninsulare. 



Tagliamento 
Livenza 
Piave 
Brenta 

Bacchiglione 

Fratta - Gor- 

zone 
Adige 

Po 



Affluenti del 
Po: 

Tànaro (di 
destra) 

'"; 'ino (di si- 
nistra) 
iiia (di si- 
nistra) 

Oglio (di si- 
nistra 

Saroa-Mincio 
(di sinistra) 

^f^cchia (di 
lastra) 
maro (di 
destra) 

Reno 

Arno 
Tevere 



Sotto il Varco di Mau- 
ri a 

Lago Santissima pres- 
so Polcenigo 

Monte Paralba 

Laghi di Caldonazzo 
e di Lèvico al Passo 
di Pòrgine 

Presso Nuvoledo (Vi- 
cenza) 

Presso Montebello ai 
Monti Berici 

A N di Reschen 



FOCE O SBOCCO 



Mare Adriatico -Porto del 
Tagliamento 

Mare Adriatico - Porto 
di Santa Margherita 

Mare Adriatico -Porto di 
Cortellazzo 

Laguna di Chioggia a Con- 
che 

Laguna Veneta al Forte 

di Bróndolo 
Mare Adriatico al Forte 

di Bróndolo 
Mare Adriatico - Porto 

Fossone 



Piano del Re a JV del Mare Adriatico tra Chiog- 
Monte Viso già e Cornacchie 



Monte Saccarello 



Fiume Po ad Alluvioni 

Cambiò 
Fiume Po alla Becca 



Ghiacciaio del Gries 

horn 
Tra il Monte Scala ed \ Fiume Po a Porto Stanga 

il Monte del Ferro 



Punta Ercavallo pres- 
so al Como dei tre 
Signori 

Vedretta di Mandron 
nel gruppo dell' A- 
damello 

Monte Casarola 

Monte Rondinaio 



Prnneta presso al 
Passo delle Piastre 
Monte Falterona 

Poggio delle vene del 
Tevere 



Fiume Po a Scorzaro so- 
pra Borgoforte 

Fiume Po a ponente di 
Sacchetta, di contro a 
Breda 

Fiume Po a valle di Breda 

Fiume Po a mezzodì di 
Stellata 

Marc Adriatico presso a 
Primaro 

Mare Mediterraneo a li- 
beccio di Pisa 

Mare Mediterraneo a li- 
beccio di Ostia 



J 


Altitadine 

(metri) 

della 

sorgente 


170 


1203 


115 


29 


220 


2198 


160 


449 


113 


43 


125 


58 


410 


1571 


672 


2041 


276 


2100 


248 


2400 


313 


2233 


280 


2621 


194 


3100? 


157 


1430 


166 


1167 


220 


1130 


248 


1358 


403 


1266 



province 
bagnate 



Udine, Venezia 

Udine, Treviso, 
Venezia 

Belluno, Treviso, 
Venezia 

Trentino (Val Su- 
gana), Vicenza, 
Padova, Venezia 

Vicenza, Padova, 
Venezia 

Vicenza, Verona, 
Padova, Venezia 

Tirolo, Trentino, 
Verona, Padova, 
Rovigo, Venezia 

Cuneo, Torino, No- 
vara, Alessan- 
dria, Pavia, Pia- 
cenza, Milano, 
Parma, Reggio 
nell'Emilia, Cre- 
mona, Mantova, 
Rovigo, Ferrara 

Por. Maurizio, Cu- 
neo, Alessandria 

Cant.Ticino, Nova- 
ra,Milano, Pavia 

Sondrio, Como, 
Bergamo, Mila- 
no, Cremona 

Brescia, Bergamo, 
Cremona, Man- 
tova 

Trentino, Verona, 
Mantova 

Reggio Emilia, Mo- 
dena, Mantova 

Modena, Bologna, 
Ferrara 

Firenze, Bologna, 

Ferrara 
Arezzo, Firenze, 

Pisa 
Firenze, Arezzo, 

Perugia, Roma 
15 



— 226 — 



NOME 


SORGENTE 


FOCE SBOCCO 


J 


Altitudine 
(inetri) 
della 

sorgente 


PROVINCE 
BAGNATE 


Liri-Gari- 


Monte Arunzo presso 


Mare Tirreno presso al 


158 


1100 


Aquila degli Abr., 


gliano 


a Cappadocia 


Pantano di Sessa 






Roma, Caserta 


Volturno 


Monte della Rocchet- 


Mare Tirreno a libeccio 


175 


548 


Campobasso, Ca- 




ta a Capo Volturno 


di Castelvolturno 






serta, Benevento 


SICILIA 




Simeto (an- 


Monte Sori 


Mare Jonio a <S di Ca- 


IIG 


1700 


Messina, Catania 


che Giar- 




tania 








retta dalla 












sua con- 












fluenza col- 












la Gorna- 












lunga) 












Dittamo {Af- 












fluente del 












Sitneto) 


Monte di Mezzo 


Al Passo del Cavaliere 


110 


750 


Caltanissetta, Ca- 
tania 


Imera Meri- 


Fra il Pizzo Cerasa e 


Mare Africano a Licata 


144 


1200 


Palermo, Caltanis- 


dionale o 


il Pizzo San Gior- 








setta, Girgenti 


Salso 


gio 










Platani 


Pi-esso a Santo Ste- 


Mare Africano a Capo 


110 


700 


Palermo, Caltanis- 




fano Quisquina 


Bianco 






setta, Girgenti 


SARDEGNA 




Flumendosa 


Monti Allori 


Mare Mediterraneo a Por- 
to Corallo 


122 


1270 


Cagliari 


Tirso 


Punta Pianed